LEGGE DEL 3 FEBBRAIO 2012 SUL LAVORO
 

In Repubblica Ceca

LEGGE DEL 3 FEBBRAIO 2012 SUL LAVORO

Modifica”LEGGE del 3 febbraio 2012 sul lavoro”

LEGGE del 3 febbraio 2012 sul lavoro

il codice civile

Il Parlamento ha risolto questa legge della Repubblica ceca:

PARTE PRIMA

PARTE GENERALE
TITOLO I

SOGGETTO DI ADATTAMENTO EI SUOI ​​PRINCIPI DI BASE
Parte 1

Diritto privato
§ 1

(1) Le disposizioni dell’ordinamento giuridico che disciplinano i reciproci diritti e doveri delle persone costituiscono nella loro interezza un diritto privato. L’applicazione del diritto privato è indipendente dall’applicazione del diritto pubblico.

(2) Salvo che la legge lo proibisca espressamente, le persone possono imporre diritti e obblighi in deroga alla legge; vietato dalle disposizioni di buona morale, ordine pubblico o diritto riguardante lo status delle persone, incluso il diritto alla protezione della personalità.

  • 2

(1) Le eventuali disposizioni di diritto privato possono essere interpretati solo in conformità con la Carta dei diritti fondamentali e delle libertà e l’ordine costituzionale in generale, i principi che sono alla base di questa legge, così come costante attenzione ai valori che essa protegge. Se l’interpretazione di una disposizione individuale, solo secondo le sue parole con questo comando, deve ritirarsi.

(2) La disposizione legale non può avere un significato diverso da quello che deriva dal significato stesso delle parole nel loro reciproco contesto e dalla chiara intenzione del legislatore; ma nessuno può contare sulle parole di una legge contro il suo significato.

(3) L’interpretazione e l’applicazione della legge non devono essere in conflitto con buoni costumi e non devono portare a crudeltà o disprezzo per i normali sentimenti umani.

  • 3

(1) Diritto privato protegge la dignità e la libertà dell’uomo e la sua naturale diritto di prendere la propria felicità e la felicità della sua famiglia o di persone vicine a lui in un modo che non si indebitamente gli altri danno.

(2) Il diritto privato si basa principalmente sui principi che

(a) Ogni individuo ha diritto alla protezione della propria vita e salute, nonché della libertà, dell’onore, della dignità e della privacy,

(b) famiglia, genitorialità e matrimonio godono di una speciale protezione legale,

  1. c) nessuno deve subire un indebito danno a causa della sua mancanza di età, ragione o dipendenza; ma nessuno deve irragionevolmente beneficiare della propria incapacità a scapito degli altri,

(d) l’impresa promette e i contratti devono essere soddisfatti,

  1. e) i diritti di proprietà sono protetti dalla legge e solo la legge può determinare in che modo sorgono i diritti di proprietà e cessare, e
  2. f) nessuno può negare ciò che è giusto per lui.

(3) Il diritto privato emerge anche da altri principi generalmente riconosciuti di giustizia e diritto.

  • 4

(1) Resta inteso che ogni persona ha il proprio vero senso della persona media la possibilità di utilizzare con cura ordinaria e diligenza e che ciascuna delle transazioni giuridiche può ragionevolmente previsto.

(2) Lo fa se la legislazione di uno specifico effetto dipendente dalla propria conoscenza, ha la conoscenza in mente, come si vedrà più caso persona ragionevolmente competente, considerando le circostanze che doveva essere nella sua posizione chiara. Ciò si applica allo stesso modo se l’ordine legale combina un determinato risultato con l’esistenza del dubbio.

  • 5

(1) Chiunque pubblicamente o in contatto con un’altra persona accede a una prestazione professionale come membro di una professione o di stato, rende chiaro che è in grado di agire con la conoscenza e la cura che è la sua professione o lo stato della connessione. Se è privo di questa cura professionale, è il suo fardello.

(2) Contro la volontà delle parti interessate non possono mettere in discussione la natura o la validità delle azioni legali, perché ha agito uno che ha alle sue attività necessarie autorizzazioni o ai quali è vietata l’attività.

  • 6

(1) Ognuno ha il dovere di agire onestamente nei rapporti giuridici.

(2) Nessuno trarrà profitto dalla sua azione disonesta o illecita. Nessuno deve trarre profitto dallo stato illegale che ha causato o da cui ha il controllo.

  • 7

Si crede che colui che ha agito in un certo modo abbia agito onestamente e in buona fede.

Sezione 8

L’abuso di diritti apparente non implica la protezione legale.

Parte 2

Uso di disposizioni di diritto civile
§ 9

(1) Il codice civile regola lo status personale delle persone.

(2) I diritti e gli obblighi privati ​​di natura personale e di proprietà sono regolati dal Codice Civile nella misura in cui non sono regolamentati da altre leggi. Le abitudini possono essere viste quando invocano la legge.

  • 10

(1) Se una causa legale non può essere decisa sulla base di una disposizione esplicita, deve essere valutata in conformità con le disposizioni relative al caso legale per quanto riguarda il contenuto e lo scopo della situazione giuridica più vicina considerata.

(2) Se le disposizioni esaminano il caso legale in conformità con i principi di giustizia e dei principi che sono alla base di questa legge, in modo da arrivare per quanto riguarda i costumi della vita privata, tenendo conto dello stato di dottrina e prassi decisionale costante della buona disposizione dei diritti e obblighi.

  • 11

Le disposizioni generali sulla creazione, modifica e risoluzione dei diritti e degli obblighi derivanti dagli obblighi della parte quarta del presente atto si applicano mutatis mutandis alla creazione, alla modifica e alla risoluzione di altri diritti e obblighi privati.

Parte 3

Protezione dei diritti privati
§ 12

Chiunque si senta meno dei propri diritti può chiedere protezione ad un’autorità pubblica (in seguito denominata “autorità pubblica”). Salvo diversa indicazione nella legge, questa autorità è un’autorità pubblica.

  • 13

Chiunque cerchi protezione giuridica può ragionevolmente aspettarsi che il suo caso sarà determinato allo stesso modo di qualsiasi altro caso legale che sia già stato deciso e che corrisponda alla sua causa legale in termini sostanziali; a meno che non venga decisa una causa legale, chiunque cerchi protezione giuridica ha diritto a una spiegazione convincente del motivo di tale deroga.

  • 14

Auto aiuto
(1) Ognuno può ragionevolmente aiutare i propri diritti se il suo diritto è compromesso e se è ovvio che l’intervento delle autorità pubbliche è troppo tardi.

(2) In caso di sconfinamento in legge immediatamente, può essere chiunque sia così minacciato, deviare sforzi e risorse che una persona nella sua posizione dovrebbe apparire date le circostanze del caso. Diretto, di auto-aiuto, se non altro per garantire i diritti, che altrimenti sarebbe sprecato, deve essere colui che ha fatto un passo fino ad esso, andare senza indugio all’autorità pubblica competente.

TITOLO II

PERSONE
Parte 1

Disposizioni generali
§ 15

(1) La personalità giuridica è la capacità di avere diritti e doveri nell’ambito dell’ordine legale.

(2) L’ autenticità è la capacità di acquisire diritti legali per se stessa e di obbligare (legalmente) ad agire.

  • 16

Nessuno può rinunciare in parte alla personalità giuridica o all’autorità; se è così, non viene preso in considerazione.

  • 17

(1) I diritti possono essere esercitati ed esercitati solo da una persona. L’obbligo può essere imposto solo a una persona e l’esecuzione può essere eseguita solo nei suoi confronti.

(2) Quando una persona stabilisce il diritto o impone l’obbligo alla persona che non lo è, il diritto o l’obbligo deve essere aggiunto alla persona che, a seconda della natura della causa legale.

  • 18

La persona è fisica o legale.

  • 19

(1) Ogni persona ha diritti naturali innati, sensibili e sensibili e quindi è considerata una persona. La legge stabilisce limiti all’applicazione dei diritti umani e al modo in cui sono protetti.

(2) I diritti naturali associati alla personalità di una persona non possono essere alienati e non possono essere arresi; se lo fa, non sarà preso in considerazione. Né saranno considerati tali da limitare tali diritti in misura contraria alla legge, ai buoni costumi o all’ordine pubblico.

  • 20

(1) Una persona giuridica è un organismo organizzato, che la legge stabilisce che abbia una personalità giuridica o la cui personalità giuridica sia riconosciuta dalla legge. Una persona giuridica può, indipendentemente dall’oggetto delle sue attività, avere diritti e doveri compatibili con la sua natura legale.

(2) Le persone giuridiche di diritto pubblico sono soggette alle leggi in base alle quali sono state stabilite; le disposizioni della presente legge si applicano solo se è compatibile con la natura giuridica di tali persone.

  • 21

Diventare una persona giuridica nel settore del diritto privato. Un altro regolamento legale determina come lo stato agisce legalmente.

  • 22

(1) Un parente stretto è un parente in una linea diretta, un fratello e un coniuge o un partner ai sensi di un’altra legge che disciplina un’unione registrata (di seguito “il partner”); altre persone in una famiglia o un rapporto simile sono considerate vicine l’una all’altra se il danno subito da uno di loro è ragionevolmente sentito dall’altro a scapito del proprio. Si ritiene che le persone a loro vicine siano anche persone che sono in procinto di vivere o che vivono stabilmente insieme.

(2) stabilisce la legge di tutela dei terzi, condizioni o restrizioni specifiche per il trasferimento di attività al carico o l’abbandono di utilizzare un altro tra le persone collegate, le seguenti condizioni e restrizioni per i negoziati giuridici simili tra l’entità legale e membro del suo organo di governo o che ha un’influenza sostanziale su una persona giuridica come membro o su un accordo o altra questione.

Parte 2

Persone fisiche
Sezione 1

Disposizioni generali
Sezione 23

L’uomo ha una personalità giuridica dalla nascita alla morte.

Sezione 24

Ognuno è responsabile delle proprie azioni se devono giudicarli e controllarli. Chiunque, per sua stessa colpa, si rechi in uno stato in cui non sarebbe altrimenti responsabile delle sue azioni è responsabile di agire in quello stato.

  • 25

Il bambino concepito è visto come se fosse già nato, se si adatta ai suoi interessi. Si ritiene che il bambino sia nato vivo. Ma se non vive, li guarda come se non fosse mai stato.

  • 26

Prova di morte
(1) La morte di una persona deve essere provata da uno strumento pubblico rilasciato dopo l’esame del corpo morto in un modo prescritto.

(2) Se il corpo dei morti non può essere ispezionato nel modo prescritto, deve dichiarare all’uomo una persona morta e, naturalmente, un giudizio, se una persona è stata coinvolta in tale evento, che la sua morte nelle circostanze sembra essere certa. Nella sentenza, il giudice determina il giorno del giorno della morte.

  • 27

Se le conseguenze legali dipendono dal fatto che una persona sia sopravvissuta a un’altra persona, e se non è sicuro quale sia morto per primo, si ritiene che tutte siano morte contemporaneamente.

  • 28

(1) Se non si sa dove una persona è morta, si crede che sia successo dove è stato trovato il suo corpo.

(2) Il luogo in cui una persona dichiarata morta è morta deve essere il luogo in cui ha vissuto l’ultima volta in vita.

Sezione 29

Cambia genere
(1) Il cambiamento nel sesso di una persona avviene per intervento chirurgico e contemporaneamente impedisce la funzione riproduttiva e la trasformazione degli organi sessuali. Si presume che la data del cambio di sesso sia la data indicata nel certificato rilasciato dal fornitore di servizi sanitari.

(2) Il cambiamento di sesso non influisce sullo stato personale dell’uomo, nè sua situazione personale e finanziaria; matrimonio o unione registrata, tuttavia, scade. Gli obblighi ei diritti di uomini e donne il cui matrimonio cessato di esistere, il figlio comune e dei loro diritti di proprietà e gli obblighi nel periodo dopo lo scioglimento del matrimonio si applica mutatis mutandis, sugli obblighi e diritti dei genitori divorziati di un bambino e dei loro diritti di proprietà e gli obblighi nel periodo dopo il divorzio; il giudice decide, anche in assenza di una proposta, così come ogni futura madre di una cura dei bambini comune.

  • 30

maggioranza
(1) L’ uomo completamente giusto diventa un’età. L’età diventa l’età di diciotto anni.

(2) Fino alla maggiore età, la piena autorità è acquisita dall’autorità conferente o dal matrimonio. L’autenticità acquisita dal matrimonio non viene persa né dalla scadenza del matrimonio né dall’annullamento del matrimonio.

minori
§ 31

Resta inteso che ogni minore che non ha acquisito piena capacità giuridica può beneficiare degli atti normativi in ​​natura adeguate minori maturità mentale e morale della sua età.

  • 32

(1) Assegnato quando il tutore legale di un minore che non ha acquisito piena capacità giuridica, in conformità con i costumi della vita privata, accetta di alcuni procedimenti legali o per raggiungere un determinato scopo, è minore in grado in sé legalmente acconsentire ad agire, se non è espressamente vietato dalla legge; il consenso può essere successivamente limitato e ritirato.

(2) Se i rappresentanti legali sono più, è sufficiente che almeno uno di loro abbia una volontà contro una terza persona. Tuttavia, se c’è più di una persona in opposizione l’una all’altra, e se non sono d’accordo, nessuna di queste sarà presa in considerazione.

  • 33

(1) concede se il tutore legale di un minore che non ha acquisito piena capacità giuridica, il consenso al funzionamento indipendente dello stabilimento di lavoro o altro impiego simile, diventa idoneo per atti minori che sono associati a questa attività. È richiesto un tribunale per far rispettare il consenso.

(2) Il consenso del tribunale sostituisce la condizione di una certa età, se è determinato a svolgere un’attività economica altre normative.

(3) Il consenso può essere ritirato dal rappresentante legale solo con l’ammissione del tribunale.

Sezione 34

È vietato il lavoro dipendente di minori di età inferiore a quindici anni o minori che non hanno completato l’istruzione obbligatoria. Questi minori possono svolgere solo attività artistiche, culturali, pubblicitarie o sportive alle condizioni stabilite da un altro regolamento legale.

Sezione 35

Un minore che abbia compiuto quindici anni può impegnarsi a svolgere un lavoro dipendente in base ad un altro regolamento legale. Nessun giorno prima del giorno di inizio del lavoro sarà il giorno che precede il giorno in cui il minore cessa di frequentare la scuola dell’obbligo.

Sezione 36

Minore che non ha acquisito piena capacità giuridica, mai, a prescindere dal contenuto di altre disposizioni in grado di agire in modo indipendente in queste materie, a cui e il suo rappresentante legale necessario il consenso della corte.

Sezione 37

Riconoscimento di autenticità
(1) La proposta, se un minore che non è Juris pienamente sui alla sua corte concessa la capacità giuridica, la proposta corte soddisfatto se il minore ha raggiunto l’età di sedici anni quando il certificato la sua capacità da solo di nutrire e ottenere i loro affari, e se siete d’accordo con il rappresentante legale proposta minore. In altri casi, il giudice passerà la proposta, se si tratta di gravi motivi nell’interesse del minore.

(2) Alle condizioni di cui al paragrafo 1, il tribunale attribuisce all’autorità minore anche sulla proposta del suo tutore legale se il minore è d’accordo con la proposta.

Sezione 2

Misure di supporto per interrompere la capacità legale di un adulto
Dichiarazione preliminare
Sezione 38

In previsione della propria incapacità di agire può legalmente una persona mostrerà che i suoi affari sono gestiti in un certo modo, o per amministrare una particolare persona, o una persona diventa il suo tutore.

  • 39

(1) Quando una dichiarazione non è una forma di autentico strumento, deve essere presentata da un documento privato recante la data e confermato da due testimoni; il testimone deve indicare nella conferma i dati che possono essere letti.

(2) I testimoni possono essere solo persone che non sono interessate alla dichiarazione e al suo contenuto e non sono ciechi, sordi, stupidi o ignoranti della lingua in cui è fatta la dichiarazione. I testimoni devono firmare la dichiarazione ed essere in grado di confermare la capacità di agire del ricorrente e il contenuto della sua dichiarazione.

(3) Se il contenuto della dichiarazione registrata documento pubblico determinare chi è quello di diventare tutore, quello documento pubblico è stato scritto, le informazioni registrate su chi è preso la dichiarazione, che è chiamato ad essere un tutore, e che è un documento pubblico redatto nella lista non pubblica mantenuta secondo un’altra legge.

Sezione 40

(1) se le dichiarazioni cieche, o una persona che non sa o non può leggere o scrivere, deve essere una dichiarazione letta ad alta voce testimone che non scrivere la dichiarazione. Cieco, o una persona che non sa o non può leggere o scrivere, di fronte a testimoni confermano che il documento contiene la sua vera volontà.

(2) se la mancata dichiarazione di una persona con disabilità sensoriali che non sanno leggere o scrivere, deve essere interpretato strumento contenuto della comunicazione in modo tale che si è scelto, e questa testimonianza che non scrivere la dichiarazione; tutti i testimoni devono controllare il modo in cui il contenuto del documento è interpretato. Chiunque fa una dichiarazione conferma davanti al testimone il metodo di comunicazione scelto che il documento contiene la sua vera volontà.

  • 41

(1) La revoca esplicita di una dichiarazione richiede una dichiarazione della volontà fatta nella forma prescritta nella sezione 39 (1).

(2) Se il documento contenente la dichiarazione viene distrutto dalla persona che lo ha creato, ha gli effetti dei ricorsi.

Sezione 42

Se la dichiarazione riguarda una questione diversa dalla professione di tutore e se la validità della dichiarazione è legata a una condizione, il tribunale decide in merito all’adempimento della condizione.

Sezione 43

Ogni volta che le circostanze apparentemente così sostanziale che la persona che effettua la dichiarazione, sarebbe in tali circostanze non è fatto, o se è fatto con altri contenuti, una dichiarazione corte modificata o annullata, a meno che altrimenti l’uomo che le dichiarazioni fatte, ha minacciato gravi danni. Prima di adottare una decisione, il tribunale compiere gli sforzi necessari per trovare la mente umana, per la quale si decide la dichiarazione, anche utilizzando tale metodo di comunicazione che una persona sceglie.

Sezione 44

Se una dichiarazione o la sua revoca non è valida, il tribunale deve tenerne conto se la causa non è mettere in dubbio la volontà della persona che lo ha fatto.

Supporto decisionale
Sezione 45

Se una persona ha bisogno di aiuto nel decidere, perché il suo disturbo mentale che mette in difficoltà, anche se non può essere limitato in capacità giuridica, possono negoziare con il proponente di fornire supporto; i sostenitori potrebbero essere ancora di più.

Sezione 46

(1) Trattato di assistere il proponente concorda supportato, sarà presente con il suo consenso, nella causa legale che fornirà le informazioni necessarie e la comunicazione, e che sarà assistito da un avvocato.

(2) L’Accordo entrerà in vigore alla data in cui sarà approvato dalla Corte. Se il contratto non è concluso per iscritto, è necessario che le parti indichino la volontà di stipulare un contratto in tribunale. Il tribunale non può approvare il trattato se gli interessi dello sponsor sono contrari agli interessi promossi.

  • 47

(1) Lo sponsor non deve mettere in pericolo gli interessi promossi da un’influenza inappropriata, né può essere arricchito a spese del sostenitore.

(2) Il Promotore procederà nell’esercizio delle sue funzioni conformemente alle Decisioni Supportate. Se lo sponsor agisce legalmente per iscritto, lo sponsor può allegare la propria firma, indicando la propria funzione, anche con l’indicazione del supporto che ha fornito allo sponsor; lo sponsor ha il diritto di dichiarare l’invalidità delle azioni legali promosse.

  • 48

Su suggerimento del sostenitore o sostenitore, il tribunale respinge il sostenitore; il tribunale lo respingerà anche se lo sponsor viola seriamente i suoi doveri, anche senza il suo suggerimento.

Rappresentare un membro della famiglia
Sezione 49

(1) impedisce la zletilému disturbo mentale che non ha altri rappresentanti, l’azione legale indipendente, può rappresentare il suo discendente, avo, fratello, coniuge o partner, o una persona che è rappresentato vissuto prima della comparsa della rappresentazione in casa per almeno tre anni.

(2) Il rappresentante deve informare il rappresentante che rappresenterà lui e spiegare chiaramente la natura e le conseguenze della rappresentazione. Se la persona che deve essere rappresentata non riceve una rappresentazione; il rifiuto è sufficiente per mostrare il desiderio.

  • 50

La rappresentanza richiede l’approvazione del tribunale. Prima di emettere la sentenza, il tribunale compie gli sforzi necessari per trovare l’opinione della persona rappresentata, anche utilizzando i mezzi di comunicazione che sceglie.

  • 51

Rappresentante si impegna a tutelare gli interessi rappresentati e l’adempimento dei loro diritti, nonché il fatto che il modo in cui la sua vita non era in conflitto con le sue capacità e che, se questo non è ragionevolmente opporsi, partita e speciali idee ei desideri del committente.

  • 52

(1) La rappresentazione si riferisce a questioni ordinarie, in quanto corrisponde alle circostanze di vita del rappresentato. Tuttavia, un rappresentante non ha il diritto di consentire un’interferenza con l’integrità mentale o fisica di una persona con conseguenze durature.

(2) Un rappresentante può disporre delle ricevute rappresentate nella misura necessaria a coprire le questioni usuali, in quanto corrisponde alla vita della persona rappresentata; con fondi nel conto della persona rappresentata, tuttavia, egli può disporre solo nella misura non superiore al livello di sussistenza mensile dell’individuo secondo un’altra regolamentazione legale.

Sezione 53

Se viene rappresentato più di un rappresentante, è sufficiente che uno di loro agisca. Tuttavia, se c’è più di una persona in opposizione l’una all’altra, e se non sono d’accordo, nessuna di queste sarà presa in considerazione.

  • 54

(1) La rappresentanza scade se il suo rappresentante si arrende o il rappresentante rifiuta di rappresentarlo ulteriormente; il rifiuto è sufficiente per il desiderio di esprimersi. La rappresentazione scade anche se il tribunale nomina un tutore.

(2) Laddove sia stata conclusa una decisione sull’assistenza decisionale, la rappresentazione dell’efficacia del contratto cesserà nella misura in cui il rappresentato è legalmente autorizzato ad agire.

Limitazione di autenticità
§ 55

(1) La limitazione della legalità può essere fatta solo nell’interesse della persona interessata, dopo la sua osservazione e il pieno riconoscimento dei suoi diritti e della sua unicità personale. Si deve tener conto della portata e del grado di incapacità dell’uomo di prendersi cura dei propri affari.

(2) Limitare capacità giuridica della persona può essere minacciata solo se egli avrebbe altrimenti lesioni gravi e non sarà sufficiente se le misure il rispetto dei suoi interessi più miti e meno restrittive.

Sezione 56

(1) Solo un tribunale può limitare l’autorità di una persona.

(2) Il tribunale compiere gli sforzi necessari per trovare la mente umana, la cui capacità giuridica è deciso, anche utilizzando un tale metodo di comunicazione che una persona sceglie.

Sezione 57

(1) Il giudice può limitare la capacità giuridica della persona nella misura in cui la persona non è un disturbo mentale che non è solo temporanea, legalmente in grado di agire e di definire la misura in cui la competenza umana solo atti giuridici limitati.

(2) Se si ha difficoltà a comunicare, questo non è di per sé un motivo per limitare la propria autorità.

Sezione 58

Il tribunale può, nel corso della procedura di limitazione, affidare a terzi l’esecuzione di determinati procedimenti giudiziari individuali o l’amministrazione di beni, se necessario, al fine di prevenire gravi danni.

Sezione 59

(1) Il tribunale può limitare la propria giurisdizione in relazione a una questione per il tempo necessario per la sua esecuzione o per un periodo specifico specificato, ma non più lungo di tre anni. Se è ovvio che la condizione di una persona non migliora in questo momento, il tribunale può limitare la giurisdizione a un periodo più lungo, ma non più lungo di cinque anni.

(2) Alla scadenza del termine di prescrizione della legalità, gli effetti giuridici della restrizione cessano di esistere. Tuttavia, se i procedimenti per prorogare il termine di prescrizione sono iniziati in quel momento, gli effetti giuridici della decisione originale dureranno fino a una nuova decisione, ma non più di un anno.

  • 60

Se le circostanze cambiano, il tribunale modifica o revoca immediatamente la sua decisione, anche senza considerazione.

Sezione 61

Se un tribunale decide di limitare l’autonomia di una persona, una persona chiamata da un tutore può nominarlo per essere nominato dal guardiano; se la proposta non lo fa, la corte troverà la sua opinione. Se questa persona è idonea alla custodia, la corte nomina il tutore con il suo consenso.

  • 62

Nella decisione sulla limitazione dell’autorità, il tribunale nomina un tutore. Quando si sceglie un tutore per tener conto dei desideri del guardiano tribunale per il suo bisogno anche agli stimoli persone vicine custode, a guardare dove il suo vantaggio, e garantire che la selezione non si basa Guardiano custode diffidenza al tutore.

Sezione 63

Guardiano non può nominare una persona ad agire o legalmente persona incompetente cui interessi sono in contrasto con gli interessi del tutore o l’operatore in cui la tutela risiede o che fornisce servizi, o di una persona dipendente da tali apparecchiature.

  • 64

Una decisione di limitare l’autorità non priva una persona del diritto di agire in modo indipendente nella vita di tutti i giorni.

  • 65

(1) Se il tutore agiva in modo indipendente, anche se non poteva agire senza un tutore, la sua azione legale può essere dichiarata nulla solo se subisce un danno. Tuttavia, se il rimedio è solo un cambiamento nella portata delle funzioni del tutore, il tribunale lo farà senza essere vincolato dai suggerimenti delle parti.

(2) Se il tutore ha agito in modo indipendente, anche se non poteva agire senza un tutore, l’udienza del tutore è considerata valida se il tutore l’ha approvata. Questo è anche il caso in cui tale azione legale è stata approvata dallo stesso partito dopo aver acquisito la sua autorità.

Sezione 3

disperso
Sezione 66

(1) Nel caso di una persona scomparsa, il tribunale può dichiarare a una persona legittima che ha lasciato la sua casa, a non denunciare se stesso, e non è noto dove risiede. Il giudice deve indicare nella decisione il giorno degli effetti della dichiarazione dell’omissione.

(2) dichiarato mancante può accadere su proposta della persona su di essa ha un interesse legale, in particolare il coniuge o altra persona cara, co-proprietario, datore di lavoro o società, per la quale la partecipazione di questa persona.

Sezione 67

(1) In considerazione di atti che altrimenti richiedono il consenso, il reclutamento, la consegna del voto o altri atti della persona dichiarata mancante, tale necessità non deve essere presa in considerazione; ma ciò non si applica se si tratta della sua condizione personale. Chiunque abbia a che fare con la questione dei dispersi, deve farlo anche alla luce dei suoi interessi.

(2) Gli atti giuridici che si è verificato senza il consenso o un’altra espressione necessaria della volontà dispersi dopo aver lasciato la sua residenza, ma prima che fosse dato per disperso dichiarato, anche se questa affermazione è stato prontamente suggerito visto come le trattative fatte con una condizione per il rilascio di una decisione che dichiari assente.

  • 68

Se una persona che è stata dichiarata assente o l’amministratore del proprio patrimonio ritorna, la dichiarazione sarà annullata. La dichiarazione rinuncia agli effetti e al giorno che è valido il giorno della morte della persona scomparsa.

  • 69

Chi è stato dichiarato disperso, non può discutere invalidità o l’inefficacia delle azioni legali effettuate in sua assenza, fatte per gli effetti di tali dichiarazioni perché questo è quando non richiederanno il suo discorso.

  • 70

Se la persona che stabilisce l’amministratore della sua proprietà è dichiarata mancante, i diritti e gli obblighi dell’amministratore designato non saranno pregiudicati. Ciò non si applica se l’amministratore non è conosciuto, rifiuta di agire nell’interesse della persona scomparsa, trascura le sue azioni nell’interesse della persona scomparsa o non può agire affatto.

Sezione 4

La presunzione di morte
Sezione 71

(1) Su richiesta della persona avente un interesse legale, la corte dichiara che il morto è ragionevolmente creduto morto e determina il giorno considerato come il giorno della sua morte.

(2) Una persona dichiarata morta si dichiara morta. Dichiarando che un marito è morto, il matrimonio scade nel giorno in cui considera il giorno della sua morte; lo stesso vale per una società registrata.

  • 72

E ‘stato se una persona ha dichiarato mancanti e il risultato, se le circostanze sono seri dubbi se è ancora vivo, anche se la sua morte non è in dubbio, egli può Tribunale dichiarato morto su proposta della persona che su di essa ha un interesse legale, e determinare la data in cui mancante probabilmente non è sopravvissuto. Si ritiene che questo giorno sia il giorno della morte dei morti.

  • 73

Una persona che è stata dichiarata dispersa può essere dichiarata morta al più presto cinque anni dalla fine dell’anno in cui è stato dichiarato assente. Tuttavia, questo non può essere fatto se c’è un messaggio durante questo periodo che può essere giudicato che la persona scomparsa sia ancora viva. In tal caso, passare alla Sezione 74 o 75.

  • 74

(1) Una persona che è ancora mancante che ha lasciato la residenza, non ha in sé un messaggio e non si sa di lui, dove risiede, ma non è stato dato per disperso dichiarato, può essere dichiarata morta immediatamente dopo la scadenza di sette anni dalla fine dell’anno con le ultime notizie da cui si può concludere che era ancora vivo.

(2) Una persona che si è fatto persona assente prima dell’età di diciotto anni di età, non può essere dichiarato morto prima della fine dell’anno in cui venticinque anni è trascorso dalla sua nascita.

  • 75

L’uomo che è diventato la persona assente, come partecipante alla manifestazione, durante la quale era in pericolo numero maggiore di persone può essere dichiarata morta immediatamente dopo la scadenza di tre anni a partire dalla fine dell’anno, che è apparso ultima relazione, da cui si può dedurre che è stato durante questi eventi ancora vivi.

  • 76

(1) Se una persona viene dichiarata morta, non esclude la prova che sia morto prima o dopo, o che sia ancora vivo. Se scopre di essere vivo, la dichiarazione dei morti viene ignorata; matrimonio o unione registrata non rinnovata.

(2) Se è stata presentata una falsa prova di morte, il paragrafo 1 si applica mutatis mutandis.

Sezione 5

Nome e residenza di una persona
Il nome di una persona e la sua protezione
Sezione 77

(1) Il nome di una persona è il suo nome e cognome personale, oi suoi altri nomi e cognomi di famiglia che gli appartengono secondo la legge. Ognuno ha il diritto di usare il suo nome nei rapporti giuridici, così come il diritto di proteggere il suo nome e il rispetto per lui.

(2) Una persona che usa un nome diverso dal proprio nella relazione legale porta le conseguenze di errori e le conseguenze di ciò.

Sezione 78

(1) Una persona che è stata colpita da sfidando il loro diritto ad un nome o abbia subito un danno per l’interferenza non autorizzata con tale diritto, in particolare l’uso non autorizzato di nomi, può chiedere di essere sceso da manomissioni non autorizzate o di cancellare i suoi risultati.

(2) Se la domanda è assente, o se manca, incompetente o incapace di produrre qualsiasi altra causa di esercitare il diritto di proteggere i loro nomi solo, si può applicare il suo coniuge, discendente, antenato o il partner, a meno che il problema, anche se sui juris, ha dato espressamente, che non lo vuole

(3) Qualora un cognome invasione e se per questo motivo, che consiste in una partecipazione importante nella tutela delle famiglie possono cercare protezione separatamente coniuge o altra persona vicina in questione, anche se i loro diritti per il nome non sono stati colpiti direttamente.

  • 79

pseudonimo
(1) Una persona può, in qualsiasi momento, accettare uno pseudonimo per un particolare ramo della sua attività o per comunicazioni private. Le procedure legali sotto pseudonimo non pregiudicano la validità, se è chiaro chi ha agito e se l’altra parte non può avere dubbi sulla persona che agisce.

(2) Se lo pseudonimo è noto, gode della stessa protezione del nome.

  • 80

residenza
(1) Una persona è domiciliata in un luogo in cui risiede con l’intenzione di viverci in modo permanente, soggetto a cambiamenti di circostanze; tale intenzione può derivare dalla sua dichiarazione o dalle circostanze del caso. Quando una persona menziona il suo luogo di residenza come luogo diverso dalla sua residenza, può anche chiamare la sua residenza reale. Contro chi invoca il posto in buona fede, non si può sostenere che abbia una vera residenza in un altro luogo.

(2) Se una persona non vive, il luogo in cui vive vive. Laddove tale luogo non può essere accertato o se può essere determinato solo con difficoltà sproporzionate, il luogo di residenza della persona è considerato il luogo in cui ha la proprietà o il luogo in cui ha risieduto per l’ultima volta.

Sezione 6

Personalità di una persona
Sottosezione 1

Disposizioni generali
Sezione 81

(1) Protetto è la personalità dell’uomo, compresi tutti i suoi diritti naturali. Tutti sono obbligati ad onorare la libera decisione dell’uomo di vivere per conto suo.

(2) La protezione deve in particolare favorire la vita e la dignità di una persona, la sua salute e il diritto di vivere in un ambiente favorevole, la sua serietà, onore, privacy e la sua espressione personale.

  • 82

(1) La persona la cui personalità è stata colpita ha il diritto di chiedere che l’intervento non autorizzato venga abbandonato o rimosso il suo effetto.

(2) Dopo la morte di una persona, la protezione della sua personalità può essere reclamata da una delle persone a lui vicine.

Sezione 83

(1) Se l’interferenza non autorizzata con la personalità di una persona è legata alla sua attività in una persona giuridica, il diritto alla protezione della sua personalità può essere esercitato anche da questa persona giuridica; ma solo nel suo nome e con il suo consenso. Se una persona non è in grado di mostrare la volontà per l’assenza o l’incompetenza di giudizio, il consenso non è necessario.

(2) Dopo la morte di un essere umano, una persona giuridica può chiedere che l’intervento non autorizzato venga abbandonato e che le sue conseguenze vengano rimosse.

Sottosezione 2

Forma e privacy
Sezione 84

Per catturare in qualsiasi modo la forma di una persona in modo che la sua identità possa essere determinata in base alla visualizzazione, è possibile solo con il suo permesso.

  • 85

(1) L’ estensione della forma di una persona è possibile solo con il suo permesso.

(2) convocare Se qualcuno per visualizzare il loro aspetto in circostanze da cui è chiaro che sarà distribuito, si applica che consente anche alla sua riproduzione e la distribuzione nel solito modo che poteva, date le circostanze ragionevolmente attesi.

  • 86

Nessuno può interferire con la privacy degli altri a meno che non vi sia un motivo legittimo per farlo. Soprattutto non senza il consenso di un uomo di rompere il suo spazio privato, guardando la sua vita privata o prendere sul registrazione audio o video, o altrimenti utilizzare tali registrazioni effettuate dalla vita privata di una persona da parte di terzi, o tali registrazioni della sua diffusione vita privata. I documenti privati ​​di natura personale sono protetti nella stessa misura.

Sezione 87

(1) che hanno acconsentito all’uso di documenti di carattere personale, ritratti o la registrazione audio o video riguardante l’uomo o la sua espressione personale, può ritirare il permesso, anche se concessa per un periodo di tempo.

(2) Se ci fosse l’autorizzazione concessa per un periodo di tempo ritirato, senza giustificato da un significativo cambiamento delle circostanze o qualsiasi altra causa ragionevole, sostituire la ricorrente dei danni causati alla persona che ha concesso il permesso.

  • 88

(1) Non è necessaria l’autorizzazione se il ritratto o il suono o la registrazione pittorica sono presi o usati per eseguire o proteggere altri diritti o diritti di terzi.

(2) L’autorizzazione non è necessaria anche nel caso in cui l’effigie, un documento di carattere personale o audio o video registrazione di acquisti o utilizza per legge scopo ufficiale o se qualcuno eseguire in pubblico in materia di pubblico interesse.

Sezione 89

Ritratto o la registrazione audio o video senza autorizzazione possono anche prendere uso umano o adeguatamente anche per scopi scientifici o artistici e per la stampa, la radio, la televisione o una copertura simile.

  • 90

motivo legale per interferire con la privacy di un altro, o per usare i suoi ritratti, documenti di natura personale o di registrazione audio o video non può essere utilizzato incidano in modo ingiustificato i legittimi interessi dell’uomo.

Sottosezione 3

Diritto all’integrità mentale e fisica
§ 91

L’uomo è intoccabile

  • 92

(1) Il corpo umano è sotto protezione legale anche dopo la morte dell’uomo. E ‘vietato trattare con resti umani e resti umani sulla via di un dignitario defunto.

(2) Se i resti umani non sono posti in un cimitero pubblico, essi hanno diritto alla persona che la persona ha esplicitamente designato prima della sua morte; altrimenti, suo marito, figlio o genitore, e se nessuno di loro o se si rifiutano di prendere in consegna, il loro erede sarà preso in consegna.

Interferenze con integrità
Sezione 93

(1) Ad eccezione di quanto previsto dalla legge, nessuno può interferire con l’integrità di un’altra persona senza il suo consenso dato con conoscenza della natura dell’interferenza e delle sue possibili conseguenze. Se qualcuno accetta di essere danneggiato, viene ignorato; questo non è il caso se l’intervento è in ogni circostanza necessario nell’interesse della vita o della salute dell’interessato.

(2) Un rappresentante legale può concedere il consenso per interferire con l’integrità della persona rappresentata se è per il beneficio diretto di una persona che non è in grado di dare il consenso.

  • 94

(1) Chi vuole fare un altro trattamento, spiega la natura della procedura. La spiegazione è debitamente dato se si può ragionevolmente ritenere che l’altra parte capito lo scopo e la procedura, compreso le conseguenze attese e possibile pericolo per la salute, così come se del caso o di un approccio diverso.

(2) Certo, se l’accordo per un altro del suo rappresentante legale deve presentare una spiegazione e colui che deve essere sottoposto alla procedura, se è in grado di giudizio modo commisurato alla capacità di comprendere le relative spiegazioni.

  • 95

Minori che non è juris completamente Sui, nelle solite questioni di dare il consenso a un intervento chirurgico sul suo corpo anche lui, se del caso, la maturità intellettuale e volitivo dell’età del minore e se si tratta di una procedura senza lasciare effetti duraturi o gravi.

  • 96

(1) Il consenso all’interferenza con l’integrità umana richiede una forma scritta per separare una parte del corpo che non è più ripristinata.

(2) La forma scritta richiede il consenso a

(a) un test medico su una persona, o

  1. b) un intervento che non richiede le condizioni di salute di una persona; questo non si applica se si tratta di chirurgia estetica che non lascia conseguenze permanenti o gravi.
  • 97

(1) Un consenso scritto può essere revocato in qualsiasi forma, anche se per il consenso è richiesta una forma scritta.

(2) Se per il consenso non è richiesta una forma scritta, si ritiene che sia stata concessa. In caso di incertezza sul fatto che il consenso sia stato revocato in forma non scritta, si ritiene che non vi sia stato alcun ricorso.

  • 98

(1) Se non è una persona a dare il consenso per l’incapacità di mostrare la volontà, anche se solo temporanea, e non hanno un rappresentante presente accordo legale richiede il coniuge, genitore o altre persone vicine. Se non è presente, nessuna di queste persone richiede il consenso del marito, e in caso contrario, il consenso di un genitore o di altre persone vicine se possono trovare e raggiungere facilmente, e se è chiaro che non v’è alcun rischio di default. Se non è possibile ottenere il consenso in uno dei modi sopra indicati, il consenso può essere dato da un’altra persona presente che abbia un interesse speciale per la persona interessata.

(2) Durante la procedura e alla concessione del consenso si terrà conto dei desideri noti precedentemente espressi della persona la cui integrità deve essere afflitta.

  • 99

Se la vita di un uomo in un pericolo improvviso e apprezzabile ed è in grado di consenso in caso di emergenza o di entrare in diversa forma prescritta, si può intervenire immediatamente se si è a favore della salute della persona in questione è necessario.

  • 100

(1) Al fine di essere esposti per l’integrità di un minore che ha raggiunto quattordici anni, ha riguadagnato piena capacità giuridica e che contraddice seriamente l’intervento chirurgico, anche se la chirurgia rappresentante legale è d’accordo, la procedura non può essere fatto senza l’approvazione del tribunale. Ciò vale anche quando una persona che non ha pienamente diritto è coinvolta.

(2) Se non diversamente concordato dal legale rappresentante interferire con l’integrità della persona di cui al paragrafo 1, anche se vuole che la persona può eseguire un intervento chirurgico per la sua proposta o movimento di una persona vicina a lei solo con il consenso della corte.

Sezione 101

Per essere colpiti per l’integrità di una persona incapace di modo giudizio, lasciando dietro di sé una conseguenze permanenti, irreversibili e gravi o in modo associato con grave pericolo per la sua vita o la salute, la chirurgia può essere fatto solo con il consenso del tribunale. Ciò non pregiudica le disposizioni del § 99 °

Sezione 102

Il tribunale è invitato a procedere ai sensi dell’articolo 100 o 101 se l’interessato è in una ragionevole discrezionalità per beneficiare, dopo averlo visto e con il pieno riconoscimento della sua personalità.

  • 103

Se è stato colpito alla integrità di un uomo che era in uno stato in cui avrebbe potuto valutare ciò che gli stava accadendo, e non sarebbe se stesso per un accordo di procedura, egli deve essere al più presto la sua condizione permette, ha spiegato in un modo che sarà in grado di capire, ciò intervento è stato eseguito su di lui, ed essere informati sulle possibili conseguenze, così come il rischio di mancato intervento.

Sottosezione 4

I diritti di una persona presa in una struttura medica senza il suo consenso
Sezione 104

Assumere una persona senza il suo consenso ad un meccanismo di assistenza sanitaria o lui non senza il suo consenso può solo bastone a terra previsto dalla legge ea condizione che la necessaria cura della persona non può fornire una misura più dolce e meno restrittiva. La domanda di limitazione della capacità giuridica non costituisce di per sé un motivo di una persona senza il suo consenso a tale dispositivo imbarco o ci tengono.

  • 105

(1) Se una persona è presa per un meccanismo di assistenza medica o se si tiene, avvisare il suo rappresentante legale, tutore o sostenitori e il suo coniuge o altri close persona immediatamente noto fornitore di servizi sanitari; coniuge notifica o altra persona vicina, tuttavia, non lo fanno, se lui è stato vietato.

(2) Il trasferimento di una persona in una struttura sanitaria deve essere notificato dal fornitore di assistenza sanitaria entro 24 ore dal tribunale; questo vale anche se una persona è detenuta in tale struttura. Il tribunale prende una decisione entro sette giorni.

Sezione 106

(1) Il fornitore di servizi sanitari in modo che le accettazioni umane a un istituto dare cure mediche o imbarcato in un tale dispositivo tempestivamente ottenuto un’adeguata spiegazione del suo status giuridico, accordi legittimi ragione fatta e la possibilità di tutela giuridica, compreso il diritto di scegliere un agente o fiduciario.

(2) La spiegazione deve essere data in modo tale che si possa comprendere ed essere consapevoli della natura della misura presa e delle sue conseguenze; se tale persona è un tutore legale, un tutore o un sostenitore, viene fornita una spiegazione senza indebito ritardo anche a lui.

  • 107

(1) Se una persona è un delegato o un confidente, il fornitore di servizi sanitari informa l’agente o il confidente della misura presa senza indebito ritardo dopo averne appreso.

(2) Una banca depositaria può richiedere a nome di una persona, a suo nome, tutti i diritti che derivano in relazione alla sua presa in carico nell’istituzione interessata o alla detenzione in tale struttura. Lo stesso diritto di un confidente ha un sostenitore.

Sezione 108

Chi è stato rilevato o detenuto in una struttura sanitaria ha il diritto di discutere con il proprio agente, confidente o sostenitore la propria questione in un colloquio personale e senza la presenza di terzi.

  • 109

(1) Una persona presa a un meccanismo di assistenza sanitaria o tenuto in un tale impianto ha il diritto di mantenere il suo stato di salute, la documentazione o il medico curante circa l’incapacità di giudizio e fare i desideri esaminati singolarmente provider medico indipendente dei servizi sanitari in questa struttura e dei suoi operatori . Lo stesso diritto ha un confidente o un sostenitore.

(2) Se il diritto di rivedere esercitato prima il tribunale decide ai sensi del § 105 par. 2, deve essere data la sua performance in modo che il giudice possa valutare i risultati dei procedimenti di revisione sulla ricevibilità del ricorso fatto.

  • 110

Se un tribunale decide sull’ammissibilità di una misura presa, viene approvata una degenza forzata in una struttura sanitaria, ma ciò non nega il diritto di rifiutare una particolare procedura o trattamento medico.

Sottosezione 5

Gestire parti del corpo umano
§ 111

(1) La persona a cui è stata rimossa una parte del corpo ha il diritto di apprendere come è stata gestita. È vietato maneggiare una parte rimossa del corpo umano in un modo che sia ingiusto o che minacci la salute pubblica.

(2) Una parte di una persona che è stata privata della sua parte può essere utilizzata per scopi medici, di ricerca o scientifici nella sua vita se ha dato il suo consenso. L’uso della parte rimossa del corpo di una persona per lo scopo per la sua natura inusuale richiede sempre il suo consenso esplicito.

(3) Ciò che è nel corpo umano è lo stesso di quello delle parti del corpo umano.

  • 112

Si può trasferire una parte del proprio corpo solo su un altro soggetto solo alle condizioni stabilite da un’altra legge. Questo non è il caso quando si tratta di capelli o parti simili del corpo umano che possono essere rimosse senza dolore senza intorpidimento e che vengono naturalmente rinnovate; puoi lasciarlo agli altri per ricompensa e guardarli come una questione di movimento.

Sottosezione 6

Protezione del corpo umano dopo la morte dell’uomo
§ 113

(1) Uno ha il diritto di decidere come sarà trattato con il suo corpo dopo la sua morte.

(2) L’ esecuzione di un’autopsia o l’uso del corpo umano dopo la morte di una persona senza il consenso del defunto è possibile solo se lo prevede un’altra legge.

Sezione 114

(1) Una persona ha il diritto di decidere che cosa dovrebbe essere un funerale. Se non lascia una decisione esplicita a riguardo, il marito del defunto decide del suo funerale e, se non lo è, i figli del defunto; se non lo sono, i genitori decidono, e se non lo sono, i fratelli del defunto; se non vivono, allora i loro figli decideranno, e se non lo sono, allora nessuno dei più vicini; se nessuna di queste persone è, allora il comune nel cui territorio è morto.

(2) I costi delle operazioni di sepoltura e di sepoltura sono a carico del patrimonio. Se la proprietà non è sufficiente a coprire i costi del funerale proposito, che cosa volevano il defunto di essere sepolto almeno un modo decente, secondo le consuetudini locali.

(3) Un’altra legge stabilisce come ea quali costi una persona la cui sopravvivenza è sufficiente a coprire le spese funerarie non è sufficiente e se nessuno è disposto a pagare le spese funerarie su base volontaria.

  • 115 – § 117
    abolito

Parte 3

Persone giuridiche
Sezione 1

Disposizioni generali
§ 118

Un’entità legale ha una personalità giuridica sin dal suo inizio fino al suo scioglimento.

Sezione 119

Le persone giuridiche conservano registrazioni affidabili delle loro proprietà, anche se non sono tenute a tenere i conti sotto altra legislazione.

Registri pubblici delle persone giuridiche
§ 120

(1) Il registro pubblico della persona giuridica deve essere inserito almeno un giorno della sua creazione, il giorno della sua abolizione, indicando la base giuridica e il giorno della sua scomparsa, così come il suo nome, l’indirizzo e l’attività registrata, il nome e l’indirizzo di residenza di ogni membro del corpo di legge insieme indicando il modo in cui questo corpo che rappresenta la persona giuridica, e dati sulla data di creazione o di cessazione delle loro funzioni.

(2) Altra normativa stabilisce cosa come, o da altre informazioni a loro sulle persone giuridici contratti pubblici registri delle persone giuridiche che un’entità giuridica a questi scritti e, ed entrambi cancellati, o se è parte di un registro pubblico raccolta di documenti. I registri pubblici delle persone giuridiche sono accessibili a tutti; ognuno può esaminarli e fare estratti, copie o copie di essi.

(3) Ogni volta che il fatto registrato, informare la persona registrato o la persona a cui si impone un cambiamento di legge senza indugio alla persona che guida un registro pubblico, e che questo cambiamento di registro pubblico senza indebito ritardo scrive.

  • 121

(1) La persona a cui si riferisce la registrazione non ha il diritto di opporsi alla persona che agisce legalmente nei dati inseriti nel registro pubblico che la registrazione non corrisponde ai fatti.

(2) Se un dato inserito nel registro pubblico è stato pubblicato, nessuno può, dopo quindici giorni dalla pubblicazione, invitarlo a non essere a conoscenza dei dati pubblicati. Se i dati pubblicati non corrispondono ai dati inseriti, l’interessato non può invocare i dati pubblicati contro un’altra persona; se prova che i dati sono noti, può obiettare che le informazioni pubblicate non corrispondono alla persona registrata.

Costituzione e costituzione di una persona giuridica
§ 122

Un’entità legale può essere costituita da un atto giuridico fondatore, dalla legge, da una decisione dell’autorità pubblica o da altri mezzi forniti da un altro regolamento legale.

  • 123

(1) L’atto costitutivo determina almeno il nome, la sede legale della persona giuridica, l’oggetto dell’attività, l’organo statutario della persona giuridica e il modo in cui è stato creato, a meno che non sia previsto direttamente dalla legge. Determina anche chi sono i primi membri dell’organo statutario.

(2) Per la costituzione di un procedimento giudiziario è richiesta una forma scritta.

Sezione 124

Se non è noto, per che ora è stabilita la persona giuridica, è valida per un periodo indefinito.

  • 125

(1) I fondatori multipli stabiliscono una persona giuridica adottando uno statuto o concludendo un altro contratto.

(2) La legge stabilisce in quali casi una persona giuridica può essere stabilita anche da atti giuridici di una persona inclusa nello statuto di fondazione.

Sezione 126

(1) Una persona giuridica deve essere stabilita il giorno della sua iscrizione nel registro pubblico.

(2) Laddove una persona giuridica sia stabilita per legge, essa sorge alla data in cui diventa effettiva, a meno che la legge non preveda una data successiva.

(3) La legge specifica in quali altri casi l’iscrizione nel registro pubblico non è necessaria per l’istituzione di una persona giuridica. La legge specifica in quali casi è necessaria la decisione di un’autorità pubblica per stabilire o stabilire una persona giuridica.

Sezione 127

Un’entità legale può agire per suo conto prima che sia stabilita. Chiunque agisce in questo modo è autorizzato e impegnato in questa azione; se più di una persona è coinvolta, sono autorizzate e vincolate congiuntamente e separatamente. La persona giuridica può assumere autonomamente gli effetti di tali negoziati entro tre mesi dal loro inizio. In tal caso, è vero che questi negoziati sono giustificati e impegnati sin dall’inizio. Se viene rilevato, permetterà alle altre parti interessate di sapere che lo hanno fatto.

  • 128

Dopo la costituzione di una persona giuridica, non è possibile affermare che non si è verificato e la sua registrazione nel registro pubblico non può quindi essere annullata.

  • 129

(1) Il tribunale dichiara una persona giuridica dopo la sua creazione come nulla, a meno che

  1. a) Manca l’atto giuridico fondatore,

(b) l’ atto costitutivo non ha la personalità giuridica necessaria per l’esistenza legale della persona giuridica,

  1. c) gli atti giuridici dei fondatori contraddicono l’articolo 145 o
  2. d) un’entità legale ha stabilito meno persone di quanto richiesto dalla legge.

(2) Il giorno in cui una persona giuridica è dichiarata invalida, entra in liquidazione.

  • 130

Prima di una decisione ai sensi dell’articolo 129, il tribunale fornisce alla persona giuridica un termine ragionevole per la riparazione se si tratta di un difetto che può essere sanato.

  • 131

La dichiarazione di nullità di una persona giuridica non pregiudica i diritti e gli obblighi che ha acquisito.

nome
§ 132

(1) Il nome di una persona giuridica è il suo nome.

(2) Il nome deve distinguere la persona giuridica da un’altra persona e includere la designazione della sua forma giuridica. Il nome non deve essere fuorviante.

Sezione 133

(1) Il nome può includere il nome della persona a cui la persona giuridica ha una relazione speciale. Se una persona vive, il suo nome può essere usato nel nome di una persona giuridica solo con il suo consenso; se muore senza consenso, è richiesto il consenso del suo coniuge e, in caso contrario, il consenso della prole adulta e, in caso contrario, il consenso dell’antenato.

(2) Se un cognome è stato utilizzato in nome di una persona giuridica e se vi è un interesse importante nella protezione della famiglia, l’articolo 78, paragrafo 3 si applica mutatis mutandis.

(3) Chi ha il diritto di concedere il permesso di usare il nome di una persona in nome della persona giuridica ha il diritto di revocare in qualsiasi momento, anche se è concesso un certo periodo; se diversamente concordato, ignorando se il ritiro del consenso garantisce un cambiamento sostanziale delle circostanze o qualsiasi altro ragionevole motivo. Se il consenso concesso per un certo periodo di tempo viene revocato, senza giustificare un cambiamento sostanziale delle circostanze o altri ragionevoli motivi, deve risarcire l’entità legale che ha presentato ricorso per il danno subito.

  • 134

(1) Il nome di una persona giuridica può contenere un elemento distintivo del nome di un’altra entità legale se esiste una ragione per la loro relazione. Anche in questo caso, il pubblico deve essere sufficientemente distinto da entrambi i nomi.

(2) Un elemento caratteristico del nome di un’altra persona giuridica non può essere utilizzato nel nome senza il suo consenso. Il paragrafo 133, paragrafo 3, si applica mutatis mutandis.

  • 135

(1) Una persona giuridica che è stata colpita, sfidando il suo diritto al nome o feriti per interferenze non autorizzate con tale diritto o che tale danno è minacciata, l’uso particolare non autorizzato del nome, può pretendere di essere da interferenze non autorizzate abbandonato o da rimuovere il suo effetto.

(2) La stessa protezione appartiene a una persona giuridica nei confronti di qualsiasi persona che senza giustificati motivi si estende alla sua reputazione o privacy, a meno che non siano fini scientifici o artistici, o la stampa, radio, televisione o una copertura simile; tuttavia, tali interferenze non devono essere in conflitto con gli interessi legittimi della persona giuridica.

  • 136

Il posto
(1) All’atto dell’istituzione di una persona giuridica, la sua sede legale sarà determinata. Se non interferisce con la pace e l’ordine nella casa, può essere posizionato anche nell’appartamento.

(2) Quando una persona giuridica è registrata in un pubblico registro, è sufficiente, se l’atto giuridico fondatore, indica il nome del comune in cui la persona giuridica ha la propria sede legale; ma la persona giuridica propone di inserire l’indirizzo completo della sede legale nel registro pubblico.

  • 137

(1) Ognuno può invocare la sede reale di una persona giuridica.

(2) Una persona giuridica non può opporsi a una persona che invoca un seggio iscritto nel registro pubblico che ha una sede reale in un altro luogo.

Trasloco del posto
§ 138

(1) Una persona giuridica con sede legale all’estero può trasferire la sua sede legale nella Repubblica ceca. Ciò non si applica a meno che la legge dello Stato in cui la persona giuridica ha la propria sede legale o la persona giuridica vietata ai sensi dell’articolo 145 non lo consenta.

(2) L’entità giuridica che intende trasferire la propria sede nella Repubblica Ceca, in allegato alla domanda di iscrizione nel registro pubblico di riferimento delle decisioni su quale tipo di forma giuridica delle entità giuridiche ceche scelto, e la fondazione procedimenti legali previsti dalla legge ceca per questa forma di persone giuridiche .

(3) I rapporti giuridici interni di una persona giuridica sono disciplinati dall’ordinamento giuridico ceco dopo il trasferimento della sede legale. L’ordinamento giuridico ceco disciplina anche la responsabilità dei suoi membri o membri dei suoi organi per debiti dovuti da una persona giuridica se sostenuti dopo la data effettiva di trasferimento della sede legale nella Repubblica ceca.

  • 139

persona giuridica che ha la sua sede legale nella Repubblica Ceca può muovere la propria sede all’estero, se è contrario all’ordine pubblico e, se consentito dalla legge dello Stato in cui il sedile deve essere una persona giuridica spostato.

  • 140

(1) Un soggetto giuridico che intende trasferire la propria sede legale all’estero, fornisce questa intenzione con l’indirizzo della nuova sede e la forma giuridica dopo il trasferimento di almeno tre mesi prima del trasferimento previsto. I creditori hanno il diritto di esigere un’adeguata sicurezza per i suoi crediti non ancora esigibili entro due mesi dalla pubblicazione, se non dopo il trasferimento ad un deterioramento della esigibilità dei crediti nella Repubblica Ceca.

(2) In mancanza di accordo sulle modalità e l’entità delle garanzie, decide di adeguate garanzie e la misura del tribunale per quanto riguarda il tipo e importo del credito. Non dare una persona giuridica, garantendo la decisione della corte è responsabile per i debiti che non sono stati garantiti, i membri del consiglio ad eccezione di quelli che provano che hanno sviluppato sforzi sufficienti per prendere la decisione è stato raggiunto.

Sezione 141

(1) Un membro di una persona giuridica che non è d’accordo con il trasferimento della sede legale all’estero avrà il diritto di risolvere l’iscrizione in una persona giuridica con effetto a partire dalla data del trasferimento della sede legale. Se un membro di una persona giuridica ha il diritto di risoluzione al momento della cessazione dell’iscrizione, la persona giuridica deve fornirgli l’esecuzione al più tardi alla data effettiva del trasferimento della sede legale. I membri dell’organo statutario sono responsabili dell’adempimento di questo obbligo.

(2) I membri della persona giuridica e il suo organo statutario sono responsabili per i debiti contratti prima della data effettiva del trasferimento della sede legale, nonché per il trasferimento della sede legale all’estero.

Sezione 142

Il trasferimento della sede legale ha effetto dal giorno della sua registrazione nel registro pubblico pertinente.

Sezione 143

Per la costituzione e il trasferimento di succursali di persone giuridiche, si applicano mutatis mutandis i paragrafi da 138 a 142.

Scopo delle persone giuridiche
§ 144

(1) Una persona giuridica può essere costituita in un interesse pubblico o privato. Questa natura è giudicata dall’attività principale della persona giuridica.

(2) La legge specifica gli scopi per i quali una persona giuridica può essere stabilita solo a condizioni speciali.

Sezione 145

(1) È vietato stabilire una persona giuridica il cui scopo è violare la legge o raggiungere un obiettivo in modo illecito, specialmente se il suo scopo

  1. a) la negazione o la limitazione dei diritti personali, politiche o di altro tipo di persone di nazionalità, sesso, razza, origine, di opinione politica o di altro, religione e condizione sociale,
  2. b) Istigazione dell’odio e dell’intolleranza,

(c) la promozione della violenza o

  1. d) la gestione di un’autorità pubblica o l’esercizio di pubblica amministrazione senza un’autorità legale.

(2) È vietato per stabilire un soggetto giuridico armate o le forze armate, a meno che non si tratta di un soggetto giuridico stabilito dalla legge, che la legge di armata o creare forze armate che permette o richiede o persona giuridica, che si occupa di armi in relazione alla loro attività da altre normative o di una persona giuridica i cui membri detenere o usare le armi per scopi culturali o sport o per la caccia o per compiti previsti da altre normative.

Beneficio pubblico
§ 146

pubblica utilità è una persona giuridica, la cui missione è di contribuire in accordo con la condotta legale fondare le proprie operazioni per realizzare il bene comune, fino a quando la persona giuridica decisionali possono avere un impatto significativo solo le persone di integrità, se è stato acquistato la proprietà da fonti onesti e se economicamente usa la sua fortuna per il bene pubblico scopo.

Sezione 147 – § 150
abolito

Corpi di una persona giuridica
§ 151

(1) La legge fornisce, se del caso, l’atto giuridico fondatore, per determinare come e in quale misura i membri degli organi della persona giuridica decidono su di esso e sostituiscono la sua volontà.

(2) La buona fede dei membri di un organismo di una persona giuridica deve essere attribuita a una persona giuridica.

  • 152

(1) Una persona giuridica è composta da un membro (individuo) o diversi membri (collettivi).

(2) Una persona fisica che è un membro del corpo di una persona giuridica e che deve funzionare eletti, designati o altrimenti chiamato (di seguito denominato “membro di un organo eletto”) deve essere completamente juris Sui. Ciò vale anche per un rappresentante di una persona giuridica che è a sua volta un membro di un organo eletto di un’altra entità legale.

(3) si applica se l’attività principale del soggetto giuridico di minori o persone con capacità giuridica limitata, e meno che lo scopo principale della persona impresa legale, le vicende giudiziarie fondatori determinare che un membro eletto organo della persona giuridica può essere un minore o una persona con capacità giuridica limitata .

  • 153

(1) Una persona il cui fallimento è stato certificato può diventare un membro dell’organo eletto, se ha precedentemente notificato la persona che lo ha chiamato; ciò non si applica se sono trascorsi almeno tre anni dalla fine della procedura di insolvenza.

(2) Se il fallimento della persona che è un membro dell’organo eletto è provato, la persona deve notificarlo senza indebito ritardo alla persona che lo chiama.

(3) In assenza di una notifica, chiunque abbia un interesse legale ad agire può fare appello a un membro dell’organo eletto per revocare il tribunale. Questo non si applica se eletto colui che convocò un membro del corpo eletto, dopo il declino del certificato della persona appreso che rimanga in carica.

  • 154

Se un membro del corpo eletto della persona giuridica un altro soggetto giuridico, autorizza una persona fisica che lo rappresenta in un organo o una persona giuridica che rappresenta un membro del suo organo di governo.

  • 155

(1) Se un membro di un organo eletto è chiamato da una persona che non è legalmente abilitata a farlo, deve essere considerato come una posizione come se non lo avesse fatto. Se un membro dell’ente eletto perde la sua capacità giuridica dopo essere stato nominato membro di un organo eletto, il suo ufficio cesserà di esistere; la cessazione della funzione deve essere notificata alla persona giuridica senza indebito ritardo.

(2) Se la professione di una persona è un membro di un organo eletto come se non lo fosse o se la professione fosse invalida, non pregiudica i diritti acquisiti in buona fede.

Sezione 156

(1) Quando un corpo è un corpo collettivo, decide sulle questioni di un’entità legale nella congregazione. Può dimettersi alla presenza o meno della maggioranza dei membri e decide a maggioranza dei voti dei membri partecipanti.

(2) Qualora la competenza dei singoli membri dell’Autorità sia suddivisa secondo alcune discipline, le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano. La divisione dei poteri non esime gli altri membri dal dovere di sorvegliare il modo in cui gli affari di una persona giuridica sono gestiti.

Sezione 157

(1) Se viene presa una decisione, un parere divergente deve essere registrato su richiesta di un membro dell’organo eletto che si oppone alla mozione.

(2) Se una proposta è stata respinta in assenza di un membro, il membro ha il diritto di apprendere il contenuto della decisione.

  • 158

(1) La legge istitutiva può prevedere che l’organismo sia in grado di rispettare un numero più elevato di partecipanti, di richiedere un numero più elevato di voti o di determinare la procedura con cui può essere modificato il processo decisionale dell’ente.

(2) La legge istitutiva può consentire al processo decisionale dell’organo al di fuori della riunione in forma scritta o utilizzando mezzi tecnici.

(3) L’atto istitutivo può specificare che, in caso di parità di voti, la decisione dell’organo eletto della persona giuridica è decisa dal voto del presidente.

  • 159

(1) Chiunque accetti la posizione di un membro di un organo eletto, si impegna a esercitarlo con la necessaria lealtà e con la necessaria conoscenza e diligenza. Si ritiene che questo è sciatta, questo non è in grado di due diligence, anche se aveva per scoprire quando accettare la posizione o le sue prestazioni, e comprende le conseguenze per se stesso.

(2) Un membro di un organo eletto deve agire di persona; questo non impedisce a un membro di sostenere la causa per un altro membro dello stesso corpo per votare per lui in sua assenza.

(3) soppiantare Se un membro di un organo elettivo della persona giuridica il danno che aveva causato una violazione degli obblighi nell’esercizio delle loro funzioni, anche se è stato obbligato a risarcire il danno, sarà responsabile nei confronti della persona giuridica del creditore per il suo debito nella misura in cui il danno non ha sostituito se il creditore soddisfare una persona giuridica non posso permettermelo.

Sezione 160

Se un membro dell’organo eletto si ritira dall’ufficio come una dichiarazione a una persona giuridica entrante, l’ufficio cessa di essere in carica entro due mesi dalla presentazione della dichiarazione.

Negoziazione per una persona giuridica
Sezione 161

Chiunque rappresenti una persona giuridica mostrerà ciò che lo autorizza a farlo, se ciò non avviene già dalle circostanze. Chi firma una persona giuridica deve allegare al proprio nome la propria firma o, se del caso, un’indicazione del proprio lavoro o del proprio lavoro.

  • 162

Sostituzione di un membro della sua autorità giuridica come registrato nel registro pubblico, non si può sostenere che la persona giuridica non ha adottato le delibere necessarie, la risoluzione era viziato o quella risoluzione corpo membro adottata violato.

Sezione 163

L’organo statutario appartiene a qualsiasi giurisdizione che un atto giuridico fondatore, una legge o una decisione di un’autorità pubblica non conferisca a un altro ente di una persona giuridica.

Sezione 164

(1) Un membro di un organo statutario può rappresentare una persona giuridica in tutte le questioni.

(2) Se la competenza dell’ente statutario appartiene a più persone, è un organismo statutario collettivo. Se il fondatore non determina la rappresentanza legale dei suoi membri, ciascun membro deve agire in modo indipendente. Se richiesto con l’azione legale fondante per garantire che a bordo i membri agiscono insieme, il membro può essere rappresentato da una persona giuridica come solo agente, solo se è stata autorizzata ad alcuni procedimenti legali.

  • 165

(1) A meno che l’organismo statutario di un numero sufficiente di membri necessari per prendere decisioni, nomina la persona che si dimostra un interesse nei membri mancanti del tribunale per un periodo prima di nuovi membri saranno chiamati alla procedura definita nel procedimento legale fondatori; altrimenti, il tribunale nomina la persona giuridica di un tutore, anche se lo fa, ogni volta che ne viene a conoscenza.

(2) La Corte nomina una persona tutore legale, anche in assenza di una petizione, se gli interessi di legge corpo in contrasto con gli interessi di una persona giuridica e non una persona giuridica un altro membro del corpo in grado di rappresentarlo.

  • 166

(1) Un’entità legale deve rappresentare i suoi dipendenti nella misura usuale in considerazione della loro classificazione o funzione; mentre decide lo stato come appare al pubblico. Ciò che è erogate per conto del dipendente soggetto giuridico, si applicano, mutatis mutandis, alla rappresentanza della persona giuridica o di un membro di membro di altro organo costituite in società in un registro pubblico.

(2) La limitazione dell’autorizzazione sostitutiva da parte di un regolamento interno di una persona giuridica ha effetti nei confronti di una terza parte solo se deve essere nota.

Sezione 167

Una persona giuridica commette un reato commesso da un membro di un organo eletto, dipendente o altro rappresentante nell’esercizio delle sue funzioni nei confronti di terzi.

Cancellazione di una persona giuridica
Sezione 168

(1) La persona giuridica deve essere sciolta mediante azione legale, la scadenza del tempo, la decisione dell’autorità pubblica o il raggiungimento dello scopo per il quale è stata stabilita, e per altri motivi previsti dalla legge.

(2) L’annullamento volontario di una persona giuridica è deciso dalla sua autorità competente.

  • 169

(1) Dopo l’abolizione di una persona giuridica, la sua liquidazione sarà richiesta a meno che l’intera proprietà non acquisisca successore legale o se la legge disponga diversamente.

(2) Se l’azione legale sullo scioglimento di una persona giuridica, se è interrotta con la liquidazione o senza liquidazione, è annullata con la liquidazione.

  • 170

Chiunque abbia deciso di abolire una persona giuridica con liquidazione può cambiare la decisione fino a quando non sia stato raggiunto lo scopo della liquidazione.

Sezione 171

Con la liquidazione, la persona giuridica viene cancellata

  1. a) alla scadenza del periodo per il quale era basata,

(b) raggiungendo lo scopo per cui era basato,

(c) la data specificata dalla legge o dalla negoziazione legale dello scioglimento della persona giuridica, altrimenti alla sua data effettiva, o

(d) la data della decisione di un’autorità pubblica, a meno che non sia successivamente determinata nella decisione.

Sezione 172

(1) Il tribunale il moto di uno su un interesse legittimo o di propria iniziativa, annullare persona giuridica e ne ha ordinato la liquidazione se

  1. a) svolge attività illecite nella misura in cui compromette seriamente l’ordine pubblico,
  2. b) non soddisfa più i prerequisiti richiesti per la costituzione di una persona giuridica per legge,

(c) non ha un organo statutario per più di due anni, o

  1. d) la legge lo prevede.

(2) Nella misura consentita dalla legge del tribunale di annullare a causa di una persona giuridica che può rimuovere la sua corte prima della decisione fissa un termine ragionevole per porre rimedio alle carenze.

Sezione 173

(1) Se un’entità legale cessa di esistere durante la trasformazione, deve essere abolita senza liquidazione il giorno della trasformazione.

(2) se è stato certificato dal declino della persona giuridica senza liquidazione cancellato cancellazione di fallimento dopo l’adempimento della risoluzione o annullamento del fallimento perché la proprietà è del tutto insufficiente; entrerà in liquidazione se alcune proprietà appaiono dopo la procedura di insolvenza.

Trasformazione di una persona giuridica
§ 174

(1) La trasformazione di una persona giuridica è una fusione, divisione e cambiamento di forma legale.

(2) Una persona giuridica può cambiare la sua forma giuridica solo se la legge lo prevede.

  • 175

(1) Chi decide la conversione di una persona giuridica può cambiare la decisione fino a quando la trasformazione diventa effettiva.

(2) Se diventa efficace la trasformazione di una persona giuridica, non si può decidere che si è verificato, né dichiarare l’invalidità di azioni legali che hanno portato alla conversione, e non è possibile annullare la registrazione della conversione in un registro pubblico.

Sezione 176

(1) Quando la conversione è determinato alla data di efficacia dal quale il comportamento della persona giuridica disciolto è trattata ai fini contabili come atti compiuti per conto di tale entità giuridica.

(2) Il giorno che precede il giorno decisivo, la persona giuridica finale o la persona giuridica divisa per la divisione deve essere costituita. Nel giorno decisivo, un’entità legale successore o una persona giuridica viene compilata dividendo il bilancio di apertura.

Sezione 177

(1) L’effetto della trasformazione di una persona giuridica iscritta nel registro pubblico è la data della sua iscrizione nel registro pubblico. In tal caso, il giorno decisivo deve essere fissato in modo tale da non precedere la data di presentazione della domanda di registrazione della conversione nel registro pubblico per oltre dodici mesi.

(2) Se la persona in questione è entrato in registro pubblico nei vari quartieri, una proposta per la registrazione della conversione in nessuno di essi e l’autorità pubblica è entrata in un registro pubblico di tutti i fatti sono scritti nella stessa data.

Sezione 178

(1) La fusione avverrà mediante fusione o fusione di almeno due soggetti giuridici partecipanti. L’unione o fusione è considerata un trasferimento dell’attività del datore di lavoro.

(2) In caso di fusione, almeno una delle persone interessate cessa di esistere; i diritti e gli obblighi del defunto sono trasferiti a una delle persone interessate come entità legale successore.

(3) Dopo la fusione, tutte le persone interessate cesseranno e una nuova persona giuridica diventerà un successore al loro posto; i diritti e gli obblighi di tutti i defunti sono trasferiti ad esso.

  • 179

(1) L’ entità legale è divisa per la divisione dalla costituzione di nuove entità giuridiche o è divisa nel corso della fusione con altre entità giuridiche (in seguito denominata “divisione per fusione”). Un’entità legale può anche essere stabilita dividendo o combinando più divisioni. Le divisioni per fusioni, scissioni e altre divisioni sono considerate trasferimento del business del datore di lavoro.

(2) Se la persona giuridica che si scioglie si estingue e i suoi diritti e obblighi sono trasferiti a più entità legali successive, allora

(a) se l’entità legale di successione è partizionata come già esistente, viene divisa per fusione,

  1. b) se le entità legali successive devono ancora essere costituite da una divisione, si tratta di una separazione con la creazione di nuove entità giuridiche.

(3) Ai fini della entità legali scissione distribuzione dell’entità disturbare legale né estinta ma allocato parte dei suoi diritti e obblighi trasferiti a una persona successore esistente o di nuova costituzione.

  • 180

Nei casi di cui all’articolo 179, paragrafi 2 o 3, l’autorità competente della persona giuridica decide quali dipendenti della persona giuridica acquirente diventeranno dipendenti delle singole persone aventi diritto.

Sezione 181

Le persone giuridiche comuni possono essere fuse e distribuite solo se la legge lo prevede.

  • 182

Quando si cambia alla trasformazione del patrimonio del soggetto giuridico per la persona giuridica incorporante e, se richiesto da un altro legge per l’approvazione da parte di un’autorità pubblica per il trasferimento di diritti ed obblighi, richiesto il consenso per la conversione della persona giuridica.

Sezione 183

(1) Quando si cambia la forma giuridica che dovrà rotto o non termina una persona giuridica la cui forma giuridica cambiamenti, l’unico cambiamento nella sua situazione giuridica, e nel caso di una società, tra cui lo status giuridico dei suoi membri.

(2) Se il giorno in cui è stata redatta una bozza di accordo o decisione in merito alla modifica della forma giuridica della data di bilancio da altre norme, stabilire un soggetto giuridico a tale data del bilancio intermedio. I dati su cui bilancio è stato redatto alla data del cambiamento di forma giuridica, non può precedere la data del cambiamento entità giuridica della forma giuridica per più di tre mesi.

Sezione 184

(1) La trasformazione di una persona giuridica stabilita dalla legge può essere decisa, a condizione che la legge lo preveda espressamente.

(2) La trasformazione di una persona giuridica stabilita da una decisione di un’autorità pubblica è decisa da tale organismo.

Cessazione di una persona giuridica
§ 185

Una persona giuridica registrata nel registro pubblico cesserà di esistere il giorno della sua cancellazione dal registro pubblico.

Sezione 186

Una persona giuridica che non è soggetta a registrazione nel registro pubblico cesserà alla cessazione della liquidazione.

liquidazione
Sezione 187

(1) La cessione scopo della transazione proprietà annullato persona giuridica (la liquidazione essenza), saldare i debiti ai creditori e affrontare con equilibrio azionario puro che deriva dalla liquidazione (surplus di liquidazione), secondo la legge.

(2) Una persona giuridica entra in liquidazione il giorno in cui viene cancellata o dichiarata non valida. Entra in un soggetto giuridico registrato nel registro pubblico della liquidazione, il liquidatore propone senza ritardo entrata in liquidazione nel registro pubblico. Durante il periodo di liquidazione, la persona giuridica usa il suo nome con l’aggiunta “in liquidazione”.

Sezione 188

Entra in un soggetto giuridico in liquidazione, non per lei non legalmente agire al di fuori del campo specificato nel § 196 del momento sulla sua entrata in liquidazione o mai imparato su di lui e ha dovuto imparare.

Sezione 189

(1) All’atto della liquidazione, l’autorità competente deve chiamare il liquidatore una persona giuridica; il liquidatore può essere solo una persona che può essere membro dell’organo statutario. Se il liquidatore cessa di esistere prima della scadenza di una persona giuridica, l’autorità competente richiama senza indebito ritardo la persona giuridica un nuovo liquidatore.

(2) Se la persona giuridica è in liquidazione e il liquidatore non è chiamato, tutti i membri dell’organo statutario esercitano la propria competenza.

  • 190

Se diversi liquidatori sono chiamati a liquidare una persona giuridica, sono un organismo collettivo.

  • 191

(1) Una persona giuridica che è entrata in liquidazione senza essere chiamata un liquidatore ai sensi della Sezione 189 deve nominare un liquidatore, anche senza una mozione. Il tribunale nomina il liquidatore anche se ha deciso di abolire una persona giuridica.

(2) Su richiesta di una persona che dimostra interesse legale, la corte deve richiamare il liquidatore che debitamente non adempie ai suoi obblighi e nominare un nuovo liquidatore.

(3) A meno presentato un’altra proposta, o se non è possibile concedere la petizione, il procedimento giudiziario di cui al paragrafo 1 o 2 nominare un liquidatore e senza il suo consenso un organo statutario. Un tale liquidatore non può ritirarsi dalla sua posizione. Tuttavia, può chiedere al giudice di farlo funzionare assolto se prova che egli non può ragionevolmente essere richiesto per eseguire la funzione.

(4) Se un liquidatore non può essere nominato ai sensi del paragrafo 3, è nominato da un tribunale delle persone iscritte nell’elenco degli amministratori dell’insolvenza.

  • 192

Se un liquidatore è designato da un tribunale, il terzo provvederà al liquidatore con lo stesso grado di cooperazione con il liquidatore all’amministratore dell’insolvenza.

  • 193

Il liquidatore acquisisce i poteri dell’organo statutario al momento della sua professione. Per la corretta esecuzione della funzione, il liquidatore è responsabile, nonché un membro del corpo statutario.

  • 194

Solo il tribunale può ritirarsi dalla posizione di liquidatore da lui nominato.

  • 195

La ricompensa e il metodo di pagamento sono determinati dalla persona che lo ha chiamato al liquidatore.

  • 196

(1) L’attività del liquidatore può perseguire solo lo scopo che corrisponde alla natura e allo scopo della liquidazione.

(2) Se il soggetto giuridico ha ereditato un legato o un riferimento a una condizione, una prova di tempo o un ordine, questi limiti devono essere osservati dal liquidatore. Tuttavia, se una persona giuridica ha ricevuto fondi assegnati dai bilanci pubblici, il liquidatore utilizzerà tali fondi in base alla decisione dell’autorità che concede l’aiuto; Allo stesso modo, il liquidatore procede se l’entità legale ha ricevuto fondi destinati al raggiungimento di uno scopo pubblico.

  • 197

Il liquidatore soddisferà le richieste dei dipendenti nel corso della liquidazione; questo non si applica se la persona giuridica è in bancarotta.

  • 198

(1) Il liquidatore comunica la persona giuridica della liquidazione a tutti i creditori noti.

(2) Il liquidatore pubblica senza indugio almeno due volte, almeno due settimane di distanza notifica ai sensi del paragrafo 1, insieme ad un invito per i creditori di registrare le loro richieste entro un periodo non inferiore a tre mesi dalla seconda pubblicazione.

  • 199

(1) Il liquidatore redige il bilancio di apertura e l’inventario delle attività della persona giuridica alla data di iscrizione della persona giuridica in liquidazione.

(2) Il liquidatore pubblica un inventario delle attività nei confronti di qualsiasi creditore che lo richieda.

  • 200

Dove il liquidatore durante la liquidazione della persona giuridica è in bancarotta, si deve senza indugio una petizione fallimento, a meno che il caso si riferisce al § 201a

  • 201

(1) Se questo è il caso ai sensi del § 173 comma. 2 e la liquidazione non basta a soddisfare tutti i debiti, il liquidatore del ricavato pagherà nel primo gruppo, i costi di liquidazione, il secondo gruppo della bilancia per soddisfare i crediti dei dipendenti e quindi pagati nel terzo gruppo sostiene altri creditori.

(2) Se non è possibile saldare interamente i crediti nello stesso gruppo, sarà soddisfatto relativamente.

  • 202

(1) In mancanza di un termine ragionevole l’intero avvolgimento essenza monetizzare compensata regolatore del ricavato parziali costa preferenzialmente e ferma e poi il secondo gruppo, se possibile; Fatto salvo il § 201 comma. 2. Quindi i creditori liquidatore offrono debito liquidazione essenza del terzo gruppo a prendere per ripianare i debiti.

(2) In mancanza di un termine ragionevole monetizzazione avvolgimento sostanza o in parte, o se non la resa parziale delle rivendicazioni da primi e secondi gruppi completamente bilanciato ricevitore avvolgimento natura consente di prendere tutti i creditori.

(3) Il creditore a cui il liquidatore è stato offerto ai sensi dei paragrafi 1 o 2 e che non ha fatto un’offerta entro due mesi si considera abbia accettato l’offerta; questo effetto non si verifica se il liquidatore non gli ha insegnato l’offerta.

  • 203

(1) I creditori che subentrano nella liquidazione appartengono a ciascuna azione determinata dalla percentuale dei loro crediti; il resto della loro richiesta è estinta.

(2) Se uno dei creditori rifiuta di prendere parte alla liquidazione, il reclamo si considera estinto. Questo non si applica se viene scoperta la proprietà sconosciuta di una persona giuridica.

  • 204

(1) Se tutti i creditori rifiutano di accettare la natura della liquidazione, il principio di liquidazione passa alla data della scadenza della persona giuridica verso lo stato; il liquidatore notifica senza indebito ritardo l’autorità competente ai sensi di un’altra legge.

(2) In deroga ai paragrafi da 201 a 203, il creditore che, secondo un’altra legge, è un creditore garantito, soddisfa la cauzione che il suo credito è stato garantito. Se il creditore garantito non è pienamente soddisfatto nella sua richiesta, ha diritto al resto della prestazione di cui alle sezioni da 201 a 203.

Sezione 205

(1) Quando il liquidatore completa tutto quanto precede disposizione della equilibrio di liquidazione o il trasferimento di liquidare l’azienda ai sensi del § 202 o notifica ai sensi del § 204, redige una relazione finale sul processo di liquidazione, indicante come minimo da essenza di liquidazione caricato, ed eventualmente anche redigere usare il bilancio di liquidazione. Lo stesso giorno, il liquidatore prepara i rendiconti finanziari. Il liquidatore allega il record della firma ai rendiconti finanziari.

(2) La relazione finale, la proposta per l’utilizzo del bilancio di liquidazione e gli stati finanziari devono essere presentati dal liquidatore per l’approvazione alla persona che lo ha chiamato in carica. Chi è diventato il liquidatore ai sensi del § 189 paragrafo. 1, presentare una relazione finale, una proposta di utilizzare l’equilibrio dei conti di liquidazione e il corpo di una persona giuridica che abbia poteri del suo ufficio, o poteri di controllo. In assenza di tale autorità, il liquidatore presenta tali documenti e proposte per l’approvazione del tribunale.

(3) La cancellazione di un soggetto giuridico dal registro pubblico non impedisce l’approvazione dei documenti di cui al paragrafo 1.

  • 206

(1) Finché i diritti di tutti i creditori che hanno presentato le loro richieste in tempo ai sensi della sezione 198 non sono soddisfatti, la quota del saldo di liquidazione non può essere pagata né sotto forma di deposito né altrimenti utilizzata.

(2) Se il credito è contestabile o non è ancora scaduto, il saldo di liquidazione può essere utilizzato solo se il creditore ha ricevuto una sicurezza sufficiente.

  • 207

La liquidazione si conclude con l’utilizzo del saldo di liquidazione, l’acquisizione della liquidazione da parte del creditore o il suo rifiuto. Il liquidatore deve presentare una mozione per la cancellazione di una persona giuridica dal registro pubblico entro trenta giorni dalla liquidazione.

  • 208

Dove prima di cancellare l’entità giuridica di un registro pubblico di sua proprietà fino ad allora sconosciuta, o ogni volta che c’è bisogno di altre misure necessarie per porre fine alla liquidazione e il liquidatore della transazione di proprietà o eseguire altre misure necessarie. Al termine di tali negoziati, procede conformemente alle sezioni da 205 a 207; L’articolo 170 non si applica.

  • 209

(1) Se si tratta di beni sconosciute di una persona giuridica dopo la sua cancellazione dal registro pubblico, o ogni volta che c’è un altro interesse meritevole di tutela giuridica, sulla moto di qualsiasi persona dimostrando interesse legale per annullare l’eliminazione di una persona giuridica ne decide l’liquidazione e nominato un liquidatore . Chiunque tenga il registro pubblico registrerà il ripristino di una persona giuridica, il fatto che sia in liquidazione e i dati sul liquidatore in base a questa decisione. Dal momento della ripresa, la persona giuridica sembra che non sia mai scomparso.

(2) Se una persona giuridica è stata reintegrata a causa della scoperta di una proprietà sconosciuta, le rivendicazioni irrisolte dei suoi creditori devono riprendere.

Sezione 2

società
Sottosezione 1

Generalmente sulle corporazioni
§ 210

(1) La società crea come persona giuridica una comunità di persone.

(2) Una persona giuridica costituita da un singolo membro è considerata una società.

  • 211

(1) Una società può avere un solo membro, se consentito dalla legge. In tal caso, un singolo membro della società non può rescindere volontariamente la sua appartenenza, a meno che una nuova persona non arrivi al suo posto.

(2) Quando il numero dei membri di una società scende al di sotto del numero indicato dalla legge, il tribunale lo annulla e decide in merito alla sua liquidazione. Tuttavia, prima gli darà un ragionevole periodo di riparazione.

  • 212

(1) Accettando l’appartenenza a una società, un membro si impegna a comportarsi onestamente e a mantenere il proprio ordine interno. Una società non deve irragionevolmente favorire o svantaggiare il suo membro e deve proteggere i suoi diritti di appartenenza e interessi legittimi.

(2) l’uso improprio da parte degli enti privati il diritto di voto a scapito di tutto, il tribunale decide in merito alla proposta di uno che dimostra un interesse legale che il membro non può votare per questo caso particolare in considerazione. Questo diritto cesserà se la domanda non viene presentata entro tre mesi dalla data in cui si è verificato l’abuso della voce.

  • 213

I danni se la società il membro o il membro del suo corpo in un modo che stabilisce l’obbligo di pagare e che è stato danneggiato e un altro membro della società sul valore della loro partecipazione, e gli chiede se il rimborso solo il membro, il giudice può parassiti senza proposta specifica per obbligare risarcimento del danno corporation solo se giustificato dalle circostanze del caso di specie, soprattutto se è sufficientemente chiaro che una tale misura e compensare i danni alla partecipazione degradato.

Sottosezione 2

gilda
§ 214

(1) Almeno tre persone di interesse comune possono stabilire e associare l’associazione come un’associazione autonome e volontaria di membri.

(2) Crea, se le associazioni di implementare la nuova associazione di interesse reciproco, come la loro unione, espresso nel titolo della sua nuova associazione natura federale.

  • 215

(1) Nessuno sarà obbligato a partecipare al club e nessuno potrà essere impedito di uscirne.

(2) I membri dell’Associazione non sono responsabili dei loro debiti.

  • 216

Il nome del club deve contenere le parole “club” o “club registrato”, ma l’abbreviazione “zs” è sufficiente.

  • 217

(1) L’attività principale dell’associazione può essere solo la soddisfazione e la protezione degli interessi su cui si basa l’associazione. Attività o altra attività lucrativa nel core business non possono essere.

(2) Oltre alle principali attività dell’associazione può anche sviluppare l’attività economica secondaria della attività o professione, se il suo scopo è quello di sostenere le attività principali o un uso parsimonioso di proprietà federale.

(3) Il profitto derivante dalle attività dell’associazione può essere utilizzato solo per attività federali, inclusa l’amministrazione dell’associazione.

Costituzione di un’associazione
Sezione 218

I fondatori creano un’associazione se concordano sul contenuto degli statuti; gli statuti contengono almeno

  1. a) il nome e la sede legale dell’associazione,

(b) lo scopo dell’associazione,

(c) i diritti e gli obblighi dei membri dell’associazione, o la determinazione del modo in cui i loro diritti e doveri sorgono,

  1. d) designazione dell’organo statutario.

Sezione 219

Lo statuto può costituire un’associazione di ramo come unità organizzativa dell’associazione o determinare come si forma il ramo e quale autorità decide di stabilire, abolire o trasformare un’associazione di filiali.

  • 220

(1) Laddove uno statuto determina che l’appartenenza è di tipo diverso, definisce anche i diritti e gli obblighi associati ai vari tipi di appartenenza.

(2) La limitazione dei diritti o l’estensione dei doveri associati a un particolare tipo di affiliazione possono essere effettuati solo alle condizioni specificate nello statuto, altrimenti con il consenso della maggioranza dei membri interessati. Questo non si applica se l’associazione ha una giusta ragione per limitare i diritti o estendere gli obblighi.

Sezione 221

Lo statuto deve essere tenuto in forma integrale nella sede dell’associazione.

Incontri costitutivi
§ 222

(1) L’Associazione può anche essere stabilita con una risoluzione della riunione costitutiva dell’Associazione. L’assemblea costituente applica analogamente le disposizioni per una riunione dei membri.

(2) Il progetto di statuto deve essere redatto e gli altri candidati per lo stabilimento dell’associazione devono convocare il convocatore in modo adeguato alla riunione costitutiva. La responsabilità e la completezza della carta del presente devono essere verificate dal cedente o dalla persona da lui autorizzata.

  • 223

Chi arriva in una riunione costitutiva e soddisfi le condizioni per l’adesione all’associazione sono iscritte negli l’elenco delle presenze, firmando l’indicazione del suo nome e residente. Il destinatario o la persona da questi autorizzata verificano l’accuratezza e la completezza del documento. È vero che le persone iscritte alla lista del presente hanno presentato una richiesta adeguata al club.

  • 224

(1) La riunione costitutiva deve essere aperta dal delegato o dalla persona da lui designata. Informerà la riunione costitutiva del numero di partecipanti e li familiarizzerà con i negoziati che l’oratore ha già fatto nell’interesse dell’associazione. Inoltre, l’assemblea costituente proporrà regole per la sua condotta e l’elezione del presidente e di altri funzionari.

(2) L’assemblea costituente sarà eletta dai membri di quegli organi che, in base alla designazione della legge e degli statuti, eleggeranno i loro.

(3) L’assemblea costituente adotta la risoluzione a maggioranza dei voti presenti al momento del voto.

(4) Chiunque abbia votato contro l’adozione di un progetto di statuto può ritirarsi dalla domanda di adesione. Un record deve essere annotato sul registro dei presenti recanti le firme dell’uscita e della persona che ha fatto il record.

  • 225

Se la riunione costitutiva è frequentata da almeno tre persone, possono approvare lo statuto ai sensi dell’articolo 218.

Istituzione dell’associazione
§ 226

(1) L’associazione deve essere stabilita il giorno della sua iscrizione nel registro pubblico.

(2) La proposta di registrazione dell’associazione nel registro pubblico deve essere presentata dai fondatori o dalla persona nominata dalla riunione costitutiva.

(3) Se l’associazione è iscritta nel registro pubblico entro trenta giorni dalla presentazione della domanda di registrazione, e meno che entro tale termine nessuna decisione sul rifiuto della registrazione, sarà per l’associazione registrata nel registro pubblico il trentesimo giorno dopo la presentazione della proposta.

  • 227

Se il Consiglio continua a operare dopo che la sua iscrizione nel registro pubblico è stata respinta, si applicano le disposizioni sulla società.

Associazione di filiali
§ 228

(1) La personalità giuridica di un’associazione di filiale deriva dalla personalità giuridica dell’associazione principale. Un’associazione sussidiaria può avere diritti e doveri e acquisirli nella misura specificata negli statuti della principale associazione e registrati nel registro pubblico.

(2) Il nome dell’associazione affiliata deve contenere un elemento distintivo del titolo del club principale ed esprimere la sua proprietà di un’associazione di filiali.

  • 229

(1) Un’associazione sussidiaria deve essere costituita il giorno della sua iscrizione nel registro pubblico.

(2) La proposta di registrazione di un’associazione di filiale nel registro pubblico deve essere presentata dall’associazione principale.

(3) Se la decisione sulla registrazione o il suo rifiuto non viene emessa entro trenta giorni dal deposito della domanda di registrazione, il consiglio di circoscrizione si considera registrato nel registro pubblico.

(4) L’associazione legale di un’associazione di filiale, istituita prima del giorno della sua iscrizione nel registro pubblico, ha diritto e solidalmente responsabile con l’associazione di ramo. Dalla data di registrazione dell’associazione di ramo nel registro pubblico, l’associazione principale è responsabile per i debiti di un’associazione di ramo nella misura specificata dallo statuto.

Sezione 230

(1) Con l’abolizione del club principale, l’associazione di ramo viene anche cancellata.

(2) L’Associazione Generale non deve cessare di esistere prima che tutte le associazioni sussidiarie cessino di esistere.

  • 231
    annullato

membri
Sezione 232

(1) A meno che lo statuto non disponga altrimenti, l’appartenenza all’associazione è vincolante per un membro di un membro e non deve essere trasferita al suo successore legale.

(2) Se un membro dell’associazione è una persona giuridica, deve essere rappresentato dall’organo statutario, a meno che la persona giuridica non nomina un altro rappresentante.

Sezione 233

(1) Dopo la costituzione dell’associazione, l’appartenenza ad essa può sorgere accettandola come membro o da altri statuti.

(2) Chiunque richieda di diventare membro dell’associazione deve dimostrare la volontà di essere vincolato dagli statuti dal momento in cui diventa membro dell’associazione.

(3) L’ammissione come membro deve essere decisa dall’organismo designato dallo statuto, altrimenti l’organo supremo dell’associazione.

Sezione 234

Si ritiene che l’appartenenza a un’associazione di filiali sia anche membro dell’associazione principale; questo vale anche per la fine dell’adesione.

Sezione 235

Lo statuto può determinare l’importo e la durata della quota associativa o determinare quale ente dell’associazione determinerà l’importo e la durata della quota associativa e in che modo.

Sezione 236

Lista dei membri
(1) porta se la lista dei membri dell’associazione, statuti determinano come fatto nelle voci dell’elenco membro e gli assorbimenti relative alla partecipazione delle persone in campionato. Lo statuto determina inoltre in che modo sarà reso disponibile l’elenco dei membri o che non sarà reso disponibile.

(2) Ogni membro, tra cui l’ex ricevere sul proprio richiesta di conferma spese dell’associazione con un elenco di elenco dei membri contenente informazioni su di te o la conferma che questi dati sono stati cancellati. Invece di un membro defunto può chiedere la conferma del coniuge, figlio o genitore, e se nessuno di loro può richiedere un certificato o di un’altra persona vicina all’erede quando mostrano un interesse meritevole di tutela giuridica.

(3) Un elenco di membri può essere pubblicato con il consenso di tutti i membri ivi iscritti; quando pubblichi un elenco incompleto di membri, deve essere ovvio che è incompleto.

Estinzione dell’adesione
Sezione 237

L’iscrizione al club viene annullata da presenze, esclusioni o altri mezzi indicati negli statuti o nella legge.

Sezione 238

A meno che lo statuto disponga diversamente, l’appartenenza scadrà se il membro non riesce a pagare la quota di adesione o entro un termine ragionevole specificato nella associazione invito in aggiunta al pagamento, anche se questo risultato è stato notificato nella chiamata.

Sezione 239

(1) A meno che lo statuto disponga diversamente, l’associazione può espellere un membro che seriamente violato gli obblighi derivanti dalla appartenenza entro un termine ragionevole non rettificare dopo l’associazione chiamata. La chiamata non è richiesta a meno che non si possa rinunciare alla violazione dei doveri o l’associazione abbia causato danni particolarmente gravi.

(2) La decisione di esclusione deve essere consegnata al membro escluso.

  • 240

(1) Se lo statuto non specifica un altro organismo, l’organo statutario decide in merito all’esclusione del membro.

(2) A meno che gli statuti non dispongano diversamente, ogni membro può presentare una petizione di esclusione per iscritto; la proposta deve indicare le circostanze che giustificano i motivi dell’esclusione. Il membro contro cui è diretta la proposta deve avere l’opportunità di familiarizzare con la proposta di esclusione, chiedere la sua spiegazione, e dichiarare e motivare tutto ciò che gli è utile.

Sezione 241

(1) Un membro può, entro quindici giorni dalla consegna della decisione, proporre per iscritto che la decisione sulla sua esclusione venga esaminata dal collegio arbitrale a meno che gli statuti non siano designati da un altro organismo.

(2) L’autorità competente revoca la decisione di escludere un membro se contrasta con l’esclusione della legge o dello statuto; la decisione di escludere un membro può anche essere annullata in altri casi giustificati.

Sezione 242

membro espulso può, entro tre mesi dal ricevimento della decisione finale dell’associazione della sua esclusione chiedere al giudice di pronunciarsi sulla nullità di esclusione; altrimenti questo diritto è estinto. Se non è stata la notifica della decisione, il membro può presentare una proposta entro tre mesi dal giorno in cui ha imparato di esso, ma non più tardi di un anno dalla data in cui la decisione è stata dopo la fine della sua esclusione dei membri è entrato in l’elenco dei membri; altrimenti questo diritto è estinto.

Organizzazione dell’associazione
Sezione 243

Gli organi dell’associazione sono l’organo statutario e l’organo supremo, o la commissione di controllo, il collegio arbitrale e altri organi specificati negli statuti. Gli statuti possono essere nominati arbitrariamente dalle autorità dell’associazione, se non implicano una falsa impressione della loro natura.

Sezione 244

Lo statuto determina se l’organo statutario è collettivo (comitato) o individuale (presidente). A meno che gli statuti non dispongano diversamente, l’organo supremo dell’associazione elegge e rimuove i membri dell’organo statutario.

  • 245

La risoluzione della riunione dei soci o di altra autorità che è contrario al buon costume, o cambiare gli statuti in modo che il loro contenuto è in contrasto con le disposizioni coercitive della legge, è considerata come se non fossero state adottate. Ciò vale anche se è stata adottata una risoluzione su una questione che non è competente a decidere.

Sezione 246

(1) Se lo Statuto non prevede la durata del mandato dei membri degli organi eletti dell’Associazione, questo periodo sarà di cinque anni.

(2) A meno che lo statuto disponga diversamente, i componenti degli organi elettivi dell’associazione, il cui numero non è sceso al di sotto della metà, sostitutivi membri cooptare alla prossima riunione dell’organismo responsabile per l’elezione.

(3) A meno che lo statuto disponga diversamente, devono essere utilizzati per la convocazione delle riunioni e organi decisionali di associazione collettiva § 156 e § 159 paragrafo. 2 e, mutatis mutandis, le disposizioni di cui alla riunione di appartenenza.

  • 247

Ente supremo dell’associazione
(1) Lo statuto determina quale autorità è l’organo supremo dell’associazione; la sua competenza in genere appartengono ad identificare l’obiettivo principale del club, ha deciso di modificare gli articoli, per l’approvazione del profit, per valutare l’attività di altri organi, così come i loro membri di associazione e di decidere lo scioglimento dell’associazione o liquidazione della sua conversione.

(2) Se il corpo di legge sotto dello Statuto sociale come il suo organo supremo e non è in grado di esercitare il potere per un periodo superiore ad un mese, almeno un quinto dei membri dell’Associazione di convocare una riunione di tutti i membri dell’associazione; l’assemblea del corpo supremo dell’associazione passa all’assemblea. Questo non si applica se gli statuti determinano diversamente.

(3) A meno che lo statuto non disponga altrimenti, l’appartenenza all’Associazione sarà l’organo supremo; le disposizioni di cui ai paragrafi da 248 a 257 si applicano a una riunione dei soci a meno che gli statuti non dispongano diversamente.

Riunione dei membri
Sezione 248

(1) Una riunione dei soci convoca una riunione dell’organo statutario dell’associazione almeno una volta all’anno.

(2) L’organo statutario dell’associazione convoca una riunione di incontro dei membri su iniziativa di almeno un terzo dei membri dell’associazione o di vigilanza dell’associazione. Se non convocare una riunione organo statutario della riunione dei membri dell’associazione entro trenta giorni dal ricevimento del reclamo, la persona che ha presentato una denuncia, chiamare una riunione dei membri riuniti a spese del campionato stesso.

  • 249

(1) Le riunioni di una riunione dei soci devono essere convocate in modo appropriato entro il termine specificato dallo statuto, altrimenti almeno trenta giorni prima della riunione. L’invito deve mostrare il luogo, l’orario e l’ordine del giorno dell’incontro.

(2) Se una riunione convocata ai sensi del § 248, può essere all’ordine del giorno della riunione contro la proposta di cui al reclamo cambiato solo con il consenso della persona che ha dato.

(3) La sede e l’ora della riunione devono essere determinati in modo tale da ridurre al minimo la possibilità per i membri di partecipare.

  • 250

(1) Chi ha convocato la sessione può appellarsi o rimandarli nella stessa maniera in cui è stato convocato. Se si verifica meno di una settimana prima della data della riunione annunciata, l’associazione sostituirà i membri che hanno partecipato alla riunione in conformità con l’invito alle spese effettivamente sostenute.

(2) Se la sessione è convocata ai sensi dell’articolo 248, può essere revocata o posticipata solo su proposta o con il consenso della persona che ha avviato la riunione.

  • 251

Ogni membro ha il diritto di partecipare alle riunioni e di richiedere e ottenere una spiegazione sulla questione dell’associazione, se si riferisce al soggetto richiesto riunione di chiarimento dei membri di riunione. Se richiesto dal membro alla dichiarazione riunione dei fatti che la legge vieta di pubblicare o associazione la cui divulgazione potrebbe causare gravi danni, non è in grado di fornire.

  • 252

(1) Un’assemblea dei soci può dimettersi con la partecipazione della maggioranza dei membri dell’associazione. La risoluzione sarà adottata a maggioranza dei membri presenti al momento del quorum; ogni membro ha una voce.

(2) Se si stabiliscono nel trattamento di vari tipi di appartenenza in campionato, è una sorta di appartenenza riguardava solo un voto consultivo Ignorare questa voce per le finalità di cui al paragrafo 1.

  • 253

(1) La sessione inizierà a verificare se una riunione membro è in grado di quotare. In seguito, dovrà provvedere all’elezione del presidente della riunione e, se necessario, di altri funzionari, se è richiesta la loro scelta di statuti.

(2) Il presidente tiene una riunione nello stesso modo in cui è stato annunciato il suo programma, a meno che una riunione del membro non decida di porre fine alla sessione prematuramente.

(3) Una questione che non è stata inserita nell’ordine del giorno di una riunione al momento dell’annuncio può essere decisa solo con la partecipazione e con il consenso di tutti i membri dell’associazione aventi diritto a votare su di essa.

  • 254

(1) L’organo statutario dell’Associazione garantisce che il verbale dell’assemblea sia redatto entro trenta giorni dalla sua cessazione. Se ciò non è possibile, il verbale deve essere redatto dalla persona che ha presieduto la sessione o che ha nominato la riunione.

(2) Il verbale deve essere chiaro chi ha convocato la riunione e come, quando ha avuto luogo, che ha avviato, chi aveva presieduto quello che ogni incontro gli altri funzionari degli eletti, quale decisione è stata presa e quando la voce viene disegnato.

(3) Ogni membro dell’associazione può consultare il verbale della riunione alle condizioni previste dallo statuto. Salvo diversa indicazione, questo diritto può essere esercitato presso la sede dell’associazione.

  • 255

Riunioni dei membri parziali
Lo statuto può stabilire che la riunione di una riunione dei membri si svolgerà sotto forma di riunioni parziali dei membri o, se del caso, quali questioni non possono essere decise in questo modo. Se lo statuto sociale consente le riunioni parziali dei membri, deve anche specificare il periodo durante il quale devono svolgersi tutte le sessioni. Per la capacità di dimettersi e di prendere una risoluzione, i membri presenti e i voti del cast vengono sommati.

  • 256

Assemblee di delegati
(1) Lo statuto può stabilire che la riunione di un membro sia tenuta da un’assemblea di delegazione.

(2) Ogni delegato deve essere eletto con lo stesso numero di voti. Se ciò non è possibile, lo statuto può determinare una ragionevole deviazione per la scelta dei delegati.

  • 257

Riunione alternativa di una riunione di membri
(1) A meno che la riunione del membro nella riunione in grado di deliberare, l’organismo statutario o la persona che ha convocato l’incontro iniziale, un nuovo invito a convocare entro quindici giorni dalla riunione dei precedenti membri riunioni sulle sessioni alterne. Deve essere chiaro dall’invito che si tratta di una riunione sostitutiva di una riunione dei membri. La riunione supplente di una riunione dei membri deve essere tenuta al più tardi entro sei settimane dalla data in cui la riunione della riunione dei membri è stata convocata per la prima volta.

(2) In una riunione surrogata, una riunione dei membri può trattare solo le questioni incluse nell’ordine del giorno della sessione precedente. La risoluzione può essere accettata con la partecipazione di un numero qualsiasi di membri a meno che gli statuti non stabiliscano diversamente.

(3) Se una riunione di un membro decide in una riunione delle riunioni dei membri membri o se decide invece una Assemblea dei Delegati, la procedura deve essere analoga ai paragrafi 1 e 2.

Invalidità della decisione del corpo dell’associazione
§ 258

Ogni membro dell’associazione o che ha un interesse per questo tipo di tutela giuridica, si può chiedere al giudice di pronunciarsi sulla nullità della decisione dell’Associazione dell’autorità per il suo conflitto con la legge o statuto, se l’invalidità non può essere invocata per gli organi dell’associazione.

  • 259

Il diritto di invocare l’invalidità della decisione scade entro tre mesi dalla data in cui il firmatario ha appreso o potrebbe aver appreso della decisione, ma non oltre un anno dopo che la decisione è stata presa.

  • 260

(1) L’annullamento corte la decisione è stata espressa, se v’è stata una violazione della legge o statuto, ma aveva gravi conseguenze legali, e se è nell’interesse dell’associazione meritevole di tutela legale per l’annullamento di decisioni obiezioni.

(2) Il tribunale non può annullare la decisione anche se sarebbe sostanzialmente influenzata dal diritto di un terzo acquisito in buona fede.

Sezione 261

(1) Se l’Associazione viola seriamente il diritto fondamentale di un membro, il membro ha diritto a una soddisfazione ragionevole.

(2) Se la commissione di ricorso si innalza, il tribunale non concede la soddisfazione di un membro dell’Associazione se non è stata applicata

  1. a) all’ora specificata per la domanda di dichiarazione di nullità, o

(b) entro tre mesi dalla data in cui la decisione di rigetto della domanda è divenuta definitiva, se tale proposta è stata respinta a norma dell’articolo 260.

Commissione di controllo
Sezione 262

(1) Laddove lo Statuto è stabilito dal Comitato di verifica, è necessario che siano presenti almeno tre membri. Salvo diversa disposizione dello Statuto, i membri del Comitato di verifica eleggono e revocano la Riunione Soci. Se gli statuti designano che i membri del comitato di revisione contabile sono nominati o revocati da un organo statutario, questi devono essere ignorati.

(2) Se lo Statuto non specifica ulteriori restrizioni, l’appartenenza alla Commissione Audit non è compatibile con l’appartenenza all’organo statutario della Società o con la funzione di liquidatore.

Sezione 263

Il Comitato di controllo controlla che gli affari dell’associazione siano condotti correttamente e che l’associazione svolga le sue attività in conformità con i suoi statuti e regolamenti legali, a meno che lo statuto non gli conferisca ulteriori poteri. Se la commissione di ispezione rileva delle carenze, l’organo statutario, nonché gli altri organismi designati dallo statuto, devono richiamare l’attenzione su di essi.

Sezione 264

Nell’ambito del Comitato di verifica, il membro autorizzato può ispezionare i documenti dell’associazione e richiedere spiegazioni ai membri di altri organi dell’associazione o ai suoi dipendenti su singole questioni.

Commissione arbitrale
Sezione 265

Quando viene istituito un collegio arbitrale, le questioni contestate appartenenti all’autogoverno federale sono determinate dallo statuto; se lo Statuto non specifica la giurisdizione del collegio arbitrale, decide le controversie tra il membro e l’associazione sul pagamento delle quote associative e rivede la decisione di escludere un membro dall’associazione.

Sezione 266

(1) A meno che lo statuto non disponga diversamente, il collegio arbitrale dispone di tre membri che eleggono e richiamano la riunione di un membro o una riunione dei membri dell’associazione.

(2) un membro del panel arbitrale può essere irreprensibili solo un adulto e coloro che siano capaci che in campionato non agisce come un membro del corpo legale o di vigilanza. Se nessuno ha dichiarato l’invalidità dell’elezione di un membro del collegio arbitrale per mancanza di buona integrità, fatta salva una modifica delle circostanze, l’integrità della persona è stata eletta.

(3) Il membro del collegio arbitrale deve essere escluso dall’esecuzione del caso, a cui le circostanze del caso devono essere impedite o che potrebbero essere impedite a formulare giudizi imparziali.

  • 267

Il procedimento dinanzi al tribunale arbitrale è disciplinato da una diversa regolamentazione legale.

Sezione 268

Annulla il club
(1) Il tribunale abolisce il consiglio di liquidazione su richiesta di una persona che abbia un interesse legittimo ad esso, o di propria iniziativa, nel caso in cui l’associazione, quando notificata al tribunale,

  1. a) svolge attività vietate ai sensi dell’articolo 145,
  2. b) opera in violazione della Sezione 217,

(c) costringere i terzi a unirsi all’associazione, a partecipare alle sue attività oa sostenerlo, oppure

  1. d) impedire ai membri del club di apparire.

(2) Le disposizioni della sezione 172 non sono influenzate.

Liquidazione dell’associazione
§ 269

(1) Alla liquidazione dell’associazione di liquidazione, il liquidatore deve compilare un inventario delle attività e metterlo a disposizione dei membri dell’associazione presso la sede dell’associazione.

(2) Il liquidatore pubblica un inventario della proprietà contro il pagamento dei costi a qualsiasi membro che lo richieda.

  • 270

(1) Se il liquidatore non può essere convocato in altro modo, il tribunale nomina il liquidatore senza il consenso di alcuno dei membri dell’organo statutario. Se ciò non è possibile, il tribunale nomina un liquidatore senza il consenso di un membro dell’associazione.

(2) Il liquidatore nominato ai sensi del paragrafo 1 di dimettersi, ma può chiedere al giudice di assolverlo dalla carica se prova che egli non può ragionevolmente essere richiesto per eseguire la funzione.

Sezione 271

Il liquidatore liquiderà la sostanza di liquidazione solo nella misura in cui è necessario far fronte ai debiti dell’associazione.

  • 272

(1) Il liquidatore deve gestire il saldo di liquidazione in base allo Statuto.

(2) Se il saldo di liquidazione non può essere regolato in conformità allo Statuto, il liquidatore deve offrire il saldo di liquidazione dell’Associazione con uno scopo simile. Se ciò non è possibile, il liquidatore deve offrire un saldo di liquidazione al comune sul cui territorio la società ha la propria sede legale. Se il comune non presenta offerte entro due mesi, il saldo di liquidazione sarà acquisito dalla regione nel cui territorio la società ha la propria sede legale. Se un saldo di regolamento viene acquisito da un comune o da una regione, lo utilizzerà solo a fini di pubblica utilità.

Sezione 273

Se l’associazione ha ricevuto il beneficio assegnato dal bilancio pubblico, le disposizioni di cui al § 272 non si applicano e il regolatore si occuperà della parte rilevante del saldo di liquidazione da parte dell’autorità competente.

Fusioni di società
§ 274

Le società partecipanti stipulano un accordo di fusione come un accordo di fusione o un accordo di fusione.

  • 275

La fusione comprende almeno le informazioni relative al nome, indirizzo e dati identificativi per ciascuna delle associazioni aderenti, indicando che l’associazione sta scomparendo e che un successore, e la data di registrazione.

  • 276

(1) L’Accordo sulla Fusione delle Associazioni contiene anche disposizioni sullo statuto dell’associazione successiva.

(2) In caso di modifica dello statuto di un’associazione successiva, l’accordo di fusione includerà un contratto per tale modifica.

  • 277

(1) In collaborazione con il progetto di accordo di fusione elaborato i membri degli organi direttivi delle associazioni partecipanti e un messaggio che spiega i motivi economici e giuridici e le conseguenze della fusione. Il rapporto può anche essere redatto come una newsletter congiunta per tutti i club partecipanti.

(2) Il rapporto spiega i motivi economici e giuridici e le conseguenze della fusione non può essere eseguita se tutti i membri di un’associazione che partecipano membri del suo organo statutario o di vigilanza o il consenso di tutti i membri dell’associazione partecipanti.

  • 278

L’assemblea di una riunione di membri alla quale sarà sottoposta all’approvazione la bozza di proposta di fusione sarà convocata dal delegato almeno trenta giorni prima della riunione. Entro questa scadenza, devono essere resi disponibili a tutti i membri

  1. a) il progetto di termini della fusione,
  2. b) lo statuto dell’associazione successiva,

(c) una dichiarazione delle attività e delle passività di tutte le società partecipanti non più vecchie di sei mesi e

(d) una relazione che illustri i motivi economici e giuridici e le conseguenze della fusione, se necessario.

  • 279

(1) Le organizzazioni partecipanti pubblicano almeno trenta giorni prima della riunione dei membri annuncio congiunto, dichiarando, ciò che le associazioni interessate alla fusione e in che modo l’associazione diventerà l’associazione successore.

(2) Se il destinatario dei benefici di associazione a carico del bilancio pubblico, se un numero trascurabile di creditori e, se l’importo totale del debito è trascurabile, è sufficiente che l’avviso consegnato ai creditori noti.

  • 280

Logs Se il creditore club partecipante da ricevere entro sei mesi dalla data in cui la registrazione della fusione è divenuta efficace contro di lui, ha diritto alla sicurezza adeguato si deteriora se l’esigibilità dei crediti. Se il creditore dimostra di essere gravemente danneggiato a seguito di una fusione, ha diritto a una certezza sufficiente prima che la fusione sia registrata nel registro pubblico.

Sezione 281

(1) La bozza del contratto di fusione deve essere approvata dalle riunioni dei membri delle società partecipanti. Le riunioni di appartenenza possono solo approvare o respingere un progetto di accordo di fusione.

(2) Le riunioni delle riunioni dei membri delle associazioni partecipanti possono anche essere convocate come riunioni congiunte. A quel tempo, le riunioni dei membri delle società partecipanti votano separatamente sul progetto di contratto di fusione. Se, tuttavia, dopo l’approvazione della bozza del contratto di fusione elegge i membri del consiglio del successore dell’associazione, membro riunione delle associazioni partecipanti decidono di votare su questi membri insieme.

  • 282

La persona che firma la bozza del contratto di fusione per la joint venture allegherà alla firma, oltre ad altri dettagli, l’indicazione che il progetto di accordo è stato approvato dalla riunione di appartenenza dell’associazione e quando è avvenuto. L’accordo di fusione è adottato con una risoluzione della riunione dei membri dell’ultima delle società partecipanti per approvare la bozza di contratto del contratto di fusione e la sua firma per la joint venture.

Sezione 283

Una domanda di dichiarazione di nullità di un accordo di fusione può essere presentata solo unitamente a una domanda di annullamento di una risoluzione di una riunione del socio che approva questo contratto. Solo l’associazione partecipante o la persona autorizzata a presentare una richiesta di nullità di una riunione membro ha diritto a reclamare l’invalidità.

  • 284

(1) La domanda di registrazione di una fusione nel registro pubblico deve essere presentata congiuntamente da tutte le società partecipanti. Se la fusione è una fusione, la proposta deve essere firmata dai membri dell’organo statutario dell’associazione successiva.

(2) In base alla proposta, l’autorità competente della registrazione della fusione, in modo che lo stesso giorno cancellati nel registro pubblico delle associazioni disciolti, notando che è il loro successore legale, e nella fusione

  1. a) la fusione di note nel successore Society Giornata efficacia della fusione e il nome, l’indirizzo dell’ufficio e identificando le società di informazione, che si è fusa con l’associazione successore, e tutte le altre modifiche in campionato successore, se a seguito della fusione avvenuta,

(b) mediante fusione, registra l’associazione successiva e annota i nomi, gli indirizzi della sede e identifica i dati delle associazioni che sono i suoi predecessori legali.

Sezione 285

Una volta che la fusione è stata registrata nel registro pubblico, il contratto di fusione non può essere modificato o annullato.

Sezione 286

Con l’adesione alla fusione, i membri dell’associazione successiva diventano membri del club di successione.

Sezione 287

(1) non presentare se la partecipazione di registrazione società della fusione entro sei mesi dalla data in cui il contratto di fusione, è possibile una delle associazioni partecipanti, che è stato preparato a presentare una proposta, l’accordo di fusione a ritirarsi. Se una sola parte si ritira dal contratto, l’obbligo di tutte le parti in base al contratto è abolito.

(2) Se le società partecipanti non riescono a presentare una domanda di registrazione della fusione entro un anno dalla data in cui è stato concluso il contratto di fusione, tutte le società partecipanti saranno ritirate dal contratto.

(3) in solido con l’associazione che ha fatto la registrazione della fusione non è stata presentata in tempo, sostituire le altre associazioni del danno subito da parte dei membri del corpo di legge, ad eccezione di coloro che provano che essi hanno sviluppato sforzi sufficienti per petizione è stata presentata in tempo.

Divisione dell’associazione
§ 288

(1) Al momento della divisione per fusione, le società partecipanti concludono un accordo di distribuzione.

(2) Il contratto di distribuzione deve includere almeno:

(a) i dettagli del nome, della sede legale e dell’identificazione delle società partecipanti, che indicano quale società è in liquidazione e chi sono i successori,

(b) la determinazione delle attività e delle passività dell’associazione uscente da parte delle associazioni successive,

(c) determinare chi i dipendenti del clan-club diventano dipendenti delle singole associazioni di successione,

(d) il giorno applicabile.

(3) Se si verificano a seguito della fusione della divisione di modificare gli statuti di qualsiasi club successore, contratti su divisione anche un accordo su questo cambiamento.

(4) Salvo diversa disposizione dell’accordo di divisione, ciascun membro dell’associazione che si fonde acquisisce alla data della distribuzione effettiva dell’effettivo in tutte le società di successione.

Sezione 289

(1) Quando si divide con la creazione di nuovi club, il club distribuito deve redigere un progetto di divisione.

(2) Il progetto contiene almeno

(a) i dettagli del nome, della sede legale e dell’identificazione delle società partecipanti, che indicano quale società è in liquidazione e chi sono i successori,

(b) la determinazione delle attività e delle passività dell’associazione uscente da parte delle associazioni successive,

(c) determinare chi i dipendenti del clan-club diventano dipendenti delle singole associazioni di successione,

  1. d) il progetto di statuto delle società di successione,
  2. e) il giorno decisivo.

(3) A meno che il progetto di divulgazione non disponga altrimenti, ogni membro dell’associazione di clan acquisirà alla data effettiva della divisione della membership in tutte le società di successione.

  • 290

(1) Se non è chiaro dal contratto di distribuzione o dal progetto di distribuzione quale proprietà viene trasferita dall’associazione distribuita alle società successive, le associazioni successive sono i comproprietari di tali beni.

(2) la mancanza di un accordo sulla divisione o il progetto di divisione chiaro quali debiti trasferiti dall’associazione distribuito alle associazioni successore, il club, il successore del debito in solido.

Sezione 291

(1) Una volta fuse, le disposizioni sulla fusione si applicano mutatis mutandis.

(2) Quando dividendo la formazione di nuovi club elaborare un organo statutario dell’associazione distribuito insieme con il progetto e la distribuzione del rapporto che spiega i motivi economici e giuridici e le conseguenze della divisione. La relazione non deve essere redatta se tutti i membri dell’associazione sono membri del suo organo statutario o tutti i membri dell’associazione concordano.

Sezione 292

(1) Una riunione di una riunione di membri alla quale viene sottoposto all’approvazione un accordo di distribuzione o un progetto di divisione è convocata dal delegato almeno trenta giorni prima della riunione.

(2) Entro il periodo di cui al paragrafo 1 è rendere l’associazione presso la sua sede a tutti i membri della relazione organo statutario che spiega i motivi economici e giuridici e le conseguenze della distribuzione, se la sua copia necessario. Il rapporto deve includere,

  1. a) se si tratta di una divisione della fusione, il progetto di accordo sulla divisione, gli statuti successore dell’associazione e un prospetto delle attività e delle passività di tutte le associazioni partecipanti non più di sei mesi, o
  2. b) se si tratta di una divisione della formazione di nuove società, della divisione, la dichiarazione di attività e passività distribuito dall’associazione così come il bilancio di apertura e un progetto di società statuti successore.

Sezione 293

(1) almeno trenta giorni prima della riunione dell’associazione membri incontro distribuisce pubblica un avviso che indica ciò che la divisione delle preoccupazioni della comunità e che le società diventano le sue organizzazioni successore. Nella notifica, la società sindacata avvisa anche il creditore del loro diritto ai sensi dell’articolo 301.

(2) Se il destinatario dei benefici di associazione a carico del bilancio pubblico, se un numero trascurabile di creditori e, se l’importo totale del debito è trascurabile, è sufficiente che l’avviso consegnato ai creditori noti.

Sezione 294

(1) L’accordo di distribuzione è approvato dalle riunioni dei membri dei club partecipanti. La sezione 282 si applica mutatis mutandis.

(2) Il piano di distribuzione è approvato dalla riunione dei soci dell’associazione distribuita.

(3) Una riunione di membri può solo approvare o rifiutare un progetto di divisione o divisione.

  • 295

(1) Il club distribuito presenta una domanda di registrazione della divisione nel registro pubblico. Se la divisione è una fusione, la proposta congiunta sarà distribuita sia dal distribuito che dal successore.

(2) Sulla base della proposta, l’autorità competente registra la divisione sopprimendo l’associazione per la cessione lo stesso giorno, comunicando chi è il suo successore legale e la sua distribuzione

  1. a) la concentrazione di note nella divisione Lega successore ha effetto il giorno della fusione e il nome, l’indirizzo registrato e identificare associazione dati, che è il successore alla sezione amalgamato e altre modifiche nella lega successore, se il risultato della divisione è verificato.

(b) La costituzione di nuovi club sarà effettuata mediante la registrazione di club successivi e includerà il nome, l’indirizzo della sede legale e l’identificazione dell’associazione che è il suo predecessore legale.

  • 296

Dopo la divisione della divisione nel registro pubblico, il piano di divisione o divisione non può essere modificato o annullato.

Sezione 297

(1) non presentare, se alla divisione per la fusione della domanda organizzazioni partecipanti per la divisione di registrazione entro sei mesi dalla data in cui il contratto è stato concluso sulla divisione, l’una delle associazioni partecipanti, che era pronto a presentare una proposta, il contratto per la distribuzione a dimettersi. Se una sola delle parti si ritira dal contratto, gli obblighi di tutte le parti in base al contratto scadono.

(2) Se, in caso di cessione da parte di una fusione di un’associazione partecipante, la domanda di divisione della divisione non viene conclusa entro un anno dalla data in cui è stato concluso l’accordo di ripartizione, tutte le società partecipanti saranno ritirate dal contratto.

(3) in solido con l’associazione, che ha causato la petizione non è stata depositata in divisione di tempo, sostituirà le altre associazioni del danno subito da parte dei membri del corpo di legge, ad eccezione di coloro che provano che essi hanno sviluppato sforzi sufficienti per petizione è stata presentata in tempo.

  • 298

Eccetto dove l’associazione distribuito nella distribuzione della formazione di nuova applicazione associazioni per la divisione registrazione entro un anno dalla data in cui viene presa la decisione sulla distribuzione annulla la scadenza del termine della decisione di separazione.

  • 299

(1) Ogni associazione successiva sarà responsabile, insieme alle altre società successorie, dei debiti trasferiti dall’associazione distribuita ad un’altra associazione successiva.

(2) Può essere se distribuito dall’associazione di valutare i loro beni da parte di un esperto di lui nominato da tennis sotto un’altra legge, compresa la valutazione separata dei beni di stimolazione a varie organizzazioni successore, e soddisfare obblighi informativi ai sensi del § 269, garantisce ogni associazione successore per i debiti di cui al paragrafo 1 solo al valore patrimoniale netto acquisito dalla divisione.

(3) I creditori che hanno ricevuto la garanzia ai sensi dell’articolo 300 non possono rivendicare il diritto alla garanzia di cui ai paragrafi 1 e 2.

  • 300

Logs Se il creditore club partecipante da ricevere entro sei mesi dalla data in cui la divisione di registrazione è entrata in vigore nei suoi confronti, ha diritto alla sicurezza adeguata, se prova che l’esigibilità dei crediti si deteriora. Se il creditore dimostra di essere gravemente aggravato a causa della rottura del credito, ha diritto a una certezza sufficiente prima che la divisione sia inserita nel registro pubblico.

  • 301

(1) Ogni persona i cui interessi legali sono influenzati dalla divisione, ha il diritto di ricevere una delle associazioni partecipanti comunicate entro un mese dal ricevimento della domanda, che passa dividendo le attività tra le organizzazioni successore.

(2) Se il debitore dell’associazione defunta è assente, chi, dopo la divisione dell’associazione è il suo creditore, può soddisfare una qualsiasi delle società di successione. A meno che il creditore dell’associazione defunta abbia ricevuto una dichiarazione, che, dopo la divisione dell’associazione, sia il debitore, può richiedere l’esecuzione di qualsiasi associazione successore.

  • 302

Se essi stabiliscono che la fusione o la scissione del club decide un’autorità diversa da una riunione dei membri, si applicano le disposizioni della fusione o della scissione campionato nelle decisioni di un tale, mutatis mutandis, il corpo all’assemblea dei soci.

Sezione 3

fondazione
Sottosezione 1

Generalmente su basi
§ 303

La fondazione è un’entità legale creata da una proprietà dedicata a uno scopo particolare. La sua attività è legata allo scopo per cui è stata stabilita.

  • 304

La fondazione è costituita da un atto giuridico fondatore o da una legge in cui deve essere determinata anche la sua sicurezza e finalità.

  • 305

Gli affari interni della fondazione cambiano il suo status.

Sottosezione 2

fondazione
Sezione 306

(1) Il fondatore istituisce una fondazione per il servizio permanente per uno scopo socialmente o economicamente utile. Scopo della fondazione può essere un bene pubblico, è quando la promozione del bene comune, anche benefica, è dove il supporto di una certa cerchia di persone designate singolarmente o in altro modo.

(2) È vietato istituire una fondazione per sostenere partiti e movimenti politici o altra partecipazione alle loro attività. È vietato creare una fondazione che serva esclusivamente a fini di lucro. Se la fondazione svolge uno scopo proibito, il tribunale lo annulla, a seconda del caso, e ordina la sua liquidazione.

  • 307

(1) La Fondazione può fare affari se l’attività è puramente di natura ausiliaria e il ricavato dell’azienda serve solo a promuoverne lo scopo; tuttavia, la fondazione non può fare affari se il fondatore l’ha esclusa dall’elenco delle fondazioni. Alle stesse condizioni, la fondazione può assumere la direzione dell’azienda.

(2) La Fondazione non è un garante illimitato di una società commerciale.

  • 308

(1) Il nome della Fondazione contiene la parola “Fondazione”.

(2) Una parte regolare del nome della Fondazione è un segno che indica il suo scopo.

Fondazione fondatrice
Sezione 309

(1) La fondazione è fondata da una carta di fondazione, che può essere la carta di fondazione o l’acquisizione in caso di morte.

(2) Lo statuto fondatore della fondazione deve essere acquisito da una o più persone.

(3) Se più di una persona è trovata per conto del fondatore, sarà considerata come la fondatrice della fondazione e agirà all’unanimità negli affari della fondazione; se una di queste persone rifiuta di concedere il consenso senza una ragione seria, la sostituisce con la decisione delle altre persone fondatrici con una decisione del tribunale.

(4) La Carta della Fondazione richiede la forma di uno strumento autentico.

  • 310

Lo statuto fondatore della fondazione contiene almeno

  1. a) il nome e la sede della Fondazione,

(b) il nome del fondatore e il suo domicilio o sede legale,

(c) la definizione dello scopo per il quale si basa la Fondazione,

  1. d) l’ammontare del deposito di ciascun fondatore,

(e) l’ammontare del capitale di dotazione,

(f) il numero di membri del consiglio di amministrazione, i nomi e le residenze dei suoi primi membri e un’indicazione del modo in cui i membri del consiglio di amministrazione agiscono per conto della Fondazione,

  1. g) il numero dei membri del Consiglio di vigilanza, nonché il nome e la residenza dei suoi primi membri o, se il consiglio di vigilanza non è stabilito, il nome e l’indirizzo del primo ispettore,

(h) determinazione del gestore del deposito e

(i) le condizioni per la concessione del contributo della Fondazione, o la gamma di persone ammissibili per esso, o la gamma di attività che la Fondazione può svolgere per il suo scopo, o la determinazione dello statuto della Fondazione in quanto tale.

  • 311

(1) Quando la Fondazione è fondata sulla morte di una fondazione, la Fondazione darà un contributo chiamando la fondazione dell’erede o un decreto di riferimento. In tal caso, la fondazione diventa efficace con la morte del defunto.

(2) Se il certificato di fondazione è incluso nell’acquisizione in caso di morte, contiene almeno

  1. a) il nome della Fondazione,

(b) la definizione dello scopo per il quale si basa la Fondazione,

(c) l’ammontare del deposito,

(d) un’indicazione dell’importo del capitale di dotazione;

(e) le condizioni per la concessione del contributo della Fondazione, o la gamma di persone a cui può essere concesso, o la determinazione che questi elementi forniscono lo statuto della Fondazione.

  • 312

(1) Se l’acquisizione in caso di morte non contiene altri elementi specificati nella Sezione 310, la persona designata nell’acquisizione, altrimenti l’esecutore testamentario, decide su di essi; ciò vale anche se il testatore ha nominato membri del consiglio di amministrazione o del consiglio di sorveglianza e uno di loro è deceduto, è incapace di agire o lo respinge.

(2) Una decisione a norma del paragrafo 1 assume la forma di un atto pubblico.

  • 313

(1) Se il certificato di fondazione non specifica l’oggetto del deposito, l’obbligo di deposito sarà pagabile in contanti.

(2) è stato determinato quando la carta di fondazione l’obbligo di deposito soddisfatta introducendo l’elemento non-cash, e se questo non è possibile o raggiunto se il valore del deposito nel rispetto importo del deposito obbligo determinato l’atto, si ritiene che il depositante differenza compensato soldi.

  • 314

Statuto della Fondazione
(1) Lo statuto della Fondazione deve essere adeguato almeno

(a) il modo in cui gli organi della Fondazione devono agire;

(b) le condizioni per la concessione della sovvenzione o, se del caso, la gamma di persone a cui può essere fornita.

(2) Dove non c’è il fondatore statuto della Fondazione insieme al carta di fondazione, dà previa autorizzazione del Consiglio di Sorveglianza del consiglio di amministrazione entro un mese dalla data della fondazione. Se la carta non scade, il Consiglio dei Governatori decide sulle modifiche allo Statuto previa approvazione del Consiglio di Sorveglianza.

(3) La Fondazione pubblica lo statuto depositandolo nella raccolta di documenti. Tutti possono ispezionare e recuperare estratti, copie o copie di essi nel registro pubblico. Lo stesso diritto può essere applicato anche presso la sede della Fondazione.

  • 315

Fondazione di fondazione
(1) La fondazione deve essere stabilita il giorno della sua iscrizione nel registro pubblico.

(2) Il fondatore dovrà presentare la proposta per l’iscrizione della Fondazione nel registro pubblico; se ciò non è possibile e il Fondatore non ha dichiarato diversamente, il Consiglio di Amministrazione presenterà una domanda di registrazione per conto della Fondazione.

  • 316

Cambio del sedile di fondazione
Se la carta non esclude la Carta della Fondazione, il Consiglio di Amministrazione può cambiare la sede della Fondazione dopo aver previamente notificato il Consiglio di Sorveglianza. La decisione di trasferire la sede della Fondazione all’estero richiede l’approvazione del tribunale; il tribunale non può approvare il trasferimento del seggio se non sussistono motivi seri per esso o se il cambiamento della sede legale comprometterebbe gli interessi legittimi delle persone a cui verrà concessa la sovvenzione.

Modifica della carta della fondazione
§ 317

Dopo l’istituzione della fondazione, la Carta della Fondazione può essere modificata nella misura e nei modi in cui il fondatore si riserva espressamente per la Fondazione o uno degli organi della Fondazione nella Carta della Fondazione.

  • 318

(1) Ogni volta che le circostanze dopo la costituzione della fondazione in modo che essi causano nell’interesse della necessità ragionevole della Fondazione per i cambiamenti nei suoi affari interni, il fondatore del cambiamento carta di fondazione, anche se tale diritto nella carta di fondazione, non ha riservato; la validità della modifica è richiesta per essere approvata dal consiglio di amministrazione e la modifica non pregiudica i diritti di terzi.

(2) pubblica una modifica allo statuto della fondazione; la modifica entrerà in vigore tre mesi dopo la data di pubblicazione. Se proposto tribunale entro tale termine, la persona che sostiene che i suoi diritti sono stati colpiti cambiando la carta di fondazione di pronunciarsi sulla nullità dei cambiamenti, il giudice può decidere che l’efficacia di cambiamenti nella dotazione atto rinviata la sua decisione.

(3) Le disposizioni dei paragrafi (1) e (2) non si applicano se la modifica della carta si riferisce a una parte di esso che il fondatore ha stabilito nella Carta della Fondazione per essere immutabile.

  • 319

(1) Se v’è stato uno dei fondatori e cambiato se le circostanze dopo la formazione in modo che essi causano nell’interesse della ragionevole necessità della Fondazione per cambiamenti nella sua situazione interna, in grado di modificare l’atto di dotazione per decidere su proposta corte della Fondazione; la presentazione della proposta deve essere approvata dal consiglio di direzione.

(2) Se la modifica proposta alla carta non pregiudica i diritti di terzi, allo stesso tempo, l’intenzione del fondatore deve essere accertata il più lontano possibile dalla carta della fondazione e le condizioni stabilite dal fondatore per tale caso sono state soddisfatte.

(3) La corte di decidere su ogni cambiamento di dotazione atto conto del parere del Consiglio di Sorveglianza, tenendo conto degli interessi dei terzi meritevoli di tutela giuridica.

  • 320

Determinare se il fondatore della carta di fondazione esplicitamente che è immutabile, o che non è possibile modificare una certa parte di esso non può essere modificata o decisione del tribunale.

Disposizioni speciali per cambiare lo scopo della Fondazione
§ 321

(1) Non è così, se il diritto carta di fondazione di cambiare lo scopo della Fondazione fondatori Fondazione o di qualsiasi organismo può modificare il tribunale su proposta approvata dal consiglio di amministrazione e di controllo della Fondazione. Tuttavia, se il fondatore o la persona specificata nella carta non concorda con tale modifica, la corte respinge la petizione.

(2) La Fondazione pubblica senza indebito ritardo dopo la presentazione di un progetto di comunicazione della modifica proposta. Chiunque abbia un interesse legale ad agire può presentare ricorso contro la petizione in tribunale entro un mese dalla data in cui è stato pubblicato l’avviso.

  • 322

Se raggiungere l’obiettivo della fondazione è impossibile o difficile raggiungere i fondatori delle cause sconosciute o imprevedibile per lui, il giudice sostituisce la proposta del fondatore o la persona su di essa ha un interesse legale nello scopo corrente dello scopo simile fondazione, a meno che la carta di fondazione diversamente specificato.

  • 323

A meno che non v’è stato uno dei fondatori e meno che una delle parti che il fondatore o stabilito un diritto di decidere di modificare lo scopo della Fondazione o di tale consenso rifiuti, il giudice prende la decisione di cambiare lo scopo della conto della Fondazione delle intenzioni e dei desideri del famoso del fondatore, anche se non dalla carta di fondazione ovviamente.

  • 324

Il cambiamento dello scopo di una fondazione da un beneficio pubblico a uno di beneficenza può essere deciso dal tribunale solo se vi è una ragione particolarmente seria per esso e la carta della fondazione non la esclude.

  • 325

Quando lo scopo della fondazione cambia, le donazioni devono essere concessi per lo scopo originario e il reddito da esse utilizzate per fornire contributi di fondazione a seconda dello scopo originale a meno che il donatore influenzerà un’altra.

  • 326

Modifiche Se lo scopo della fondazione Corte può contemporaneamente decidere il suo ufficio, in che misura e per quanto tempo, la Fondazione utilizzerà i proventi della dotazione principale di fornire contributi di fondazione in accordo con lo scopo originario. Questa scala e il tempo saranno determinati ogni volta che è richiesto un giusto interesse per le persone designate rispetto allo scopo originario della Fondazione per il beneficiario delle sovvenzioni della Fondazione. Cambia la corte lo scopo della fondazione di pubblica utilità per beneficenza e se non sulla portata e il tempo, la Fondazione utilizzerà i proventi quattro quinti di fornire contributi di fondazione in accordo con lo scopo originario per cinque anni dalla data in cui il cambiamento è diventato efficace

Depositi alla Fondazione
§ 327

(1) L’ammontare del deposito con un oggetto non monetario non può essere determinato da un importo superiore al valore dell’oggetto del contributo del parere dell’esperto.

(2) Se l’oggetto di un contributo a una fondazione è non monetario, deve soddisfare l’assunzione di un rendimento permanente e non deve fungere da garanzia.

  • 328

(1) Se il contributo della sicurezza di investimento o strumento del mercato monetario in base alla legge che disciplina le attività commerciali sul mercato dei capitali può essere il suo valore determinato anche la media ponderata dei prezzi ai quali sono stati eseguiti mestieri come titolo o strumento su un mercato regolamentato entro sei mesi prima del pagamento del deposito.

(2) Il paragrafo 1 non si applica se il valore del deposito indicato al paragrafo 1, colpiti da circostanze eccezionali che l’avrebbe soddisfare alla data di obblighi di deposito è cambiato in modo significativo.

  • 329

(1) Quando un deposito è una questione diversa da un titolo di investimento o uno strumento del mercato monetario ai sensi della legge che disciplina l’attività del mercato finanziario, il valore può anche essere determinato

(a) il valore di mercato di una questione determinata da un esperto indipendente generalmente riconosciuto che utilizza pratiche e principi di valutazione generalmente accettati non prima di sei mesi prima dell’adempimento dell’obbligo di deposito, o

  1. b) l’ammontare della valutazione delle cose nel bilancio per il periodo contabile immediatamente precedente la formazione del requisito di deposito se la questione è valutato al fair value da altre norme, e se il revisore ha esaminato i rendiconti finanziari con un giudizio senza rilievi.

(2) Il paragrafo 1 non si applica in caso di nuove circostanze che potrebbero modificare significativamente il valore del deposito alla data di adempimento dell’obbligo di deposito.

Sezione 330

(1) Prima della fondazione della fondazione, l’obbligo di deposito deve essere almeno uguale all’ammontare aggregato di depositi corrispondente ad almeno 500.000 CZK.

(2) I depositi presso la Fondazione devono essere accettati dalla persona designata come Depositario dalla Carta della Fondazione. Se il suo ufficio cessa di esistere, il Fondatore o l’esecutore testamentario o altra persona autorizzata deve ricorrere al nuovo Gestore dei depositi senza indebito ritardo; se questo non è possibile, il nuovo gestore del fondo chiamerà il Consiglio di amministrazione della Fondazione. I diritti e gli obblighi dell’amministratore si applicano mutatis mutandis alle disposizioni sui diritti e gli obblighi dei membri degli organi delle persone giuridiche.

  • 331

(1) L’ obbligo di deposito deve essere soddisfatto trasferendo l’oggetto del deposito al gestore del deposito. La Fondazione acquista la proprietà del deposito il giorno della sua nascita, lega Tuttavia, se la legge di acquisizione della registrazione della proprietà nel registro pubblico della Fondazione acquisisce deposito oggetto di proprietà a questa voce.

(2) Se l’oggetto del deposito è un deposito in contanti, il depositante lo deposita su un conto speciale presso la banca o la cooperativa di risparmio e credito che deve costituire per la fondazione e per suo conto. Chiunque conduca l’account non consentirà il pagamento alla fondazione fino alla creazione della fondazione, a meno che non sia provato che la fondazione non è stata validamente stabilita; se la fondazione si basa su un caso di morte, è necessario che il tribunale decida di invalidare la fondazione.

(3) Se l’oggetto del deposito è un soggetto registrato nell’elenco pubblico, il depositante deve consegnare al depositario anche la dichiarazione di deposito; dopo la fondazione della fondazione, il suo titolo nell’elenco pubblico sarà registrato sulla base di questa dichiarazione. È richiesto che la dichiarazione sia firmata dal depositante ufficialmente verificata.

  • 332

depositi Gestore conferma per iscritto alla persona che suggerisce Aziende Fondazione in un registro un obbligo di deposito pubblico soddisfatto, quando è successo, ciò che è oggetto di investimento e qual è l’importo totale dei depositi. Se depositi gestore confermati maggiori prestazioni gamma di ciò che corrisponde alla realtà, è responsabile fino a creditori differenza per i debiti della Fondazione per cinque anni dalla costituzione della fondazione.

  • 333

(1) L’ oggetto depositato del deposito deve essere consegnato alla fondazione dal depositario senza indebito ritardo dopo la sua creazione.

(2) Se la fondazione non si presenta, il gestore di deposito deve restituire il deposito alla persona che ha rimborsato o contribuito. Le azioni legali prese dall’amministratore nel corso del corso sono anche vincolanti per questa persona.

  • 334

(1) All’atto dell’istituzione della fondazione, la Fondazione può essere moltiplicata per doni di dotazione o una decisione di aumentare il capitale della Fondazione.

(2) Dove, in natura donazione soggetto presupposto delle entrate permanenti e servono come sicurezza se, si è capito che il dono moltiplica il capitale di dotazione.

Patrimonio della Fondazione e capitale di dotazione
§ 335

Le attività della fondazione sono la sicurezza di base e altri beni.

  • 336

(1) Il fondo di fondazione consiste in una serie di articoli di deposito alla fondazione o, eventualmente, regali di donazione.

(2) Il deposito di fondazione deve avere un valore totale di almeno 500.000 CZK.

Sezione 337

La dichiarazione monetaria del fondo di fondazione è la capitale della fondazione. L’ammontare del capitale di dotazione è iscritto nel registro pubblico.

  • 338

(1) La Fondazione utilizza le sue attività in conformità con lo scopo dichiarato nel rogito, nonché nello statuto e alle condizioni ivi progettati per fornire contributi di fondazione, al fine di garantire le proprie attività per raggiungere il suo scopo, e per coprire i costi di valutazione di dotazione principale ei costi della propria gestione.

(2) Gli atti giuridici di cui la fondazione si assume alcuna responsabilità illimitata per un’altra persona, è trascurabile.

  • 339

(1) Ciò che costituisce un principio di sicurezza non può essere fermato o utilizzato in altro modo per garantire il debito. Ciò non si applica se la fondazione gestisce una struttura commerciale nella misura necessaria per il suo buon funzionamento.

(2) rubare qualcosa può essere il fondamento del capitale solo se è in contrasto con la volontà della persona che ha donato la donazione fondazione o deposito obbligo adempiuto. In caso contrario, può essere qualsiasi cosa, da dotazione di alienare principale solo se questo è il caso per l’esame inclusi nel valore capitale di dotazione o se è necessario l’alienazione ha causato un tale cambiamento di circostanze che non potevano essere previsti e altrimenti non può trattare con esso l’esercizio di due diligence.

Sezione 340

La Fondazione gestisce la Fondazione con la cura che fornisce per l’amministrazione di proprietà straniere. Se il consenso del beneficiario richiede il consenso del beneficiario effettivo ai sensi di una disposizione sulla gestione semplice di attività estere, per tale azione legale è richiesto il previo consenso della persona indicata nella Carta; se questa persona non è designata, è richiesto il consenso preventivo dell’Organismo di vigilanza.

Sezione 341

(1) raggiunto se la dotazione di capitale o di fatturato fondazione nell’ultimo esercizio, ammontano ad almeno dieci volte superiore rispetto indicati nel § 330 paragrafo. 1, fatte salve le bilanci annuali, le dichiarazioni di finanza straordinaria e del bilancio consolidato sottoposti ad audit.

(2) L’ audit del revisore dei conti è soggetto ai rendiconti finanziari anche se decide di aumentare o diminuire il capitale di dotazione o di convertire la fondazione.

Aumento del capitale di dotazione
§ 342

(1) Dopo l’approvazione del bilancio, il consiglio di amministrazione entro un anno dalla data in cui sono stati identificati i dati, di cui vengono preparati i bilanci, per decidere sulla proliferazione del fondo di dotazione e aumentare la dotazione di capitale,

(a) se l’aumento del capitale della Fondazione non è superiore alla differenza tra l’ammontare dei fondi propri delle attività della Fondazione riportati nel bilancio delle passività e del capitale di dotazione, e

(b) se i fondi propri non sono utilizzati per aumentare il capitale della Fondazione, che sono specificamente assegnati alla Fondazione e il cui scopo non è quello di cambiare la Fondazione.

(2) La decisione in merito alla proliferazione di capitale di dotazione e di aumentare il capitale di dotazione include l’importo di cui la dotazione aumenti di capitale, e indicano la fonte da cui il capitale di dotazione aumenta, secondo la struttura delle proprie fonti di finanziamento attività della Fondazione nel bilancio.

(3) Se la Fondazione stabilisce una riduzione delle risorse proprie da eventuali bilanci successivi, viene presa la decisione di aumentare il capitale di questi rendiconti finanziari.

Sezione 343

(1) aumenta se il capitale di dotazione della Fondazione per l’importo del dono, che è la materia in oggetto idoneo a essere un contributo alla Fondazione può essere la misura di aumentare il capitale di dotazione superiore al valore osservato.

(2) La decisione di aumentare il capitale di dotazione comprende l’entità della dotazione aumenti di capitale, e una descrizione di cose che riproduce il principio di dotazione, insieme con un’indicazione del valore dell’oggetto è affermando come determinazione di tale valore.

Riduzione del capitale di fondazione
Sezione 344

(1) se non vietato dalla carta di fondazione, la dotazione di fondazione a ridurre il capitale riducendo il capitale di dotazione, se si richiede più interesse economico nel soddisfare il suo scopo. Ridurre dotazione di capitale può essere un massimo di un quinto dell’importo corrispondente all’importo del capitale di dotazione in cinque anni. Riducendo il capitale della Fondazione, non può coprire direttamente o indirettamente i costi di gestione della Fondazione.

(2) La decisione di ridurre il capitale di dotazione comprende l’importo con cui viene ridotto il capitale di dotazione e il motivo della sua diminuzione.

Sezione 345

È vietato ridurre il capitale di fondazione a meno di 500.000 CZK.

  • 346

Se la Fondazione preleva una parte del fondo di fondazione o se il suo valore diminuisce in modo sostanziale, la Fondazione, senza indebito ritardo, completa il principio di fondazione; se non è fattibile, ridurrà il capitale di dotazione nella misura della corrispondente perdita.

Disposizioni comuni
Sezione 347

Il Consiglio di amministrazione decide l’aumento o la riduzione del capitale della Fondazione, previo consenso del Consiglio di vigilanza.

Sezione 348

L’aumento o la riduzione del capitale di dotazione diventa effettivo alla data di iscrizione nel registro pubblico.

Fondo di affiliazione
Sezione 349

(1) Contratto Fondazione può affidare l’amministrazione come un fondo associata attività idonee per essere il contributo alla Fondazione e ad incaricare la Fondazione di utilizzare questa proprietà per ujednanému scopo, se rilevanti per la missione della Fondazione; l’uso non può essere basato sul sostegno di un partito politico o di un movimento politico.

(2) L’accordo richiede una forma scritta.

  • 350

Se si concorda che la fondazione gestirà il fondo affiliato con un’etichetta separata, l’etichetta deve includere la dicitura “fondo di affiliazione”. La designazione deve essere mostrata contemporaneamente al nome della fondazione che gestisce il fondo affiliato.

  • 351

Si ritiene che la Fondazione eserciti una gestione semplice delle attività nel fondo affiliato e che la esegua a titolo oneroso nella somma normalmente richiesta in casi simili.

  • 352

(1) La gestione della Fondazione è soggetta alla gestione di un Fondo associato. Le attività in un fondo affiliato registrano la fondazione separatamente dalle sue attività.

(2) Se una fondazione viene cancellata, il liquidatore e il fondo affiliato devono gestirli in modo che la loro natura legale e il loro scopo continuino a essere preservati.

Contributo della Fondazione
§ 353

(1) La Fondazione fornisce un contributo basi per una persona che è un membro dell’istituzione o che è dipendente della fondazione, né una persona vicina a loro.

(2) Se non fosse per i motivi degni di particolare attenzione, a causa di fondatore sul cambiamento delle circostanze, non può fornire il contributo di dotazione base del suo fondatore; Se ci sono questi motivi, consiglio di amministrazione previa consultazione con il Consiglio di Sorveglianza o un revisore. Questo vale anche per il caso di un contributo fondazione una persona vicina al fondatore, a meno che la Fondazione è stata istituita per sostenere le persone vicine al fondatore.

  • 354

Chi riceve una sovvenzione può usarlo solo in conformità con i termini e le condizioni; la Fondazione deve dimostrare su richiesta come è stata utilizzata. Chiunque abbia utilizzato il contributo della Fondazione in violazione dei termini e delle condizioni, lo restituirà alla Fondazione come arricchimento ingiustificato.

  • 355

(1) La Fondazione eroga contributi di fondazione, se l’ammontare delle attività proprie fonti di finanziamento della Fondazione riportato in bilancio come passività è inferiore all’importo del fondo di dotazione di cui al paragrafo 2, o qualora possa essere inferiore al valore rettificato del capitale di dotazione a causa della concessione di sovvenzioni .

(2) L’ammontare del capitale di dotazione deve essere aggiunto per gli scopi di cui al paragrafo 1

  1. a) aumento del capitale di dotazione a seguito del ricevimento del capitale o della decisione di dotazione, anche se non è stato ancora registrato nel registro pubblico;

(b) risorse proprie specificamente legate e di cui la Fondazione non ha diritto a cambiare.

(3) Le disposizioni dei paragrafi 1 e 2 non si applicano in caso di donazione di donazioni per donazioni di donatori.

Sezione 356

Una persona che abbia accettato in buona fede una sovvenzione della Fondazione concessa in violazione della Sezione 355 non è obbligata a restituirla.

  • 357

Costi di amministrazione
La Fondazione addebita separatamente i contributi della Fondazione, altre attività per soddisfare lo scopo della Fondazione e i costi della sua amministrazione.

Relazione annuale
§ 358

(1) La Fondazione prepara una relazione annuale entro la fine del sesto mese successivo alla scadenza dell’esercizio precedente.

(2) La relazione annuale deve contenere rendiconti finanziari e una panoramica di tutte le attività della Fondazione, compresa la valutazione di tali attività.

(3) Nella relazione annuale, la Fondazione deve indicare almeno

(a) una panoramica delle attività e delle passività,

  1. b) per le donazioni individuali, una panoramica delle persone che hanno fornito una donazione per un valore superiore a 10.000 CZK,

(c) una panoramica di come sono stati utilizzati i beni della Fondazione,

  1. d) una panoramica delle persone che hanno ricevuto una sovvenzione per un importo superiore a 10.000 CZK,
  2. e) valutare se la Fondazione abbia rispettato le sue regole di condotta per la concessione di sovvenzioni di dotazione di cui alle sezioni da 353 a 356 e una panoramica dei costi della propria amministrazione;

(f) una valutazione delle informazioni di base dei conti annuali e della relazione del revisore se la fondazione è tenuta a far certificare i rendiconti finanziari dal revisore.

(4) Se, dopo la pubblicazione del rapporto, diventa evidente il fatto che giustifica la correzione del rapporto, la Fondazione procede e pubblica la correzione senza indebito ritardo.

Sezione 359

(1) Se il donatore lo richiede, la Fondazione non indica i dati del donatore nella relazione annuale. Anche il beneficiario ha lo stesso diritto. Se viene concessa una sovvenzione superiore a 10.000 CZK, l’anonimato può essere richiesto solo da una persona che ha ricevuto una sovvenzione per motivi umanitari, in particolare per motivi medici.

(2) La Fondazione rimarrà anonima se il beneficiario lo invia al richiedente prima dell’approvazione della relazione annuale. Tuttavia, una persona che ha ricevuto una donazione umanitaria può esercitare il suo diritto all’anonimato in qualsiasi momento se la fondazione non gli ha insegnato il diritto a ricevere la borsa di studio; si presume che l’istruzione non è stata data.

  • 360

(1) La Fondazione pubblica la relazione annuale entro trenta giorni dalla sua approvazione da parte del Consiglio dei Governatori e la mette a sua disposizione anche presso la sua sede. Se la fondazione non è stabilita come beneficio pubblico, sarà sufficiente rendere disponibile la relazione annuale presso la sua sede centrale.

(2) non approvate dalla relazione annuale del consiglio di amministrazione, Fondazione pubblica una relazione annuale con le modalità di cui al paragrafo 1 entro la fine del periodo immediatamente successivo contabile, indicando che la relazione annuale non è stato approvato e per quali motivi.

Sezione 361

Ognuno può ispezionare e fare estratti, copie o copie di essi nel registro pubblico nel rapporto annuale. Lo stesso diritto può essere applicato anche presso la sede della Fondazione.

Consiglio di amministrazione
Sezione 362

Il Consiglio di amministrazione è l’organo statutario della Fondazione; ha almeno tre membri.

Sezione 363

Se la Carta della Fondazione non specifica ulteriori restrizioni, una persona che non è membro del Consiglio di Amministrazione non è eleggibile

  1. a) è un membro del Supervisory Board della Fondazione,

(b) è in un rapporto di lavoro con la Fondazione, o

(c) non è impeccabile in relazione allo scopo della Fondazione.

Sezione 364

Se la Carta della Fondazione non specifica un altro mandato per un membro del Consiglio di amministrazione, è di cinque anni. Se la Carta della Fondazione non scade, il Consiglio di Amministrazione può anche essere eletto ripetutamente.

Sezione 365

(1) Se la lista di fondazione non specifica altro, il consiglio di amministrazione eleggerà e richiamerà i suoi membri stessi.

(2) La Carta della Fondazione può stabilire che un certo numero di membri del Consiglio di Amministrazione debba essere eletto tra i candidati nominati al Consiglio di Amministrazione dalle persone designate dalla Carta della Fondazione, o dalle persone specificate secondo le modalità ivi specificate.

Sezione 366

A meno che lo statuto della fondazione altri motivi, il Consiglio si ritira dalla carica di suoi membri, che ripetutamente o gravemente violato la carta di fondazione o statuto, o che ha rotto la legge in manifestamente distorcere la reputazione della Fondazione. In caso contrario, entro un mese dalla data in cui i ricorsi presentati, ma entro sei mesi dalla data in cui la ragione era, membro appelli bordo dalla sua carica su movimento della persona dimostrazione di un interesse legittimo; il diritto di ricorrere a un membro del consiglio di amministrazione cessa di esistere se non è stato eseguito entro un anno dalla data in cui è insorto il motivo del ricorso.

Sezione 367

(1) Se il consiglio di amministrazione cessa di esistere, il consiglio di amministrazione del nuovo membro sarà eletto entro tre mesi. In caso contrario, nomina un nuovo membro del consiglio di amministrazione su proposta dell’organo di vigilanza o su proposta di una persona che dimostri interesse legale finché il Consiglio di amministrazione non elegge un nuovo membro.

(2) Il Tribunale nominerà un nuovo membro del Consiglio di amministrazione di propria iniziativa se il Consiglio di amministrazione per la riduzione dei suoi membri non è in grado di effettuare una nuova elezione.

Consiglio di sorveglianza
§ 368

(1) L’Organismo di Vigilanza è l’Organismo di Vigilanza e di Controllo della Fondazione; ha almeno tre membri.

(2) Il Consiglio di sorveglianza deve essere istituito se il capitale della Fondazione è almeno dieci volte superiore a quello previsto nell’articolo 330, paragrafo 1.

  • 369

Se la Carta della Fondazione non specifica ulteriori restrizioni, la persona nel Consiglio di vigilanza non è ammissibile

(a) è un membro del consiglio di amministrazione o del liquidatore,

(b) è in un rapporto di lavoro con la Fondazione, o

(c) non è impeccabile in relazione allo scopo della Fondazione.

  • 370

(1) Se la Carta della Fondazione non riesce a stabilire lo statuto della Fondazione o gli altri membri del Consiglio di Sorveglianza entro i limiti della sua designazione, il Consiglio di Sorveglianza

(a) controlla se il Consiglio di amministrazione esercita i suoi poteri secondo la legge e in conformità con i suoi statuti e statuti,

  1. b) verifica il rispetto delle condizioni stabilite per la concessione dei contributi di fondazione,
  2. c) attira l’attenzione del consiglio di amministrazione sulle carenze individuate e formula proposte per il loro rimedio,
  3. d) controlla come vengono tenuti i conti ed esamina i bilanci annuali, straordinari e consolidati,
  4. e) esprime il suo parere sulla relazione annuale e

(f) riferisce al consiglio di amministrazione almeno una volta all’anno per iscritto sulle sue attività di controllo.

(2) Il Consiglio di vigilanza rappresenta la Fondazione nei confronti di un membro del Consiglio di amministrazione, nonché in qualsiasi questione in cui l’interesse dei membri del Consiglio di amministrazione sia contrario agli interessi della Fondazione. A tal fine, l’OdV istruisce uno dei suoi membri.

Sezione 371

(1) Il Consiglio di Sorveglianza convoca una riunione del Consiglio di Amministrazione, a meno che il Presidente del Consiglio di Amministrazione non formuli la proposta del Consiglio di Sorveglianza.

(2) Nell’ambito del Consiglio di vigilanza, il membro autorizzato può ispezionare i documenti della Fondazione e richiedere spiegazioni ai singoli membri del personale della Fondazione o del suo personale.

Sezione 372

Se la Carta della Fondazione non specifica altro, l’Organismo di Vigilanza elegge e richiama direttamente l’Organismo di Vigilanza. Le disposizioni del Consiglio di amministrazione si applicano mutatis mutandis all’elezione e alla revoca dei membri del Consiglio di vigilanza e al loro mandato.

ispettore
Sezione 373

(1) Se non è istituito alcun Consiglio di vigilanza, il Consiglio di vigilanza esercita i suoi poteri.

(2) Carta Dotazione Fondazione o statuto può prevedere che il revisore svolgere la funzione di una persona giuridica la cui attività consente il monitoraggio delle prestazioni e attività di ispezione, e che questa caratteristica si esibirà anche a tempo indeterminato.

Sezione 374

(1) Per poter beneficiare di essere un revisore dei conti si applica mutatis mutandis § 369. Se una persona giuridica revisore può esercitare i diritti ei doveri del rappresentante del supervisore, che si qualifica sotto la prima frase.

(2) Se la Carta della Fondazione non specifica un periodo più breve, il mandato dell’ispettore ha una durata di cinque anni. Il revisore può essere votato ripetutamente se l’elenco delle fondazioni non esclude.

Sezione 375

(1) Se la Carta della Fondazione non specifica diversamente, il Consiglio di Amministrazione eleggerà e revocherà il Consiglio di Sorveglianza.

(2) A meno che lo statuto della fondazione altri motivi, il Consiglio si ritira il supervisore che ripetutamente o gravemente violato la carta di fondazione o statuto, o che ha rotto la legge in manifestamente distorcere la reputazione della Fondazione. In caso contrario, entro un mese dalla data in cui i ricorsi presentati, ma entro sei mesi dalla data in cui la ragione era, l’appello Comptroller tribunale su istanza della persona dimostrando un interesse legittimo; il diritto di reclamare la revoca del revisore è estinto se non è stato eseguito entro un anno dalla data in cui è stato presentato il ricorso.

Annullamento della fondazione di liquidazione
Sezione 376

Se lo scopo per cui è stata fondata la Fondazione è raggiunto, la Fondazione viene cancellata e il Consiglio Direttivo elegge il liquidatore.

Sezione 377

(1) Il tribunale abolisce la fondazione di liquidazione su proposta della persona che ha un interesse legale in esso, o di propria iniziativa, nel caso in cui

(a) la Fondazione gestisce un’attività vietata ai sensi dell’articolo 145 o agisce in violazione dell’articolo 307,

  1. b) la fondazione diventa un garante illimitato di una società commerciale,
  2. c) la Fondazione viola gravemente o ripetutamente il divieto di concedere un contributo alla Fondazione a una persona di cui alla sezione 353,

(d) la fondazione non fornisce contributi di dotazione per più di due anni senza avere una seria ragione per farlo,

  1. e) la fondazione amministra il capitale di fondazione in violazione del § 339,
  2. f) il valore del deposito di fondazione è ridotto a meno di 500.000 CZK e tale condizione dura per più di un anno dalla fine del periodo contabile in cui il valore del capitale è diminuito,

(g) il capitale di dotazione non produce rendimento per più di due anni, o

  1. h) non è permanentemente possibile per la Fondazione continuare a realizzare il suo scopo.

(2) Questa disposizione non pregiudica la sezione 172.

Sezione 378

(1) Il liquidatore deve liquidare la sostanza di liquidazione nella misura necessaria per il regolamento dei debiti della Fondazione. Il saldo di liquidazione sarà liquidato secondo la carta.

(2) Se una fondazione di fondazione di beneficenza decide che il saldo di liquidazione deve essere utilizzato per scopi diversi da quelli di pubblico interesse, deve essere ignorato.

Sezione 379

(1) Se il certificato di fondazione non specifica come deve essere gestito il saldo di liquidazione, il liquidatore lo offre a una fondazione con uno scopo simile. Tuttavia, se c’è una ragione seria per questo, il Consiglio di amministrazione può decidere che il saldo di liquidazione sarà preferibilmente offerto al comune, regione o stato.

(2) Se non è fattibile per una fondazione con uno scopo analogo offrire un saldo di liquidazione, o se l’offerta presentata ai sensi del paragrafo 1 è respinta, il liquidatore deve offrire un saldo di liquidazione al comune nel cui territorio ha sede la fondazione. Se il comune non accetta l’offerta entro due mesi dalla sua data di entrata in vigore, il saldo di liquidazione sarà acquisito dalla regione nel cui territorio è situata la fondazione.

  • 380

Se il saldo del regolamento è acquisito dal comune, dalla regione o dallo stato, utilizzerà il bilancio di liquidazione solo per il beneficio pubblico.

Sezione 381

Se alla Fondazione è stata assegnata una prestazione di bilancio pubblico, le disposizioni della sezione 378 non si applicano e il liquidatore gestisce la parte pertinente del saldo di liquidazione deciso dall’autorità competente.

Conversione della Fondazione
Sezione 382

(1) La fondazione può essere trasformata mediante fusione con un’altra fondazione o fondo di fondazione o cambiando la forma giuridica in un fondo di fondazione.

(2) La fondazione può essere fusa con un’altra fondazione o con un fondo di fondazione, a meno che la lista di fondazione non la escluda e le persone coinvolte abbiano lo stesso scopo o simili. Quando si fonde una fondazione con un fondo di fondazione, la fondazione deve essere un successore.

Sezione 383

(1) Il contratto di fusione deve includere almeno:

  1. a) informazioni sul nome, l’ubicazione e l’identificazione delle persone interessate, indicando quali di esse sono estinte e quale successore,

(b) la determinazione in quale struttura l’acquirente assume le componenti del capitale azionario e straniero della persona non inadempiente,

(c) l’ ammontare del capitale della Fondazione, se la Fondazione è il successore,

(d) un accordo per modificare lo status del successore in caso di cambiamento della fusione,

  1. e) il giorno decisivo.

(2) In caso di fusione di una fondazione, l’ammontare del capitale di dotazione di cui al paragrafo 1 c) dato dalla somma del capitale di dotazione delle fondazioni. Con la fusione di un fondo di fondazione con la fondazione come successore, il capitale di dotazione può essere aumentato alle condizioni stabilite nella Sezione 342; in tal caso, il contratto di fusione deve includere gli elementi specificati al § 342 (2).

(3) L’accordo di fusione richiede la forma di uno strumento autentico.

Sezione 384

(1) Le parti interessate prima di stipulare un contratto di fondersi con l’altro fanno i loro conti e forniscono ulteriori informazioni e documenti necessari alla valutazione delle implicazioni giuridiche ed economiche della fusione.

(2) Coloro che hanno familiarità con i dati di cui al paragrafo 1 devono tenere riservati i fatti che la legge vieta la divulgazione pubblicare o interessato può causare gravi lesioni.

Sezione 385

Consiglio di Sorveglianza o revisori stakeholder esamina i conti di ciascuna delle parti in causa e compilare un rapporto sui fatti che sono oggetto della contabilità, tra cui un parere sul progetto di accordo di fusione e le conseguenze economiche della fusione; la relazione può anche essere compilata come comune a tutti gli interessati.

Sezione 386

(1) Quando viene redatta una relazione conformemente alla sezione 385, essi decidono di unire il consiglio di amministrazione delle persone interessate. Le riunioni del Consiglio devono essere annunciate almeno trenta giorni prima della riunione; entro tale termine, è messo a disposizione di ciascun membro del consiglio di amministrazione

  1. a) i progetti di termini di fusione,

(b) se la fusione deve comportare una modifica dello statuto del successore, i suoi statuti,

(c) i rendiconti finanziari di tutte le persone coinvolte; se il bilancio a partire dalla data dei dati da cui copia aggiornata del progetto di accordo sulla fusione è stato più di sei mesi, anche prospetti contabili della persona interessata,

(d) il bilancio di apertura del successore nel titolo;

  1. e) il rapporto secondo § 385.

(2) Il consiglio di amministrazione può solo accettare o respingere il progetto di fusione.

(3) Se le riunioni del consiglio di amministrazione delle persone interessate sono tenute in comune, le singole commissioni votano separatamente sul contratto di fusione proposto. Tuttavia, se i membri dei corpi dei successori vengono eletti dopo l’approvazione dell’accordo, i consigli di amministrazione delle persone interessate possono decidere di votare congiuntamente su tali membri.

Sezione 387

(1) Le persone interessate pubblica, almeno trenta giorni prima della riunione del Consiglio annuncio congiunto, affermando, ciò che le persone sono preoccupati di fusione e che di loro diventeranno l’entità successore.

(2) log Se un creditore della persona in questione un reclamo entro sei mesi dalla data in cui la registrazione della fusione è divenuta efficace contro di lui, ha diritto alla sicurezza adeguata, se prova che l’esigibilità dei crediti si deteriora. Se il creditore dimostra che la fusione a causa della esigibilità dei crediti significativamente peggiore, ha diritto alla sicurezza sufficiente prima divisione iscrizione in un registro pubblico.

Sezione 388

Solo il soggetto interessato, un membro del consiglio di amministrazione, un membro del consiglio di vigilanza o un revisore hanno il diritto di chiedere la fusione; tale diritto cessa di esistere se la domanda non viene presentata entro tre mesi dalla data della riunione del consiglio di amministrazione.

Sezione 389

(1) La domanda di registrazione della fusione nel registro pubblico è presentata congiuntamente da tutte le persone interessate; la proposta deve inoltre essere firmata dai membri dell’organo statutario del successore.

(2) Sulla base di una proposta per effettuare la registrazione della fusione, in modo che la stessa data di eliminare il registro pubblico di fondere quelle note, che è il successore legale e le persone successore specificano la data di efficacia della fusione e il nome, l’indirizzo dell’ufficio e informazioni di identificazione di persone con la persona successiva sostituita e ogni ulteriore modifica al successore se si verifica la fusione.

  • 390

(1) non inviare se l’interessato una proposta per la registrazione della fusione entro sei mesi dalla data in cui il contratto è stato stipulato una fusione, una delle parti interessate, che era pronto a presentare una proposta, recedere dal contratto. Se una sola delle parti si ritira dal contratto, gli obblighi di tutte le parti, in base al contratto, cessano di esistere.

(2) Se le parti interessate non riescono a presentare una domanda di registrazione della fusione entro un anno dalla data in cui è stato concluso l’accordo di fusione, tutte le parti interessate si ritirano dal contratto.

(3) in solido con il partito che ha causato la fusione petizione non è stata presentata in tempo, sostituire i danni da altre parti interessate che ha causato membri del suo organo statutario, ad eccezione di quelli che dimostrano che essi hanno sviluppato sforzi sufficienti per petizione è stata depositata in tempo .

Modifica della forma giuridica della Fondazione a un fondo di fondazione
Sezione 391

(1) ammette Se la carta di fondazione in particolare, il consiglio di amministrazione sulla previo parere del consiglio di sorveglianza o il revisore decidere di cambiare lo status giuridico del fondo di dotazione della Fondazione, ma solo se v’è una riduzione del valore della quota capitale di dotazione di sotto dell’importo di cui al § 330 paragrafo. 1, un periodo non transitorio di tempo.

(2) La decisione di cambiare la forma legale deve includere

(a) la designazione della Fondazione in base al nome, all’ubicazione e ai dati identificativi,

  1. b) il nome del fondo di fondazione dopo una modifica della forma giuridica,
  2. c) il giorno decisivo,

(d) i dettagli dei membri degli organi della Fondazione che sono iscritti nel registro pubblico.

(3) La decisione richiede la forma di uno strumento autentico.

Sezione 392

La decisione sul cambio di forma legale ha effetto dal giorno della sua iscrizione nel registro pubblico.

Sezione 393

(1) Almeno trenta giorni prima della riunione del Consiglio di fondazione, la Fondazione pubblica un avviso di volontà per prendere una decisione sul cambio di forma giuridica.

(2) Il creditore Fondazione, che registra la sua pretesa entro sei mesi dalla data in cui la registrazione del cambiamento di forma giuridica è diventato efficace nei confronti dei terzi possono cercare di garantire i loro crediti sufficiente certezza se il risultato di un cambiamento nella forma giuridica della peggiorare recuperabilità. Se il creditore dimostra che a causa di cambiamenti nella forma giuridica della recuperabilità del suo patrimonio deteriorarsi in maniera significativa, si ha il diritto di ragionevole certezza prima di scrivere il cambiamento della forma giuridica in un registro pubblico.

Sottosezione 3

Fondo di fondazione
Sezione 394

(1) Il fondatore istituirà un fondo di fondazione per uno scopo che sia utile socialmente o economicamente.

(2) Il nome del fondo di fondazione deve includere la dicitura “fondo di fondazione”.

Sezione 395

Il fondo di dotazione è basato su una carta di fondazione o un certificato di morte.

Sezione 396

(1) La legge istitutiva deve includere almeno:

  1. a) il nome e la sede legale della Fondazione,

(b) il nome del fondatore e il suo domicilio o sede legale,

(c) la definizione dello scopo per il quale si basa la Fondazione,

  1. d) indicazione dell’importo del deposito o del suo oggetto non monetario,
  2. e) il numero dei membri del consiglio ed i nomi e gli indirizzi dei suoi membri e la prima indicazione di come gli Amministratori per l’atto di fondazione,

(f) il numero di membri del Consiglio di vigilanza, nonché il nome e la residenza dei suoi primi membri, o il nome e l’indirizzo del primo revisore,

  1. g) determinazione del gestore del deposito e

(h) le condizioni per la fornitura di contributi dalle attività di un fondo di fondazione o la definizione di una serie di attività che il fondo di dotazione può svolgere per il suo scopo.

(2) In base Se il fondo di dotazione per l’acquisizione di morte e ti dice se il fondatore o il metodo di nomina dei primi membri del Consiglio di Gestione e di Sorveglianza, o il primo controllore, nomina l’esecutore; altrimenti, sono nominati dal tribunale su suggerimento di una persona che ha un interesse legale a farlo.

Sezione 397

Costituzione di un fondo di fondazione
Il fondo di dotazione è stabilito il giorno della sua iscrizione nel registro pubblico.

Sezione 398

(1) Il patrimonio del fondo di dotazione consiste in un insieme di depositi e doni, il cui soggetto non deve soddisfare l’assunzione di un reddito permanente. Ciò che è nel patrimonio del Fondo di dotazione non può essere fermato o utilizzato in altro modo per garantire il debito; l’azione legale che contraddice sarà ignorata.

(2) Il patrimonio del Fondo di dotazione può essere alienato conformemente allo scopo del Fondo di dotazione. Può anche essere utilizzato per un investimento considerato prudente.

(3) Il fondo di fondazione non deve costituire un fondo di fondazione o un capitale di dotazione.

  • 399

(1) ammette quanto espressamente fondatore procedimenti giudiziari, il Consiglio può decidere in merito previo parere del consiglio di sorveglianza o al supervisore di cambiare la forma giuridica della Fondazione alla Fondazione. Decisione sul cambiamento della forma giuridica deve contenere almeno il nome fondo di dotazione denominazione, indirizzo e identificare i dati e requisiti stabiliti per la carta di fondazione.

(2) La decisione richiede la forma di uno strumento autentico.

  • 400

(1) Almeno trenta giorni prima della riunione del Consiglio di amministrazione, la Fondazione annuncia l’intenzione di modificare la forma giuridica.

(2) Il fondo di dotazione creditore, che registra la sua pretesa entro sei mesi dalla data in cui la registrazione del cambiamento è diventato efficace nei confronti dei terzi possono cercare di garantire i loro crediti sufficiente fiducia si deteriora a causa di cambiamenti nella forma giuridica di recuperabilità dei crediti. Se il creditore dimostra che a causa di cambiamenti nella forma giuridica della recuperabilità del suo patrimonio deteriorarsi in maniera significativa, si ha il diritto di ragionevole certezza prima di scrivere il cambiamento della forma giuridica in un registro pubblico.

  • 401

(1) Se non è permanentemente possibile per il fondo di dotazione continuare il suo scopo, il Consiglio di Amministrazione deciderà di cancellare il fondo di dotazione con liquidazione ed eleggere un liquidatore.

(2) non riesce a realizzare lo scopo della Fondazione per il quale è stato stabilito, il giudice revoca la proposta della persona su un interesse legittimo, e ordina sua disposizione.

Sezione 4

istituto
§ 402

L’Istituto è un’entità legale costituita allo scopo di condurre un’attività socialmente o economicamente utile, utilizzando la sua componente personale e di proprietà. L’Istituto svolge un’attività, i cui risultati sono ugualmente disponibili per tutti in condizioni predeterminate.

  • 403

Se l’istituto esercita un’attività commerciale o di altra natura, l’operazione non deve pregiudicare la qualità, la portata e la disponibilità dei servizi forniti nelle principali attività dell’Istituto. Il profitto può essere utilizzato dall’Istituto solo per sostenere l’attività per la quale è stato istituito e per coprire i costi della propria amministrazione.

Sezione 404

Nome dell’istituto
Il nome dell’istituto deve contenere le parole “istituto inscritto”, ma l’abbreviazione “z. ú. ”

  • 405

Istituzione dell’Istituto
(1) L’ Istituto deve essere costituito da una costituzione o dall’acquisizione del decesso. L’atto giuridico fondatore include almeno

  1. a) il nome dell’istituto e la sua sede legale,
  2. b) lo scopo dell’Istituto definendo l’oggetto della sua attività, o l’oggetto della sua attività,

(c) un’indicazione dell’importo del contributo o del suo soggetto non monetario,

(d) il numero di membri del consiglio di amministrazione e i nomi e le residenze dei suoi primi membri;

(e) dettagli dell’organizzazione interna dell’Istituto, a meno che la sua costituzione non venga modificata.

(2) Se l’atto costitutivo del Consiglio di vigilanza stabilisce, il numero dei membri del Consiglio di vigilanza e il nome e la residenza dei suoi primi membri sono iscritti al suo interno.

  • 406

(1) Il fondatore è anche responsabile delle modifiche dell’udienza legale di fondazione.

(2) Se la decisione del fondatore non è possibile, i suoi diritti contro l’istituto devono essere acquisiti dalla persona designata dall’azione legale del fondatore nella misura in esso specificata, altrimenti egli acquisirà il consiglio di amministrazione; in tal caso, tuttavia, è richiesto il consenso preliminare del tribunale per la decisione del Consiglio di amministrazione di modificare lo scopo della Costituzione o di abolirla.

  • 407

Istituzione dell’Istituto
L’Istituto è costituito dalla registrazione nel registro pubblico.

  • 408

direttore
(1) Il direttore è l’organo statutario dell’Istituto. Lo Statuto può anche scegliere un’altra designazione per quel corpo a meno che non dia una falsa impressione della sua natura.

(2) Il direttore non può essere un membro del consiglio di amministrazione e non è stato istituito un consiglio di sorveglianza o altro organismo di natura analoga, né un membro di tale organismo. Se la persona che è stata giudicata colpevole di un reato intenzionale è stata eletta dal direttore, l’elezione non sarà presa in considerazione.

Consiglio di amministrazione
§ 409

(1) Se l’atto costitutivo non specifica un altro modo, nomina e rimuove i membri del consiglio di amministrazione del fondatore. Se ciò non è possibile, l’Organismo di Vigilanza elegge e richiama i membri del Consiglio di Amministrazione se è stato costituito; altrimenti il ​​consiglio di amministrazione elegge e richiama i suoi membri stessi.

(2) Se l’atto costitutivo non specifica un altro mandato di un membro del Consiglio di amministrazione, sarà di tre anni. Se questo non è il caso dell’atto costitutivo, un membro del Consiglio di amministrazione può anche votare ripetutamente; tuttavia, se il consiglio di amministrazione elegge e ritira i suoi membri da solo, la stessa persona può essere eletta ripetutamente per un massimo di due termini consecutivi.

(3) Se è stato istituito l’Organismo di Vigilanza, l’appartenenza al Consiglio di Amministrazione e al Consiglio di Sorveglianza è incompatibile.

  • 410

Il consiglio di amministrazione elegge e revoca il direttore, sovrintende allo svolgimento delle sue funzioni e decide in merito ai procedimenti giudiziari dell’Istituto nei confronti del direttore; salvo diversa indicazione, il presidente del consiglio di amministrazione è considerato l’autore di tali procedimenti giudiziari.

  • 411

(1) Il Consiglio di amministrazione approva il bilancio, i bilanci periodici e straordinari e la relazione annuale dell’Istituto.

(2) Il Consiglio di amministrazione decide l’apertura di creazione di imprese o di altre attività ausiliarie dell’istituto o cambiare il suo soggetto, se il procedimento giudiziario fondatori scrivendo qualcos’altro.

  • 412

(1) Se l’atto costitutivo non specifica ulteriori restrizioni, il Consiglio di amministrazione acconsente preventivamente al procedimento giudiziario con il quale l’Istituto

  1. a) acquista o rinuncia la proprietà di beni immobili,

(b) è gravato dai propri beni immobili,

(c) acquisisce o è privato di diritti d’autore, diritti industriali o industriali;

  1. d) istituisce un’altra persona giuridica o partecipa a tale persona tramite un deposito.

(2) A meno che il fondatore udito qualcosa di legale altra cosa, il Consiglio concede previo consenso per i procedimenti legali per cui l’Istituto acquisisca o ceda la proprietà di beni mobili il cui valore è superiore al valore dei contratti su piccola scala sotto la legge che regola gli appalti pubblici.

  • 413

Statuto dell’Istituto
(1) Stabilire se l’azione legale fondatore o, se del caso, il Consiglio deve istituire statuto e lo modifica l’organizzazione interna dell’istituzione e dettagli delle sue attività.

(2) L’ Istituto pubblica lo statuto depositandolo nella raccolta di documenti. Tutti possono ispezionare e recuperare estratti, copie o copie di essi nel registro pubblico. Lo stesso diritto può essere esercitato anche presso la sede dell’Istituto.

Sezione 414

A meno che lo statuto, la costituzione appartiene membri del consiglio pagati per le loro funzioni e le modalità di sua determinazione, il direttore per la Remunerazione solito e si è capito che le funzioni membro di altri organi sono onesti. In tal caso, l’ammontare della retribuzione dell’amministratore o il modo della sua nomina sono determinati dal consiglio di amministrazione.

Sezione 415

(1) All’Istituto saranno addebitati separatamente i costi e i ricavi relativi all’attività principale, all’attività di un’impresa o ad un’altra attività secondaria e all’amministrazione dell’Istituto.

(2) I rendiconti finanziari dell’Istituto devono essere controllati dal revisore contabile se richiesto da un atto o statuto fondatore, o se il fatturato netto dell’Istituto supera i dieci milioni di corone. In questi casi, il revisore verifica anche la relazione annuale dell’istituto.

Sezione 416

Relazione annuale
(1) La relazione annuale dell’Istituto comprende, oltre ad altri requisiti previsti dalla normativa in materia di contabilità altre informazioni importanti sulle attività e la gestione dell’Istituto, compreso l’importo delle prestazioni fornite a bordo membri dell’Istituto, e le eventuali modifiche alla fondazione di azioni legali o cambiamenti di membri negli organi dell’Istituto.

(2) A meno che il procedimento giudiziario fondatori e altre modalità di pubblicazione, l’Istituto pubblica una relazione annuale entro e non oltre sei mesi dopo la fine del periodo di riferimento, memorizzando la raccolta di documenti. Tutti possono ispezionare e recuperare estratti, copie o copie di essi nel registro pubblico.

  • 417

Se l’Istituto non adempie allo scopo per un lungo periodo, il tribunale lo abolisce su proposta di una persona che ha un interesse legale.

Sezione 418

In altri casi, le disposizioni della Fondazione si applicano mutatis mutandis alla situazione giuridica dell’Istituto; ma le disposizioni sul fondo di fondazione e sul capitale di dotazione non si applicano.

Parte 4

consumatore
Sezione 419

Un consumatore è una persona che, al di fuori della propria attività o al di fuori dello scopo dell’esercizio indipendente della propria professione, stipula un contratto con l’imprenditore o ne tratta.

Parte 5

uomo d’affari
§ 420

(1) che esegue separatamente per il suo proprio conto e la responsabilità lavoro subordinato commerciale o mezzi similari con l’intenzione di farlo in modo coerente a scopo di lucro, è considerato con rispetto a questo business per gli imprenditori.

(2) Ai fini della tutela dei consumatori e ai fini della § 1963 per l’imprenditore è anche considerato ogni persona che entra in un contratto relativo alla propria attività, la produzione o attività simili, o in un esercizio separato della loro professione, o la persona che agisce per o per conto di imprenditori.

Sezione 421

(1) L’ imprenditore deve essere considerato una persona iscritta nel registro delle imprese. A quali condizioni sono iscritte le persone nel registro di commercio, un’altra legge prevede.

(2) Un imprenditore è considerato come una persona che ha un business o altra autorizzazione ai sensi di un’altra legge.

  • 422

Un imprenditore che non ha un’entità commerciale agisce legalmente nella propria attività sotto il proprio nome; allegandogli appendici che caratterizzano la sua attività o la sua attività, non deve essere fuorviante.

Azienda commerciale
§ 423

(1) La società è il nome con il quale l’imprenditore è registrato nel registro delle imprese. L’uomo d’affari potrebbe non avere più società commerciali.

(2) La protezione dei diritti di un’impresa commerciale appartiene alla persona che l’ha utilizzata per la prima volta. Chi è stato colpito dal suo diritto ad una società commerciale ha gli stessi diritti di proteggersi dalla concorrenza sleale.

  • 424

Un’impresa commerciale non deve essere intercambiabile con un’altra entità aziendale o essere fuorviante.

  • 425

(1) Una persona deve essere iscritta nel Registro di commercio con una ragione sociale abitualmente costituita per suo conto. Se il suo nome cambia, può ancora usare il suo vecchio nome nella ragione sociale; pubblicherà un cambio di nome.

(2) Quando una persona è iscritta in un registro commerciale con una ragione sociale diversa dal suo nome, deve essere chiaro che non è un’entità commerciale di una persona giuridica.

  • 426

Laddove più stabilimenti commerciali di diversi imprenditori sono collegati a un gruppo aziendale, i loro nomi o nomi commerciali possono contenere gli stessi elementi; il pubblico deve essere in grado di distinguerli.

  • 427

(1) Chiunque ottenga una ragione sociale ha il diritto di usarlo se il consenso del suo predecessore o del suo successore in titolo è d’accordo; tuttavia, è necessario aggiungere una successione legale all’impresa commerciale.

(2) Al momento della conversione di una persona giuridica, l’impresa si trasferisce al successore legale se concorda; il consenso di un’altra persona non è richiesto. Se un’entità legale ha più di un successore legale, e se non è determinato, quale delle società la società sta attraversando, nessun affare andrà a nessuno di essi.

  • 428

La revoca del consenso all’uso del proprio nome in un’entità commerciale di una persona giuridica ha il diritto per chiunque abbia una ragione così seria per non avere il diritto di reclamare il proprio nome in un’azienda commerciale; tale ragione può in particolare essere un cambiamento nella natura prevalente dell’attività di una persona giuridica o un cambiamento nella struttura della proprietà di una società. In queste circostanze, ha il diritto di revocare il consenso e il successore legale della persona che ha concesso il consenso.

  • 429

Sedile dell’uomo d’affari
(1) La sede legale dell’imprenditore sarà determinata da un indirizzo inserito nel registro pubblico. Se una persona fisica non si registra come imprenditore nel registro pubblico, la sua sede legale è il luogo in cui ha la sua attività principale o, se del caso, il suo luogo di residenza.

(2) Se l’imprenditore colloca la sua sede nel suo luogo di residenza diverso dal suo immobile, può anche invocare la sua sede reale. Contro una persona che invoca la sede legale di un imprenditore iscritto nel registro pubblico, l’imprenditore non può sostenere di avere una sede reale in un altro luogo.

Rappresentanza dell’imprenditore
§ 430

(1) Quando un imprenditore commette un’attività in un’azienda attraverso una determinata attività, la persona rappresenta l’imprenditore in tutte le riunioni che svolge abitualmente in questa attività.

(2) L’ imprenditore intraprende anche il comportamento di un’altra persona nel suo stabilimento se la terza parte ritiene in buona fede che il negoziatore abbia diritto all’audizione.

Sezione 431

Se il rappresentante dell’imprenditore supera il rappresentante, l’imprenditore intraprende un’azione legale; ciò non si applica se la terza persona fosse a conoscenza del superamento o se dovesse esserne a conoscenza alla luce delle circostanze del caso.

  • 432

Divieto di concorrenza
(1) Una persona che agisce come rappresentante dell’imprenditore nel corso di un’operazione commerciale non può, senza il consenso dell’imprenditore, fare qualcosa sul proprio conto che appartiene al ramo d’azienda. Se ciò accade, l’imprenditore può chiedere al suo rappresentante di astenersi da tale azione.

(2) Se l’agente ha agito per proprio conto, l’imprenditore può chiedere che sia dichiarato che il procedimento del rappresentante è stato effettuato sul suo conto. Se l’agente ha agito su un conto estero, l’imprenditore può richiedere che gli venga assegnato il diritto alla remunerazione o ricevere il premio già fornito. Questi diritti scadono se non sono stati presentati entro tre mesi dal giorno in cui l’operatore è venuto a conoscenza dell’atto, ma non oltre un anno dopo il giorno dell’audizione.

(3) Invece del diritto di cui al paragrafo 2, un imprenditore può chiedere un risarcimento; ma solo se il rappresentante deve sapere che sta danneggiando i suoi affari. Se e se avesse potuto conoscere quello a favore del quale il rappresentante dell’imprenditore ha agito illegalmente come un’attività che danneggia l’imprenditore, è anche responsabile per i danni.

Sezione 433

(1) che agisce come un imprenditore per conto terzi in transazioni economiche, non il suo esperto di qualità o il loro status economico sfruttato per creare o utilizzare una funzione della parte più debole di raggiungere uno squilibrio evidente e ingiustificata nei diritti e gli obblighi delle parti comuni.

(2) Si ritiene che una parte più debole sia sempre una persona al di fuori del rapporto commerciale con l’imprenditore.

  • 434

Se l’imprenditore dimostra al pubblico, in quale luogo sta facendo, il pubblico sarà in grado di entrare con lui a questo punto in contatto legale agli orari di apertura designati; altrimenti al solito orario.

Sezione 435

(1) Ogni imprenditore deve avere il proprio nome e la propria sede legale nei documenti commerciali e nelle informazioni accessibili al pubblico mediante accesso remoto. Un imprenditore iscritto nel Registro di commercio deve inoltre inserire nel documento commerciale le informazioni su questa registrazione, compresa la sezione e l’inserto; un imprenditore iscritto in un altro registro pubblico deve indicare la sua iscrizione in tale registro; un imprenditore non iscritto nel registro pubblico deve dichiarare la registrazione della sua iscrizione in un altro registro. Se un identificatore è stato assegnato a un imprenditore, anche questo sarà dichiarato.

(2) Ulteriori dettagli possono essere forniti sul documento di cui al paragrafo 1 se non sono suscettibili di generare impressioni fuorvianti.

TITOLO III

RAPPRESENTANZA
Parte 1

Disposizioni generali
§ 436

(1) Chiunque abbia il diritto di agire per conto di un altro è il suo rappresentante; le rappresentazioni creano diritti e obblighi direttamente rappresentati. Se non è ovvio che qualcuno agisca in modo diverso, è vero che agisce a suo nome.

(2) Se il rappresentante è in buona fede o se deve essere a conoscenza di determinate circostanze, il rappresentante deve essere preso in considerazione; questo non è il caso quando il rappresentante ha appreso prima che la rappresentazione fosse stabilita. Se non è rappresentato in buona fede, la buona fede del rappresentante non può essere invocata.

Sezione 437

(1) L’ altra parte i cui interessi sono in conflitto con gli interessi della persona rappresentata non può resistere altrove a meno che non sapesse o avrebbe dovuto conoscere nella rappresentazione contrattuale rappresentata da tale contraddizione.

(2) ha agito Se il rappresentante il cui interesse è in contrasto con gli interessi rappresentati, con una terza parte e sapeva se quella persona circa le circostanze o se avesse dovuto sapere su di loro, si può chiamare che rappresentava. Si ritiene che vi sia un conflitto tra gli interessi di un rappresentante e un rappresentante se l’agente agisce anche per quella terza persona o se agisce nei propri affari.

  • 438

Il deputato agisce personalmente. Il prossimo rappresentante può delegare la nomina di un rappresentante o, se la necessità lo richiede, è responsabile della corretta selezione della sua persona.

  • 439

Se più di un rappresentante è rappresentato per lo stesso argomento, ciascuno di essi può essere considerato in grado di agire in modo indipendente.

  • 440

(1) Se il rappresentante del delegato ha approvato l’autorizzazione, commette la rappresentanza legale del rappresentato, se approva il superamento senza indebito ritardo. Questo è anche il caso in cui un’altra persona legalmente autorizzata non ha il diritto di farlo.

(2) Se l’azione legale non viene approvata senza indebito ritardo, la persona che ha agito legalmente per un altro è vincolata da sola. La persona che è stata trattata e che è stata in buona fede può chiedere al convenuto di fare ciò che è stato disposto o di compensare il danno.

Parte 2

Rappresentanza contrattuale
Sezione 1

Disposizioni generali
Sezione 441

(1) Se le parti sono d’accordo, uno di loro deve rappresentare l’altro nell’ambito concordato come un proxy.

(2) Il rappresentante deve indicare l’estensione della procura del delegato. A meno che non si tratti della rappresentazione di un particolare atto giuridico, la procura deve essere data per iscritto. Se è richiesta una forma speciale per una forma giuridica, la procura deve essere rilasciata nella stessa forma. Se è richiesta una forma di autentico strumento per i procedimenti giudiziari, è sufficiente che la procura per questo atto legale sia concessa per iscritto con una firma autenticata ufficialmente.

Sezione 442

Il preside non può rinunciare al diritto di revocare l’autorizzazione, ujednají Tuttavia, se le parti al ricorso determinati motivi, non è possibile ritirare l’autorizzazione per un altro motivo. Questo non è il caso se l’agente ha una ragione particolarmente seria per fare appello.

Sezione 443

Quando autorizzato da una persona giuridica, l’esercizio dell’autorizzazione di un deputato appartiene alla competenza del suo organo statutario. La persona nominata dall’organo statutario ha anche il diritto di eseguire la rappresentazione.

Sezione 444

(1) Chi ha colpa provoca una terza persona a credere che qualcun altro autorizzato un procedimento giudiziario non può invocare la mancanza di autorizzazione, se si trattasse di una terza parte in buona fede e poteva ragionevolmente prevedere se l’autorizzazione è stata concessa.

(2) Dal Se il principal altra persona sa che il Commissario autorizzato a determinati atti giuridici, può essere contro a raggiungere tale mandato successivamente scomparso solo quando lei è di fronte a un comportamento zmocněncovým annunciato o se la persona al comportamento del procuratore di estinzione sapeva.

Sezione 445

Se un rappresentante agisce come persona ineleggibile per agire direttamente sulla questione, non può essere invocato contro la persona che non sapeva o non poteva sapere di questo fatto.

Sezione 446

Se rappresentante Agente superato autorizzato e se non sono d’accordo con il committente, essa notifica la persona che sono legalmente agente ha agito senza indebito ritardo dopo il procedimento giudiziario apprese. In caso contrario, è valido che sia stato approvato; Essa non si applica se la persona con la quale il rappresentante legale ha agito e potrebbe essere senza dubbio delle circostanze, riconoscono che il rappresentante agente autorizzato chiaramente va.

Sezione 447

Se le istruzioni contenute nel avvocato capitale e ha dovuto essere noto alla persona contro la quale l’agente ha agito considera la traversata per il permesso violazione zástupčího.

Sezione 448

(1) La procura cesserà di esistere attraverso l’esecuzione del procedimento legale a cui la rappresentanza è stata limitata; il mandato scade anche se il trustee o il fiduciario lo denunciano. Se un procuratore o un tutore muore, o se uno di loro è una persona giuridica e se cessa di esistere, l’autorizzazione deve cessare se non diversamente concordato.

(2) Finché l’appello dell’agente non è noto, le sue azioni legali hanno lo stesso effetto, come se l’empowerment durasse ancora. Tuttavia, questa parte non può invocare la parte che sapeva o doveva sapere della revoca dell’empowerment.

Sezione 449

(1) Se il trustee muore o la persona abilitata denuncia la procura, l’agente deve fare tutto ciò che non può essere ritardato in modo che il trustee o il suo successore legale non subisca pregiudizio. La sua azione legale ha lo stesso effetto, come se il mandato durasse ancora, se non contraddice ciò che il mandato o il suo successore legale hanno ordinato.

(2) La procura emetterà, senza alcun ritardo non necessario dopo la scadenza dell’autorizzazione, tutto ciò che il trustee gli ha conferito, o, a seconda dei casi, per il preponente. Se il proxy è morto, tutti coloro che hanno queste cose con lui hanno questo obbligo.

Sezione 2

Procura
§ 450

(1) La concessione di procura autorizza gli imprenditori iscritti nel registro delle imprese Procuratore atti giuridici che si verificano durante il funzionamento dello stabilimento aziendale o filiale, anche a quelli per cui non richieda una diversa una procura speciale. Tuttavia, il procuratore ha il diritto, se espressamente dichiarato, di alienare o caricare l’immobile.

(2) Al momento dell’assegnazione del Procuram deve essere espressamente dichiarato che si tratta di un procuratore. Se un imprenditore ha una procura per un ramo della sua attività o per uno dei suoi numerosi stabilimenti, egli deve designare esplicitamente una succursale o una struttura commerciale.

Sezione 451

Il Procuratore non ha il diritto di trasferire un Procuratore a un’altra persona o di assegnare un altro Procuratore; alla disposizione opposta non deve essere preso in considerazione.

Sezione 452

(1) È vietato assegnare un procuratorato a una persona giuridica.

(2) Se la Procura è concessa a più persone, ciascuna di esse deve essere rappresentata dall’imprenditore separatamente, se non diversamente specificato nell’assegnazione del Procurage.

Sezione 453

La limitazione della procedura mediante istruzioni interne non ha alcun effetto su terzi, anche se è stata pubblicata.

Sezione 454

Il procuratore svolge un procuratore con la cura di un buon manager.

Sezione 455

Il Procuratore dovrà essere firmato allegando la sua firma e la Procura alle attività dell’imprenditore; se la procura è stata concessa per una singola succursale o una delle diverse imprese, essa deve anche allegare un’indicazione della filiale o dei locali commerciali.

Sezione 456

La scadenza del ProCur anche per il trasferimento o il reato di un’impresa o di una filiale per la quale è stato concesso. La morte dell’imprenditore non cessa di esistere nell’accusa, se non diversamente concordato.

Parte 3

Rappresentanza legale e tutela
Sezione 1

Disposizioni generali
Sezione 457

La rappresentanza legale e la tutela monitorano la tutela degli interessi della persona rappresentata e l’adempimento dei suoi diritti.

Sezione 458

Legale rappresentante o tutore non ha il diritto di sotto-rappresentate legalmente agire in materia di formazione e scioglimento del matrimonio, l’esercizio delle responsabilità genitoriali e diritti, nonché l’acquisizione a causa di morte o di dichiarazione di diseredazione e il loro fascino.

Sezione 459

rappresentante legale non può ritirare rappresentato cosa popolarità speciale, a meno che giustificata dalla minaccia per la sua vita o la salute, nel caso di un minore che non è juris completamente Sui, anche un altro motivo importante. Un caso di speciale popolarità deve essere lasciato alla persona rappresentata anche quando viene inserito in una struttura sanitaria, in una struttura di servizi sociali, in una struttura per l’infanzia o in strutture simili.

  • 460

Se c’è un conflitto di interessi di un rappresentante legale o di un tutore o di interesse rappresentato uno scontro di interessi di coloro che sono rappresentati dallo stesso rappresentante legale o del tutore, o se c’è un conflitto, il giudice nomina un tutore ad litem rappresentato.

Sezione 461

(1) Se è amministrato il rappresentante legale o il tutore della persona rappresentata, egli ha diritto alla regolare amministrazione di tali beni. Se non è una questione di interesse comune, è necessario allegare alla proprietà dell’approvazione del tribunale rappresentato.

(2) Il dono, eredità o riferimento destinato al soggetto rappresentato a condizione che sia amministrato da una terza parte, è escluso dalla relazione di cui al paragrafo 1. Tuttavia, un rappresentante legale o un tutore può rifiutare di accettare tale dono, eredità o titolo; il rifiuto richiede l’approvazione del tribunale.

  • 462

Un rappresentante legale o un tutore non può richiedere la rappresentanza dalla rappresentanza rappresentata. Tuttavia, se ha l’obbligo di gestire le attività, è possibile assegnare una ricompensa per la gestione. Il suo importo sarà deciso dal tribunale, tenendo conto dei costi dell’amministrazione, del valore del patrimonio gestito e dei proventi da esso, nonché delle esigenze di tempo e di lavoro dell’amministrazione.

Sezione 463

(1) nominare un ordine del tribunale; allo stesso tempo, determinare la portata dei diritti e doveri di tutela. La persona che è stata nominata tutore diventa tutore per la durata della tutela.

(2) Se il guardiano lo richiede, il tribunale lo licenzierà; il giudice del tutore fa appello anche in caso di mancata esecuzione delle sue funzioni. Allo stesso tempo, il guardiano nomina un nuovo guardiano.

Sezione 464

(1) Se la gestione patrimoniale non è una risorsa, può essere nominato un solo tutore. Se il curatore speciale nominato per gestire le attività rappresentate o per gestire una parte del suo patrimonio, così come il guardiano della persona appartiene ad un altro di loro rappresentava la rappresentanza esclusiva in tribunale, anche quando la questione riguarda il patrimonio gestito.

(2) Se la corte è più di un tutore e decide, in quale materia ognuno di loro ha il diritto di agire in modo indipendente come guardiani, i tutori sono obbligati ad agire congiuntamente.

Sezione 2

Tutela umana
Sezione 465

(1) La Corte nomina una persona tutore, se è necessario per proteggere i propri interessi, o se richiesto dall’interesse pubblico. Il tribunale nomina un tutore in particolare colui che la capacità giuridica limitato, colui del quale non si sa dove risiede straniero partecipando in alcuni procedimenti giudiziari o per coloro la cui condizione medica che causa grandi difficoltà nella gestione dei beni o di difesa dei diritti.

(2) dove è giustificate circostanze, il giudice può imporre tutore, nella misura appropriata assicurato nel caso in cui l’esercizio delle loro funzioni o tutore provoca un danno ad un’altra persona.

Sezione 466

(1) I compiti di un tutore con tutela appartiene a mantenere un modo appropriato e nei limiti necessari collegamenti regolari, per mostrare reale interesse nel reparto, così come prendersi cura della sua salute e prendersi cura di riempire opatrovancových diritti e proteggere i loro interessi.

(2) Se il custode decide in materia di tutela, il tutore deve spiegare chiaramente la natura e le conseguenze della decisione.

  • 467

(1) Il Guardiano nell’esercizio delle loro funzioni riempie opatrovancova dichiarazione legale e si assicura le sue opinioni, anche se la tutela si è manifestato in precedenza, tra cui credenze o religione, sistematicamente li prende in considerazione e organizza gli affari opatrovancovy in accordo con esse. Se ciò non è possibile, il custode procede secondo gli interessi del tutore.

(2) La Banca Depositaria deve garantire in questo modo opatrovancova della vita non era in conflitto con le sue capacità e che, se questo non è ragionevolmente discutere, corrisponde opatrovancovým desideri speciali e desideri.

  • 468

La morte del tutore o la sua revoca della tutela non cesserà, e finché il tribunale non nomina il custode del nuovo tutore, passa a un tutore pubblico con un’altra legge.

  • 469

(1) Un uomo che ha stato di salute nella gestione del proprio patrimonio, o nella difesa dei diritti delle difficoltà, il tribunale nomina un tutore per la sua proposta e in conformità con tale proposta determinerà il campo di applicazione del tutore. Su suggerimento del guardiano, il tutore licenzierà anche il guardiano.

(2) Il guardiano di solito agisce insieme al guardiano; se il tutore agisce in modo indipendente, agisce in accordo con la volontà del tutore. Se la volontà del tutore non può essere accertata, lui o lei deciderà sulla mozione di un tutore.

  • 470

Se qualcuno si prende cura dei propri beni da soli, non possono essere nominati custodi dei diritti di proprietà. Ciò non si applica se non si sa che il gestore del patrimonio si rifiuta di agire nell’interesse del rappresentato o trascura questo obbligo o di gestire l’attività.

  • 471

(1) Se il tribunale decide di nominare un tutore per una persona, può farlo solo dopo la sua opinione, a meno che tale impedimento non lo impedisca; deve anche ascoltare la sua dichiarazione o altrimenti scoprire la sua opinione e procedere da lui.

(2) Il tribunale nomina un tutore la persona proposta dal guardiano. Se ciò non è possibile, il tribunale nomina un custode, di solito un parente o un’altra persona, una guardia stretta, che dimostrerà un interesse a lungo termine e serio per i caregiver e la capacità di dimostrarlo anche in futuro. Se ciò non è possibile, il tribunale nomina un tutore da un’altra persona che soddisfa le condizioni per diventare un tutore o un tutore pubblico ai sensi di un’altra legge.

(3) La capacità di essere un tutore pubblico è il comune in cui il tutore è residente o una persona giuridica stabilita da tale comune per svolgere compiti di questo tipo; la nomina di un tutore pubblico sotto un’altra legge non è legata al suo consenso.

Consiglio di consulenza
§ 472

(1) Se viene nominato un tutore, il tutore o qualsiasi persona vicina al guardiano può richiedere l’istituzione di un consiglio di tutela; il tutore deve convocare una riunione di persone vicine al guardiano e ai suoi amici, se noti, in modo che la riunione si tenga entro trenta giorni dal ricevimento della richiesta. Se la riunione non viene convocata in tempo utile o se non viene eseguita per altri motivi, o se un consulente legale non viene eletto, la corte convoca la riunione, anche senza un suggerimento.

(2) Il partecipante può partecipare alla riunione, ogni persona vicina all’operatore e ai suoi amici, anche se non è stato invitato; ognuno di loro ha una sola voce. Se almeno cinque persone partecipano alla riunione, il consiglio di tutela può essere eletto.

  • 473

(1) Le persone presenti all’assemblea eleggeranno membri del consiglio di tutela, o dei loro sostituti, a maggioranza. Nella scelta, occorre prestare attenzione, se possibile, per garantire la rappresentanza equa delle persone di cui al § 472.

(2) Il membro del consiglio curatoriale può essere solo la persona che assiste il lungo termine Ward e serio interesse e la capacità di manifestare in futuro ei cui interessi non contraddicono gli interessi del rione. Il tutore non può essere un membro del consiglio di tutela.

  • 474

Il consiglio di consulenza ha almeno tre membri. È in grado di dimettersi in presenza della maggior parte dei membri; se il consiglio di tutela ha tre membri, è richiesta la presenza di tutti. La decisione è presa dalla maggioranza dei membri presenti.

  • 475

L’elezione dei membri del Consiglio e tutela alternano elaborare un impiegato di registrazione nominato dal presente. Dai verbali deve essere chiaro quando l’incontro ha avuto luogo, che ha partecipato con lei, che è stato eletto segretario, membro del consiglio e tutela si alternano e quanti voti esso contro qualcuno protestato durante l’incontro e perché. Le proteste presentate per iscritto devono essere allegate al verbale. La registrazione dell’elezione dei membri del consiglio dei guardiani sarà consegnata al tutore e al tribunale che ha nominato il tutore.

  • 476

(1) Il giudice può, su istanza del tutore o di qualsiasi persona autorizzata a partecipare alla riunione, o di propria iniziativa dichiarare l’elezione non valida, se si è verificato a una tale violazione del diritto, di conseguenza, rischia lesioni opatrovancova. In tal caso, il tribunale ordina, senza indebito ritardo, una nuova elezione.

(2) Se ci sono motivi seri per farlo, il tribunale può, dopo aver avviato il procedimento, sospendere l’esercizio dei diritti di un membro del consiglio di tutela fino a quando non sia presa una decisione sull’invalidità dell’elezione.

  • 477

(1) Un membro del consiglio di tutela è eletto indefinitamente. Può dimettersi dal suo ufficio; Il ritiro è effettivo al momento della consegna di una comunicazione scritta al tutore e al tribunale. Le dimissioni verranno notificate agli altri membri del consiglio di tutela.

(2) Il giudice può respingere un membro del consiglio tutela di redigere un tutore o una delle persone che hanno diritto a partecipare alla riunione, o di propria iniziativa, se un membro del consiglio curatoriale gravemente e ripetutamente viola i suoi obblighi, perderà se il tutore o si interessava se i suoi interessi contraddicono ripetutamente gli interessi del guardiano. L’articolo 476, paragrafo 2, si applica mutatis mutandis.

(3) Al termine della funzione di un membro del consiglio di tutela, il tutore o il presidente del consiglio di tutela organizzerà l’elezione di un nuovo membro del consiglio di tutela o di un supplente. Se la scelta non viene effettuata senza indebito ritardo, il tribunale procederà conformemente alla Sezione 472 (1) di conseguenza.

  • 478

(1) Il consiglio di consulenza si riunirà almeno una volta all’anno; la riunione convoca il suo presidente o del tutore, o qualsiasi membro del consiglio curatoriale o al momento il movimento di una persona che può dimostrare un serio interesse nel rione o di propria iniziativa.

(2) Il consiglio di counselling inviterà il tutore e il tutore durante la riunione.

(3) Il verbale della riunione del consiglio di tutela deve essere chiaro quando ha avuto luogo, che lo ha assistito, le decisioni prese, che ha sollevato una protesta e che ha preso la scrittura. Se non è indicato nel verbale, chi ha votato per la proposta e chi contro la proposta, si presume che tutti i membri del consiglio dei guardiani abbiano votato per l’adozione della proposta. Il verbale deve essere consegnato dal presidente del consiglio di tutela al tutore e al tribunale designato dal tutore.

  • 479

(1) Consiglio dei Guardiani, nella sua riunione ordinaria si discuterà una relazione sulla sua attività di guardiano in materia guardiano, commenta l’inventario dei beni reparto e Bill il suo disegno di legge amministrazione anche possibile ricompense tutore per la gestione del patrimonio.

(2) la risoluzione che è fatto per il Consiglio dei Guardiani, un membro deve affidato ad una risoluzione tribunale per cambiare la remunerazione del tutore per la gestione del reparto di beni.

(3) Se il Consiglio di tutela decide, il membro autorizzato del tribunale deve presentare una domanda per l’abolizione della tutela o la rimozione del tutore e la sua sostituzione da parte di un’altra persona.

  • 480

(1) Senza il consenso del consiglio di tutela, il tutore non può decidere

  1. a) cambio di residenza dei guardiani,

(b) il collocamento del partecipante in uno stabilimento chiuso o in un istituto analogo, in cui lo stato di salute del partecipante non sembra essere necessario;

  1. c) interventi sull’integrità della tutela, a meno che gli interventi non siano gravi senza conseguenze gravi.

(2) Senza il consenso del consiglio di tutela, il tutore non può disporre della proprietà del tutore se è

  1. a) l’ acquisizione o la cessione di attività eccedenti l’importo corrispondente a cento volte il livello di sussistenza di una persona in virtù di un’altra legislazione,

(b) l’ acquisizione o la cessione di attività eccedenti un terzo dei beni del trustee, a meno che il terzo rappresenti solo un valore trascurabile, o

(c) l’ accettazione o il prestito, il credito o la fideiussione nei valori di cui alla lettera a) o alla lettera b);

a meno che tale consenso richieda il consenso del tribunale.

(3) Se è nell’interesse del tutore, il consiglio di tutela può decidere quali ulteriori decisioni della guardia di custodia sono soggette al suo consenso; tali risoluzioni non devono limitare il tutore oltre ragionevoli circostanze.

  • 481

Membro del Consiglio tutela, che hanno votato per la decisione, tutore o tutela può, entro quindici giorni dal ricevimento della decisione di chiedere al giudice di prendere una decisione tutela abolito e li ha sostituiti con la sua decisione. Fino a quando il tribunale decide, la decisione del Consiglio dei Guardiani non avrà effetto legale.

  • 482

(1) Se non è il Consiglio dei Guardiani, istituito con la mancanza di un numero sufficiente di persone elencate nel § 472 paragrafo. 1 o di altri motivi analoghi, il giudice può, su proposta di una di queste persone decidere che il campo di applicazione della scheda curatoriale eseguirà solo una di queste persone e di decidere allo stesso tempo, il suo appuntamento.

(2) Se nessun consiglio di tutela è eletto, e se la procedura di cui al paragrafo 1 non è possibile, la corte deve approvare la tutela della tutela della tutela o dei suoi beni, invece del consiglio di tutela.

  • 483

(1) Se il tribunale non riesce ad approvarlo, il tutore potrebbe non accettare un cambiamento delle condizioni personali del tutore.

(2) Se il tutore amministra la proprietà del custode, non può, senza il consenso del tribunale, a meno che il tribunale non abbia deciso ulteriori restrizioni,

(a) per obbligare i tutori a svolgere uno dei membri del consiglio di tutela o una persona vicina a quel membro,

(b) acquistare beni immobili o azioni nella proprietà, o beni immobili di un custode o condividerli o imporne un onere,

(c) acquisire, o alienare o imporre il patrimonio di un’entità commerciale, condividere un’attività o condividere una persona giuridica; questo non è il caso se è l’acquisizione di abbonamenti o titoli simili che garantiscono un ritorno sicuro,

(d) stipulare un contratto di assistenza per una durata superiore a tre anni,

(e) Rifiuta eredità o altro servizio dalla proprietà, o

(f) obbligare il tutore a pagare l’altra persona gratuitamente, a meno che non sia un dono fornito alla solita opportunità secondo i principi di decenza nella misura appropriata e il tutore sia in grado di giudicare e abbia dato il suo consenso.

(3) In deroga alle disposizioni del paragrafo 2, un tutore non può, se il tribunale lo approva, cedere la proprietà del tutore se è

  1. a) l’ acquisizione o la cessione di attività eccedenti l’importo corrispondente a cinquecento volte il livello di sussistenza di un individuo in virtù di un’altra legislazione,
  2. b) l’acquisizione o la cessione di attività al di sopra di una metà opatrovancova proprietà, a meno che questo rappresenta la metà del valore di un molto piccolo e non è una cosa che è il custode delle cose simpatia speciale, o

(c) l’ accettazione o la fornitura di un prestito, credito o fideiussione nei valori di cui a (a) o (b).

(4) Prima della decisione di cui ai paragrafi da 1 a 3, il tribunale richiede il parere del consiglio di tutela. Se il consiglio di tutela della corte non esprime un’opinione entro un termine ragionevole, la corte decide autonomamente.

  • 484

(1) La persona giuridica la cui attività principale consiste nell’assistenza alle persone con disabilità e nella protezione dei loro interessi ha il diritto di proporre la convocazione di una riunione per l’istituzione del consiglio di tutela.

(2) Una persona giuridica la cui attività principale consiste nella cura delle persone con disabilità e la tutela dei loro interessi, che opera nella Repubblica Ceca, per almeno tre anni ed era una persona sotto tutela in comunicazione regolare di almeno tre mesi, ha diritto a essere un membro del consiglio curatoriale o partecipare ad una riunione, una riunione per istituire un consiglio di tutela e proporre al tribunale di annullare la decisione del consiglio di tutela e sostituirli con la loro decisione. Tuttavia, se tale persona giuridica non esercita i propri diritti in conformità con gli interessi del tutore, la corte deve ritirare tali diritti dalla tutela, dal custode o dai membri della tutela.

  • 485

Inventario delle proprietà e report di fatturazione
(1) Un tutore, che gestisce i beni dei guardiani, redige un inventario della proprietà amministrata entro due mesi dalla sua nomina e lo consegna alla corte, al guardiano e al consiglio di tutela.

(2) Per tutta la durata della custodia di un guardiano deve preparare una dichiarazione di gestione degli attivi ogni anno entro il 30 giugno a meno che i membri del Consiglio tutela concordano sul fatto che il disegno di legge prima di presentare. Se questo è un motivo importante, il tutore o il tutore legale può proporre al giudice che il tutore imponga l’obbligo di effettuare una fatturazione straordinaria. Il tutore deve consegnare ciascun disegno di legge al tutore, al tutore e al tribunale.

(3) Il Guardian, il cui ufficio si conclude, fornisce i fondi finali disegno di legge del guardiano, Consiglio tutela e la corte, o anche un altro tutore o giudiziali commissari nominati dal procedimento di verifica testamentaria. Se un tutore muore, lui o lei deve rilasciare al tribunale che lo ha nominato i documenti e altri documenti riguardanti il ​​guardiano e i suoi affari, chiunque abbia questi documenti e documenti con lui.

Sezione 3

Tutela legale
§ 486

(1) Il tribunale nomina un tutore per una persona giuridica che ne ha bisogno per essere in grado di gestire i propri affari o per difendere i propri diritti.

(2) Solo una persona che soddisfi le condizioni stabilite per essere eleggibile come membro di un organo statutario può nominare un tutore di una persona giuridica. Se il tutore cessa di soddisfare queste condizioni, deve notificarlo senza indebito ritardo. Se il tribunale ritiene che il tutore non soddisfi le condizioni di cui sopra, lo sostituirà senza indebito ritardo con il nuovo tutore.

  • 487

(1) Per i diritti e doveri di un tutore legale, si applicano mutatis mutandis le disposizioni sui diritti e gli obblighi di un membro dell’organo legale. I poteri del tutore sono adeguatamente disciplinati da disposizioni sull’autorità dell’ente statutario.

(2) Il giudice del tutore deve sforzarsi di perseguire con la dovuta diligenza il ripristino ordinato dell’attività del corpo legale di una persona giuridica; se necessario, la giurisdizione del tutore deve essere ulteriormente definita, tenendo conto della competenza di altri organi della persona giuridica, o anche dei diritti dei partner.

  • 488

Se l’atto costitutivo stabilisce che una persona giuridica deve essere nominata tutore, il tribunale nomina tale persona dal tutore se è idonea e accetta la nomina.

TITOLO IV

COSE E LORO DISTRIBUZIONE
Parte 1

Disposizioni generali
§ 489

Una questione in senso giuridico (qui di seguito denominata “cosa”) è tutto ciò che è diverso dalla persona e serve i bisogni della gente.

  • 490

Un caso destinato a un uso generale è un bene pubblico.

  • 491

(1) Un feto è ciò che una cosa fornisce regolarmente dalla sua natura naturale, poiché è data dal suo solito scopo e appropriatezza ad essa, con o senza un essere umano.

(2) I vantaggi sono ciò che viene regolarmente fornito dalla sua natura legale.

  • 492

(1) Il valore di una cosa, se può essere espresso in denaro, è il suo prezzo. Il prezzo di una cosa è determinato come il prezzo normale, salvo diversamente concordato o determinato dalla legge.

(2) Il prezzo straordinario della cosa deve essere determinato se il suo valore deve essere sostituito, tenendo conto delle circostanze particolari o dell’interesse speciale causato dalla natura casuale della cosa.

  • 493

Il corpo umano e le sue parti, anche se separati dal corpo, non sono cose.

  • 494

L’animale vivente ha un significato e un valore speciali come un genio vivente. Un animale vivente non è una cosa e la fornitura di cose su un animale vivente si applica in modo simile solo nella misura in cui non contraddice la sua natura.

  • 495

Una sintesi di tutto ciò che appartiene a una persona è di sua proprietà. Il patrimonio di una persona è la somma delle sue attività e dei suoi debiti.

Parte 2

Divisione delle cose
§ 496

Cose tangibili e intangibili
(1) Una materia materiale è una parte controllabile del mondo esterno che ha il carattere di un soggetto separato.

(2) Gli immateriali sono diritti di cui consentono la natura, e altre cose senza sostanza materiale.

  • 497

Forze naturali controllabili
Le disposizioni che regolano le materie materiali sono applicate mutatis mutandis alle forze naturali controllabili che vengono scambiate.

  • 498

Cose reali e mobili
(1) Gli immobili sono una costruzione terrestre e sotterranea con uno scopo indipendente, così come i diritti reali allo stesso modo e il diritto di dichiarare la proprietà in beni immobili. Se la legge stabilisce che una certa cosa non fa parte della terra, e se una cosa del genere non può essere trasferita da un luogo ad un altro senza violare la sua essenza, anche questa proprietà è immobile.

(2) Tutte le altre cose, tangibili o intangibili, sono mobili.

  • 499

La cosa essenziale
Una cosa mobile che può essere sostituita da un’altra cosa dello stesso tipo è sostituibile; altre cose sono insostituibili. In caso di dubbio, il caso verrà giudicato in base alle abitudini.

  • 500

Una cosa utile
Una cosa mobile il cui uso normale consiste nel consumare, elaborare o rubare è utilizzabile; gli articoli mobili appartenenti al magazzino o ad altri set sono anche utilizzabili se il loro uso comune è che sono venduti singolarmente. Altre cose non sono ammissibili.

  • 501

Affari di massa
Un insieme di effetti personali appartenenti alla stessa persona, considerati come un unico oggetto e in quanto tali recanti una designazione comune, è considerato come un tutto e costituisce una questione collettiva.

  • 502

Gara d’affari
Un impianto commerciale (in seguito denominato “stabilimento”) è un insieme organizzato di attività che l’imprenditore ha creato e quali della sua volontà servirà a gestire la propria attività. Si ritiene che la pianta sia tutto ciò che viene generalmente utilizzato per gestirla.

  • 503

ufficio
(1) La filiale è tale parte di una pianta che ha autonomia economica e funzionale e che l’imprenditore ha deciso di essere una succursale.

(2) Quando una filiale è registrata nel registro di commercio, è una succursale; questo vale anche per un’altra unità organizzativa, se un altro regolamento legale prevede che venga inserita nel registro delle imprese. Capo del ramo è autorizzato a rappresentare gli imprenditori in tutte le questioni relative al ramo dopo la data in cui è stato a capo della filiale registrata nel registro delle imprese.

  • 504

Segreto commerciale
I segreti commerciali costituisce un modo competitivo significativi, identificabili, misurabili e gli ambienti economici normalmente inaccessibili fatti relativi alla gara e il proprietario assicura i propri interessi in modo adeguato la sua riservatezza.

Parte 3

Parte della cosa e gli accessori delle cose
Parte della cosa
§ 505

La parte della cosa è tutto ciò che gli appartiene per sua natura e ciò che non può essere separato dalla cosa senza che la cosa sia ammortizzata.

  • 506

(1) Parte del terreno è lo spazio sopra la superficie e sotto la superficie, edifici disposti sul terreno e altre strutture (in seguito denominato “costruzione”), ad eccezione di edifici provvisori, compreso quello che è incorporato nel sito o montati nelle pareti.

(2) Se la struttura sotterranea non è immobile, fa parte della terra, anche se interferisce con un’altra terra.

  • 507

Parte della terra è la piantagione su di essa.

  • 508

(1) La macchina o altra apparecchiatura fissa (di seguito “macchina”) non fa parte di un bene immobile elencato nell’elenco pubblico se, con il consenso del suo proprietario, viene effettuata una prenotazione sulla stessa lista di cui la macchina non è di sua proprietà. La prenotazione verrà cancellata se il proprietario dell’immobile o un’altra persona autorizzata a farlo sull’elenco pubblico dichiara che il proprietario dell’immobile è diventato il proprietario della macchina.

(2) Se tale macchina deve essere sostituita da una macchina che fa parte di un immobile, la prenotazione nell’elenco pubblico può essere registrata a meno che una persona iscritta in un ordine più favorevole non vi si opponga. Tuttavia, il diritto di resistenza non ha una persona il cui diritto non può essere abbreviato dalla registrazione della prenotazione, né la persona la cui rivendicazione è già stata soddisfatta; a tal fine, il reclamo può ancora essere soddisfatto.

  • 509

Le costruzioni di linea, in particolare l’approvvigionamento idrico, la rete fognaria, il potere o altre linee e altri oggetti che per loro natura influenzano regolarmente più trame non fanno parte della trama. Si ritiene che i lavori di costruzione e le installazioni tecniche che sono associate a livello operativo siano parte delle costruzioni di linea.

Accessori per le cose
§ 510

(1) Gli accessori di un caso sono una questione sussidiaria del proprietario nel caso principale, se lo scopo della filiale deve essere utilizzato in congiunzione con la cosa principale nel corso della loro determinazione economica. Se la materia incidentale viene temporaneamente separata dalla cosa principale, non cessa di essere un accessorio.

(2) Resta inteso che le azioni legali, i diritti e gli obblighi relativi alla questione principale riguardano anche i suoi accessori.

Sezione 511

Se c’è qualche dubbio sul fatto che qualcosa sia aggiunto a un caso, il caso verrà giudicato in base all’usanza.

  • 512

Se l’edificio è una parte della terra, le cose sussidiarie del proprietario sono nell’edificio dall’accessorio della trama, se il loro scopo è di essere permanentemente utilizzato con l’edificio o la terra per il loro scopo economico.

  • 513

Il credito è interesse, interessi su pagamenti in ritardo e costi associati alla sua applicazione.

Parte 4

sicurezza
Sezione 1

Disposizioni generali
§ 514

Un titolo è un documento con il quale il diritto è collegato in modo tale da non poter essere esercitato o trasferito dopo il rilascio di un titolo.

  • 515

Se l’emittente omette di emettere un titolo di sicurezza con indicazioni specificamente regolamentate dalla legge, il documento deve specificare almeno con riferimento alle condizioni di emissione il diritto a cui si riferisce il titolo e le informazioni dell’emittente.

  • 516

Titoli rappresentativi
(1) I titoli dello stesso tipo emessi dallo stesso emittente nella stessa forma, da cui sono creati gli stessi diritti, sono sostituibili.

(2) La firma dell’emittente per sostituibili titoli può essere sostituita da un’impronta digitale sulla lista solo se vengono utilizzati insieme salvaguarda contro manomissioni.

  • 517

Se una persona è vincolata da una sicurezza diversa dall’emittente e viola i suoi obblighi, l’emittente rimborserà il danno subito.

  • 518

Forma di sicurezza
(1) La cauzione può assumere la forma della sicurezza di un portatore, in una riga o in un nome.

(2) Se la sicurezza contiene il nome di una persona autorizzata, è considerata una sicurezza per la serie. Se la sicurezza non include il nome di una persona autorizzata, è la sicurezza di un portatore.

  • 519

Emissione di titoli
(1) La data di rilascio della garanzia deve indicare il giorno in cui il titolo può essere emesso al primo acquirente. Salvo diversa indicazione, l’emittente determina la data di emissione del titolo.

(2) Le condizioni di rilascio definiscono i diritti e gli obblighi dell’emittente e dei proprietari di valori mobiliari nonché i dati sulle emissioni più dettagliati.

  • 520

Rilascio di una sicurezza
(1) Un titolo viene rilasciato il giorno in cui soddisfa le condizioni fissate per esso dalla legge o altro regolamento, e quando le modalità previste diventa di proprietà del suo primo acquirente.

(2) L’ importo monetario per il quale l’emittente emette il titolo è il prezzo di emissione del titolo.

  • 521

(1) se fosse in buona fede che cessionario prende debitamente emesso un titolo viene emesso anche se i requisiti non sono state rispettate procedura per l’emissione di titoli o titoli diventano di proprietà della modalità previste primo acquirente.

(2) Una persona i cui diritti sono stati colpiti da un mancato rispetto requisiti della procedura per l’emissione di titoli o titoli diventano di proprietà del suo primo acquirente, come specificato, avrà diritto al risarcimento dei danni nei confronti dell’emittente anche contro una persona che in questa materia ha agito per conto di l’emittente o per suo conto, alle condizioni stabilite dalla presente legge.

  • 522

controparti
(1) Se il titolo è emesso in più di una controparte, la controparte deve essere numerata nel testo del documento, altrimenti ogni controparte viene considerata come un titolo separato.

(2) Se una copia è stata compilata, i diritti di tutte le altre copie saranno annullati.

  • 523

buono
(1) Laddove il diritto al rendimento è legato a un titolo, il coupon può essere emesso come titolo al portatore per l’esercizio di tale diritto; i coupon sono emessi nella scheda del coupon. Se un buono è parte di un buono, gli dà il diritto di emettere un nuovo buono; ma l’artiglio non è una sicurezza.

(2) Il coupon deve contenere almeno il

(a) il tipo e l’emittente della garanzia a cui è stato rilasciato; Se il coupon è stato rilasciato a un titolo, è richiesta anche la sua designazione numerica,

(b) l’ ammontare dei proventi o il metodo della loro determinazione;

(c) la data e il luogo di esercizio del diritto al ritorno.

  • 524

Elenco completo
(1) I titoli sostituibili possono essere sostituiti da un certificato di massa. Per il rilascio e l’emissione dell’elenco globale, valgono le stesse condizioni per l’emissione di un singolo titolo. L’elenco completo contiene almeno quegli elementi che la legge fornisce per la sicurezza individuale, compreso il suo numero.

(2) Il proprietario di un certificato collettivo ha il diritto di scambiarlo per singoli titoli; se l’emittente determina le condizioni per il suo scambio, quindi soggetto a queste condizioni.

(3) I diritti in uno strumento collettivo non possono essere suddivisi in azioni mediante trasferimento. Questo non si applica se la sicurezza è stata immobilizzata durante la sua custodia di massa; nel qual caso tale azione deve corrispondere ai singoli titoli che sono sostituiti dalla maggior parte dello strumento.

Sezione 2

Titoli registrati
§ 525

Sicurezza fatturabile
(1) Se la sicurezza è sostituita da una registrazione nel registro pertinente e se non può essere trasferita da una modifica della voce in questo registro, si tratta di una sicurezza contabile. I titoli fatturabili sono sostituibili se sono stati emessi dallo stesso emittente e se hanno gli stessi diritti.

(2) Le disposizioni relative ai titoli si applicano anche ai titoli a libro, a meno che ciò non escluda la loro natura, questa legge o qualsiasi altra regolamentazione legale.

  • 526

Registrazioni di titoli contabili
La prova di titoli di libro è tenuta sui conti delle attività; sono l’account del proprietario o l’account del cliente.

  • 527

Conto del proprietario
(1) Nel conto del proprietario sono registrati i titoli contabili della persona per la quale è stato stabilito il conto.

(2) Il proprietario della sicurezza contabile è considerato la persona per conto della quale è stata registrata la sicurezza della registrazione contabile.

  • 528

Conto del cliente
(1) Nella contabilità dei clienti, i titoli a libro delle persone che hanno affidato la garanzia dematerializzata al conto per il quale è stato stabilito il conto cliente devono essere registrati.

(2) La persona per cui è stato stabilito l’account cliente non è il proprietario dei titoli dematerializzati registrati in questo account.

Sezione 3

Conversione di una sicurezza in una sicurezza di inserimento contabile e trasformazione della sicurezza della voce di un libro in una sicurezza
Sottosezione 1

Conversione di una sicurezza in una sicurezza di immissione di libri
§ 529

(1) ha deciso se l’emittente di trasformare la sicurezza in un titolo del libro-entry, senza indugio pubblicare la sua decisione, compreso il periodo durante il quale il proprietario dell’emittente titoli, titoli arrende una decisione entro lo stesso termine modo da garantire per l’accesso remoto.

(2) È vietato fissare un termine per l’emissione di un titolo all’emittente per meno di due mesi e per più di sei mesi dalla data di pubblicazione della decisione.

(3) Un emittente quale altra normativa obbliga i proprietari di tenere un registro dei titoli comunica alla persona indicata nel registro e l’indirizzo a cui l’avviso di conversione di titoli per prenotare-entry di sicurezza.

  • 530

(1) Il proprietario della garanzia, al momento della consegna all’emittente, comunica il numero del conto nel registro pertinente al quale deve essere registrata la garanzia; se non fornisce queste informazioni, l’emittente fornirà un ulteriore periodo di tempo, che non dovrà essere inferiore a due mesi.

(2) ceduto se il proprietario della emittente di titoli e non ha rivelato se il suo numero di conto nell’apposito registro, da un titolo registrato, anche nel periodo aggiuntivo, va alla proprietà dell’emittente di questo prezioso documento il giorno in cui per lui il proprietario pagare un prezzo equo

Sezione 531

Se il proprietario di un titolo in mancanza di sicurezza di movimentazione, di identificare l’emittente per la presentazione di un ulteriore periodo di cui al § 529 paragrafo. 1 e nella sua pubblicazione avverte che la sicurezza, che sarà consegnato anche nel periodo aggiuntivo, dichiara emittenti non valida .

  • 532

(1) Su richiesta dell’emittente registra il depositario centrale dematerializzati nel registro centrale in modo simile alla emissione di titoli dematerializzati e titoli nominativi sui conti patrimoniali indicati nella richiesta. Emittente invia una richiesta dopo il termine di cui al paragrafo § 529. 1 o addirittura prima della sua scadenza, se è stato consegnato a tutti i titoli, ma non oltre la scadenza del termine supplementare.

(2) Poiché la domanda dell’emittente per la registrazione della sicurezza contabile nel registro centrale fino alla registrazione dell’intera emissione, tali titoli non possono essere negoziati su un mercato regolamentato europeo.

  • 533

(1) Una garanzia che non è stata consegnata deve essere registrata dal CSD in un conto tecnico separato; il titolare del conto tecnico è l’emittente. Registrandosi su questo conto questi titoli sono convertiti in titoli di libro.

(2) Il diritto al ritorno dei titoli di cui al paragrafo 1, per il periodo che va dalla data di chiusura ai sensi del § 529 paragrafo. 1 viene raggiunto prima che il proprietario dell’emittente titoli, resa titoli.

  • 534

(1) Se la garanzia non è stata consegnata entro un ulteriore periodo, l’emittente lo dichiarerà non valido.

(2) A seguito della dichiarazione di nullità del titolo, l’emittente venderà i titoli in forma di libro che sostituisce con cura professionale. Se l’emittente sceglie di vendere la garanzia dematerializzata a un’asta pubblica, pubblica il luogo, l’ora e l’oggetto dell’asta almeno due settimane prima dell’asta.

(3) Un emittente paga il ricavato della vendita di persona di sicurezza del libro-entry la cui sicurezza è stato annullato dopo la cessione di crediti derivanti emittente della dichiarazione di sicurezza come non valido e vendite di titoli dematerializzati, che sostituisce.

  • 535

Le disposizioni di cui al § 529, 531 a 533 si applicano, mutatis mutandis, ai titoli che vengono convertiti in forma scritturale titoli, che devono essere tenuti in un registro separato.

Sottosezione 2

Conversione della sicurezza del libro-entry alla sicurezza
§ 536

Se l’emittente ha deciso di trasformare i titoli dematerializzati su titoli senza indebito ritardo la sua decisione di pubblicare una decisione entro lo stesso termine modo da garantire per l’accesso remoto.

  • 537

(1) Il depositario centrale fornisce l’emittente entro trenta giorni dal ricevimento della all’annuncio dell’emittente sulla conversione della sicurezza book-entry per la sicurezza, un comunicato della centrale, così come record di follow-up che contengono informazioni sul tema della sicurezza del libro-entry, i proprietari di titoli dematerializzati, se la gestione la sicurezza della voce contabile è sospesa e se la sicurezza della voce contabile è stata interrotta, inclusa la designazione del creditore pignoratizio.

(2) Il Depositario centrale e il Titolare del conto non devono registrare alcuna registrazione sulla sicurezza del libro contabile convertita in valori mobiliari nel Registro.

  • 538

(1) La società di gestione accentrata deve annullare la registrazione dei titoli dematerializzati alla data specificata dall’emittente, ma non prima della data dell’estratto ai sensi del § 537 paragrafo. 1 e non oltre un mese dalla data in cui la dichiarazione è stata redatta.

(2) Annullamento di registrazione dei titoli dematerializzati depositario centrale comunica l’organizzatore di un mercato regolamentato europeo in cui si tratti di titoli consegnabili sono ammessi alla negoziazione partecipanti al depositario centrale, che si notificano i proprietari di titoli dematerializzati e dei clienti titolare del conto.

(3) Il titolare del conto annulla il registro dei titoli di libro nello stesso giorno del deposito centrale.

  • 539

(1) Il proprietario di un titoli dematerializzati, che è stato trasformato in un titolo deriva dalla cancellazione giorno del titolo di entrata registro, il diritto di cedere l’emittente titoli.

(2) La cauzione deve essere emessa al più presto alla data di cancellazione della registrazione.

  • 540

(1) Se la data di cancellazione della registrazione dei titoli dematerializzati sospeso lo smaltimento del titolo a cui diede l’ordine dell’autorità pubblica procede alla emittente di un titolo tale autorità.

(2) Se la data di cancellazione della registrazione dei titoli dematerializzati sospeso la gestione della sicurezza del libro-entry, che è stato ordinato da una persona autorizzata a farlo dalla legge che disciplina le attività commerciali sul mercato dei capitali, ci sarà il proprietario del titolo di ingresso, il diritto di commettere titoli solo dopo il periodo per il quale è stato sospeso il trattamento della sicurezza contabile. Questo non si applica se la persona che ha dato l’ordine di sospendere la gestione accetta la consegna della sicurezza al proprietario.

  • 541

(1) Se la data di cancellazione della registrazione di sicurezza titoli dematerializzati book-entry fermato, gli effetti di arresto inalterati; il diritto di cedere una garanzia sorge a un pegno. L’obbligo di consegnare i titoli all’emittente altresì, con il consenso del creditore ipotecario consente di risparmiare emesso titoli in custodia a favore del proprietario e custode passa il contratto di mutuo originale o una copia autenticata.

(2) Nel caso della conversione del titolo immesso in titoli in un titolo a sua volta, l’emittente deve contrassegnare la dichiarazione di disattivazione della sicurezza.

  • 542

(1) Dopo la cancellazione della registrazione del libro-entry emittente titoli prontamente pubblicare un bando per i proprietari di titoli di questo tema per la loro accettazione e la sfida nello stesso periodo modo da garantire per l’accesso remoto. I termini per la presa in consegna di un titolo sono determinati in un appello simile ai sensi dell’articolo 529, paragrafi 2 e 531.

(2) In nome della sicurezza o per ordinare l’emittente invia la chiamata a prendere in consegna la sicurezza e l’indirizzo di residenza o di domicilio del proprietario specificato nei registri.

  • 543

(1) Se il proprietario non prende in consegna il titolo in un ulteriore periodo, l’emittente lo venderà con cura professionale. Se l’emittente sceglie di vendere un titolo all’asta pubblica, pubblica il luogo, l’ora e l’oggetto dell’asta almeno due settimane prima dell’asta.

(2) L’ Emittente paga i proventi della vendita della garanzia al proprietario dopo aver dedotto i crediti sostenuti dall’emittente in relazione alla sua vendita.

  • 544

Per quanto riguarda i titoli contabili iscritti in un registro separato, si applicano mutatis mutandis i § 536 a 543.

TITOLO V

ATTIVITÀ LEGALE
Parte 1

Azione legale
Sezione 1

Disposizioni generali
§ 545

L’azione legale solleva le conseguenze legali espresse in esso, così come le conseguenze legali derivanti dalla legge, buoni costumi, pratiche e pratiche consolidate delle parti.

  • 546

Può agire o trascurare lecitamente; può diventare esplicito o altrimenti irragionevole su ciò che la persona in questione voleva mostrare.

  • 547

Gli atti legali devono riflettere il contenuto e lo scopo della buona morale e della legge.

condizione
§ 548

(1) La creazione, la modifica o la cessazione dei diritti possono essere soggetti alle condizioni. Se l’estinzione di un diritto o di un obbligo è legata a una condizione impossibile, viene ignorata.

(2) La condizione è che, se è condizionato al suo adempimento, si verificano le conseguenze legali dei negoziati. La condizione è evidente, se dipende dal suo adempimento, se le conseguenze legali sono già finite.

(3) Se l’azione legale o la sua natura non è altrimenti, la condizione è considerata come posticipata.

  • 549

(1) L’adempimento della condizione non deve essere preso in considerazione se è deliberatamente compiuto da una persona che non è autorizzata a farlo e che è l’adempimento della condizione di beneficio.

(2) Se la parte non rispetta la condizione che il mancato rispetto della condizione di beneficio è intenzionalmente vietata, la condizione si considera soddisfatta.

  • 550

Prova del tempo
Se il periodo di partenza è fissato per la data effettiva dell’azione legale, le disposizioni del § 548 e 549 si applicano mutatis mutandis alla condizione di deposito. Se l’efficacia di un atto giuridico è limitata a una data finale, si applicano mutatis mutandis l’articolo 548 e l’articolo 549.

Azione legale apparente
§ 551

Nessuna azione legale è possibile se manca la volontà del responsabile.

  • 552

Non c’è nessuna azione legale se non c’è una volontà ovvia.

  • 553

(1) Non è possibile entrare in giudizio se non è possibile accertarne il contenuto o l’interpretazione per la sua incertezza o incomprensibilità.

(2) se si trattava di una manifestazione di volontà tra le parti in seguito chiarite, ignorando la sua difetto e sembra come se ci fossero procedimenti giudiziari fin dall’inizio.

  • 554

L’azione legale apparente non viene presa in considerazione.

Sezione 2

Interpretazione di procedimenti giudiziari
§ 555

(1) Gli atti giuridici devono essere giudicati in base al loro contenuto.

(2) Se un’azione legale deve essere ostacolata da qualche azione legale, deve essere giudicata dalla sua vera natura.

  • 556

(1) Ciò che è espresso in parole o in altro modo, deve essere interpretato secondo le intenzioni del negoziatore, se tale intenzione era nota all’altra parte o se doveva saperlo. Se non è possibile determinare l’intento della persona ad agire, l’espressione di volontà è attribuita al significato che normalmente una persona nella posizione della persona della volontà della volontà assegna.

(2) Per l’interpretazione dichiarazioni di intenti in considerazione la prassi consolidata tra le parti nelle transazioni legali, a ciò giudizio dinanzi, anche il modo in cui le parti in seguito messo in chiaro che il contenuto e il significato di un procedimento giudiziario allegare.

  • 557

Se il termine usato ammette interpretazioni diverse, sarà tenuto presente dalla persona che per primo ha usato il termine.

  • 558

(1) Nei rapporti giuridici con l’imprenditore, l’espressione che ammette interpretazioni diverse deve essere attribuita all’importanza che ha in tale relazione su base regolare. Tuttavia, se l’altra parte non è un imprenditore, colui che la invoca deve dimostrare che l’altra parte deve essere conosciuta.

(2) I rapporti giuridici degli imprenditori devono tenere conto delle pratiche commerciali mantenute in generale o nel settore dato, a meno che ciò non comporti l’accordo delle parti o della legge. A meno che un’altra disposizione, il mercantilismo ha la precedenza sulle disposizioni della legge, che ha un effetto coercitiva, oppure può invocare le pratiche commerciali, se prova che l’altra parte ha avuto una pratica nota come la procedura di sotto di essa capisce.

Sezione 3

Forma di azione legale
§ 559

Ognuno ha il diritto di scegliere forme arbitrarie di azione legale se non è limitato nella scelta della forma per accordo o per legge.

  • 560

La forma scritta richiede un’azione legale per stabilire o trasferire un diritto reale ai beni immobili, nonché un’azione legale che modifica o abolisce tale diritto.

Sezione 561

(1) La firma del negoziatore è richiesta per la validità di un atto giuridico per iscritto. La firma può essere sostituita con mezzi meccanici dove è consuetudine. Un altro regolamento legale stabilisce in che modo un documento può essere firmato elettronicamente in un accordo giuridico effettuato per via elettronica.

(2) Qualora sia coinvolta più di una persona, è tenuto a comparire sullo stesso documento in procedimenti giudiziari che stabiliscono o trasferiscono un diritto reale su beni immobili, o laddove tale diritto sia emendato o annullato.

Sezione 562

(1) La forma scritta viene mantenuta anche quando ad azioni legali effettuate con mezzi tecnici elettronici o di altro per consentire la cattura del suo contenuto e destinazione della persona che agisce.

(2) Si ritiene che registra i dati sui procedimenti legali nel sistema elettronico sono affidabili se vengono eseguiti in modo sistematico e in sequenza, e se sono protetti contro le modifiche. Se il record è stato preso durante un’operazione di gara e l’altra parte lo invoca a suo vantaggio, il record è considerato affidabile.

Sezione 563

(1) Se la scrittura è legalmente una persona che non può leggere e scrivere, ma è in grado di familiarizzare con il contenuto delle trattative legali con dispositivi o ausili speciali o attraverso qualsiasi altra persona che si sceglie, portano la firma dello strumento; a meno che non si tratta di un segno, avere luogo prima della firma di almeno due testimoni al rogito a mano o altrimenti propri segni, a cui uno dei testimoni accreditati nome recitazione.

(2) Il § 39 si applica ai testimoni per analogia.

(3) Se non è possibile procedere secondo il paragrafo 1, una persona che non può leggere e scrivere è tenuta ad agire come una forma di strumento autentico. Tale forma è richiesta anche se la legge stabilisce che la manifestazione della volontà di agire deve essere sulla lista scritta dalla sua stessa mano. Se è in grado di farlo, lui / lei deve allegare il proprio segno alla registrazione della sua azione legale.

  • 564

Se la legge richiede una forma di azione legale, il contenuto dell’azione legale può essere alterato da una manifestazione di volontà nella stessa o in una forma più rigida; se questo modulo richiede solo l’accordo delle parti, il contenuto dell’azione legale può essere modificato in una forma diversa, salvo diversa disposizione delle parti.

Sezione 4

Carta privata e carta pubblica
Carta privata
§ 565

E ‘per tutti coloro che si basa su documenti privati ​​per dimostrare la sua autenticità e l’esattezza. Se un documento privato utilizzato contro la persona che ha firmato l’atto apparentemente, o contro i suoi eredi o contro qualsiasi persona che ha acquisito le attività nella conversione della persona giuridica come suo successore legale, si ritiene che l’autenticità e l’accuratezza dello strumento è stata riconosciuta.

  • 566

(1) Se un documento privato non è firmato, spetta alla persona che lo ha usato provare che proviene dalla persona che afferma.

(2) Si ritiene che i documenti relativi ai fatti giuridici che si verificano durante il normale funzionamento dell’impianto, spettacolo solleva se interlocutore a proprio vantaggio ciò che è nel documento conteneva e che il documento è stato rilasciato in tempo per esso menzionati; questo è vero anche se il documento non è stato firmato.

Documento pubblico
Sezione 567

Un documento pubblico è un documento rilasciato da un’autorità pubblica nei limiti della sua autorità o un documento che la legge dichiara come un documento pubblico; non si applica se soffre di tali difetti che la guarda come se non fosse una carta pubblica.

  • 568

(1) Se un fatto confermato nello strumento, stabilisce che per ciascuna prova completa dell’origine dello strumento dal corpo o persona che impostato, il tempo di acquisizione dello strumento, nonché il fatto che il creatore di documenti pubblici confermato che per la sua presenza si è verificata o è stata eseguita fino a prova contraria.

(2) Indica se un’espressione atto pubblico della volontà della persona durante un procedimento legale e se agisce firmato, stabilisce per ogni prova piena di una tale espressione di volontà. Questo è anche il caso in cui la firma della parte recitante è stata sostituita in un modo prescritto dalla legge.

  • 569

Se un documento pubblico è stato preso per negare un precedente strumento autentico di azione legale tra le stesse persone, ha un effetto di terza parte se il suo contenuto è stato pubblicato su un elenco pubblico o se è stato presentato a terzi.

Sezione 5

Procedimenti legali contro una persona assente
§ 570

(1) Gli atti giuridici agiscono contro una persona assente dal momento della manifestazione della volontà; se l’altra parte muore deliberatamente, è vero che si è verificato correttamente.

(2) Gli atti giuridici non agiscono nei confronti di una persona che non ha il pieno diritto, prima che si manifesti una manifestazione di volontà al suo tutore o tutore legale. Se, tuttavia, l’azione legale è quella di dare a tale persona solo un vantaggio legale, l’azione legale avrà effetto dal momento in cui è stata fatta contro quella persona.

  • 571

Se l’espressione di volontà è cambiata a causa dei mezzi utilizzati dalla persona che ha agito, o da altre circostanze impostate durante il trasporto, il caso legale sarà considerato in base alle disposizioni di errore.

  • 572

Una persona che agisce in forma scritta può ritirare la propria volontà se viene presentato un ricorso all’altra parte contemporaneamente all’espressione originale di volontà.

  • 573

Presunzione del tempo di mungitura
Si ritiene che ci fosse una spedizione inviato utilizzando il servizio postale è arrivato terzo giorno lavorativo dopo la spedizione, se non è stato inviato in un altro paese, allora il quindicesimo giorno lavorativo dopo la spedizione.

Sezione 6

Invalidità dei procedimenti giudiziari
Disposizioni generali
§ 574

Le procedure legali devono essere considerate valide piuttosto che invalide.

  • 575

Se la condotta formalità legali illegali altra azione legale che è valido, questo si applica altri procedimenti legali se è chiaro dalle circostanze che esprime la volontà della persona che agisce.

  • 576

Se si tratta del motivo di annullamento solo come parte delle azioni legali che possono essere dalla sua altri contenuti separarlo è valido solo questa parte, se si può presumere che l’atto giuridico è avvenuto senza la parte non valida, iscritta se il partito sarebbe invalidare il tempo.

  • 577

Se il motivo dell’invalidità è solo quello di determinare illecitamente la dimensione quantitativa, temporale, territoriale o di altra natura, il tribunale modificherà il campo di applicazione in modo da riflettere un equo accordo tra i diritti e gli obblighi delle parti; i suggerimenti delle parti non sono vincolati, ma valuteranno se la parte abbia accesso al procedimento legale, riconoscendo l’invalidità nel tempo.

  • 578

Errori nella scrittura o nei numeri non sono dannosi per l’azione legale se il suo significato è insindacabile.

  • 579

(1) Se qualcuno ha causato la nullità dell’azione legale, lui / lei non ha diritto a invocare l’invalidità o fare affidamento su un vantaggio per un atto legale inappropriato.

(2) Chi ha causato l’invalidità dell’azione legale, deve risarcire il danno subito dalla parte che non era a conoscenza dell’invalidità.

Principali motivi di nullità
§ 580

(1) Invalido è un atto lecito, che interferisce con buoni costumi, così come atti legali contrari alla legge, se lo scopo e lo scopo della legge lo richiede.

(2) Un’azione legale è nulla se deve essere considerata impossibile.

Sezione 581

Se una persona non ha il pieno diritto, un atto giuridico a cui non ha diritto non è valido. L’azione legale di una persona che agisce in una disabilità mentale che lo rende incapace di agire legalmente non è valida.

  • 582

(1) Se l’azione legale non è sotto forma di parti o per legge, sarà nulla e non valida, a meno che le parti non si curino ulteriormente. Se l’espressione di volontà comporta più azione legale allo stesso tempo, la mancanza di forma richiesta per alcuni di essi non rende di per sé invalida gli altri.

(2) Se la forma di negoziazione legale negoziata dalle parti non viene rispettata, l’invalidità può essere contestata solo se non è stata soddisfatta. Questo è vero anche se la forma di una particolare azione legale richiede le disposizioni della Parte 4 della presente legge.

Un errore
§ 583

Se qualcuno è stato scambiato per le circostanze del caso ed è stato fuorviato dall’altra parte, l’azione legale è nulla.

  • 584

(1) Dove un errore circostanze accidentali che nessuna delle due parti ha dichiarato la condotta legale decisiva in vigore, ma la persona di cui a trarre in inganno verso un mittente sbagliato diritto al risarcimento ragionevole.

(2) Se un atto giuridico è stato commesso in un errore fuorviante, l’azione legale è nulla, anche se l’errore riguarda solo circostanze secondarie.

  • 585

Se la persona non riesce ad agire in errore, l’azione legale è valida. Lei, tuttavia, se la persona con la quale la legge è stata, in un atto di una quota di terzi, o lo sapeva, o almeno avrebbe dovuto sapere, deve anche essere responsabile per l’errore mittente.

Effetti dell’invalidità
§ 586

(1) Se l’invalidità di un’azione legale è determinata per proteggere l’interesse di una persona, solo quella persona può sollevare obiezioni di nullità.

(2) Se il beneficiario non intraprende un’azione legale, l’azione legale sarà ritenuta valida.

Sezione 587

(1) Chi era il procedimento legale costretti con la minaccia di vista fisico o mentale violenza che inducono l’importanza e la probabilità di pericolo imminente anche le qualità personali dei quali sono stati minacciati la sua ragione di credere che ha il diritto di discutere di invalidità di azioni legali.

(2) Chiunque abbia portato un’altra persona a un’azione legale da una minaccia o da una racchetta compenserà sempre il danno sorto.

  • 588

Il tribunale tiene conto ufficio la nullità dell’atto giuridico che è chiaramente in contrasto con buon costume o che è contrario alla legge e manifestamente contraria all’ordine pubblico. Questo è anche il caso in cui l’azione legale obblighi l’adempimento fin dall’inizio impossibile.

Sezione 7

Inefficienza relativa
§ 589

(1) Riduce Se il debitore esecutivo legale soddisfare il creditore, il creditore ha diritto di chiedere alla Corte di dichiarare che il procedimento legale contro i creditori del debitore non sono giuridicamente efficaci. Questo diritto ha anche un creditore anche se il diritto del terzo è già applicabile o se è già stato soddisfatto.

(2) L’ inefficacia dell’azione legale del debitore si basa su una decisione del tribunale sul credito del creditore, che è stato contraddetto dall’azione legale del debitore (azione contro il debitore).

  • 590

(1) Il creditore può invocare l’inefficacia dei procedimenti giudiziari,

(a) che il debitore ha fatto negli ultimi cinque anni per abbreviare il suo creditore, se tale intenzione era nota all’altra parte,

(b) se un debitore ha accorciato il proprio creditore negli ultimi due anni se l’altra parte ha saputo ridurre l’intenzione di accreditamento del debitore;

  1. c) che il creditore è ridotto e che negli ultimi due anni tra il debitore e la persona vicino a lui o che il debitore ha fatto in favore di tali persone, a meno che l’altra parte, in un momento in cui il procedimento giudiziario accadono intenzione del debitore per accorciare il creditore non sapete, non noto per essere non doveva.

(2) Il creditore può invocare l’inefficacia di acquisto o di scambio contratti conclusi nel corso dell’ultimo anno, ha avuto l’altra parte per identificare il comportamento del debitore sperpero la proprietà, che è creditore del debitore accorciato.

  • 591

Il creditore può invocare l’inefficacia del processo legale gratuito del debitore se si è verificato negli ultimi due anni. Questo non si applica se lo è

(a) il rispetto dell’obbligo imposto dalla legge,

(b) regali occasionali consueti,

(c) dedizione prestata a un tasso ragionevole per uno scopo pubblico, o

(d) l’ adempimento di un obbligo morale o il rispetto del rispetto.

Sezione 592

Come i procedimenti legali di cui al § 590 o 591 sarà valutato e omissioni che il mutuatario perso un diritto di proprietà o per un’altra persona in relazione a ogni creazione, la conservazione o il sequestro dei diritti di proprietà causati dalla natura. Questo vale anche se il debitore ha rifiutato di eredità, a meno che non sia sovraindebitati.

  • 593

Si riserva il suo creditore prima che il debito diventa diritto ad appellarsi alla inefficacia delle azioni legali che la prenotazione da un notaio, ufficiale giudiziario o di un giudice ne informa il fatto al quale l’inefficacia di azioni legali può invocare, quindi il termine ultimo creditore di appello l’inefficacia del diritto negoziati sospesi finché la rivendicazione diventa esecutiva.

  • 594

(1) Le inefficienze di azioni legali possono essere fatti valere nei confronti di chi legalmente con il debitore ha agito o che legalmente acquisito beneficiare direttamente le trattative, ai suoi eredi o contro la persona che ha acquisito le attività nella conversione della persona giuridica, come il suo successore legale.

(2) Nel caso di un altro successore legale, l’inefficacia può essere invocata solo se

  1. a) il successore avrebbe dovuto essere a conoscenza delle circostanze in cui il creditore avrebbe potuto invocare l’inefficacia dei procedimenti giudiziari,
  2. b) il successore legale ha acquisito il diritto gratuitamente, oppure

(c) l’interessato è un parente stretto a meno che, al momento dell’acquisizione della legge da parte del predecessore, le circostanze in merito alle quali il creditore avrebbe potuto fare affidamento sull’illegittimità del procedimento giudiziario possano non essere note.

  • 595

(1) L’ inefficacia dell’azione legale stabilisce il diritto del creditore a rivendicare la soddisfazione del credito, nonché il fatto che il comportamento inefficace del patrimonio del debitore è fallito. Se ciò non è possibile, il creditore ha diritto a un rimborso corrispondente.

(2) Chiunque sia obbligato a esibirsi è considerato un detentore disonesto; suo erede o altro successore legale generale, solo se dovesse essere a conoscenza delle circostanze in cui il creditore sarebbe in grado di fare affidamento sull’inefficacia dei procedimenti giudiziari.

(3) Il beneficiario onesto del pagamento a titolo gratuito soddisfa il creditore di tale prestazione nella misura in cui è stato arricchito. Questo non è il caso se il creditore avesse potuto invocare l’inefficacia dell’azione legale, anche se fosse a titolo oneroso.

  • 596

Acquisito se la terza parte in causa, che darebbe il creditore potrebbe altrimenti far valere la soddisfazione di tale diritto, è contro questa persona inefficienza richiamare no, una persona contro la quale un inefficacia creditore di azioni legali potrebbe precedenza raggiungere e in cui diritti di possesso dei terzi è sorto un obbligo di risarcimento del creditore.

Sezione 597

(1) Chiunque sia responsabile nei confronti del creditore in conformità alle Sezioni 595 o 596 può rinunciare al credito del creditore nei confronti del debitore. Può farlo anche prima che il creditore dell’inefficacia invochi.

(2) Chi ha l’obbligo nei confronti del creditore ai sensi del § 595 o 596, il debitore può esigere la restituzione dei benefici reciproci o incontrare debito rivivere conseguenza, il creditore ha ottenuto attraverso inefficienza.

  • 598

Se più di un creditore omette di agire sullo stesso atto giuridico, non gli sarà richiesto di aggregare più delle disposizioni delle sezioni 595 e 596.

  • 599

(1) permette al creditore se l’inefficacia delle azioni giudiziarie relative al caso registrato in un elenco pubblico, insieme con la presentazione della domanda e mettere da parte la prova del suo deposito per richiedere l’autorità responsabile per il mantenimento di un elenco del genere, in modo che essa ha per perorare l’inefficacia delle azioni legali.

(2) Se il tribunale ha ottemperato all’azione, la sentenza ha effetti anche nei confronti delle persone che, dopo aver fatto l’osservazione, hanno acquisito un diritto o un diritto su una causa in tale elenco.

Parte 2

Eventi legali
§ 600

Disposizioni generali
La legge specifica quali diritti e doveri sono creati, modificati o aboliti da fatti giuridici indipendenti dalla volontà di una persona. Tale risultato può anche determinare la risoluzione delle parti.

L’importanza del tempo
§ 601

(1) Quando un diritto è esercitato o sorge un obbligo in un particolare giorno, esso deve essere acquisito o sostenuto all’inizio di quel giorno; se un diritto o un obbligo cessa in un determinato giorno, scade alla fine di quel giorno. Questo non si applica a meno che la natura del caso sia esclusa.

(2) Se l’estinzione di un diritto dà origine a un diritto diverso, i due si verificano nello stesso momento. Salvo patto contrario o stipulato, tali effetti legali si verificheranno alla fine della giornata.

  • 602

Se il diritto di esercitare o obbligo di soddisfare un particolare giorno o un giorno particolare, è necessario che accada alla solita ora del giorno, a meno che qualche altra cosa deriva dalle abitudini, dalla prassi consolidata delle parti o delle particolari circostanze del caso di specie.

Sezione 603

I diritti e gli obblighi scadranno alla scadenza del periodo per il quale sono stati limitati.

  • 604

Un cambiamento nel creditore o debitore della persona non ha alcun effetto sul corso del tempo o del periodo.

Tempo di conteggio
§ 605

(1) Il termine o l’ora determinata dai giorni inizieranno il giorno successivo al fatto decisivo per la sua origine.

(2) Fine del periodo oi periodi specificati in settimane, mesi o anni scade il giorno il cui nome o il numero del giorno in cui spiega il fatto da cui il periodo di tempo o di conteggi. Se non esiste un giorno simile nell’ultimo mese, la fine del periodo o la fine del mese diminuisce.

  • 606

(1) La metà del mese è di 15 giorni e la metà del mese è il 15 ° giorno.

(2) Se il periodo o l’ora è impostato per uno o più mesi e parte del mese, viene conteggiata l’ultima parte del mese.

  • 607

Se l’ultimo giorno di sabato, domenica o giorno festivo è l’ultimo giorno della data di scadenza, il giorno lavorativo successivo sarà il seguente.

  • 608

Il tempo o il periodo determinato in unità di tempo più brevi di giorni viene conteggiato dal momento in cui inizia, fino al termine.

Parte 3

Limitazione e preclusione
Sezione 1

lasso
Sottosezione 1

Disposizioni generali
§ 609

Se il diritto non è stato esercitato entro il termine di prescrizione, è prescritto e il debitore non è obbligato a eseguire. Tuttavia, se il debitore ha rispettato il periodo di prescrizione, non può chiedere il ritorno di ciò che ha fatto.

  • 610

(1) Il termine di prescrizione deve essere preso in considerazione dal tribunale solo se il debitore si oppone al fatto che il diritto è prescritto. Se qualcuno rinuncia a richiedere il periodo di prescrizione in anticipo, non verrà preso in considerazione.

(2) Se le parti sono obbligate a restituire quello che sono diventati non validi per contratto o dall’impegno annullata, il giudice tiene conto del motivo limitazione solo se i termini di prescrizione potrebbe sostenere l’altra parte. Questo è vero anche se è stato eseguito sulla base di un’apparente udienza legale.

  • 611

Tutti i diritti di proprietà sono vietati tranne nei casi previsti dalla legge. Altri diritti saranno prescritti se la legge lo prevede.

  • 612

Nel caso del diritto alla vita e alla dignità, al nome, alla salute, alla serietà, all’onore, alla privacy o ad altre leggi personali simili, sono esclusi solo i diritti a risarcire il danno causato a tali diritti.

  • 613

Il diritto alla manutenzione non è revocato, ma il diritto a singoli benefici ricorrenti è soggetto a limitazioni.

  • 614

Non esiste il diritto di proprietà o il diritto di rivendicare la divisione di una causa comune, il diritto di stabilire la via necessaria e il diritto alla redenzione del peso reale.

  • 615

(1) Se il debito è garantito da pegno, il diritto di pegno prima del reclamo non può essere confiscato. La limitazione del credito non impedisce al creditore in pegno di soddisfare il pegno.

(2) Il diritto di pegno non può essere risolto fino a quando il pegno non ha pegno con un pegno o con una terza persona.

(3) Se il creditore ha il diritto di detenzione, i paragrafi 1 e 2 si applicano mutatis mutandis.

  • 616

Quando si concede una garanzia trasferendo il diritto, la limitazione della richiesta non è un motivo per il trasferimento del diritto alla persona che ha fornito la garanzia.

  • 617

(1) Anche dopo la scadenza del termine di prescrizione, la parte può invocare il suo diritto di difendere contro la legge proposto dalla controparte, a meno che entrambi i diritti si riferiscono al contratto o ai vari contratti conclusi a fine seconda vicenda.

(2) Anche dopo la scadenza del termine di prescrizione, la parte può ricorrere al suo diritto di compensazione, qualora la compensazione potesse essere effettuata in qualsiasi momento prima della scadenza del termine di prescrizione.

  • 618

Barred se la legge è registrato nella lista pubblica o registro dei pegni, cancella lo escluso dal diritto di coloro che si iscrivono o una lista pubblica di garanzie porta alla proposta di una persona che ha una delezione interesse legale.

L’inizio del periodo di limitazione
§ 619

(1) Quando la legge è esecutiva con un’autorità pubblica, il termine di prescrizione inizia a decorrere dalla data in cui il diritto può essere esercitato per la prima volta.

(2) Il diritto può essere invocato per la prima volta se il Beneficiario è venuto a conoscenza delle circostanze che determinano l’inizio del periodo di prescrizione o quando avrebbe dovuto esserne a conoscenza.

  • 620

(1) Le circostanze applicabili all’inizio del termine di prescrizione per il diritto al risarcimento comprendono la conoscenza del danno e la persona richiesta per compensarlo. Questo è anche il caso dell’eliminazione della lesione.

(2) Le circostanze determinanti per l’inizio della prescrizione del diritto al risarcimento dei danni causati da difetti del prodotto sotto § 2939 includono la conoscenza del danno, del difetto e dell’identità del produttore.

  • 621

Le circostanze applicabili all’inizio del termine di prescrizione per il diritto all’arricchimento senza causa comprendono la conoscenza dell’arricchimento senza causa e la persona che è tenuta a emetterlo.

  • 622

In caso di infortunio di un minorenne a un minore che non ha diritto, il periodo di prescrizione inizia prima di essere eseguito fino a quando il minore non ha pienamente diritto. Se non riesce a farlo, il periodo di prescrizione può essere eseguito indefinitamente fino a quando un tutore non viene nominato dopo aver raggiunto la maggiore età.

  • 623

Nel caso di pagamenti di debiti parziali, il termine di prescrizione inizia a decorrere per ciascun beneficio parziale dalla data della sua scadenza. In caso di integrale indebitamento per inadempimento di un debito parziale, il termine di prescrizione decorre dalla data di scadenza del pagamento parziale non eseguito per l’intero debito.

  • 624

Per quanto riguarda il diritto di emettere fondi depositati o rappresentati in depositi, il termine di prescrizione decorre dalla data in cui cessa l’obbligazione contrattuale.

  • 625

Per un diritto derivante dalla distruzione totale o dalla perdita di un articolo trasportato, il termine di prescrizione inizia a decorrere dalla data in cui la spedizione doveva essere consegnata al destinatario. Tuttavia, se il caso trasportato è stato danneggiato solo o se è stato consegnato in ritardo, il periodo di prescrizione inizia a decorrere dalla data di consegna della spedizione.

  • 626

In caso di reclami, il termine di prescrizione inizia a decorrere un anno dall’evento assicurato. Ciò vale anche quando l’attore ha diritto al risarcimento diretto nei confronti dell’assicuratore o quando l’assicurato pretende dall’assicuratore di pagare il danno subito dalla parte lesa al fine di risarcire il danno o altri danni.

  • 627

Se, conformemente alla prassi o alla pratica stabilita dalle parti tra loro, il credito è regolato sulla base del conto presentato alla fine di un periodo determinato, il termine di prescrizione inizia a decorrere dal giorno successivo alla fine del periodo in cui la dichiarazione era dovuta.

  • 628

Nel caso di un diritto che deve essere prima esercitato con l’interessato, il termine di prescrizione inizia a decorrere dalla data in cui il diritto è stato esercitato.

Sottosezione 2

Durata del periodo di limitazione
Disposizioni generali
§ 629

(1) Il periodo di prescrizione è di tre anni.

(2) Diritto della Proprietà si estingue entro e non oltre la scadenza di dieci anni dalla data in cui ha raggiunto, a meno che la legge prevede espressamente per un altro termine di prescrizione.

  • 630

(1) Le parti possono negoziare un termine di prescrizione più o meno lungo contato dal giorno in cui il diritto poteva essere esercitato per la prima volta rispetto a quello previsto dalla legge, ma almeno la durata di un anno e una durata massima di quindici anni.

(2) Se un periodo più o meno lungo negoziato in danno dei soggetti più deboli, arrangiamento ignorare. Ignorare né accordi per un periodo più breve, se si tratta di un diritto al pagamento derivanti da un danno alla libertà, la vita o la salute o diritto derivante da dolo.

Disposizioni speciali
Sezione 631

Nel caso in cui un diritto sia stato inserito nella lista pubblica, esso sarà incamerato per dieci anni dalla data in cui è stato applicabile per la prima volta.

  • 632

Se ci fosse un elenco pubblico di legge scritta che può essere eseguita in modo continuo o più volte, è sbarrata a meno che non viene esercitato per dieci anni. Se non è stato inserito nella lista pubblica destra che si esercita solo raramente, necessario che la persona a cui appartiene il diritto, ha avuto più di dieci anni, almeno tre volte l’opportunità di esibirsi e mai non esercitati; Se si verifica in un’opportunità di dieci anni per fare il giusto tre volte, l’estensione del termine di prescrizione fino nessuno usato dei tre occasioni.

Sezione 633

(1) Se la persona che è vincolata dal dovere di esercitare il diritto è vietata, la servitù sarà decaduta se il beneficiario non esercita il suo diritto entro tre anni.

(2) Il diritto a una singola carica da un onere reale è prescritto in prescrizione.

  • 634

Il diritto di richiedere al tribunale di determinare, sulla base di un contratto del futuro contratto, il contenuto di un futuro contratto è prescritto per un anno dall’ultimo giorno del momento in cui il futuro contratto avrebbe dovuto essere concluso. Questo è anche il caso se è stato concordato che una terza parte o un tribunale designa una questione particolare del contratto.

  • 635

(1) Nel caso dell’assicurazione sulla vita, il diritto all’indennità è incamerato per dieci anni.

(2) Il diritto di indennizzo da assicurazione di responsabilità civile è prescritto al più tardi dalla limitazione del diritto al risarcimento per il danno o la lesione coperti dall’assicurazione.

  • 636

(1) Il diritto al risarcimento per danni o altri danni deve essere prescritto al più tardi entro dieci anni dal giorno in cui si è verificato il danno o il danno.

(2) Se il danno o il danno è stato causato intenzionalmente, il diritto al risarcimento sarà incamerato non oltre quindici anni dalla data in cui si è verificato il danno o il danno. Questo è vero anche nel caso di danni o lesioni a causa di violazione dell’obbligo incombente in offerta corruzione, promettere o tasse tangente diversa vittime o la richiesta diretta o indiretta tangente da parte della vittima.

(3) I paragrafi 1 e 2 non si applicano al diritto derivante dal pregiudizio alla libertà, alla vita o alla salute.

  • 637

Il diritto al risarcimento dei danni causati da un difetto di un prodotto ai sensi della sezione 2939 deve essere prescritto al più tardi entro 10 anni dalla data in cui il produttore ha introdotto il prodotto difettoso sul mercato.

  • 638

(1) Il diritto all’arricchimento senza causa è prescritto al più tardi dieci anni dopo il giorno in cui si è verificato l’arricchimento senza causa.

(2) Se ci fosse un arricchimento senza causa acquisito deliberatamente impedito il diritto alla sua ultima versione in quindici anni dal giorno in cui l’arricchimento senza causa si è.

  • 639

Se il debitore ha riconosciuto il proprio debito, il diritto decade per dieci anni dalla data in cui il debito è stato riconosciuto. Tuttavia, se il debitore determina il periodo di grazia e il periodo a cui si conformerà, il diritto decade per dieci anni dall’ultimo giorno del periodo specificato.

  • 640

Il diritto conferito da una decisione dell’autorità pubblica deve essere prescritto entro dieci anni dalla data in cui la decisione doveva essere eseguita.

Sezione 641

Se era in riconoscimento di debito o di riempimento decisione la diffusione della pubblica autorità su ogni adempimento parziale, applicare il termine di prescrizione per questi elementi e decorre dalla data di scadenza di ciascuna prestazione parte. Se l’intero debito non soddisfa uno dei vantaggi parziali, il termine di prescrizione inizia a decorrere dalla data di scadenza del pagamento parziale non eseguito.

  • 642

Se il debito è stato riconosciuto, o se è stato concesso il diritto di una decisione di un’autorità pubblica non si applica il termine di prescrizione per l’interesse e per le prestazioni ripetuto che è arrivato dopo il riconoscimento di debito o di diritti di tornare.

  • 643

(1) Si avvicinò un obbligo agli eredi, il termine di prescrizione si concluderà prima dello scadere di sei mesi dalla data in cui gli eredi di eredità confermato.

(2) E ‘stata una persona giuridica restaurato, finisce i suoi creditori PRESCRIZIONE prima dello scadere di sei mesi dalla data in cui la registrazione delle persone giuridiche nel registro pubblico viene ripristinato.

  • 644

Soddisfare i creditori del debito debitore per il mutuatario mutuo, nepromlčí suo diritto nei confronti del debitore in meno di sei mesi dopo il completamento del debito.

Sottosezione 3

Esecuzione del periodo di limitazione
§ 645

Se necessario, la persona che ha avuto un rappresentante legale o del tutore, il termine di prescrizione inizia a decorrere sui diritti di tali persone, o sulla legge contro di essa fino al giorno in cui il legale rappresentante o tutore riceve. Il periodo già iniziato va oltre, ma non termina prima di un anno dopo che l’ostacolo è scomparso.

  • 646

Tra i coniugi, il periodo limite non può essere eseguito o eseguito fino a quando il matrimonio non dura. Ciò si applica in modo simile ai diritti tra le persone che vivono nella casa comune, tra il tutore legale e rappresentato, il guardiano e il tutore, o tra il tutore e il tutore.

  • 647

Nel caso in cui un accordo sui negoziati extragiudiziale creditore e debitore di destra o le circostanze che diritto si fonda, il termine di prescrizione inizia a decorrere dopo il creditore o del debitore rifiuta espressamente tali atti continuano; se il periodo di prescrizione ha iniziato a essere eseguito prima, non è in corso per la durata dell’udienza.

  • 648

Se il creditore applica il diritto a un’autorità pubblica entro un termine di prescrizione e prosegue correttamente nel procedimento, il termine di prescrizione non si applica. Ciò vale anche per la legge già applicabile se è stata proposta una decisione o è stato proposto un atto di esecuzione.

  • 649

Applica se il creditore, al potere pubblico legge reciproca e applicare se entrambi i diritti per lo stesso contratto o di più contratti conclusi a fine seconda vicenda, il periodo di prescrizione più lungo alla data in cui sono state avviate procedure per quanto riguarda i diritti a cui il mutuo va bene. Negli altri casi, il termine di prescrizione cessa di essere eseguito alla data in cui è stato esercitato il diritto di applicare.

  • 650

Il periodo di prescrizione non viene eseguito fintanto che il creditore minaccia di impedire il diritto di esercitare. Ciò vale anche se il creditore non applica il diritto, perché il debitore o la persona del debitore viene fuorviato in modo fuorviante.

  • 651

verrà interrotta la prescrizione per il tempo necessario potere superiore che creditori negli ultimi sei mesi della prescrizione impedito il diritto di applicare.

  • 652

Continua se il termine di prescrizione, dopo la scomparsa di alcuni degli ostacoli di cui al § 646-651, il termine di prescrizione non si concluderà prima di sei mesi dalla data in cui ha cominciato a correre di nuovo.

Sottosezione 4

Recupero del reclamo e esecuzione di un nuovo periodo di limitazione
§ 653

(1) Se il diritto è stato riconosciuto e sbarrata se il mutuatario sul suo debito, il diritto viene ripristinato e inizia un nuovo termine di prescrizione dalla data in cui si è verificato il riconoscimento di debito. Tuttavia, se il debitore determina il periodo di grazia e il periodo a cui si conformerà, il diritto decade per dieci anni dall’ultimo giorno del periodo specificato.

(2) Se il diritto, sebbene già prescritto, è stato concesso con decisione di un’autorità pubblica, il paragrafo 1 si applica mutatis mutandis.

Sezione 2

preclusione
§ 654

(1) Se il diritto non è stato eseguito entro il termine previsto, esso scade solo nei casi specificati dalla legge espressamente. La corte terrà in debito conto l’estinzione della legge, anche se il debitore non ha obiezioni.

(2) Le disposizioni di questa legge sulla gestione del periodo di prescrizione si applicano anche, mutatis mutandis, per un periodo limite.

PARTE SECONDA

LEGGE FAMIGLIA
TITOLO I

MATRIMONIO
Parte 1

Disposizioni generali
§ 655

Il matrimonio è un legame permanente tra uomo e donna creato nel modo prescritto da questa legge. Lo scopo principale del matrimonio è creare una famiglia, educare adeguatamente i bambini e sostenersi e aiutarsi a vicenda.

Parte 2

Creazione del matrimonio
§ 656

(1) Il matrimonio ha creato un consenso libero e pieno manifestazione della volontà di uomini e donne che hanno intenzione di sposarsi (il “fidanzato”) accetta di contrarre matrimonio.

(2) La cerimonia di matrimonio è pubblica e festiva; è fatto in presenza di due testimoni.

  • 657

(1) Se i coniugi dimostrano la volontà di sposarsi insieme, di persona, davanti a un’autorità pubblica che esegue una cerimonia di matrimonio in presenza del cancelliere, si tratta di un matrimonio civile.

(2) quando v’è una coppia di fidanzati si, accetta di entrare in un matrimonio di persona prima che l’autorità della Chiesa o della società religiosa autorizzato a farlo da altre norme (di seguito denominato “la chiesa autorizzato”), si tratta di un matrimonio in chiesa.

  • 658

(1) Nel caso del matrimonio civile, un altro regolamento legale stabilisce chi è un’autorità pubblica che esegue una cerimonia di matrimonio.

(2) Nel caso del matrimonio religioso, l’autorità della chiesa autorizzata è una persona autorizzata da una chiesa competente.

  • 659

Il matrimonio è tale che una persona che agisce per conto di un ente pubblico, o di una persona che agisce sotto l’autorità autorizzato la Chiesa chiede sposi come registrar se vogliono unirsi in matrimonio; i due coniugi riceveranno una risposta positiva. Il matrimonio si alzerà anche in caso contrario, se è ovvio che la coppia sposata pretenderà il loro matrimonio.

  • 660

Il fidanzato alla cerimonia del matrimonio lo dichiara

  1. a) il cognome di uno di essi è il loro cognome comune,

(b) conservare entrambi i loro cognomi, o

  1. c) il cognome di uno di loro sarà il loro cognome comune, e uno il cui cognome non essere cognome comune è un cognome comune in secondo luogo per collegare i loro nomi attuali.

Sezione 661

(1) Se la coppia conserva il loro cognome, deve dichiarare alla cerimonia nuziale anche quale dei loro cognomi sarà il cognome dei loro figli congiunti.

(2) Se i coniugi hanno lasciato il loro cognome precedente, possono successivamente dichiarare da un’autorità pubblica che hanno concordato il cognome comune di uno di loro.

  • 662

(1) Se, nel caso di un’elezione ai sensi del § 660, (c) un fidanzato il cui cognome non ha il cognome in comune, il cognome da allegare, può essere solo il primo cognome come cognome da allegare.

(2) L’elezione di cui al § 660 (c) non è possibile se un fidanzato il cui cognome è l’ultimo cognome avrà un cognome.

Sezione 663

(1) Nel caso di un matrimonio civile, una cerimonia matrimoniale deve essere effettuata in un luogo designato dall’autorità pubblica che esegue la cerimonia di matrimonio; tenendo conto della volontà dello sposo.

(2) Nel caso del matrimonio religioso, una cerimonia matrimoniale deve essere effettuata in un luogo determinato dai regolamenti interni della chiesa autorizzata.

  • 664

(1) Il design sňatečného cerimonia fidanzato ha chiesto un’autorità pubblica, nel cui distretto amministrativo di essere il matrimonio, e presentare i documenti comprovanti la loro identità e la legittimazione per il matrimonio; altra legislazione determina quali documenti devono essere presentati.

(2) L’autorità pubblica può rinunciare alla fornitura di documenti stabiliti se la loro misura è collegata a un ostacolo difficile da superare.

Sezione 665

Spose e sposi in un sňatečném cerimonia devono, prima di fare sňatečný espressione di volontà, che non erano a conoscenza degli ostacoli che di inammissibilità a sposarsi tra di loro conoscere il loro stato di salute e considerare che la struttura della futura situazione finanziaria, la loro vita e il materiale di sicurezza dopo il matrimonio.

Sezione 666

(1) Per essere un matrimonio religioso, fidanzati devono prima presentare oddávajícímu certificato rilasciato dall’ufficio di registro in cui la coppia si sposa. Il certificato deve includere un certificato attestante che il coniuge ha soddisfatto tutti i requisiti stabiliti dalla legge per il matrimonio. Non sono trascorsi più di sei mesi da quando è stato rilasciato il certificato per la cerimonia di matrimonio.

(2) se si trattava di un matrimonio religioso, il cancelliere, entro tre giorni lavorativi per trasportare l’anagrafe matrimonio nel distretto amministrativo del matrimonio, il rapporto del matrimonio indicando i fatti previsti da altre normative.

  • 667

(1) Se fidanzato vita minacciata direttamente, può sňatečný cerimonia eseguita ogni autorità ai sensi del § 658 o altra autorità stabilita da altre normative, in qualsiasi punto; questo si applica in modo simile al matrimonio in chiesa. Al di fuori della Repubblica Ceca può anche fare sňatečný cerimonia comandante delle navi militari battenti bandiera nazionale della Repubblica Ceca o il comandante di un aeromobile iscritto nel aeromobili registrati nella Repubblica Ceca e se almeno uno dei cittadini promesso sposo della Repubblica Ceca anche comandante dell’unità militare della Repubblica Ceca all’estero.

(2) Nei casi di cui al paragrafo 1, non è necessario fornire documenti altrimenti richiesti; la presenza del Registrar non è necessaria.

  • 668

Un cittadino della Repubblica ceca può anche sposarsi fuori dal territorio della Repubblica prima della missione diplomatica o ufficio consolare della Repubblica ceca.

  • 669

(1) Se per motivi importanti, l’ufficio regionale nel cui distretto amministrativo di essere il matrimonio, su richiesta dell’espressione promessa permettere della volontà di uno dei promessa sposa di entrare in matrimonio di lui il suo agente fatta.

(2) La procura deve contenere informazioni che attesta l’identità e altri fatti rilevanti che riguardano sia i fidanzati e proxy statement e un cognome. Si deve anche notare che i coniugi non sono note barriere che inammissibilità a sposarsi tra di loro conoscere il loro stato di salute e prendere in considerazione che la struttura della futura situazione finanziaria, la loro vita e il materiale di sicurezza dopo il matrimonio. La procura richiede una forma scritta e la firma deve essere autenticata ufficialmente.

(3) La revoca della procura sarà effettiva solo se il secondo fidanzato se ne accorge prima di esprimere una volontà coniugale.

  • 670

(1) Se un matrimonio civile è stato concluso, le successive cerimonie religiose non hanno conseguenze legali.

(2) Se un matrimonio è stato chiuso, il matrimonio civile non può essere successivamente concluso.

Sezione 671

Idoneità a sposarsi
Un matrimonio può essere chiuso da tutti, a meno che l’impedimento legale ai sensi degli articoli da 672 a 676 lo impedisca.

Ostacoli legali al matrimonio
§ 672

(1) Un matrimonio non può chiudere un minore che non ha il pieno diritto.

(2) Il giudice può, in casi eccezionali, autorizzare il matrimonio di un minore che non è completamente autorizzato e completato sedici anni di età, se per motivi importanti.

Sezione 673

Il matrimonio non può essere concluso da una persona la cui giurisdizione è stata limitata in questo settore.

  • 674

Il matrimonio non può chiudere una persona che in precedenza sposato, o una persona che ha già stipulato una partnership registrata o altro volume racchiuso simili all’estero, e questo matrimonio, unione registrata o altro volume racchiuso simile all’estero dura.

  • 675

Il matrimonio non può essere chiuso tra antenati e prole, né tra fratelli; lo stesso vale per le persone la cui parentela è nata con l’adozione.

  • 676

Il matrimonio può essere concluso tra tutore e Ward, tra il bambino e la persona la cui cura è stata posta il bambino, genitore adottivo o un bambino affidato.

Parte 3

Matrimonio apparente e invalidità del matrimonio
Sezione 1

Un matrimonio apparente
Sezione 677

(1) Il matrimonio sorgere se almeno una delle persone, che hanno pianificato di sposarsi, non è l’espressione della volontà di entrare in matrimonio o cerimonia sňatečném o in connessione con l’adempimento di tali requisiti, per la cui osservanza è quello di garantire che il matrimonio è stato creato, deve essere preso senza riserve.

(2) Nel caso del matrimonio religioso, il fatto del matrimonio con l’autorità della chiesa autorizzata appartiene a questi particolari. Se non sňatečný cerimonia in caso di una minaccia diretta alla fidanzato vita, sono questi fatti e anagrafe certificato che una coppia di fidanzati soddisfare i requisiti di legge per il matrimonio, e che l’emissione del presente certificato e il matrimonio sono scaduti più di sei mesi.

  • 678

La corte può determinare che il matrimonio non è, di sua propria iniziativa.

  • 679

(1) Immediatamente dopo che il tribunale ha stabilito che il matrimonio non è, il tribunale decide in merito alla paternità del figlio congiunto e agli obblighi e ai diritti dei genitori nei suoi confronti.

(2) Gli obblighi di proprietà e i diritti di uomini e donne devono essere valutati individualmente in base alla loro natura. Salvo disposizione contraria, si applica la disposizione sull’arricchimento senza causa. In queste materie, occorre tenere in considerazione un uomo o una donna che agiscono in buona fede, nonché i diritti e gli interessi legali dei bambini comuni e di terzi.

Sezione 2

Invalidità del matrimonio
§ 680

Se un matrimonio è stato concluso, anche se l’ostacolo legale lo ha impedito, il tribunale dichiarerà il matrimonio invalido su richiesta di chiunque abbia un interesse legale in esso, a meno che il matrimonio non ostacoli l’autorità limitata.

  • 681

Il matrimonio è considerato valido fino alla dichiarazione di non validità. Se il matrimonio è stato dichiarato non valido, è considerato incompiuto.

  • 682

Un matrimonio non può essere dichiarato nullo se ha cessato di esistere o se la correzione è già avvenuta.

Sezione 683

Il matrimonio non può essere dichiarato nullo se è stato chiuso ai minori, che non è pienamente sui juris, o una persona la cui capacità giuridica è stato limitato in questo settore, e ha concepito un bambino che è nato vivo.

  • 684

(1) Il tribunale dichiara nullo il matrimonio sul progetto marito, la cui espressione di intenti entrando il matrimonio è stato fatto sotto costrizione che consiste nell’uso della violenza o minacce di violenza o l’espressione di intenti entrando il matrimonio è stato fatto solo a causa di errori di circa fidanzato identità o natura azione legale. La proposta può essere presentata entro un anno dal giorno in cui il marito in modo da poter date le circostanze, farlo prima, o quando ha imparato a conoscere il vero stato delle cose.

(2) Nel caso di cui al paragrafo 1, il giudice dichiara il matrimonio nullo, anche se scomparso la morte del marito prima del completamento della nullità del matrimonio portato dall’altro coniuge o discendenti marito che ha presentato una petizione per l’annullamento del matrimonio, proporre di uno un anno dopo la sua morte, per la corte dichiarare il matrimonio invalido.

  • 685

Il tribunale dichiara invalido il matrimonio, anche se è già scaduto, se è stato concluso

  1. a) una persona che è già sposato, o che hanno già stipulato una partnership registrata o altro volume racchiuso simile all’estero, se tale un matrimonio, partnership o altra simile fascio prende

(b) tra l’antenato e la progenie, tra i fratelli o tra le persone la cui parentela è sorto attraverso l’adozione.

  • 686

(1) Gli obblighi ei diritti di uomini e donne il cui matrimonio è stato annullato, il bambino comune e i loro obblighi di proprietà e diritti nel periodo successivo annullamento del matrimonio, le disposizioni relative ai diritti e doveri di genitori divorziati di un bambino e dei loro obblighi finanziari e subito dopo il divorzio.

(2) Se un matrimonio è stato dichiarato nullo ai sensi della Sezione 684, deve essere preso in considerazione al momento di decidere sugli obblighi e i diritti di proprietà della persona che ha agito in buona fede.

Parte 4

Obblighi e diritti dei coniugi
Sezione 1

Disposizioni generali
§ 687

(1) I coniugi hanno pari obblighi e uguali diritti.

(2) Gli sposi hanno l’obbligo di rispettare l’altro, sono obbligati a vivere insieme, essere fedeli l’uno all’altro, rispettare la dignità di ciascuno, per sostenere, mantenere la comunità familiare, la creazione di un ambiente familiare sano, e la cura congiunta per i bambini.

  • 688

Il marito ha il diritto di avere il suo secondo marito a fornire informazioni sul suo reddito e sulla sua ricchezza, così come sul suo lavoro attuale e programmato, studio e attività simili.

  • 689

Il marito è richiesto nella scelta del loro lavoro, studio e attività simili prendere in considerazione l’interesse della famiglia dell’altro coniuge e dai figli minori che hanno acquisito piena capacità giuridica e che vive con il marito nella casa di famiglia, e, eventualmente, altri membri della famiglia.

  • 690

Soddisfazione delle esigenze familiari
Ciascun coniuge contribuisce ai bisogni della vita familiare e le esigenze della casa di famiglia di sua situazione personale e finanziaria, capacità e possibilità, in modo tale che il tenore di vita di tutti i membri della famiglia era fondamentalmente comparabile. La fornitura di prestazioni patrimoniali ha lo stesso significato di assistenza personale per la famiglia e i suoi membri.

  • 691

(1) Se gli sposi non hanno una famiglia, ciascuno di loro deve sostenere il costo della propria famiglia; non allevia l’obbligo di aiutarsi l’un l’altro e di sostenersi a vicenda.

(2) Se si vive con un coniuge coniugi figlio comune, contro il quale entrambi hanno un obbligo di mantenimento, o figlio minore, che non ha acquisito piena capacità giuridica e che è affidato alla cura della coppia o di una di esse, e il secondo marito ha lasciato la casa di famiglia, senza la ha ragione degno di particolare attenzione, e si rifiuta di tornare, questo marito è obbligato a contribuire al costo di una casa famiglia. La ragione per lasciare la casa di famiglia, o il motivo del rifiuto del ritorno, il giudice prende in considerazione i principi di decenza e di buone maniere.

  • 692

Il processo decisionale su questioni familiari
(1) Gli affari della famiglia, tra cui la scelta della posizione della casa famiglia o la casa di uno dei coniugi e gli altri membri della famiglia, soprattutto i bambini, che non hanno ottenuto piena capacità giuridica, e il modo di vita delle famiglie, i coniugi sono d’accordo.

(2) A meno che i coniugi di questioni sostanziali della famiglia, sul movimento di uno di loro per sostituire il suo consenso decisione dell’altro coniuge rifiuta il suo consenso se tali questioni nella vita familiare senza una buona ragione, e in contrasto con gli interessi della famiglia o non- se è in grado di manifestare. La corte, tuttavia, conduce principalmente gli sposi ad un accordo.

Assicurare gli affari di famiglia
§ 693

Le questioni familiari sono gestite dagli sposi insieme o fornite da uno di loro.

  • 694

(1) Nel normale corso della famiglia, il rapporto giuridico di un coniuge obbliga e dà diritto a entrambi i coniugi congiuntamente e in solido; questo non si applica se un coniuge che non ha agito legalmente ha comunicato a una terza persona in anticipo che non erano d’accordo con l’azione legale. Il tribunale può anche escludere le conseguenze della futura azione legale dell’altro coniuge nei confronti di terzi, su proposta del coniuge. Tali misure non si applicano ai procedimenti legali con cui il coniuge è normalmente tenuto a fornire i bisogni vitali della famiglia e dei suoi membri, in particolare i bambini che non sono diventati pienamente autosufficienti.

(2) In altre questioni della famiglia, l’azione legale di uno dei coniugi obbliga e dà diritto a entrambi i coniugi in solido quando l’altro coniuge ha dato il consenso alla condotta legale del marito; L’articolo 692, paragrafo 2 si applica mutatis mutandis. Tuttavia, se un coniuge che non è d’accordo con l’azione legale dell’altro coniuge non fa appello al tribunale in anticipo, può dichiarare l’invalidità di tale azione legale.

(3) Non vivere se i coniugi in circostanze specificate nel § 691 paragrafo. 2, la condotta legale di uno dei coniugi negli affari della famiglia dell’altro coniuge senza il suo consenso o obbligare l’autorizzazione.

  • 695

Le disposizioni delle sezioni 693 e 694 non si applicano alle materie disciplinate dal diritto patrimoniale.

  • 696

Rappresentanza reciproca dei coniugi
(1) Un marito ha il diritto di rappresentare il suo coniuge nei suoi normali affari.

(2) Il marito di cui diritto di paragrafo 1, comunicare se pre-marito, di essere rappresentato, quello con cui il marito ha degli atti giuridici o intende agire legalmente che la rappresentanza in disaccordo o annullato se la proposta tribunale il coniuge rappresenta il diritto dell’altro coniuge.

(3) Il diritto di cui al paragrafo 1 non può avere il coniuge anche se i coniugi vivono insieme nelle situazioni di cui al § 691 (2).

  • 697

Infermieristica tra i mariti
(1) I coniugi hanno un obbligo di mutua manutenzione nella misura in cui entrambi forniscono essenzialmente lo stesso livello materiale e culturale. L’obbligo di mantenimento tra i coniugi è preceduto dagli obblighi alimentari del bambino e dei genitori.

(2) In caso di obbligazioni alimentari tra coniugi, si applicano le disposizioni generali in materia di manutenzione.

Attrezzatura abituale di una casa di famiglia
§ 698

(1) L’ arredamento abituale di una famiglia familiare costituisce un insieme di cose mobili che soddisfano i bisogni normalmente vitali della famiglia e dei suoi membri; non è decisivo se le singole materie appartengano a entrambi i coniugi o solo a una di esse.

(2) Il marito ha bisogno del consenso dell’altro coniuge per occuparsi di una cosa che fa parte della normale attrezzatura domestica; questo non si applica se si tratta di un valore trascurabile.

(3) Un marito può dichiarare l’invalidità di un’azione legale con la quale l’altro coniuge con la cosa che fa parte della normale attrezzatura domestica della famiglia ha fatto senza il suo consenso.

  • 699

(1) lascia la famiglia di famiglia in cui il marito intende farlo in modo permanente e si rifiuta di tornare, si può chiedere che il marito ha dato ciò che appartiene ai soliti comfort di casa e della famiglia appartiene esclusivamente a lui. Ciò che importa agli sposi è che dividono il matrimonio in modo uguale, a meno che la natura della cosa non lo escluda; in tal caso si applicano le disposizioni generali della presente legge sull’abolizione e la risoluzione della comproprietà.

(2) Se è necessario marito ciò che appartiene ai soliti comfort di una casa di famiglia, in particolare anche per i coniugi figlio minorenne comuni che hanno acquisito piena capacità giuridica, e alla quale entrambi hanno un obbligo di mantenimento, o figlio minore, che non ha acquisito piena capacità giuridica, è stata affidata a affidamento congiunto dei coniugi che vivono nella casa di famiglia e nella casa di famiglia è rimasta, il paragrafo 1 non si applica.

Corsa di famiglia
§ 700

(1) Per una famiglia è considerato come una gara in cui i coniugi lavorano insieme, o almeno uno dei coniugi ed i loro parenti fino al terzo grado o quelli con i mariti sešvagřené fino al secondo grado, e che è di proprietà di alcune di queste persone. Per coloro che lavorano in modo permanente per una famiglia o per una corsa di famiglia, sono visti come membri della famiglia coinvolti nella gestione di una corsa familiare.

(2) Le disposizioni concernenti i diritti e gli obblighi dei membri della famiglia coinvolti nel funzionamento della corsa famiglia non si applica nei casi in cui tali diritti e obblighi sono disciplinati dal contratto sociale, tra i fondatori trattative di legge sulla costituzione di una società o di un accordo di cooperazione sulla società pacifica o il contratto e le disposizioni di un’altra legge sul rapporto di lavoro o su qualsiasi altro contratto simile. Se i membri della famiglia coinvolti nel funzionamento dei coniugi famiglia di piante si applicano sulle norme della famiglia Corsa disposizioni prioritari di questa legge in materia di diritto di proprietà coniugale.

  • 701

I membri della famiglia coinvolti nell’operazione di un impianto familiare stanno prendendo parte al profitto da esso e sui proventi di tale guadagno, nonché sugli incrementi della pianta nella misura e nella quantità del loro lavoro. Solo una persona può completamente rinunciare a questo diritto facendo una dichiarazione personale; la dichiarazione richiede la forma di uno strumento autentico.

  • 702

La decisione di utilizzare i profitti dalla fabbrica famiglia o integrazioni, nonché le decisioni relative alle questioni al di fuori del loro normale esercizio, inclusi i cambiamenti nei principi di base del funzionamento di corsa o fermare il voto della maggioranza dei membri della famiglia coinvolti nel funzionamento della famiglia di piante. Se c’è una persona che non è del tutto corretta, un rappresentante legale è rappresentato nel voto se è minorenne o comunque un tutore.

  • 703

Partecipazione all’operazione della corsa famiglia a persone di un membro della famiglia e non può essere trasferito ad un altro, a meno che non si tratta di uno dei membri della famiglia di cui al § 700 paragrafo. 1 e si impegna a tutti i membri della famiglia che sono già in funzionamento dei partecipanti alla gara di famiglia.

  • 704

(1) Se la razza di famiglia deve essere divisa nella divisione della proprietà da un tribunale, un membro della famiglia coinvolta nella sua operazione deve avere un diritto preferenziale.

(2) In caso di liquidazione di un’impresa di famiglia, un membro della famiglia coinvolta nella sua attività ha il diritto di prelazione, salvo diverso accordo. Questo è anche il caso in cui l’interesse di comproprietà in una pianta di famiglia debba essere alienato o una cosa deve essere rubata, che ha una funzione permanente nella sua natura e nella determinazione passata del funzionamento di una pianta familiare.

  • 705

(1) L’ alienazione della razza per partecipare all’operazione della corsa di famiglia cesserà.

(2) un membro della famiglia cessa di intervenire nel funzionamento della famiglia di piante, anche se cessa di funzionare per la famiglia o la corsa famiglia o che cambia il terreno legale sul quale continua a lavorare in una corsa di famiglia.

  • 706

Se la partecipazione alle operazioni familiari cessasse di esistere, il pagamento di un familiare all’operazione della fabbrica può essere differito fino al momento in cui viene concordato o approvato dal tribunale. Se non vi è alcun motivo ragionevole per distribuire il pagamento a rate, il tribunale non approverà il pagamento a rate o deciderà sulla nullità delle modalità di pagamento.

  • 707

Le comunità familiari create per l’esecuzione di una corsa di famiglia senza l’esplicito consenso dei membri della famiglia sono governate dalle consuetudini e dalle pratiche in esse stabilite, a meno che ciò non sia contrario alle Sezioni 700-707.

Sezione 2

Legge sulla proprietà matrimoniale
§ 708

(1) Ciò che appartiene ai coniugi è di valore della proprietà e non è escluso dai rapporti giuridici, è parte della proprietà congiunta dei coniugi (in seguito denominata “proprietà comune”). Questo non si applica se la proprietà comune cessa di esistere sulla base della legge.

(2) Le azioni congiunte sono soggette al regime legale o al regime contrattuale o al regime stabilito dalla decisione del tribunale.

Modalità legale
§ 709

(1) Parte della joint venture è ciò che uno dei coniugi ha acquisito o che hanno acquisito insieme per il matrimonio, tranne che per cosa

(a) serve i bisogni personali di uno dei coniugi,

(b) solo a uno dei coniugi è stato dato un dono, eredità o accusa, a meno che il donatore non abbia, in caso di morte, una diversa intenzione,

(c) uno dei coniugi è stato rimborsato come danno non patrimoniale ai suoi diritti naturali,

(d) uno dei coniugi ha acquisito un rapporto giuridico relativo alla sua proprietà esclusiva,

(e) uno dei coniugi ha ricevuto un risarcimento per danni, distruzione o perdita della loro proprietà esclusiva.

(2) Una quota delle azioni comuni è il profitto di ciò che appartiene esclusivamente a uno dei coniugi.

(3) Parte del capitale sociale è anche la quota del coniuge nella società o cooperativa, quando il marito è un socio di un’associazione di imprese o un membro della cooperativa durante la durata del matrimonio. Ciò non si applica se uno dei coniugi ha acquisito una quota nel modo in cui la proprietà esclusiva di tale proprietà è stata effettuata ai sensi del paragrafo 1. L’acquisizione della partecipazione non costituisce la partecipazione dell’altro coniuge in tale società o cooperativa, fatta eccezione per le cooperative abitative.

  • 710

Parte del capitale sociale è il debito assunto per la durata del matrimonio, a meno che

(a) si riferiscono a beni appartenenti esclusivamente a uno dei coniugi, nella misura in cui eccedono gli utili da tale proprietà;

(b) sono rilevati da uno solo dei coniugi senza il consenso dell’altro senza la fornitura di bisogni quotidiani o di routine della famiglia.

Sezione 711

(1) Le disposizioni generali della presente legge si applicano all’acquisizione e alla disposizione di singoli componenti del capitale comune.

(2) Le quantità di salari, stipendi, salari, profitti e altri valori del lavoro e di altre attività lucrative a far parte della proprietà comune, quando il marito, che ha cercato di ottenere la loro, è arrivata la possibilità di disporre di loro.

(3) I crediti derivanti dalla proprietà esclusiva di uno solo dei coniugi che entreranno a far parte del capitale comune entreranno a far parte delle azioni ordinarie a partire dalla data di scadenza.

  • 712

Salvo quanto diversamente previsto in questa parte della legge, le disposizioni del presente atto aziendale o le disposizioni in materia di comproprietà si applicano mutatis mutandis alle scorte comuni.

Gestisci in modalità legale
§ 713

(1) Il dettaglio delle attività comuni vengono utilizzati, li prendono dai frutti e benefici, li mantenere, gestirli, gestisce loro e gestirli entrambi i coniugi o uno di loro ai sensi dell’accordo.

(2) Obblighi e diritti associati alla proprietà comune o ai suoi componenti appartengono a entrambi i coniugi in solido.

(3) I coniugi sono vincolati e legittimati in solido dagli atti legali relativi alla proprietà comune o ai suoi componenti.

  • 714

(1) In materia di proprietà comune e dei suoi componenti, che non possono essere considerati come i coniugi di common law che agiscano insieme o questo uno dei coniugi con il consenso dell’altro. Se il marito si rifiuta di dare il consenso, senza grave motivo, e in contrasto con gli interessi dei coniugi, la famiglia o la casa di famiglia, o se non è in grado di esprimere la volontà, il secondo marito propone di sostituire corte consenso del marito.

(2) Se il coniuge legale è un coniuge legale senza il consenso dell’altro coniuge, se il consenso era necessario, l’altro coniuge può dichiarare l’invalidità di tale comportamento.

  • 715

(1) Per essere parte della proprietà comune utilizzato per le imprese e uno dei coniugi se la proprietà supera il valore di ciò che deve essere utilizzato, ragionevole tasso di rapporti di proprietà dei coniugi è richiesto nel corso del primo utilizzo del consenso dell’altro coniuge. Se è stato il secondo marito trascurato, può invocare l’invalidità di tali atti.

(2) Per essere parte della proprietà comune utilizzata per l’acquisizione di azioni di una società o di gruppo, o se il risultato della passività di acquisizione per i debiti delle aziende o cooperative in una portata superiore a un tasso ragionevole dei rapporti di proprietà dei coniugi applicare il paragrafo 1 di conseguenza.

Modalità condizionale
§ 716

(1) Spose e coniugi possono concordare un regime di proprietà coniugale diverso dal regime legale. Se i coniugi stipulano un contratto, di solito regolano i loro doveri e i loro diritti in relazione alle azioni comuni esistenti. Se viene concordato un effetto retroattivo per il regime contrattuale, ciò non deve essere preso in considerazione.

(2) L’accordo sui beni patrimoniali richiede la forma di uno strumento autentico.

  • 717

(1) Modalità convenzionale potrebbe risiedere nella modalità di patrimonio separato, sotto la creazione vyhrazujícím di proprietà comune al momento della cessazione del matrimonio, così come il regime di ampliare o restringere l’ambito della proprietà congiunta nel sistema giuridico. Le disposizioni in materia di patrimonio separato si applicano, mutatis mutandis, la modalità di creazione vyhrazujícím di proprietà comune al momento della cessazione del matrimonio.

(2) Il regime contrattuale può essere modificato con l’accordo dei coniugi o con una decisione giudiziaria; tale cambiamento richiede un accordo del coniuge o una decisione giudiziaria sul capitale sociale nel regime attuale.

  • 718

(1) Il Contratto può includere qualsiasi accordo e può riguardare qualsiasi questione, a meno che la legge lo proibisca; può riguardare, in particolare, la portata, il contenuto, i tempi del regime legale o di altro tipo di capitale comune, le singole questioni e le loro serie. In base al contratto, è possibile modificare la classificazione delle attività esistenti e modificare l’inclusione delle attività future in modo diverso rispetto al regime legale.

(2) Il rapporto di proprietà matrimoniale può anche essere disposto dal trattato; nel caso di un accordo per la morte di un matrimonio, il trattato deve essere considerato come un contratto di eredità se ha i requisiti.

(3) Non è possibile escludere o modificare le disposizioni sulle normali attrezzature della famiglia, a meno che uno dei coniugi non abbia lasciato la famiglia in modo permanente e si rifiuti di rientrare.

  • 719

(1) Il regime patrimoniale tra coniugi non deve escludere la capacità del coniuge di fornire famiglia.

(2) Un contratto matrimoniale non deve, per la sua natura o finalità, pregiudicare i diritti di un terzo, a meno che non sia d’accordo con l’accordo; questo contratto concluso senza il consenso di terzi ha effetti giuridici nei suoi confronti.

  • 720

(1) Entra in vigore il contratto di matrimonio tra coppie sposate. Se il contratto si riferisce a elementi già esistenti elencati nell’elenco pubblico, le modifiche all’elenco possono essere apportate solo dopo la conclusione del matrimonio.

(2) Qualora un accordo coniugi di regime patrimoniale tra coniugi cose esistenti registrati in un elenco pubblico, l’accordo prende in questa parte degli effetti sulla terza voce parti in questo elenco, salvo che la legge disponga altrimenti.

Sezione 721

(1) Un contratto matrimoniale deve essere inserito nell’elenco pubblico, se concordato; altrimenti su richiesta di entrambi i coniugi. Tutto ciò che cambia il regime legale degli sposi è registrato nella lista.

(2) L’iscrizione deve essere fatta senza indebito ritardo dalla persona che ha scritto il contratto e, se questo non è possibile, dalla persona che conduce l’elenco.

Gestione in modalità contratto
§ 722

(1) Spose e coniugi possono concludere un contratto per l’amministrazione di ciò che fa parte della joint venture, che si discosta dalle disposizioni delle Sezioni 713 e 714; le disposizioni delle sezioni 719 e 720 si applicano anche al presente contratto.

(2) L’accordo di cui al paragrafo 1 contiene un accordo in merito al quale il coniuge gestirà la proprietà comune o la sua parte e in che modo.

Sezione 723

(1) Il coniuge che gestisce la proprietà comune, gli atti giuridici in materia di proprietà comune in modo indipendente, anche in procedimenti giudiziari o di altro tipo, se non diversamente indicato.

(2) Un coniuge che gestisce tutta la proprietà comune può agire legalmente solo con il consenso dell’altro coniuge

(a) quando si tratta di common equity nel suo insieme,

  1. b) quando si maneggiano la dimora in cui i coniugi per la casa di famiglia, se questa parte dimora di proprietà comune, o che è la dimora di uno di loro, o dimora di un figlio minore che non ha acquisito piena capacità giuridica, e che i mariti di cura, così come nella disposizione permanente l’onere dei beni immobili che fa parte della proprietà comune.

(3) L’ articolo 714, paragrafo 2 si applica mutatis mutandis.

Uno schema basato su una decisione giudiziaria
§ 724

(1) Se c’è una ragione seria per questo, il tribunale, su richiesta del patrimonio comune del coniuge, annulla o riduce il suo campo di applicazione.

(2) Una delle principali ragioni è sempre il fatto che il creditore marito richiede difeso propri crediti in misura superiore al valore di ciò che appartiene esclusivamente a questo marito, il marito può essere considerato prodigo così come il fatto che il marito subisce continuamente o ripetutamente rischi eccessivi. Come una ragione seria, si può anche scoprire che il marito ha iniziato a lavorare o è diventato un garante illimitato di una persona giuridica.

  • 725

Il regime stabilito da una decisione giudiziaria può essere modificato dal contratto di matrimonio o dall’ingiunzione del tribunale.

  • 726

(1) Il tribunale può rinnovare il capitale azionario dopo averlo cancellato; la corte deciderà, in particolare, quando i motivi della cancellazione del capitale comune cesseranno di esistere. Questo è vero anche se il marito propone che la joint venture il cui ambito di applicazione sia ristretto vada estesa all’estensione legale.

(2) Se il patrimonio comune ha cessato di esistere sulla base di una legge, il tribunale lo ripristina su proposta del coniuge, se è nell’interesse di entrambi i coniugi.

  • 727

(1) La decisione del tribunale non può escludere o modificare le disposizioni che disciplinano le normali attrezzature di una famiglia.

(2) La decisione del tribunale sulla modifica, revoca o il rinnovo della loro proprietà comune non deve escludere conseguenze capacità di provvedere alla famiglia e il marito non dovrebbe essere contenuto o lo scopo incidere sui diritti dei terzi, a meno che non sono d’accordo con la decisione.

  • 728

Amministrazione sotto un regime basato su una decisione giudiziaria
Se questo marito nella gestione dei beni comuni in un modo che è manifestamente contrario agli interessi dell’altra famiglie coniuge, la famiglia o la famiglia, e fidanzati o mariti non hanno concluso un contratto per la gestione di ciò che è parte della proprietà comune, il giudice può, su proposta del coniuge per decidere come come la proprietà comune gestita.

Modalità proprietà separata
§ 729

Nel caso di beni separati, il marito può disporre della sua proprietà senza il consenso dell’altro coniuge.

  • 730

Se operano congiuntamente con il coniuge o uno dei coniugi che agiscono con l’aiuto dell’altro coniuge, dividono il reddito dall’impresa come concordato per iscritto; altrimenti le entrate saranno distribuite equamente.

Protezione di terzi
§ 731

Dove è stato sostenuto solo uno dei coniugi durante la proprietà comune, il creditore può soddisfare l’esecuzione delle decisioni da ciò che è di proprietà congiunta.

  • 732

Dove è stato sostenuto un solo coniuge contro la volontà dell’altro coniuge, che il dissenso manifestato nei confronti del creditore, senza indebito ritardo dopo il debito appreso può essere attività interessate solo nella misura condivisa già dalla quota del debitore, se fosse di proprietà comune abolita e risolta ai sensi del § 742. Questo è vero anche se l’obbligo di adempiere il marito nutrizionale o se si tratta di un debito del reato solo uno dei coniugi, o se il debito è solo uno dei coniugi era prima del matrimonio.

  • 733

Impegnata se uno dei coniugi in un momento da cui partire per modificare o eliminare il regime patrimoniale legale, sia di comune accordo dei coniugi o da una decisione giudiziaria, passata meno di sei mesi, può rivendicare i suoi creditori soddisfatti da tutto ciò che faceva parte della proprietà comune, se al contratto dei coniugi o alla decisione del tribunale.

  • 734

Se i coniugi contratto o da una decisione del giudice, che è stato il regime patrimoniale legale cambiata o eliminata, fatto salvo il diritto dei terzi, in particolare dei creditori, a destra di questa persona di utilizzare l’occasione dell’insediamento di quello che era in precedenza parte della proprietà comune, come per contratto dei coniugi o la decisione del tribunale; Si applica la sezione 742.

  • 735

Disposizioni speciali
Non concludere se con una coppia che intendono ottenere il divorzio il matrimonio come specificato nel § 757, l’accordo sulla disposizione degli obblighi di proprietà e dei diritti in caso di divorzio, in cui la condizione che il matrimonio sarà discusso, così ujednají essere durante operazioni separate prendere diritti e doveri, le disposizioni sul capitale comune si applicano, mutatis mutandis, al periodo di gestione separata dei coniugi, salvo diversa disposizione della presente legge.

Liquidazione di beni comuni
§ 736

Se l’impresa comune viene cancellata o terminata, o se il suo ambito di applicazione è ridotto, gli obblighi e i diritti comuni di liquidazione sono ancora liquidati. Finché il patrimonio netto ridotto, annullato o estinto non sarà regolato, le disposizioni sul capitale comune saranno applicate di conseguenza.

  • 737

(1) Il diritto di terzi non è influenzato dal regolamento dei beni. Se il suo diritto di transazione è stato compromesso, la terza parte può chiedere al tribunale di stabilire che la transazione è inefficace contro di essa.

(2) Il regolamento del debito ha effetti solo tra i coniugi.

  • 738

(1) Accordo sullo stabilimento ha sempre effetti che la data in cui è stato ridotto il common equity, annullato o terminato, indipendentemente dal fatto che è stato fatto l’accordo prima o dopo la riduzione, annullamento o cessazione del patrimonio comune. Tuttavia, se l’oggetto della transazione, che è registrato nella lista pubblica, l’accordo entrerà in vigore legale nella parte riguardante questa materia da scrivere alla lista pubblica.

(2) La validità dell’accordo di transazione non impedisce, nella misura in cui riguarda solo parti di obblighi e diritti di proprietà congiunta.

  • 739

(1) L’accordo transattivo richiede una forma scritta se è stato concluso per la durata del matrimonio o se l’oggetto del regolamento è una questione per la quale è richiesta anche una forma scritta del trasferimento del diritto di proprietà.

(2) Se l’Accordo di transazione non richiede una forma scritta e se uno dei coniugi lo richiede, l’altro coniuge deve fornire una conferma del loro accordo.

  • 740

Se i coniugi non sono d’accordo di stabilirsi, ognuno di loro può proporre che la corte decida. L’accordo è deciso dal tribunale secondo lo stato in cui si sono verificati gli effetti della riduzione, cancellazione o scomparsa delle attività comuni.

  • 741

Blocco entro tre anni restringimento, la cancellazione o la cessazione della proprietà congiunta per la soluzione di quello che era in precedenza parte della proprietà o di accordo comune, né è stata depositata per l’insediamento di una sentenza del tribunale, i coniugi o ex coniugi che fare in modo che

  1. a) i beni mobili materiali sono di proprietà di uno di loro che, a beneficio della sua famiglia o della sua famiglia, è l’unico proprietario della proprietà,

(b) altri beni mobili materiali e beni immobili sono posseduti congiuntamente da entrambi; le loro azioni sono le stesse,

(c) altri diritti di proprietà, crediti e debiti sono detenuti congiuntamente da entrambi; le loro azioni sono le stesse.

  • 742

(1) A meno che i coniugi o gli ex coniugi non decidano diversamente o se non si applichino le disposizioni della Sezione 741, al regolamento si applicano le seguenti regole:

  1. a) le quote dei due coniugi nelle attività in via di definizione sono le stesse,

(b) ciascuno dei coniugi sostituisce ciò che la proprietà comune è stata spesa per la sua proprietà esclusiva,

(c) ciascun coniuge ha il diritto di chiedere che venga sostituito da ciò che ha speso per la propria proprietà sulla proprietà comune,

(d) tenendo conto delle esigenze dei bambini a carico,

(e) tenendo conto del modo in cui ciascuno dei coniugi si è preso cura della famiglia, in particolare di come si è preso cura dei bambini e della famiglia,

(f) deve essere tenuto conto del modo in cui ciascuno dei coniugi ha meritato di acquisire e mantenere attivi patrimoniali appartenenti alla scorta.

(2) Il valore di ciò che la proprietà comune è stato speso per esclusiva marito possesso, così come il valore di ciò che la proprietà esclusiva del marito è stato speso per beni comuni, presso l’insediamento delle attività congiunte incluso aumentata o diminuita a seconda di come la data di spendere proprietà fino alla data delle attività congiunte sono state socchiuse, annullato o terminato, aumentare o diminuire le parti della proprietà a cui i costi sostenuti.

Alcune disposizioni sull’alloggio dei coniugi
§ 743

(1) I mariti hanno abitazioni in cui hanno una casa di famiglia.

(2) Se il coniuge, per gravi motivi, chiede il trasferimento di una famiglia, l’altro coniuge lo concede a meno che le ragioni del cambiamento prevalgano sui motivi del soggiorno.

(3) I coniugi possono accettare di risiedere in modo permanente separatamente. L’accordo dei coniugi su alloggi separati ha gli stessi effetti giuridici dell’abbandono di una famiglia con l’intenzione di vivere in modo permanente altrove.

  • 744

Se i coniugi casa di abitazione o appartamento, a cui uno dei coniugi ha il diritto esclusivo di consentire in casa o appartamento, e se è diverso da legge sulla responsabilità, un matrimonio con l’altro coniuge il diritto alla casa. Se a uno dei coniugi viene riconosciuto un tale diritto esclusivo al matrimonio, l’altro coniuge ha diritto all’alloggio.

  • 745

(1) Se i coniugi casa di abitazione o un appartamento a cui aveva un coniuge alla data dei diritti di affitto di matrimonio, un matrimonio con una casa o un appartamento coniugi diritto di locazione congiunta; quando il contratto di affitto viene stipulato in una data successiva, entrambi i coniugi hanno un contratto di locazione congiunta. Questo si applica in modo simile ad altri obblighi simili.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano se i coniugi decidono diversamente.

  • 746

(1) Se i coniugi hanno un diritto di noleggio comune alla casa o all’appartamento, sono solidalmente responsabili e hanno il diritto di farlo.

(2) Il coniuge che ha il diritto di risiedere è un garante del suo coniuge.

  • 747

(1) Se almeno uno dei coniugi il diritto di disporre della casa o appartamento in cui v’è un coniuge la casa di famiglia o le famiglie, e questa casa o appartamento è il coniuge vivente o di una famiglia assolutamente necessario, deve astenersi da tutto ciò ed evitare tutto ciò che per prevenire o mettere in pericolo l’alloggio Marito, soprattutto non senza il consenso del coniuge di una casa o un appartamento ad esempio o di disporre della casa, le sue parti o dimora unità istituita a destra il cui esercizio non è compatibile con i coniugi abitative o famiglie, a meno che non garantisce il coniuge o la famiglia in tutte le abitazioni residenziali simile esistente.

(2) Se il marito, senza il consenso dell’altro coniuge, viola il paragrafo 1, il coniuge può dichiarare l’invalidità di tali procedimenti legali.

  • 748

(1) Se i coniugi hanno un diritto di locazione congiunto alla casa o all’appartamento in cui si trova la famiglia o la famiglia del coniuge, si applica mutatis mutandis la prima frase dell’articolo 747, paragrafo 1. Il coniuge non può recedere dal contratto di locazione o limitarlo dalla legge dell’altro coniuge senza il consenso dell’altro coniuge, il cui esercizio è incompatibile con i coniugi o la famiglia.

(2) Se il marito, senza il consenso dell’altro coniuge, viola il paragrafo 1, il coniuge può dichiarare l’invalidità di tali procedimenti legali.

  • 749

Il consenso del coniuge ai sensi delle sezioni 747 e 748 richiede una forma scritta.

  • 750

(1) Nei casi in cui mariti o fidanzati, nonostante le disposizioni del § 747 e 748, deve fare i conti peggiorare la posizione del loro figlio comune minore, che non ha acquisito piena capacità giuridica, che vive con loro nella casa di famiglia e contro i quali hanno obblighi alimentari, o minore un bambino che non ha acquisito piena autorità ed è stato incaricato della cura congiunta dei coniugi o di uno di loro; l’accordo non pregiudica i diritti di terzi a meno che non abbiano concordato tale accordo.

(2) L’accordo e il consenso di terzi ai sensi del paragrafo 1 richiedono la forma scritta.

Disposizioni speciali contro la violenza domestica
§ 751

(1) Se diventa residenza più comune dei coniugi in una casa o un appartamento in cui v’è una famiglia coniuge famiglia, per uno di loro insopportabile a causa della violenza fisica o mentale contro il coniuge o un altro in casa di famiglia la coppia vive, il giudice può marito della proposta di limitare, o addirittura eliminare il diritto del tempo specificato altro coniuge in casa o appartamento.

(2) Come al paragrafo 1 può avere luogo se si tratta di un coniugi divorziati, così come quando coniugi o coniugi divorziati vivono insieme diverso dalla casa di famiglia.

  • 752

La limitazione o l’esclusione del diritto di un marito a vivere in una casa o appartamento è determinata dal tribunale per un periodo massimo di sei mesi. La corte deciderà di nuovo sulla proposta se ci sono ragioni particolarmente serie.

  • 753

C’è anche il diritto di rivendicare la protezione contro la violenza domestica da qualsiasi altra persona che convive con mariti o mariti divorziati in una casa di famiglia.

Parte 5

Cessazione del matrimonio
Sezione 1

Disposizioni generali
§ 754

Il matrimonio scade solo per motivi specificati dalla legge.

Sezione 2

Divorzio di matrimonio
§ 755

(1) Il matrimonio può essere sciolto se la convivenza dei coniugi profondamente, in modo permanente e irrimediabilmente interrotto e non si può pretendere di ripristinarlo.

(2) Sebbene la coesistenza coniugale sia interrotta, il matrimonio non può essere divorziato se il divorzio è in conflitto

  1. a) gli interessi dei figli minori dei coniugi che hanno acquisito la piena capacità giuridica, che è dato ragioni specifiche per l’interesse del bambino per tutta la durata del matrimonio e il tribunale ritiene chiedendo un tutore nominato dal tribunale per gestire l’adeguamento delle condizioni per il bambino dopo il divorzio, o
  2. b) l’interesse di un coniuge che spezza la violazione dei doveri coniugali in gran parte hanno partecipato e che sarebbe il divorzio causato un pregiudizio particolarmente grave per cui circostanze straordinarie militano a favore della conservazione del matrimonio, a meno che i coniugi vivono più insieme per almeno tre anni.

(3) Se i coniugi hanno un figlio minore che non è pienamente sui juris, il matrimonio, il divorzio non tribunale fino a quando il bambino decide circa la situazione a seguito di divorzio.

  • 756

Il tribunale, che decide il divorzio di un matrimonio, determina l’esistenza di un crollo del matrimonio mentre identifica le sue cause se non diversamente specificato.

  • 757

(1) Comprende se il marito per il divorzio, che amministrava l’altro coniuge, il giudice divorzio il matrimonio, senza determinata causa della rottura del matrimonio, arriva alla conclusione che le stesse accuse coniugi, se è la rottura del matrimonio e il piano per raggiungere il divorzio è vero e se

  1. a) alla data di inizio del procedimento di divorzio, il matrimonio ha avuto almeno un anno e i coniugi non hanno convissuto per più di sei mesi,
  2. b) i coniugi, genitori di figli minori che hanno acquisito piena capacità giuridica, hanno deciso di modificare le condizioni del bambino dopo il divorzio e il tribunale ha approvato l’accordo,

(c) i coniugi hanno convenuto di adeguare la proprietà, l’alloggio e, se del caso, la manutenzione per il periodo successivo al divorzio.

(2) Gli accordi di cui al paragrafo 1 (c) richiedono una forma scritta e le firme devono essere ufficialmente autenticate.

  • 758

I coniugi non vivono, non si formano quando comunità matrimoniale o di famiglia, a prescindere dal fatto che abbiano o mantenere una casa di famiglia, a condizione che almeno uno dei coniugi comunità coniugale, ovviamente, non vuole rinnovare.

Sezione 3

Conseguenze della cessazione del matrimonio
§ 759

Cognome del marito divorziato
Un coniuge che ha ricevuto il cognome dell’altro coniuge può, entro sei mesi dal divorzio, notificare all’ufficio anagrafe che accetta il suo cognome precedente. Questo è vero anche se intende marito, che ha preso il cognome dell’altro coniuge che è un cognome comune collegare il suo nome attuale, o la prima del suo cognome, d’ora in poi utilizzare solo il loro ex cognome.

Un divorziato marito divoratore
§ 760

(1) Se un coniuge divorziato può essa stessa fare una vita e che il suo fallimento ha la sua origine nel matrimonio o in connessione con esso ha contro di lui dal suo ex moglie all’interno di una gamma ragionevole di obbligazioni alimentari, se può essere ragionevolmente richiesto, in particolare con per quanto riguarda l’età o lo stato di salute coniuge divorziato al momento del divorzio o di cure di fine per un bambino congiunta dei coniugi divorziati.

(2) Al momento di decidere sul mantenimento o sul suo ammontare, il tribunale tiene conto della durata del matrimonio divorziato e della durata del divorzio, nonché se

  1. a) il coniuge divorziato non ha fornito un’occupazione adeguata, anche se non ha ostacolato un grave ostacolo,

(b) un coniuge divorziato avrebbe potuto assicurare la corretta manutenzione della propria proprietà,

(c) il coniuge divorziato ha contribuito, durante il matrimonio, alla cura della famiglia,

(d) il coniuge divorziato non ha commesso un reato nei confronti dell’ex coniuge o persona fisica del reato;

  1. e) viene data un’altra ragione altrettanto seria.

(3) Per gli obblighi alimentari dei coniugi divorziati, si applicano le disposizioni generali sulla manutenzione.

Sezione 761

(1) L’estensione dell’obbligo alimentare e le modalità di manutenzione sono disciplinate dal consenso dei coniugi o dei coniugi divorziati; se accettano di sostituire i pagamenti di mantenimento con la consegna, il diritto al mantenimento del coniuge divorziato cessa di esistere.

(2) A meno che non vi sia un accordo tra i coniugi divorziati in materia di mantenimento, l’ex coniuge può proporre che il coniuge dell’altro coniuge decida il tribunale.

  • 762

(1) A meno che i coniugi o coniugi divorziati di manutenzione, il coniuge che disgregazione del matrimonio la maggior parte non ha causato o il divorzio non è d’accordo che il divorzio ha causato gravi lesioni, suggerendo che il giudice determina il mantenimento dell’obbligo ex marito e nella misura che assicura , in modo che i coniugi divorziati abbiano sostanzialmente lo stesso tenore di vita. In tal caso, il diritto alla manutenzione del coniuge divorziato può essere considerato ragionevole solo per un ragionevole periodo di tempo, ma non oltre tre anni dopo il divorzio.

(2) commesso se la ex coniuge nei confronti dell’altro coniuge comportamenti che soddisfa la definizione di violenza domestica, non ha diritto di manutenzione di cui al paragrafo 1, che altrimenti condizioni per la concessione dei diritti per gli alimenti si incontrano.

Sezione 763

Il diritto al mantenimento del coniuge divorziato cesserà se il coniuge divorziato chiude un nuovo matrimonio o si unisce a una società registrata.

Obblighi e diritti di proprietà alla risoluzione del matrimonio
§ 764

(1) scade se il matrimonio la morte del marito, la valutazione dei diritti di proprietà e gli obblighi degli ex coniugi nel contesto di loro proprietà, secondo il regime di proprietà esistente tra i coniugi, o anche i passi che il defunto marito durante la sua vita sul suo caso immobile la morte ha fatto; in caso contrario si applicano le norme di cui al § 742, ad eccezione del § 742 (1) (c) a meno che il coniuge superstite non acconsenta diversamente all’erede della transazione.

(2) Se il coniuge è dichiarato morto, i suoi obblighi e diritti di proprietà devono essere valutati alla data in cui la decisione sulla dichiarazione di morte è indicata come il giorno della sua morte.

  • 765

(1) Se il divorzio è concluso con il divorzio, i diritti di proprietà e i diritti del coniuge divorziato sono disciplinati dal consenso dei coniugi o dei coniugi divorziati.

(2) Se il divorzio non è d’accordo sul regolamento, l’ex coniuge può presentare una domanda per il regolamento con una decisione del tribunale.

Alloggio dopo il matrimonio
§ 766

(1) cessa di matrimonio, la morte del marito, e la coppia ebbe un diritto comune per affittare una casa o un appartamento in cui hanno trovato la loro casa di famiglia, rimane inquilino coniuge superstite. Se la coppia ha visto una casa o un appartamento insieme un altro diritto contrattuale, il coniuge superstite ha diritto rimane.

(2) cessa di matrimonio e la morte del marito, il diritto di locazione di una casa o un appartamento, che si trovava in una casa di famiglia la coppia ha avuto solo uno di loro, le disposizioni in materia di contratti di locazione di appartamenti.

  • 767

(1) cessa di matrimonio, la morte del marito, che aveva una casa o un appartamento, che si trovava mariti per la casa di famiglia diritto esclusivo di consentire in casa o appartamento, e se questa è stata una legge diversa della responsabilità, mentre il secondo marito era in casa o appartamento giusto vivere, questo cessa marito il diritto alla casa, se il diritto esclusivo del coniuge defunto è stato trasferito ad un’altra persona rispetto al coniuge superstite. Questo non si applica se il coniuge superstite non deve essere chiesto per quella casa o appartamento abbandonato.

(2) Se si tratta di condizioni ragionevoli coniuge superstite, in particolare perché si prende cura di un figlio minore che non ha acquisito piena capacità legale per cui la coppia curato, o un figlio minore, che non ha acquisito piena capacità giuridica, il cui genitore è deceduto coniuge o figlio dipendente e che il coniuge superstite vive, sul movimento del coniuge superstite di stabilire in suo favore destra corrispondente ad un alloggiamento servitù a seconda delle circostanze, ma non più di fino a quando un bambino viene costantemente capacità di auto-alimentazione, e per il pagamento paragonabile a noleggiare in loco come di consueto; questo diritto non cessa se il bambino ha la capacità di autoalimentarsi solo per un periodo transitorio.

(3) Se il coniuge superstite aveva il diritto di risiedere per un altro motivo, i paragrafi 1 e 2 si applicano mutatis mutandis.

  • 768

(1) cessa di divorzio, e la coppia ebbe una casa o un appartamento in cui hanno trovato la loro casa di famiglia, lo stesso, o diritto comune, a meno che quella di essere in una casa o un appartamento vivono ancora, il giudice annulla la proposta uno di loro a seconda delle circostanze attuali della giurisprudenza della coniuge divorziato su cui si può giustamente pretendere che abbia lasciato casa o appartamento, e forse anche decidere il metodo di compensazione per la perdita dei diritti; tiene conto, in particolare, dei coniugi divorziati che sono stati affidati con la cura di un figlio minore, che non ha acquisito piena capacità giuridica e che la coppia curato, così come il parere del locatore, il creditore o qualsiasi altra persona in una posizione simile.

(2) Il coniuge divorziato che ha una casa o un appartamento di lasciare, hanno il diritto di vivere lì fino a quando il suo secondo marito non riesce a fornire un alloggio alternativo, a meno che il suo procedimento di cui al comma 1 non è stato assegnato un risarcimento; in questo caso ha il diritto di vivere in casa o in appartamento per non più di un anno. Se non è stata affidata la cura di un figlio minore che non ha acquisito piena capacità giuridica e che la coppia curato durante il matrimonio, o un figlio a carico che vive con lui, sul movimento del marito di stabilire a suo favore destra vivente; La sezione 767 (2) si applica mutatis mutandis.

  • 769

Cessa di divorzio e la coppia non avere una casa o un appartamento in cui hanno trovato la loro casa di famiglia, lo stesso, o diritto comune, coniugi o coniugi divorziati per concordare ulteriori marito abitazioni, che ha una casa o un appartamento semplicemente il diritto di vivere o di qualsiasi altra legge che è più debole del diritto dell’altro coniuge, il giudice deciderà, su proposta del marito, che ha una casa o un appartamento di diritti di proprietà o di altro diritto reale, o il diritto esclusivo di locazione o altro diritto contrattuale, gli obblighi del coniuge di uscire; La sezione 767 (2) si applica mutatis mutandis.

  • 770

Cessa di divorzio, e mariti erano in casa o appartamento il diritto di vivere con quella a destra è stato derivato dalle altre, ha il diritto di cercare sfratto di un coniuge divorziato che aveva un diritto derivato, uno che ha una casa o un appartamento un diritto sostanziale o vincolante dal quale derivasse direttamente il diritto di un altro coniuge.

TITOLO II

ACCESSIBILITÀ E CONCORRENZA
Parte 1

Disposizioni generali
parentela
Sezione 771

La relatività è una relazione personale basata su un bagno di sangue o acquisita con l’adozione.

  • 772

(1) Le persone sono legate in linea retta se provengono l’una dall’altra.

(2) Le persone sono collegate nella linea laterale se hanno un antenato comune ma non provengono l’una dall’altra.

Sezione 773

Il grado di parentela tra due persone è determinato dal numero di nascite in cui la linea di origine proviene l’una dall’altra e nella linea laterale sia dal loro più vicino antenato comune.

  • 774

affinità
La formazione di un matrimonio comporterà un’affiliazione tra un coniuge e i parenti del coniuge; in quale linea, e in che misura, qualcuno è imparentato con un marito, in una tale linea e in tale misura si sta sposando con un secondo marito. Se il matrimonio cessa con la morte di uno degli sposi, l’alleanza non cesserà di esistere.

Parte 2

Rapporti tra genitori e figli
Sezione 1

Determinare la genitorialità
§ 775

maternità
La madre del bambino è la donna che li annoia.

paternità
§ 776

(1) se nasce bambino al momento del matrimonio fino alla scadenza dei tre centesimo giorno dopo il matrimonio ha cessato di esistere o è stato dichiarato nullo, o dopo il marito della madre dichiarato disperso, si ritiene che il padre del marito della madre.

(2) Se un bambino nasce di nuovo da una donna, il padre è considerato il coniuge più tardi, anche se il bambino è nato prima della scadenza del terzo giorno dopo la scadenza del precedente matrimonio o è stato dichiarato nullo.

  • 777

(1) se è nato il bambino, al momento dell’avvio del procedimento di divorzio e le tre centesimo giorno dopo il divorzio, una madre marito o ex-marito afferma che lui è il padre del bambino, mentre un altro uomo dichiara che lui è il padre del bambino, si è ritenuto che il padre è quest’uomo, se sua madre si unisce a entrambe le dichiarazioni.

(2) Dichiarazione marito della madre o il suo ex-marito, un uomo che sostiene di essere il padre del bambino, la madre e il bambino è in procedimenti giudiziari, avviati su richiesta di uno di essi; la proposta può essere presentata al più tardi un anno dopo la nascita del bambino.

(3) La determinazione della paternità di un bambino ai sensi dei paragrafi (1) e (2) può non avvenire finché il decreto di divorzio non diventa legalmente efficace.

(4) In caso di procedimento di annullamento di un matrimonio, i paragrafi da 1 a 3 si applicano mutatis mutandis.

  • 778

Se un bambino concepito dalla fecondazione artificiale nasce da una donna non sposata, si ritiene che il padre del bambino sia l’uomo che ha dato il consenso all’inseminazione artificiale.

  • 779

(1) A meno che la determinazione della paternità ai sensi del § 776, 777 o 778, è considerato il padre dell’uomo la cui paternità è stata determinata da un accordo sia della madre e l’uomo. Quindi, la paternità può essere determinata anche a un bambino non ancora nato se è già concepito.

(2) La dichiarazione deve essere fatta personalmente in tribunale o davanti all’anagrafe. Un minore, che non ha pienamente ragione, rilascia una dichiarazione sempre davanti al tribunale.

  • 780

Se una dichiarazione è fatta da una persona che non ha il pieno diritto, può farlo solo in tribunale. Il tribunale, a seconda delle circostanze del caso, valuterà se una persona che non ha il pieno diritto è in grado di agire da sola o se il suo tutore agirà per lui.

  • 781

Se la madre non può per un disturbo mentale per valutare l’importanza della sua dichiarazione o se l’istruzione delle misure connesse ostacolo difficilmente superabile, non è possibile determinare la paternità di una dichiarazione congiunta.

  • 782

La dichiarazione di paternità come espressione speciale di volontà sarà regolata dalle disposizioni generali sugli atti giuridici, se non diversamente specificato. L’invalidità può essere invocata solo entro il limite di tempo per la negazione della paternità.

  • 783

(1) A meno che la determinazione della paternità ai sensi del § 776, 777 o 778, o ai sensi del § 779, la madre, il bambino e l’uomo che sostiene di essere il padre, suggerendo che il giudice a determinare la paternità.

(2) Resta inteso che il padre dell’uomo che ha fatto sesso con la madre del bambino al momento della che non ha subito la nascita di un bambino meno di un centinaio e più di trecento giorni, a meno che la sua paternità escludere gravi circostanze.

(3) Se il presunto padre non è vivo, una petizione deve essere presentata contro un tutore nominato dal tribunale.

  • 784

(1) Se il firmatario è deceduto nel corso del procedimento, può continuare a essere autorizzato a procedere nel procedimento.

(2) Se un bambino muore durante il procedimento, la progenie di un bambino può anche presentare una proposta entro sei mesi dalla sua morte se ha un interesse legale in tale determinazione.

(3) Se la donzella muore durante il procedimento, i procedimenti contro il tutore nominato dal tribunale continuano.

(4) Se un uomo che ha affermato di essere un padre è morto nel procedimento e il figlio o la madre non continua il procedimento, il processo è sospeso.

Negazione della paternità
§ 785

(1) Il marito può, entro sei mesi dalla data in cui ha appreso dei fatti che costituiscono un ragionevole dubbio che il padre di un bambino nato a sua moglie, negare la sua paternità in tribunale, ma non più tardi di sei anni dopo la nascita di un bambino. La paternità nega a un bambino e alla madre, se sono entrambi vivi, e se non si vive in un altro; se nessuno di loro è vivo, il marito non ha il diritto di farlo.

(2) se si trattasse di capacità giuridica del marito prima della fine del periodo di sei anni la negazione così limitata che non può negare la paternità, perché non può rinnegare il suo tutore, che a tal fine deve essere nominato dal giudice entro un termine di sei mesi dalla nomina del tribunale.

  • 786

(1) se nasce stošedesátým bambino tra la data del matrimonio e tre centesimo giorno dopo la sua cessazione o invalidazione può negare la paternità ad eccezione di quanto previsto al § 777, solo se viene stabilito che il marito della madre era il padre del bambino.

(2) se è nato prima del giorno il bambino stošedesátým dopo il matrimonio, è sufficiente non essere considerato che il padre del bambino è il marito della madre o se la sua paternità. Questo non si applica se il marito aveva rapporti sessuali con la madre al momento della madre del bambino, dal quale non è andato alla nascita del figlio con meno di cento e più di trecento giorni, o se sapeva al momento del matrimonio, lei è incinta.

  • 787

La paternità non può essere negato a un figlio nato nel periodo compreso tra la data di stošedesátým ea tre centesimo giorno da inseminazione artificiale effettuata con il consenso del marito della madre o con il consenso di un altro uomo, quando la madre non è sposata, non importa ciò che è stato utilizzato la sostanza genetica. Questo non si applica se la madre del bambino rimane incinta altrimenti.

  • 788

Se la paternità defunto marito negato di un bambino madre sposò di nuovo, inizia un termine di sei mesi per contestare la paternità ex marito il giorno dopo, quando ha saputo della decisione.

  • 789

La madre può negare entro sei mesi dalla nascita del bambino che suo marito è il padre del bambino. Le disposizioni sulla negazione della paternità da parte di un marito si applicano allo stesso modo.

  • 790

(1) Un uomo la cui paternità era determinata dal consenso dei suoi genitori può negare la paternità al figlio solo se è escluso dall’essere il padre del bambino. Può farlo entro sei mesi dalla data in cui tale paternità è stata determinata; se una paternità è determinata prima della nascita di un bambino, il periodo non deve scadere prima di sei mesi dopo la nascita.

(2) Le disposizioni della Sezione 785 (1), seconda frase e Sezione 785 (2) si applicano mutatis mutandis.

  • 791

La madre del bambino può negare che il padre del bambino è un uomo la cui paternità è stata determinata con l’accordo di entrambi i genitori, e entro i termini di cui al § 790 paragrafo. 1, seconda frase.

  • 792

Se la mozione di negare la paternità presentata dopo il periodo di smentita, il giudice può decidere che un periodo di perdere rinunciato, se richiesto dalla interesse del bambino e l’ordine pubblico.

  • 793

Se richiesto dal ovvio interesse del bambino e se sono da riempire con le disposizioni che garantiscono i diritti fondamentali dell’uomo, la corte d’ufficio avviare un procedimento per la negazione della paternità se la paternità è stata determinata con l’accordo di entrambi i genitori, ma il padre del bambino non può essere designato come tale dal padre. Di norma, il tribunale sospende allo stesso tempo l’esercizio della responsabilità genitoriale.

Sezione 2

adozione
Sottosezione 1

Adozione, adozione e adozione del bambino
§ 794

Accettazione significa l’accettazione di uno straniero come suo.

  • 795

Prerequisito per l’adozione di un tale rapporto tra l’adottante e l’adottato come tra genitore e figlio, o che vi sono almeno le basi di un tale rapporto. L’adozione di un minore deve essere conforme ai suoi interessi.

  • 796

(1) L’adozione di un minore è decisa dal tribunale su proposta della persona che vuole acquisire il minore. Nel caso di una domanda di adozione di un bambino proveniente dall’estero o dall’estero, il firmatario allega la decisione dell’autorità pubblica competente di consentire l’adozione.

(2) L’adozione dell’adulto deve essere decisa dal tribunale su proposta della persona che vuole acquisire l’adulto, a cui si è unito l’adulto da adottare.

  • 797

Sulla base della decisione del tribunale sull’adozione, l’adottante oi genitori adottivi devono essere iscritti nel registro come genitore o genitori del minore.

  • 798

Nessuno può ottenere utili inappropriati dalle attività legate alla mediazione dell’adozione.

  • 799

(1) Solo un adulto e una persona autosufficiente possono assimilarsi se lui / lei garantisce le sue qualità personali e il suo stile di vita, così come le ragioni e le motivazioni che lo portano ad essere adottato come un buon genitore per il bambino adottato.

(2) Lo stato di salute dell’adozione o di entrambi i genitori adottivi non deve limitare la cura del bambino adottato in larga misura.

  • 800

(1) I coniugi possono essere sposati o uno dei coniugi. Eccezionalmente, un’altra persona può imparare; nel qual caso la corte decide anche che la registrazione dell’altro genitore viene cancellata dal registro.

(2) Se i coniugi ricevono una richiesta congiunta per adozione come adottanti congiunti.

  • 801

Se il genitore è un giudice, la corte valuterà se l’adozione è in un conflitto fondamentale con gli interessi del genitore adottivo; gli interessi immobiliari non sono critici per il giudizio.

  • 802

Puoi adottare un bambino minore che non ha acquisito la piena autorità.

  • 803

Ci deve essere una ragionevole differenza di età tra l’adottante e il bambino adottato, in genere non inferiore a sedici anni; solo se il tutore che rappresenta il minore nel procedimento è d’accordo con l’adozione, e se l’adozione è conforme all’interesse del minore, la differenza di età tra l’adottante e il figlio adottato può essere eccezionalmente inferiore a sedici anni.

  • 804

L’iscrizione è esclusa tra le persone con parenti nella linea immediata e tra i fratelli. Questo non si applica nel caso della maternità surrogata.

Sottosezione 2

Consenso all’acquisizione
§ 805

L’adozione non può essere decisa senza il consenso del bambino, dei genitori del bambino o delle persone autorizzate ad acconsentire ai genitori o al coniuge adottante. Questo è vero anche se il consenso è stato ritirato.

Consenso del bambino con adozione
§ 806

(1) , rispettivamente, se il bambino adottato almeno dodici anni di età, si deve sempre essere il suo consenso personale, a meno che sia al di là di ogni dubbio che la procedura che richiede un accordo personale adottato bambino in conflitto fondamentale con gli interessi del bambino, o il bambino non è in grado di valutare le conseguenze di consenso.

(2) Prima che il minore adottato sia informato, il tribunale deve debitamente informare lo scopo, il contenuto e le conseguenze del consenso all’adozione.

  • 807

(1) Se il bambino non ha raggiunto l’età di almeno 12 anni, deve acconsentire all’adozione del suo tutore nel suo nome; il guardiano viene solitamente nominato dal tribunale come organismo di protezione sociale e legale per i bambini. Prima che il tutore dia il suo consenso, scoprirà tutti i fatti decisivi che lo porteranno a concludere che l’adozione sarà conforme agli interessi del bambino.

(2) Quando possibile, il tribunale ascolta il bambino adottato e tiene conto delle sue opinioni riguardo al grado del suo sviluppo mentale.

  • 808

Il bambino adottato può ritirare il suo consenso all’adozione fino alla decisione di adozione.

Consenso dei genitori
§ 809

L’adozione richiede il consenso dei genitori del bambino adottato.

Sezione 810

(1) Il consenso è dato dal genitore attraverso una dichiarazione personale in tribunale. La dichiarazione deve soddisfare i requisiti generali di azioni legali, tuttavia, se l’accordo alla condizione o se è limitato nel tempo, ignorandolo.

(2) Prima di esprimere la genitorialità, il tribunale informa debitamente la genitore della natura e delle conseguenze della dichiarazione di consenso e della sostanza dell’adozione.

Sezione 811

(1) Il consenso del genitore all’adozione del proprio figlio è necessario anche se non ha acquisito piena autorità. Un genitore che non ha raggiunto l’età di sedici anni non può acconsentire all’adozione.

(2) Se il consenso è dato da un genitore che non ha acquisito piena autorità, il suo tutore non può essere trattato per questo; la sua capacità di dare il consenso deve essere valutata dal tribunale in conformità con le disposizioni generali.

  • 812

Un genitore la cui autorità è stata limitata da una decisione giudiziaria può agire legalmente in caso di assoluzione, compreso il consenso all’adozione, solo nella misura in cui la sua autorità non è stata limitata.

  • 813

(1) La madre del bambino adottato può acconsentire all’adozione non prima di sei settimane dopo la nascita del bambino. Il padre del bambino adottato può acconsentire all’adozione anche prima di questo momento, ma al più presto dopo la nascita del bambino.

(2) Se il consenso del padre o della madre è stato dato in precedenza, non deve essere preso in considerazione.

  • 814

Non è decisivo se il consenso all’adozione sia stato dato con o senza determinazione per una determinata persona dell’adozione.

  • 815

Se il consenso all’adozione è stato dato per una determinata persona come adottante e se la richiesta di adozione viene ritirata o respinta, il consenso verrà risolto.

  • 816

L’adozione dell’adozione diventerà effettiva ogni volta che non sarà adottata entro sei anni dalla data del consenso.

  • 817

(1) Il consenso all’adozione può essere impugnato per tre mesi dalla data in cui è stato emesso.

(2) Il consenso all’adozione può essere impugnato anche dopo la scadenza di tre mesi dalla data in cui è stato dato,

  1. a) se il bambino adottato non è ancora stato consegnato all’adottante prima dell’adozione,
  2. b) se il bambino è di essere acquisita da una decisione giudiziaria emessa su proposta rilasciata dai genitori, che sono stati affidati alle cure di perché è nell’interesse del bambino di stare con i loro genitori.

(3) Le disposizioni su come, rispetto a chi e con quali effetti, il consenso all’adozione è dato come revoca del consenso.

Sezione 818

(1) Il consenso del genitore del figlio adottato non è necessario per l’adozione se il genitore

  1. a) è stato privato della responsabilità genitoriale e ha il diritto di consentire l’adozione,

(b) non è in grado di dimostrare la propria volontà o di riconoscere o controllare le conseguenze delle proprie azioni, o

  1. c) si trova in un luogo sconosciuto, e in questo luogo non riesce a identificare il tribunale insieme ad altre autorità pubbliche anche quando esercita le cure necessarie.

(2) Se tali fatti fornita da entrambi i genitori è richiesto di acquisire il consenso di un tutore o il consenso del tutore, che a tal fine deve essere nominato dal tribunale; questo vale anche se entrambi i genitori sono deceduti o lo stato genitoriale non è stato determinato dal bambino adottato. Prima di concedere o negare il consenso, devono essere identificati tutti i fatti rilevanti relativi al bambino adottato e alla sua famiglia che potrebbero influenzare la decisione di adozione; in particolare, si dovrà stabilire se il bambino adottato ha parenti stretti e se sono interessati nella cura del bambino, e anche sentire la persona in cui cura viene trovato il bambino adottato.

  • 819

(1) Non è necessario il consenso all’adozione di un genitore che ovviamente non ha interesse per il bambino.

(2) Il genitore ha ovviamente interesse per il bambino, non mostra se il bambino costantemente genuino interesse, e viola quindi in modo permanente colpevolmente i suoi obblighi genitori.

  • 820

(1) Si ritiene che la mancanza di interesse del genitore nei confronti del minore sia ovvia se dura almeno tre mesi dopo l’ultimo vero interesse dimostrato. Se non è possibile, tuttavia, essere visto nel comportamento dei genitori di gravi violazioni dei suoi obblighi, è necessario che il corpo della tutela dei minori avvisato delle possibili conseguenze del loro comportamento, e che tale istruzione passata da almeno tre mesi. L’autorità per la protezione sociale e legale dei minori è tenuta a fornire consulenza e assistenza ai genitori, al più tardi dopo questa istruzione, alle condizioni stabilite da un altro regolamento legale.

(2) Le istruzioni di cui al paragrafo 1 non sono richieste se il genitore ha lasciato il luogo in cui risiedeva in precedenza senza dire dove è presente e se il genitore non è stato in grado di scoprirlo in tre mesi.

  • 821

(1) Il tribunale decide in un procedimento speciale indipendentemente dal fatto che sia necessario acquisire il consenso del genitore.

(2) Se il tribunale decide che il consenso di entrambi i genitori non è necessario per l’adozione, per l’adozione è richiesto il consenso del tutore nominato dal tribunale a tal fine. Prima che il tutore dia il suo consenso, troverà tutti i fatti rilevanti sul bambino adottato e sulla sua famiglia che potrebbero influenzare la decisione di adozione; soprattutto se il bambino adottato ha parenti stretti interessati a prendersi cura di loro, e lui o lei ascolta chi ha la cura del bambino adottato.

  • 822

(1) si sono verificati se le circostanze in cui l’adozione non richiede il consenso dei genitori, non possono ancora decidere sull’adozione positivamente, se qualcuno parenti stretti del bambino che è disposto e in grado di prendersi cura del bambino e fare una proposta alla Corte effetto.

(2) Il giudice affida il bambino alle cure di un suo parente stretto, se è nell’interesse del bambino e se è ovvio che questa persona è in grado di prendersi cura del bambino.

Sottosezione 3

Assistenza pre-adozione
§ 823

(1) Con il consenso del potenziale adottante, è possibile consegnare il bambino al custode immediatamente dopo che i genitori hanno dato il loro consenso. Se i genitori sono d’accordo, il bambino può essere trasferito al genitore adottivo anche se le condizioni mediche del bambino lo consentono. I genitori del bambino adottato sono obbligati a informare l’organismo di protezione sociale del bambino del bambino.

(2) La cura di un bambino prima della scadenza di tre mesi dalla data in cui è stato dato il consenso all’adozione non è l’assistenza pre-adozione. Durante questo periodo, la persona a cui è stato consegnato il bambino ha il dovere e il diritto di prendersi cura del bambino e di proteggerli; negli affari di un bambino che è collegato a tale cura, può agire solo se è assolutamente necessario.

  • 824

(1) Il tribunale decide in merito al trasferimento del minore a cura di cui al § 823.

(2) Se il tribunale ritiene che non vi siano circostanze in cui l’adozione del consenso genitoriale non è richiesta, può applicare l’articolo 823, paragrafo 1, mutatis mutandis.

  • 825

Al termine di tre mesi dalla data del consenso all’adozione, l’esercizio dei diritti e degli obblighi derivanti dalla responsabilità genitoriale è sospeso; la corte nomina l’organo di protezione sociale e legale dei minori come tutore del bambino adottato, a meno che il tutore non sia stato nominato in precedenza. Le disposizioni del § 929 si applicano mutatis mutandis.

  • 826

Alla scadenza di tre mesi dalla data in cui è stato dato il consenso all’adozione, il bambino adottato può essere trasferito all’adottante prima dell’adozione. Tale trasferimento sarà deciso dal tribunale su proposta dell’utilizzatore.

  • 827

(1) Il tribunale del trasferimento del minore all’adottante in assistenza pre-adozione deciderà solo dopo aver condotto un’indagine sull’adeguatezza del bambino e dell’utilizzatore, in particolare per quanto riguarda

(a) la personalità e lo stato di salute dell’utilizzatore, nonché il suo ambiente sociale, in particolare l’alloggio e la famiglia, nonché la capacità dell’utilizzatore di prendersi cura del bambino e la motivazione dell’apprendente ad adottare,

(b) la personalità e lo stato di salute del bambino, l’ambiente sociale dal quale il bambino ha origine, nonché il suo stato,

(c) il background etnico, religioso e culturale del bambino e del genitore adottivo,

(d) il periodo di tempo durante il quale il bambino era a carico dell’adottante.

(2) Se il minore vuole acquisire uno dei coniugi, il tribunale determina il motivo per cui l’altro coniuge non ha aderito alla domanda.

  • 828

Se il bambino adottato è stato precedentemente trasferito all’assistenza dell’utilizzatore, la sua ulteriore assistenza è presa per le cure pre-adozione. Non c’è bisogno di ulteriori decisioni delle autorità pubbliche per prendersi cura dell’adozione.

  • 829

(1) Prima che l’adozione sia decisa, il bambino adottato deve essere affidato all’adottante a sue spese. L’adottante ha i doveri e i diritti della persona la cui custodia è affidata al bambino ai sensi delle sezioni da 953 a 957.

(2) La cura genitore adottivo del bambino adottato prima dell’adozione prende un periodo di tempo sufficiente per i risultati conclusivi che tra l’adottante e il bambino creato tale rapporto, qual è il significato e lo scopo di adozione; questa cura non finisce prima che siano trascorsi i sei mesi.

(3) Finché il bambino è affidato alle cure del genitore adottivo, l’obbligo di mantenimento precedentemente stabilito da un’altra persona al figlio viene sospeso.

Sezione 830

(1) Quando somministrato un uomo che sostiene di essere il padre del bambino adottato, una proposta di paternità non può decidere sull’adozione fino a quando la proposta per l’istituzione della paternità non si decide.

(2) Se un bambino adottato consegnato alle cure dei futuri adottanti ai sensi del § 823 e se il periodo di tre mesi in cui è possibile ritirare il consenso all’adozione, prima che la proposta è stata presentata ai sensi del paragrafo 1 si applica mutatis mutandis, § 817.

  • 831

Quando somministrato ad una persona che afferma di essere un parente stretto del bambino adottato, domanda di custodia ai sensi del § 953, l’adozione non può decidere su questa proposta fino a quando non è deciso.

Sottosezione 4

Conseguenze dell’adozione
§ 832

(1) Un bambino che è stato congiuntamente iscritto dal marito o dal marito del suo genitore ha lo status di figlio congiunto dei coniugi; altrimenti, lui o lei ha lo status di figlio adottivo.

(2) Gli adottanti hanno la responsabilità genitoriale.

  • 833

(1) Con l’adozione del rapporto di parentela tra il genitore adottivo e la famiglia originale, nonché i diritti e gli obblighi derivanti da questo rapporto, scade. Anche i diritti e i doveri di un tutore o di un tutore che è stato nominato per esercitare tali diritti e doveri sono perduti.

(2) Se i genitori adottivi, il marito di una dell’adottato, l’adozione non influisce sulla relazione familiare tra il bambino adottato e che genitori ei suoi parenti, né i diritti e gli obblighi derivanti dal presente rapporto.

  • 834

Se viene adottato un bambino che è un genitore, gli effetti dell’adozione sono anche relativi al figlio.

  • 835

(1) L’ assistente ha il cognome dell’adottante; la moglie comune del coniuge ha un cognome che era destinato ai figli al matrimonio.

(2) Se non diversamente concordato dell’adottato chi ha il permesso di parlare con il suo cognome, cambiando il suo nome, il tribunale deciderà che l’adottato si collega al suo cognome il cognome del genitore adottivo. Se il nome adoptee collegato, cognome osvojitelovo può connettersi solo al primo cognome dell’adottato; Se il nome adottiva collegato, cognome può osvojencovu per collegare solo il primo cognome del genitore adottivo.

  • 836

L’adottante è obbligato a informare gli adottanti sul fatto dell’adozione non appena sembra opportuno, ma al più tardi all’inizio della frequenza scolastica.

  • 837

Riservatezza dell’adozione
(1) Un adottante o un genitore adottivo possono proporre che il tribunale decida che l’adozione e le circostanze della stessa devono essere mantenute segrete dalla famiglia di origine del minore. Ciò vale anche per la segretezza del bagno di sangue e il suo consenso all’adozione.

(2) Anche se l’adozione e le sue circostanze o genitore di sangue e il suo consenso per il segreto di adozione, il giudice può decidere la sua divulgazione, giustificato dalla situazione molto grave minaccia bambino adottato per la vita o la salute.

Sezione 838

Non appena un conoscente diventa autosufficiente, avrà il diritto di informarsi sul contenuto del fascicolo che è stato condotto nel suo processo di adozione.

  • 839

Supervisione del successo dell’adozione
(1) Nonostante il fatto che il controllo del successo di adozione immagazzinata in genere forniscono la protezione dei bambini autorità genitori adottivi consulenza e servizi relativi alla cura dell’adottato.

(2) Se giustificato dalle circostanze della fattispecie, ufficio del tribunale di adottante e supervisione adoptee per il tempo necessario, che determina anche la lunghezza; La supervisione viene solitamente effettuata attraverso l’istituzione della protezione sociale e legale dei minori.

Abolizione dell’adozione
§ 840

(1) Se vi sono motivi importanti per ciò, l’autorità giudiziaria di adozione abolisce l’adozione dell’adozione da parte dell’adozione o del genitore adottivo; se solo uno di loro presenta la proposta, quest’ultima può aderire alla proposta.

(2) L’adozione non può essere annullata dopo tre anni dalla decisione di adozione. Questo non si applica se l’adozione è contraria alla legge.

Sezione 841

(1) Con l’abolizione dell’adozione, il rapporto tra l’adozione e gli obblighi e i diritti derivanti da questo rapporto si estingue e viene ripristinata la precedente relazione di parentela.

(2) I diritti di proprietà e gli obblighi patrimoniali di un adottante che sorgono prima dell’abrogazione dell’adozione non sono influenzati dall’abolizione dell’adozione.

  • 842

Dopo l’adozione del cognome, lui o lei avrà il cognome che aveva prima dell’adozione a meno che non dichiari che manterrà il cognome.

Sezione 843

Ri-adozione del genitore adottivo
L’assistente può essere reintegrato solo

  1. a) se l’adozione anticipata è stata revocata,

(b) essere adottato dal coniuge adottivo dopo che il coniuge precedente che era l’adottante congiunto è morto o

  1. c) se moriva colui che era l’unico adottante o coloro che erano adottanti congiunti.

Sezione 844

Se ciò è in linea con gli interessi del minore, il tribunale può, su suggerimento dell’adozione, decidere prima della scadenza di un periodo di tre anni dalla decisione di adozione che l’adozione è irrevocabile.

  • 845

L’adozione involontaria non impedisce che l’adottante si reincarni.

Sottosezione 5

Adozione dell’adulto
Sezione 846

L’adulto può essere adottato a meno che non sia in contrasto con una buona morale.

  • 847

Adozione, che è analoga all’adozione del minore
(1) Un minore può essere adottato se

  1. a) il fratello naturale dell’adozione è stato acquisito dallo stesso adottante,
  2. b) al momento della presentazione della proposta di adozione, il minore è stato adottato,

(c) l’ adottante si è preso cura di una persona adottata come persona già al momento dei suoi minori, o

  1. d) l’ adottante intende adottare un figlio del coniuge.

(2) Un minore non può essere adottato se fosse contrario all’interesse giustificato dei suoi genitori di sangue.

(3) Si applicano le disposizioni sull’adozione di un minore, comprese le disposizioni sulle conseguenze dell’adozione, ad eccezione degli articoli 838 e 839, per analogia.

Adozione non analoga all’adozione di un minore
§ 848

(1) Se non è pregiudizievole per gli interessi vitali dei discendenti l’adottante o discendenti adottati, un adulto può acquisire eccezionalmente bene per motivi degni di considerazione speciale, se è vantaggioso per l’adottante e l’adottato l’altro, o se del caso, almeno per uno di loro.

(2) Le disposizioni sull’adozione dei minori, comprese le disposizioni sulle loro conseguenze, si applicano mutatis mutandis.

  • 849

(1) Il genitore adottivo e i suoi discendenti non acquisiscono il rapporto di convivenza con i membri della famiglia del genitore adottivo e non acquisiscono alcun diritto di proprietà nei loro confronti. L’adottante non acquisisce alcun diritto di proprietà per l’adottante e i suoi discendenti.

(2) Il genitore adottivo ei suoi discendenti non si astengono dall’adottare diritti nella propria famiglia.

Disposizioni comuni per l’adozione dell’adulto
§ 850

(1) Se la persona non ha pieno diritto, il rappresentante legale, o il tutore nominato dal tribunale, deve agire per lui / lei.

(2) Se ci vuole il matrimonio adottata può essere acquisita solo con il consenso del marito. Se il marito non può dare il consenso, perché non è pienamente sui juris, o se il consenso di misure associato con ostacoli difficili da superare, in particolare il giudice deve considerare se l’adozione non è in conflitto con gli interessi legittimi del coniuge o altri membri della famiglia.

  • 851

(1) L’adozione di un adulto non influisce sul suo cognome.

(2) Se l’acquirente è d’accordo, l’adottante può aggiungere il cognome dell’adottante al suo cognome; se il matrimonio dell’adottante ha luogo e se i coniugi hanno un cognome comune, è richiesto anche il consenso dell’altro coniuge.

(3) Se si prende il matrimonio dell’adottato e se si sono sposati un cognome comune, dell’adottato può collegarsi osvojitelovo cognome per il suo cognome solo con il consenso del marito.

  • 852

L’accettazione ha conseguenze legali per il genitore adottivo e i suoi discendenti se sono nati dopo. Per la prole adottiva, l’adozione ha conseguenze legali solo quando hanno dato il consenso.

  • 853

(1) manutenzione obbligo dell’adottato ai suoi antenati e discendenti potrà sopravvivere solo se e solo nella misura in cui essi non sono altri che hanno un obbligo di mantenimento, o meno che tali persone non in grado di soddisfare le loro obbligazioni alimentari. Adoptee ha il diritto di assegno alimentare ai loro antenati e discendenti, e solo nella misura in cui, a meno che l’adottante con gli obblighi di manutenzione per adempiere.

(2) Il genitore adottivo eredita dopo l’adottante nella prima classe legale di eredi, ma non entra nell’erede dell’altra persona.

(3) Se l’adozione ha conseguenze giuridiche per la prole, i paragrafi 1 e 2 si applicano mutatis mutandis.

  • 854

Per l’adozione di un minore che è stato dichiarato autosufficiente, si applicano mutatis mutandis le disposizioni sull’adozione dell’adulto.

Sezione 3

Genitori e figli
Sottosezione 1

Disposizioni generali
§ 855

(1) Genitori e figli hanno doveri e diritti reciproci. Questi reciproci obblighi e diritti non possono arrendersi; se è così, non viene preso in considerazione.

(2) Lo scopo dei doveri e dei diritti di un bambino è quello di assicurare il benessere morale e materiale del bambino.

  • 856

Doveri e diritti dei genitori associati alla personalità del bambino e dei diritti e obblighi di carattere personale sorgono al momento della nascita e scompaiono acquisizione della maggioranza.

  • 857

(1) Un bambino è obbligato a frequentare i suoi genitori.

(2) Fino a quando il bambino e che abilita accadere, i genitori hanno il diritto di guidare i loro figli misure educative, a seconda dello sviluppo delle capacità, comprese le restrizioni perseguire la tutela della moralità, della salute e dei diritti dei bambini e dei diritti degli altri e l’ordine pubblico. Il bambino è tenuto a rispettare queste misure.

  • 858

Responsabilità dei genitori comprende i doveri ei diritti dei genitori che coinvolgono nella cura del bambino, tra cui in particolare la cura della sua salute, il suo sviluppo fisico, emotivo, intellettuale e morale, la protezione del minore, secondo il contatto personale con un bambino nel garantire la sua educazione e l’istruzione, nel determinare il suo luogo di residenza, nella sua rappresentazione e gestione dei suoi beni; nasce come risultato della nascita di un bambino e cessa non appena il bambino diventa completamente autosufficiente. La durata e l’estensione della responsabilità genitoriale possono essere modificate dal tribunale.

  • 859

I diritti di manutenzione e manutenzione non fanno parte della responsabilità genitoriale; la loro durata non dipende dall’acquisizione della maggioranza o dell’interesse personale.

Sottosezione 2

Nome e cognome personali del bambino
Sezione 860

(1) Il bambino ha un cognome designato per i matrimoni dei suoi genitori per figli congiunti dei coniugi.

(2) Se il bambino non ha un cognome in conformità con il paragrafo 1, i genitori devono scegliere il cognome di uno di loro per il bambino; altrimenti il ​​suo cognome determinerà la corte. Lo stesso vale per il nome personale del bambino.

  • 861

Se solo uno dei genitori è conosciuto, il bambino ha il suo cognome. Questo genitore identifica anche il nome personale del bambino; altrimenti il ​​tribunale li determinerà.

  • 862

(1) Nel caso di un bambino i cui genitori non sono coniugi, i genitori devono scegliere il cognome di uno di loro per il bambino; altrimenti il ​​suo cognome determinerà la corte.

(2) Se il matrimonio è la madre di un figlio il cui padre non è conosciuto, la madre del bambino e suo marito possono dichiarare congiuntamente all’autorità del registro che il bambino avrà il cognome destinato agli altri figli.

  • 863

(1) Un cambiamento del cognome del bambino sotto § 862 richiede l’espressione del bambino alle stesse condizioni che in altre questioni relative al bambino; se un bambino ha più di 15 anni, è necessario concordare con il cambio di cognome.

(2) La sezione 862 non si applica se il bambino ha raggiunto la maggiore età.

  • 864

Se nessuno dei genitori è conosciuto, la corte deve determinare il nome e il cognome del bambino come una cosa ovvia.

Sottosezione 3

Responsabilità genitoriale
§ 865

(1) La responsabilità genitoriale appartiene ugualmente a entrambi i genitori. Ogni genitore ce l’ha, a meno che non sia privata di lei.

(2) Se il tribunale decide di limitare l’autorità parentale, decide al tempo stesso sulla sua responsabilità genitoriale.

  • 866

La decisione della corte in merito all’estensione della responsabilità genitoriale o al modo in cui i suoi genitori devono esercitare è l’interesse determinante del minore.

  • 867

(1) Prima di una decisione che interessi l’interesse del minore, il tribunale deve fornire al minore le informazioni necessarie per consentirgli di esprimere le proprie opinioni e comunicarlo al minore.

(2) Se, a seguito della constatazione del bambino è capace di informazioni a causa di prendere o se non è in grado di creare il proprio parere o non è capace di questo parere per raccontare le informa di corte e lo ascolta, che è interesse del bambino in grado di proteggere, che è deve essere una persona i cui interessi non sono in conflitto con gli interessi del bambino; su un bambino di età superiore ai dodici anni è considerato in grado di ricevere informazioni, di creare la propria opinione e di comunicarla. L’opinione del bambino dà alla corte la giusta attenzione.

  • 868

(1) L’esercizio dei genitori dei genitori la responsabilità del minore prima di ammettere che inabilitazione o il matrimonio riacquistato piena capacità giuridica spetta al tempo impiegato piena capacità giuridica, sospesi; Essa non si applica alle prestazioni dei doveri e dei diritti di affidamento meno che il giudice a causa di singoli genitori decidono che le prestazioni anche questo obbligo e questo diritto è sospeso fino a quando il genitore viene a piena capacità giuridica.

(2) L’esercizio di potestà dei genitori, i genitori la cui capacità giuridica è stato limitato in questo settore è il limite per la sua inabilità sospesa, a meno che il tribunale decide che i genitori a causa di suo partito mantiene obblighi di potere e diritto di affidamento e per il bambino.

  • 869

(1) fare quando i genitori di esercitare la loro responsabilità genitoriale grave circostanza, e se può essere quello di credere che sia nell’interesse del minore deve essere, il giudice può decidere che l’esercizio della responsabilità genitoriale dei genitori è sospeso.

(2) La sospensione dell’esercizio della responsabilità genitoriale non pregiudica l’adempimento dell’obbligo di mantenimento nei confronti del minore.

  • 870

Se un genitore non esercitare le loro responsabilità genitoriali correttamente e, se richiesto dagli interessi del minore, il giudice limita la responsabilità dei genitori, o limitare il suo potere, e stabilisce anche il campo di applicazione delle restrizioni.

  • 871

(1) gli abusi se la responsabilità genitoriale genitore o l’esercizio di, o la loro responsabilità genitoriale o l’esercizio molto trascurati, il giudice si schiarì la responsabilità genitoriale.

(2) commesso un genitore al bambino reato doloso, o utilizzare il figlio di un genitore che non è penalmente responsabile per aver commesso un reato, o commesso se il genitore è un reato penale in qualità di complice, istigatore, assistente e organizzatore del reato commesso suo figlio, il tribunale giudicherà separatamente se non vi sono motivi per privare il genitore della sua responsabilità genitoriale.

  • 872

Prima di una decisione del tribunale sulla responsabilità genitoriale, la corte valuterà sempre se il diritto del genitore a contattare il minore personalmente è necessario a causa dell’interesse del minore. Se v’è una privazione della potestà genitoriale genitori rimangono i genitori il diritto di interagire personalmente con il bambino solo se il giudice decide di preservare i diritti dei genitori per quanto riguarda l’interesse del bambino.

  • 873

Se il giudice ha privato i genitori di responsabilità genitoriale può anche decidere che allevia tutti o alcuni degli obblighi e dei diritti previsti nel § 856, in particolare il diritto al consenso all’adozione.

  • 874

Privare un genitore della propria responsabilità genitoriale o la sua limitazione non influisce sul suo obbligo di mantenimento nei confronti del minore.

Disposizioni speciali sull’esercizio della potestà dei genitori
§ 875

(1) La responsabilità genitoriale è esercitata dai genitori in conformità con gli interessi del bambino.

(2) Prima di una decisione che riguarda l’interesse del bambino, i genitori dicono al bambino tutto ciò di cui hanno bisogno per poter esprimere le proprie opinioni in merito e comunicarlo al minore; questo non è il caso se il bambino non è in grado di adottare correttamente il messaggio o non è in grado di formarsi la propria opinione o non è in grado di comunicare questa opinione ai genitori. Le opinioni dei genitori del bambino prestano la dovuta attenzione e tengono conto del punto di vista del bambino al momento di decidere.

  • 876

(1) La responsabilità genitoriale è esercitata dai genitori di concerto.

(2) Se vi è il rischio di ritardi nel decidere sull’affare di un bambino, uno dei genitori può decidere o dare l’appuntamento da solo; ma è obbligato a dire immediatamente all’altro genitore qual è lo stato delle cose.

(3) Se uno dei genitori in merito al figlio stesso è contro una terza persona che è in buona fede, sarà considerato il consenso dell’altro genitore.

  • 877

(1) Se un genitore non riesce a concordare su una questione che è di particolare rilevanza per il bambino, in particolare per quanto riguarda il suo interesse, il giudice decide sulla proposta del genitore; questo è vero anche se un genitore ha escluso di prendere una decisione sull’importante questione del figlio di un secondo genitore.

(2) In particolare, si ritiene che non si tratti di un trattamento medico comune o simile, della determinazione del luogo di residenza e della scelta dell’istruzione o dell’occupazione del minore.

  • 878

(1) Se uno dei genitori non vive o è sconosciuto, a meno che uno dei genitori abbia la responsabilità genitoriale o la responsabilità genitoriale sia sospesa, il genitore esercita la responsabilità genitoriale; questo vale anche se la responsabilità genitoriale di uno dei genitori è limitata o se la sua prestazione è limitata.

(2) Se nessuna delle responsabilità genitoriale dei genitori per intero, o se l’esercizio della responsabilità genitoriale di entrambi i genitori è sospeso, o se la responsabilità genitoriale dei genitori colpiti da uno di questi metodi, ma tutti gli altri, la Corte nomina il bambino un tutore che appartiene obblighi e la responsabilità genitoriale o la responsabilità genitoriale.

(3) Laddove la responsabilità genitoriale dei genitori è limitata o limitata, il tribunale nomina il tutore del minore.

  • 879

(1) Nel corso di procedimenti giudiziari contro un minore che non è competente ad agire in modo indipendente, solo uno dei genitori deve essere sufficiente a fungere da rappresentante del minore.

(2) Se è legalmente importante che un bambino che non è competente ad agire in modo indipendente sia in buona fede o meno, è necessario valutare la buona fede di entrambi i genitori; se solo un genitore è affidato alle cure di un bambino, solo la sua buona fede sarà giudicata.

(3) Se è legalmente importante che un bambino che non è competente in una azione legale separata, la conoscenza del caso o dei fatti o delle conoscenze dovrebbe conoscere la conoscenza dei genitori; se solo un genitore è affidato al figlio, viene considerata solo la sua conoscenza.

Cura e protezione dei bambini
§ 880

(1) La responsabilità genitoriale per la persona del bambino deve essere esercitata dai genitori in un modo e in una misura adeguati allo sviluppo del bambino.

(2) Quando i genitori decidono in merito all’istruzione o al lavoro, devono tener conto della loro opinione, capacità e talento.

  • 881

La custodia di un bambino e la sua protezione, l’esecuzione della sua educazione, o parte del suo sito, o la supervisione dei genitori possono essere affidate da un genitore a un’altra persona; l’accordo dei genitori non deve influire sulla durata o sulla portata della responsabilità genitoriale.

  • 882

(1) Se un bambino è detenuto illegalmente da un’altra persona, i genitori hanno il diritto di chiedere al bambino di consegnarglieli; questo vale anche per i genitori. Questo diritto ha anche il legittimo caregiver.

(2) La persona che detiene il bambino illegalmente è obbligata a consegnarlo alla persona che ha il diritto di prendersi cura del bambino.

  • 883

I genitori e i bambini sono obbligati ad aiutare, sostenere e rispettare la loro dignità.

  • 884

(1) I genitori giocano un ruolo decisivo nell’allevare i bambini. I genitori dovrebbero essere un esempio a tutto tondo per i loro figli, soprattutto quando si tratta di un modo di vivere e di comportarsi in una famiglia.

(2) Le risorse educative possono essere utilizzate solo in una forma e misure appropriate alle circostanze, non mettono in pericolo la salute del bambino o il suo sviluppo e non pregiudicano la dignità umana del bambino.

  • 885

Per prendersi cura di un bambino un solo genitore è coinvolto nella cura del bambino e l’istruzione e il coniuge o il partner di genitori del bambino, che vive con un bambino nella casa di famiglia. Questo vale anche per coloro che vivono con un genitore di un figlio senza matrimonio o un’unione registrata quando vivono con un figlio in una casa di famiglia.

  • 886

(1) Se si vive con i tuoi genitori o un figlio con alcuni di loro nella casa di famiglia e, se adeguatamente curato per loro, e partecipa alla cura della casa. Il dovere di questo bambino scade mentre la genitorialità viene fornita al bambino.

(2) Il bambino deve prendersi cura della gestione di una famiglia con il proprio lavoro, o con contributi finanziari, se ha il proprio reddito, o in entrambi i modi. Per determinare l’entità della quota del bambino nella cura di una casa di famiglia, le capacità e le abilità del bambino, così come i bisogni giustificati dei membri della famiglia, sono decisivi.

Contatto personale di genitore e figlio
§ 887

L’esercizio del diritto dei genitori di mantenere un contatto personale con un bambino non può essere affidato da un genitore a un’altra persona.

  • 888

Un bambino che è sotto la cura di un solo genitore ha il diritto di avere contatti con l’altro genitore nella misura in cui essa è nell’interesse del bambino, così come il genitore ha il diritto di avere contatti con il bambino meno che il giudice tali rapporti limitano o vietano; il tribunale può anche determinare le condizioni del contatto, in particolare il luogo in cui si verificherà, nonché identificare le persone che stanno ridendo o non hanno il permesso di partecipare. Un genitore che ha la custodia del bambino, il bambino è tenuto a contattare l’altro genitore per preparare correttamente, contattare altro genitore del bambino correttamente e consentire l’esercizio dei diritti per il bambino nella misura necessaria a cooperare con l’altro genitore.

  • 889

Un genitore che ha la custodia del bambino e l’altro genitore deve astenersi da tutto ciò che interferisce con il rapporto del bambino con entrambi i genitori o educazione del minore come difficile. Evitare che un genitore che ha la custodia del figlio, o irragionevolmente costantemente ripetuta in l’altro genitore al bambino, tale comportamento è la ragione per la nuova decisione del giudice su quale genitore dovrebbe avere un figlio nella loro cura.

  • 890

I genitori sono obbligati a comunicare tra loro tutto ciò che è rilevante riguardo al bambino e ai suoi interessi.

Sezione 891

(1) Il genitore che ha il bambino in custodia e l’altro genitore concordano insieme come il genitore che non si cura del bambino si associ con il bambino. Se i genitori non sono d’accordo, o se richiede un interesse nell’educazione dei figli e nelle circostanze familiari, il tribunale di custodia da genitore a figlio si adeguerà. In casi giustificati, il tribunale può determinare il luogo del contatto dei genitori con il minore.

(2) Se necessario nell’interesse del minore, il tribunale limita il diritto del minore di contattare personalmente il minore o di vietare tale contatto.

Rappresentazione del bambino
§ 892

(1) I genitori hanno il dovere e il diritto di rappresentare il minore nei procedimenti legali a cui non hanno diritto.

(2) I genitori rappresentano il bambino insieme, ma ognuno di essi può agire; L’articolo 876, paragrafo 3, si applica mutatis mutandis.

(3) Il genitore non può rappresentare il bambino se ci può essere un conflitto di interessi tra lui / lei e il bambino o tra i figli degli stessi genitori. In questo caso, il tribunale nomina il figlio di un tutore.

Sezione 893

Se il genitore non è d’accordo con chi di loro rappresenta il figlio nel procedimento legale, il tribunale deciderà sulla proposta del genitore, quale dei genitori agirà legalmente per il bambino e in che modo.

Sezione 894

(1) I genitori come tutori legali possono risolvere la questione per il bambino, a meno che non è una questione di status personale, firmare un contratto per conto di una persona con esperienza o anche un’altra persona appropriata.

(2) Se il bambino conclude un contratto di rappresentanza, ciò non influisce sulla rappresentazione legale del figlio da parte del genitore.

(3) Se non vi è accordo tra l’avvocato e il fiduciario, il tribunale decide in conformità con gli interessi del minore.

  • 895

Se la paternità è stata negata, l’azione legale del padre come tutore legale rimane inalterata.

Prendersi cura della fortuna del bambino
§ 896

(1) I genitori hanno il dovere e il diritto di prendersi cura del patrimonio del bambino, in particolare, sono incaricati della gestione del patrimonio. I fondi che potrebbero non essere necessari per coprire i costi associati alla proprietà del bambino devono essere gestiti in sicurezza.

(2) Nel procedimento giudiziario relativo alla componente individuale del patrimonio del minore, i genitori agiscono in qualità di loro rappresentanti; L’articolo 892 (3) si applica mutatis mutandis.

(3) Se i genitori violano l’obbligo di prendersi cura della proprietà del bambino come proprietari ordinari, devono risarcire il bambino per il danno causato in solido.

  • 897

Se il genitore non riesce a concordare su questioni essenziali nella custodia del bambino, il tribunale decide sulla proposta del genitore.

  • 898

(1) I negoziati di legge inerenti attuale e futura dei beni del minore o di singole parti di questa fortuna, i genitori hanno bisogno l’approvazione del tribunale, a meno che non si tratta di una questione di routine, o materia, anche se eccezionali, ma su un’attività trascurabile.

(2) Il consenso del tribunale è in particolare per la condotta lecita del minore

(a) acquisisce il patrimonio immobiliare o una parte di esso e di cui tratta,

(b) impedisce la proprietà nel suo complesso o la sua parte non essenziale,

  1. c) acquisisce donazioni, di successione o link non attivi trascurabili, o un dono, successione o rifiuta di collegare, o un dono o donazione rappresenta porzione non trascurabile delle sue attività previste o

(d) conclude un contratto per il rinnovo di un contratto a lungo termine, un contratto di credito o simile o un contratto relativo all’alloggio, in particolare l’affitto.

(3) L’azione legale del genitore, che non è soggetta al necessario consenso del tribunale, non deve essere presa in considerazione.

  • 899

Ciò che i genitori acquisiscono usando la proprietà di un bambino acquisisce un figlio.

  • 900

(1) I redditi derivanti dalla proprietà del bambino, che i genitori non usano per gestire correttamente la loro proprietà (profitto), devono essere utilizzati per la nutrizione del bambino. Se necessario, i genitori possono quindi utilizzare l’utile residuo dalla proprietà del bambino come suo contributo al proprio sostentamento dei genitori e nutrizionisti fratelli minori del bambino, se il bambino vive nella casa di famiglia, a meno che importanti ragioni essenziali per mantenere il bambino per un periodo dopo l’acquisizione inabilità.

(2) i genitori Attività del bambino con il consenso del tribunale utilizzati per nutrire i propri fratelli e solo se il bambino, senza colpa di persone che hanno l’obbligo legale di mantenere il bambino è stato pronunciato disparità tra i rapporti del bambino e le proporzioni soggetti passivi.

  • 901

(1) Il dovere e diritto dei genitori di prendersi cura del bambino cessa le attività dichiarazione di fallimento di un genitore o di fermare la procedura di insolvenza per il fatto che per soddisfare i genitori creditori possesso sono del tutto insufficienti. Se non ci sono altri genitori che potrebbero prendersi cura dei beni del bambino, il tribunale nominerà un tutore della proprietà del bambino.

(2) Dopo la scadenza di tre anni dalla cessazione del fallimento o la cessazione della procedura fallimentare per il fatto che per soddisfare i creditori del patrimonio del debitore del tutto insufficiente, il giudice può, su proposta di un genitore o di un tutore per gestire restrizione di proprietà del figlio della responsabilità genitoriale annullata, a meno che i diritti di rinnovo e doveri dei genitori prendersi cura dei beni del bambino era contrario agli interessi del bambino.

  • 902

(1) Quando un bambino acquisisce piena capacità giuridica, cedere il suo genitori fortuna, da gestire, soprattutto la trasmissione di un parte della sua proprietà, o hanno trasferito la loro amministrazione e presentare i conti figli di trust, senza indebito ritardo, ma entro sei mesi dal giorno il bambino è diventato pienamente ipocrita. La fatturazione non è richiesta se il bambino non è richiesto.

(2) Se i genitori sono stati responsabili o in connessione con il costo della proprietà del bambino, possono chiedere il risarcimento.

  • 903

(1) È stato asset se la gestione molto difficile, soprattutto per la vastità e la diversità dei file di proprietà, e genitori a gestire le attività correttamente eseguite, possono, dopo la mano del patrimonio gestito per il vostro bambino, per chiedere un compenso adeguato, se consentito dal ritorno dei beni.

(2) Se durante la durata dei trust chiare dalle circostanze che l’amministrazione è molto difficile ei suoi genitori svolgere adeguatamente, il giudice ammette loro di redigere un adeguato annualmente, o diversamente specificato volta a pagamento per la gestione dei beni.

  • 904

L’assegnazione e l’acquisizione di beni non incidono sulla responsabilità del genitore nella gestione della proprietà del bambino.

  • 905

(1) La Corte nomina un tutore d’ufficio per la gestione del patrimonio del bambino, se gli interessi del bambino potrebbero essere minacciati, soprattutto se sono i diritti di proprietà comune dei genitori e il bambino o la bambina ei suoi fratelli. Nell’ambito dei diritti e dei diritti del tutore per gestire la proprietà del bambino, i genitori sono soggetti agli obblighi e ai diritti in relazione alla proprietà del bambino.

(2) Per i diritti e doveri di un tutore per gestire le attività del bambino, che è stato nominato al fianco dei loro genitori, si applica mutatis mutandis, il trustee che gestisce il reparto di beni o di un tutore che gestisce un patrimonio reparto.

Esecuzione della responsabilità genitoriale dopo il divorzio
§ 906

(1) Se viene presa la decisione di divorziare dal matrimonio dei genitori del bambino, il tribunale determina in primo luogo come ciascuno dei genitori si prenderà cura del bambino, tenendo conto dell’interesse del minore; con questo in mente, la corte si discosta dal consenso dei genitori solo se lo richiede l’interesse del bambino. Il tribunale prenderà in considerazione non solo il rapporto del bambino con ciascuno dei genitori, ma anche la sua relazione con i fratelli, o anche con i nonni.

(2) Il tribunale può anche decidere di approvare un accordo genitoriale, a meno che non sia chiaro che il metodo concordato di esercizio della responsabilità genitoriale non è conforme all’interesse del minore.

  • 907

(1) Il tribunale può affidare il bambino alle cure di uno dei genitori o ad alternare cure o cure congiunte; il tribunale può anche affidare il bambino alle cure di una persona diversa dal genitore se ciò è necessario nell’interesse del minore. Se al bambino viene affidata la cura congiunta, è necessario che i genitori siano d’accordo.

(2) Nel decidere sull’affidamento, il tribunale decide in modo che la decisione sia conforme agli interessi del minore. La Corte prende in considerazione la personalità del bambino, in particolare il suo talento e le capacità in relazione alle opportunità di sviluppo e le condizioni di vita dei genitori, così come l’orientamento emotivo e lo sfondo del figlio, sulle capacità educative di ciascun genitore, la stabilità esistente e prevista l’ambiente educativo in cui d’ora in poi il bambino a vivere sulla attaccamento emotivo del bambino ai suoi fratelli, nonni o altri parenti e persone estranee. La Corte prende sempre in considerazione che i genitori ancora curati per il bambino correttamente e debitamente ascoltato la sua emotiva formazione, intellettuale e morale, così come quella con la quale genitore il bambino è in una posizione migliore sviluppo sano e di successo.

(3) Il tribunale di decidere la custodia dei figli è impegnata anche al diritto del bambino alle cure di entrambi i genitori, e mantenere regolari contatti personali con loro, a destra dell’altro genitore, il cui figlio sarà affidata a informazioni regolari circa il bambino, poi il giudice tenga conto anche della la capacità del genitore di accettare la genitorialità del bambino con l’altro genitore.

  • 908

Esecuzione dei doveri e dei diritti dei genitori che vivono separatamente
Se non si vive insieme genitori di un figlio minore che non è pienamente sui juris, e se non sono d’accordo sull’organizzazione delle cure per un tale bambino, egli deciderà di sua iniziativa la corte. Nel resto, le disposizioni delle sezioni 906 e 907 si applicano mutatis mutandis.

  • 909

Disposizioni speciali
Se le circostanze cambiano, la corte cambierà la decisione sull’esecuzione degli obblighi e dei diritti derivanti dalla responsabilità genitoriale, anche senza una petizione.

Sottosezione 4

Obbligo di manutenzione
§ 910

(1) Gli antenati e la prole hanno obblighi di manutenzione reciproca.

(2) L’ obbligo di mantenimento del bambino nei confronti del minore è preceduto dagli obblighi alimentari dei nonni e di altri antenati nei confronti del minore.

(3) I parenti lontani hanno un obbligo di mantenimento, a meno che i parenti stretti possano farlo.

(4) Nel caso di una relazione genitore-figlio, l’obbligo di mantenimento dei discendenti degli obblighi di mantenimento ancestrale è preceduto.

  • 911

La manutenzione può essere concessa se l’avente diritto non è in grado di nutrirsi da solo.

  • 912

Un minore che non ha pieno diritto ha diritto al mantenimento, anche se ha la sua proprietà, ma il profitto sulla proprietà e il reddito derivante dall’attività lucrativa non sono sufficienti per sostenerlo.

  • 913

(1) Le esigenze giustificabili della persona autorizzata e dei suoi beni, nonché le capacità, le possibilità e le condizioni di proprietà del debitore sono determinanti per determinare l’entità della manutenzione.

(2) Nel valutare la capacità, possibilità e proprietà situazione obbligatoria dovrebbe anche esaminare se obbligatorio arresero senza giusta causa dell’occupazione favorevoli o di occupazione o proprietà beneficio, o se la proprietà è non prendere rischi indebiti. Va inoltre tenuto presente che la persona responsabile dell’interessato deve prendersi cura di sé, nella misura in cui lo fa; tenendo conto, se necessario, della cura della famiglia.

  • 914

Se più persone che possono avere la stessa posizione rispetto alle corrisponde legittimi al punto di obblighi di ciascuna della sua relazione con il mezzo, la capacità e il potenziale della situazione struttura, capacità e possibilità degli altri di manutenzione.

Nutrimento tra genitori e figli, antenati e figli
§ 915

(1) Il tenore di vita del bambino dovrebbe essere essenzialmente uguale a quello dei genitori. Questo aspetto è preceduto da una considerazione dei bisogni giustificati del bambino.

(2) Il bambino è obbligato a fornire ai suoi genitori una dieta decente.

  • 916

A meno che non si è dimostrato in procedimenti dei genitori agli obblighi di bambino o di manutenzione altro antenato di un figlio minore che non ha acquisito piena capacità giuridica, individuo nutrizione campo obbligatorio correttamente il loro reddito presentando tutti i documenti e gli altri documenti per la valutazione delle attività e non consente al giudice di conoscere ancora di più fatti di manutenzione necessaria per il processo decisionale dati disponibili protetti da altre norme, il reddito medio mensile della persona che effettua pětadvacetinásobek minimo di sussistenza individuale ai sensi di altre normative.

  • 917

Deciso dal giudice sulle obbligazioni alimentari dei genitori agli obblighi di bambino o di manutenzione antenato di un figlio minore che non ha acquisito piena capacità giuridica, e le circostanze finanziarie della nutrizione persona che deve ammettere, può essere giustificato dalle esigenze del bambino considerato e la creazione di risparmio, non esclude, se le circostanze caso speciale ; fornito gli assegni alimentari nella proprietà del bambino. L’amministrazione ha fornito i seguenti importi, le regole generali in materia di proprietà del bambino.

  • 918

Nei procedimenti di manutenzione di genitore a figlio può, in casi eccezionali, il tribunale di imporre persona nutrizionale obbligatoria di prendere un anticipo sul mantenimento da corrispondere in futuro; gli alimenti forniti vengono trasferiti gradualmente nella proprietà del bambino fino alla data di scadenza individuale della manutenzione. Il deposito composto è considerato come proprietà obbligatoria.

  • 919

Non vivere se i genitori insieme di un bambino minore che non ha acquisito piena capacità giuridica, sono, a meno che le prestazioni di obbligazioni alimentari per il bambino, o se vivono i genitori di un tale figlio insieme, ma uno di loro manutenzione per il bambino non è conforme, il giudice ne § 915 a 918. Questo è vero anche se il tribunale decide sulla cura di un figlio minore che non ha acquisito piena capacità giuridica, se i genitori sono d’accordo sulle prestazioni di obbligazioni alimentari per il bambino.

  • 920

Mantenimento e rimborso di certi costi alla madre non sposata
(1) Se la madre del bambino ha sposato il padre del bambino, il padre del bambino dà la sua dieta per due anni dalla nascita di un bambino e il suo aiuto, in misura ragionevole i costi associati alla gravidanza e al parto. L’obbligo di pagare i costi associati alla gravidanza e al parto di un uomo la cui paternità è probabile, anche se il bambino è nato vivo.

(2) Il giudice può, su richiesta di salvare la donna incinta ad un uomo la cui paternità è probabile che quantità necessaria per il cibo e il contributo ai costi associati alla gravidanza e al parto previsto in anticipo.

(3) Il giudice può anche imporre una bozza di una donna incinta di un uomo la cui paternità è probabile che fornire in anticipo l’importo necessario per garantire il sostentamento del bambino per un periodo durante il quale la donna apparteneva a una dipendente da altre norme sul congedo di maternità.

Disposizioni comuni sulla manutenzione
§ 921

(1) La manutenzione viene pagata in rate regolari ed è pagabile ogni mese in anticipo a meno che il tribunale non decida altrimenti o la persona sia obbligata da un accordo nutrizionale con una persona autorizzata diversamente.

(2) Una persona avente diritto al mantenimento che è in mora di pagamento di manutenzione può avere il diritto di richiedere gli interessi per il pagamento tardivo.

  • 922

(1) La manutenzione può essere concessa solo a partire dalla data di inizio dei procedimenti giudiziari; per la manutenzione dei bambini anche per un periodo massimo di tre anni a partire da tale data.

(2) La manutenzione per una madre non sposata e il rimborso dei costi associati alla gravidanza e al parto possono essere rimborsati, ma non più di due anni dalla data di consegna.

  • 923

(1) Se le circostanze cambiano, il tribunale può modificare l’accordo e la decisione di mantenimento per un minore che non ha acquisito piena autorità.

(2) Se il minore è stato abolito o ridotto in passato per un minore che non ha acquisito piena autorità, i pagamenti di mantenimento non saranno rimborsati. Inoltre, non è previsto alcun costo di mantenimento per un bambino di un mese di anticipo, ma il bambino è morto prima della fine del mese.

Sezione 4

Precauzioni speciali per l’educazione dei bambini
Misure preventive, educative e sanzionatorie
§ 924

Se si trova un bambino in uno stato di mancanza di cure, indipendentemente dal fatto che ci sia o non è la persona che ha il diritto di prendersi cura di loro, o se la vita di uno sviluppo normale del bambino o di altri importanti interessi seriamente in pericolo o in cui disturbato, il giudice preliminare modificare i rapporti del bambino per il tempo necessario; la decisione della Corte non interferisce se il bambino è correttamente rappresentato.

  • 925

(1) Se l’interesse per la corretta educazione del bambino lo richiede, e se l’organismo di protezione dei minori non lo fa, il tribunale

  1. a) consigliare adeguatamente il bambino, il genitore, la persona alla cui cura è stato affidato il bambino o la persona che interferisce con la cura del bambino,
  2. b) la vigilanza sul minore e portarla con la collaborazione della protezione scuola dell’autorità bambino o altre istituzioni e privati che operano principalmente in casa o sul posto di lavoro del bambino, o

(c) imporre restrizioni sugli effetti dannosi del bambino o dei genitori sulla loro educazione, in particolare sul divieto di determinate attività.

(2) Il tribunale controlla l’osservanza della misura educativa che ha deciso e valuta la sua efficacia di norma in cooperazione con il corpo della protezione sociale e legale dei minori o di altre persone.

  • 926

Se è per la cura dei bambini e la protezione o la cura della sua proprietà da una decisione giudiziaria, una persona diversa rispetto ai loro genitori, ei genitori e questa persona non può concordare l’esercizio della cura, decide su proposta qualsiasi corte partecipanti.

Sezione 5

Rapporti tra il bambino e altri parenti e altre persone
§ 927

Il diritto di associarsi con il bambino, persone connesse con il bambino, sia da vicino oa distanza, nonché le persone bambino socialmente vicini, dove bambino ha un rapporto emotivo che non è solo temporanea, e quando è chiaro che la mancanza di contatto con queste persone per un bambino era dannoso. Inoltre, un bambino ha il diritto di associarsi con queste persone se sono d’accordo con il contatto.

TITOLO III

PERDITA E ALTRE FORME DI CURA DEI BAMBINI
Parte 1

tutela
§ 928

(1) Se non v’è nessun genitore che ha un figlio alle sue responsabilità genitoriali esercitato per intero, il tribunale nomina un bambino tutore.

(2) Il tutore ha, in linea di principio, tutti i doveri e i diritti nei confronti del bambino come genitore ma non ha un obbligo di mantenimento nei confronti del minore. Per quanto riguarda la persona o il tutore dei rapporti del bambino, così come per quanto riguarda il motivo per cui i genitori non hanno tutti i diritti e doveri possono essere eccezionale serie di obblighi e dei diritti di un tutore definito altrimenti.

  • 929

Se la situazione di cui al § 928 paragrafo. 1, la tutela dei minori autorità tutoria come guardiano pubblico, e fino a quando il tribunale nomina un tutore o tutore del bambino fino a quando non assume la funzione.

  • 930

(1) Il tribunale nomina immediatamente il figlio del tutore dopo aver accertato che è un bambino a essere nominato per il tutore.

(2) la morte di un guardiano perde se la capacità o la capacità di esercitare tutela o è sollevato delle sue funzioni o rimossi dalla carica e l’altra persona non è ancora stato nominato alla carica di amministratore, le disposizioni di cui al § 929 in modo simile.

(3) La corte subito dopo una situazione di cui al § 928 o al paragrafo 1 determina se c’è una persona idonea che potrebbe svolgere tutela. Se la persona non riesce a trovare una tale persona, la corte nomina il corpo del tutore per la protezione sociale e legale dei minori.

  • 931

(1) A meno che ciò non sia in conflitto con gli interessi del minore, il tribunale nomina un tutore della persona indicata dai genitori, a meno che la persona non si rifiuti di dare il suo parere. In caso contrario, il tribunale nomina un tutore da uno dei parenti o parenti stretti del minore o della sua famiglia, a meno che il genitore non escluda espressamente tale persona. Se tali persone non lo sono, la corte nomina un tutore di un’altra persona adatta.

(2) La persona fisica nominata dal tribunale può rifiutare la nomina a tutore. La corte quindi nomina un’altra persona.

  • 932

(1) Solo una persona di pieno diritto può essere nominata funzionario consolare, il quale assicura che è in grado di svolgere correttamente la funzione di tutore. Prima della sua nomina a tutore, il tribunale stabilisce se la sua nomina è contraria agli interessi del minore.

(2) Il tribunale può nominare due persone come tutore; di solito saranno sposati.

  • 933

(1) Il luogotenente è responsabile della corretta esecuzione delle sue funzioni ed è soggetto al controllo permanente da parte del tribunale.

(2) Il tenente deve assumere le sue funzioni alla data della nomina.

(3) Entro 90 giorni dalla sua nomina, il tutore deve presentare un inventario dei beni del minore; il tribunale può prolungare questo periodo su richiesta del tutore, ma non oltre sessanta giorni.

  • 934

(1) Qualsiasi decisione del tutore in una questione non ordinaria riguardante il minore deve essere approvata dal tribunale. L’udienza legale del tutore, che non è d’accordo con la corte, è ignorata.

(2) guardiano alla corte riferisce regolarmente sul singolo bambino e il suo sviluppo e presenta un resoconto della gestione del suo patrimonio, almeno una volta l’anno, a meno che il periodo di prova è più breve. Il giudice può l’obbligo di tutore per fare una dichiarazione dettagliata del patrimonio gestito, se non superare i titoli a reddito probabili costi di mantenimento della proprietà e in materia di istruzione e nutrizione del bambino.

  • 935

(1) Il consiglio scade se almeno uno dei genitori del tutore acquisisce la potestà dei genitori o, se ha la capacità di eseguirlo. L’aggiunta scade anche se il bambino diventa ipocrita o se è adottato.

(2) La funzione di servizio deve essere risolta dalla morte del tutore o da una decisione del tribunale di rinunciare al tutore del suo ufficio, o di licenziare il tutore.

  • 936

Il tribunale rilasciare funzioni di tutore, se richiesta da quest’ultimo per motivi importanti, o se diventa la persona che ha eseguito la funzione di un tutore, la performance del tutore non ammissibili.

  • 937

(1) La corte deve richiamare un tutore che viola i suoi doveri di tutela.

(2) Il tribunale prende in considerazione il licenziamento del tutore se scopre i motivi per cui non è appropriato per il trustee continuare a svolgere le sue funzioni.

  • 938

(1) In caso di risoluzione del consiglio fiduciario sottopone la persona che ha eseguito l’operazione, senza indebito ritardo, ma entro e non oltre sei mesi, il tutto corte che aveva a causa della sua posizione con loro, e presentare la relazione finale sulle prestazioni delle funzioni di amministrazione fiduciaria; include il conto finale della gestione patrimoniale del bambino.

(2) Se la persona che esercita la funzione di un tutore muore, il suo erede della corte trasferirà tutto ciò che ha avuto alla persona deceduta per l’esecuzione del suo ufficio di comando. Se gli eredi non lo sono, ognuno ha accesso a ciò che è morto a causa della sua funzione dominante.

  • 939

Se il tutore è una persona che si prende cura personalmente del bambino come se il bambino gli fosse stato affidato in via definitiva, ha una sicurezza materiale come affidatario.

  • 940

Se viene rispettata la custodia del bambino personalmente con il proprio marito, si applicano mutatis mutandis le disposizioni relative al rapporto tra il genitore e il coniuge.

  • 941

(1) Se il guardiano è una persona che si prende cura personalmente per il bambino, e la cura dei beni del minore è molto difficile, soprattutto per la vastità e la diversità del gruppo finanziato può proporre un fiduciario che il giudice ha nominato gestione del tutore del bambino; La proposta include un elenco di beni del minore alla data di presentazione della proposta.

(2) Se il giudice è un tutore ai sensi del paragrafo 1, deve anche definire i reciproci obblighi e diritti del tutore e del tutore.

  • 942

A meno che il fiduciario incaricato di gestire le attività, le disposizioni in materia di un tutore per gestire le risorse analogia al tutore che si prende cura di beni del minore, a meno che le disposizioni relative al trustee diversamente specificato.

Parte 2

Custodia dei figli
Sezione 1

guardiano
§ 943

Il tribunale nomina un tutore, se v’è un conflitto di interessi di un bambino da una parte e gli altri dall’altra parte, non difendono se legale rappresentante abbastanza interesse del minore, o se è nell’interesse del minore bisogno di un altro motivo, o se previsto dalla legge. tutore nominato ha il diritto di avviare una procedura sempre, se è per l’interesse del minore richiede che un tribunale o altra autorità pubblica in materia di mente del bambino.

  • 944

Per la tutela, la tutela e i tutori, si applicano le disposizioni di tutela, tutela e tutori.

  • 945

La decisione in merito alla nomina del tribunale guardiano indicare, in particolare, perché è il custode nominato, se e come limitare il tempo durante il quale ha una funzione per eseguire, quali sono i suoi diritti e obblighi, anche in relazione ad altre persone, se qualsiasi azione legale ha bisogno di approvazione giudice se e come segnalare al suddetto giudice se il diritto al risarcimento per tutti o alcuni dei costi e il diritto alla retribuzione.

  • 946

Prima di procedere guardiano per conto di un procedimento giudiziario del bambino, la cui esecuzione è stato nominato, trova il parere di un genitore o tutore, se possibile, l’opinione del bambino e, se del caso, anche il parere di altre persone.

  • 947

Il Guardian, che non è stato nominato per una particolare audizione legale, rilascerà la corte dal suo ufficio anche se non ha più bisogno dell’appuntamento.

Sezione 2

Guardiano per la gestione della proprietà del bambino
§ 948

Nella decisione di nominare un custode per amministrare i beni, il tribunale determina l’estensione delle attività che il trustee gestirà; di solito determina anche come dovrebbe trattare le singole parti del bene o, se del caso, quale sia il metodo di smaltimento vietato.

  • 949

Il gestore patrimoniale si prende cura dell’esecuzione delle sue funzioni con la dovuta diligenza e non deve correre rischi indebiti.

  • 950

(1) Il gestore patrimoniale è responsabile della corretta esecuzione del proprio ufficio e sarà soggetto alla sua supervisione permanente.

(2) Le disposizioni su come i genitori eseguono la gestione patrimoniale del bambino per analogia si applicano alla causa legale del gestore patrimoniale; il tribunale, se lo ritiene necessario, determina quali atti giuridici dell’ente di gestione patrimoniale devono essere approvati dal tribunale.

(3) Il Registro delle proprietà deve riferire regolarmente al tribunale le relazioni e i conti della gestione patrimoniale, sempre per la durata della durata del tribunale; questo periodo non può essere più lungo di un anno.

  • 951

(1) Il gestore patrimoniale ha il diritto di detrarre dal ricavato della proprietà del figlio i costi necessari relativi all’amministrazione del patrimonio del minore. Se il rendimento non è sufficiente, il tribunale può decidere che i costi saranno pagati dalla proprietà.

(2) Il gestore patrimoniale ha diritto a una remunerazione ragionevole sui proventi del figlio; il paragrafo 1 si applica mutatis mutandis. L’ammontare della remunerazione e il periodo per il quale deve essere determinata la remunerazione del trustee della gestione patrimoniale sono determinati dal giudice alla luce della natura dei proventi del figlio. L’articolo 903, paragrafo 2 si applica mutatis mutandis.

  • 952

Se la custodia della gestione patrimoniale cessa di esistere, le disposizioni dell’articolo 938, paragrafo 1, si applicano mutatis mutandis ai doveri del tutore. Se il tutore è deceduto, si applicano mutatis mutandis le disposizioni dell’articolo 938, paragrafo 2.

Parte 3

Tenere il bambino sotto la custodia di un’altra persona e promuovere
Sezione 1

Tenere il bambino sotto la custodia di un’altra persona
§ 953

(1) Se egli non può personalmente prendersi cura del bambino né madre né un tutore, il giudice può affidare il bambino alla cura della persona di un’altra persona (di seguito denominato “persona prendersi cura”). La decisione di affidare la custodia di un bambino deve essere conforme all’interesse del minore.

(2) La custodia di un bambino in cura personale dell’assistente non sostituisce l’affidamento, l’assistenza prenatale o l’assistenza che deve essere preceduta dall’adozione. Ha la precedenza sull’assistenza all’infanzia nell’assistenza istituzionale.

  • 954

(1) Il caregiver deve fornire garanzie di diligenza, risiedere nel territorio della Repubblica Ceca e accettare di essere posto sotto cura personale.

(2) Se un bambino o una persona correlata o un bambino stretto ha preso cura di un bambino, lui o lei ha la precedenza su un’altra persona, a meno che ciò non sia incompatibile con gli interessi del bambino.

  • 955

I doveri e i diritti dell’assistente sono determinati dal tribunale; altrimenti le disposizioni sull’affido si applicheranno mutatis mutandis.

  • 956

(1) Il tribunale determina l’entità del mantenimento da parte dei genitori in considerazione della loro capacità, capacità e proprietà e dell’obbligo di pagare la manutenzione alle cure del caregiver.

(2) Il caregiver ha il diritto di chiedere gli alimenti come i genitori su un bambino che ha la custodia e il diritto con un nutriente per il bambino a gestire gli interessi del bambino secondo le sue esigenze e in conformità con i propri interessi. Il giudice può agricoltura con l’alimentazione del bambino per regolare, in particolare per determinare la parte che sarà basata sul consumo e Che ruolo risparmio bambino.

  • 957

Se non è possibile imporre un obbligo di mantenimento a un figlio per i genitori o altri parenti, le disposizioni del § 953 al 956 non si applicano.

Sezione 2

promozione
§ 958

(1) Se un bambino non può essere assistito personalmente da un genitore o da un tutore, il tribunale può affidare il bambino a un genitore adottivo.

(2) L’ affidamento ha la precedenza sulla cura di un bambino nell’assistenza istituzionale.

(3) Il tribunale può anche affidare al minore un affidamento anche temporaneo. I dettagli sono forniti da un’altra legge.

  • 959

(1) L’affidamento può essere deciso dal tribunale per un periodo di tempo che impedisce ai genitori di prendersi cura personale del bambino.

(2) Un genitore può chiedere al bambino di tornare alla sua cura personale. Il tribunale concederà la domanda se è conforme agli interessi del minore.

  • 960

(1) I genitori hanno il dovere nei confronti del bambino e dei diritti derivanti dalla responsabilità dei genitori, con l’eccezione dei diritti e dei doveri previsti dalla legge per i genitori adottivi, a meno che il tribunale per motivi degni di considerazione speciale, non decida altrimenti.

(2) I genitori hanno il diritto di associare personalmente e regolarmente al minore il diritto all’informazione sul minore, a meno che il tribunale non decida altrimenti per motivi di particolare considerazione.

  • 961

(1) Affidarsi a un bambino in affidamento non influisce sulla durata dell’obbligo di mantenimento del genitore nei confronti del minore. Il tribunale determinerà l’entità della manutenzione per i genitori, tenendo conto delle loro capacità, abilità e proprietà e dei bisogni giustificati del minore.

(2) Se il bambino ha diritto a un contributo per coprire i suoi bisogni secondo un’altra legge, il diritto del bambino allo stato passa. Se la manutenzione è superiore a questa indennità, la differenza è per il bambino. Il tribunale deciderà in merito al metodo di pagamento e alla manutenzione.

  • 962

(1) Chi deve diventare un affidatario, deve fornire garanzie di buona cura, risiedere nel territorio della Repubblica ceca e deve accettare l’affidamento del minore.

(2) Se un bambino o una persona correlata o un bambino stretto ha preso cura di un bambino, lui o lei ha la precedenza su un’altra persona, a meno che ciò non sia incompatibile con gli interessi del bambino.

  • 963

Il tribunale può affidare al minore l’affidamento per l’assistenza pre-affidamento; la sua lunghezza deve essere determinata alla luce delle circostanze del caso. Supervisiona il corso e il successo delle cure pre-affidamento.

  • 964

(1) Un bambino può essere affidato a un affidamento congiunto con i genitori adottivi se sono coniugi.

(2) Un tribunale che decide di divorziare matrimoni di genitori adottivi in ​​comune non deve divulgare quel matrimonio fino a quando i doveri ei diritti dei genitori adottivi per il periodo post-divorzio sono stati modificati. Con il divorzio matrimoniale cessa l’affidamento congiunto dei coniugi.

(3) Se uno dei genitori adottivi muore, il bambino deve rimanere in affidamento del coniuge superstite.

  • 965

(1) Con il consenso dell’altro coniuge, al minore può essere affidato l’affidamento di un solo coniuge.

(2) Il consenso dell’altro coniuge a porre il bambino in affido non è necessario se l’altro coniuge non è juris completamente Sui, o se il consenso di misure connesse con ostacolo difficilmente superabile.

(3) Un marito adottivo è anche coinvolto nell’assistenza personale di un bambino in affidamento se vive in una famiglia.

  • 966

(1) L’ affidatario è obbligato a prendersi cura del bambino stesso.

(2) Un genitore adottivo nell’educazione di un bambino svolge adeguatamente i doveri e i diritti dei genitori. È obbligato e ha il diritto di decidere solo sugli affari comuni del bambino, di rappresentare e gestire il patrimonio del bambino in queste materie. Ha l’obbligo di informare i genitori del bambino delle sue questioni essenziali. Se le circostanze lo richiedono, gli altri doveri e i diritti del tribunale adottivo saranno determinati dal tribunale.

(3) I paragrafi 1 e 2 si applicano mutatis mutandis ai richiedenti asilo nido a cui è stata affidata l’assistenza pre-affidamento del minore.

  • 967

L’affidatario ha il dovere di mantenere, sviluppare e approfondire l’appartenenza del bambino ai suoi genitori, altri parenti e persone vicine al bambino. È obbligato a consentire ai genitori e all’affidamento di essere in contatto con il minore a meno che il tribunale non disponga altrimenti.

  • 968

Un bambino affidato all’affidamento aiuta secondo le sue capacità e abilità in una famiglia affidataria; se ha il proprio reddito, contribuisce anche a soddisfare i bisogni comuni della famiglia.

  • 969

Se v’è un cambiamento significativo di circostanze o disaccordo tra i genitori e tutori delle questioni essenziali riguardanti il ​​bambino, i genitori o tutori del bambino chiedono un tribunale per cambiare i diritti e gli obblighi, la cancellazione di affidamento, o di altre decisioni.

  • 970

L’affidamento cessa di esistere al più tardi se il bambino diventa pieno di interesse personale, altrimenti dalla sua età.

Parte 4

Educazione costituzionale
§ 971

(1) Se l’educazione del bambino o condizione fisica, intellettuale o mentale del bambino, o il suo corretto sviluppo sono seriamente minacciato o disturbato nella misura in cui essa è in contrasto con gli interessi del bambino, o se ci sono gravi motivi per i quali i genitori del bambino non possono assicurare la loro educazione, la corte può anche ordinare l’istruzione istituzionale come misura necessaria. Lo farà in particolare quando le misure adottate in precedenza non hanno portato alla correzione. La Corte ha sempre ritenuto che non c’è posto per dare la priorità agli individui custodia dei figli.

(2) Se i genitori non sono seri motivi per assicurare l’educazione dei bambini in via temporanea, il giudice ha affidato il bambino a una struttura per i bambini che necessitano di assistenza immediata, per un periodo non superiore a sei mesi.

(3) le condizioni abitative inadeguate o situazione finanziaria genitori del bambino o delle persone a cui il bambino è stato affidato alle cure non può di per sé essere motivo di una decisione del giudice per l’assistenza istituzionale se gli altri genitori sono in grado di garantire la corretta educazione del bambino e l’adempimento degli altri obblighi derivanti dal loro responsabilità genitoriale.

(4) Nella decisione che ordina l’istruzione istituzionale, il tribunale indica lo stabilimento in cui il bambino deve essere inserito. Prenderà in considerazione gli interessi del bambino e la dichiarazione dell’organo di protezione sociale e legale del bambino. Il giudice deve accertarsi che il bambino sia collocato il più vicino possibile ai genitori o ad altri parenti stretti. Questo è vero anche se il tribunale decide di trasferire il bambino in un’altra istituzione per l’esercizio dell’istruzione costituzionale o protettiva.

  • 972

(1) L’ istruzione istituzionale può essere ordinata per un periodo massimo di tre anni. L’educazione istituzionale può essere prolungata prima della scadenza di tre anni dopo la sua entrata in vigore se le ragioni dell’istruzione istituzionale sono ancora mantenute. La durata dell’istruzione istituzionale può essere estesa ripetutamente, ma non più di tre anni. Finché il tribunale decide di abolire o estendere l’assistenza istituzionale, il bambino rimane in cure istituzionali, anche se il periodo è già trascorso prima della sentenza della corte.

(2) Se i motivi per i quali l’educazione istituzionale ordinato o se è possibile assicurare il bambino diverso da un istituto, corte assistenza istituzionale immediatamente cancellato e anche le circostanze decide su chi sarà d’ora in poi la custodia dei figli.

(3) L’ educazione costituzionale deve essere risolta con una decisione del tribunale al momento dell’adozione. Se si è deciso di affidare il bambino a un potenziale adottante ai sensi dell’articolo 823 o 829, l’istruzione costituzionale viene interrotta.

  • 973

Se il tribunale è stato giudicato in base alla Sezione 971, il tribunale è tenuto a esaminare almeno una volta ogni sei mesi se i motivi della regolamentazione della misura o il motivo per cui non è possibile fornire al bambino un’assistenza familiare alternativa. Per questo scopo in particolare

  1. a) richiedere relazioni all’autorità competente in merito alla protezione sociale e legale dei minori,

(b) fornire al bambino l’opinione del minore se il bambino è in grado di crearlo e comunicarlo dopo il tribunale, tenuto conto della sua età e della sua maturità razionale, istruisce il bambino e

(c) invita i genitori del bambino ad esprimere le proprie opinioni.

  • 974

Per motivi importanti, il tribunale può estendere l’educazione costituzionale fino a un anno dopo aver raggiunto la maggiore età.

  • 975

Se il tribunale decide di affidare un bambino a cure istituzionali o protettive, adegua anche l’estensione dell’obbligo di mantenimento dei genitori.

PARTE TERZA

DIRITTI DI PROPRIETÀ ASSOLUTA
TITOLO I

DISPOSIZIONI GENERALI
§ 976

I diritti di proprietà assoluti riguardano tutti, salvo diversa disposizione di legge.

  • 977

Solo la legge determina quali diritti di proprietà sono assoluti.

  • 978

Le disposizioni di questa parte possono essere derogate da convenzioni con effetti nei confronti di terzi, salvo se consentito dalla legge.

TITOLO II

DIRITTI FONDAMENTALI
Parte 1

Disposizioni generali
§ 979

Le disposizioni del presente titolo si applicano alle questioni materiali e immateriali, ma ai diritti solo fino a quando la loro natura lo consente e salvo diversa disposizione di legge.

  • 980

(1) Se il diritto a un caso è registrato nella lista pubblica, non si scusa con nessuno che ignori i dati registrati. Se la legge lo prevede, il diritto di utilizzo o godimento nonché la limitazione dell’estensione o delle modalità di utilizzo o godimento della cosa da parte dei comproprietari devono essere inseriti nell’elenco pubblico, oltre alla legge sostanziale.

(2) Se il diritto al caso è inserito in un elenco pubblico, si considera che sia stato registrato in conformità con lo stato giuridico effettivo. Se il diritto a una cosa nell’elenco pubblico è stato cancellato, si presume che non sia presente.

  • 981

Se un diritto pubblico a una questione estera è registrato nella lista pubblica, ha la precedenza su un diritto reale che non è evidente dalla lista pubblica.

  • 982

(1) Il momento di presentare la domanda di registrazione del diritto è deciso per l’ordine dei diritti reali in materia estera. I diritti registrati sulla base di proposte presentate nello stesso momento sono nello stesso ordine.

(2) la presente Se il proprietario di un vero e proprio diritto di possedere le cose possono riservare di fronte alla legge e nella lista pubblica annotare l’ordine di priorità per le altre leggi; se una prenotazione su una lista pubblica è registrata solo dopo la costituzione di un diritto reale richiede il consenso della persona il cui diritto è interessato. La registrazione dei diritti per le quali è meglio riservato l’ordine non richiede il consenso della persona il cui diritto è soggetta a limitazioni, a meno di essere la persona giusta avere una migliore ritenzione della proposta immessa nella lista pubblica in una gamma più ampia di quella di obiezioni chiare.

  • 983

(1) Se un elenco pubblico di diritto di prelazione registrati alla creazione di diritto sostanziale e non ad un’altra persona, se entro un anno di scrivere una domanda di registrazione dei diritti a cui si applica il diritto di prelazione, il proprietario può far valere la cancellazione dei diritti preferenziali. Se l’esito di uno che ha un diritto anteriore, prima della scadenza di un ricorso di conversione o altra istituzione di diritti reali, inizia il periodo che va dalla fine del procedimento giudiziario; tuttavia, il diritto di prelazione verrà cancellato su richiesta del proprietario nel momento in cui la decisione diventa definitiva.

(2) Se un elenco pubblico di diritto di prelazione registrato come condizionale o documentare il periodo di tempo inizia a decorrere dal paragrafo 1 giorno in cui il diritto di priorità diventa esecutiva.

  • 984

(1) A meno che lo stato registrato nella lista pubblica secondo la posizione giuridica attuale, testimonia entrato nello stato a favore della persona che ha acquistato il diritto di proprietà a titolo oneroso in buona fede da una persona autorizzata a farlo dallo stato registrato. La buona fede viene giudicata nel momento in cui si è svolta un’azione legale; tuttavia, se il diritto di istigazione sorge solo dopo essere stato inserito nella lista pubblica, allora il momento del deposito della domanda per la registrazione.

(2) La prima frase del paragrafo 1 non si applica al viaggio, allo scambio e al diritto necessari dei diritti derivanti dalla legge senza riguardo allo stato delle voci nell’elenco pubblico.

  • 985

Qualora lo status elencato nell’elenco pubblico non sia conforme alla situazione giuridica effettiva, la persona i cui diritti sono interessati può richiedere la rimozione della non conformità; se dimostra di aver esercitato il suo diritto, deve essere inserito nell’elenco pubblico su sua richiesta. Una decisione sul suo diritto sostanziale riguarda chiunque sia stato iscritto nella lista pubblica dopo che la persona interessata ha presentato domanda di registrazione.

  • 986

(1) Qualsiasi persona che sostiene di essere colpita dal suo ingresso in un elenco pubblico senza una base legale a beneficio di un’altra persona può richiedere la cancellazione di tale registrazione e richiedere che ciò venga annotato nell’elenco pubblico. L’autorità che pubblica l’elenco pubblico cancella l’annotazione della registrazione, se il richiedente non, entro due mesi dal ricevimento della domanda, presenta la sua richiesta al tribunale.

(2) ha chiesto se il richiedente è un marchio di infamia litigiosità iscritto entro un mese dal giorno della registrazione è appreso, ha una legge contro chiunque negato per iscritto o verbalmente che ha raggiunto sulla base di un ulteriore registrazione; dopo la scadenza di tale termine, solo alla persona che si è registrata senza essere in buona fede.

(3) Se il richiedente la registrazione di una legge straniera non è stato debitamente notificato, il periodo di cui al paragrafo 2 è esteso a tre anni; il periodo inizia a decorrere dal giorno in cui è stato effettuato il rifiuto.

Parte 2

possesso
§ 987

Il titolare è colui che esercita il diritto per se stesso.

  • 988

(1) Un diritto che può essere trasferito da un’azione legale a un altro e che consente di mantenere una prestazione continua o ripetuta.

(2) I diritti personali non sono soggetti a possesso o approvazione. Tuttavia, chi esercita il diritto di una persona onestamente ha il diritto di esercitare e difendere il suo presunto diritto.

  • 989

(1) La proprietà è detenuta dalla persona che ha preso l’azienda per possederlo.

(2) Un altro diritto è detenuto dalla persona che ha iniziato a praticare come persona a cui tale diritto appartiene per legge e a cui un’altra persona è d’accordo con lui.

Prendendo possesso
§ 990

(1) La detenzione può essere acquisita immediatamente se il titolare ne prende possesso con la sua potenza. Immediatamente la stiva viene acquisita nella misura in cui il detentore lo ha effettivamente preso.

(2) Il mandato può essere acquisita derivato dal precedente possessore convertito loro aziende in un supporto o dal nuovo proprietario prende possesso come successore legale dell’intestatario corrente. È acquisito in modo deduttivo nella misura detenuta dal detentore fino a quel momento e nel quale è stato trasferito al nuovo titolare.

  • 991

Possesso appropriato
Hold è corretto se è basato su un valido motivo legale. Chiunque ne prenda possesso direttamente senza aver disdetto un incarico straniero o che si impossessi della volontà del precedente detentore o della decisione dell’autorità pubblica, ne è titolare.

Onesto possesso
§ 992

(1) Chi, per una ragione convincente, ritiene di avere diritto al diritto che esercita è un titolare onesto. È ingiustamente tenuto da chi sa o a chi è chiaro che esercita un diritto a cui non appartiene.

(2) La disonestà di un rappresentante quando acquisisce un incarico o lo esegue da un rappresentante rende l’affitto un disonesto. Ciò non si applica se, con un ordine speciale dato in relazione a tale possesso, il Deputato ha ordinato di prenderne possesso o di eseguirlo.

(3) Il titolare onesto ha gli stessi diritti del titolare del dovuto.

  • 993

Vero possesso
A meno che non si dimostri che qualcuno furtivamente in possesso ingiustamente o che si insinuò in segreto o l’inganno, o che qualcuno cerca di trasformarsi in un diritto permanente di fare ciò che è stato consentito di ottenere solo per noi, si tratta di un vero e proprio possesso.

  • 994

Si ritiene che il possesso sia giusto, onesto e vero.

  • 995

Se è stato concesso il possesso o ricorso contro l’equità, deve essere onesto titolare disonesto per le ultime dal momento in cui è stato consegnato l’azione. Tuttavia, la coincidenza che l’uomo d’affari non è riuscito a fare sarebbe il titolare solo quando la controversia ha ritardato arbitrariamente.

Proprietà
§ 996

(1) Il titolare onesto può, nei limiti della legge, detenere e utilizzare la cosa, distruggerla o disporne in altro modo, e non è responsabilità di nessuno.

(2) Il titolare del diritto appartiene a tutti i frutti della cosa una volta separati. Sono anche tutti i benefici già selezionati che hanno guadagnato.

  • 997

(1) Il titolare onesto sostiene i costi necessari che sono necessari per il mantenimento della sostanza della causa nonché i costi realmente sostenuti e l’aumento dell’utilità del bene o del suo valore. Il rimborso appartiene al valore presente se non supera i costi effettivi.

(2) I normali costi di manutenzione non sono coperti.

  • 998

Delle spese fatto un onesto detiene un hobby o per la decorazione è pagato altrettanto molto su come aumentare il prezzo normale delle cose; ex titolare può, tuttavia, a loro vantaggio di eliminare tutto ciò che può essere separato dal caso senza compromettere la sua essenza.

  • 999

Anche onesto il titolare non può pretendere di essere sostituito dal prezzo per il quale ha trasferito la cosa.

  • 1000

titolare disonesto deve tutto il beneficio, che ha acquisito la detenzione, e sostituisce quella che otterrebbe accorciato persona e tutti i danni sorti dal suo incarico.

  • 1001

Se il detentore disonesto spende i costi necessari per preservare la sostanza del caso, deve essere risarcito da esso. Per quanto riguarda gli altri costi, le disposizioni sugli amministratori senza preavviso si applicano mutatis mutandis.

  • 1002

Detenzione di altri diritti
Per i titolari di altri diritti, si applicano mutatis mutandis § 996 a 1001.

Protezione del possesso
§ 1003

Non c’è il diritto di interrompere il possesso. Chiunque sia stato in possesso dell’interferenza può richiedere che l’interferente venga ritardato e che tutto ciò sia indicato nello stato precedente.

  • 1004

(1) Se il titolare di costruzione minacciato le aziende di beni immobili, o se può essere per un motivo di temere le conseguenze di cui § 1013, e non riesce se è contro il costruttore attraverso il titolare dei diritti può chiedere un divieto minacciato l’esecuzione del progetto. Vietare il titolare non può pretendere se un procedimento amministrativo a cui lui era un partecipante, non esercitare le proprie obiezioni alla domanda di autorizzazione di tale costruzione, anche se avrebbe potuto farlo.

(2) A meno che il problema ha deciso, il giudice può vietare la costruzione viene effettuata. Se non c’è una minaccia diretta, o se siamo in grado di chiamare il convenuto ragionevole garanzia che la materia ha dichiarato in stato e danni precedente, ma la sicurezza attrice per le conseguenze del suo divieto non può, il giudice non disabilitare che finora l’attuazione della costruzione ha ripreso a meno che il divieto è giustificato dalle circostanze del caso di specie .

  • 1005

In caso di rimozione di un edificio, il § 1004 si applica mutatis mutandis.

Mantenere il possesso
§ 1006

Il Titolare può opporsi all’interferenza arbitraria e ritirare le cose che sono state rimosse da lui nell’atto di recidiva, a condizione che non superi la difesa richiesta.

  • 1007

(1) Se il detentore è stato espulso dall’azienda, può chiedere al dispatcher di astenersi dall’ulteriore espulsione e ripristinare la condizione originale. Contro la richiesta di protezione del possesso, si può sostenere che l’attore ha ottenuto un credito illecito nei confronti dell’imputato o che l’ha espulso dall’azienda.

(2) L’ espropriazione dei diritti sorge quando l’altra parte si rifiuta di compiere quanto è già stato fatto quando qualcuno impedisce l’esercizio del diritto o non riesce a obbligarsi ad astenersi da qualsiasi atto.

  • 1008

Scadenze preclusive
(1) Il tribunale respinge la domanda per la protezione o salvaguardia della permanenza in carica se l’azione viene presentata dopo la scadenza di sei settimane dalla data in cui l’attore è venuto a conoscenza dei loro diritti e la persona che ha il possesso di minacciare o annullato, ma non più tardi di un anno dalla data in cui attore poteva esercitare il suo diritto per la prima volta.

(2) Il giudice deve ignorare l’obiezione di rimozione dal possesso se il convenuto lo applica dopo la scadenza dei termini di cui al paragrafo 1.

  • 1009

Estinzione del possesso
(1) L’azienda deve cessare di esistere, se il titolare non lo fa, o perde permanentemente il diritto di esercitare il contenuto del diritto che ha esercitato fino ad oggi. Anche l’azienda scade se il detentore viene espulso da esso e non resiste all’auto aiuto o all’azione.

(2) Se il titolare non riesce a tenere una partecipazione, non perde il possesso. Né il decesso del titolare né la sua risoluzione comporteranno la cessazione dell’azienda.

  • 1010

Spoludržba
La proprietà è regolata adeguatamente dalle disposizioni sull’azienda e sui diritti comuni.

Parte 3

proprietà
Sezione 1

La natura dei diritti di proprietà e il loro scopo
Oggetto e contenuto del diritto di proprietà
§ 1011

Tutto ciò che appartiene a lui, tutte le sue cose tangibili e intangibili sono di sua proprietà.

  • 1012

Il proprietario ha il diritto di disporre arbitrariamente della sua proprietà nei limiti dell’ordine legale ed escludere altre persone da questo. Il proprietario è vietato oltre ogni ragionevole proporzione a interferire seriamente con i diritti degli altri, nonché a compiere atti il ​​cui scopo principale è molestare o danneggiare un’altra persona.

Restrizioni alla proprietà
§ 1013

(1) Il proprietario deve astenersi da tutto ciò che fa sì che l’acqua di scarico, fumo, polvere, gas, odori, luce, ombra, il rumore, le vibrazioni e altri effetti simili (inquinamento atmosferico) sconfinare sulla terra di un altro proprietario (prossimo) in misura sproporzionata rispetto al locale ridurre considerevolmente il normale utilizzo del terreno; questo vale anche per la penetrazione degli animali. È vietato dirigere le immissioni sulla terra di un altro proprietario, indipendentemente dal grado di tale influenza e dal livello di molestia del vicino, a meno che non sia basato su una particolare ragione legale.

(2) Se le sostanze inquinanti derivano dal funzionamento dell’impianto o simili, che è stato ufficialmente approvato, un vicino di casa appena a destra per la compensazione in denaro, anche se il danno è stato causato da circostanze per le quali nel corso delle discussioni ufficiali disattese. Ciò non si applica se la misura in cui è stata ufficialmente approvata durante l’esecuzione dell’operazione.

  • 1014

(1) Quando un bene mobile straniero è situato sul terreno, il proprietario del terreno lo emette senza indebito ritardo al suo proprietario o alla persona che lo ha portato con sé; altrimenti gli permetterà di entrare nella sua terra e trovare e portare via la cosa. Allo stesso modo, il proprietario può essere perseguito in terra straniera per un animale allevato o uno sciame di api; se l’ape brulica in un alveare straniero, il proprietario dell’alveare acquisisce la proprietà dell’alveare senza essere obbligato a risarcire.

(2) Se una cosa, un animale, uno sciame d’api o l’esercizio del diritto di cui al paragrafo 1 causano danni alla terra, il proprietario terriero ha diritto al risarcimento.

  • 1015

Se la cosa mobile ha causato danni su una terra straniera, il proprietario può trattenerla fino a quando non ha ricevuto altre garanzie o risarcimenti.

  • 1016

(1) I frutti che cadono dagli alberi e dai cespugli sulla terra vicina appartengono al proprietario della terra vicina. Questo non si applica se la terra vicina è un bene pubblico.

(2) non riesce se il proprietario entro un termine ragionevole dopo essere su un vicino di casa ha chiesto, può un modo amichevole vicino e al momento opportuno dell’anno per rimuovere le radici o rami di un albero al di là la sua terra se lo colpisce danno o disagio al di sopra di interessi sulla conservazione intatta dell’albero. Inoltre appartiene a lui da ciò che ottiene dalle radici e dai rami rimossi.

(3) Parti di altre piante oltre il pacco adiacente possono essere rimosse in modo amichevole dal vicino senza ulteriori restrizioni.

  • 1017

(1) Se il proprietario del terreno a causa ragionevole, può richiedere un vicino di astenersi dal piantare alberi vicino al confine comune della terra e piantato se lasciato o se l’aumento è per rimuoverli. A meno che altre normative o non segue se un qualcosa di costume locale gli altri paga per la coltivazione di alberi in genere supera l’altezza di 3 m come la distanza consentita dal comune confine di terra 3 mA per altri alberi di 1,5 m.

(2) Non si applicano le disposizioni del paragrafo 1 se la foresta sulla proprietà confinante o triste, quando che gli alberi rozhradu o se si tratta di un albero protette in modo speciale altre normative.

  • 1018

Il terreno non deve essere modificato in modo tale che il sito adiacente abbia perso il suo supporto adeguato, a meno che non venga effettuato un altro adeguato fissaggio.

  • 1019

(1) Un proprietario terriero ha il diritto di richiedere a un vicino di modificare un edificio su un terreno vicino in modo che l’edificio non finisca l’acqua o che la neve o il ghiaccio non cadano sul suo sito. Se, tuttavia, l’acqua cade naturalmente dal suddetto appezzamento di terreno, specialmente se sta sorgendo o a causa di pioggia o tuono, il vicino non può chiedere che il proprietario del terreno modifichi la sua terra.

(2) Se per il sito sottostante è richiesto un afflusso d’acqua, il proprietario adiacente del terreno sopraelevato può richiedere che l’acqua non prevenga il deflusso dell’acqua nella misura in cui non ha bisogno di acqua.

  • 1020

Se il proprietario terriero ha una ragione ragionevole per farlo, può richiedere che il vicino si astiene dall’istituire un edificio su un terreno vicino vicino al confine terrestre comune.

  • 1021

Il proprietario permetterà a un vicino di entrare nella sua terra nel tempo, nella misura e nelle modalità necessarie per mantenere o gestire la terra vicina, se non diversamente raggiunto; tuttavia, il vicino sostituirà il proprietario del terreno con il danno causato in tal modo.

  • 1022

(1) Se non è possibile costruire o demolire l’edificio, o se non può essere riparato o recuperato, tranne che con il proprietario dell’immobile adiacente ha il diritto, dopo un vicino di casa richiede un compenso ragionevole subito ciò che è necessario per tale lavoro.

(2) Le domande non possono essere concesse se l’interesse del vicino per l’uso indisturbato del terreno supera l’interesse nella realizzazione dei lavori.

  • 1023

(1) Il proprietario terriero deve accettare l’uso dello spazio sopra la terra o la terra se è per un motivo importante e se fatto in modo tale che il proprietario non può avere un buon motivo per fermarlo.

(2) Da tale uso di uno spazio straniero, nessuno può ricavare un diritto su cui chiunque possa fare affidamento dopo il motivo dell’uso che ha giustificato; se, tuttavia, a seguito di tale utilizzo è sorto un impianto ufficialmente approvato, il proprietario può richiedere il risarcimento dei danni.

Rozhrady
§ 1024

(1) Recinzioni, muri, confini, fossati e altre dighe naturali o artificiali simili tra terreni adiacenti sono considerati comuni.

(2) Un muro comune può usare ciascuno il suo lato fino a metà del suo spessore e creare nicchie in esso dove non è sull’altro lato. Tuttavia, non deve fare nulla che possa minacciare il muro o impedire l’uso da parte del vicino della sua parte.

  • 1025

Dove ci sono i doppi o dove la proprietà è divisa, ogni uomo tiene il suo, qual è il suo.

  • 1026

Il proprietario non è obbligato a ricostruire il muro caduto, recinto o ripristinare un’altra barra, ma deve tenerlo in buone condizioni se il danno al suo vicino è compromesso. Tuttavia, se c’è un tale disturbo che c’è il rischio che il confine tra la terra diventi irriconoscibile, ciascun vicino ha il diritto di richiedere la riparazione o il ripristino del molo.

  • 1027

Su proposta di un vicino di casa, e un parere da parte dell’autorità edificio, il giudice può imporre un proprietario obbligo del recinto di terreno, se è necessario per garantire prestazioni senza interruzioni dei diritti di proprietà del vicino e non interferisce se l’uso efficiente del territorio supplementare.

  • 1028

Se i confini tra le terre sono irriconoscibili o dubbi, ogni vicino ha il diritto di richiedere al giudice di stabilirlo in base all’ultimo possesso pacifico. Se non può essere determinato, il giudice determina il confine a sua discrezione.

La via necessaria
§ 1029

(1) Il proprietario di beni immobili che non possono gestire correttamente o usarla correttamente, perché non è sufficientemente collegata con la strada pubblica in caso contrario, può chiedere che il suo vicino di risarcimento permesso via indispensabile per la sua terra.

(2) Il modo essenziale, il giudice può autorizzare la misura in cui risponde alle esigenze del proprietario di un bene immobile per utilizzarlo correttamente con i minori costi possibili, anche se il ministero. Allo stesso tempo la cura deve essere presa che il vicino era impostazione o prendendo i percorsi necessari meno disturbato e la sua terra, come le meno colpite. Questo deve essere considerato in particolare se il richiedente deve essere autorizzato a creare una nuova rotta.

  • 1030

(1) È necessario pagare l’indennizzo e risarcire il danno, se non è già coperto dal pagamento. Se la comproprietà di un viaggio privato straniero è consentita, include sia la rimessa che i maggiori costi di manutenzione.

(2) Il proprietario del bene immobile a favore del quale è stata concessa la via richiesta deve fornire una cauzione adeguata a qualsiasi danno causato al terreno in questione; questo non si applica se è ovvio che non si verificheranno danni apparenti alla terra in questione.

(3) L’attuazione dei paragrafi 1 e 2 appartiene principalmente al proprietario del terreno in questione, permettendo ai percorsi necessari, se non si tratti anche fatto salvo il diritto di proprietà di un’altra persona alla terra colpita fornire tali operazioni nella misura appropriata per lei. Un’altra persona a cui la domanda è stata inamovibile fondata un’altra legge, ha diritto al risarcimento del danno subito contro il proprietario del terreno in questione; questo aspetto deve essere preso in considerazione al momento di determinare la remunerazione di cui al paragrafo 1.

  • 1031

Se fosse stato permesso di stabilire la strada necessaria sul terreno in questione come artificiale, essa sarebbe stata stabilita e mantenuta da colui a favore del quale era permesso.

  • 1032

(1) Il giudice non consente il viaggio necessario,

  1. a) se il danno a un bene immobile supera la proprietà della parte vicina,

(b) se ha sofferto per la mancanza di accesso a grave negligenza o deliberatamente alla persona che ha richiesto il viaggio necessario, o

  1. c) se è necessario il percorso necessario solo per una connessione più comoda.

(2) Non è possibile consentire il viaggio necessario attraverso l’area recintata ai fini dell’accesso da parte di stranieri o attraverso il territorio in cui l’interesse pubblico impedisce che tale rotta venga stabilita.

  • 1033

(1) Se il bene immobile è circondato da più appezzamenti adiacenti, la via necessaria è ammessa solo attraverso uno di essi. Nel fare ciò, è necessario prendere in considerazione il terreno più naturale, tenendo conto delle circostanze esposte nella sezione 1029 (2).

(2) Se il bene immobile perde la connessione con la via pubblica perché il terreno è stato diviso, il percorso necessario può essere richiesto solo dalla persona che ha partecipato alla divisione. In tal caso, il viaggio necessario sarà consentito senza pagamento.

  • 1034

Se la causa per cui è stato consentito il viaggio necessario, senza altre cause per il percorso necessario, il tribunale deve annullare il percorso necessario su proposta del proprietario del terreno in questione.

  • 1035

(1) Se il diritto del viaggio necessario non è più rimborsato, il deposito sarà saldato.

(2) Se il corrispettivo per il percorso necessario da pagare a rate o dosi ripetute termina l’obbligo di pagare le rate o benefici che al momento della cessazione dei diritti percorsi necessari sono dovuti.

  • 1036

Nella necessità di stabilire il percorso necessario come artificiale, il proprietario del terreno in questione può richiedere al richiedente di prendere possesso del terreno necessario per il viaggio necessario. In quel momento il prezzo è determinato non solo per quanto riguarda il prezzo del terreno trasferito, ma anche per quanto riguarda il deprezzamento del restante immobile del proprietario interessato.

Esproprio e limitazione di proprietà
§ 1037

In uno stato di emergenza o in un interesse pubblico prevalente, la proprietà del proprietario può essere utilizzata per il tempo necessario e nella misura necessaria, a meno che lo scopo possa essere altrimenti raggiunto.

  • 1038

Nell’interesse pubblico, che non può essere altrimenti soddisfatto, e solo sulla base della legge, il diritto di proprietà può essere limitato o espropriato.

  • 1039

(1) Per limitare la proprietà o l’espropriazione, il proprietario ha diritto al risarcimento integrale corrispondente alla misura in cui la sua proprietà è interessata da tali misure.

(2) Il risarcimento deve essere fornito in contanti. Ma può anche essere fornito in modo diverso se le parti sono d’accordo.

Protezione dei diritti di proprietà
§ 1040

(1) Chiunque detesti impropriamente la causa può essere citato in giudizio dal proprietario per emetterlo.

(2) La persona che ha rubato la proprietà per proprio conto, senza essere il proprietario, non può citare in giudizio per il problema; l’acquirente diventa il proprietario della cosa acquisendo il diritto di proprietà da parte dell’abusante.

  • 1041

(1) Chiunque chiede che la questione sia consegnata, deve descriverla con segni che la distinguono da altre cose dello stesso tipo.

(2) Emissione di beni mobili che non possono essere riconosciuti ai sensi del paragrafo 1, in particolare se si tratta di titoli di denaro o al portatore mescolato con altre cose dello stesso genere può essere richiesto solo se può essere dalle circostanze visti persona proprietà diritto di legge si applica, e la malafede della persona a cui è richiesto di rilasciare le cose.

  • 1042

Il proprietario può richiedere protezione contro qualsiasi persona che interferisca in modo improprio o interferisca con il suo diritto di proprietà se non trattando la questione.

Protezione dei presunti diritti di proprietà
§ 1043

(1) La persona che è entrata in possesso dei diritti di proprietà in modo equo, corretto e nel modo giusto, sono visti come il proprietario, da una che aveva una cosa tiene o in altro modo annullato, ma ha la ragione giuridica, o se ha motivi giuridici, nonché forte o debole.

(2) Se una persona ha detenuto un diritto di proprietà a titolo gratuito e un’altra a titolo oneroso, l’acquisizione è gratuita per un motivo legale più debole.

  • 1044

Se qualcuno ha qualcosa con lui, senza la prova della sua presunzione ai sensi del § 1043, può esercitare il diritto del proprietario di proteggersi a proprio nome.

Sezione 2

Acquisizione di diritti di proprietà
Sottosezione 1

Appropriazione e ricerca
appropriazione
§ 1045

(1) Una cosa che non appartiene a nessuno può essere appropriata da chiunque, a meno che la legge o il diritto degli altri di appropriarsi di ciò non ostacoli. La cosa commovente che il proprietario ha lasciato perché non vuole trattenerlo non appartiene a nessuno.

(2) L’ immobile in disuso è di proprietà dello Stato.

  • 1046

(1) La bestia selvaggia è senza padrone finché non vive in libertà.

(2) L’animale catturato diventa un animale senza padrone, una volta ottiene la libertà e il suo proprietario è prontamente e costantemente non gestisce o cercare in un tentativo di ri-cattura. Un tale animale non è un animale senza padrone non accade, è etichettato in modo tale che possa trovare il suo proprietario.

  • 1047

(1) I segreti di Brokeback animale che il proprietario non riesce e che non si è il proprietario entro un termine ragionevole non ritorna, anche se in realtà nessuno non lo fanno, diventa una creatura senza padrone e ha permesso loro di appropriarsi di terreno privato al suo proprietario, ai beni pubblici, allora chiunque. È un tempo ragionevole per l’animale di tornare al proprietario per un periodo di sei settimane.

(2) Il paragrafo 1 non si applica se l’animale è contrassegnato in modo tale che il suo proprietario possa essere identificato.

  • 1048

Un animale domestico viene considerato abbandonato se è ovvio al proprietario che intende sbarazzarsi dell’animale o cacciarlo via. Questo vale anche per gli animali da compagnia.

  • 1049

Animali tenuti in uno zoo e pesci in uno stagno o simile struttura che non è un bene pubblico, senza un maestro.

  • 1050

(1) Se il proprietario non esercita la proprietà di beni mobili per un periodo di tre anni, si ritiene che lo abbia lasciato. Se una cosa mobile, che sembra avere poco valore per il proprietario, viene lasciata in un luogo aperto al pubblico, viene considerata abbandonata senza ulteriori azioni.

(2) Se il proprietario non esercita la proprietà di beni immobili per un periodo di dieci anni, si ritiene che lo abbia lasciato.

scoperta
§ 1051

Si crede che tutti desiderino mantenere le loro proprietà e che la cosa trovata non sia abbandonata. Chiunque trovi una cosa non deve considerarla indigente e possederla.

  • 1052

(1) La cosa perduta deve restituire il cercatore alla persona che lo ha perso o al proprietario contro il pagamento dei costi necessari e del cercatore.

(2) Se non è possibile conoscere le circostanze, che dovrebbe essere rinviata a, e ogni volta che non è una questione che riguarda abbandonata comunicare il Finder, senza indebito ritardo la scoperta del villaggio, il cui territorio è stato trovato, di solito entro tre giorni; Tuttavia, se la questione si trova in un edificio pubblico o di mezzi di trasporto pubblico, si arrende finder trovare l’operatore della struttura, che è mantenuto sotto altre leggi, e se non si procede come se il Finder.

  • 1053

(1) Il comune annuncerà la scoperta nel modo usuale. Se la persona che ha perso il caso e se il caso ha un valore significativo in un tempo ragionevole, il comune prenderà le disposizioni appropriate per rendere la scoperta più ampiamente conosciuta.

(2) Se il comune stesso trova il proprietario, in particolare il nome inconfondibile della cosa, deve notificare al cercatore e chiedergli di prendere in consegna la cosa.

  • 1054

(1) Il comune deciderà come conservare il caso. Se il cercatore o altra persona è d’accordo e, se appropriato, il comune può decidere che la cosa verrà conservata con quella persona. Cose di notevole valore, in particolare denaro di importo superiore, il comune di solito consegna in custodia giudiziaria o le deposita in altro modo appropriato.

(2) La cosa che non può essere mantenuta senza danni evidenti o possono essere memorizzati solo con costi irragionevoli, il comune venderà all’asta pubblica e il ricavato smaltiti in conformità del paragrafo 1; ma prima di dedurre le proprie spese con l’amministrazione del caso. Il comune non vende i beni in alcun modo; questo non si applica se è una questione che non può essere messa in dubbio dal suo eccezionale e valore.

  • 1055

Cosa o proventi spogliati per i suoi problemi della comunità, tra cui frutta e benefici e meno costi e nálezného l’unica cosa perduta, o il proprietario, se si registrano entro un anno dalla pubblicazione della sentenza.

  • 1056

(1) I cercatori si trovano anche quando il proprietario può ovviamente conoscere i segni o altre circostanze.

(2) Trovare un decimo del prezzo del risultato. Tuttavia, se la cosa perduta vale solo per la persona che l’ha persa, o per il suo proprietario, i rilevatori sono considerati discrezionali.

  • 1057

(1) Se nessuno decide sull’argomento entro un anno dall’annuncio del ritrovamento, il ricercatore, la comunità o altra persona a cui è stata affidata la questione può considerare la cosa come un titolare legittimo. Ma se i soldi vengono trovati, possono essere usati solo da loro; questo vale anche per i proventi di una cosa tritata.

(2) Registri Se una persona che ha perso una cosa, o il suo proprietario dopo la scadenza di un anno dalla proclamazione del premio e prima della scadenza di tre anni dalla proclamazione del risultato, gli dà una cosa o di data mining per esso abbattuto dopo il pagamento delle spese e nálezného.

(3) passerà se i tre anni dalla pubblicazione della sentenza, acquisisce finder, comune o qualsiasi altra persona che la questione è stata affidata la proprietà della cosa o il ricavato per lei strženému.

  • 1058

(1) Nel caso in cui un animale sia trovato ad avere un proprietario, deve notificare senza indebito ritardo al comune il ricercatore, a meno che dalle circostanze a cui è rinviato sia chiaro.

(2) La persona che si prende cura dell’animale trovato si prenderà cura di lui come un vero agricoltore fino a quando non sarà presa in consegna dal proprietario.

  • 1059

(1) Se un animale è ovviamente destinato all’allevamento e se nessuno lo dichiara entro due mesi dall’annuncio del ritrovamento, il proprietario trova la proprietà a suo favore.

(2) dichiara se il villaggio cercatore quell’animale acquisito vuole, e affidare Se un animale comune irrevocabilmente persona che gestisce un rifugio per gli animali, che la persona può essere un animale disporre liberamente se li non reclamati entro quattro mesi dalla data in cui l’animale le fu affidato. Se il giudizio fosse pronunciato dopo la consegna di un animale, il termine sarebbe iniziato a decorrere dall’annuncio del risultato.

  • 1060

Se il Fondatore dichiara al comune che non vuole rintracciare il caso, il suo diritto passa o il ricavato della dilazione utilizzata a lui e al comune nel cui territorio è stato trovato. Con l’acquisizione del diritto di proprietà, il comune ha l’obbligo di pagare il cercatore.

  • 1061

Finders, trovando che notifica se ne appropria o in altro modo violi i suoi obblighi, non appartiene pagamento della tassa di un cercatore, nemmeno trovando uso o acquisire diritti di proprietà in virtù delle disposizioni della presente legge premio. Ciò non pregiudica l’obbligo di risarcire il danno.

  • 1062

Se più persone trovano una cosa allo stesso tempo, hanno anche il diritto di essere responsabili in solido. Il collega è anche colui che ha visto la cosa e ha cercato di raggiungerla, anche se qualcun altro l’aveva presa prima.

Trovare cose nascoste
§ 1063

Il ritrovamento di una cosa sepolta, murata o altrimenti nascosta è la stessa del ritrovamento della cosa perduta. Tuttavia, i cercatori non trovano il cercatore quando il proprietario ha saputo della cosa.

  • 1064

(1) Se non è ovvio a chi appartiene la cosa nascosta, il cercatore comunicherà al proprietario del terreno e del comune nel cui territorio è stato trovato; § 1062 si applicano mutatis mutandis.

(2) matureranno se la cosa nascosta sotto altre leggi allo stato, contea o comune a negoziare con il mirino proprietario terriero uno di loro lascia la cosa e pagare la metà del prezzo di altre cose. Se non sono d’accordo, il proprietario terriero possiede la cosa e il cercatore paga metà del prezzo.

  • 1065

Una persona ordinata per trovare una cosa perduta o nascosta non è un cercatore e solo una ricompensa per la ricerca se è stata organizzata.

Sottosezione 2

Aumento naturale
Aggiunta di beni immobili
§ 1066

Il frutto che la terra produce se stesso senza essere coltivato appartiene al proprietario terriero. Lo stesso vale per i frutti naturali di altri beni immobili.

  • 1067

L’albero appartiene a quello dalla cui terra cresce la tribù. Se un albero cresce al confine con la terra di diversi proprietari, l’albero è comune.

Naplavenina e scoppio
§ 1068

Il terreno disceso fino alla riva appartiene al proprietario della terra costiera. Questo vale anche per i guadagni derivanti dal vento o da altre forze naturali.

  • 1069

Grande parte e riconoscibile della terra, che lava via il flusso d’acqua per l’altra sponda, entra a far parte del territorio costiero, se il proprietario originale del terreno non odplavenému esercitare il proprio diritto per un anno.

  • 1070

(1) Se il corso d’acqua separa dalla terra la sua parte come isola, il proprietario della terra originale è il proprietario dell’isola.

(2) In altri casi, l’isola appartiene al proprietario del bacino d’acqua.

  • 1071

Il letto ad acqua creato dai burroni o come risultato della formazione dell’isola diventa proprietà del proprietario del canale originale.

  • 1072

Aumento delle cose mobili
L’aumento naturale della proprietà mobile appartiene al suo proprietario.

  • 1073

(1) Il frutto che l’animale dà è il proprietario dell’animale.

(2) Un animale può essere rimborsato solo se è stato organizzato.

Sottosezione 3

Aumento artificiale
lavorazione
§ 1074

(1) La cosa nuova risultante dalla trasformazione di beni mobili di diversi proprietari in modo che roba elaborato può essere dato allo stato precedente, sia a tutti o solo con una notevole spesa e con una notevole perdita, come il proprietario appartiene alla persona che lavora o materiale contribuito il risultato più valore.

(2) Il proprietario delle cose nuove a pagare alla persona che ha perso il diritto di proprietà, il valore delle cose elaborato e chi è coinvolto nel risultato del lavoro paghi.

  • 1075

(1) Il proprietario delle cose che il processore non ha elaborato la cosa nuova in buona fede, è lasciata alla volontà che si appropria cosa nuova e sostituire un altro quello che ha perso, o se lascia la questione di risarcimento.

(2) Il diritto di scegliere una soluzione più vantaggiosa deve essere risolto se non viene eseguito entro un mese dal giorno in cui il proprietario del caso è stato informato.

  • 1076

(1) Laddove un singolo proprietario non può essere identificato come un nuovo oggetto, la proprietà appartiene alla comproprietà dei proprietari degli articoli elaborati. Le azioni sono determinate dal valore degli articoli elaborati; se non è possibile, le loro azioni sono le stesse.

(2) I comproprietari pagano in solido il compenso per il lavoro della persona che ha affrontato la questione.

  • 1077

Se una cosa straniera viene utilizzata solo per la riparazione di un’altra cosa, il proprietario ha riparato la cosa e sostituirà il valore della materia estranea usata con il proprietario della cosa elaborata.

miscelazione
§ 1078

(1) miscelato se i beni mobili di diversi proprietari in modo che il ripristino dello stato precedente non è possibile, ma il tutto può essere senza violare l’essenza diviso in parti, è lasciato a tutti di giocare, se fuori una proporzione di ciò che è stato miscelazione, o se chiederà un risarcimento per ciò che ha perso. Se la persona che ha mescolato non è in buona fede, il proprietario ha il diritto di lasciare la sua parte di materiale misto per un rimborso completo.

(2) L’ articolo 1075, paragrafo 2 si applica mutatis mutandis.

  • 1079

Quando si mescolano oggetti mobili dello stesso tipo, specialmente quando sono conservati in custodia, il § 1078 non si applica; i proprietari di cose miste passano la proprietà di una proporzione di cose miste.

  • 1080

Chiunque abbia partecipato alla miscelazione degli affari esteri e non fosse in buona fede sostituirà anche i profitti persi per i proprietari interessati; il danno reale è pagato solo nella misura in cui i proprietari non hanno raggiunto il risarcimento ai sensi delle precedenti disposizioni.

  • 1081

Chiunque sia coinvolto in una fusione ha una cosa nuova con lui, anche se deve emetterlo, non è obbligato a farlo finché il proprietario non gli ha pagato un risarcimento.

  • 1082

Disposizioni comuni
Chiunque sia obbligato a fornire un sostituto per il trattamento o la miscelazione a un’altra persona non è tenuto a pagare più di quanto sarebbe tenuto a pagare per l’arricchimento senza causa.

costruzione
§ 1083

(1) Se qualcuno usa un materiale estraneo per la costruzione sulla loro terra, l’edificio sarà parte della trama. Il proprietario sostituirà il proprietario della proprietà con il suo valore.

(2) Chiunque non fosse in buona fede utilizzando una questione estera dovrà anche sostituire i profitti persi con il proprietario della proprietà; il danno effettivo deve essere pagato solo nella misura in cui il proprietario non ha raggiunto il rimborso di cui al paragrafo 1.

  • 1084

(1) Un edificio stabilito su una terra straniera appartiene al proprietario del terreno.

(2) Il proprietario del complotto sostituisce la persona che ha stabilito un edificio in buona fede in una terra straniera, spese sostenute in modo eccessivo. Una persona che non è stata in buona fede ha gli stessi diritti e doveri di un dirigente non gestito.

  • 1085

Il tribunale può, su richiesta del proprietario, decidere che la persona che ha allestito un edificio in un paese straniero, sebbene non abbia il diritto di farlo, deve cedere l’edificio e portarlo allo stato precedente. La corte terrà conto se la costruzione è stata eseguita in buona fede.

  • 1086

(1) che in buona fede fondata sulla terra di un altro edificio, egli ha il diritto di richiedere nel corso dei proprietari terrieri che conoscevano l’istituzione di costruzione e prontamente le proibì di dargli il terreno ceduto per il prezzo normale. Inoltre, il proprietario terriero ha il diritto di richiedere al proprietario di acquistare il terreno al prezzo normale.

(2) Su richiesta di una delle parti, il tribunale ordina che il terreno sia di proprietà del fondatore dell’edificio e decide in merito al suo obbligo di corrispondere un compenso al proprietario del terreno.

  • 1087

pause
(1) interviene se una struttura permanente istituito in una proprietà privata solo una piccola parte di una piccola parte di un complotto straniero, diventa parte degli edifici rottura fondatori proprietà terriera costruiti; questo non si applica se il fondatore dell’edificio non si è costruito in buona fede.

(2) Chi ha costruito in buona fede, andrà a sostituire il proprietario del terreno, parte del quale è stato costruito su una pausa, il prezzo normale del terreno acquistato.

Sottosezione 4

Incremento misto
§ 1088

(1) La semina del terreno da parte di semi stranieri o di piantine con piante straniere deve appartenere al proprietario del terreno, che deve essere aggiunto; le piante appartengono a lui solo dopo che ha radicato.

(2) Le sezioni 1083 e 1084 si applicano mutatis mutandis alle sementi e ai sostituti delle piante.

Sottosezione 5

resistenza
Buona resistenza
§ 1089

(1) Se il titolare onesto ha il diritto di proprietà per un determinato periodo di tempo, subirà e porterà la proprietà in possesso.

(2) L’imprudenza di un antenato non impedisce ad un onesto successore di iniziare a sopportare il giorno in cui è detenuto.

  • 1090

(1) La resistenza necessaria autenticità del possesso e possesso di basarsi su motivi legali, che sarebbero sufficienti per ottenere i diritti di proprietà se appartenessero al cedente o se è stato stabilito da una persona autorizzata.

(2) Se il testatore ha dato il possesso illecito, il diritto del possessore non può sopportare il suo erede, anche se è onesto. Questo vale anche per il successore legale generale della persona giuridica.

  • 1091

(1) È richiesto un mandato ininterrotto di tre anni per trattenere la proprietà di beni mobili.

(2) È richiesto un mandato di dieci anni ininterrotto per far rispettare la proprietà del bene immobile.

  • 1092

Il periodo di durabilità includerà anche il periodo di conservazione corretta e onesta del suo predecessore per il sopravvissuto.

  • 1093

La sospensione deve essere interrotta se il detentore non l’ha eseguita per più di un anno durante la durata della stagione riproduttiva.

  • 1094

Se a una persona è richiesto di avere un tutore o un tutore legale, la durata del soggiorno comincerà a scontrarsi con la legge fino al giorno in cui l’avvocato o il tutore ottengono. Il periodo già iniziato va oltre, ma non si concluderà prima di un anno dopo la scomparsa dell’ostacolo.

  • 1095

Resistenza straordinaria
Fine del periodo di due volte più lunga di quanto sarebbe stato necessario ultimo detentore del diritto di proprietà, anche se non dimostrare motivi di diritto su cui si basa la sua permanenza in carica. Questo non si applica se viene mostrata un’intenzione disonesta.

  • 1096

Stima del periodo di resistenza
(1) ha ottenuto il Se qualcuno onestamente il possesso del titolare onesti la cui permanenza in carica per il fatto giuridico che sarebbero sufficienti per ottenere i diritti di proprietà (§ 1090 par. 1), contato il suo periodo di prescrizione del suo predecessore.

(2) In caso di resilienza straordinaria, i successori contano il tempo duraturo del sincero predecessore senza ulteriori azioni.

  • 1097

Divieto di resistenza
Il possesso del diritto di proprietà non può essere un avvocato contro il rappresentato o rappresentato contro il suo rappresentante legale. Questo si applica in modo simile al guardiano e ai guardiani e al guardiano e tutore.

  • 1098

Fermare la resistenza
I mariti trascorrono un periodo infinito di tempo a correre o correre fino a quando il matrimonio dura. Ciò si applica in modo simile alle persone che vivono in una famiglia comune, a un tutore legale e rappresentato, a guardiani e tutori, nonché a guardiani e tutori.

Sottosezione 6

Trasferimento di proprietà
§ 1099

Il diritto di proprietà sulla questione individuale viene trasferito dal contratto stesso a partire dalla sua data di entrata in vigore, salvo diversamente stipulato o stipulato dalla legge.

  • 1100

(1) Converte se il partito a poco a poco gli appalti assegnati a vari individui di proprietà di cose non registrati in un elenco pubblico, acquisisce la persona diritto di proprietà che ha emesso la cosa cedente prima. Se nessuno è presente, il diritto di proprietà è acquisito dalla persona con cui il contratto è entrato in vigore ed è diventato effettivo per primo.

(2) Converte la titolarità parte delle cose registrate in un elenco pubblico da più parti, diventerà il proprietario di una persona che è in buona fede e il cui diritto di proprietà è stato un elenco pubblico di iscritti prima, anche se è giusto è stato creato in seguito.

Trasferimento di proprietà di beni mobili
§ 1101

Il diritto di proprietà sulla proprietà mobile determinato per tipo viene acquisito al più presto quando la cosa può essere determinata da una distinzione sufficiente da altre cose dello stesso tipo.

  • 1102

Se il diritto di proprietà viene trasferito a beni mobili registrati nell’elenco pubblico, la proprietà viene acquisita inserendo tale elenco, salvo diversa disposizione di altre leggi.

  • 1103

(1) Il diritto di proprietà della sicurezza dell’operatore deve essere trasferito per contratto al momento della consegna.

(2) Il diritto di proprietà sulla cauzione in file deve essere trasferito dall’emissione e dal contratto al momento della consegna. Le disposizioni del disegno di legge che disciplinano la cambiale e la sua accettazione, nonché chiunque abbia diritto al certificato e in che modo dimostra tale diritto; un cedente di sicurezza deve tuttavia garantire la soddisfazione dei diritti sulla sicurezza solo se specificamente richiesto di farlo.

(3) Il diritto di proprietà su una garanzia registrata deve essere trasferito dal contratto stesso non appena diventa effettivo.

  • 1104

(1) Il diritto di proprietà della sicurezza contabile è acquisito mediante la registrazione della sicurezza di registrazione contabile sul conto del proprietario.

(2) Se la sicurezza del libro contabile viene registrata anche per conto dei clienti, il diritto di proprietà deve essere acquisito registrandolo per conto dei clienti.

(3) Le disposizioni relative all’acquisizione della proprietà di titoli librari si applicano mutatis mutandis all’acquisizione del diritto a beni immobili ai sensi della Sezione 2413 (1).

  • 1105

Trasferimento di proprietà di beni immobili
Se il diritto di proprietà viene trasferito in un immobile iscritto nella lista pubblica, la proprietà viene acquisita inserendo in tale elenco.

Disposizioni comuni sul trasferimento di proprietà
§ 1106

Chi acquisisce la proprietà acquisirà anche i diritti e i doveri associati alla cosa.

  • 1107

(1) Chiunque acquisisca il diritto di proprietà deve anche assumere difetti relativi a questioni che sono inserite nella lista pubblica; deve subire altri insuccessi se è stato in grado di scoprirlo o se è stato concordato o se la legge lo prevede.

(2) I difetti che non passano decadranno.

  • 1108

Le disposizioni del § 1106 e 1107 si applicano anche mutatis mutandis all’acquisizione del diritto di proprietà diverso dal trasferimento.

Sottosezione 7

Acquisizione della proprietà da parte di persone non autorizzate
§ 1109

Il proprietario della cosa diventa quella che ha vinto una cosa che non è registrato nella lista pubblica, ed era in tutte le circostanze in buona fede in altro permesso Parte a trasferire i diritti di proprietà sulla base del titolo proprio, se l’acquisizione è

(a) in un’asta pubblica,

(b) da un imprenditore nel corso delle sue attività commerciali nel corso di normali operazioni commerciali,

(c) in cambio di un pagamento da parte di qualcuno a cui il proprietario ha affidato l’attività,

(d) da un erede non autorizzato a cui è stata confermata l’acquisizione dell’eredità,

(e) quando si tratta in uno strumento di investimento, di sicurezza o al portatore, o

(f) nella borsa merci.

  • 1110

Ha ricevuto Se qualcuno in buona fede per l’esame utilizzato bene mobile da un uomo d’affari che opera nel settore nel corso ordinario degli scambi commerciali tali cose, dà il suo proprietario, il che dimostra che la cosa ha perso una perdita o che il suo caso è stato ritirato ingiustamente e che il la perdita o l’espulsione della cosa è scaduta per un massimo di tre anni.

  • 1111

Se qualcuno ha vinto una cosa mobile in circostanze diverse da quelle di cui al § 1109 o 1110 diventa il proprietario delle cose, se mostra buona fede nella cedente a trasferire la proprietà delle cose. Ciò non si applica se il proprietario dimostra che l’oggetto è stato perso dalla perdita o dall’atto della natura del reato intenzionale.

  • 1112

Né il diritto del proprietario né la buona fede del suo predecessore possono essere invocati a beneficio di chi ha acquisito una cosa mobile, sapendo che il diritto di proprietà è stato acquisito da una persona non autorizzata.

  • 1113

Le disposizioni di cui al § 1110 a 1112 non si applicano se si tratta di uno strumento di investimento mobiliari o strumenti emessi al portatore o beni acquisiti in un’asta pubblica, l’asta per l’applicazione o l’attuazione di esecuzione vendita di beni mobili o beni acquisiti in commercio su materie prime borsa

Sottosezione 8

Acquisizione della proprietà su decisione di un’autorità pubblica
§ 1114

Con decisione del tribunale o di altra autorità pubblica, il diritto di proprietà è acquisito entro la data ivi specificata. Se tale decisione non è determinata nella decisione, il diritto di proprietà diventa di proprietà della decisione.

Parte 4

comproprietà
Sezione 1

Disposizioni generali
§ 1115

(1) Le persone alle quali il diritto di proprietà appartiene congiuntamente sono comproprietari.

(2) Le disposizioni sulla comproprietà si applicano mutatis mutandis alla comunità di altri diritti materiali.

  • 1116

A causa del caso nel suo complesso, i comproprietari sono considerati l’unica persona e trattano la cosa come l’unica persona.

  • 1117

Ogni co-proprietario ha diritto a tutto. Questo diritto è limitato dallo stesso diritto di ogni altro comproprietario.

  • 1118

Il comproprietario è il resoconto di come è stata trattata la questione, e della condivisione dei frutti e dei benefici della causa comune.

  • 1119

I conti possono essere richiesti dopo la scadenza della natura abituale della joint venture, la scadenza della comproprietà o la cessazione della partecipazione, o per altri motivi importanti.

  • 1120

(1) I frutti e i benefici della joint venture sono suddivisi in base alla proporzione di azioni.

(2) L’ accordo dei comproprietari determina come trattare i frutti ei benefici di una joint venture che non può essere suddivisa in base alle azioni. A meno che i comproprietari non siano d’accordo, questi frutti e benefici sono venduti in modo appropriato e i rendimenti sono divisi per parti.

Sezione 2

Quota di comproprietà
§ 1121

Ciascuno dei comproprietari è il proprietario completo della propria quota.

  • 1122

(1) La quota esprime il grado di partecipazione di ciascun comproprietario nella creazione della volontà congiunta e i diritti e gli obblighi derivanti dalla comproprietà della cosa.

(2) La dimensione della quota deriva dal fatto giuridico su cui si basa la comproprietà o comproprietà del comproprietario. Ciò non impedisce ai comproprietari di organizzare diversamente la dimensione delle azioni; tale accordo deve soddisfare i requisiti stabiliti per il trasferimento della quota.

(3) Le azioni sono considerate uguali.

  • 1123

Il comproprietario può disporre della sua quota secondo la sua volontà. Tale trattamento, tuttavia, non deve pregiudicare i diritti degli altri comproprietari, indipendentemente da quale sia il risultato.

  • 1124

(1) Quando una quota di comproprietà viene trasferita in un immobile, i comproprietari hanno il diritto di prelazione a meno che il trasferimento non sia una persona chiusa. A meno che i comproprietari non accettino di esercitare il diritto di prelazione, hanno il diritto di riscattare la quota proporzionalmente in base alla dimensione delle azioni.

(2) Il paragrafo 1 si applica anche se uno dei comproprietari trasferisce la quota a titolo gratuito; quindi i comproprietari hanno il diritto di riscattare la quota al prezzo normale.

  • 1125

Un comproprietario può cedere il diritto di prelazione ai sensi del § 1124 con l’effetto del suo successore legale. Nel caso di beni immobili iscritti nell’elenco pubblico, la rinuncia al diritto di prelazione deve essere registrata in esso.

Sezione 3

Gestione di una causa comune
§ 1126

(1) Ciascuno dei comproprietari ha il diritto di partecipare alla gestione di una joint venture.

(2) Nel decidere su una joint venture, i voti dei comproprietari devono essere calcolati in base all’entità delle loro azioni.

  • 1127

Tutte le joint venture hanno diritto e solidalmente e congiuntamente e separatamente alla joint venture.

  • 1128

(1) I comproprietari decidono in merito alla gestione comune dell’impresa comune a maggioranza dei voti.

(2) Una decisione ha effetti giuridici per tutti i comproprietari solo se tutti sono stati informati della necessità di decidere, a meno che non fosse una questione che richiedesse un’azione immediata. omissioni co-proprietario a decidere su questioni urgenti possono chiedere alla Corte di dichiarare che la decisione su questioni urgenti per lui non è effetti giuridici, a meno che non si può ragionevolmente necessario per farli soffrire.

(3) Se la proposta di cui al paragrafo 2 non è depositata entro trenta giorni dalla data della decisione, il diritto di agire sarà risolto; se il comproprietario non è stato informato del trattamento, il periodo decorre dal giorno in cui ha appreso o appreso della decisione.

  • 1129

(1) La decisione su importanti questioni relative alla causa comune, in particolare il miglioramento o peggioramento sostanziale, cambiare il suo scopo o dal suo trattamento, avete bisogno almeno di una maggioranza di due terzi dei partecipanti al controllo. Se questa maggioranza non viene raggiunta, il tribunale decide sulla proposta del comproprietario.

(2) Il comproprietario ribaltato nella decisione di cui al paragrafo 1 può proporre che la questione sia risolta dal tribunale; può anche proporre che il tribunale si rifiuti temporaneamente di agire in base alla decisione impugnata. La sezione 1128 (3) si applica mutatis mutandis.

  • 1130

Messo in minoranza co-proprietario, la cui decisione minaccia gravi danni, in particolare una restrizione sproporzionata l’uso delle cose comuni o diventa passibile di sembrare sproporzionato rispetto al valore delle sue azioni, alla Corte di annullare tale decisione. La sezione 1128 (3) si applica mutatis mutandis.

  • 1131

Decide se la maggior parte dei co-proprietari delle misure necessarie per mantenere o migliorare le cose in comune, e si impegna a rispettare per přehlasovanému partecipante, che dopo di lui non richiederebbe che i costi in questione, o che sostituirà alcun danno causato dalle misure adottate e fornire garanzie sufficienti fa diritti di co-proprietario messo in minoranza ai sensi del § 1130a

  • 1132

La decisione, sulla base di una causa comune da caricare o un carico sollevato, e le decisioni sulla base dei diritti di co-proprietari sono essere limitato per più di un decennio, richiede il consenso di tutti i comproprietari.

  • 1133

La costituzione di un pegno o altre garanzie simili a copertura di crediti finanziari derivanti dal miglioramento delle cose, o la decisione di rinnovo è sufficiente per almeno una maggioranza di due terzi dei partecipanti al controllo.

Amministratore della causa comune
§ 1134

I comproprietari decidono sulla scelta e il licenziamento del fiduciario, nonché su questioni di ordinaria amministrazione.

  • 1135

Un amministratore ha lo status legale di un agente. Lui / lei deve caricare l’amministrazione; lui / lei avrà diritto al rimborso delle spese spese spese che egli / ella potrà scegliere tra i proventi della proprietà gestita.

  • 1136

Un comproprietario che abbia speso un carico comune a beneficio degli altri comproprietari a sua insaputa e senza il suo consenso può richiedere

(a) la parte proporzionale della compensazione nella misura del corrispettivo del bene, nel caso di merci che beneficiano della

(b) rimborso dei costi necessari in caso di spese da sostenere per il salvataggio del caso.

  • 1137

Se la relazione viene consegnata a più persone, essi decidono a maggioranza; ognuno ha una voce.

  • 1138

A meno che i comproprietari di beni immobili non decidano diversamente sulla sua amministrazione, l’accordo richiede la forma di uno strumento autentico. L’accordo si basa sulla raccolta di documenti presso l’organismo in cui la proprietà è registrata nell’elenco pubblico.

  • 1139

Giudizio delle relazioni dei comproprietari
(1) La proposta, se uno della corte comproprietari di governare che la decisione della maggioranza comproprietari hanno contro di lui effetto giuridico di tale decisione mettere da parte, o per sostituire la sua decisione, il giudice terrà rapporti giuridici dei comproprietari con una buona scelta. In particolare, il giudice può decidere se fare un cambiamento qualificato, qualificato o contro garanzie, anche se non eseguita affatto.

(2) Il tribunale decide anche secondo le modalità di cui al paragrafo 1, se uno dei suoi comproprietari prende una decisione perché non è stata raggiunta la maggioranza necessaria nella decisione congiunta.

Sezione 4

Dipartimento di comproprietà e cancellazione della comproprietà
§ 1140

(1) Nessuno può essere costretto a rimanere in comproprietà.

(2) Ciascuno dei comproprietari può richiedere in qualsiasi momento la separazione dalla comproprietà se l’oggetto della comproprietà può essere diviso o la comproprietà può essere annullata. Tuttavia, lui o lei potrebbe non applicare in un momento non adatto o a scapito di uno dei comproprietari.

  • 1141

(1) La comproprietà è annullata con l’accordo di tutti i comproprietari; l’accordo deve includere disposizioni per il regolamento. In caso di comproprietà di un immobile o di un’azienda, l’accordo richiede una forma scritta.

(2) comproprietari stabilirono la divisione delle cose comuni, la vendita di mano libera o in un asta pubblica con la divisione proventi o il trasferimento di proprietà di uno o più comproprietari con l’erogazione di altri.

  • 1142

(1) Se è una causa comune che serve nel suo complesso per uno scopo particolare, la sua divisione non è possibile.

(2) Il terreno agricolo può essere diviso solo in modo tale che l’atterraggio sia efficacemente coltivato sia in termini di dimensioni che di possibilità di accesso permanente. Questo non si applica se la trama deve essere divisa allo scopo di costruire o per lo scopo per cui il terreno può essere espropriato.

  • 1143

Se i comproprietari non accettano di abolire la comproprietà, un tribunale decide sulla proposta di uno dei comproprietari. Se il tribunale decide di abolire la comproprietà, decide allo stesso tempo sul metodo di composizione dei comproprietari.

  • 1144

(1) Quando possibile, il tribunale decide in merito alla divisione della materia comune; ma la cosa non può essere divisa, se riduce significativamente il suo valore.

(2) Tuttavia, la divisione della questione non impedisce il fatto di dividere la cosa in parti corrispondenti precisamente alle azioni dei comproprietari, a condizione che la differenza in denaro sia uguale.

  • 1145

In caso di annullamento della comproprietà da parte della divisione di una joint venture, la corte può stabilire un servizio o altro diritto di proprietà se l’uso della cosa di nuova creazione da parte dell’ex comproprietario lo giustifica.

  • 1146

I documenti comuni non possono essere condivisi. A meno che i comproprietari con cui è depositata la lista comune, siano depositati presso il più vecchio comproprietario, a meno che non vi sia qualcos’altro in contrario. Gli altri comproprietari ricevono copie o copie ufficialmente certificate per merci comuni.

  • 1147

Se la divisione di un caso congiunto non è possibile, il tribunale ordina che sia un ragionevole sostituto per uno o più comproprietari. Se uno dei comproprietari non vuole la cosa, la corte ordina la vendita della cosa in un’asta pubblica; nel caso giustificato, la corte può decidere che il caso sarà messo all’asta solo tra i comproprietari.

  • 1148

(1) Quando la comproprietà viene abolita, i comproprietari si scambiano i debiti e i debiti reciproci relativi alla comproprietà o alla joint venture.

(2) Ciascuno dei comproprietari possono richiedere il pagamento dei debiti e dei crediti, che rientrano prevista per il pagamento entro un anno dopo l’effettiva abolizione degli accordi di proprietà congiunta o avvio di un procedimento di revoca proprietà.

(3) Se l’articolo è venduto, tutti i debiti ai sensi dei paragrafi precedenti saranno pagati dopo la deduzione del costo della vendita prima che i dividendi vengano distribuiti tra i comproprietari.

  • 1149

(1) Gli ex comproprietari consegnano, su richiesta di uno di loro, una conferma del modo in cui sono stati trattati, a meno che non abbiano concluso l’accordo per annullare la comproprietà per iscritto degli oggetti mobili.

(2) Al momento della composizione della comproprietà di un bene immobile iscritto nella lista pubblica, i nuovi diritti di proprietà vengono creati inserendo questo elenco pubblico.

Protezione di terzi nella condivisione di una causa comune
§ 1150

La divisione di una joint venture non è dannosa per la persona che ha il diritto a una causa comune.

  • 1151

Nel dividere la cosa dominante, il carico materiale per tutte le parti continua generalmente, ma non deve essere esteso o reso difficile. Se il carico materiale avvantaggia solo alcune opere, scompare a causa delle opere altrui.

  • 1152

Se la cosa oppressa è divisa e se solo una parte del carico influenza la parte, essa viene persa nelle parti degli altri.

  • 1153

(1) Se un diritto a un servizio o un altro diritto è concesso a un diritto a una prestazione oa un beneficio, esso può

(a) ciascuno dei beneficiari, se il caso è domiciliato, o

(b) in caso di difficoltà incontrate da una persona in difficoltà, egli può proporre che l’esecuzione sia modificata dal tribunale.

(2) L’esecuzione corte adattati per tener conto della natura e lo scopo del carico, nonché per quanto riguarda le caratteristiche delle singole parti in modo che il risultato della partita e equo in modo che il carico non sono aumentate.

Rinvio della comproprietà
§ 1154

(1) Ujednají se i co-proprietari non di chiedere la cancellazione di comproprietà per un certo tempo, ma per un massimo di dieci anni, non può essere escluso da qualsiasi altro accordi futuri. Se il rinvio della comproprietà è stato concordato per più di dieci anni, si ritiene che sia stato risolto per dieci anni. Il posticipo dell’abolizione della comproprietà può anche essere ripetuto.

(2) Se l’accordo commettere ritardare l’abolizione della proprietà e successore legale dei comproprietari cui successione legale nasce diversi dalla successione o la trasformazione di una persona giuridica, deve essere espressamente convenuto.

(3) L’ accordo per il posticipo dell’abolizione della comproprietà richiede la forma di uno strumento autentico; se la disposizione di un bene immobile inserita nell’elenco pubblico riguarda il differimento della cancellazione di comproprietà sulla lista pubblica.

  • 1155

(1) Su un co-proprietario proposta, il giudice può rinviare l’abolizione della proprietà, se deve essere impedito da perdita di proprietà o di grave minaccia per l’interesse legittimo di qualsiasi co-proprietario, ed estendere la durata della proprietà, ma non più di due anni.

(2) L’ abolizione della comproprietà può anche essere differita dall’acquisizione del decesso.

  • 1156

Rinvio della abolizione della comproprietà può essere modificata in seguito da un accordo di co-proprietari, e l’assenza di esso, la decisione del tribunale emessa su un co-proprietario proposta che dimostra che egli non può ragionevolmente essere richiesto a condividere la proprietà ha perseverato, o che le circostanze siano sostanzialmente cambiate, per il quale la proprietà ritardo verificato.

  • 1157

Rinvio dei dipartimenti di comproprietà
Le sezioni da 1154 a 1156 si applicano mutatis mutandis alla separazione dalla comproprietà.

Sezione 5

Comproprietà residenziale
Sottosezione 1

Disposizioni generali
§ 1158

(1) La comproprietà abitativa è la comproprietà di beni immobili in base alla proprietà delle unità. La comproprietà di appartamenti può sorgere se l’immobile è una casa con almeno due abitazioni.

(2) Quanto riportato in questa sezione sull’appartamento, vale anche per i locali non residenziali, nonché per una serie di appartamenti o locali non residenziali.

  • 1159

L’unità comprende un appartamento come una parte della casa separata dallo spazio e una parte delle parti comuni della proprietà insieme e inseparabili. L’unità è una cosa reale.

Parti comuni
§ 1160

(1) Almeno quelle parti di beni immobili che, per loro natura, sono destinati a servire congiuntamente i proprietari delle unità.

(2) Comune sono sempre terreno su cui la casa è stata istituita, o diritto di proprietà che i proprietari di unità stabilisce il diritto di avere la casa trama, la costruzione di parti essenziali per la conservazione della casa, comprese le sue strutture principali, e la sua forma e l’aspetto, così come per mantenere piatta un altro proprietario dell’unità e un dispositivo che serve un altro proprietario dell’unità per utilizzare l’appartamento. Questo è anche il caso se una certa parte è lasciata a un proprietario dell’unità per uso esclusivo.

  • 1161

A meno che le azioni delle parti comuni rispetto alla natura, dimensione e posizione dell’appartamento o lo stesso, il rapporto è determinata dalle dimensioni di spazio per superficie totale di tutte le abitazioni nell’edificio.

  • 1162

(1) Se le azioni delle parti comuni progettate in modo diverso rispetto al rapporto tra la dimensione di spazio per la superficie totale di tutti gli appartamenti nella casa o prima di come lo stesso, il proprietario spinge il diritto di cercare modifiche alla destinazione, se le circostanze sono cambiate così tanto che la determinazione la sua partecipazione alle parti comuni è ovviamente ingiusta.

(2) Su proposta del proprietario dell’unità di modificare la dichiarazione (§ 1169), il tribunale cambia la dichiarazione.

Sottosezione 2

Creazione dell’unità
§ 1163

costruzione
Hanno commesso se le parti la costruzione di un edificio o una sua variazione, un’unità di costruzione, se la casa è almeno nelle fasi sotto le pareti circonferenziali esternamente già chiusi e la struttura del tetto viene chiusa e le pareti periferiche piane.

  • 1164

Inserimento nell’elenco pubblico
(1) voce nella lista delle unità di pubblico si pone se il proprietario o la persona autorizzata a farlo dagli altri diritti reali dichiarazione divide il suo diritto alla casa e la terra per le unità di proprietà.

(2) iscrizione in un elenco pubblico, un’unità e nel caso in cui ujednají comproprietari nella separazione della proprietà o la sua cancellazione e di regolamento, o che ujednají mariti a modificare la portata e insediamento di proprietà comune. Le disposizioni sulla dichiarazione si applicano mutatis mutandis a tali disposizioni.

  • 1165

Decisione della Corte
L’unità verrà creato se il giudice decide sulla separazione della proprietà, la cancellazione e la liquidazione di proprietà, mentre il restringimento di proprietà comune o al compimento della proprietà comune.

dichiarazione
§ 1166

(1) Quando si divide il diritto a beni immobili in quote di proprietà, deve almeno indicare

  1. a) dati sulla terra, casa, villaggio e area catastale,

(b) dettagli dell’unità, in particolare

  1. nome e designazione delle singole abitazioni, almeno per numero e ubicazione, specificando lo scopo dell’uso,

In secondo luogo la denominazione e la descrizione delle parti comuni con riguardo alla loro costruzione, ingegneria o di caratteri personalizzati possibile determinando quali sono riservati ad uso esclusivo del proprietario di un’unità,

  1. la dimensione delle azioni nelle parti comuni,

(c) quali sono i diritti sostanziali e di altro tipo e quali difetti passano attraverso la creazione della proprietà dell’unità a tutti oa un numero di proprietari di unità.

(2) Se la divisione ha creato almeno cinque unità, di cui almeno tre devono essere di proprietà di tre diversi proprietari, inclusa una dichiarazione e le generalità delle Statuto dei proprietari di unità (i “proprietari”). Se sorgere in relazione alla distribuzione dei proprietari, la dichiarazione determina l’amministratore regole per gestire le regole della casa per l’utilizzo di parti e contributi ai costi associati alla gestione della casa e la terra comune.

(3) La dichiarazione deve essere accompagnata da planimetrie di tutti i piani o, se del caso, dai loro schemi, che determinano l’ubicazione delle abitazioni e delle parti comuni della casa, insieme ai dettagli delle aree del pavimento delle abitazioni.

  • 1167

Se la registrazione dei diritti di proprietà le unità nella lista pubblica, l’istruzione non può essere dichiarato nullo o non è in grado di determinare la proprietà del gruppo non è stato sostenuto, se il diritto reale per l’unità è diventata un’altra persona.

  • 1168

Rimozione del difetto di dichiarazione
(1) definisce se le vaghe dichiarazioni di unità o in modo sbagliato e non lo fa correttamente se il colpevole è una dichiarazione senza indebito ritardo dopo che ha avvertito il persona difetto che ha un interesse legale che può curare i proprietari dei difetti delle unità interessate la dichiarazione congiunta. Non riuscendo a decidere in merito alla rimozione del difetto sul movimento della persona che su di essa ha un interesse legale.

(2) Se la dichiarazione determina indefinitamente o erroneamente la quota del proprietario dell’unità nelle parti comuni, deve essere ignorata.

  • 1169

Cambio di dichiarazione
(1) I proprietari delle unità possono modificare la dichiarazione. Se l’unità è caricata, la dichiarazione può essere modificata previo consenso della persona avente diritto al diritto di proprietà.

(2) Il cambiamento della dichiarazione richiede l’accordo dei proprietari delle unità interessate per modificare i loro diritti e obblighi in forma scritta. Accordo di efficacia devono, se è d’accordo per iscritto ai proprietari delle unità con un voto di maggioranza, o con una maggioranza qualificata dei voti indicati nella dichiarazione, anche se non sono parti dell’accordo.

Sottosezione 3

Costruzione di una casa con unità
§ 1170

Contratto di costruzione
(1) Con il contratto di costruzione, le parti si impegnano a partecipare congiuntamente alla costruzione, al completamento o al cambiamento della casa al fine di stabilire o cambiare unità. Per i diritti e gli obblighi delle parti, le disposizioni della presente legge sulla società si applicano mutatis mutandis.

(2) Le parti devono negoziare nel contratto almeno

  1. a) i dati specificati come i requisiti della dichiarazione della divisione del diritto alla casa e del terreno alla proprietà delle unità,

(b) il metodo di rimborso dei costi di costruzione o la valutazione dei lavori autonomi,

  1. c) la dimensione della sua parte della casa e deve essere parte di terreno edificabile, le dimensioni delle quote del fondo di atterrare in tempo prima della costruzione di una prima unità; le quote di comproprietà sono determinate nelle dimensioni corrispondenti alle dimensioni della quota del proprietario delle unità delle parti comuni, e
  2. d) se l’edificio deve costruire una casa con almeno cinque unità, i termini degli statuti dell’associazione dei proprietari, se non è stato stabilito.

(3) Il contratto richiede una forma scritta.

  • 1171

Se un accordo sulla costruzione chiusa nel momento in cui la casa è già messa a punto, ma gli appartamenti non hanno alcun carattere, ujednají dimensione parti della sua quota di immobili in misura corrispondente alle dimensioni della sua parte di proprietari di unità future nelle parti comuni.

  • 1172

(1) Se l’unità ha creato estensioni di o di modifica della casa, e se non sono in unità edificio ancora definito, ujednají parti dell’accordo e la definizione delle unità nell’edificio e il proprietario o la persona autorizzata a farlo dall’altra diritto reale trasferito al potenziale acquisizione la nuova unità è l’interesse di comproprietà nel settore immobiliare nella dimensione corrispondente alla dimensione della sua quota di comproprietà come proprietario dell’unità nelle parti comuni.

(2) Al fine di essere una nuova unità o è quello di essere l’unità corrente cambiato estensione, ampliamento o costruzione presso la casa in cui le unità sono già definiti, ujednají parti dell’accordo e il ridimensionamento o la sua parte dopo la creazione di nuove unità o cambiare le unità esistenti e i loro trasferimenti per adeguarsi alle nuove dimensioni delle quote di comproprietà.

  • 1173

A meno che il contratto per la costruzione di un accordo esplicito sulle deviazioni dalla determinazione unità è considerata una corretta interpretazione, se la differenza è lieve e co-proprietario in questione dovrebbe e avrebbe potuto ragionevolmente previsto. Salvo accordo delle parti, il tribunale decide in che modo saranno risolte le conseguenze della deviazione dalla designazione delle unità.

  • 1174

(1) Se il sito di costruzione sorge, le parti rimangono proprietà immobiliare fino alla formazione dell’unità co-proprietari di capitale.

(2) Come risultato della formazione di un’unità, la comproprietà di beni immobili viene trasformata in comproprietà.

Sottosezione 4

Diritti e doveri del proprietario dell’unità
§ 1175

(1) Il proprietario unità ha il diritto di gestire, utilizzare ed esclusivamente all’interno del loro condominio di modifica e con parti comuni, non devono ostacolare gli altri proprietari di unità esercitare gli stessi diritti o compromessi, alterare o danneggiare la parte in comune.

(2) Il proprietario dell’unità mantiene il suo appartamento come richiesto dallo stato delle cose e dall’aspetto buono della casa; questo vale anche per le parti comuni riservate dal proprietario dell’unità per uso esclusivo.

  • 1176

L’emergere di diritti di proprietà per l’unità formata unità proprietario obbligato a seguire le regole per la costruzione amministrazione e l’uso delle parti comuni, se è stato con queste regole o se deve e potrebbe sapere, nonché garantire il rispetto da parte di persone che forniscono l’accesso alla casa o appartamento.

  • 1177

(1) Chi ha preso il drive nella proprietà, esso notifica, compresi i loro indirizzi e il numero di persone che saranno in casa appartamento, i proprietari delle unità da parte di persone responsabili della gestione della casa entro un mese dal giorno in cui ha imparato o potrebbero hanno imparato che il proprietario . Ciò si applica mutatis mutandis al cambiamento delle informazioni fornite nella notifica.

(2) Il proprietario del gruppo deve, senza indebito ritardo, la persona responsabile della gestione del cambiamento casa nel numero di persone che hanno un appartamento in casa e vivono in esso per un tempo che è in totale almeno tre mesi in un anno di calendario. Ciò vale anche se il proprietario dell’unità ha lasciato un appartamento per l’uso da parte di un’altra persona; in tal caso, deve anche indicare il nome e l’indirizzo di tale persona.

  • 1178

Se il proprietario dell’unità lo richiede, la persona responsabile della gestione della casa deve fornire il nome e l’indirizzo di ogni proprietario di unità o locatario nella casa.

  • 1179

Il proprietario dell’unità ha il diritto di sapere come gestisce la persona responsabile della gestione della casa e come viene gestita la casa o il terreno. Per questa persona, il proprietario dell’unità può ispezionare i contratti stipulati in materia amministrativa nonché nei libri e nei documenti contabili.

  • 1180

(1) Salvo diversa indicazione, il proprietario dell’unità deve contribuire alla gestione della casa e del terreno in misura corrispondente alla sua quota nelle parti comuni. Se serve alcune delle parti comuni di un solo unità proprietario ad uso esclusivo, determinare la quantità di contribuzione e in considerazione della natura, le dimensioni e la posizione di tale sezione e la portata del proprietario dell’unità compito di gestire questa parte a proprie spese.

(2) I contributi destinati a remunerare la persona che gestisce la casa oi membri dei suoi organismi per i costi contabili e analoghi delle proprie attività amministrative sono assegnati a ciascuna unità.

  • 1181

(1) Il proprietario del gruppo paga anticipi su operazioni collegate o associate all’utilizzo dei piatti (servizi) e ha il diritto di essere la persona responsabile della gestione della casa in tempo per spiegare l’anticipo, di solito non più tardi di quattro mesi dopo la fine del periodo di fatturazione.

(2) Se la data di scadenza degli arretrati o degli anticipi non è specificata, essi devono essere pagati lo stesso giorno entro tre mesi dalla scadenza del termine di cui al paragrafo 1.

  • 1182

Se il proprietario modifica unità immobiliare nel suo appartamento, che consente l’accesso all’appartamento per controllare se le modifiche non minacciano, danneggiare o alterare le parti comuni, se era di essere stato chiamato da una persona responsabile della gestione della casa.

  • 1183

(1) Il proprietario dell’unità deve astenersi da tutto ciò che impedisce la manutenzione, la riparazione, la modifica, la modifica o l’alterazione della casa o del terreno che è stata debitamente decisa; se effettuato all’interno di un appartamento o in una parte comune che serve esclusivamente all’uso del proprietario dell’unità, consentirà l’accesso ad essi, se richiesto dalla persona responsabile dell’amministrazione della casa. Ciò vale anche per l’ubicazione, la manutenzione e il controllo dei dispositivi di misurazione dell’acqua, del gas, del calore e di altre energie.

(2) Quando le unità danneggiata l’esecuzione di lavori ai sensi del comma 1, sostituire i danni proprietario unità di proprietari, e, se non godere, sostituendolo con un relativamente co-proprietari della casa. Tuttavia, se solo un proprietario di un’unità esegue questo lavoro nel suo interesse, sostituirà egli stesso il danno.

  • 1184

Su richiesta della persona responsabile della gestione della casa del proprietario dell’unità o il giudice può ordinare la vendita del proprietario dell’unità che viola l’obbligo imposto su di lui da una maniera esecutiva decisione del tribunale sostanzialmente limitando o impedendo i diritti degli altri proprietari di unità.

  • 1185

Comproprietà dell’unità
(1) Un detentore di quote può dividere la sua quota unitaria in azioni a meno che non sia esclusa.

(2) I comproprietari dell’unità assumono un rappresentante comune che eserciterà i propri diritti nei confronti della persona responsabile dell’amministrazione dell’edificio. Questo vale anche per i coniugi che hanno un’unità di capitale comune.

Disposizioni speciali sul trasferimento dell’unità
§ 1186

(1) Al trasferimento della proprietà dell’unità, la persona responsabile dell’amministrazione della casa non è obbligata a regolare i contributi per l’amministrazione della casa alla data dell’effetto del trasferimento.

(2) Converte Se il titolare del diritto di proprietà per l’unità, mostrando che la conferma cessionario della persona responsabile della gestione della casa, ciò che i debiti legata alla costruzione di amministrazione e la terra sarà trasferito all’unità cessionario, o che tali debiti non lo sono. Per i debiti trasferiti al cessionario, il cedente garantisce il responsabile dell’amministrazione della casa.

  • 1187

(1) è nata quando la distribuzione unità dei diritti di una casa o un terreno per le unità di proprietà, un diritto inquilino di prelazione per l’unità durante il suo primo trasferimento. Questo vale anche per i locali non residenziali se è stato affittato in relazione a un appartamento nella stessa casa. Il diritto di prelazione cessa di esistere se il locatario non accetta l’offerta entro sei mesi dalla sua data di entrata in vigore.

(2) Se il locatario è una persona giuridica, le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano.

  • 1188

(1) In caso di unità in un edificio di proprietà o persona giuridica in comproprietà e se il membro inquilino o associato della persona giuridica che ha partecipato ai lavori o venture per l’acquisizione di beni immobili sono di proprietà del gruppo di convertire fino a lui. Ciò vale anche se il predecessore legale di un socio o di un azionista ha partecipato all’acquisto di un immobile.

(2) Se un’altra legge richiede la validità di un trasferimento per determinare il valore delle attività trasferite in base al parere di un esperto nominato dal tribunale, le sue disposizioni non si applicano.

Sottosezione 5

Amministrazione domestica e terriera
§ 1189

(1) Gestione della casa e la proprietà comprende tutto ciò che non appartiene al proprietario del gruppo e ciò che è nell’interesse di tutti i co necessaria o consigliabile per la corretta cura della casa e della terra come unità funzionale e il mantenimento o il miglioramento di parti comuni. Gestione della casa comprende le attività relative alla preparazione e l’attuazione delle modifiche alle parti comuni del prolungamento dell’edificio, estensione, alterazioni o modifiche dell’uso, così come la costituzione, il mantenimento o il miglioramento delle strutture della casa o sulla proprietà che serve tutti i co-proprietari della casa.

(2) Si ritiene che l’Amministrazione si applichi anche alle parti comuni utilizzate esclusivamente per l’uso da parte di un comproprietario.

  • 1190

La persona responsabile della gestione della casa e della terra è la comunità dei proprietari. Se l’associazione dei proprietari non esiste, è la persona responsabile della gestione della casa del gestore.

Gestione senza la creazione di una comunità di proprietari
§ 1191

Se l’associazione dei proprietari non esiste, si applicano le norme stabilite nella dichiarazione e le disposizioni sull’assemblea si applicano mutatis mutandis al processo decisionale in materia di governance; la decisione sarà convocata dai proprietari delle unità del fiduciario.

  • 1192

(1) Quando un azionista ha una quota superiore alla metà in una parte comune, diventa un amministratore. Se tale proprietario di un’unità non lo è, i proprietari delle unità dell’Amministratore eleggeranno la maggioranza dei voti. Su suggerimento di un proprietario, l’unità licenzierà l’amministratore e nominerà un nuovo amministratore se c’è un motivo importante per farlo.

(2) L’amministratore può fare indipendentemente ciò che è necessario per preservare la proprietà che viene gestita; se qualcos’altro è determinato, viene ignorato. Ciò non si applica alle decisioni su questioni che, ai sensi della presente legge, rientrano nel campo di applicazione dell’Assemblea.

  • 1193

Se si tratta di una casa dove ci sono meno di cinque unità non presi in considerazione al momento di decidere proprietari di unità al gestore voci superiore alla somma dei voti di tutti gli altri proprietari di unità.

La comunità dei proprietari
§ 1194

(1) La Comunità dei Proprietari è una persona giuridica costituita ai fini della fornitura dell’amministrazione della casa e del terreno; nell’adempiere al suo scopo, è in grado di acquisire diritti e di impegnarsi in obblighi. La comunità dei proprietari non può partecipare o partecipare, direttamente o indirettamente, alle attività o ad altre attività degli imprenditori, né essere il loro membro o socio.

(2) L’appartenenza all’associazione dei proprietari è inseparabilmente legata alla proprietà dell’unità. Per i debiti della comunità dei proprietari, il membro è responsabile in proporzione alla dimensione della sua quota nelle parti comuni.

  • 1195

(1) La comunità dei proprietari può acquisire e alienare la proprietà solo ai fini dell’amministrazione della casa e del terreno.

(2) L’atto giuridico mediante il quale l’associazione dei proprietari protegge il debito di un’altra persona non deve essere preso in considerazione.

  • 1196

(1) Le comunità di proprietari agiscono legalmente nell’ambito delle loro finalità con i proprietari delle unità e di terze persone.

(2) Se le Unità di Quote derivano da difetti unitari, rappresentano le Quote di Proprietari di Quote nell’esercizio di tali diritti.

  • 1197

Associates se l’associazione dei proprietari con un altro proprietari della comunità a cooperare per adempiere il suo scopo, o se diventa un membro del soggetto raggruppamento legale dei proprietari o titolari di unità o è in corso la custodia non possono impegnarsi per altre partecipazioni di concessione deposito appartenenza o quote associative. Essa si impegna a proprietari della comunità per contribuire alla perdita di un’altra persona, per pagare i propri debiti o per garantire ignorato il fatto.

  • 1198

(1) A meno che l’associazione proprietari fondata in precedenza, hanno trovato i proprietari di unità, dove almeno cinque unità, di cui almeno tre sono di proprietà di tre diversi proprietari, al più tardi dopo l’istituzione dei diritti di proprietà trasferiti alla prima unità.

(2) Il diritto di proprietà sull’altra unità trasferita non deve essere inserito nell’elenco pubblico, a meno che non sia stabilito lo stabilimento dell’associazione dei proprietari. Questo non si applica quando il primo proprietario acquisisce l’unità.

  • 1199

Se ci sono meno di cinque unità in una casa, la comunità di proprietà può essere stabilita se tutti i proprietari di unità sono d’accordo.

  • 1200

Stabilire una comunità di proprietari
(1) L’ Associazione dei Proprietari sarà costituita con l’approvazione dello Statuto. A meno che la dichiarazione proprietari in base ai diritti di distribuzione per la casa e la terra per il possesso di quote o accordi nel contratto per la costruzione, richiede l’approvazione degli Statuti consenso dei proprietari di unità.

(2) Lo statuto deve contenere almeno:

  1. a) il nome contenente la parola “associazione dei proprietari” e la designazione della casa per la quale i proprietari

(b) la sede legale nella casa per la quale è stata costituita l’associazione dei proprietari; se questo non è possibile, in un altro luogo appropriato,

(c) i diritti e gli obblighi dei detentori di quote nonché il modo in cui sono applicati,

(d) la designazione degli organismi, i loro poteri, il numero dei membri degli organi elettivi e il loro mandato, nonché il metodo di convocazione, negoziazione e aggiudicazione,

  1. e) designazione dei primi membri dell’organo statutario,

(f) le norme che disciplinano la gestione della casa e del terreno e l’uso di parti comuni,

  1. g) norme sull’istituzione del bilancio comunitario, sulla gestione e il rimborso dei prezzi dei servizi e su come determinare l’importo pagato dai singoli proprietari di quote.

(3) Lo statuto richiede una forma di autentico strumento. Ciò non si applica se la comunità stabilisce una dichiarazione di divisione del diritto alla casa e il terreno alla proprietà delle unità in base all’accordo nel contratto di costruzione.

  • 1201

Dove dichiarazione an proprietari basata sui diritti di distribuzione per la casa e la terra per il possesso di quote o accordi nel contratto per la costruzione, disatteso le statuti modifiche apportate prima della comparsa dei proprietari.

  • 1202

(1) Finché un fondatore della comunità dei proprietari ha la maggioranza dei voti, è l’amministratore della casa e della terra. A tal fine, il contratto di costruzione è considerato come una singola persona.

(2) Le norme contenute nella dichiarazione si applicano alla relazione e le disposizioni sull’assemblea si applicano, mutatis mutandis, al processo decisionale in materia di governance. La decisione sarà convocata dai proprietari delle unità del trustee; il processo decisionale non tiene conto dei voti dell’amministratore che eccedono la somma dei voti di tutti gli altri proprietari di quote.

  • 1203

Se l’amministratore perde maggioranza, dovrà entro e non oltre 60 giorni come un organo statutario di applicazione dei proprietari per la registrazione dei proprietari in un registro pubblico, e non oltre novanta giorni Assemblea convoca. Se non lo fa, qualsiasi proprietario di unità può farlo.

  • 1204

Istituzione di una comunità di proprietari
La comunità dei proprietari è la data di iscrizione nel registro pubblico.

  • 1205

Autorità della comunità dei proprietari
(1) L’autorità suprema della comunità dei proprietari sarà l’Assemblea. L’organo statutario è il comitato, a meno che gli statuti non stabiliscano che è l’organo statutario del presidente della comunità dei proprietari. Se la costituzione stabilisce altri organismi, essi non possono essere stabiliti da un’assemblea o un organo statutario dedicato.

(2) Un idoneo a essere un membro di un organismo o rappresentante di una persona giuridica in quanto membro di tale organo eletto è colui che è completamente autorizzata e è impeccabile in termini di altre normative che disciplinano le imprese del commercio.

rally
§ 1206

(1) L’assemblea deve essere composta da tutti i proprietari delle unità. Ciascuno di essi ha un numero di voti corrispondente alla dimensione della sua quota nelle parti comuni; se è il proprietario dell’unità della comunità dei proprietari, la sua voce viene ignorata.

(2) L’assemblea ha il diritto di dimettersi in presenza di proprietari di quote che hanno la maggioranza di tutti i voti. La maggioranza dei voti dei proprietari di unità presenti è tenuta a prendere una decisione, a meno che lo statuto o la legge non richiedano un numero maggiore di voti.

  • 1207

(1) L’organo statutario convoca l’Assemblea per la sessione che si terrà almeno una volta all’anno. L’organo statutario convoca l’Assemblea, per iniziativa dei titolari di quote, che hanno più di un quarto di tutti i voti, ma almeno due di essi; se non lo fa, questi proprietari di convogli convocheranno la riunione al costo della comunità dei proprietari stessi.

(2) Se il materiale relativo ad una riunione non è allegato all’invito, l’oratore deve essere in grado di familiarizzare con ciascun proprietario di unità in modo tempestivo.

  • 1208

Appartiene all’Assemblea

  1. a) una modifica dello statuto,
  2. b) modifica della dichiarazione sulla divisione del diritto di casa e terra alla proprietà delle unità,

(c) l’ elezione e la rimozione dei membri degli organi elettivi e la determinazione della loro remunerazione,

  1. d) l’approvazione del bilancio di esercizio, il reddito insediamento e le relazioni economiche dei proprietari e la gestione della casa, così come l’importo totale dei contributi alla gestione della casa per il prossimo anno e una decisione sulla composizione o di regolamento dei contributi eccezionali
  2. e) l’omologazione del tipo di servizi e l’importo degli anticipi da versare, nonché il metodo di assegnazione dei prezzi di servizio alle unità,
  3. f) processo decisionale
  4. sull’appartenenza a una comunità di proprietari in un’entità legale che opera nel settore dell’edilizia abitativa,
  5. cambiare lo scopo di usare la casa o l’appartamento,
  6. sul cambio della superficie del piano,
  7. fusione totale o parziale o divisione di quote,
  8. per cambiare la condivisione nelle parti comuni,
  9. un cambiamento nella designazione della parte comune che serve ad uso esclusivo del proprietario dell’unità,
  10. riparazione o costruzione della parte comune, se i costi superano l’importo stabilito dalla normativa di attuazione; questo non si applica se gli statuti specificano diversamente,

(g) concessione del consenso preventivo

  1. acquistare, alienare o distribuire beni immobili o comunque gestirli;
  2. acquistare, alienare o distribuire beni mobili il cui valore ecceda l’importo stabilito nel regolamento di attuazione o che sia altrimenti trattato; questo non si applica se gli statuti specificano diversamente,
  3. concludere un contratto di credito con la comunità dei proprietari, compresa l’approvazione dell’importo e delle condizioni del prestito,
  4. concludere un contratto per la costituzione del privilegio sull’unità se il proprietario dell’unità ha concordato per iscritto con la conclusione dell’accordo di pegno,
  5. h) l’identificazione della persona che deve fornire alcune attività di gestione della casa e della terra, così come la decisione sulla modifica e l’approvazione del contratto con questa persona e l’approvazione delle variazioni di accordo di contratto sul prezzo o la portata delle attività,

(i) il processo decisionale su altre questioni disciplinate da statuti o su questioni che l’Assemblea si riserva per la decisione.

  • 1209

(1) Se c’è un motivo importante per farlo, il proprietario del gruppo o la comunità dei proprietari, se il proprietario dell’unità, può proporre al tribunale di decidere la questione; può anche proporre che il tribunale si rifiuti temporaneamente di agire in base alla decisione impugnata. Se la petizione non viene presentata entro tre mesi dalla data in cui il proprietario della decisione di imparare o imparare, il suo diritto cessa di esistere.

(2) Se, per un motivo importante, ogni proprietario dell’unità chiedere al giudice di decidere la questione, che è stata debitamente sottoposta all’Assemblea per la decisione, ma ha deciso che non era per incompetenza adottare Assemblea risoluzioni.

Decisione al di fuori della riunione
§ 1210

(1) A meno che il montaggio convocato costituisce il quorum, la persona che è autorizzato a convocare l’Assemblea proporre per iscritto entro un mese dalla data in cui la sessione è stata convocata per decidere sui proprietari di unità delle stesse questioni al di fuori della riunione.

(2) In altri casi, può essere deciso al di fuori delle sessioni se lo consente lo statuto sociale.

  • 1211

La proposta deve includere almeno il progetto di risoluzione, il materiale di base necessario per la sua valutazione, o l’indicazione di dove è pubblicato, e un’indicazione del termine entro il quale il proprietario dell’unità deve esprimere il proprio parere. Se lo statuto non specifica un periodo più lungo, il termine sarà di quindici giorni.

  • 1212

La validità del voto richiede la dichiarazione del proprietario dell’unità indicante la data, il mese e l’anno in cui è stata effettuata, firmata a mano sul documento contenente il testo completo del progetto di decisione.

  • 1213

L’organo statutario deve comunicare per iscritto ai proprietari delle unità il risultato della votazione e, se la risoluzione è stata adottata, deve anche notificare loro l’intero contenuto della risoluzione adottata. A meno che ciò avvenga senza indebiti ritardi, il notificante può rendere l’annuncio a spese della comunità dei proprietari a chi ha proposto la risoluzione.

  • 1214

Le decisioni sono prese a maggioranza dei voti di tutti i proprietari delle unità, a meno che lo statuto non richieda un numero maggiore di voti. Tuttavia, se tutti i proprietari di unità modificano la dimensione delle azioni in parti comuni o se il rapporto tra i contributi alla gestione della casa e il terreno viene modificato diversamente dal cambiamento delle quote nelle parti comuni, è richiesto il consenso di tutti i proprietari delle unità.

Cancellazione della comunità dei proprietari
§ 1215

(1) Le Comunità di proprietari saranno abolite il giorno della scadenza della proprietà di tutte le unità nell’edificio.

(2) Con la decisione dei proprietari delle unità, l’associazione dei proprietari può essere abolita se è stata stabilita su base volontaria o se il numero di unità nella casa è sceso a meno di cinque. In questo caso, i proprietari delle unità adotteranno le regole per la gestione della casa e della terra e contribuiranno ad essa.

  • 1216

Nessuna liquidazione viene effettuata quando l’associazione dei proprietari è abolita. I diritti e gli obblighi della comunità dei proprietari vanno dalla data del loro scioglimento ai proprietari delle unità in una proporzione determinata dalla quota di ciascun proprietario di unità nelle parti comuni.

Sottosezione 6

Annullamento della comproprietà
§ 1217

(1) Nei casi in cui i proprietari di unità sulla conversione di immobili residenziali in comproprietà beni immobili, i cambiamenti nella voce di proprietà residenziali comproprietà nella lista pubblica. Si presume che la dimensione della quota di comproprietà di ciascun co-proprietario sia pari alla dimensione della quota azionaria della quota.

(2) Se tutte le unità della casa di proprietà comune e sono d’accordo Se i coniugi di conversione immobili residenziali alla proprietà di beni immobili in proprietà comune, le modifiche alla immobili residenziali di proprietà di beni immobili di proprietà comune di scrivere alla lista pubblica.

(3) L’accordo di cui ai paragrafi 1 e 2 deve essere in forma scritta.

  • 1218

(1) Se il proprietario della proprietà è l’unico proprietario di tutte le unità nella casa e dichiara che cambia la proprietà delle unità alla proprietà del bene immobile, la proprietà della proprietà cesserà di essere sulla lista pubblica.

(2) La dichiarazione richiede una forma scritta.

  • 1219

Se l’unità viene caricato, le chiamate verso l’accordo o dichiarazione di revoca del contratto immobili residenziali beneficiario dei diritti sostanziali concessi per iscritto.

Sottosezione 7

Disposizioni comuni
§ 1220

(1) Se la dichiarazione è cambiata, la persona responsabile dell’amministrazione della casa deve fare una dichiarazione completa e, senza indebito ritardo, deve stabilirla nella raccolta di documenti con l’organismo con il quale l’immobile è registrato nella lista pubblica; questo vale anche se la dichiarazione è inclusa nel contratto di costruzione.

(2) Se la persona responsabile della gestione della casa iscritto nel registro pubblico stabilisce senza indugio la dichiarazione in pieno e nella raccolta di documenti presso l’autorità che mantiene un registro pubblico.

  • 1221

Se le disposizioni del Contratto di proprietà degli armatori non si applicano diversamente, le disposizioni dell’Associazione si applicano mutatis mutandis. Tuttavia, le disposizioni relative all’assemblea dei delegati, alle riunioni parziali o alle riunioni dei membri sostituti non si applicano.

  • 1222

Il regolamento legale di attuazione determina come calcolare la superficie di un appartamento nell’unità, quali parti del patrimonio immobiliare sono considerate comuni e i dettagli della gestione dell’immobile e del terreno.

Sezione 6

Comproprietà aggiuntiva
Disposizioni generali
§ 1223

(1) Il caso legati da diversi proprietari di cose destinati a tale uso, che queste cose creano uno scopo e tutto definito localmente, che serve ad uno scopo comune in modo che non è senza l’uso di cose separate ben possibili, in additiva proprietà di tali proprietari. Quando si inserisce un additivo di proprietà di beni immobili iscritti nel registro pubblico nella lista delle proprietà pubblica e additivi.

(2) Le disposizioni della proprietà additiva si applicano, mutatis mutandis, per le attrezzature acquistate o altrimenti acquisiti dai proprietari di cui al paragrafo 1, costo comune per servire tutti.

  • 1224

(1) La comproprietà della joint venture non deve essere trattenuta dalla joint venture contro la volontà di uno dei comproprietari.

(2) Una questione può essere appesantita da una comproprietà aggiuntiva solo in un modo che non impedisce il suo uso per lo scopo comune.

  • 1225

(1) A nessuno dei comproprietari può essere impedito di partecipare all’uso dell’elemento in comproprietà aggiuntiva in modo corrispondente allo scopo comune e non impedisce il suo utilizzo da parte di altri comproprietari.

(2) La rinuncia al diritto di partecipare all’uso di un oggetto in comproprietà da parte di un comproprietario non ha alcun effetto sul suo successore legale.

  • 1226

Se una joint venture è una joint venture, le quote dei comproprietari in joint venture sono determinate dal rapporto tra l’area territoriale. Ciò non impedisce ai comproprietari di organizzare diversamente.

  • 1227

(1) Una partecipazione in una società controllata in comproprietà può essere trasferita solo con il trasferimento del diritto di proprietà sulla materia per la quale viene utilizzato l’oggetto della comproprietà. Se la proprietà viene trasferita a una cosa del genere, il trasferimento si applica anche alla quota della proprietà nella comproprietà.

(2) Ciò vale anche per l’onere del diritto di prelazione, del diritto di riacquisto o simili, nonché per l’istituzione di un privilegio o di una garanzia analoga.

  • 1228

(1) Estratto dalla proprietà accessoria può essere previsto che il caso per cui l’uso dell’additivo titolarità cosa finora servito, è scomparso o modificato il loro scopo in modo che la materia in additivo di proprietà non è più necessaria.

(2) Per la stessa ragione, uno qualsiasi degli altri comproprietari chiedere alla Corte di partecipare additivo co-proprietario comproprietà annullata e ordinato un risarcimento per la sua quota dei restanti comproprietari in proporzione alle rispettive quote.

  • 1229

Se la comproprietà dell’oggetto è terminata, la comproprietà aggiuntiva cesserà e i comproprietari si accorderanno in conformità con le disposizioni generali sull’abolizione della comproprietà. Finché persiste questo scopo, non è possibile annullare ulteriori comproprietà.

Gestione del caso in comproprietà aggiuntiva
§ 1230

A meno che i comproprietari non decidano diversamente, scelgono di amministrare l’affare nella comproprietà di uno dei comproprietari come amministratore. Se l’amministratore non è eletto comproprietario dopo tre mesi, sarà nominato dal tribunale, su richiesta di qualsiasi comproprietario.

  • 1231

(1) Salvo patto contrario, la partecipante elegge la maggioranza dei voti; ogni co-proprietario ha un voto.

(2) co-proprietario, che non hanno votato per l’amministratore di elezione può chiedere al giudice di direttore licenziato se per motivi importanti, e di nominare un amministratore di un altro co-proprietario. Se la domanda non viene presentata entro trenta giorni dalla data della decisione, il diritto di citare in giudizio deve essere risolto.

  • 1232

Assumendo l’attuale co-proprietario della governance in additiva proprietà della loro volontà, e nessuno degli altri co-proprietari per tre mesi non è contrario o non riesce a presentare una petizione ai sensi del § 1230, che lo fissava come se fosse stato eletto amministratore.

  • 1233

(1) Se non ci sono altri accordi, la maggioranza dei voti dei comproprietari sarà sufficiente per fare appello all’amministratore; se l’amministratore è nominato dal tribunale, i comproprietari possono appellarsi a lui da almeno due terzi dei voti dei comproprietari.

(2) Qualunque sia l’incarico dell’amministratore, il tribunale si appella per un motivo importante a una mozione presentata dai comproprietari che abbiano almeno un terzo dei voti.

  • 1234

Il comproprietario e il trustee hanno il diritto e l’obbligo congiuntamente e solidalmente all’azione legale del trustee in materia di amministrazione ordinaria.

  • 1235

(1) I comproprietari contribuiscono all’amministrazione della comproprietà in proporzione alla dimensione delle loro azioni. A spese della gestione del caso in comproprietà, i comproprietari hanno fatto un ragionevole anticipo alle mani del fiduciario; Salvo patto contrario, il pagamento anticipato è dovuto il 31 gennaio.

(2) Quanto è il totale dei progressi da fare, i comproprietari decidono a maggioranza. In assenza di co-proprietari di una tale decisione prima della fine dello scorso anno, il totale dei depositi per il prossimo anno l’ammontare set composto sui progressi nell’ultimo anno è aumentato di un decimo. Se non è possibile determinare l’ammontare totale degli anticipi, deve essere determinato dal tribunale su richiesta dell’amministratore.

Sezione 7

Disposizioni speciali sulla comunità di ricchezza
§ 1236

Acquisisce Se la questione alla proprietà di più persone associate ai sensi del diritto contrattuale o altri elementi giuridici della comunità, siano essi sposi, persone legate a comunità familiare, una comunità di eredi o altre comunità simili, vero che ognuna di queste persone a destra all’intera cosa.

  • 1237

I diritti e gli obblighi dei proprietari collegati nella comunità sono regolati dalle disposizioni in base alle quali è stata creata la comunità. I paragrafi 1238 e 1239 si applicano se non diversamente indicato.

  • 1238

(1) Salvo patto contrario, la decisione unanime di tutte le parti deve essere tenuta ad esercitare i diritti di proprietà e ad affrontare la questione in comune.

(2) Salvo diverso accordo, la divisione di una causa comune non può essere rivendicata fino a quando la comunità non mantiene o dispensa con la quota di causa comune.

  • 1239

I diritti di proprietà su una causa comune cessano di essere estranei o di porre fine alla comunità; le disposizioni di comproprietà si applicano al regolamento.

Parte 5

Diritti di proprietà per gli affari esteri
Sezione 1

Il diritto di costruzione
Sottosezione 1

Disposizioni generali
§ 1240

(1) Il terreno può essere soggetto al diritto di un’altra persona (costruttore) di avere un edificio sulla superficie o sotto la superficie del terreno. Non importa se si tratta di un edificio già stabilito o non stabilito.

(2) Il diritto di costruzione può essere stabilito in modo tale che si applichi anche a un terreno che, sebbene non sia necessario per la costruzione, viene utilizzato per un uso migliore.

  • 1241

Il diritto di costruzione non può essere impostato sul terreno su cui si basa il diritto allo scopo dell’edificio. Se la terra è soggetta a pegno, può essere appesantita dal diritto di costruzione solo con il consenso del privilegio.

  • 1242

Il diritto di costruzione è una cosa reale. La costruzione conforme alla legge della costruzione è una parte di essa, ma anche soggetta alle disposizioni relative ai beni immobili.

Sottosezione 2

Creazione ed estinzione del diritto di costruzione
§ 1243

(1) Il diritto di costruzione deve essere acquisito attraverso un contratto, la restituzione o, se previsto dalla legge, da una decisione di un’autorità pubblica.

(2) Il diritto di costruzione stabilito dal contratto nasce dall’iscrizione nell’elenco pubblico. L’ingresso nell’elenco pubblico è inoltre soggetto al diritto di costruzione derivante da una decisione di un’autorità pubblica.

  • 1244

(1) Il diritto di costruzione può essere stabilito solo come temporaneo; non può essere stabilito per più di 99 anni. L’ultimo giorno del periodo per il quale è stabilito il diritto di costruzione deve essere visibile dall’elenco pubblico.

(2) Se il costruttore ha il diritto di costruire l’edificio, lo acquisirà per un periodo di 40 anni. Se ci sono solo ragioni, il tribunale può ridurre o prolungare il periodo per il quale è stabilito il diritto di costruire.

  • 1245

La durata del diritto di costruzione può essere estesa con il consenso delle persone per le quali il carico è registrato sulla trama in conformità con la legge dell’edificio.

  • 1246

Il diritto di costruzione non può essere limitato dalla condizione di ridondanza; se la condizione di transizione è stata concordata, non viene presa in considerazione.

  • 1247

Se il giusto set up per la tassa di costruzione e disposti precisando se la considerazione dei benefici ricorrenti come uno stipendio di costruzione grava il diritto di costruire un vero e proprio fardello. Si prenderà in considerazione l’accordo secondo il quale le variazioni nell’ammontare della retribuzione civile dipendono da un evento futuro incerto; questo non si applica se la dipendenza dell’importo del salario di costruzione sul tasso di apprezzamento e svalutazione del denaro.

  • 1248

Si rinuncia al costruttore costruzione destra, il proprietario del terreno gravato convertito sulla base di documenti comprovanti questo fatto giusto costruzione per un periodo che non è ancora scaduto, per sé o per un’altra persona.

  • 1249

Quando il diritto di costruire prima che scada il suo tempo, ci saranno conseguenze legali dei diritti di costruzione di eliminazione reali contro la legge appartenente alla persona per la quale è stata la destra dell’edificio alla lista pubblica dei raccomandata diritto reale alla scomparsa del diritto sostanziale. Tuttavia, se la persona di un accordo di sovvenzione eliminazione, ci saranno conseguenze legali della cancellazione del diritto di costruzione contro il suo diritto sostanziale già tale soppressione.

Sottosezione 3

Condizioni legali del diritto edilizio
§ 1250

Ciò che l’imprenditore edile ha gli stessi diritti del proprietario dell’edificio; se si tratta di un diverso uso di terreni soggetti al diritto di costruire, ha gli stessi diritti dell’utente, se non diversamente concordato.

  • 1251

(1) Il contratto può essere imposto dal committente per eseguire la costruzione entro un certo tempo.

(2) Salvo diverso accordo, il costruttore è obbligato a mantenere la costruzione in buone condizioni. Il contratto può imporre all’edilizia un obbligo di assicurare l’edificio.

(3) Il proprietario del terreno può essere riservata per l’approvazione di alcuni costruttore trattative fatto o di diritto, ma anche se il proprietario del terreno è riservato, non può rifiutare il consenso per l’azione legale che non è a suo discapito.

  • 1252

(1) Il diritto di costruzione può essere trasferito e appesantito.

(2) Se il proprietario del terreno si riserva il consenso al caricamento del diritto di costruzione, la prenotazione deve essere inserita nella lista pubblica. In tal caso, l’onere del diritto di costruzione può essere inserito nella lista pubblica solo con il consenso del proprietario del terreno.

  • 1253

Il diritto di costruzione passa all’erede e ad un altro successore legale universale.

  • 1254

Il costruttore ha il diritto di prelazione sulla terra e il proprietario ha diritto di prelazione alla legge sull’edilizia. Se le parti negoziano diversamente, devono essere inserite nell’elenco pubblico.

  • 1255

Se non altro accordo, dà il proprietario di un terreno edificabile nel generatore il diritto di costruire la scadenza del periodo per il quale è stato stabilito per la costruzione di una sostituzione. Il rimborso è pari alla metà del valore della costruzione al momento della scadenza del diritto di costruzione, a meno che le parti non decidano diversamente.

  • 1256

Contenzioso e altri diritti relativi al diritto di costruzione incidono sul risarcimento.

Sezione 2

Carichi di materiale
Sottosezione 1

Disposizioni generali sui servizi
§ 1257

(1) Soggetto può essere caricato ministero, che colpisce le cose come il proprietario del diritto di proprietà, in modo che il beneficio deve soffrire qualcos’altro o qualcosa di astenersi.

(2) Il proprietario può gravare sulla sua terra servendo a favore di un’altra sua proprietà.

  • 1258

Il servizio include tutto ciò che è necessario per eseguirlo. Se il contenuto o la portata del servizio non sono determinati, sarà giudicato in base alla consuetudine locale; se nessuno dei due è, l’intervallo o il contenuto è considerato inferiore a quello più grande.

  • 1259

Chiunque abbia diritto al servizio può richiedere la protezione del proprio diritto; Le sezioni da 1040 a 1043 si applicano mutatis mutandis.

Sottosezione 2

Acquisizione del servizio
§ 1260

(1) servitù diventa un contratto per l’acquisizione di morte o la prescrizione del tempo richiesto per usucapione dei diritti di proprietà alle cose per essere gravati da servitù. Per legge o decisione di un’autorità pubblica, il servizio è acquisito nei casi specificati dalla legge.

(2) Alla ripresa del servizio corrispondente al bene pubblico, il soccorritore sarà il comune nel cui territorio la cosa è stata trovata.

  • 1261

Le terre destinate a svolgere le funzioni di una foresta possono essere gravate da terra, pascolo o servizio forestale solo per contratto, per morte o per decisione di un’autorità pubblica. Tale servizio può essere stabilito solo come rimborso e le condizioni di acquisto devono essere determinate in anticipo al momento della creazione del servizio.

  • 1262

(1) Se un’attività legale stabilisce un servizio a una cosa registrata in un elenco pubblico, deve essere inserita in tale elenco. Se un servizio è inserito in un elenco pubblico sulla base di un altro fatto legale, deve essere inserito anche nell’elenco pubblico in tal caso.

(2) Se il servizio è stabilito in un caso non inserito nell’elenco pubblico, il contratto diventa effettivo.

Sottosezione 3

Termini legali di servizio
§ 1263

La persona autorizzata ha il costo di mantenere e riparare la cosa che è designata per il servizio. Tuttavia, se una persona è difficile da usare, è obbligata a dare un contributo equo oa ritardarne l’uso.

  • 1264

(1) Se il tasso di servizio non è determinato, deve essere determinata la necessità del terreno dominante.

(2) Il servizio non cambia in base al cambiamento della portata della servetta o della cosa dominante, né dal cambio di gestione sul terreno dominante.

  • 1265

(1) I terreni non possono essere combinati con altri terreni.

(2) Il servizio personale non può essere trasferito a un’altra persona.

(3) I diritti sostanziali possono essere stabiliti come deperibili ed ereditari nell’area sotto la superficie.

  • 1266

Possono essere istituiti diversi servitori se non esiste un diritto più recente di pregiudicare i diritti degli anziani.

Sottosezione 4

Alcuni servitori di terra
Ingegneria di servizio
§ 1267

(1) utilità servitù stabilisce il diritto a proprie spese e in modo adeguato e sicuro per impostare una terra ministeriale o attraverso di esso mantenere l’acqua, fognature, energia, o altre linee guida, gestire e mantenere. Proprietario terriero di astenersi da tutto ciò che porta a un’utility minaccia, e se discusso in anticipo con esso, permettono un accesso persona autorizzata a terra per il tempo necessario e nella misura necessaria per i servizi di ispezione o manutenzione.

(2) Se viene espressamente convenuto, il ministero prevede il diritto di stabilire, mantenere e continuare a viaggiare su terreni anche apparecchiature di controllo necessarie, nonché il diritto di effettuare le regolazioni della rete di ingegneria per la sua modernizzazione e il miglioramento delle sue prestazioni.

(3) La persona autorizzata deve fare il proprietario delle utilità di documentazione terreno nell’intervallo denominato, e salvo accordi nella misura necessaria per proteggere i loro interessi legittimi.

  • 1268

Se l’azienda non può sopportare un danno improvviso alla rete di ingegneria, la persona autorizzata sarà in grado di ripararla anche senza una discussione preliminare; tuttavia, informare tempestivamente la persona interessata dell’implementazione della riparazione, identificare e proteggere la sua posizione. Al termine dei lavori, il terreno di servizio sarà riportato alle condizioni originali e compenserà il danno causato dall’esecuzione dei lavori.

  • 1269

Supporto di un edificio straniero
Chi è obbligato a sopportare il peso di un edificio straniero, contribuisce anche al mantenimento di muri o sostegni, ma non è obbligato a sostenere la terra dominante.

  • 1270

Il servizio della grondaia
(1) Chiunque abbia il servizio di una grondaia ha il diritto di portare l’acqua piovana dal suo tetto a un oggetto estraneo estraneo o vagamente o in un trogolo; può solo aumentare il suo tetto se non soffre di servizio.

(2) Chiunque abbia il servizio di una grondaia deve mantenere la grondaia, se stabilita, in buone condizioni. Inoltre, se la neve è troppo, la neve deve essere pulita in tempo.

  • 1271

Diritto all’acqua piovana
(1) Chiunque abbia il diritto di drenare l’acqua piovana dal tetto adiacente alla propria terra, dovrà provvedere personalmente all’adeguata attrezzatura.

(2) Laddove sia necessario un fosso o un impianto simile, il proprietario del terreno si fa carico dei costi di installazione e manutenzione.

  • 1272

Diritto all’acqua
(1) Chiunque abbia il diritto di abbeverare in terra straniera avrà anche accesso ad esso.

(2) Chi ha il diritto di incolpare l’acqua da una terra straniera per la sua proprietà per lo straniero, può a proprie spese per stabilire e mantenere le attrezzature necessarie per questo; la loro estensione è governata dal bisogno della terra dominante.

  • 1273

Il servizio si alza
(1) proprietario basato servitù TVR della acquedotto, che permette di controllare la diffusione inondazioni, rovesciando proprio sull’acqua ministeriale terreno. Ministero include il diritto proprietario del acquedotto avere e mantenere sui dispositivi operativi di proprietà aziendale, e se viene espressamente convenuto di svolgere per loro le opere di trattamento delle acque, al fine di aggiornare o migliorare le loro prestazioni.

(2) Il proprietario del terreno di astenersi da tutto ciò che porta ad un acquedotto minaccia e di servizio attrezzature, e se discusso in anticipo con esso, permettono un accesso persona autorizzata a terra per il tempo necessario e nella misura necessaria.

(3) I paragrafi 1267 (3) e 1268 si applicano mutatis mutandis.

Traffico, percorso e percorso
§ 1274

(1) Il servizio di un sentiero crea il diritto di seguirlo o di essere trasportato da una forza umana e il diritto di viaggiare lungo il sentiero fino alla persona autorizzata e lasciarlo o trasportare l’umanità.

(2) Il servizio del sentiero non include il diritto di entrare nella casta degli animali o di trascinare sul suolo occupato l’onere.

  • 1275

(1) Il servizio del parafango stabilisce il diritto di guidare gli animali per i terreni di servizio. Il diritto di guidare diversi dai veicoli a motore è legato al servizio del pass.

(2) Se il lotto di terra è destinato all’adempimento delle funzioni della foresta, è vietato istituire un servizio per la propagazione del bestiame. Se l’autorità pubblica decide che la terra delle pulizie è destinata a soddisfare le funzioni della foresta fino alla creazione di tale servizio, il servizio cessa di esistere.

  • 1276

(1) Il servizio del viaggio stabilisce il diritto di guidare attraverso il pacco di servizio di qualsiasi veicolo.

(2) Il diritto del passaggio non è incluso nel servizio della via.

(3) Il responsabile del servizio di viaggio contribuisce relativamente al mantenimento del percorso, compresi ponti e ponti. Il proprietario del proprietario contribuisce solo quando usa queste strutture.

  • 1277

L’area per l’esecuzione del percorso, del percorso o del servizio di trasferimento deve essere adeguata alla necessità e alla posizione. Se una traccia, un percorso o un passaggio sono fatti da un incidente inesplicabile, si può affermare che verrà visualizzata un’area sostitutiva prima di essere segnalata nello stato precedente.

La legge del pascolo
§ 1278

Se la specie, il numero di bestiame o l’estensione e il tempo del pascolo non sono stabiliti, quando viene stabilita la legge del pascolo, viene protetto un periodo di dieci anni di pace. In caso di dubbio, si applicano le disposizioni del § 1279 al 1282.

  • 1279

(1) La legge del pascolo si applica a tutti i tipi di bestiame, ma non ai maiali e al pollame. Gli animali sovra-contaminati, malati o alieni sono esclusi dal pascolo.

(2) Se il terreno di servizio è una terra con aree forestali, è vietato istituire un servizio di pascolo per il bestiame.

  • 1280

(1) Quando il numero di capi di bestiame al pascolo è cambiato negli ultimi dieci anni, la media per i primi tre anni di pascolo è decisiva. Se questo numero non è ovvio, deve essere determinato secondo i principi di equità, proporzionati alle dimensioni e alla qualità del pascolo; tuttavia, una persona autorizzata non può pascolare più bestiame nella terra della cameriera che non può svernare con la terra caduta consegnata.

(2) I cuccioli lattanti non sono conteggiati nel numero di cui al paragrafo 1.

  • 1281

Il pascolo è governato da consuetudini locali; Tuttavia, la corretta gestione del terreno non deve essere limitata o complicata dal pascolo.

  • 1282

(1) La legge del pascolo non include altri usi. Non esclude, di regola, il proprietario terriero del terreno di servizio.

(2) In caso di danni, il bestiame deve essere protetto.

Sottosezione 5

Uso corretto
§ 1283

L’utente del diritto d’uso fornisce all’utente il diritto di utilizzare un materiale estraneo per le proprie esigenze e per le esigenze della propria famiglia. Se queste esigenze cambiano dopo l’impostazione di un servizio, questo non autorizza l’utente ad estenderlo.

  • 1284

Il proprietario della cosa appartiene a tutti i benefici che può trarre senza accorciare il diritto dell’utente. Il proprietario, tuttavia, porta tutti i suoi difetti e deve mantenere la cosa in buone condizioni. Se il costo supera il beneficio lasciato al proprietario, l’utente deve sopportare questi maggiori costi o abbandonare l’uso.

Ingiunzione legge
§ 1285

Servendo il diritto al godimento, l’utente gode del diritto di utilizzare una materia estranea e di trarne i frutti e i benefici; il destinatario ha anche diritto a proventi straordinari dall’affare. Nell’esercizio di questi diritti, il destinatario è tenuto a salvare la sostanza del caso.

  • 1286

Non c’è diritto alla cosa nascosta trovata nella terra.

  • 1287

L’utente prende in consegna tutti i difetti che sono stati afflitti al momento della creazione del servizio. Porta anche il costo senza il quale non si otterrebbero frutti e benefici.

  • 1288

L’utente tiene il caso nello stato in cui ha preso in consegna e paga i normali costi di manutenzione del caso, compreso il suo rinnovo e l’assicurazione abituale contro i danni. Tuttavia, se l’uso corretto dell’articolo è ridotto senza colpa, il destinatario non è responsabile.

  • 1289

(1) Il proprietario può, a spese dell’utente, effettuare a proprie spese i lavori di costruzione, la cui necessità ha causato l’incidente o l’età dell’edificio; nel qual caso l’utente pagherà al proprietario un pagamento determinato in base alla misura in cui il consumo è migliorato.

(2) Se non può o non vuole fare il proprietario dei lavori di costruzione, il beneficiario ha diritto a se stesso e dopo il completamento di godimento a cercare lo stesso di compensazione come un titolare onesto.

  • 1290

L’utente è obbligato a sopportare i lavori di costruzione, anche se non sono necessari, se il suo diritto non diventa dannoso per lui o se compensa qualsiasi danno.

  • 1291

Il proprietario paga al cliente il costo della cosa che è stata migliorata, nelle stesse condizioni in cui sarebbe stato costretto a rimborsarlo all’esecutivo impotente. Se l’utente ha sostenuto i costi di hobby o canile, l’utente ha gli stessi diritti e gli obblighi del titolare onesto.

  • 1292

Si ritiene che la cosa ricevuta dal destinatario sia stata un mezzo di qualità, in uno stato idoneo all’uso appropriato, e che ci fosse tutto ciò che era necessario per tale uso.

  • 1293

Quando viene consumato, il frutto appartiene al proprietario. Tuttavia, il proprietario sostituirà ciò che ha speso a lui in base alle disposizioni del titolare onesto. Per altri vantaggi, l’utente ha il diritto di richiedere il tempo necessario.

Disposizioni comuni
§ 1294

Se si stabilisce il diritto di uso o usufrutto zuživatelným sostituisce cose l’utente o il destinatario delle cose da affrontare a loro piacimento. Quando il suo diritto finisce, restituisce la stessa quantità di cose dello stesso tipo e qualità.

  • 1295

(1) L’ utente o il principale beneficiario degli interessi pagati ha diritto solo a tali interessi. L’interesse appartiene all’utente o al beneficiario e al preponente, che, a seguito di un cambiamento, avrà luogo nel luogo del principale.

(2) L’ utente o l’utente e il creditore decidono insieme se deve agire. Se non sono d’accordo, il tribunale decide.

(3) Il debitore libererà il debito solo rimborsando il capitale congiuntamente al creditore e alla persona che è l’utente o il consumatore. Ciascuno dei due, il creditore nonché l’utente o il destinatario, può solo richiedere che entrambi siano depositati presso il preponente in custodia notarile o giudiziaria.

  • 1296

Il proprietario non può richiedere all’utente o all’utente di fornire la sostanza a meno che non vi sia un pericolo. Se la sicurezza non viene fornita, il proprietario può, se del caso, richiedere il rilascio dell’articolo come pegno.

Servizio dell’appartamento
§ 1297

Se viene stabilito il servizio di un appartamento, si considera che sia stato stabilito come servizio d’uso.

  • 1298

Il proprietario possiede il diritto di disporre liberamente di tutte le parti della casa a cui la servitù dell’appartamento non è soggetta e non deve essere impedita dalla supervisione richiesta.

Sottosezione 6

Cessazione del servizio
§ 1299

(1) Il servizio deve cessare con un cambiamento permanente per il quale il servitore non può più servire il terreno dominato o la persona autorizzata.

(2) Quando un cambiamento permanente nella sproporzione lordo sottostante tra il carico e la cameriera roba vantaggio di terreno prevalente o il proprietario beneficiario delle cameriere cose può pretendere limitazione o di revoca del ministero per la compensazione adeguata.

  • 1300

(1) Qualora le parti concordino che il servizio venga cancellato nell’elenco pubblico, il servizio cesserà con la cancellazione dall’elenco pubblico.

(2) Il periodo per il quale un servo è stato stabilito può anche essere organizzato in modo che il servizio cessi se una persona raggiunge una certa età. In tal caso, si presume che la precedente morte di quella persona non influenzi la durata del servizio.

  • 1301

Combinando la proprietà di un signore e un servo in una sola persona, il servizio non cessa di esistere.

  • 1302

(1) Il servizio personale deve essere risolto dalla morte della persona autorizzata; entrambi gli eredi del servizio e gli eredi sono considerati gli eredi legali di prima classe. Se il servizio personale di una persona è stato una persona giuridica, il servizio dura finché dura quella persona.

(2) Se la manutenzione del funzionamento dell’impianto non viene estinta dal trasferimento o dal trasferimento dell’impianto o di parte di esso, che sarà gestito come impianto separato.

Sottosezione 7

Carichi reali
§ 1303

(1) Quando il caso è iscritto nel registro pubblico può essere caricato con onere reale in modo che il proprietario temporanea delle cose è come il debitore è tenuto verso la persona autorizzata a darle qualcosa o fare qualcosa.

(2) Molte cose possono essere appesantite per lo stesso carico reale.

  • 1304

L’onere illimitato in tempo reale può essere impostato solo come riscattabile e le condizioni di acquisto devono essere predeterminate quando viene stabilito il carico reale.

  • 1305

Se viene stabilito il vero peso dell’azione legale, viene creato inserendolo nell’elenco pubblico.

  • 1306

Se il reale onere del rimborso dipende dal rimborso, può essere richiesta la conservazione o il rimborso, sia dalla persona di cui è titolare il beneficio sia l’attuale proprietario, ma solo dal reale onere dell’onere.

  • 1307

(1) Il proprietario del carico deve astenersi da qualsiasi cosa che possa causare il deterioramento della persona a scapito della persona avente diritto dal carico reale.

(2) insufficiente se la cosa è vera prova della colpevolezza del proprietario o la cui mancanza diventa chiaro solo più tardi, nella stessa misura in cui lo era quando è stato istituito per esso, proprietario corretto dello stato di un titolo o in altro modo, ad una persona autorizzata vero peso non ha subito danni.

  • 1308

La scomparsa degli oneri reali è analogamente basata sulle disposizioni sulla cessazione del servizio.

Sezione 3

Legge di pegno
Sottosezione 1

Disposizioni generali
§ 1309

(1) Quando un debito garantito da un permesso pegno creditore non riesce se il debito mutuatario correttamente e per tempo, di soddisfare i proventi derivanti dalla liquidazione della garanzia per l’importo concordato, ed a meno che questi accordi, per l’ammontare dei crediti con accessori alla data di liquidazione della garanzia.

(2) Accordo vieta stabilire un pegno ha effetti nei confronti di terzi solo se questo divieto è iscritto nel registro dei pegni da altre normative o di un elenco pubblico, o se è stato conosciuto.

  • 1310

(1) Un impegno può essere qualsiasi cosa che può essere scambiata.

(2) Un diritto di pegno può anche essere creato per la proprietà a cui il debitore pignoramento avrà diritto a un diritto di proprietà in futuro. Se una cosa del genere è registrata nella lista pubblica o nel registro degli impegni, un pegno sarà inserito nel pegno se il proprietario è d’accordo con esso.

  • 1311

(1) Un debito di un determinato importo o debito può essere garantito da pegno, il cui importo può essere determinato in qualsiasi momento durante la durata del diritto di pegno. Un mutuo può essere garantito da un privilegio, sia monetario che non monetario, contingente o anche quello che deve essere sostenuto solo in futuro.

(2) Il vincolo può anche fornire un certo tipo derivanti debiti verso debitore pignoratizio a un certo momento, o anche vari debiti derivanti contro pignoratizio le stesse ragioni legali.

Sottosezione 2

sosta
§ 1312

(1) Il pegno deve essere costituito da pegno. In esso le parti negoziano che cosa è un impegno e per quale debito è costituito il privilegio; se il debito è garantito da debiti giovanili o più, è sufficiente concordare l’importo massimo del capitale garantito.

(2) Il pegno può essere determinato individualmente o in qualsiasi altro modo in modo che possa essere determinato in qualsiasi momento durante la durata del privilegio.

  • 1313

Il privilegio prevede il debito e i suoi accessori; se specificamente concordato, allora una penalità contrattuale.

  • 1314

(1) Se una cosa mobile non è impegnata come pegno a un pegno o a una terza persona a fornirla per il pegno, per il pegno è richiesta una forma scritta.

(2) L’accordo di pegno richiede la forma di uno strumento autentico,

(a) se una collisione è una pianta o altra materia alla rinfusa,

(b) quando il bene immobile è una garanzia che non è soggetta a registrazione nel registro pubblico, o

(c) se il diritto di pegno su beni mobili è creato dalla voce nel registro dei pegni.

  • 1315

Accordi vietati
(1) Sono vietate le disposizioni in base alle quali il debitore o il pegno non possono pagare il pegno.

(2) Fino al raggiungimento del debito garantito, è vietato concordarlo

  1. a) il creditore pignoratizio non cerca soddisfazione dal pegno,
  2. b) il creditore può contenere qualsiasi metodo o realizzare per un prezzo arbitraria o predeterminata può mantenere o

(c) il mutuante può trarre beneficio o benefici dal pegno.

(3) Se il datore di pegno o impegno debitore è un consumatore o di una persona che è una piccola o media impresa, ignorando gli accordi con i contenuti di cui al paragrafo 2. (b), se si è verificato prima della scadenza del debito garantito o anche dopo che il debito garantito ha raggiunto.

  • 1316

Un privilegio su una questione registrata in un elenco pubblico è stabilito dalla voce in questo elenco, salvo diversa disposizione di altre leggi.

  • 1317

(1) Il diritto di pegno sui beni mobili deve essere costituito dalla restituzione al pegno. Se richiesto di fermarsi, dà il suo legame creditore, che dettaglia l’arresto in modo che le altre cose sufficientemente differenziati.

(2) La consegna di un oggetto mobile può essere sostituita da un segno che la cosa è contrassegnata come fermata. Se un pegno è stato creato da un marchio, può essere invocato contro terzi se non è stato fatto in buona fede; altrimenti si considera che l’oggetto non è stato contrassegnato.

  • 1318

Quando specificato dal contratto di garanzia, un pegno sulla beni mobili da parte del datore di pegno o creditore pignoratizio deve sottoporre la questione ad un terzo, per essere amato per il creditore ipotecario e pegno debitore. Salvo patto contrario, paga i costi ad esso associati.

  • 1319

(1) Quando il pegno è determinato, un pegno sarà creato con l’iscrizione nel registro dei privilegi.

(2) Il diritto di pegno su oggetti immobili non iscritti alla lista pubblica, alla fabbrica e ai beni mobili sfusi nascerà mediante l’iscrizione nel registro degli impegni.

(3) Il notaio che ha sottoscritto l’accordo di pegno registra il registro di pegno senza indebito ritardo dopo la conclusione dell’accordo di pegno.

Fermare una partecipazione in una società
§ 1320

(1) Se una partecipazione in una società può essere liberamente trasferita, può essere stabilito un pegno per essa; se la quota può essere trasferita solo a determinate condizioni, sono necessarie le stesse condizioni quando viene interrotta. Questo non è il caso se la sospensione della quota proibisce o limita il contratto sociale.

(2) Se la quota è rappresentata da un titolo, la sicurezza è solo una sicurezza.

  • 1321

Il contratto che la società accetta nella propria quota non viene preso in considerazione.

  • 1322

(1) Il diritto di pegno sulla quota deve derivare dall’iscrizione nel registro pubblico nel quale la società è registrata.

(2) Un pegno o un privilegio comunicano alla società la creazione di un diritto di pegno senza indebito ritardo; La notifica è richiesta, tuttavia, se l’autorità competente della società di sospendere l’approvazione della condivisione.

  • 1323

Se la quota è legata ai diritti di voto, il privilegio può essere esercitato solo se concordato.

  • 1324

(1) Al ricevimento di un credito, il creditore pegno acquisisce il diritto al contante e ad altri benefici materiali derivanti dalla partecipazione nella società fino all’importo del debito garantito. Questi pagamenti sono conteggiati per il pagamento del debito a meno che le parti non decidano diversamente.

(2) Se un debitore o un debitore negano in tribunale l’ammontare o l’esistenza di un debito, la prestazione di cui al paragrafo 1 è fornita senza indebito ritardo dopo che l’autorità giudiziaria ha deciso l’importo o l’esistenza del debito; fino a quel momento, la persona che deve fornire il vantaggio non è in default.

  • 1325

Il creditore pegno comunicherà a tutti gli azionisti l’inizio dell’esercizio del privilegio. Se questi azionisti hanno un diritto di prelazione, il diritto di prelazione cessa di esistere se gli azionisti non esercitano il loro impegno quando li accoppiano.

  • 1326

Se così concordato, il creditore pegno acquisirà la quota impegnata nel momento in cui il suo tentativo di monetizzare la sua partecipazione al pegno non avrà successo. A meno che non sia stato concordato che un pegno acquisisca già una partecipazione costituita, il pignoratizio può, da quel momento, esercitare i diritti societari collegati alla quota.

  • 1327

(1) Se il creditore pignoratizio non ha avuto successo nel tentativo di monetizzare la quota, al debitore pignoratizio può essere richiesto di trasferire la quota impegnata del debito a lui in normali condizioni di mercato. Se il creditore pegno non applica il suo diritto entro un mese dal giorno in cui il suo tentativo di monetizzare la sua partecipazione non ha successo, il suo diritto cessa di esistere.

(2) non sarà convertito se il mutuo mutuatario quota di creditore pignoratizio, entro un mese dal giorno in cui è stato chiamato a farlo, il creditore pignoratizio può esigere che il contenuto del contratto da parte del giudice.

Sospensione di una sicurezza o di una sicurezza contabile
§ 1328

(1) Un pegno su un titolo sorge sulla sua consegna al creditore. Quando specificato dal contratto di garanzia, un pegno su un titolo da parte del datore di pegno o passaggi di sicurezza creditore pignoratizio e una copia del contratto di mutuo a terzi in modo per loro di arrestare amare.

(2) Un pegno contenente la clausola “stop” o altre parole aventi lo stesso significato e il nome del creditore pignoratizio devono anche essere tenuti a creare un pegno su un titolo.

(3) Ujednají Se le parti di un pegno su un titolo al portatore scrivere un pegno nel registro dei pegni, richiede la presentazione di arrestare una persona che ha un diritto di pegno iscritto nel registro degli impegni, per tutta la durata del vincolo.

  • 1329

(1) Laddove la sicurezza sia già in custodia, verrà creato un pegno mediante la notifica del pegno o del pegno al depositante unitamente alla copia del pegno. Dopo la consegna dell’avviso, la cauzione è stata depositata insieme sia per il pegno che per il debitore. Le disposizioni della sezione 1328 (2) non sono quindi pregiudicate.

(2) Chiunque tenga la sicurezza in una maniera commerciale deve indicare la sua sospensione nei suoi registri in modo che sia chiaro a lui chi il pegno è un pegno; salvalo separatamente, a meno che non si tratti di una memoria di massa.

  • 1330

Se viene trovata una sicurezza quando una terza parte viene rescissa in base ad un contratto con il suo proprietario, la garanzia può essere rilasciata al pegno solo con il consenso del privilegio.

  • 1331

(1) La sicurezza del libro contabile deve dare origine al pegno mediante la registrazione sul conto del proprietario nel registro pertinente. L’iscrizione deve essere effettuata dalla persona autorizzata a tenere questo registro sull’ordine del debitore debitore sul conto del suo conto. Se viene concesso un pegno, un debitore personale o un pegno, il pegno deve essere iscritto nel pegno se il conduttore dimostra la costituzione del privilegio.

(2) Il diritto di pegno cancellata dal registro del relativo di una persona autorizzata a registrare questo cavo. Quando somministrato comando debitore ipotecario, mutuatario personale o Pledger, cancellare il pegno, se il principale prova che un fatto che è altrimenti annulla il diritto di pegno.

  • 1332

(1) Per la durata del diritto di pegno, il pegno può esercitare i diritti annessi alla garanzia sospesa nella misura stabilita dalle parti.

(2) Il reddito ed altri benefici monetari dalla sicurezza, le disposizioni relative alla realizzazione dei crediti in pegno, a meno che il creditore pignoratizio rinunci a tale diritto a favore del debitore pegno.

Arrestare il conto del proprietario dei titoli di libri contabili
§ 1333

Un diritto di pegno sul conto dei titoli contabili deve essere iscritto nel registro pertinente. Per la registrazione e la cancellazione del privilegio, la sezione 1331 si applica mutatis mutandis.

  • 1334

(1) Un pegno su titoli dematerializzati del proprietario dell’account si applica a tutti i titoli che sono registrati nel conto di pegno su titoli trasferiti su un conto impegnato per tutta la durata del vincolo. Le disposizioni che disciplinano il pegno sui singoli titoli si applicano anche ai titoli registrati in un conto sospeso.

(2) Se un titolo viene trasferito da un conto costituito in pegno con il consenso preliminare del creditore pignoratizio, il trasferimento e il pegno su tale titolo scadono.

Fermare il reclamo
§ 1335

(1) Un credito che può essere assegnato ad un altro può essere fermato. Se la garanzia è un credito del creditore pignoratizio, il debito e il debito non cessano con la fusione tra il creditore e il debitore.

(2) Un pegno su un contratto di credito di sicurezza efficace, a meno che non viene negoziato in seguito gli effetti di tempo nei confronti del debitore impegnato crediti Tuttavia pegno prende fino a che non viene notificato di pegno debitore o creditore pignoratizio dimostra. Questo non si applica se le parti organizzano la registrazione del privilegio nel registro degli impegni.

  • 1336

(1) prima della scadenza del debito garantito, il debitore può adempiere la promessa di rivendicare integrale solo al creditore pignoratizio e il datore di pegno. Ognuno di loro ha il diritto di richiedere al debitore di eseguire l’esecuzione a favore di entrambi per l’affidamento a terzi; se il creditore pignoratizio e il pignoratizio non concordano sulla garanzia, essa sarà determinata dal tribunale sull’applicazione di una delle parti. Se il debito garantito viene raggiunto, il depositante deve concedere al creditore tutto il necessario per la sua soddisfazione.

(2) Se il debito garantito è dovuto, il creditore pignoratizio ha il diritto di eseguire il debitore del credito promesso solo a lui; se si applica, riferisce al creditore del credito promesso. Se il credito sospeso non è ancora dovuto, il creditore pignoratizio ha il diritto di essergli assegnato.

  • 1337

Dove i crediti impegnato dai fondi emessi dal creditore pignoratizio Costituente tutto ciò che supera il credito garantito, compresi gli accessori ed i costi per i quali il rimborso ha pignoratizio destra. Se un’altra cosa è fatta, il pegno passa su questa cosa.

  • 1338

(1) Se la durata del diritto promesso è dovuta all’azione legale del creditore, in particolare la risoluzione o il ritiro, il consenso del creditore non è richiesto. Un creditore pignoratizio può richiedere al creditore di agire legalmente in caso di rischio di sicurezza.

(2) Laddove sia richiesta l’azione legale del debitore, tale azione legale avrà effetti se è stata anche notificata al creditore pegno.

  • 1339

Se un privilegio è stato regolato per un credito da un conto, il creditore pegno ha il diritto di ordinare al titolare del conto di pagare il saldo del conto all’importo del debito garantito se notifica l’ammontare e la scadenza del debito coperto.

  • 1340

Le disposizioni delle sezioni 1336 e 1338 si applicano a meno che le parti non lo considerino diversamente. Se è stato concordato che il creditore ha bisogno del consenso del creditore pignoratizio per porre fine o altrimenti impegnarsi in procedimenti giudiziari, il creditore può richiedere il consenso se esiste un rischio di sicurezza.

  • 1341

Futuro pegno
(1) Se un pegno deve essere impegnato per il debitore del debitore in futuro, un pegno sarà creato dall’acquisizione del titolo al debitore.

(2) Laddove un pegno debba essere inserito nella lista pubblica o nel registro degli impegni, e se vi è iscritto un pegno futuro, sarà stabilito un privilegio con l’acquisizione del diritto di pegno dal pegno.

  • 1342

Il privilegio sulla decisione dell’autorità pubblica
Laddove un vincolo sia stabilito da una decisione di un’autorità pubblica, un privilegio diventa esecutivo se non è previsto un periodo successivo. Se è richiesto un pegno per inserire un registro di pegno o una lista pubblica speciale, il privilegio deve essere inserito lì.

  • 1343

Fermare una cosa strana
(1) Una guardia può solo dare una questione estera come garanzia con il consenso del proprietario.

(2) E ‘possibile se il datore di pegno a garanzia di cosa mobile straniero senza il consenso del proprietario, un pegno, se la cosa viene consegnato al creditore pignoratizio e lui accetta in buona fede che il Costituente ha il diritto di fermare la cosa.

(3) Se una persona ha un diritto reale incompatibile con un diritto di pegno su una questione in sospeso, i paragrafi 1 e 2 si applicano mutatis mutandis.

  • 1344

Si interrompe se il datore di pegno banchi di pegno beni mobili stranieri in gara, ea meno che non è una cosa del proprietario Costituente ha detto il proprietario al provider zastavárenského destra gara di pubblicare le cose, se prova che la perdita o causa persa reato natura intenzionale del reato. Zastavárenského gestore dell’impianto ha il diritto di richiedere al proprietario di dirgli prima del rilascio delle cose pagato l’importo pagato dal datore di pegno o di interessi maturati.

  • 1345

Vespolné záložní právo
Per lo stesso debito, puoi anche fermare diverse cose. Se lo stesso debito prevede diversi pegni separati, il pegno si può accontentare di uno di essi o di tutti gli impegni.

Sottosezione 3

Portata del privilegio
§ 1346

(1) Il diritto di pegno si applica al pegno, al suo aumento e accessori, a meno che il pegno non decida diversamente. Dalla frutta e dai benefici, la patente copre solo quelli che non sono separati.

(2) In caso di risoluzione del credito, anche il diritto del creditore pignoratizio è il diritto che garantisce il credito.

  • 1347

Quando un bene collettivo viene fermato, il privilegio copre i singoli impegni che appartengono al pegno e al suo servizio, ovunque si trovino. Il privilegio si applica a ogni singola cosa che verrà aggiunta alla cosa di massa e scomparirà in ogni singola cosa che si separa dalla cosa di massa.

  • 1348

Se il privilegio di un pegno su una questione collettiva stabilisce un diritto indipendente di pegno alla singola cosa che è un pegno, il pegno non deve sorgere. Se un privilegio è emerso su una questione particolare prima che la questione di massa sia stata aggiunta o l’oggetto collettivo sia stato sospeso, si applicano le disposizioni sull’ordine del privilegio.

  • 1349

Sulla durata e la portata di un pegno su un titolo non influenza lo scambio promesso di sicurezza emittente pegno debitore per un altro titolo o la conversione di titoli a dematerializzati titoli o la conversione dei titoli dematerializzati sui titoli. Se il titolo deriva dalla conversione o conversione, l’emittente si impegna l’emittente a rilasciare una garanzia alla persona autorizzata ad avere la sicurezza con lui.

  • 1350

(1) Se il pegno viene convertito in una nuova questione, verrà imposto il pegno e la nuova questione.

(2) Se il pegno è collegato a un’altra cosa, il creditore pegno ha il diritto di ripristinare la condizione precedente al costo del debitore in garanzia. Se ciò non è possibile, il privilegio è soggetto al tutto, ma solo al valore del pegno al momento della fusione. Se la tariffa è valutata, si considera che il prezzo del pegno determini l’ammontare della valutazione.

  • 1351

Nel dividere la cosa impegnata, il pegno sarà imposto su tutte le questioni derivanti dalla divisione.

  • 1352

Se ci sono due impegni, stanno cercando il privilegio, come se non si unissero; ciò non si applica se i pegni comuni assicurano che lo stesso debito sia soddisfatto.

Sottosezione 4

Diritti e doveri di pegno
§ 1353

Un pegno si asterrà da tutto ciò che il pegno esacerba a spese del pegno. Se il vincolo del privilegio è insufficiente o la sicurezza è ridotta, il debitore ipotecario deve rifornirlo adeguatamente.

  • 1354

(1) Se l’impegno è assicurato e si verifica quando l’evento assicurato, assicurazione completa dal contratto di assicurazione il creditore pignoratizio se prova l’assicurazione pignoratizio nel tempo che le cose davvero il suo pegno o intimi con lei in Pledger tempo o il debitore pegno .

(2) Un creditore pegno ha il diritto di trattenere e soddisfare l’esecuzione del contratto di assicurazione se il suo reclamo non è debitamente e in tempo utile, se non diversamente concordato. Ciò che supera la richiesta, compresi gli accessori e i costi a cui il diritto di pegno è intitolato, è impegnato dal pegno sul creditore pignoratizio.

  • 1355

Se il pegno è trasferito a un altro senza il consenso del creditore pignoratizio, non ha effetti giuridici con il creditore pignoratizio. Questo non si applica se le parti concordano che non è necessario il consenso.

  • 1356

(1) Il pegno a cui è stato consegnato il pegno ha il diritto di portarlo con sé per tutta la durata del pegno. È tenuta a prendersi cura di lei come un uomo buono e lei ha il diritto di rimborsare i costi associati a lei come titolare onesto.

(2) Un privilegio può utilizzare il pegno solo con il consenso del debitore e il metodo per il debitore in pegno in modo innocuo; se il creditore pignoratizio è in buona fede convinto che il pegno è il pegno, l’impegno è sufficiente. Salvo patto contrario, beneficerai dell’obbligo di rimborsare le spese di cui al paragrafo 1.

  • 1357

Se è stata interrotta la materia consegnato a terzi in custodia, la persona deve impegnarsi a utilizzare o consentire l’uso di un altro, o di restituirlo ad un’altra persona; se lo fa, è anche responsabile di una coincidenza che non influisce sull’impegno.

  • 1358

Ogni volta che il fatto essenziale del pegno iscritto nel registro degli impegni o in un elenco pubblico e non ha un altro pezzo di legislazione necessaria per fare domanda per un cambio dell’iscrizione ad altra persona chiede un cambiamento di registrazione, senza indebito ritardo, colui che il modifica; se non può essere determinato, richiederà un creditore in pegno per effettuare la modifica. Se più di una persona ha questo obbligo, è sufficiente che almeno uno di essi adempia a questo obbligo.

Sottosezione 5

Esecuzione del privilegio
§ 1359

(1) Quando il debito garantito dovuto, il creditore pignoratizio può soddisfare una maniera di cui era stato concordato con il datore di pegno o impegnare il mutuatario, per iscritto, o il ricavato della liquidazione delle garanzie in un asta pubblica o la vendita di garanzie da un’altra legge. Se le garanzie reali sono ammessi alla negoziazione in mercato regolamentato europeo, ha venduto sul mercato o fuori dal mercato, almeno ad un prezzo determinato da un mercato regolamentato europeo.

(2) Un creditore pegno ha il diritto di rimborsare i costi necessari sostenuti nell’esercizio del privilegio.

  • 1360

Se è stato concordato che il pegno può vendere il pegno in un modo diverso da un’asta pubblica, vincola anche il successore legale del pegno. Il debitore del privilegio attira l’attenzione sulla garanzia del cedente in relazione al diritto del creditore di vendere la garanzia in tal modo.

  • 1361

Se il debitore contro la necessità di azioni specifiche per il debito maturato, questi devono essere le azioni per le differenze nella persona del debitore personale e ipotecario diretto contro datore di pegno al creditore pignoratizio può soddisfare il pegno.

  • 1362

(1) Il creditore notificherà per iscritto al pignoratizio l’inizio dell’esercizio del diritto di pegno; dichiarerà come si soddisferà.

(2) Se un pegno registrato nell’elenco pubblico o registro dei pegni, garantendo registrazione pignoratizio esecuzione inizio pegno anche in questo registro.

  • 1363

Se si stavano iniziando il potere pegno Costituente riportato, deve, senza il consenso del pegno ipotecario di disporne. La violazione del divieto colpisce i diritti dell’acquirente al quale il datore di pegno trasferì la proprietà delle cose nel corso di normali operazioni commerciali nel suo commercio, a meno che il licenziatario sapeva o doveva sapere le circostanze che è stato avviato l’esercizio del diritto di pegno.

  • 1364

(1) Il creditore pignoratizio può rendersi conto arresta subito dopo trenta giorni dopo l’inizio dell’esercizio pegno pegno debitore ha detto.

(2) Se un esercizio inizio di pegno stipulato l’elenco pubblico o registro degli impegni dopo il creditore pignoratizio iniziare l’allenamento pegno Costituente annunciato termine di trenta giorni dalla data di registrazione in un elenco pubblico o il registro dei pegni.

(3) Se è stato concordato un termine più breve prima dell’annuncio, questo deve essere ignorato.

  • 1365

(1) di negoziare se il creditore pignoratizio può impegnarsi a vendere diverso all’asta procede nella vendita di cura professionale per se stessi e nell’interesse del debitore pegno in modo che la garanzia ha venduto per un prezzo al quale possono essere cosa di paragonabile di solito vendono in circostanze simili in un dato luogo e in un dato momento. Se il creditore dell’impegno viola quest’obbligo, ciò non pregiudica i diritti di terzi acquisiti in buona fede.

(2) negoziare se, come creditore pignoratizio incassare collaterale, il creditore può, in qualsiasi momento durante l’esecuzione del pegno del suo modo di cambiare questo impegno sarà venduto all’asta pubblica o lei incassare un’altra legge. Le modifiche al modo in cui il pegno è esercitato devono essere comunicate per iscritto dal creditore al debitore per iscritto.

  • 1366

Se richiesto da un potenziale acquisizione cosa in pegno o banditore dimostra che pignoratizio di iniziare l’allenamento un pegno annunciato datore di pegno.

  • 1367

(1) Il debitore pegno tollerare esercizio pegno dà al creditore pegno con un impegno a prendere i documenti necessari, la vendita e l’uso, e dotarla di altre forme di assistenza necessaria. Se una terza persona ha un pegno o azioni, ha lo stesso obbligo.

(2) Chiunque si impegna a vicenda si astiene da qualsiasi cosa che possa diminuire il valore della sicurezza; la normale usura è ignorata.

  • 1368

(1) Il credito deve essere pagato con i proventi del pegno del pegno, compresi gli accessori e i costi a cui il creditore pignoratizio ha diritto al risarcimento. Se è stato garantito un debito non monetario, si ritiene che il creditore abbia diritto a prestazioni in denaro fino all’importo normale del credito al momento del diritto di privilegio; questo è vero anche se lo strumento di debito garantito non è monetario.

(2) Il pagamento dei debiti derivanti dalla liquidazione delle garanzie Costituente stessi diritti come sarebbe soddisfare il debito stesso.

  • 1369

Il creditore pignoratizio deve pegno debitore senza indebito ritardo la liquidazione del pegno in scrittura di una relazione indicante i particolari della vendita della garanzia, ed i costi ad esso associati, nonché altri costi per i quali il rimborso ha diritto pignoratizio, il ricavato della vendita e l’uso.

  • 1370

Un mutuatario personale paga ciò che non ottiene, se paga l’importo del debito dovuto al pegno. Il debitore del debitore appartiene a quello che sarà più guadagnato.

Sottosezione 6

Esecuzione di pegno su più creditori di pegno
§ 1371

(1) Se alla garanzia viene imposto un maggior numero di diritti di pegno, l’ordine di pegno sarà determinato dalla durata del diritto di pegno. Se un privilegio deve essere registrato in un elenco pubblico, il momento della presentazione della domanda per la registrazione è l’ordine dell’ordine.

(2) Se la cosa pegno, che ha datore di pegno per creare diritti di proprietà solo in futuro, determinare l’ordine di vincoli per il momento della conclusione del contratto di pegno; se il futuro pegno è iscritto nel registro degli impegni o nella lista pubblica, deve essere determinato l’ordine in cui sono state presentate le domande di registrazione.

(3) Davvero se su Beni mobili più gravami soddisfare il diritto del creditore pignoratizio iscritto nel registro degli impegni o l’elenco di pubblico, in ordine di iscrizione di priorità di fronte alla legge risultante in un altro modo. Il diritto derivante dal deposito di un diritto di pegno da parte di un pegno o di una terza parte soddisfa preferibilmente il diritto di contrassegnare il marchio con un segno.

  • 1372

(1) Se più diritti di pegno derivano da pegni, i creditori di pegno possono emettere un ordine scritto per iscritto. L’accordo è efficace nei confronti di terzi dall’iscrizione nel registro degli impegni o nell’elenco pubblico se è richiesta la registrazione di un privilegio in tale elenco. L’esecuzione della quotazione sarà proposta congiuntamente da tutti i creditori che hanno promosso l’ordine di pegno.

(2) Se i diritti di un creditore pignoratizio che non ha aderito all’accordo devono essere ridotti dall’accordo, non ha effetti giuridici nei confronti del creditore.

  • 1373

(1) Il creditore pegno annuncia anche l’inizio dell’esercizio del diritto di pegno su quei privilegi che hanno diritto alla soddisfazione nell’ordine che precede la loro graduatoria. La sezione 1362 si applica mutatis mutandis.

(2) Il creditore pignoratizio può rendersi conto arrestare subito dopo la scadenza di trenta giorni dalla notifica di tutti gli impegni di cui al paragrafo 1. La presente non si applica se lo comunicato entro tale termine, il creditore pignoratizio, che comprendono il diritto alla soddisfazione nel suo precedente sequenza di rango che inizia con se stessa l’esercizio del suo privilegio; se il creditore non riesce a eseguire il privilegio senza indebito ritardo, la sua notifica deve essere ignorata.

  • 1374

(1) Esegue se il vincolo pignoratizio, che è il primo al fine di soddisfare privilegi applicabili (il “creditore ipotecario preferito”), passa al pegno acquirente vincolato ad altri privilegi.

(2) se superano i proventi derivanti dalla vendita di garanzie credito, compresi gli accessori ed i costi per i quali il rimborso è giusto conservato surplus pignoratizio priorità in custodia giudiziaria a favore dei creditori di altri crediti, che testimonia pegno e promessa del debitore, a meno che non è d’accordo con altrimenti.

(3) Dall’eccedenza, i creditori degli altri crediti comprovati da pegno devono essere soddisfatti nell’ordine di importanza decisiva per il soddisfacimento del privilegio. Ciò che rimane sarà rilasciato al pegno.

  • 1375

(1) Esegue se il creditore pignoratizio impegno diverso i passi preferiti all’acquirente ha impegnato impegnato di erogatori di mutui ipotecari, il cui diritto di soddisfare precede il suo ordine. Il Beneficiario pagato, incluso il prestito, deve informare la Banca Depositaria della garanzia a tempo debito.

(2) Il creditore pignoratizio esercitare il loro diritto di pegno e promessa acquirente garantire la registrazione del cambiamento della persona di pegno del debitore nel registro dei pegni o la lista pubblica, se necessario tale registrazione alla creazione di un pegno, altrimenti il danno causato sostituendo in tal modo.

(3) I diritti dei creditori pignorati il ​​cui diritto al soddisfacimento segue l’ordine del creditore che esercita il privilegio di cui al paragrafo 1 si applica per analogia al § 1374.

Sottosezione 7

Risoluzione del privilegio
§ 1376

Se il debito garantito cessa di esistere, anche il diritto di pegno decade.

  • 1377

(1) Il pegno sarà estinto ma il credito durerà,

  1. a) se l’impegno fallisce,

(b) se il creditore pegno rinuncia al privilegio,

(c) il pegno del pegno è restituito al pegno o al creditore pignoratizio,

  1. d) se il creditore pignoratizio o il debitore si impegna a pignorare il prezzo dell’elemento costituito in garanzia, o
  2. e) se è trascorso il periodo per il quale il vincolo è stato stabilito.

(2) Gli effetti di cui al paragrafo 1 si verificano anche se un’altra persona ha acquisito il diritto di proprietà in buona fede ritenendo che la questione non sia soggetta a pegno. Questo non si applica se il privilegio è inserito nel registro degli impegni o sulla lista pubblica.

(3) Se la questione e il diritto di vincolo non sono inclusi nell’elenco pubblico, gli effetti di cui al paragrafo 1 si verificano anche se il pegno o parte di esso è stato trasferito

(a) e il contratto di pegno determina che la garanzia o parte di essa può essere trasferita senza pegno o pegno;

(b) nel corso di normali operazioni commerciali dell’attività del cedente.

  • 1378

Se il diritto di pegno è inserito nel registro degli impegni o nella lista pubblica anche dopo che è cessato di esistere, è un difetto dell’impegno.

  • 1379

(1) cessa di avere un diritto di pegno iscritto nel registro degli impegni, chiedere al creditore pignoratizio, senza indebito ritardo sulla cancellazione e il privilegio è eliminato. Questo è vero anche se il vincolo è stato registrato nella lista pubblica, a meno che le parti hanno convenuto che il creditore pignoratizio per le richieste di cancellazione o titolare di pegno ha chiesto la registrazione del vincolo rilasciato.

(2) Il debitore privilegio ha il diritto di richiedere la cancellazione del pegno; Se non scaduto scadere pegno del periodo sarà cancellato dal registro dei pegni o la lista pubblico se dimostra l’estinzione distrainee del documento pegno certificata dal creditore pignoratizio o la decisione del tribunale o altro documento pubblico. Un fallimento da parte del creditore pignoratizio alla cessazione richiesta del datore di pegno dei danni lien ha causato.

Sottosezione 8

Diritti di proprietà per rilasciare l’impegno
§ 1380

Ogni volta che un arresto e la scomparsa di pegno a meno che non in una voce di directory pubblica del vincolo anche cancellati, sarà un diritto di pegno immobiliare cose rilassato e sciolto possono combinare con un altro debito pegno che non superi il debito originario.

  • 1381

Se richiesto al proprietario, è entrato in un elenco pubblico del rilascio pegno e assicurarsi che il debito originale è passato se mostra l’estinzione del documento pegno certificato dalla decisione creditore pignoratizio o tribunale o altro documento pubblico. Fallimento di un proprietario ha rilasciato un altro debito pegno a dieci anni dalla registrazione, il rilascio di pegno, il suo diritto di farlo scade.

  • 1382

Se il rilascio del privilegio è inserito nella lista pubblica, può essere cancellato solo 10 anni prima della scadenza di dieci anni.

  • 1383

Se il proprietario non riesce a ottenere un nuovo debito con un pegno, il mutuo promesso non sarà preso in considerazione quando il rendimento sarà diviso.

  • 1384

Essa si impegna a proprietario quando pegno o poi, il vincolo registrati nell’ordine preferito non fornisce nuovo debito, e se è nella lista pubblica dei registrati, non pegno sciolti nuovo debito, fintanto che il vincolo per il creditore, in cui il proprietario si è impegnato.

Sottosezione 9

Sostituzione del privilegio
§ 1385

Se ci fosse un pegno entrato nella lista pubblica, il proprietario può roba richiesta che l’ordine di pegno bastone-sulle cose e garantire il debito che non superi il debito originale è stato registrato pegno a condizione che un anno dopo la registrazione del nuovo vincolo sarà vecchio pegno giusto chiarito.

  • 1386

La cancellazione del vecchio pegno può essere richiesta dal proprietario della proprietà o dal creditore a favore del quale il nuovo pegno sarà stabilito. Se non riesce a farlo con successo durante l’anno, il nuovo privilegio cadrà in questa epoca. L’autorità pubblica competente deve anche eliminare il nuovo privilegio per conto proprio, insieme a tutti i documenti relativi.

  • 1387

In realtà, se il vecchio privilegio o altre restrizioni giusti registrati in un elenco pubblico, il romanzo pegno a questa lista per registrare a condizione che l’errore viene cancellato, il consenso delle parti o trasferito ad un nuovo pegno.

  • 1388

Essa si impegna a proprietario quando pegno o poi, non permetteranno l’ingresso di un nuovo pegno al posto del vecchio, e se non iscritti in un elenco pubblico, non il vecchio pegno nel nuovo convertito.

  • 1389

Se il nuovo privilegio deve essere inserito al posto di più privilegi elencati consecutivamente, le disposizioni della presente sottosezione si applicano mutatis mutandis.

Sottosezione 10

Legge sub-costituzionale
§ 1390

Il diritto costituzionale nasce dalla sospensione della richiesta, che è un segno di vincolo.

  • 1391

(1) Il consenso del debitore non è necessario per fermare il credito. Il diritto costituzionale nei confronti di lui acquisisce gli effetti,

  1. a) se è stata ricevuta la notifica della sua origine, oppure

(b) se il pegno è una questione in relazione alla quale il diritto al pegno è stabilito dall’iscrizione nel registro degli impegni o da uno speciale elenco pubblico mediante la registrazione in tale elenco; questa registrazione è un sub-diritto.

(2) La notifica di cui al paragrafo 1 può essere effettuata da una sottocomponente o subconcittore; ciò deve essere dimostrato dal diritto del subappaltatore al debitore subdepositario.

  • 1392

La sottosezione non è sollevata dall’obbligo di cui all’articolo 1353 al subconcittore.

  • 1393

Un sub-creditore può richiedere il soddisfacimento del sottoindice anziché del sottoindice non appena il debito garantito dal sub-diritto è dovuto.

  • 1394

Disposizioni sostanziali sulla legge sul diritto di pegno si applicano mutatis mutandis alla legge.

Sezione 4

Mantenendo giusto
§ 1395

(1) Chi ha l’obbligo di emettere cosa mobile estera sta portando, si può trattenere dal loro volontà di garantire il debito in scadenza persona, che sarebbe altrimenti necessario per prendere.

(2) Il debito non valido può anche essere garantito dal diritto di ritenzione,

(a) se il debitore non riesce a garantire il debito in modo diverso da quanto previsto dal contratto o dalla legge,

(b) se il debitore dichiara che il debito non soddisfa, o

  1. c) se diventa tuttavia evidente che il debitore non rispetta debito per effetto di circostanze che si sono verificati con lui e che creditori non possono neppure essere conosciuti quando il debito è sorta.
  • 1396

(1) Uno straniero non deve essere tenuto nel posto sbagliato, specialmente se è stato forzatamente forzato o incamerato.

(2) La detenzione di una questione estera non può essere imposta nemmeno alla persona a cui è stato ordinato di occuparsene in modo incompatibile con l’esercizio del diritto di detenzione; ciò non si applica se il caso fosse in fase di procedura di insolvenza in cui è stato risolto il fallimento o il fallimento imminente del debitore.

  • 1397

(1) Chiunque abbia detenuto una questione straniera deve notificare al debitore la sua detenzione e la sua causa. Se il creditore ha una cosa a sé stante, sulla base di un accordo scritto, la notifica richiede una forma scritta.

(2) Il creditore è obbligato a prendersi cura di cose sequestrate come un padrone di casa ordinario e nei confronti del debitore ha diritto al rimborso come supporto adeguato. Per utilizzare una cosa detenuta, il creditore può solo avere il consenso del debitore e il modo in cui il debitore è innocuo. Salvo patto contrario, avrai diritto al rimborso delle spese di cui al paragrafo 1.

  • 1398

I creditori che assicurato il suo privilegi di reclamo, include i proventi della soddisfazione liquidation preference detenuti cose prima di altri creditori, anche i creditori di pegno. Per la monetizzazione della questione trattenuta dal creditore, lo stesso vale per il § 1359.

  • 1399

Il diritto di ritenzione si estingue

  1. a) la risoluzione del debito garantito o dell’oggetto trattenuto,

(b) se il creditore di un ordine di detenzione si arrende unilateralmente o di accordo con il proprietario dell’oggetto trattenuto,

(c) se la questione è permanentemente nelle mani del creditore, o

(d) fornisce al creditore una garanzia sufficiente.

Parte 6

Gestione di proprietà straniera
Sezione 1

Disposizioni generali sulla gestione delle attività estere
Sottosezione 1

Disposizioni generali
§ 1400

(1) Ogni persona che è affidata la gestione della proprietà che non appartiene a lui in favore di qualcun altro (il “beneficiario”) è una fiduciaria.

(2) L’ amministratore è ritenuto agire legalmente in qualità di rappresentante del proprietario.

  • 1401

(1) L’amministratore deve svolgere i propri compiti di persona. Un’altra persona può delegare il suo mandato o essere rappresentata in altro modo solo in singoli procedimenti giudiziari; gli viene richiesto di selezionare attentamente tale persona e dargli istruzioni sufficienti.

(2) Se è possibile sostituire l’amministratore in modo improprio o autorizzare un’altra persona se l’altra persona illegalmente nell’esercizio delle sue competenze, il beneficiario è responsabile con questa persona in solido per tutto fatto.

  • 1402

(1) Si ritiene che l’Agente Amministrativo abbia diritto al compenso usuale secondo la natura dei suoi servizi.

(2) Chi gestisce la proprietà straniera senza una ragione legale non ha diritto alla remunerazione.

  • 1403

Profitto e cost manager distribuiti tra i beneficiari nel rispetto degli statuti o di altri accordi, o nel modo più equo possibile per quanto riguarda la natura e la portata del governo, e le circostanze della sua origine rispetto alla medicina generale. Se non è possibile determinare un diverso rapporto per la distribuzione di profitti e costi tra i beneficiari, sono uguali.

  • 1404

Se un consenso del beneficiario è richiesto per una determinata azione, può essere sostituito da una decisione del tribunale se il beneficiario è sconosciuto o se la posizione del beneficiario non può essere determinata in tempo. Questo è anche il caso in cui il beneficiario si rifiuti di concedere il consenso senza avere un ragionevole motivo per farlo.

Sottosezione 2

Amministrazione semplice di proprietà straniera
§ 1405

Chiunque fa la semplice amministrazione di proprietà straniere fa tutto il necessario per preservarlo.

  • 1406

Nella semplice amministrazione, l’amministratore applica tutti i diritti relativi alle risorse gestite e le gestisce correttamente. L’amministratore non può modificare lo scopo del bene gestito senza il consenso del beneficiario.

  • 1407

Se l’amministratore gestisce il denaro, deve spenderlo con cautela. Se alcune delle proprietà gestite sono state spese un po ‘prima, l’amministratore può cambiare il metodo scelto in seguito.

  • 1408

(1) L’amministratore può disporre delle attività gestite se è nell’interesse di preservare il valore, la natura e lo scopo delle attività gestite o, se necessario, pagare i debiti associati a tale proprietà; altrimenti solo per considerazione. Allo stesso scopo, gli amministratori possono interrompere la gestione delle risorse o utilizzarle in altro modo come protezione. Queste azioni legali devono concedere il consenso al beneficiario effettivo.

(2) Il consenso all’alienazione del patrimonio del trustee non richiede, se è in pericolo di distruzione rapida, o se è probabile che perderà rapidamente valore.

Sottosezione 3

Gestione completa delle attività estere
§ 1409

A chi è affidata la piena gestione della proprietà straniera, ne garantisce la riproduzione e l’applicazione nell’interesse del beneficiario.

  • 1410

L’amministratore può fare tutto ciò che è necessario e utile con la risorsa gestita.

Sezione 2

Regole di amministrazione
Sottosezione 1

Obblighi dell’amministratore nei confronti del beneficiario
§ 1411

Un fiduciario di attività estere svolge le proprie funzioni e svolge i propri compiti con la dovuta diligenza.

  • 1412

(1) Se i beneficiari sono più, sia simultaneamente che successivamente, il trustee deve agire imparzialmente verso tutti e rispettare i loro rispettivi diritti.

(2) Se il fiduciario è il beneficiario stesso, egli deve prendere i suoi interessi tanto quanto gli interessi di altri beneficiari e svolgere le sue funzioni nell’interesse comune.

  • 1413

In assenza di interessi o diritti risultanti dall’atto giuridico dell’amministrazione, l’amministratore notifica senza indebito ritardo al beneficiario e alla persona che sovrintende alla gestione delle attività o agli interessi del beneficiario.

  1. a) qualsiasi interesse a svolgere attività o attività in relazione a ostacoli alla proprietà che potrebbero essere contrari all’interesse del beneficiario;

(b) qualsiasi diritto che possa avere nei confronti del beneficiario effettivo o delle attività gestite.

  • 1414

Un amministratore conserva record affidabili delle risorse gestite e non può combinare le proprie risorse con le proprie risorse sotto la loro gestione.

  • 1415

(1) L’amministratore può diventare parte del contratto relativo alla proprietà gestita, acquisire contrattualmente il diritto a tale proprietà o acquisire il diritto al beneficiario effettivo solo con il consenso del beneficiario.

(2) L’amministratore può utilizzare la proprietà gestita o le informazioni acquisite nella gestione a proprio vantaggio senza il consenso del beneficiario, a meno che la possibilità di tale uso determinato dallo statuto o da altri accordi o stipulato dalla legge.

  • 1416

L’amministratore può convertire i beni in trust senza il pagamento solo se è nella natura del governo, o se si tratta di una proprietà di valore trascurabile, che priva l’amministratore nell’interesse del beneficiario o in conformità con lo scopo di somministrazione.

  • 1417

L’amministratore non paga i danni alla proprietà causati da forza maggiore, invecchiamento o altri sviluppi naturali e dalla normale usura durante l’uso corretto.

  • 1418

Il giudice può determinare amministratori compensazione ridurre l’entità del risarcimento solo per quanto riguarda le circostanze in cui l’amministrazione adottato, o se l’amministratore amministra gratuitamente, o se l’amministratore di un minore o se la sua capacità legale è limitata.

Sottosezione 2

Obblighi del responsabile del trattamento e del beneficiario nei confronti di terzi
§ 1419

(1) Gli amministratori non devono sostenere un obbligo personale da un obbligo che hanno negoziato con un’altra persona sul conto del beneficiario. Questo è vero anche se è ovvio che il trustee agisca sul conto del Fondo fiduciario.

(2) Se l’amministratore esercita i propri poteri sul conto del beneficiario a proprio nome, è vincolato al beneficiario; ma il beneficiario può richiedere la prestazione solo dalla proprietà che viene gestita. Questo è vero anche se l’amministratore ha agito sul conto del Fondo fiduciario, sebbene non fosse chiaro.

  • 1420

Se l’amministratore supera il suo mandato, è personalmente vincolato dalle sue azioni. Contato Tuttavia, se un terzo in buona fede per la corretta esecuzione della competenza del gestore o per confermare se il beneficiario, anche se solo tacitamente, un procedimento legale responsabile, il trustee e il beneficiario in solido, ma dopo che il beneficiario può richiedere prestazioni esclusivamente da risparmio gestito.

  • 1421

Il manager supera i suoi poteri quando esegue il proprio, anche se deve esercitarlo insieme ad un’altra persona; questo non è il caso se questa procedura è stata acquisita per la proprietà gestita più di ciò che deve essere data ad essa.

  • 1422

Fingendo sui juris se una terza parte che l’altra persona è l’amministratore della sua proprietà, derivante da un accordo concluso in buona fede con gli altri partiti persona gli stessi obblighi, come se la proprietà è stata předstírajícího in gestione.

Sottosezione 3

Inventario, sicurezza e assicurazione
§ 1423

(1) L’ amministratore stabilisce l’inventario, dà fiducia per il corretto esercizio dell’autorità o di proprietà di fiducia per assicurare, se decisa dallo statuto o da altri accordi o previsto dalla legge.

(2) Su proposta da parte del beneficiario o di altra persona che abbia interesse legale, il giudice può imporre un obbligo agli amministratori cui al comma 1, a discrezione del valore del patrimonio gestito posizione delle parti e di altre circostanze del caso. La proposta non può essere accolta se contraddice il contratto di gestione concluso tra il fiduciario e il beneficiario.

  • 1424

(1) Laddove un amministratore è tenuto a compilare un inventario, deve includere una registrazione veritiera e corretta delle attività incluse nel rapporto, incluso un elenco di documenti significativi.

(2) Gli oggetti di oggetti personali inclusi nell’inventario possono essere descritti solo in generale, a meno che gli articoli non abbiano un valore non irrilevante.

  • 1425

Si presume che la proprietà descritta nell’inventario sia in buone condizioni alla data dell’inventario.

  • 1426

L’inventario del trustee deve essere consegnato alla persona che lo ha assegnato al beneficiario, al beneficiario e alla persona a cui è stato convenuto o per legge. Beneficiari o altre persone aventi un interesse legale in essi hanno il diritto di opporsi a un errore di inventario in uno qualsiasi dei loro articoli o di richiedere la compilazione di un nuovo inventario.

  • 1427

(1) L’amministratore ha il diritto di assicurare il patrimonio gestito a spese del beneficiario contro i rischi attuali.

(2) L’amministratore ha il diritto di assicurare la propria responsabilità dall’amministrazione a spese del beneficiario, se esegue l’amministrazione gratuitamente.

Sottosezione 4

Amministrazione congiunta
§ 1428

Diversi amministratori nominati dall’amministrazione comune decidono e agiscono a maggioranza dei voti, a meno che il contratto non determini o la legge disponga diversamente. Si ritiene che ciascuno degli amministratori congiunti abbia un voto.

  • 1429

(1) Se non possono co-manager agiscono secondo § 1411 legittimo impedimento causato da eventi per l’inazione sistematica o la resistenza sistematica a qualsiasi manager o altri motivi analoghi, altri amministratori possono decidere e agire in modo indipendente nelle questioni necessarie per mantenere lo status quo. In altri casi, possono agire con il consenso del tribunale.

(2) Se si prende in base al paragrafo 1, il giudice può decidere in merito alla proposta della persona su di essa ha un interesse legale che gli amministratori possono decidere e agire in altro modo se non specificato nel § 1428, che uno degli amministratori avrà il voto decisivo o decidere sull’ulteriore esecuzione del rapporto in modo appropriato alle circostanze del caso.

  • 1430

Dall’amministrazione congiunta, i fiduciari sono responsabili in solido, a meno che la legge non disponga diversamente.

  • 1431

(1) non notifica Se uno degli amministratori congiunti ad altri amministratori senza indugio che non è d’accordo con la decisione, e se l’avviso senza indugio al beneficiario, si è capito che la decisione approvata.

(2) ha adottato un controller comune se una decisione in assenza di uno di essi, resta inteso che in assenza di una decisione approvata se la loro opposizione ha notificato gli altri dirigenti e il beneficiario, senza indebito ritardo dopo aver appreso della decisione.

Sottosezione 5

Investimenti prudenti
§ 1432

Il gestore decide gli investimenti in termini di ricavi e profitti attesi; ove possibile, pianificare il rischio dell’investimento in modo tale da ottenere un rapporto tra reddito fisso e reddito disponibile ragionevolmente in linea con le condizioni economiche.

  • 1433

Agli amministratori è vietato acquisire più del 5% delle azioni dello stesso emittente per il beneficiario. Agli amministratori è inoltre vietato acquisire per il beneficiario una azione, obbligazione o altro titolo di debito di una persona che ha violato l’obbligo di pagare dalla garanzia i proventi; un tale fiduciario non può nemmeno concedere un prestito.

  • 1434

Un amministratore può depositare fondi gestiti per un conto presso una banca, una banca estera o una cooperativa di risparmio e credito, con la possibilità di selezionarli su richiesta o entro trenta giorni.

  • 1435

Gli investimenti sostenuti prima di prendere la relazione possono essere mantenuti dal fiduciario, anche se non era prudente.

Sottosezione 6

fatturazione
§ 1436

(1) L’amministratore deve presentare il conto al beneficiario almeno una volta all’anno. Se gli amministratori sono diversi, il disegno di legge sarà presentato congiuntamente, a meno che il contratto non sia determinato dalla divisione della loro giurisdizione o la legge specifichi diversamente.

(2) La fatturazione deve essere così dettagliata da consentirne la verifica dell’accuratezza.

  • 1437

L’Amministratore consentirà al Beneficiario di rivedere i libri contabili e i documenti di gestione in qualsiasi momento e di fornire le informazioni richieste su richiesta durante la conduzione del rapporto.

Sezione 3

Termina il messaggio
§ 1438

L’attività dell’amministratore termina con le dimissioni, la revoca, la limitazione dell’autenticità della persona fino ad ora o la certificazione del fallimento dell’amministratore.

  • 1439

Il rapporto scade alla scadenza del periodo per il quale è stato stabilito, il raggiungimento dello scopo o la scadenza del diritto del beneficiario alla proprietà da gestire.

  • 1440

(1) dichiara l’amministratore, si dimette, finirà i suoi doveri consegnare una dichiarazione sulle dimissioni della persona autorizzata a chiamare un nuovo gestore, a meno che questa dichiarazione di recesso in un secondo momento. Manager fornisce una dichiarazione sulle dimissioni degli amministratori e degli altri, e il beneficiario, che supervisiona l’amministrazione.

(2) L’amministratore non può recedere dall’amministrazione in un periodo inappropriato o altrimenti a titolo di dimissioni, in violazione dei suoi obblighi di buona amministrazione, altrimenti risarcirà il danno di cui alla parte 4 della presente legge.

  • 1441

Qualsiasi amministratore che lo abbia stabilito può ritirarlo con una dichiarazione scritta.

  • 1442

L’azione legale della persona che ha agito in qualità di trustee in buona fede che l’amministrazione non ha ancora concluso, si impegna a farne beneficiario. Il beneficiario vincola anche l’azione legale di una persona che ha cessato di essere un amministratore se l’altra parte ha agito in buona fede che l’amministrazione ha mantenuto.

  • 1443

Alla fine del rapporto, l’amministratore prenderà i vincoli del beneficiario tutto ciò che è necessario o necessario per evitare perdite.

  • 1444

(1) La morte di un manager o cessa di esistere, la persona che ha il compito di organizzare gli affari del gestore senza indebito ritardo dopo gli amministratori della morte o scomparsa impara la somministrazione di estinzione a chi amministrativo amministratore incaricato, nonché il beneficiario, e altro ancora la persona a cui è stato concordato o determinato dalla legge. Questo è vero anche se l’amministrazione ha cessato di esistere perché il controllore era limitato a se stante.

(2) Chiunque abbia l’obbligo di notificare in conformità al paragrafo 1, farà tutto il resto che è altrimenti autorizzato o obbligato a fare quando il rapporto dell’Amministratore cessa.

  • 1445

L’amministratore invia al beneficiario una volta terminato il rapporto di fatturazione. Sottopone anche il conto all’amministratore che entra nel suo posto. I paragrafi 1426 e 1427 si applicano mutatis mutandis.

  • 1446

(1) L’amministratore alla fine a destra prima del patrimonio gestito al beneficiario o amministratori di recente entrata nel luogo in cui si trova l’immobile, se non diversamente concordato.

(2) L’obbligo di consegnare la proprietà in gestione include l’emissione di tutti i diritti del trustee al beneficiario durante l’amministrazione, incluso il risarcimento a cui il trustee è obbligato dalle precedenti disposizioni.

  • 1447

Il bene che è obbligato a emettere è detenuto dal trustee al fine di garantire i suoi crediti nei confronti dell’amministrazione. Tuttavia, se il trustee deve emettere fondi, conta il tuo potenziale diritto contro il credito reciproco del beneficiario.

Sezione 4

Svěřenský fond
Sottosezione 1

Il concetto di fondo fiduciario e sua creazione
§ 1448

(1) Il fondo fiduciario è stato creato dallo spin-off di beni di proprietà dal fondatore in modo che gli amministratori affidano le attività per un particolare scopo o l’acquisizione dei contratti in caso di morte e fiduciario si impegna la proprietà di detenere e gestire.

(2) La creazione del fondo fiduciario creato un immobile attività destinate separati e indipendenti e il trustee è tenuto ad assumere la proprietà e la sua amministrazione.

(3) I diritti di proprietà sulle attività del Fondo fiduciario saranno esercitati dal trustee a proprio nome sul conto del Fondo; le attività nel Fondo fiduciario non sono di proprietà del fiduciario, né la proprietà del fondatore né la proprietà della persona da fidarsi.

  • 1449

(1) Lo scopo del Fondo fiduciario può essere pubblico o privato.

(2) Un fondo fiduciario istituito per uso privato serve il beneficio di una determinata persona o nella sua memoria. Questo fondo può anche essere costituito allo scopo di investire in partecipazione agli utili tra fondatori, dipendenti, partner o altre persone.

(3) Lo scopo principale di un fondo fiduciario pubblico non può essere quello di ottenere un profitto o gestire un’impresa.

  • 1450

(1) Un fondo fiduciario deve avere la propria designazione.

(2) La designazione del Fondo fiduciario deve esprimere il suo scopo e includere le parole “Fondo fiduciario”.

  • 1451

(1) Un fondo fiduciario viene istituito quando l’amministratore fiduciario prende in carico la sua amministrazione; se i fiduciari sono di più, è sufficiente che la delega ne accetti almeno uno.

(2) Il fondo fiduciario sarà stabilito alla data di iscrizione nel registro del fondo fiduciario.

(3) Tuttavia, se il fondo fiduciario è stato istituito in caso di morte, sarà la morte del defunto. Sarà registrato nel Trust Fund Records una volta stabilito.

  • 1452

(1) Ogni fondo fiduciario deve avere uno status. Lo statuto del fondo fiduciario è emesso dal fondatore. Se il Fondo fiduciario è istituito con la pena di morte, l’articolo 311 si applica mutatis mutandis.

(2) Lo statuto contiene almeno

  1. a) designazione del fondo fiduciario,
  2. b) la designazione della proprietà che costituisce il fondo fiduciario alla sua creazione,
  3. c) definire lo scopo del fondo fiduciario,
  4. d) le condizioni per l’adempimento dal fondo fiduciario,

(e) indicazione della durata del fondo fiduciario; se non dichiarato, il Fondo è stato istituito per un periodo di tempo indefinito,

(f) se l’amministrazione fiduciaria deve essere eseguita da una persona come beneficiario, la designazione di tale persona o il modo in cui sarà intesa, e

(g) il numero di trustee e il modo in cui si comportano.

(3) Lo statuto richiede la forma di uno strumento autentico.

Sottosezione 2

Amministrazione del fondo fiduciario
§ 1453

(1) Un trustee può essere una persona legittima.

(2) Una persona giuridica può essere un trustee se la legge lo prevede.

  • 1454

Alle condizioni stabilite nel § 1453, il fiduciario può anche essere il fondatore del Fondo fiduciario o la persona che deve essere eseguita dal Fondo fiduciario. In tal caso, tuttavia, il fondo fiduciario deve avere un altro amministratore fiduciario, la terza persona, e i trustee devono agire congiuntamente.

  • 1455

(1) Il fiduciario è nominato e revocato dal fondatore. Il fondatore può specificare nello statuto un altro modo di nominare o revocare un trustee.

(2) Su proposta di una persona avente un interesse legale in materia, il trustee sarà nominato dal tribunale, a meno che non sia nominato dalla persona competente entro un termine ragionevole o non possa essere stabilito a norma del paragrafo 1.

  • 1456

Il gestore dell’amministrazione fiduciaria è sotto la custodia del fondo fiduciario. Nella lista pubblica o in un altro documento, il trustee è registrato come trustee del fiduciario con la nota “Trustee”.

Sottosezione 3

beneficiario
§ 1457

(1) Il fondatore ha il diritto di nominare un conoscitore e di determinare la propria performance dal Fondo fiduciario, a meno che lo status del Fondo fiduciario non stabilisca diversamente.

(2) Se il fondatore del diritto non utilizza il diritto di cui al paragrafo 1, nomina un beneficiario e determina l’esecuzione del trust di amministrazione fiduciaria. Se si tratta di un fondo fiduciario stabilito per scopi privati, il fiduciario può esercitare tale diritto, se lo statuto determina il pool di persone da cui a designare la persona nominata.

(3) La nomina o altra designazione di un fondo fiduciario stipulato a fini privati ​​è efficace alla data in cui è stato iscritto nel registro del fondo fiduciario.

(4) Al Beneficiario può essere riconosciuto il diritto a benefici o benefici dal Fondo fiduciario o il diritto al patrimonio del Fondo fiduciario, o alle azioni in esso contenute.

  • 1458

(1) Chiunque abbia il diritto di nominare un beneficiario o di assegnargli una prestazione da un Fondo fiduciario deve procedere secondo il proprio statuto e discrezione. Può modificare o revocare la sua decisione alle condizioni stabilite dallo statuto.

(2) Nessuno ha il diritto di nominare una persona concepita o di determinare la performance del fondo fiduciario a proprio profitto.

  • 1459

Il diritto a essere corrisposto per l’esecuzione del Fondo fiduciario viene creato alle condizioni specificate dallo Statuto.

  • 1460

(1) è stato quando fondo fiduciario istituito per fini privati, la persona nominata ha il diritto di riunirsi entro e non oltre la scadenza dei cento anni dalla costituzione del Fondo fiduciario, anche se lo statuto determinato in seguito. Anche dopo un centinaio di anni, tuttavia, può avere il diritto di ottenere le prestazioni della persona nominata, che dovrebbe essere in base allo Statuto fanno la parte dei beni al più tardi al momento della cessazione del l’ultimo diritto ai frutti o benefici, così come l’uomo incaricato, che era zakladatelovým contemporaneo o figlio del fondatore o del suo contemporaneo, dove, nello statuto del consiglio di amministrazione, al più tardi per la morte o la scomparsa di un ex rango nominato che come il prossimo ha assunto i frutti o benefici; durante la sua vita, altre persone possono anche essere in grado di godere di frutti o altri benefici.

(2) Se un fondo fiduciario è stato istituito a fini privati, il diritto a tale beneficio o beneficio deve essere scaduto al più tardi cento anni dopo la costituzione del Fondo fiduciario; nell’uomo, tale diritto può durare fino alla sua morte.

  • 1461

(1) Per la durata del Fondo fiduciario, il Beneficiario ha il diritto di esigere la prestazione pertinente in conformità allo Statuto.

(2) Un fondo fiduciario collocato istituito a fini privati ​​ha il diritto di rinunciare ai diritti di cui al paragrafo 1 mediante una dichiarazione redatta in forma di atto pubblico.

  • 1462

Se è un diritto a frutti o benefici, e se non vi è altro concepito, a cui tale diritto potrebbe passare, va ai destinatari del diritto di proprietà dal Fondo fiduciario.

Sottosezione 4

Supervisione della gestione della fiducia
§ 1463

(1) La supervisione della gestione del Fondo fiduciario è esercitata dal fondatore e dalla persona designata come beneficiario o da altre persone, se lo stato è determinato.

(2) Nei casi previsti dalla legge, un’altra persona o un gruppo di persone, o un’autorità pubblica, sovrintende all’amministrazione del fondo fiduciario.

  • 1464

Se il fondo fiduciario istituito a favore della persona nominata, che nel giorno del fondo non è ancora, o che la data del Fondo non può essere determinato, il fondatore nomina la persona autorizzata a supervisionare l’amministrazione del fondo fiduciario nell’interesse della persona nominata. Se ciò non è possibile o se il fondatore è inattivo, nominare tale persona su richiesta dell’amministratore o della persona interessata.

  • 1465

(1) Il trustee senza indebito ritardo consegnare alla persona che ha il diritto di vigilanza sulla amministrazione del fondo fiduciario ai sensi della legge, un avviso indicano almeno la finalità e la durata del fondo fiduciario e il vostro nome e l’indirizzo. La notifica non è necessaria se questi fatti sono già noti alla persona avente diritto alla supervisione.

(2) Su richiesta della persona autorizzata a sorvegliare la gestione del Fondo fiduciario, il Trustee sarà in grado di ispezionare i documenti del Fondo fiduciario e presentare ad esso una richiesta di fatturazione, una relazione o altre informazioni.

  • 1466

(1) Il fondatore, un beneficiario o di altra persona che ha l’interesse legale, il giudice può proporre che alcune azioni svěřenskému amministratori ordinato o proibito, o di ritirare o fiduciario nominato nuovo. Tali persone possono anche invocare l’invalidità di un atto giuridico che danneggia l’amministratore del fondo fiduciario o il diritto della persona designata; tuttavia, se la terza persona ha acquisito il diritto in buona fede, non deve arrecare alcun danno.

(2) Il tribunale attribuisce la persona di cui al paragrafo 1 alla sua richiesta aprendo o conducendo procedimenti nell’interesse del Fondo fiduciario in luogo del trustee e per suo conto, qualora il trustee sia inoperativo senza una ragione sufficiente.

  • 1467

Nel partecipare trustee, fondatore o atti persona nominata perseguire danno intenzionale ai diritti del fondatore del creditore o danni Fondo fiduciario, sono in solido.

Sottosezione 5

Cambiamenti nel fondo fiduciario
§ 1468

Chi aumenta la proprietà del fondo fiduciario da un contratto o acquisizione in caso di morte non è il suo fondatore. Le attività acquisite in questo modo sono soggette ad amministrazione secondo lo statuto e la legge.

  • 1469

(1) Il giudice può, su richiesta della persona che su di essa ha un interesse legale, decidere che il fondo fiduciario viene annullata quando il raggiungimento dello scopo del fondo fiduciario impossibile o difficile da raggiungere, soprattutto a causa di circostanze sconosciute, il fondatore o fondatori imprevedibili. Nel caso di un fondo fiduciario istituito per il beneficio pubblico, il tribunale può decidere di sostituire il suo scopo originale con uno scopo simile.

(2) Se può essere in conformità con l’intenzione originale del fondatore dello scopo del fondo fiduciario di raggiungere o modificarlo a beneficio meglio il regolamento del fondo, il giudice modifica statuto.

  • 1470

Prima della decisione ai sensi del § 1469 una richiesta di tribunale il parere del fondatore o il suo successore legale fiduciario nominato persona e la persona a cui l’amministrazione del Fondo fiduciario comprende la sorveglianza, a meno che il richiedente.

Sottosezione 6

Perdita del fondo fiduciario
§ 1471

Se il periodo per il quale il fondo fiduciario è stato stabilito, se lo scopo per il quale il fondo fiduciario è stato stabilito o se il tribunale decide in tal senso, il fondo di amministrazione fiduciaria finisce. Se il Fondo fiduciario è stato istituito a fini privati, la sua amministrazione viene risolta anche se tutte le credenziali rinunciano ai diritti di prestazione del Fondo fiduciario.

  • 1472

Al termine della gestione della fiducia, il trustee rilascerà la proprietà alla persona che ne ha diritto. Si ritiene che la proprietà abbia il diritto ad una concessione e, in caso contrario, il fondatore del fondo fiduciario; se nessuno di loro è di proprietà dello stato.

  • 1473

(1) scade, se la gestione del fondo fiduciario stabilito per scopi di pubblica utilità, perché lo scopo non è soddisfatta, il giudice decide su proposta del fiduciario che la proprietà sarà trasferita ad un altro fondo fiduciario o di proprietà di persone giuridiche che mirano al raggiungimento dello scopo per il quale è possibile lo scopo originario del fondo fiduciario. Prima di emettere una decisione, il tribunale chiederà l’opinione di chi è supervisionato dal Fondo fiduciario.

(2) La decisione di cui al paragrafo 1 non può essere emessa se lo stato del fondo fiduciario determina il modo in cui le attività dovrebbero essere caricate al termine del Fondo fiduciario.

  • 1474

Se il trustee amministra la risorsa in conformità con lo statuto, o se emette la proprietà in conformità alla Sezione 1472 o la trasferisce in conformità alla Sezione 1473, il Fondo fiduciario cesserà di esistere. Il Trustee Trustee presenterà una proposta per la cancellazione del Trust Fund dal Trust Fund Records entro trenta giorni dalla cessazione del Trust Fund.

TITOLO III

LA LEGGE DEL GOVERNO
Parte 1

Diritto all’eredità
§ 1475

(1) La legge di successione è il diritto al patrimonio o una quota proporzionale di esso.

(2) Il patrimonio è costituito dal patrimonio del defunto, ad eccezione dei diritti e degli obblighi a lui attribuiti esclusivamente, a meno che non siano stati riconosciuti o applicati come debito nei confronti di un’autorità pubblica.

(3) Chi appartiene all’eredità, è l’erede, e la proprietà in relazione all’erede è un’eredità.

  • 1476

Sono ereditate sulla base di un accordo di successione, per volontà o per legge. Queste ragioni possono agire fianco a fianco.

  • 1477

(1) Si fa riferimento a un richiedente per l’emissione di un caso particolare o, a seconda del caso, per una o più cose di un particolare tipo, o per l’istituzione di un particolare diritto.

(2) Il convenuto non è l’erede.

  • 1478

La persona giuridica che deve ancora essere formata può anche essere chiamata un erede o un linker. Questa persona giuridica è un erede idoneo o un deferimento se si verifica entro un anno dalla morte del testatore.

Idea ereditaria
§ 1479

La legge sull’ereditarietà è la morte del testatore. Chiunque muore o allo stesso tempo con il testatore non dice.

  • 1480

La legge sull’eredità, che deve ancora venire alla luce, può essere abbandonata; non può essere trasferito o caricato in altro modo.

Incapacità all’eredità
§ 1481

Per l’eredità è escluso legge, che ha commesso la natura del crimine di un reato intenzionale contro il defunto, suo antenato, discendente o del coniuge o di crimine odioso contro l’ultima volontà del defunto, in particolare dal testatore alla manifestazione della volontà costretti o inganno sedotto manifestazione della volontà del testatore sconfitto o il suo ultimo acquisto trattenuto, falsificato o decoyed intenzionalmente distrutto, a meno che il defunto aveva questo atto esplicitamente perdonato.

  • 1482

(1) i progressi se la morte della persona deceduta il giorno della procedura di divorzio avviate zůstavitelův petizione presentata a seguito del marito verso il defunto ha commesso un atto di compiere segni di violenza domestica, il marito zůstavitelův esclusi dai diritti di successione come erede legale.

(2) è stato un genitore privo di responsabilità genitoriale, perché la sua performance o abusato o che l’esercizio della responsabilità genitoriale della propria colpa gravemente trascurata, è esclusa dai diritti di successione di un bambino da una successione legale.

  • 1483

L’autore del reato che è escluso dal diritto ereditario entra nella sua successione legale al suo posto, anche se gli esclusi sopravvivono al testatore. Ciò non si applica nel caso previsto nella Sezione 1482 (1).

  • 1484

Disclaimer di eredità
(1) La legge sull’ereditarietà può essere cancellata in anticipo da un contratto con il defunto; se non diversamente concordato, colpisce anche i discendenti. Chiunque rinunci alla legge sulle successioni rinuncia anche al diritto alla parte obbligatoria; ma chi rinuncia ai soli diritti alla parte obbligatoria non rinuncia ai diritti di successione.

(2) Se qualcuno ha rinunciato al diritto all’eredità per il beneficio di un’altra persona, si considera che la rinuncia è valida solo se diventa l’erede.

(3) Il trattato richiede la forma di uno strumento autentico; i diritti e gli obblighi possono essere revocati se le parti si conformano alla forma scritta.

Rifiuto dell’eredità
§ 1485

(1) L’ erede avrà il diritto di rigettare l’erede dopo la morte; l’erede contrattuale, tuttavia, a meno che non sia escluso dall’eredità. Se l’eredità rifiuta un erede atroce, può rifiutare l’eredità, soggetta a un lavoro obbligatorio.

(2) Il Trustee può dichiarare l’erede di questa eredità si rifiuta o non rifiutare o accettare l’eredità solo se a farlo sotto una procura espressamente autorizzato.

  • 1486

Se l’erede rifiuta il cimelio, lo guarda come se non avesse mai vinto il cimelio.

  • 1487

(1) Il rifiuto dell’eredità richiede una dichiarazione esplicita in tribunale. Un’eredità può essere rifiutata entro un mese dalla data in cui il tribunale degli eredi ha informato del suo diritto di rigettare l’eredità e le conseguenze del rifiuto; se l’erede ha una residenza singola all’estero, il periodo di conservazione è di tre mesi. Se ci sono motivi importanti per farlo, il tribunale estenderà di conseguenza il periodo di eredità all’eredità.

(2) Con la scadenza del termine per l’eredità, il diritto di negare l’eredità scade.

  • 1488

Se l’erede muore prima della scadenza di revoca, passa il suo diritto di rifiutare l’eredità al suo erede e perire prima di tale termine passa agli eredi rinuncia dopo gli eredi precedenti.

  • 1489

(1) Se l’erede rifiuta l’ereditarietà della condizione, soggetta a, o solo in parte, il rifiuto di eredità è nullo.

(2) Il rigetto dell’eredità deve essere ignorato se l’erede ha già indicato nelle sue azioni che desidera accettare l’eredità. Né è trascurata la volontà dell’erede di revocare la propria dichiarazione di eredità, rifiuto o rifiuto dell’eredità.

  • 1490

Rinuncia all’eredità
(1) Un erede che non ha ereditato un’eredità può consegnarlo a un successore in tribunale a beneficio di un altro erede; se fa un tale erede, rinuncia anche al diritto a una parte obbligatoria, efficace anche per i suoi discendenti. Se l’altro erede è d’accordo, le disposizioni delle Sezioni da 1714 a 1720 si applicano mutatis mutandis; se non sono d’accordo, la rinuncia all’eredità viene ignorata.

(2) è stato quando l’erede del patrimonio ceduto, appesantito regolamento di riferimento dei comandi o altre misure che, secondo la volontà del defunto può e deve incontrare una persona non esime l’obbligo di conformarsi a tali misure.

Parte 2

Acquisizione in caso di morte
Sezione 1

Disposizioni generali
§ 1491

Le acquisizioni in caso di morte sono testamenti, eredità o colombe.

  • 1492

L’acquisizione in caso di morte non è possibile per abbreviare la parte obbligatoria dell’erede, che non attribuisce il diritto alla parte obbligatoria e non vi è alcuna deportazione. Se l’acquisizione della pena di morte è in contraddizione, l’erede indispensabile appartiene alla parte obbligatoria.

  • 1493

(1) Ha comprato Se il defunto in caso di morte al momento è stato nella casa di cura dove si forniscono servizi di assistenza sanitaria o sociale, o quando comunque accettato il suo servizio, e chiamato se l’erede o la persona legatari che un tale dispositivo amministra o è impiegato o agire in esso, è la professione di queste persone eredi o legatari non validi a meno che non sia successo volontà è fatta sotto forma di un documento pubblico.

(2) Può Se il defunto dopo la fine del trattamento di tali dispositivi o dopo il tempo altrimenti accettato i suoi servizi prendono facilmente la forma di documenti pubblici, il paragrafo 1 non si applica in materia d’invalidità della volontà o della nota.

Sezione 2

volontà
Sottosezione 1

Disposizioni generali
§ 1494

(1) La volontà è un’indicazione revocabile dei suoi desideri con la quale il defunto in caso di sua morte, di persona è lasciato alle spalle una o più persone, almeno una parte della tenuta, o addirittura di collegamento. Se non è chiaro in quale giorno, mese e anno saranno presi e resi più se il testatore vuole che contraddicono o comunque dipendono effetti legale testamento alla determinazione del momento della sua acquisizione, la volontà non è valido.

(2) Il patto deve essere interpretato in modo tale da consentire il più possibile la volontà del testatore. Le parole usate nel testamento sono interpretate secondo il loro significato abituale, a meno che non sia dimostrato che il testatore usava associare certe espressioni con un particolare senso dello scopo.

  • 1495

Se il testatore indica il contenuto di un altro strumento, l’altro documento ha lo stesso effetto giuridico se soddisfa la volontà della volontà. In caso contrario, può essere utilizzato solo per spiegare la volontà del testatore.

  • 1496

Il diritto di chiamare un erede è il diritto personale del testatore. Il principe non può affidare l’erede ad un’altra persona, né stare insieme con un’altra persona.

  • 1497

Il devoto deve mostrare la sua volontà così sicuro che non è sufficiente per convincere semplicemente il suggerimento fatto a lui.

  • 1498

poscritto
Dalla vedova, il testatore può ordinare un riferimento, impostare una condizione di riferimento o eredità, o documentare l’ora, o salvare un riferimento o un ordine di successione. Ciò che è determinato dalla volontà, si applica in modo analogo alla frase.

Orgoglio ereditario per gli eredi
§ 1499

L’erede sarà l’intera proprietà se sarà chiamato solo come erede. Se l’erede ereditato rimane solo una quota, la parte restante della proprietà sarà eredi legali.

  • 1500

(1) Nel caso in cui siano chiamati più eredi e le azioni non siano determinate, hanno il diritto di sopravvivere in parti uguali.

(2) Se vengono chiamati più eredi, in modo che tutte le azioni siano determinate, ma la proprietà non è esaurita, gli eredi della proprietà hanno diritto alla parte restante della proprietà. Questo diritto non ha gli eredi legittimi se il testatore lascia l’erede agli eredi apparentemente l’intero patrimonio, anche se ha supervisionato qualcosa nell’inserire le azioni o le cose.

  • 1501

(1) Se il testatore determina alcuni degli eredi che sono stati chiamati, e gli altri no, il resto del patrimonio sarà uguale agli eredi chiamati senza partecipazione.

(2) sarà lasciato se non si scontra con l’erede, che è stato chiamato senza capitale abbastanza valutato tutte le azioni in modo che ha ricevuto una quota del erede, che è stato condannato al minimo. Se le quote degli altri eredi degli stessi colpi da loro in modo che gli eredi, che è stato istituito, senza condividere la sua partecipazione con loro lo stesso.

  • 1502

In tutti i casi in cui il testatore è apparentemente ricalcolato, la divisione viene eseguita in modo tale che la sua volontà sia riempita nel miglior modo possibile.

  • 1503

(1) Se tra gli eredi nominati, una persona che è legalmente eredità in relazione agli altri per una persona, essi devono essere considerati come una sola persona anche secondo la volontà; questo non si applica se la volontà del testatore è ovviamente l’opposto.

(2) Allentare Se il defunto per un erede senza qualificazione delle persone, si ritiene che gli eredi sono quelli che appartengono al gruppo specificato al momento della morte della persona deceduta.

(3) Se consentito dal defunto per un erede senza precisazioni, il gruppo di poveri, né parimenti specifico di persone, si ritiene che l’erede è stato chiamato il comune nel cui territorio il defunto aveva la sua ultima residenza, che si applica il patrimonio a beneficio di un gruppo determinato.

Condividi la condivisione
§ 1504

La quota di eredi che ereditano e non alternativo viene rilasciato e alcuni non riescono nel proporzione alle azioni di altri eredi sono stati chiamati solo se tutti gli eredi chiamati all’eredità, sia altrettanto o espressione generale a significare che divide il rettilineo.

  • 1505

(1) Il diritto di aumentare non ha diritto al sopravvissuto a cui è stata data una certa eredità.

(2) Se alcuni eredi vengono chiamati con un palo e altri senza tale determinazione, la proporzione di coloro che sono chiamati senza partecipazione crescerà.

  • 1506

La quota successione sciolto passerà alla persona a cui pochi riescono, restrizioni ad esso associati, a meno che il defunto ha espresso il desiderio che queste restrizioni si applicano solo alla persona chiamata l’erede o il gas, se la natura delle cose.

di sostituzione
§ 1507

Nel caso in cui l’eredità non acquisisca la persona che ha chiamato l’erede, lui / lei può chiamare il sostituto; i supplenti possono anche essere chiamati alternativamente da supplenti. Se il testatore richiede diversi sostituti, eredita quello che è nella lista della persona più vicina che non ha ereditato l’eredità.

  • 1508

Se il testatore crea un sostituto nel caso in cui la persona ricercata non desideri ereditare o nel caso in cui non possa ereditare, si ritiene che la sostituzione sia stata stabilita per entrambi questi casi.

  • 1509

Le restrizioni imposte all’erede riguardano anche un supplente, a meno che il testatore non abbia dimostrato che tali limitazioni si applicano solo alla persona dell’erede o se deriva dalla natura della cosa.

  • 1510

Se i coimperatori sono chiamati come sostituti, si presume che il testatore abbia voluto condividere i sostituti nella stessa proporzione con cui ha condiviso l’erede. Tuttavia, se qualcun altro è convocato come sostituto al di fuori della cooperativa, se il testatore non ha altra volontà, la quota rilasciata sarà uguale a tutti.

  • 1511

(1) Se l’erede è chiamato eredità, la compensazione cesserà.

(2) A meno che la volontà di un altro defunto, cessa di sostituzione da parte del defunto configurare il bambino al momento non ha avuto figli, lasciare se il bambino è discendenti ereditano ammissibili. Questo è anche vero se il testatore stabilisce un sostituto per un altro dei suoi discendenti in un momento in cui la prole non lo fa.

Successione delle Successioni
§ 1512

(1) Un Preside può ordinare che la successione sia trasferita dopo la morte dell’erede o, in alcuni altri casi, al successore della tortura come successore ereditario. Anche l’occupazione per il successore del trustee è considerata una professione sostitutiva.

(2) Quando l’ordine del testatore è in una misura indefinita, che non può essere accertato se ha chiamato il sostituto o il successore del trustee, il suo regolamento è considerato una professione alternativa.

  • 1513

Se consentito dal defunto ai suoi eredi eredi, disattiva quando gli eredi a sinistra da attività di provenienza, citazione se l’erede di qualcuno che, al momento della morte del defunto non è ancora o convocazione se l’erede soggetto o di un certo periodo di tempo, questo è considerato l’istituzione della successione di fiduciari.

  • 1514

Se tutti i successori della tortura sono i contemporanei testamentari, non c’è limite alla sequenza in cui i successori della tortura seguono.

  • 1515

(1) Quando convocato più successori di fiducia, alcuni dei quali, al momento della morte della persona deceduta ancora esistere, cessa testamentaria fiducia, una volta che i beni in trust devono diventare il primo successore di coloro che non erano contemporanei zůstavitelovými.

(2) La successione cessa al più tardi cento anni dopo la morte del testatore, anche se ha ordinato per un periodo di tempo più lungo. Tuttavia, se il trustee successore di acquisire l’ultima eredità alla morte dell’erede al defunto che vive, al momento della morte, la fiducia testamentaria cessa di esistere solo fino al primo dei successori di fiducia entra in eredità degli eredi.

  • 1516

L’amministrazione fiduciaria scadrà anche se nessun fiduciario è un successore o il caso per il quale è stato stabilito.

  • 1517

Se il defunto chiamato fiduciario successore di suo figlio minorenne inadatto a prendere e vi porterà se il bambino dopo l’ammissibilità di acquisizione scade testamentaria fiducia nel campo di applicazione del lavoro legale.

  • 1518

Se nessun altro volontà evidente del testatore cessa testamentaria fiducia che il testatore ha istituito il suo bambino quando il bambino non ha fatto, lasciando il bambino se il bambino diritto di ereditare. Questo è vero anche se il testatore stabilisce una successione ad un altro dei suoi discendenti in un momento in cui l’autore del reato non lo fa.

  • 1519

Se la chiamata successore persona deceduta La fiducia che non ha i requisiti per prendere per limitare la capacità di testare legale di fiducia è estinto per sempre, acquisisce Se questa persona acquisto di ammissibilità, a meno che il testatore ha manifestato la volontà di un altro.

  • 1520

(1) Se richiesto da un trustee successore, erede di compilare senza indebito ritardo e in sua presenza per iscritto inventario di tutto ciò che è venuto per eredità, dando al giorno dell’assemblea e dargli svěřenskému successori. Su richiesta del successore del trustee, la firma dell’erede sull’inventario deve essere verificata ufficialmente.

(2) Il successore della tartaruga ha il diritto di richiedere che l’inventario sia compilato sotto forma di uno strumento autentico.

(3) Il costo della creazione dell’inventario è ereditato.

  • 1521

Confidò se il defunto durante la regolazione fiducia successione di eredi aventi diritto di eredità disporre liberamente della proprietà dell’erede diritto di quello che è venuto attraverso l’ereditarietà, così come ciò che è venuto risarcimento per distruzione, danneggiamento o la rimozione di elementi del patrimonio, limitatamente ai diritti e obblighi del beneficiario. Questo non è il caso se l’eredità è rubata o gravata per pagare i debiti del debitore.

  • 1522

(1) affidato al decesso durante la regolazione fidano eredi successione il diritto di disporre liberamente della successione, l’erede può allontanare o gravare cosa da ciò eredità acquisita solo con il consenso del successore del fiduciario; il consenso richiede la forma di uno strumento autentico.

(2) Se, a causa della cura di un buon manager, la questione deve essere appesantita o eliminata, il tribunale può, su suggerimento dell’erede, sostituire il consenso del successore del trustee. Se il tribunale decide che il caso sarà addebitato o smaltito a titolo oneroso, determinerà in che modo tratterà i proventi; tenendo conto degli interessi legittimi del successore del trustee.

  • 1523

Se la proprietà ha un frutto o un beneficio, il successore della tortura può richiedere al tribunale di determinare la via e il modo dell’erede di trattare la cosa o il godimento della cosa.

  • 1524

(1) Scrive Se la cosa e il suo proprietario nella lista pubblica, viene inserito nella lista pubblica e testamentaria fiducia. Se la cosa un testamentaria fiducia alla lista pubblica della sede e caricato quando l’erede delle cose che venivano da eredità, come stymieing o limitare i diritti del successore del Trust, ma con il trustee successore accettato di avere contro svěřenskému successori effetti giuridici.

(2) Se c’è una cosa o un testamentaria fiducia inserito nella lista pubblica e caricato quando l’erede delle cose che venivano da eredità, come stymieing o limitare i diritti del successore del Trust, ma con il successore fiducia accettato di avere un successore trustee diritto di rivendicare ai sensi delle disposizioni l’inefficacia relativa della Corte di dichiarare che il procedimento giudiziario contro di lui l’erede non è legalmente efficace.

disabilità acquisizione
§ 1525

L’illecito non è competente, a meno che non si tratti dei casi di cui alle sezioni da 1526 a 1528.

  • 1526

Chi ha raggiunto l’età di quindici anni e non ha ancora acquisito piena autorità, può ottenere senza il consenso del legale rappresentante sotto forma di uno strumento autentico.

  • 1527

Chi era la capacità giuridica è limitato in modo che non è competente a prendere può essere ancora validamente assumere qualsiasi forma, se recuperato nella misura in cui è in grado di esprimere la propria volontà.

  • 1528

(1) Chiunque sia stato ristretto a proprio diritto può, entro i limiti, ottenere solo nella forma di uno strumento autentico.

(2) Chi era la capacità giuridica limitati per la dipendenza al consumo di alcol, uso di sostanze psicotrope o prodotti simili o di veleni o di dipendenza da gioco d’azzardo passione che presentano un grave disturbo mentale può variare restrizioni assumere qualsiasi forma prescritta, ma non più di circa la metà della tenuta. La parte restante della proprietà è eredi legali; se solo uno stato dovrebbe essere ereditato come un erede legittimo, il testatore può acquisire tutto il patrimonio.

Effetti dell’errore
§ 1529

Un errore sostanziale del testatore provoca l’invalidazione della disposizione della volontà a cui si riferisce.

  • 1530

(1) Un errore è essenziale quando si tratta di una persona che è in possesso di qualcosa o di una condivisione o di una cosa che è stata lasciata indietro, o delle caratteristiche essenziali della cosa. Le proprietà sono essenziali se è ovvio che il testatore non l’avrebbe determinato nel testamento se non si fosse sbagliato in esse.

(2) La volontà del testamento è valida se viene mostrato che la persona o la cosa è stata travisata.

  • 1531

Se la volontà del testatore si basa sulla causa sbagliata, invaliderà le disposizioni della volontà a cui si riferisce.

Sottosezione 2

Forma di volontà
§ 1532

Forma scritta di volontà
Il recinto richiede una forma scritta, a meno che non sia preso con rilievo.

Convocazione fatta da una carta privata
§ 1533

Chiunque voglia fare una testimonianza scritta senza un testimone, scrive la volontà del Signore con le sue proprie mani e la firma con la sua stessa mano.

  • 1534

L’alleanza, che il testatore non ha scritto nelle sue mani, deve firmare per sua stessa mano e dichiarare espressamente che la carta contiene la sua ultima volontà prima di due testimoni presenti al momento.

  • 1535

(1) Se il testatore è cieco, deve mostrare l’ultima volontà prima dei tre presenti presenti nello strumento, che devono essere letti ad alta voce da un testimone che non ha scritto il testamento. Il testimone davanti al testimone conferma che il documento contiene la sua ultima volontà.

(2) Se l’assicurato con disabilità sensoriali e in grado di leggere o scrivere, pregiudica la volontà prima tre testimoni contemporaneamente presenti in un documento il cui contenuto deve essere interpretato in un modo speciale di comunicazione, quale il testatore sceglie testimone che non scrivere; tutti i testimoni devono controllare il modo in cui il contenuto del documento è interpretato. Il Rappresentante, nel modo scelto di comunicare davanti ai testimoni, conferma che la Carta contiene la sua volontà ultima.

  • 1536

(1) In testamenti fatti da una persona con disabilità sensoriali che non sanno leggere o scrivere, si noterà che il testatore non può leggere o scrivere, che ha scritto la volontà, leggere, o che ha interpretato e come il testatore ha confermato che il documento contiene le sue ultime volontà. Se il contenuto è stato interpretato in una comunicazione speciale modo, questo deve essere indicato nel documento, compresi quelli di cui il defunto aveva scelto la via della comunicazione.

(2) Il testatore deve inoltre firmare lo strumento; se non può scrivere, la Sezione 563 si applica mutatis mutandis.

Un atto pubblico
§ 1537

Il righello può mostrare l’ultima volontà nel record pubblico.

  • 1538

Chi scriverà la volontà pubblica della volontà farà in modo che la manifestazione della volontà sia fatta con deliberazione, seriamente e senza costrizione.

Testimonianza
§ 1539

(1) I testimoni prenderanno le volontà in modo tale da poter confermare che il testatore e l’acquirente sono la stessa persona. Il testimone deve firmare sullo strumento della volontà; per la firma di solito allegherà una clausola che indica la sua proprietà come testimone e i dati con cui può essere identificato.

(2) teste può essere incapace persona del paziente, o di una persona che non è abile nel metodo di lingua o di comunicazione, in cui gli importi atto.

  • 1540

(1) Un erede o un impiegato non è in grado di testimoniare su ciò che gli è rimasto. Allo stesso modo, un erede o un parente di un parente, o un erede o un dipendente di riferimento, non è idoneo a essere testimoni.

(2) La validità delle disposizioni del testamento fatto a favore di una delle persone di cui al paragrafo 1 è richiesta dal testatore di sua mano o da tre testimoni.

  • 1541

Le disposizioni di cui al § 1540 si applicano, mutatis mutandis, ai quali ha chiesto l’esecutore defunto o uno nella realizzazione di volontà lavora come scrittore, i lettori, traduttore ufficiale o una persona.

Deliberazioni nel fare la volontà
§ 1542

(1) Chi, per un evento inaspettato in una minaccia visibile ed imminente alla vita, ha il diritto di fare testamento verbalmente prima che tre testimoni si presentino nello stesso momento. Lo stesso diritto è dato dalla persona che si trova in un luogo in cui il normale rapporto sociale è paralizzato a causa di un evento straordinario e non può essere ragionevolmente richiesto per ottenerlo in un’altra forma.

(2) Se il testimone non raccoglie la registrazione della volontà del defunto, il protocollo del tribunale sull’audizione dei testimoni deve essere la causa della successione.

  • 1543

Se una preoccupazione ragionevole che sono morti il ​​defunto prima che potesse fare un testamento sotto forma di documenti pubblici in grado di registrare la sua volontà il sindaco nel cui territorio il defunto è stato trovato in presenza di due testimoni. Alle stesse condizioni, la volontà del testatore può anche essere registrata dalla persona che, in virtù di un’altra legge, ha il diritto di esercitare i poteri del sindaco.

  • 1544

(1) Al fine di un grave motivo decedute possono essere a bordo di una nave marittima battenti bandiera nazionale della Repubblica Ceca o un aeromobile immatricolato in aeromobili registrati nella Repubblica Ceca ha registrato ultime volontà del defunto, in presenza di due testimoni comandante della nave da guerra o di un aeromobile, o il suo rappresentante, se si può fare che la cura per la sicurezza della navigazione o di volo. La validità di una volontà non si può negare che il defunto aveva una volontà di acquistare ragione.

(2) Quando la volontà è stata presa a bordo in conformità del paragrafo 1

  1. a) d’alto mare nave, il record comandante nel giornale di bordo e sarà tempestivamente inoltrare l’ambasciata della Repubblica Ceca, che è il porto più vicino a cui perviene un’imbarcazione marittima o autorità pubblica in cui la nave iscritta nel registro navale marittima, o
  2. b) il comandante dell’aeromobile ha registrato nel giornale di bordo e il testamento deve senza indebito ritardo Ambasciata della Repubblica Ceca, che è più vicina al punto in cui l’aereo è atterrato all’estero o un ente pubblico con il quale l’aeromobile è registrato aerei.
  • 1545

(1) Quando si partecipa ad operazioni di conflitto e militari armati in grado di registrare le ultime volontà di un soldato o di altra persona appartenente alle forze armate comandante dell’unità militare della Repubblica Ceca o un altro soldato con il grado di ufficiale o superiore in presenza di due testimoni. Se la volontà è così presa, la sua validità non può essere negata.

(2) and Fitch realizzato in conformità del paragrafo 1 comandante si arrende senza indebito ritardo, un alto comandante del quartier generale, dove è prontamente trasmessa al Ministero della Difesa della Repubblica Ceca.

  • 1546

Se la volontà è stata presa in conformità con il § 1543, il comune deve provvedere alla sua custodia presso il notaio senza indebito ritardo. Se la volontà è stata presa in conformità con le Sezioni 1544 o 1545, lo stesso ufficio deve essere dotato del testamento da consegnare.

  • 1547

(1) Ha comprato Se il defunto ai sensi del § 1543, 1544 o 1545, richiede che la persona che ha effettuato la segnalazione, ma anche sia assistito alla firma e il testatore in presenza di due testimoni leggere e che il testatore ha confermato che questa è una manifestazione della sua volontà . I testamenti così ottenuti sono considerati documenti pubblici.

(2) Se non v’è nella preparazione delle volontà ai sensi del § 1543, 1544 o 1545 per violazione delle formalità previste, in particolare in assenza delle firme dei documenti presenti testimoni, anche se necessaria, ma se è ancora certo che il documento registra in modo affidabile testatore sarà, non invalida la volontà; tale documento non è considerato un documento pubblico.

  • 1548

(1) Quando si scatta una testimonianza di sollievo può essere testimoni e persone che abbiano compiuto quindici anni di età, e le persone che sono state in capacità giuridica limitata se sono ammissibili credibile descrivere i fatti rilevanti per la validità dei testamenti.

(2) Se la volontà è ottenuta con sollievo, la sua validità non pregiudica il fatto che il testatore o il testimone non l’abbia firmato perché non potrebbe scrivere o per un altro ostacolo serio, se espressamente indicato nel documento.

  • 1549

Se il defunto era vivo scade testamento preso sotto § 1542 dopo due settimane ai sensi del § 1543, 1544, 1545, o tre mesi dalla data di acquisizione. Tuttavia, questi tempi non iniziano a funzionare o funzionare finché il testatore non può assumere una volontà sotto forma di uno strumento autentico.

  • 1550

segretezza
Che ha lavorato per l’acquisizione di una volontà o di altri procedimenti legali ai quali la legge richiede per tali particolari, come scrittore, un testimone, i lettori, traduttore, custode o funzionario che conserva il contenuto delle intenzioni del testatore riservate, a meno che sia evidente l’altro testatore volontà; se non riesce a farlo, deve permettere alla parte lesa di farlo.

Sottosezione 3

Clausole secondarie nella volontà
§ 1551

(1) Il Beneficiario può specificare nel testamento una condizione, la prova del tempo o dell’ordine.

(2) L’obiettivo proposizione subordinata quando solo un’erede fastidio apparente o ovvio dalla deceduto arbitrarietà persona legatee, ignorare esso. Ignorare o la clausola secondaria, che chiaramente contrario all’ordine pubblico o incomprensibili.

  • 1552

Ignorare proposizione subordinata richiede che l’erede defunto o legatari per chiudere o meno sposati o che sono rimasti in matrimonio o il matrimonio annullato. Tuttavia, il firmatario può concedere a qualcuno il diritto di sposarsi.

L’esecutore della volontà
§ 1553

(1) Il testatore può evocare volontà esecutore e possibilmente determinare i suoi obblighi e se e come essere ricompensati.

(2) Se il tribunale giudiziario scopre che l’esecutore testamentario è stato chiamato per ascoltare l’eredità, deve informarlo. L’esecutore può recedere dall’incarico in qualsiasi momento; la dimissione è efficace se arriva in tribunale.

  • 1554

(1) L’esecutore testamentario dovrà assicurare che l’ultima volontà del testatore sia debitamente adempiuta con la cura dell’uomo buono. E ‘titolare di tutti i diritti necessari per svolgere i suoi compiti, tra cui il diritto di difendere in giudizio la validità dei testamenti eccepire l’incompetenza erede o il legatario e non si preoccupano le istruzioni realizzazione zůstavitelových.

(2) Se il testatore non riesce ad autorizzare il patrimonio, l’esecutore avrà anche la custodia della proprietà fino a quando il tribunale non deciderà diversamente. Le disposizioni sull’amministratore del patrimonio si applicano mutatis mutandis all’esecutore testamentario se è chiamato da uno strumento pubblico; altrimenti saranno usati in modo appropriato.

  • 1555

Quando l’eccezione di nullità chiamata alla funzione esecutore può esercitare i propri diritti e adempiono agli obblighi verso la decisione che la manifestazione di volontà del defunto non è valida se il giudice non riesce ad altre misure.

Amministratore della tenuta
§ 1556

(1) Il testatore può chiamare l’amministratore della tenuta o parte di esso (di seguito “gestore tenuta”) ed eventualmente determinare suoi obblighi e se e come essere ricompensati. L’occupazione dell’amministratore immobiliare richiede la forma di uno strumento autentico.

(2) La manifestazione della volontà a cui è stato chiamato l’amministratore della tenuta può essere annullata nello stesso modo della volontà della volontà.

  • 1557

L’amministratore della tenuta prenderà l’amministrazione se è noto che è stato convocato non appena viene a sapere della morte del deceduto. Se il tribunale scopre che l’amministratore della tenuta è stato convocato, lo informerà.

  • 1558

Se è stato chiamato l’esecutore testamentario, l’amministratore della tenuta dirige le sue istruzioni; i loro reciproci diritti e doveri saranno valutati secondo i termini dell’ordine.

  • 1559

L’amministratore di proprietà può ritirarsi dall’ufficio in qualsiasi momento; la dimissione è efficace se arriva in tribunale.

  • 1560

Qualora l’esecutore o l’amministratore della tenuta delle sue funzioni sul serio, se non in grado di esercitare le sue funzioni correttamente o se è per un altro motivo grave, fa appello ufficio della corte.

condizioni
§ 1561

Se la condizione è diretto per condurre un erede o il legatario, che può essere ripetuta, deve essere ri-fatto, dopo la morte del defunto, anche se è successo la vita di una persona già deceduta, se non v’è altra volontà evidente del testatore.

  • 1562

Per acquisire ciò che è rimasto con una condizione di deposito, è necessario che la persona che è rimasta per sopravvivere al testatore sia in grado di ereditare.

  • 1563

(1) Se a qualcuno viene concesso un diritto con una condizione di datazione impossibile, viene ignorato.

(2) La volontà della volontà di concedere un diritto a una persona con impossibilità di consegna non è valida.

Prova del tempo
§ 1564

Se il testatore limita qualcuno a destra con la prova del tempo, e se non è sicuro che il tempo sorgerà, il diritto rimane condizionato.

  • 1565

Se il tempo è determinato in modo che il momento decisivo debba verificarsi, il diritto restante passa come altri diritti incondizionati all’erede della persona rimasta.

  • 1566

Se è certo che il tempo misurato nella volontà non può mai verificarsi, questa prova del tempo è considerata una condizione impossibile. Tuttavia, se il testatore si sbaglia nel determinare il tempo, il momento decisivo viene determinato in base alla sua probabile volontà.

Disposizioni speciali
§ 1567

(1) fino al successivo erede destra rimane spostata fino a quando la condizione si verifica o fino al momento documentato, erede anteriore destra che eredità è stata limitata come fruitore destra; le disposizioni delle sezioni da 1520 a 1524 si applicano mutatis mutandis.

(2) L’erede la cui legge è stata sospesa dalle condizioni regolamento o la prova del tempo, acquisisce, come gli era stato lasciato qui, con l’obbligo di contribuire eredi abbastanza anteriori a quello che si esibisce sui debiti della persona deceduta o eredi nepominutelnému a Légitime.

  • 1568

Se i precedenti e successivi rinvii sono stati convocati, la sezione 1567 si applica mutatis mutandis.

comando
§ 1569

(1) se rimane defunto comando qualcosa a qualcuno connettività valuta il comando come condizione risolutiva, così la sinistra sarà contrastare la legge, a meno che l’ordine viene eseguito, a meno che il testatore influenzerà un’altra.

(2) Il divieto di alienazione o onere gravata impegnata solo se è diretto in un tempo ragionevole e giustificato serio interesse meritevole di tutela legale, in caso contrario la Corte può decidere proposta carico che ha violato il divieto. Se il divieto è stato iscritto nel registro pubblico carico può chiedere che il tribunale ha annullato il divieto; giudice respinge la proposta, a meno che non sia provato che l’interesse per l’abolizione del divieto probabilmente supera interesse per la sua conservazione.

  • 1570

Se il comando non può essere eseguito con precisione, deve almeno essere raggiunto. Se ciò non è possibile, spetta alla persona che è in difficoltà obbedire a ciò che gli è rimasto, a meno che il testatore non abbia mostrato una volontà diversa. Ma colui che si è reso incapace di adempiere al comandamento sa che lo ostacolerà, perderà ciò che gli è stato lasciato.

  • 1571

Il diritto di far rispettare l’ordine ha, oltre alla persona a cui deve essere fatto l’ordine, anche la volontà dell’esecutore o di un’altra persona chiamata a farlo nel testamento.

  • 1572

(1) Ha lo scopo se l’ordine di beneficiare più persone senza riserve, incontrare la persona degli oneri comando nei confronti di un soggetto giuridico autorizzato per proteggere gli interessi di tali persone. Se c’è di più in queste persone giuridiche e se la volontà di nessun altro testatore è ovvia, la scelta della persona è difficile per il comando; se non lo fa senza indebito ritardo, la persona competente determina il tribunale sulla proposta della persona che ha un interesse legale in tale ambito.

(2) Se l’ordine per il beneficio pubblico è diretto, l’esecuzione dell’ordine può anche essere eseguita dall’autorità pubblica competente.

  • 1573

Quando una persona deceduta allo scopo per il quale si lascia qualcosa a qualcuno, ma non impone un obbligo in tal senso ha lasciato la questione, guardando la sua espressione di volontà come il desiderio di non giuridicamente vincolante.

  • 1574

Una disposizione che gli eredi o legatari deceduti comando con la minaccia di perdere alcuni benefici che contraddicevano la volontà non ha alcun effetto giuridico, se non altro per opposizione alla autenticità della volontà o contro interpretare il suo significato.

Sottosezione 4

Cancellazione della volontà
§ 1575

(1) Il Beneficiario ha il diritto di annullare la volontà o le sue disposizioni individuali in qualsiasi momento.

(2) Il patto deve essere annullato da un appello o da una volontà successiva.

  • 1576

Acquisizione di una nuova volontà
Facendo un testamento successivo, il precedente sarà annullato nella misura in cui non può stare accanto alla volontà successiva.

Revoca di volontà
§ 1577

Esclusivamente sarà richiesto di esprimere la volontà in una forma prescritta per la volontà della volontà.

  • 1578

(1) La distruzione dello strumento su cui è stata scritta la volontà è richiesta per revocare la volontà in silenzio. Se il testatore distrugge solo una delle diverse copie del testamento, non si può escludere che sia stato presentato ricorso.

(2) violato se lo strumento defunto in qualsiasi altro modo, o non ha rinnovato se una volontà, anche se sa che il documento è stato distrutto o perso, sarà annullato, qualora dalle circostanze zůstavitelův senza dubbio intenzione di cancellazione.

  • 1579

(1) Se la volontà è stata presa sotto forma di uno strumento autentico, il testatore avrà il diritto di chiedere in qualsiasi momento che sarà emesso; la volontà può essere data solo al testatore personalmente. Se la volontà è consegnata al testatore, si riterrà che sia stata ritirata; il testatore istruirà il testatore su colui che gli ha dato la volontà, e l’avviso della volontà e delle osservazioni sarà annotato sulla scrittura e nei suoi scritti.

(2) Se il testamento è stato posto in custodia ufficiale, il testatore avrà il diritto di chiedere l’estradizione della stessa; la questione della volontà non ha conseguenze giuridiche ai sensi della seconda frase del paragrafo 1.

  • 1580

Le cancellazioni tardive, la volontà defunto, ma mantenere la prima, si è capito che il primo non sarà privo della forza e la fissava come se fosse annullato.

  • 1581

Clausola di annullamento non valida
Se il testatore dichiara che tutta la sua prossima acquisizione in caso di morte non è valida o che tali acquisizioni che non sono stabilite in una determinata forma non sono valide, queste non saranno prese in considerazione.

Sezione 3

Accordo di successione
§ 1582

(1) Con il contratto di successione, il testatore deve chiamare l’altra parte contraente o terzo persona come erede o legatario, e l’altra parte deve accettarlo.

(2) L’ accordo di successione richiede la forma di uno strumento autentico.

  • 1583

Quanto stipulato in questa sezione per un erede di contratto si applica mutatis mutandis ai rinvii contrattuali.

  • 1584

(1) Un testatore matrimoniale che abbia pieno diritto può concludere un contratto ereditario; se il testatore è limitato nel proprio diritto, può concludere l’accordo di successione e l’obbligo di cambiarlo con il consenso del tutore.

(2) Le parti possono concludere l’accordo di successione e l’obbligo di cambiarlo esclusivamente per condotta personale.

  • 1585

(1) Con l’accordo di successione non è possibile ottenere l’intero patrimonio. Un quarto del patrimonio deve rimanere libero, in modo che il testatore possa farlo secondo la propria volontà. Se il testatore vuole lasciare questo trimestrale all’erede contrattuale, può farlo.

(2) Chi era la capacità giuridica limitata per la dipendenza al consumo di alcol, uso di sostanze psicotrope o di prodotti simili o veleni o dipendenza da gioco d’azzardo passione che presentano un grave disturbo mentale, si può prendere un contratto di successione unico bene di cui è idoneo a fare testamento. Di questi beni, un quarto degli acquisti riservati sono calcolati in base alla loro particolare volontà.

  • 1586

Se è stato patto successorio hanno concluso che gli altri eredi rinunciano loro diritto di nascita, perde la rinuncia di effetti di ereditarietà non ereditano se l’erede chiamato contratto di eredità.

  • 1587

I termini del contratto di successione si applicano ai § 548 e 549.

  • 1588

(1) La proprietà del defunto non impedisce al testatore di trattare con la sua proprietà nella sua stessa vita a volontà. Salvo diverso accordo, una parte chiamata all’erede non può trasferire il suo diritto ad un’altra persona.

(2) Prende Tuttavia, se il defunto in caso di morte o chiuso, se l’atto di donazione, in modo che un contratto di patrimonio non è compatibile, può contrarre erede raggiungere l’inefficacia di tale azione legale.

  • 1589

(1) Se le parti concordano che il testatore trasferirà la proprietà all’erede contrattuale durante la sua vita, la proprietà può essere scritta sotto forma di documento pubblico. In questo caso, se il testatore non trasferisce tutti i suoi beni o di ottenere, se dopo il trasferimento di altre attività per eredità contratto si applica solo ai beni così disegnato, a meno che non è stato concordato diversamente.

(2) Se la rinuncia ha avuto luogo nella vita, i diritti e gli obblighi dell’erede degli eredi dell’erede del contratto saranno trasferiti, se non diversamente concordato.

  • 1590

Può anche annullare i suoi obblighi in base al contratto di successione acquisendo la volontà. L’annullamento effettivo richiede il consenso dell’erede contrattuale effettuato sotto forma di uno strumento autentico.

  • 1591

contratto di successione invalido per mancanza di forma o non valido per il mancato rispetto delle condizioni di cui al § 1584 e il 1585, o perché non conforme alle disposizioni degli accordi di cui alla parte quarta della presente legge, possono ancora costringere volontà, se tutti gli altri requisiti di volontà.

Disposizioni speciali sull’accordo di successione concluso tra coniugi
§ 1592

(1) I coniugi possono concludere un accordo di successione in cui una parte chiede un altro erede o il legatario e l’altra parte accetta questa chiamata o in questo modo per gli eredi o legatari chiamano l’un l’altro.

(2) Tale contratto può anche essere concluso tra coppie sposate e matrimonio, ma il contratto diventa effettivo solo dopo il matrimonio.

  • 1593

(1) Il divorzio di un matrimonio non viola i diritti e gli obblighi del contratto di successione, a meno che il contratto degli eredi non decida diversamente. Dopo il divorzio, ciascuna parte può chiedere l’annullamento del patrimonio da parte del tribunale. Non è conforme alla proposta se è contro la persona che non ha divorziato dal matrimonio e non è d’accordo con il divorzio.

(2) l’annullamento del matrimonio abolendo i diritti e gli obblighi della eredità del contratto, a meno che tali matrimoni già terminate con la morte di un coniuge.

Parte 3

collegamento
Sezione 1

Disposizioni generali
Creazione di collegamenti
§ 1594

(1) Il riferimento deve essere fatto dal testatore in modo tale che, in caso di morte, istruisca una persona a deferire l’oggetto al linker. Solo una persona che può ereditare può essere un avvocato. Se l’erede dell’erede richiede il fatto che non eredita la cosa particolare, è considerato un erede legale.

(2) La donazione dipendente dalla condizione che il donatore sopravvive deve essere considerata un riferimento se il donatore non ha rinunciato al diritto di rinunciare al dono.

  • 1595

Il riferimento può essere fatto da una persona qualificata per fare testamento. Un rappresentante incapace di acquisire può fare riferimento solo a oggetti di scarso valore dalla sua proprietà.

  • 1596

Il sovrano può anche lasciare all’erede o al co-imperatore un riferimento preferito; a causa di questo link, saranno considerati come referenti.

Preoccupato dal link
§ 1597

I riferimenti sono attribuibili a tutti gli eredi in base alla proporzione delle loro azioni, anche se si è fatto affidamento sulla questione di uno dei co-imperatori. Questo non si applica se il testatore richiede specificamente un link a un singolo collega o linker.

  • 1598

Ciascuno degli eredi deve mantenere almeno un quarto dei collegamenti liberi dal valore dell’eredità. Se l’erede dell’erede ha più di un erede, l’erede ha diritto a un relativo accorciamento del collegamento.

  • 1599

Pododkaz
(1) Quando la testimonianza di un linker consente di soddisfare un altro link, il linker non rilascia l’obbligo di compilare il collegamento successivo o il fatto che il valore del collegamento successivo superi il valore del collegamento.

(2) Se non c’è alcun collegamento, verrà creato un altro collegamento a chi è stato il collegamento. Tale obbligo sarà incamerato se il riferimento a lui / lei è lasciato alla persona che ha lasciato il prossimo link.

  • 1600

Deceduto, che ricorda un riferimento a un gruppo specifico di persone, come parenti o particolarmente povero, o pubblica utilità, scopo di beneficenza o simili può lasciare eredi o di chiunque altro, per determinare come e quali di queste persone o scopi per essere diviso per il. A meno che il testatore non ne parli, ha la scelta dell’erede. Se l’erede non può essere eseguito, il tribunale determinerà i linkers.

  • 1601

Sostituzione del link
Il principale può, in riferimento, ordinare un sostituto o un’amministrazione fiduciaria. Per tali casi, si applicano mutatis mutandis le disposizioni delle sezioni da 1507 a 1524.

Revoca un link
§ 1602

Si ritiene che il riferimento sia stato ritirato se il testatore

  1. a) Distrutto o distrutto o distrutto il caso,

(b) modifica il caso in modo tale che non sia più il caso, o

  1. c) recuperare e recuperare il credito.
  • 1603

Si ritiene che il riferimento non sia stato revocato se l’oggetto in partenza è stato acquistato da un’altra persona o se la cosa ricercata è stata alterata o distrutta al di fuori della volontà del testatore. Ciò vale anche se il debitore ha liquidato il credito del debitore di propria iniziativa.

Sezione 2

Regole speciali per ogni tipo di link
Sottosezione 1

Collegamento di cose di un certo tipo
§ 1604

(1) Quando si fa riferimento a una questione di un tipo particolare, se tali questioni sono più nel patrimonio, la persona deve essere resa difficile dal riferimento della questione all’Arbitro. Tuttavia, deve scegliere il tipo di cosa che il referrer può usare.

(2) Se il linker è lasciato a scegliere tra diverse cose, può scegliere la cosa migliore.

  • 1605

(1) Quando si fa riferimento a una questione di una particolare specie che non è nel patrimonio, il riferimento non è valido. Se il testatore solleva diverse cose di un certo tipo e se non ci sono quantità nella proprietà, sarà soddisfatto con coloro che sono nella proprietà.

(2) non è in grado Ma se il defunto aveva un certo tipo di cosa precisamente dalla sua proprietà e, se non è una cosa del genere nella tenuta, fornito dalla persona degli oneri di riferimento legatee della situazione personale di qualità ragionevole e il legatario necessità.

  • 1606

(1) Un Residente può anche istruire un’altra persona a scegliere quale delle diverse cose dovrebbe ricevere un referente. Se questa persona non riesce a fare una scelta, il tribunale stabilirà il collegamento in relazione alle circostanze personali e alla necessità di un linker.

(2) Il tribunale stabilisce un punto di riferimento anche quando il legatario non esegue un’opzione che era stato lasciato nel termine fissato per l’applicazione della persona gravata da riferimento.

  • 1607

Il legame monetario obbliga una persona con un collegamento difficile al loro pagamento, sia che il denaro sia o meno nella proprietà.

Sottosezione 2

Riferimento di una cosa particolare
§ 1608

Se si ripete di riferimento certe cose in una o più disposizioni del legatario ha il diritto di fornire cure cosa e il suo prezzo, allo stesso tempo. Altri riferimenti, anche se contengono una cosa dello stesso tipo o della stessa quantità di denaro, appartengono al numero di riferimento tante volte quante sono ripetute.

  • 1609

Il riferimento al caso che apparteneva al referente al momento della volontà è stato ignorato. Se lo offrisse in seguito, si pagherebbe il solito prezzo della cosa; se è libero dal testatore stesso, il riferimento è revocato.

  • 1610

(1) Non si fa riferimento alla questione di uno straniero che non appartiene a una persona deceduta o deceduta, né un erede o un referente che dovrebbe darlo a qualcun altro. Se la persona suddetta ha una quota o un diritto nel caso di una questione correlata, il riferimento solo a quella quota oa problemi di destra.

(2) Se il testatore ha ordinato che un oggetto estraneo debba essere acquistato e dato a un riferimento, ma il proprietario non vuole venderlo al prezzo normale, tale prezzo sarà pagato al linker.

  • 1611

Sospensioni o altri carichi dell’argomento influenzano il destinatario come un errore di collegamento.

Sottosezione 3

Nota ricevibile
§ 1612

Quando si fa riferimento l’affermazione che il defunto appartiene a qualcun altro, fare riferimento alla persona di riferimento oneri a questa affermazione di accessori e fornire ai potenziali legatari, lo rilasciano i documenti necessari per quanto riguarda il credito e gli dice di tutto per esercitare crediti nei confronti del debitore necessario.

  • 1613

Collegare tutti i crediti include tutti i crediti mentre stabilisce un lascito duraturo, ma non i crediti derivanti da titoli e libretti di risparmio o attività legate a questioni immobiliari e crediti derivanti da diritto sostanziale.

  • 1614

La cedola del credito, che il testatore ha come riferimento, obbliga la persona in difficoltà a emettere un buttafuori o restituire il debito.

  • 1615

La rinuncia al debito non si applica ai debiti sostenuti dopo che un collegamento è stato stabilito. Se non riesce a fare riferimento alla sicurezza del debito, non sarà nemmeno il debito che è stato cancellato. Se viene prorogata solo la scadenza del pagamento, non vi sarà più alcuna rinuncia agli interessi.

  • 1616

(1) riferimento debito al defunto per pagare il legatario ha l’effetto giuridico che impegna una persona gravata con riferimento a riconoscere il debito che il defunto legatario sicuramente espresso o dimostrare, e pagare entro il termine per l’adempimento degli altri collegamenti senza tener conto delle condizioni e scadenze. che ha reso difficile con il testatore.

(2) Se il testatore ordina che un reclamo di riferimento sia garantito, deve essere fornito con sufficiente certezza.

  • 1617

Se il testatore fornisce la stessa quantità di denaro che gli è dovuta, si ritiene che si sia rifiutato di pagare il debito. Il giornalista riceve un debito e un link.

Sottosezione 4

Altri link
§ 1618

Collegamento a bambini e parenti
I bambini sono solo figli e figlie se il defunto ricorda i figli di un altro. Tuttavia, se sono i figli dei figli del defunto, i discendenti che entrano nel loro posto sono compresi.

  • 1619

Anche nei casi diversi da quelli di cui alle sezioni da 1594 a 1618, la sezione 1503 si applica mutatis mutandis.

Sezione 3

Ottieni un collegamento
§ 1620

(1) Un avvocato acquisisce il diritto di riferimento per se stesso e per i suoi successori con la morte del testatore.

(2) La sezione 1480 si applica mutatis mutandis al diritto di riferimento.

  • 1621

(1) Una questione differita deve essere acquisita da un riferimento nel modo in cui la proprietà è acquisita.

(2) Se viene raggiunto il diritto a un riferimento, il firmatario può richiedere il rilascio del caso. Se il caso è inserito nella lista pubblica, il rilascio del caso è sostituito da una dichiarazione dell’esecutore testamentario, altrimenti la persona in difficoltà, con una firma autenticata ufficialmente; se la scadenza del collegamento non è stata rinviata, il riferimento nell’elenco pubblico deve essere inserito direttamente sul testatore.

  • 1622

Prima della morte del testatore, il linker non può trasferire o acquisire il diritto al collegamento.

  • 1623

Se il altercazione dichiara il modo in cui è impostato per rifiutare l’eredità che il link non lo vuole, lo guarda come se non avesse affatto diritto al collegamento.

  • 1624

(1) Il riferimento di singole questioni alla tenuta e un riferimento a diritti relativi a tali questioni possono essere richiesti immediatamente. Ciò vale anche per il riferimento dei bonus dei dipendenti più piccoli e dei riferimenti di pubblica utilità, caritatevoli e simili. Altri link sono pagabili un anno dopo la morte del testatore.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 si applicano a meno che la volontà del testatore sia evidente.

  • 1625

Quando si fa riferimento a singole cose, il linker appartiene alla data di riferimento dalla data di scadenza del riferimento di frutta e benefici e tutto ciò che è rilevante per il caso, compresi i diritti con la relazione. A partire dallo stesso giorno, il referente si occupa anche delle carenze nelle cose da finire, nonché del loro deterioramento o distruzione derivanti da fatti per i quali nessuno è responsabile.

  • 1626

(1) Quando si fa riferimento alle prestazioni a causa di annuale, mensile, o comunque acquisisce legatario beneficiare degli importi che cade su tutto il tempo, sopravvive se il suo inizio; il rimborso diventa pagabile fino alla scadenza specificata.

(2) Un riferimento alla manutenzione si applica mutatis mutandis al § 922.

  • 1627

Diritto del linker refectoral
(1) In riferimento ricaricate o di riferimento, il cui rendimento è ancora possibile la rivendicazione rispetto al periodo legale o causa di tempo o condizione per il defunto, legatario contro una persona gravata con riferimento al diritto di fornire un’adeguata sicurezza. Questo non si applica se è ovvio che non vi è alcuna necessità di garanzie.

(2) Altrimenti, il riferimento alla persona con difficoltà nel riferimento ha gli stessi diritti di qualsiasi altro creditore.

Link pubblicato
§ 1628

(1) Se non potete accettare il legatario link o rifiuta di esso, o di collegamento alternativo. Se non v’è alcun sostituto e se l’intero riferimento ricordato diverse persone senza specificare né azioni o espressione generale significanti dividendo il piatto, verrà aggiunto proporzione piuttosto rilassato altri azionisti.

(2) Se un legatario lasciato uno parti è consentito di aumentare in conformità del paragrafo 1, a meno che non è chiara la volontà del testatore lasciare enumerati legatario intero link e la determinazione delle azioni volevano altro che limitare ogni altri legatari.

(3) In altri casi, l’obbligo di rispettare il collegamento cesserà di esistere.

  • 1629

Chiunque benefici del rilascio di un collegamento o del fatto che l’obbligo di completare il collegamento si estingue, influisce anche sul relativo onere. Questo non si applica se inizialmente le azioni personali della persona sono difficili da riferire.

I diritti dell’erede per prenotare il tuo inventario
§ 1630

(1) Quando la proprietà al netto dei collegamenti in modo gravata che è quasi esaurita ed erede ha esercitato il proprio diritto, a norma § 1598 erede ha diritto solo al rimborso delle spese effettuate nel compimento di riferimenti e un risarcimento adeguato per il loro sforzo. Non riuscendo eredità ai loro paga, i costi e le ricompense legatari proporzionalmente al valore di collegamenti e l’erede deve garantire il suo diritto di pegno oggetti non autosufficiente; senza garanzie sufficienti erede non è obbligato a gestire i link.

(2) Tuttavia, se il collegamento ha già ricevuto un collegamento, la detrazione deve essere effettuata in base al valore a cui è stato fatto riferimento al momento del ricevimento e ai benefici che ha già ricevuto. Il consulente è sollevato dall’obbligo del contributo dando all’erede al collegamento un vantaggio o un prezzo. Nel resto, il visitatore guarda il titolare onesto.

  • 1631

(1) Se il patrimonio netto non è sufficiente a coprire tutti i debiti e le altre spese obbligatorie, i riferimenti saranno ridotti in proporzione.

(2) Se l’ereditarietà pura non è sufficiente per risolvere tutti i riferimenti, deve soddisfare tutti gli altri riferimenti alla fornitura, all’educazione e alla nutrizione; altri collegamenti diminuiranno abbastanza.

  • 1632

Esecuzione dell’ultima volontà da parte dell’amministratore della tenuta
Se l’esecutore testamentario non è stato nominato, e se non vuole che l’erede faccia il proprio tempo e sforzo, il tribunale designerà a tal fine l’amministratore della proprietà, o imporrà l’adempimento dell’ultima volontà da parte dell’amministratore della tenuta già chiamata.

Parte 4

Successione legale
§ 1633

(1) Qualora non sussista alcuna successione in base all’accordo di successione o per volontà, si verificherà la successione legale alla proprietà o alla sua parte. Se non ci sono eredi legali o se l’ereditarietà non è ereditata, gli eredi diventano referenti in base al rapporto tra il valore dei loro collegamenti.

(2) Chiunque abbia acquisito l’eredità perché l’erede o il supplente chiamato dall’accordo ereditario o dalla volontà di ereditare non volevano o non potevano adempiere agli altri ordini del defunto.

  • 1634

incameramento
(1) Se nessun erede, secondo l’eredità legittima, è un erede dello stato ed è considerato un erede dello stato; lo stato non ha il diritto di rifiutare l’eredità, né il diritto di fare riferimento ai sensi dell’articolo 1594, paragrafo 1, terza frase.

(2) Per altre persone, lui / lei deve stare nella stessa posizione dell’erede, come evidenziato dalla prenotazione della lista.

  • 1635

Prima classe di eredi
(1) Nella prima classe di eredi, i figli defunti e suo marito vengono ereditati, ciascuno con lo stesso lavoro.

(2) Se un bambino non risiede, la sua parte della sua eredità sarà uguale ai suoi figli; lo stesso vale per la progenie dello stesso antenato.

  • 1636

Seconda classe di eredi
(1) non eredita Se la prole defunto eredita in secondo marito di grado I genitori deceduti così come chi ha vissuto con il defunto per almeno un anno prima della sua morte nella stessa economia domestica, e che per questo motivo, dopo la casa comune o dipendevano testatore.

(2) Gli eredi della seconda classe ereditano la stessa opera ma il coniuge ha sempre almeno la metà della proprietà.

  • 1637

Terza classe di eredi
(1) non eredita quando suo marito, né alcuno dei genitori ereditano in terza elementare in parti uguali I fratelli defunti e coloro che hanno vissuto con il defunto per almeno un anno prima della sua morte nella stessa economia domestica, e che per questo motivo, dopo la casa comune o dipendevano nutrizione al testatore.

(2) Se uno dei fratelli del defunto non vive, la sua parte ereditaria acquisisce la stessa quota dei suoi figli.

  • 1638

Quarta classe di eredi
Se non ci sono eredi nella terza classe, ereditano nella quarta classe lo stesso lavoro dei nonni dei nonni.

  • 1639

Quinta classe di eredi
(1) Se nessuno degli eredi della quarta classe risiede, solo i nonni dei genitori del testatore ereditano la quinta classe. I nonni del padre del padre sono la metà dell’eredità, la seconda metà dei nonni dei nonni. Entrambe le coppie di nonni sono divisi ugualmente della metà che cadono su di loro.

(2) Se il singolo membro della coppia non lo fa, l’ottavo membro verrà rilasciato all’altro membro. Se la coppia non lo fa, allora questo quarto sarà la seconda coppia dello stesso partito. Se non c’è una coppia della stessa parte, l’eredità della coppia dell’altra parte è la stessa proporzione della metà dell’eredità che appartiene direttamente a loro.

  • 1640

Sesta classe di eredi
(1) non eredita se nessuno degli eredi quinta elementare, prima media ereditano i figli dei fratelli di bambini bambini e nonni del defunto defunto, ciascuno ugualmente.

(2) Se alcuni dei figli dei nonni non si prendono cura del testatore, ereditano i suoi figli.

  • 1641

Diverse parentele
Se qualcuno è imparentato con il testatore su più di una parte, ha il diritto di ereditare da entrambe le parti che gli appartengono come parente su questo lato.

Parte 5

Parte richiesta
Indennizzo per la parte obbligatoria e per l’eredità
Sezione 1

Un erede indispensabile
§ 1642

L’erede indispensabile appartiene all’eredità.

  • 1643

(1) Gli eredi incontaminati sono i figli dei defunti, e se non lo fanno, sono i loro discendenti.

(2) Se un minore è minorenne, deve essere almeno pari a tre quarti della sua successione legale. Se è un erede, deve essere almeno pari a un quarto del suo erede legale.

  • 1644

(1) Una parte obbligatoria può essere lasciata sotto forma di un’eredità o di un collegamento, ma deve rimanere libera dall’erede.

(2) L’ordine del testatore, che limita la parte obbligatoria, non deve essere preso in considerazione. Se i resti nepominutelnému eredi oltre a legitime soggetti a tale regolazione, effettuate quando il morto nel caso di morte di acquisizione, solo la parte che supera la parte obbligatoria. Questo non è il caso se l’erede non muore prima del testatore, o se non lo fa per nessun altro motivo.

(3) Il Beneficiario può anche imporre un erede non qualificato a decidere ciò che è rimasto con una restrizione o per la parte obbligatoria.

  • 1645

Chi ha rinunciato alla sua eredità e del lavoro obbligatorio, che sono ammissibili a ereditare il defunto, o che è stato diseredato, la facoltà di non legitime, ma nel calcolo delle parti necessarie altre eredi sembra proprio come la legge di successione non è stata esclusa.

Sezione 2

diseredamento
§ 1646

(1) Per motivi legittimi, un erede non trasferibile può essere escluso dal suo diritto a una parte obbligatoria, o può essere ridotto al suo diritto. Gli sposi possono imbrogliare un immenso erede che,

  1. a) non gli hanno fornito l’assistenza di emergenza necessaria,
  2. b) il testatore non mostra un reale interesse per ciò che dovrebbe manifestare,

(c) è stato condannato per un reato commesso in circostanze che reclamizzano la sua natura perversa;

  1. d) conduce una vita permanentemente non gestita.

(2) Il deceduto possono anche disinherit erede nepominutelného inabile ereditare e quindi escluso dalla legge di successione.

(3) Se il discendente defunto del discendente sopravvive, i discendenti della progenie defunta non devono essere ingannati, a meno che il testatore non abbia un’altra volontà. A meno che il deceduto discendente del defunto non muoia, i discendenti lo ereditano eccetto per quelli che sono esclusi dal diritto dell’erede.

  • 1647

L’imbroglione può anche essere costernato dall’erede inestinguibile che è così indebitata o così accattivante che c’è ansia per non avere una parte obbligatoria per la sua prole. Ma questo può essere fatto solo mantenendo questa parte obbligatoria nelle mani dei figli di questo erede incommensurabile, o, se non, dei loro discendenti.

  • 1648

Se il testatore non pronuncia il motivo del reato, l’erede avrà il diritto a una parte obbligatoria, a meno che la causa legale dell’inganno non sia provata nei suoi confronti.

  • 1649

(1) Una dichiarazione di alienazione può essere fatta o può essere modificata o revocata allo stesso modo della volontà da ottenere o annullare.

(2) Allo stesso modo, il defunto può dichiarare uno degli eredi, non di un non qualificato, come evidenziato dalla successione legale della successione, che non acquisirà i beni.

Sezione 3

Protezione dell’erede degli immigranti
§ 1650

Un erede atroce e irreprensibile ha diritto a una parte obbligatoria; se è stato ridotto al valore netto della parte obbligatoria, ha il diritto di completarlo.

  • 1651

(1) Il diritto alla parte obbligatoria ha un erede inestinguibile, di cui l’ingannatore era noto per essere vivo, e tuttavia lo ha omesso nel testamento.

(2) commessi se qualcuno che non è stato trascurato per errore, qualcosa che riempie un motivo diseredazione legittima, fissando questa omissione come diseredazione fatto in silenzio, ed è giusto così.

  • 1652

Se può essere eluso erede della sua omissione viene solo dal fatto che, quando il defunto di testamentaria lo sapeva, ha un tale erede diritto a una parte obbligatoria di ciò che gli spetta per legge.

  • 1653

Se un odioso erede è stato troncato o omesso, gli eredi e gli interlocutori contribuiranno a compensare equamente i suoi diritti.

Sezione 4

Calcolo della parte obbligatoria
§ 1654

(1) Un erede non sposato non ha diritto a una quota della proprietà, ma solo a una somma di denaro pari al valore del proprio obbligo. Se per esso da parte degli eredi di ragioni particolarmente gravi e si può fare questo in base ai propri eredi di movimento ragionevolmente richiedere, il giudice può permettere i pagamenti a Légitime o il differimento della sua maturità; il credito produce interessi dal giorno in cui era originariamente dovuto.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 non impediscono che un erede non trascurabile accetti altrimenti l’erede della volontà o l’accordo di successione; ma se i diritti di altri creditori sono ridotti, l’accordo è inefficace contro di loro. Se nel corso dei procedimenti di successione hanno convenuto che gli eredi nepominutelnému in luogo di problemi di pagamento della tenuta stati registrati nella lista pubblica, scrive eluso l’erede della lista pubblica subito dopo il testatore.

  • 1655

(1) Per la determinazione della parte obbligatoria, le attività nella tenuta e scrive le stime; i debiti del debitore e le deficienze che sono state tradite sulla proprietà al momento della morte del defunto devono essere detratti dal valore della proprietà. Quando si calcola una componente obbligatoria da aggiungere l’eredità di ciò che è contato su Légitime ai sensi del § 1660 1661i

(2) Un erede non sposato ha il diritto di essere un preventivo, fare domande e fare commenti.

  • 1656

La parte obbligatoria è determinata senza riferimento a riferimenti e altre carenze derivanti dall’acquisizione in caso di morte. Fino alla designazione del lavoro obbligatorio, l’atroce socio partecipa equamente ai profitti e alle perdite della tenuta. Chiunque abbia diritto a una parte obbligatoria ha anche diritto a una fatturazione proporzionale della quota del profitto e della perdita della proprietà dalla morte del defunto fino alla determinazione della parte obbligatoria.

  • 1657

Se un erede incondizionato è d’accordo con gli eredi si arrende e se la corte approva l’accordo, le disposizioni del § 1655 e 1656 non si applicano.

Sezione 5

Indennizzo per la parte obbligatoria e per l’eredità
§ 1658

Il risarcimento per una parte o eredità obbligatoria non implica l’obbligo di rilasciare nulla a meno che la causa non sia menzionata al § 2072.

  • 1659

Durante il conteggio, il valore di ciò che è stato fornito e ciò che è soggetto a compensazione viene calcolato in base al momento della presentazione. In casi straordinari, il tribunale può decidere diversamente.

Conteggio alla parte richiesta
§ 1660

(1) La parte obbligatoria deve comprendere tutto ciò che l’enorme erede della proprietà ha effettivamente acquisito mediante riferimento o altra misura testamentaria.

(2) La parte obbligatoria è contato e che eluso l’erede del defunto ricevuto a titolo gratuito negli ultimi tre anni prima della sua morte, a meno che gli ordini testatore per compensare effettuati in un periodo di tempo più lungo; Inoltre, la marza contato e ciò deceduto ricevuto libera dědicův antenato. Tenendo conto, tuttavia, ignora la solita donazione.

  • 1661

(1) Il bambino Légitime è contato quello che ha dato il defunto durante la sua vita sulla riduzione dei costi connessi con la creazione di famiglie separate, con la fondazione della convivenza coniugale o professionale simile o congiunzione o l’avvio di un’impresa; Légitime da contare e ciò che il defunto utilizzato per coprire i debiti di un figlio adulto. C’è qualche prima di quanto negli ultimi tre anni prima della morte della persona deceduta, mediante compensazione, se l’avviso cuius il contrario.

(2) Il discendente che entra nel suo antenato sarà conteggiato come una parte obbligatoria e ciò che il genitore del luogo in cui è inserito è stato dato lo stesso dal testatore.

Mettere da parte per l’eredità
§ 1662

Le quote di successione sono calcolate come parte obbligatoria.

  • 1663

In caso di successione di successori secondo il caso di morte o di eredità lecita, l’eredità deve essere presa in considerazione solo se il testatore ha ordinato che la volontà sia fatta nella forma prescritta per la volontà della volontà.

  • 1664

Il tribunale può effettuare una detrazione per l’eredità, anche se il testatore non lo ha fatto se un erede altrimenti poco importante fosse ingiustificatamente svantaggiato; ma le solite donazioni sono ignorate.

Parte 6

Il diritto di alcune persone di essere pagato
§ 1665

Chi altrimenti sarebbe un erede intrinseco, ma chi non ha diritto a una parte obbligatoria, ha diritto alla nutrizione necessaria se non lo ottiene e se non è in grado di nutrirsi da solo; non può, tuttavia, uscire dalla sua tenuta più della sua parte obbligatoria. Il diritto alla nutrizione necessaria, tuttavia, non ha quello in cui il suo discendente eredita, o se il suo discendente è chiamato al posto obbligatorio al suo posto.

  • 1666

(1) Un coniuge superstite ha diritto ad una dieta decente dalla proprietà per sei settimane dopo la morte del coniuge. Se la vedova è incinta, ha diritto ad una dieta decente fino alla sesta settimana dopo la nascita; lo stesso diritto ha anche la madre del figlio del testatore che non era sposato con il defunto.

(2) è stato quando il coniuge superstite di un patrimonio di legge negata o ridotta, il coniuge superstite deve essere autorizzata a disposizione fino a nuovo matrimonio se lui o la mancanza di una disposizione del genere, e se è in grado di nutrire se stesso; tuttavia, non può ricavare più dalla sua proprietà che dalla metà del suo patrimonio legale. Proprio sulla prestazione necessaria, tuttavia, non appartiene a un marito che, senza giustificato motivo non condividere con il nucleo familiare defunto, marito inadatto a essere l’erede o il coniuge che ha rinunciato alla sua eredità o respinta.

(3) Se fosse diritto ad una buona nutrizione di cui al paragrafo 1 è ridotto al necessario giusta nutrizione ai sensi del § 1665, accorciato tutti questi diritti in modo che tutti ammissibili ricevuto bene. La disposizione necessaria ai sensi del paragrafo 2 non può essere concessa se il diritto alla nutrizione necessaria di cui alla sezione 1665 sia ridotto.

  • 1667

Un coniuge superstite acquisisce la proprietà di beni mobili che costituisce l’attrezzatura di base di una casa di famiglia, anche se non è un erede. Ciò non si applica se il coniuge superstite, senza ragioni serie, non ha condiviso il testatore con una famiglia.

  • 1668

(1) E ‘stato se il genitore superstite è negato successione legale o accorciata, il genitore superstite ha diritto a prestazioni necessarie, se tale disposizione fosse altrimenti ottenere e se si è in grado di nutrire se stesso; tuttavia, non può ottenere più di un terzo della sua successione legale dalla proprietà. Proprio sulla fornitura necessaria non appartiene ai genitori inadatti a essere l’erede, i genitori che ha rinunciato alla sua eredità o viene rifiutato, o un genitore che ha commesso un atto della ragione fondante per la diseredazione.

(2) La disposizione necessaria non può essere concessa al genitore, a condizione che il diritto alla nutrizione necessaria in base al § 1665 sia ridotto.

  • 1669

Le persone che hanno usufruito dell’assegno gratuito nella loro famiglia fino alla morte del testatore hanno diritto allo stesso trattamento tre settimane dopo la morte del testatore.

Parte 7

Trasferimento dell’eredità all’erede
Sezione 1

Acquisizione dell’eredità
§ 1670

L’acquisizione dell’eredità è confermata dal tribunale. Il tribunale confermerà l’acquisizione dell’eredità a una persona la cui eredità è stata dimostrata.

  • 1671

(1) Se l’erede non ha applicato l’eredità ad un tribunale entro un termine stabilito dal tribunale, l’erede non erediterà l’eredità, ma non sarà preso in considerazione nell’esame del patrimonio. Ciò vale anche per la legge di successione di un erede sconosciuto o di un erede di una residenza sconosciuta che è stata notificata dalla sua legge da un ordine del tribunale e che non era a conoscenza entro un termine stabilito.

(2) Se un erede o erede ignoto di un domicilio di un guardiano sconosciuto è, il tutore non può fare una dichiarazione che rifiuta l’ereditarietà o la respinge o accetta.

  • 1672

Se la legge applicabile eredità più persone e contraddice se si fa riferimento alla corte degli eredi, la ragione legale per i più deboli alla sua destra fatto valere. Se questo non rende l’azione erede entro il termine fissato dal giudice, non ha scadenza, mentre il suo diritto di successione, tuttavia, quando si parla di eredità a lui ignorato.

  • 1673

(1) Un erede che fa affidamento su un’eredità non dettata dall’autenticità deve essere colpevole di portare un’azione a qualsiasi erede della volontà o dell’erede. Contro un erede che fa affidamento sulla mancanza di autenticità, ogni erede legittimo deve fare riferimento all’azione.

(2) Se il testatore indica il motivo della sua deportazione, un discendente che sostiene di essere stato ingiustamente disperso deve essere rinviato all’azione. Se la causa del reato non è menzionata, la persona che deve ereditare il suo posto deve portare l’azione in tribunale.

Prenotazione di inventario
§ 1674

(1) Il Beneficiario non può ritirare il diritto di prenotare un inventario della proprietà. Se questo diritto è vietato da una parte al cimelio, viene ignorato.

(2) Il diritto di richiedere un inventario può essere richiesto da una dichiarazione fatta oralmente davanti a un tribunale o da una dichiarazione inviata al tribunale in forma scritta. Se l’erede riserva una prenotazione o una prenotazione, non vengono prese in considerazione. Ciò vale anche per la dichiarazione dell’erede secondo cui egli non applica la prenotazione all’inventario.

  • 1675

L’erede ha il diritto di prenotare un inventario della proprietà se lo applica entro un mese dal giorno in cui il tribunale è stato informato del diritto. Se ci sono ragioni importanti per questo, il periodo di prova estenderà l’erede.

  • 1676

(1) è un competente, il noto e presente erede non coniuge, figlio, o di un antenato del defunto, e il limite di tempo ai sensi del § 1675 esprime vale non attuazione lista di prenotazione. Dagli altri eredi possono chiedere al giudice dopo la convocazione e termini espliciti di istruzione, a meno che contro il marito su un effetto competente, discendente o l’erede antenato avvenuta ai sensi del § 1681a

(2) Chi non ha riservato l’inventario del patrimonio, e ha dichiarato che la riserva di inventario diritto non si applica, non può allocare ulteriore inventario.

Sezione 2

Gestire la proprietà e il suo inventario
Gestire la tenuta
§ 1677

(1) ha chiesto se l’amministratore de cuius o esecutore testamentario, la tenuta è riuscito a confermare l’acquisizione del patrimonio dell’amministratore tenuta, o esecutore. Se il testatore non ha chiesto a uno di loro, egli amministra la proprietà dell’erede; se gli eredi sono di più e se non fanno altro, tutti gli eredi amministrano la proprietà.

(2) Se esiste una ragione seria, il tribunale ordina altre misure.

  • 1678

(1) Chiunque amministri il patrimonio deve esercitare la sua semplice amministrazione.

(2) Chiunque amministri il patrimonio deve provvedere al rimborso delle persone che ne hanno diritto e deve fornire ai referenti una relazione sui riferimenti fatti loro. I link per adulti sono allineati se approvati dal tribunale.

  • 1679

(1) Durante l’amministrazione, la proprietà può essere alienata o utilizzata come garanzia se è un interesse a preservare il valore o la sostanza della proprietà gestita, altrimenti a titolo oneroso. Questo è anche il caso se lo scopo della proprietà gestita deve essere modificato.

(2) L’ amministratore di un’eredità o un esecutore testamentario della volontà può compiere un atto che esula dallo scopo di un semplice rapporto se l’erede accetta di farlo. Se l’erede non è d’accordo o se l’erede è una persona sotto protezione speciale, è richiesto il consenso del tribunale.

  • 1680

(1) Gli eredi, la legge di successione è stata chiaramente dimostrata, il giudice può consentire anche prima della procedura d’omologazione per certo sopravvissuto oggetti disporre liberamente a meno che il compimento della volontà del testatore assicurato o accordo se gli altri eredi, eredi inevitabili e legatari.

(2) Se il diritto all’eredità è esercitato da più di una persona opponente, le misure di cui al paragrafo 1 non possono essere prese. Tuttavia, se i benefici ereditari sono stati ottenuti prima, non possono essere ritirati.

  • 1681

(1) Assumendo l’erede senza essere autorizzato a farlo, la gestione completa della tenuta, esclusi gli effetti di obiezioni da inizio l’inventario quando alla fine abbiamo fatto. Ciò vale anche se è provato che l’erede di proprietà di reversibilità intenzionalmente nascosta al momento erede mista della tenuta con parti di sua proprietà, ma può essere distinti, a cui essa appartiene, se non fosse prima della morte del testatore. Lo stesso effetto per quanto riguarda la prenotazione dell’inventario avverrà anche rispetto agli eredi, nei quali, direttamente o indirettamente, qualcun altro è riuscito a amministrare la proprietà. Se la proprietà è amministrata da una persona vicina all’erede, anche lui è considerato il suo rappresentante.

(2) L’effetto di cui al paragrafo 1 non si verifica quando si divide eredi prima di confermare l’acquisizione di un patrimonio documenti, ritratti e le registrazioni e le altre cose di una famiglia o di natura commemorativa.

Conclusione della tenuta
§ 1682

(1) Il tribunale deve, senza indugio, prendere misure per assicurare la (conclusione) del sopravvissuto se:

(a) uno degli eredi non ha diritto,

  1. b) nessuno degli eredi è sconosciuto,
  2. c) riguarda il fatto che l’azienda è sopraffatta,

(d) il creditore ha proposto la separazione della proprietà, o

  1. e) se c’è un’altra ragione importante per una particolare attenzione.

(2) Se un solo erede è inappropriato, assente o sconosciuto, può essere soddisfatto della conclusione di tale parte del patrimonio che è sufficiente per soddisfare la sua legge sulle successioni. Questo è vero anche se c’è una persona che ha diritto a una parte obbligatoria.

  • 1683

Le conclusioni non sono necessarie se l’immobiliare è un immobile che fornisce una certezza sufficiente.

Elenco di eredità
§ 1684

(1) Lo scopo di un inventario della proprietà è determinare la proprietà del superstite e determinare il valore patrimoniale netto alla morte del defunto.

(2) Se non minaccia la tempestiva esecuzione di un inventario, l’inventario può essere presente e può fare richieste e fare commenti

(a) l’ esecutore testamentario,

  1. b) gestore del patrimonio,

(c) chiunque dichiari e certifichi la propria eredità o il diritto a una parte obbligatoria o che sia noto per avere tale diritto,

(d) un creditore che ha richiesto la separazione della proprietà,

(e) se il giudice è d’accordo, e un’altra persona che dimostra un interesse legale in esso; ma solo se c’è il rischio che sarà obbligato a contribuire proporzionalmente alla parte obbligatoria.

  • 1685

(1) Il tribunale ordina un inventario del patrimonio se l’erede esercita il diritto di prenotare un inventario o se è necessario per il calcolo del lavoro obbligatorio.

(2) Il tribunale deve anche ordinare un inventario della proprietà,

  1. a) se gli eredi di una persona che non è pienamente sui juris, o è sconosciuto o assente o persona giuridica o di pubblica utilità con sede nel pubblico interesse (di seguito denominato “una persona sotto protezione speciale”)
  2. b) se c’è incertezza sul fatto che sia qualcuno che è l’erede o chi è l’erede,

(c) se il creditore lo richiede ai sensi del § 1709, o

(d) se il creditore del testatore certifica che esiste un altro motivo serio per fare l’inventario.

  • 1686

(1) Le spese per l’acquisizione di un inventario sono a carico del patrimonio ed è commisurata all’eredità degli eredi la cui lista è a scopo di lucro. Se non è possibile coprire il costo di acquisizione di un inventario della proprietà, il tribunale ordinerà a quegli eredi di fornire un equo contributo al rimborso delle spese.

(2) Egli ha detto alla corte un inventario per il calcolo della parte obbligatoria, paga il costo della tenuta e andare piuttosto a scapito di tutti gli eredi e la persona che ha il diritto di Légitime. Se non è ben possibile pagare il costo di un inventario del patrimonio, il giudice ha ordinato tali persone per i costi hanno contribuito in modo equo.

(3) Se una persona richiede un inventario senza una ragione seria per farlo, il tribunale gli ordina di sostenere il costo dell’inventario dal proprio.

  • 1687

(1) Se giustificato dalle circostanze del caso di specie, il giudice può decidere di sostituire l’inventario della tenuta di elenco delle proprietà di reversibilità redatta dall’amministratore della tenuta e confermato da tutti gli eredi. Se l’amministratore della tenuta non è stato ancora stabilito, può nominare un tribunale a tale scopo.

(2) In casi semplici, il giudice può decidere di non contraddizione, se gli eredi dell’inventario immobiliare per sostituire la dichiarazione congiunta degli eredi di beni di successione.

  • 1688

(1) Se è dimostrato che una dichiarazione o una lista secondo § 1687 non corrisponde a fatti nella misura non trascurabile,

(a) gli eredi fin dall’inizio annullano gli effetti della prenotazione dell’inventario se lo hanno fatto,

(b) la persona di cui all’articolo 1685, paragrafo 2, ha il diritto di chiedere al tribunale di ordinare un nuovo inventario della proprietà se risulta essere un interesse legittimo.

(2) L’effetto di cui al paragrafo 1 (a) non si presenta a una persona sotto protezione speciale a meno che non sia dimostrato che ha deliberatamente trattenuto la proprietà dei sopravvissuti. Questo effetto non si pone nei confronti di un erede che dimostra di non aver indotto l’incompletezza della dichiarazione o dell’elenco.

(3) Se l’amministratore fa incompletare la lista secondo § 1687, deve compensare il danno che ne deriva.

  • 1689

Se il creditore è conosciuto, il tribunale lo informerà che è stato effettuato un inventario della tenuta e gli consente di commentare l’inventario.

Sezione 3

Conferma del patrimonio
§ 1690

(1) La Corte ha confermato il patrimonio, che non ha rifiutato e il patrimonio del procedimento è il miglior diritto di successione di successione, dopo che è stato assicurato che la volontà del defunto verrà adeguatamente coperto.

(2) Se l’esecutore testamentario è stato chiamato, deve confermare al tribunale l’adempimento dei regolamenti testamentari; se non è stato chiamato, gli eredi glielo dimostreranno. Se gli eredi non sono d’accordo o in contraddizione con ciò che l’esecutore testamentario ha confermato, il tribunale decide come dimostrarlo.

  • 1691

(1) Se i riferimenti sono stati ordinati, il tribunale deve confermare l’eredità solo dopo averlo provato

(a) I rapporti di segnalazione sono stati presentati ai referenti,

  1. b) sono stati rispettati i riferimenti fatti a persone che non hanno il pieno diritto, a persone giuridiche di interesse pubblico o di interesse pubblico, oa riferimenti fatti a scopo di pubblica utilità e di pubblica utilità e che è stato garantito l’adempimento di riferimenti non validi,
  2. c) Sono stati forniti anche riferimenti a persone sconosciute o assenti.

(2) Il tribunale può rinunciare alla certezza se non è necessario.

  • 1692

(1) L’unico erede deve confermare che la successione è stata acquisita. Indica chi è l’erede, il cui patrimonio è acquisito, per quale motivo e se è soggetto a un inventario, o senza di esso.

(2) Diversi eredi confermano anche l’eredità degli eredi previa deduzione di qualsiasi interesse ereditario e previa deduzione di qualsiasi riferimento. Quando dividono la proprietà, la corte conferma anche l’eredità di ciascun erede e il motivo per cui l’eredità è distribuita.

(3) Se la sequenza ordinata di stabilire la fiducia successione successione, evidenza di tempo o altrimenti, il giudizio è confermato da ordinare, come si segue la successiva erede e in quali condizioni. Se il testatore stabilisce che l’erede principale può disporre liberamente dell’eredità, anche il tribunale lo confermerà.

  • 1693

(1) Gli eredi possono decidere in tribunale sul procedimento di successione per determinare l’importo del loro interesse di successione. La corte approva l’accordo se non contraddice l’interesse della persona sotto protezione speciale.

(2) ereditare se in una disposizione a causa di morte, gli eredi possono concordare una diversa quantità di rate di eredità di quello riservato a loro il defunto, se il defunto espressamente subiti.

(3) ereditare se la successione di legge, l’erede ha il diritto di richiedere l’insediamento di altri eredi, se curato il defunto da molto tempo o che ha contribuito notevolmente a mantenere o ingrandire il lavoro di proprietà del defunto, sostegno monetario o mezzi simili, senza essere considerato remunerata. Il regolamento deve essere fornito alla ragionevole durata e portata di ciò che ha fatto e al valore del patrimonio; questa quantità aumenta la sua eredità. Questo è vero anche se l’erede che non è un coniuge superstite, riempito contro il mantenimento testatore o obbligo analogo.

Sezione 4

Distribuzione della proprietà
§ 1694

(1) Se il testatore ha preso la pena di morte, il patrimonio sarà diviso in base alla sua volontà. Gli eredi possono concordare di fronte al tribunale che divorziano la proprietà in tutto o in parte, a meno che il testatore non la riconosca esplicitamente.

(2) assegnato Se le cose gli eredi defunti diverse dalla loro ricchezza senza esplicitamente ordinato che la tenuta dovrebbe essere divisa, come ordinato, o che ha chiamato l’erede può accettare solo ciò che è stato assegnato, o che una certa cosa è rimanere di proprietà degli eredi , guarda la sua espressione di volontà come un desiderio senza obbligo legale.

  • 1695

(1) Se il defunto non è stato nominato in caso di morte, gli eredi possono accettare di divorziare in qualsiasi modo.

(2) non rilasciano se una parte della tenuta deceduto o quando non comandato di essere tenuta o una parte di esso è diviso, o se non raggruppati per tenuta deceduto sarà possibile, la disposizione del paragrafo 1, mutatis mutandis.

  • 1696

(1) Il tribunale approva l’accordo degli eredi sulla divisione se non si oppone alla volontà del testatore e nei suoi limiti o agli interessi della persona sotto protezione speciale. Se il tribunale non approva l’accordo, deve certificare agli eredi l’acquisizione dell’eredità in base all’ammontare della loro eredità.

(2) La validità di un accordo sulla distribuzione del patrimonio deve essere divisa in seguito alla conclusione dell’intero patrimonio conosciuto. In base all’accordo, un onere materiale o pegno o altro diritto materiale possono essere stabiliti anche se il testatore non lo ha fatto.

  • 1697

(1) Il tribunale dividerà il patrimonio secondo l’ordine del testatore. Se il testatore ha dato a una terza persona una decisione su come dividere la proprietà, il tribunale deve prescrivere un periodo ragionevole di almeno due mesi per quella persona; tuttavia, il tribunale ignorerà la decisione se è manifestamente ingiusto o se si verifica dopo un certo periodo di tempo.

(2) Se questo non viene fatto dal testatore, il tribunale divide la tenuta approvando l’accordo degli eredi; se non si raggiunge un accordo, il tribunale divide la tenuta se tutti gli eredi lo richiedono, e se non vi è disputa tra di loro, ciò che appartiene alla proprietà. Il tribunale si prenderà cura degli interessi della persona sotto protezione speciale.

(3) In altri casi, la proprietà non divide la proprietà e certifica gli eredi dell’acquisizione dell’eredità in base alle quote di successione.

  • 1698

Quando si divide la proprietà, il diritto al rimborso della relazione tra il collega, la deduzione per eredità e compensazione può essere risolta.

  • 1699

(1) A seconda delle circostanze, il debito o il debito possono anche essere assegnati all’erede individuale. Se il debito è assegnato a un erede, ciò non influisce sui diritti del creditore.

(2) Un erede accorciato alla sua quota assegnando un articolo difettoso ha il diritto di compensare il co-emittente per ciò che è stato ridotto dal difetto.

  • 1700

(1) Divide immobiliare se il giudice, su richiesta degli eredi, stabilire un rapporto, che si basa su un inventario del patrimonio o inventario di tutti gli eredi confermati. Se ci fosse qualcosa fuori della tenuta ha venduto la volontà l’erede di diritto, devono essere inclusi nella tenuta del prezzo di acquisto realizzato durante un altro furto della volontà del erede al prezzo tipico del giorno di diritto successorio. Ogni articolo di ciascun erede espresso in denaro sarà assegnato a ciascuna voce in base al prezzo indicato nella dichiarazione.

(2) Se il prezzo di un articolo non è scontato, il tribunale lo determina con una stima, a meno che la voce non sia assegnata a tutti gli eredi dalle loro azioni.

Sezione 5

Debiti che colpiscono l’erede
§ 1701

(1) I debiti del debitore devono essere trasferiti agli eredi, a meno che la legge non disponga diversamente.

(2) L’ erede è tenuto a pagare le spese per la sepoltura del testatore e le azioni della lapide del testatore, a meno che tali costi non siano stati pagati dalla proprietà ai sensi dell’articolo 114, paragrafo 2.

  • 1702

L’erede non può assolvere l’obbligo di ottenere la pena di morte rifiutando l’eredità da tale acquisizione esercitando il suo diritto di erede per legge. Può essere l’erede dell’acquisizione in caso di morte o ereditare l’eredità.

  • 1703

Diritti dei creditori prima della conferma del patrimonio
Fino a quando il tribunale non conferma gli eredi dell’eredità, i creditori possono far valere il credito solo nei confronti della persona che amministra la proprietà e rivendicare soddisfazione solo dalla proprietà appartenente alla proprietà.

Effetti legali della mancata applicazione delle riserve di inventario
§ 1704

Se l’erede non ha applicato la prenotazione dell’inventario, i debiti del debitore sono pagati per intero. Se l’inventario di più eredi non è stato applicato, i debiti del debitore sono pagati in solido.

  • 1705

Effettuare un inventario non ha alcun effetto legale sull’entità dell’obbligo di pagare i debiti all’erede che non ha applicato la prenotazione all’inventario.

Gli effetti legali della prenotazione dell’inventario
§ 1706

Se l’erede ha utilizzato una riserva di inventario, paga i debiti del debitore fino all’importo dell’eredità. Questo è anche il caso in cui un inventario della tenuta è stato ordinato da un tribunale nell’interesse della persona sotto protezione speciale.

  • 1707

Ciascuno degli eredi, che ha attuato un inventario prenotazione, pagato debiti del defunto, in solido con gli altri eredi, ma il creditore può richiedere ciascun erede vyhradivšímu lista richiedono prestazioni solo fino all’importo corrispondente alla sua quota di eredità.

  • 1708

La povertà tra co-sposi è regolata dalle disposizioni generali sui debiti collettivi.

Separazione della proprietà
§ 1709

(1) Il creditore che dimostra la paura di sovraindebitamento eredi possibile prima che il tribunale ha confermato l’acquisizione di eredità, suggerendo che l’eredità è rimasta divorziata da erede di una fortuna, ed è stato gestito come attività separate. Il tribunale non si conformerà alla proposta se è chiaro che non vi è motivo di temere.

(2) La domanda per la separazione del patrimonio non deve impedire al tribunale di acquisire l’eredità.

  • 1710

Il prestatore, che aveva richiesto la separazione, soddisferà la tenuta indipendente. Tuttavia, questo istituto di credito perde il diritto di soddisfare l’altro erede della proprietà, anche se l’erede non ha applicato la prenotazione all’inventario.

Trovare i debiti del debitore
§ 1711

Erede che hanno prenotato l’inventario, o la persona che gestisce la proprietà, prima della decisione del tribunale sul patrimonio riconoscimento proporre alla Corte di trovare debiti del defunto creditori sollecitato che entro un termine ragionevole segnalato e documentato le loro richieste. Finché la procedura che ha portato a questo fine è stata completata, l’erede o la persona che gestisce la tenuta non ha alcun obbligo di soddisfare il creditore.

  • 1712

(1) Il creditore che, in un periodo non registrati non hanno alcun diritto al pagamento contro gli eredi, se la proprietà si esaurisce con il pagamento dei sinistri denunciati.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano,

(a) se il creditore dimostra che l’erede era a conoscenza del reclamo, o

(b) se il credito del creditore protegge un privilegio o un altro diritto reale su una proprietà appartenente alla proprietà.

  • 1713

A meno richiesto un invito ai creditori o per soddisfare se l’erede di uno dei creditori che affermano senza riguardo per i diritti degli altri, e raggiunge Pertanto, se un creditore il pagamento integrale dei debiti della tenuta, i creditori erede obbligato ad andare al di là di quelli di cui al § 1692, e fino al punto in cui il creditore avrebbe raggiunto la soddisfazione nel liquidare la proprietà in virtù di un’altra regolamentazione legale.

Parte 8

Furto di eredità
§ 1714

(1) L’ eredità può essere alienata dopo la morte del testatore; se il contratto è concluso in precedenza, deve essere ignorato. L’acquirente inserisce i diritti e gli obblighi della proprietà mediante l’alienazione della successione.

(2) L’ ereditarietà è alienata da un contratto grassetto se, in caso di alienazione del patrimonio, l’elenco dei diritti e degli obblighi non è stato preso come base del contratto. Se una tale lista è presa come base, dipende dal contenuto del contratto, spetta alle parti concordare nella misura in cui si applicano anche i § 1716 e 1717.

(3) Il trattato richiede la forma di un autentico strumento.

  • 1715

Le parti comunicano senza indebito ritardo al tribunale adito che l’eredità è stata alienata.

  • 1716

(1) L’acquirente non ha diritto a una proprietà appartenente a un alienante, non come un erede, ma per un altro motivo legale, o per documenti, ritratti e documenti di carattere familiare.

(2) D’altra parte, tutta l’eredità deve appartenere al custode, dal fatto che lui o lei subirà un reato minore o comproprietà, o in qualsiasi altro modo, se lo straniero è autorizzato a farlo.

  • 1717

Il custode possiede anche tutto ciò che l’alieno ha già ricevuto il cimelio. Tuttavia, il cedente acquirente sostituire quello che ha preso dalla sua adesione alla successione o immobiliare, e se le parti neujednaly qualcos’altro, e il costo della persona deceduta organizzare il funerale e luoghi di sepoltura.

  • 1718

Se la proprietà è stata amministrata dallo straniero prima che fosse emessa al cessionario, è vincolata al pagatore dell’acquirente.

  • 1719

Un erede di un’eredità corrisponde all’acquirente per l’autenticità della sua legge sull’eredità come l’ha data. Se l’acquirente subisce un danno, lo straniero lo sostituirà in conformità con la Parte 4 della presente legge.

  • 1720

Sia l’acquirente che il successore del patrimonio sono solidalmente responsabili nei confronti dei creditori dei debiti del debitore.

PARTE QUARTA

DIRITTI DI PROPRIETÀ RELATIVI
TITOLO I

DISPOSIZIONI GENERALI SUGLI IMPEGNI
Parte 1

Obblighi e loro contenuto
§ 1721

In base all’obbligo, il creditore ha diritto a un certo credito nei confronti del debitore nei confronti del debitore e il debitore è tenuto a soddisfare tale diritto soddisfacendo il debito.

  • 1722

La prestazione che è soggetta all’obbligo deve essere di natura patrimoniale e corrispondere all’interesse del creditore, anche se tale interesse non è meramente di proprietà.

  • 1723

(1) L’obbligo sorge da un contratto, da un atto di condotta illecita o da un altro fatto legale, che è ammissibile secondo l’ordine legale.

(2) Le disposizioni relative alle passività derivanti dai contratti si applicano mutatis mutandis alle passività derivanti da altri fatti giuridici.

Parte 2

accordo
Sezione 1

Disposizioni generali
§ 1724

(1) Con il trattato, le parti hanno la volontà di stabilire un impegno tra loro e di regolare il contenuto del contratto.

(2) Le disposizioni sui contratti si applicano anche, mutatis mutandis, all’espressione di volontà a cui una persona si riferisce a persone diverse dalla natura dell’espressione di volontà o della legge.

  • 1725

L’accordo è concluso non appena le parti hanno negoziato il suo contenuto. Nei limiti della legge, le parti sono libere di negoziare il contratto e determinarne il contenuto.

  • 1726

Considerate se le parti di un contratto da concludere, anche se in realtà requisito neujednaly, aveva già un contratto per negoziare, guardando l’espressione della loro volontà come un contratto concluso, se può essere, soprattutto per quanto riguarda il loro comportamento successivo ragionevolmente prevedere che il contratto hanno concluso senza questo requisito. E ‘, tuttavia, se una delle parti al momento della conclusione del contratto già chiaro che il raggiungimento di un accordo su elementi specifici è un prerequisito per la conclusione del contratto, resta inteso che il contratto era stato concluso; quindi l’accordo sugli altri aspetti del partito non vincola, né è stato fatto il record.

  • 1727

Ciascuno dei vari contratti conclusi nella stessa riunione o inclusi nella stessa Carta sarà considerato separatamente. Nasce dalla natura o numero di contratti dal loro scopo noto parti nel contratto che sono dipendenti l’uno dall’altro, l’esecuzione di ogni condizione di altri contratti. La scadenza dell’obbligo da uno di essi senza la soddisfazione del creditore annulla altri contratti a carico, con effetti giuridici simili.

  • 1728

(1) Ognuno può tenere un’audizione sul contratto liberamente e non è responsabile per il fatto che non chiude a meno che non iniziano le trattative contrattuali o in tali negoziati continua, ma si propone di concludere il contratto.

(2) Nel corso delle trattative contrattuali, le parti contraenti presentano tutte le circostanze di fatto e di diritto, che egli sa o deve sapere, in modo che ciascuna parte può convincere la possibilità di concludere un contratto valido e che ciascuna parte cancellare il suo interesse per un contratto chiuso.

  • 1729

(1) Se e parti nel corso trattative contrattuali fino ad ora, il contratto sembra altamente probabile che ingiustamente dalla parte che oltre le ragionevoli aspettative della controparte nelle trattative contrattuali per il contratto si conclude, ma perché è giusta causa.

(2) La parte che agisce disonestamente sostituire l’altro danno, ma al massimo nella misura che corrisponde alla perdita di contratti senza eguali in casi simili.

  • 1730

(1) Laddove le parti forniscano informazioni e comunicazioni al momento della negoziazione di un contratto, ciascuna parte ha il diritto di conservarne la documentazione, anche se il contratto non è concluso.

(2) ottenuto se il partito in trattative contrattuali sul lato opposto di dati riservati o di comunicazioni, in modo che essi non vengano utilizzati, o per impedire la divulgazione senza giustificati motivi. Se viola questo obbligo e lo arricchisce, darà all’altra parte ciò che ha arricchito.

Sezione 2

Conclusione del contratto
Proposta di concludere il contratto
§ 1731

Dalla proposta di conclusione del contratto (in prosieguo denominata “offerta”) risulta chiaramente che la persona che intende concludere un contratto con la persona a cui è presentata l’offerta.

  • 1732

(1) le trattative legali volti a concludere un contratto costituisce un’offerta se contiene gli elementi essenziali del contratto in modo che il contratto potrebbe essere concluso in un ricovero semplice e incondizionato, e se risulta dalla firmataria saranno vincolati dal trattato, se l’offerta è stata accettata.

(2) Si ritiene che la proposta di consegnare la merce o fornire il servizio per un determinato prezzo fatto in pubblicità commerciale, catalogo o merce esposizione offerta è soggetta a esaurimento scorte o la perdita di capacità di soddisfare gli imprenditori.

  • 1733

La manifestazione della volontà, che non è conforme al § 1732, non è un’offerta e non può quindi essere accettata. Se l’espressione di volontà è la promessa di prestazioni per una certa prestazione o risultato, è una promessa pubblica, altrimenti è semplicemente una gara d’appalto. Lo stesso vale per un discorso diretto verso una cerchia indefinita di persone o che ha la natura della pubblicità, a meno che non mostri chiaramente il contrario.

  • 1734

L’offerta fatta oralmente deve essere accettata senza indugio, a meno che qualcos’altro derivi dal suo contenuto o dalle circostanze in cui si è verificato. Questo è anche il caso se un’offerta scritta è stata presentata alla persona presente.

  • 1735

L’offerta scritta per iscritto a una persona assente deve essere ricevuta entro il termine specificato nell’offerta. A meno che non specificato periodo, si può accettare l’offerta durante l’adeguatezza del contratto proposto e mezzi di velocità che il richiedente utilizzato per l’invio di offerte.

  • 1736

L’offerta è irrevocabile se espressamente espressa nel contratto o se le parti concordano. L’offerta è anche irrevocabile se viene fuori dalle negoziazioni delle parti circa la conclusione del contratto, il loro precedente rapporto d’affari o dogana.

  • 1737

Annulla offerta
Anche se l’offerta è irrevocabile, può essere annullata se la cancellazione avviene all’altra parte prima o almeno alla consegna dell’offerta.

  • 1738

Revoca dell’offerta
(1) Anche se un’offerta è revocabile, non può essere revocata entro il termine per la sua accettazione a meno che l’offerta non sia riservata. Un’offerta revocabile può essere impugnata solo se viene presentato ricorso all’altra parte prima di aver inviato l’offerta.

(2) L’offerta non può essere impugnata se espressa nella sua irrevocabilità.

  • 1739

(1) Se l’offerta è respinta, cessa di essere effettiva.

(2) la morte di un determinato partito o cessare se la capacità giuridica di offerta di contratto scadrà se è evidente dallo stesso menu, o dalla natura e lo scopo del contratto proposto.

Ricevere un’offerta
§ 1740

(1) La persona a cui è presentata l’offerta accetta l’offerta se concorda con il richiedente in tempo utile. Il silenzio o l’inazione da soli non è accettazione.

(2) L’espressione di volontà, che contiene aggiunte, riserve, limitazioni o altri cambiamenti, è un rifiuto dell’offerta ed è considerata una nuova offerta. Accettare un’offerta è, tuttavia, una risposta che definisce il contenuto del contratto proposto in altre parole.

(3) La risposta alla modifica o deviazione che non alteri sostanzialmente termini dell’offerta, l’accettazione dell’offerta, se il richiedente senza indebito ritardo tale accettazione non respinge. Il proponente potrebbe già escludere l’accettazione di un’offerta con un addendum o una deviazione nell’offerta o in qualsiasi altro modo che non sollevi dubbi.

  • 1741

Quando è concluso il menu per il contract più persone, se si accetta l’offerta tutte queste persone, se dal suo contenuto, l’intenzione del proponente di essere parte del trattato è diventato tutte le persone cui è fatta l’offerta, o se può essere tale intenzione ragionevolmente aspettare da circostanze l’offerta è stata fatta. Lo stesso vale, mutatis mutandis, se l’intenzione del ricorrente è che un certo numero di tali persone diventi parte del contratto.

  • 1742

L’accettazione dell’offerta può essere annullata se annullata dal proponente al più tardi al ricevimento.

  • 1743

(1) Ho un effetti tardivi di accettazione della rapida adozione, se il richiedente, senza indebito ritardo, almeno verbalmente informare la persona che ha fatto l’offerta, l’accettazione è considerata tempestiva, o comincia a comportarsi in conformità con l’offerta.

(2) nasce dal documento che esprime l’accettazione dell’offerta che è stato inviato in tali circostanze, sarebbe pervenuta al proponente nel tempo dovuto se la sua trasmissione fosse stato il solito modo, gli effetti tardivi di accettazione della rapida adozione, a meno che il richiedente, senza indugio, almeno verbalmente persona l’offerta è stata determinata per essere considerata estinta.

  • 1744

Per quanto riguarda il contenuto del menu o le pratiche che le parti hanno stabilito tra loro, o se è normale che la persona a cui l’offerta è rivolta ad accettare l’offerta in modo che dalle sue conserve, soprattutto se egli fornisce o riceve se le prestazioni. L’accettazione di un’offerta è efficace nel momento in cui l’accordo ha avuto luogo se si è verificato nel tempo.

  • 1745

Il contratto è concluso nel momento in cui l’accettazione dell’offerta diventa effettiva.

Sezione 3

Contenuto del contratto
§ 1746

(1) Le disposizioni di legge che disciplinano i singoli tipi di contratti si applicano ai contratti il ​​cui contenuto contiene gli elementi essenziali del contratto stabiliti nella disposizione di base per ciascuno di questi contratti.

(2) Le parti possono anche stipulare un contratto di questo tipo, che non è specificamente regolamentato come un tipo di contratto.

  • 1747

Se il contratto è gratuito, si presume che il mutuatario voglia commettere meno di più.

  • 1748

Si ritiene che l’accordo che una certa parte del contenuto del contratto sarà negoziato tra le parti è una condizione per l’efficacia del contratto concluso.

  • 1749

(1) Se le parti concordano che un terzo o un tribunale designano un contratto, tale determinazione deve essere una condizione dell’efficacia del contratto. Se una terza parte non specifica la natura del contratto entro un termine ragionevole o si rifiuta di determinarlo, ciascuna delle parti può proporre che la questione sia determinata dal tribunale.

(2) Nel determinare gli elementi da prendere in considerazione la finalità di detto accordo, apparentemente perseguito le circostanze in cui è stato concluso il contratto, nonché al fine di garantire che i diritti e gli obblighi delle parti abbastanza organizzato.

  • 1750

Se il beneficiario non proporre di aggiungere il contenuto della pagina del contratto nel termine concordato, o entro un anno del contratto, si è capito che il contratto è nullo fin dall’inizio.

  • 1751

(1) Parte del contenuto del contratto può essere determinata facendo riferimento ai termini e alle condizioni commerciali che la ricorrente attribuisce all’offerta o che sono noti alle parti. Gli accordi devianti nel contratto hanno la priorità rispetto alle condizioni commerciali.

(2) I riferimenti Se le parti nel menu e l’accettazione dell’offerta sui termini e le condizioni che contraddicono il contratto è ancora firmato con il contenuto specificato nella misura in cui le condizioni non sono in conflitto; questo vale anche se le condizioni economiche li escludono. Se una parte la abbandona al più tardi senza indebito ritardo dopo lo scambio di testamenti, il contratto non è concluso.

(3) Quando si stipula un contratto tra imprese, una parte del contenuto del contratto può essere determinata da un semplice riferimento a termini commerciali redatti da organizzazioni professionali o di interesse.

  • 1752

(1) chiude se il partito nel corso di normali operazioni commerciali, con un maggior numero di accordi persone vincolante a lungo termine per il riempimento lo stesso tipo di riferimento alle condizioni di business e dove è evidente dalla natura dell’impegno già durante le trattative contrattuali un’esigenza ragionevole per le loro successive modifiche si può negoziare che una parte possa modificare le ragioni di scambio in misura ragionevole. Accordo è valido se almeno stato precedentemente concordato al cambiamento e informa l’altra parte, se il partito stabilisce il diritto di rifiutare di cambiare e di impegno per questo porre fine al periodo di preavviso è sufficiente a procurare prestazioni simili da un altro fornitore; tuttavia, non tiene conto di un accordo che combini una simile affermazione con il dazio specifico imposto alla parte divulgante.

(2) A meno che un accordo per l’estensione dei cambiamenti nelle condizioni di business, trascurando i cambiamenti causati da un cambiamento delle circostanze, che a inizio parte correlata alle condizioni di business ha dovuto assumere o ai cambiamenti ha portato un cambiamento nelle loro circostanze personali o finanziarie.

  • 1753

I termini di termini commerciali che l’altra parte non poteva ragionevolmente aspettarsi sarebbero inefficaci se la parte non l’avesse esplicitamente accettato; la disposizione opposta deve essere ignorata. La valutazione di tale disposizione sarà valutata non solo dal suo contenuto, ma anche dal modo in cui è espressa.

  • 1754

(1) si applica se le parti nel contratto una clausola che prevedeva in regola utilizzata d’interpretazione, resta inteso che questa clausola destinata ad avere effetto giuridico previsto per lo scarico delle regole alle quali il contratto fatto appello, o quelle regole di scarico che per quanto riguarda la natura i contratti sono solitamente usati.

(2) A meno che una delle parti contraenti un imprenditore può essere parte di questa clausola portata significato solo se si dimostra che il suo significato deve aver saputo questo lato.

  • 1755

Se una parte si oppone generalmente alla validità di un contratto, non viene tenuta in considerazione.

Sezione 4

Forma del contratto
§ 1756

Se il trattato non è concluso a parole, deve essere chiaro dalle circostanze che la volontà delle parti deve occuparsi delle sue esigenze; tenendo conto non solo del comportamento delle parti, ma anche dei listini prezzi pubblicati, delle offerte pubbliche e di altri documenti.

  • 1757

(1) Dopo la conclusione di un contratto tra le parti in una forma diversa da quella scritta, le parti sono lasciate libere di confermare per iscritto il contenuto dell’accordo.

(2) se così sarà alle feste aziendali, di cui una contro l’altra nella convinzione che il certificato mostra il contenuto del contratto di applicare fedelmente per il contratto concluso con il contenuto specificato nel certificato, anche se lo spettacolo deviazioni dal contenuto effettivo di un accordo negoziato. Questo vale solo se le variazioni indicate nel certificato cambia il contenuto dell’accordo in realtà chiamato modo inconsistente e sono di natura tale che è imprenditore ragionevole ancora approvato, ea condizione che l’altra parte non rifiuta queste deviazioni.

(3) Il paragrafo 2 si applica anche se il contratto è stato concluso nel corso degli affari di una delle parti e il suo contenuto è confermato dall’altra parte.

  • 1758

Se le parti accettano di utilizzare un modulo per la chiusura, si ritiene che non siano vincolati a meno che tale modulo non sia rispettato. Ciò vale anche se una delle parti ha la volontà di concludere il contratto per iscritto.

Sezione 5

Effetti del contratto
Disposizioni generali
§ 1759

L’accordo delle parti è vincolante. Può essere modificato o cancellato solo con il consenso di tutte le parti o per altri motivi legittimi. Per gli altri, il contratto agisce solo nei casi specificati nella legge.

  • 1760

Il fatto che il partito non è stato il contratto ha diritto a che fare con ciò che deve essere riempito dal contratto stesso non invalidare il contratto.

  • 1761

Il divieto di carico o furto di una cosa esiste solo tra le parti a meno che non sia stato stabilito come un diritto reale. Tale divieto è valido se è stato stabilito per la durata del fondo fiduciario, il Trust successione, agenzia o ad un altro periodo di tempo determinato e ragionevole in cui gli interessi del partito, che è degno di tutela giuridica.

  • 1762

(1) Se la legge stabilisce che la decisione di un’autorità particolare deve diventare effettiva, il contratto è efficace con questa decisione.

(2) Se la domanda di una decisione non è stata presentata entro un anno dalla conclusione del contratto, si considera annullata dall’inizio. Questo è anche il caso se la proposta è stata respinta.

  • 1763

Se una parte gradualmente appalti attribuiti a coloro che hanno diritto di usare o godere della stessa cosa nello stesso tempo, acquisiamo una persona così giusta che ha fornito la cosa cedente per l’uso o il godimento prima. Se non esiste una tale persona, la legge della persona con cui è entrato in vigore il contratto è la prima.

Cambiamento di circostanze
§ 1764

Ogni volta che le circostanze dopo la conclusione del contratto nella misura in cui l’offerta di contratto avviene per entrambe le parti più difficili, ma non cambia il suo obbligo di rispettare il debito. Ciò non si applica nei casi previsti nelle sezioni 1765 e 1766.

  • 1765

(1) In caso di cambiamento di circostanze così significativo che il cambiamento stabilisce i diritti e gli obblighi delle parti separatamente lordo sproporzione svantaggio uno di loro, né aumento sproporzionato dei costi delle prestazioni o compromissione sproporzionato di oggetto di prestazioni, l’interessato il diritto di reclamare contro l’altra rinnovamento del partito negoziazione dei contratti, se dimostra che il cambiamento non poteva ragionevolmente prevedere per influenzare, e il fatto che si è verificato dopo la conclusione del contratto o le parti interessate a farsi conoscere dopo la conclusione del contratto. Esercizio di tale diritto non autorizza il partito di rinviare l’esecuzione.

(2) Il diritto di cui al paragrafo 1 non deve sorgere nell’interessato se si assume il rischio di modificare le circostanze.

  • 1766

(1) A meno che le parti entro un termine ragionevole, il giudice può, su proposta di uno di essi decidere che l’obbligo del contratto cambia ripristinando l’equilibrio dei diritti e degli obblighi delle parti, o che si annulla la data e alle condizioni specificate nella decisione. Dalle parti, la corte non è vincolata.

(2) Il giudice respinge l’impegno a cambiare, se l’interessato non ha diritto di riprendere i negoziati su un trattato entro un ragionevole lasso di tempo, che cosa cambiamento delle circostanze ha dovuto accertare; questo periodo è considerato di due mesi.

Contratto a beneficio di terzi
§ 1767

(1) Se, in base al contratto, il debitore deve essere notificato a terzi, il creditore può richiedere al debitore di soddisfarlo.

(2) In base al contenuto, alla natura e allo scopo del contratto, si valuta se e quando un terzo ha acquisito il diritto diretto di soddisfare la domanda. Si presume che una terza parte abbia acquisito tale diritto se deve essere un vantaggio principalmente per lei.

(3) Il debitore ha anche una contro-rivendicazione nei confronti di una terza persona.

  • 1768

Se una terza parte rifiuta il diritto acquisito dal contratto, lui o lei lo guarda come se i diritti della transazione non fossero stati acquisiti. Se non supporta il contenuto e lo scopo del contratto, il creditore può richiedere la prestazione per se stesso.

  • 1769

Contratto di prestazione di terze parti
Essa si impegna a fornire uno per l’altro lato per realizzare il suo terza persona si impegna a da una terza parte intercessione per fornire le prestazioni concordate. Si impegna Ma se qualcuno del fatto che un terzo sarà adempisse ciò che è stato concordato, i danni subiti da un creditore, se non l’adempimento.

Sezione 6

Modi speciali per concludere un contratto
§ 1770

Le disposizioni sull’offerta e sull’ammissione dell’offerta si applicano mutatis mutandis ai casi in cui le parti concordino diversamente sulla conclusione del contratto.

  • 1771

vendita all’asta
(1) All’asta, il contratto è concluso con una punizione.

(2) Un’offerta già presentata deve essere annullata se viene fatta un’offerta più alta o se l’asta finisce diversamente da uno sciopero.

Offerta pubblica per l’offerta più adatta
§ 1772

Chiunque annunci l’offerta per l’offerta più appropriata per l’indefinito è l’invito a presentare offerte.

  • 1773

Il concorso definirà per iscritto almeno termini generali di prodotti e di altri principi contenuti contratto da cui esso prende e determinare il modo di gara e il termine entro il quale è possibile presentare delle offerte, nonché il termine per l’annuncio dell’offerta selezionata proposti. Pubblicherà il contenuto delle condizioni del concorso in modo appropriato.

  • 1774

L’inserzionista non può modificare le condizioni pubblicate del concorso o annullare la competizione, a meno che non lo abbia prenotato nelle condizioni della competizione. La modifica o la cancellazione saranno pubblicate nello stesso modo dei termini della competizione.

  • 1775

(1) L’ inserzionista deve includere un’offerta nel concorso se il suo contenuto corrisponde alle condizioni pubblicate del concorso. Da questi, l’offerta può deviare solo nella misura in cui i termini della competizione lo consentono.

(2) Un’offerta presentata dopo il termine specificato nelle condizioni di gara non può essere inclusa nella competizione.

(3) Il Richiedente ha il diritto al rimborso delle spese associate alla partecipazione al concorso se le condizioni del concorso sono concesse a lui / lei.

  • 1776

(1) A meno che le condizioni di concorrenza in caso contrario, non si può ritirare l’offerta dopo il termine di cui al bando di gara per la presentazione delle offerte.

(2) I termini della competizione possono determinare che l’offerta può essere cambiata o integrata; non è tenuto a modificare o a completare un’offerta presentata dopo la scadenza del termine specificato nei termini dell’offerta per la presentazione delle offerte. Correzione di errori incorsa nella compilazione del menu può essere fatto in qualsiasi momento, se le condizioni non escludono la concorrenza.

  • 1777

(1) L’ inserzionista deve selezionare la più appropriata delle offerte e notificare la sua accettazione nei modi e nei termini specificati nei termini della competizione.

(2) A meno che le condizioni di concorrenza previste per l’assegnazione, lo sponsor può selezionare un’offerta che gli si addice meglio.

  • 1778

(1) Il Promotore accetta l’offerta selezionata in base al § notifica 1777. Se l’offerta viene accettata dalla parte proponente dopo il termine indicato nell’offerta, un contratto si pone se il proponente selezionato senza indugio all’organizzatore, l’accettazione di un’offerta respinta in quanto tardiva.

(2) L’ inserzionista può rifiutare tutte le offerte presentate se lo riserva ai termini del concorso.

  • 1779

L’inserzionista, senza indebito ritardo, notificherà ai firmatari che non hanno avuto successo nel concorso che hanno respinto le loro offerte.

Offerta pubblica
§ 1780

(1) L’ offerta pubblica è espressione della volontà del proponente, che si riferisce a persone indefinite con proposta di conclusione del contratto.

(2) L’iniziativa del contratto, da cui derivano intenzione di concludere un contratto o che hanno condizioni ai sensi del § 1732, paragrafo. 1, è considerato un bando di gara.

  • 1781

L’offerta pubblica può essere oggetto di ricorso se il firmatario ha pubblicato un ricorso prima che l’offerta pubblica fosse accettata nel modo in cui è stata pubblicata l’offerta pubblica.

  • 1782

(1) Sulla base di un’offerta pubblica, il contratto è concluso con la persona che annuncia tempestivamente e in conformità con essa il firmatario che accetta l’offerta. Se un’offerta pubblica richiede contemporaneamente più persone, il contratto è concluso con quello scelto dal firmatario.

(2) Se l’offerta pubblica non specifica il termine ultimo per l’ammissione, il periodo di tempo deve essere adeguato alla natura dell’offerta pubblica.

  • 1783

(1) Il Richiedente deve notificare al Beneficiario la conclusione del Contratto senza indebito ritardo al ricevimento dell’offerta pubblica. Riferiranno agli altri che hanno fallito.

(2) Se il ricorrente confermano contratto di destinatari più tardi di cui al paragrafo 1, il contratto si pone, se il destinatario rifiuta il contratto senza indebito ritardo dopo che il richiedente era stata la conferma del contratto.

  • 1784

(1) Se l’offerta pubblica determina in modo esplicito, il contratto è concluso con un certo numero di persone, o con tutti coloro che hanno accettato l’offerta pubblica entro il termine previsto dal § 1782.

(2) Se il firmatario non rispetta l’obbligo di notifica, è vincolato da tutte le ammissioni di un’offerta pubblica, il cui autore non ha notificato il risultato.

Sezione 7

Contratto sul contratto futuro
§ 1785

Disposizioni di base
Con un contratto futuro, almeno una parte si impegna a concludere, su invito entro il termine concordato, altrimenti entro un anno, un accordo futuro il cui contenuto è negoziato almeno in modo generale.

  • 1786

La parte obbligata è obbligata a concludere il contratto senza indebito ritardo dopo essere stato richiesto dalla parte autorizzata in conformità con il futuro contratto.

  • 1787

(1) Se la parte obbligata non riesce a stipulare un contratto, la parte autorizzata può richiedere che il contenuto del futuro accordo sia determinato dal tribunale o dalla persona designata nel contratto. Se la persona non specifica il contenuto del futuro contratto entro un termine ragionevole o si rifiuta di determinarlo, l’avente diritto può proporre che il tribunale lo decida.

(2) Il contenuto di un futuro accordo sarà determinato dallo scopo della futura conclusione del futuro accordo. Esso si basa sui suggerimenti delle parti e tiene conto delle circostanze in cui è stato concluso il contratto per il futuro accordo e dei diritti e degli obblighi delle parti che sono onestamente organizzati.

  • 1788

(1) Se la Parte Autorizzata non invita una parte a rendere conto della conclusione del contratto in tempo utile, l’obbligo di stipulare un accordo futuro cesserà.

(2) Ogni volta che le circostanze su cui lato di una passività quando il contratto preliminare basata a quanto pare, nella misura in cui il partito impegnato non può ragionevolmente domanda che ha concluso il contratto, l’obbligo di concludere scade un contratto futuro. La mancata da un partito impegnato al cambiamento partito legittimo in circostanze prontamente rimborsare il danno partito legittimo derivante da questo.

Parte 3

Il contenuto degli impegni
Disposizioni generali
§ 1789

Dall’obbligo, il mutuatario è obbligato a dare qualcosa, fare qualcosa, astenersi o tollerare qualcosa, e il creditore ha il diritto di esigere da lui.

  • 1790

L’obbligo non può essere modificato senza il creditore e il mutuatario, a meno che la legge non disponga altrimenti.

  • 1791

(1) L’esistenza e la durata di un’obbligazione non impediscono, a meno che non venga fornito un motivo in base al quale il debitore è tenuto a eseguire; il creditore è tenuto a dimostrare la ragione dell’impegno.

(2) Nel caso di un impegno di sicurezza, il creditore non deve dimostrare il motivo dell’impegno, a meno che la legge lo specifichi.

  • 1792

Pagamento per prestazioni
(1) E ‘fluisce dal contratto se le parti l’obbligo di fornire e ricevere servizi a titolo gratuito, senza una quantità negoziata, o il modo in cui sarà determinato tale importo, si applica che il pagamento è stato negoziato nella quantità consuetudine del tempo e del luogo di conclusione del contratto. Se non è possibile determinare l’importo del pagamento, il tribunale lo determina in riferimento al contenuto del contratto, alla natura del servizio e alle pratiche.

(2) Se la remunerazione è stata concordata in violazione della legge sui prezzi, si applica l’accordo, che è ammissibile ai sensi del presente regolamento.

Accorciamento indebito
§ 1793

(1) si impegnano a parti al compimento reciproca e se le prestazioni di una delle parti grossolanamente sproporzionata a quanto previsto dall’altro lato, il lato corto per chiedere la risoluzione del contratto e recuperare tutto al suo stato originale, a meno che il suo altro supplemento lato, ciò che è stato abbreviato, tenendo conto del prezzo normalmente prevalente al momento e nel luogo del contratto. Questo non è vero se la disparità di adempimento reciproco si basa su fatti che l’altra parte non sapeva o sapeva.

(2) Il paragrafo 1 non si applica in caso di acquisto di merce di scambio, mentre lo strumento gli investimenti delle imprese in un’altra legge, asta o un modo di rango un’asta pubblica in condizioni di parità, anche in caso di scommesse o giochi, o la liquidazione, o novazione, se fossero onestamente fatti.

  • 1794

(1) Il diritto ai sensi del § 1793 non si pone se la ragione di performance relativa sproporzionato deriva dal particolare rapporto tra le parti, soprattutto se il partito avesse abbreviato l’impegno ad adempiere a pagamento parziale e in parte a titolo gratuito, o se non è possibile determinare la quantità di accorciamento.

(2) Il diritto ai sensi del § 1793 non si pone, anche se rinunciato se accorciato, esprimere, e ha detto che se le prestazioni che adotta il prezzo speciale di popolarità speciale, o concordato quando un prezzo sproporzionato, anche se il suo rendimento effettivo prezzo era o aveva essere conosciuto

  • 1795

Il diritto ai sensi della Sezione 1793 scade se non viene eseguito entro un anno dalla conclusione del contratto.

  • 1796

usura
Invalidare il contratto che la conclusione qualcuno abusa di soccorso, l’inesperienza, la debolezza intellettuale, eccitazione o incuria dall’altra parte e dare se stessi o un’altra promessa o fornire indennizzo il cui valore della proprietà è di mutuo vantaggio nel sproporzione lordo.

  • 1797

Un imprenditore che ha stipulato un contratto commerciale non ha il diritto di chiedere la cancellazione di un contratto ai sensi dell’articolo 1793 (1), né può invocare l’invalidità di un contratto ai sensi dell’articolo 1796.

Accordi conclusi in modo aderente
§ 1798

(1) Le disposizioni in materia di contratti conclusi metodo di collegamento si applicano a qualsiasi contratto, le condizioni di base sono stati determinati da una delle parti o sotto la direzione senza la parte più debole hanno avuto una vera e propria opportunità per il contenuto di queste condizioni di base influenzano.

(2) Se il contratto è concluso con la parte debole forma contrattuale utilizzata in un commercio o altri mezzi simili, resta inteso che il contratto è stato stipulato un metodo di legame.

  • 1799

La clausola in un contratto di metodo di incollaggio, che si riferisce alle condizioni previste al di fuori del testo del contratto è valido, se la parte debole della clausola e il suo significato familiare o se è dimostrato che il significato della clausola doveva sapere.

  • 1800

(1) Qualora un accordo concluso l’incollaggio clausola processo potrebbe essere letto solo con particolari difficoltà o la clausola è per una persona di intelligenza media incomprensibile, questa clausola è valida, non se la lesione lato più debole, o se mostra l’altra parte che lato più debole era sufficientemente spiegato l’importanza delle clausole.

(2) Qualora un accordo concluso l’incollaggio clausola di processo, che è la parte più debole particolarmente svantaggiosa, ma per una buona ragione, soprattutto devia sul serio e senza alcuna ragione particolare alle consuete condizioni ujednávaných in casi simili contratto, la clausola non è valida. Se richiede una corretta organizzazione dei diritti e degli obblighi delle parti, il tribunale decide di conseguenza in conformità con il § 577.

  • 1801

Se si discosta dalle parti § 1799 o 1800 o eliminato se alcune di queste disposizioni, ignorando il fatto. Questo non si applica ai contratti stipulati tra imprese, a meno che il partito dimostra che la clausola del contratto al di fuori del testo e progettato l’altra parte contraente contraddice grossolanamente le pratiche commerciali e principi del commercio equo.

interesse
§ 1802

Se gli interessi devono essere pagati e se l’importo non è regolato, il debitore paga gli interessi all’importo stabilito dalla legge. Se l’interesse non è così fisso, il mutuatario paga l’interesse usuale richiesto per i prestiti concessi dalle banche nel luogo di residenza o di domicilio del debitore al momento della conclusione del contratto.

  • 1803

Si ritiene che l’ammontare concordato di interessi si riferisca al periodo annuale.

  • 1804

Gli interessi sono pagati nella stessa valuta del debito principale (capitale).

  • 1805

(1) Se il periodo di pagamento degli interessi non è regolato, l’interesse principale è pagabile e, se il capitale è pagabile dopo un anno, gli interessi devono essere pagati annualmente.

(2) Un creditore che, senza ragione ragionevole, pirata con l’esercizio del diritto al pagamento del debito in modo che l’interesse sia tanto quanto il principale, perde il diritto di chiedere ulteriori interessi. Dal giorno in cui ha esercitato il diritto in tribunale, tuttavia, ha altri interessi.

  • 1806

Gli interessi sugli interessi possono essere richiesti se concordati. In caso di reclamo per un reato, l’interesse può essere richiesto a partire dalla data in cui la richiesta è stata presentata in tribunale.

  • 1807

deposito
Si presume che ciò che è stato dato da una parte all’altra prima della conclusione del contratto è un deposito.

serio
§ 1808

(1) Se un pegno è stato concordato, deve essere consegnato al più tardi alla conclusione del contratto. Il contratto conferma la conclusione del contratto e la parte che lo ha fornito fornisce la garanzia che il debito sarà soddisfatto.

(2) Il mancato adempimento delle cause del debito da parte della persona che ha dato la caparra, l’altra parte di lasciare serio. Se dato il lato serio ha il diritto di richiedere che sia stato dato il doppio, o il mutuatario per adempiere il debito, o se non si riunisce il debito già eventuali danni.

  • 1809

Se la parte ha ritardato, e se il diritto di recesso dal contratto è stato concordato contemporaneamente senza la clausola di separazione, il default è il TFR. Se la parte che ha dato il ritardo si è ritirata dal contratto, perde il diritto di restituirlo; se la parte che ha accettato la supervisione si dimette, emetterà il doppio il doppio.

Parte 4

Disposizioni sugli obblighi contrattuali con il consumatore
Sezione 1

Disposizioni generali
§ 1810

Le disposizioni della presente parte si applicano ai contratti conclusi con il consumatore dal consumatore (in seguito denominati “contratti per i consumatori”) e gli obblighi che ne derivano.

  • 1811

(1) Tutte le comunicazioni al consumatore devono essere fatte in modo chiaro e comprensibile dall’imprenditore nella lingua in cui è concluso il contratto.

(2) Quando le parti conducono negoziati per la conclusione di un contratto e tali fatti non sono evidenti dal contesto, l’imprenditore deve informare il consumatore in tempo utile prima della conclusione del contratto o prima che il consumatore faccia un’offerta vincolante

(a) la sua identità, il suo numero di telefono o indirizzo e-mail o altri dettagli di contatto,

(b) la descrizione del prodotto o del servizio e una descrizione delle loro caratteristiche principali,

(c) il prezzo dei beni o dei servizi e, se del caso, il metodo di calcolo, comprese tutte le imposte, le tasse e altre simili prestazioni in denaro,

(d) il metodo di pagamento e il metodo di consegna o prestazione,

  1. e) costi di consegna e, se questi costi non possono essere determinati in anticipo, un’indicazione che possono essere addebitati addizionali,

(f) i dettagli dei diritti derivanti da prestazioni difettose, nonché i diritti di garanzia e altre condizioni per l’esercizio di tali diritti,

(g) indicazione della durata dell’impegno e delle condizioni per la risoluzione dell’impegno, se il contratto deve essere concluso per un periodo indefinito,

(h) dati sulla funzionalità dei contenuti digitali, comprese le misure tecniche di protezione, e

(i) dati sull’interoperabilità del contenuto digitale con hardware e software conosciuti o che si ritiene ragionevolmente prevedibili per l’imprenditore.

(3) Le disposizioni del paragrafo 2 non si applicano al contratto

  1. a) concluso allo scopo di occuparsi della vita quotidiana se deve essere eseguito immediatamente dopo la sua chiusura;

(b) la fornitura di contenuto digitale se fornita su un supporto fisico.

  • 1812

(1) Se il contenuto di un contratto può essere interpretato in modo diverso, l’interpretazione per il consumatore sarà la più favorevole.

(2) Le disposizioni che derogano alle disposizioni previste per la tutela del consumatore non sono prese in considerazione. Ciò vale anche se il consumatore rinuncia a un diritto speciale conferito dalla legge.

  • 1813

Sono considerati accordi vietati che creano uno squilibrio significativo nei diritti o negli obblighi delle parti a danno del consumatore, contrariamente al requisito di proporzionalità. Ciò non si applica all’oggetto della prestazione o al prezzo se il consumatore è fornito in modo chiaro e comprensibile.

  • 1814

In particolare, gli accordi sono proibiti

(a) escludere o limitare i diritti del consumatore da prestazioni difettose o risarcimento per lesioni,

  1. b) il consumatore si impegna a soddisfare, mentre l’imprenditore è obbligato ad adempiere ad una condizione dipendente dalla sua volontà,

(c) consentire al professionista di non dare al consumatore ciò che il consumatore gli ha dato, anche se il consumatore non chiude o recede dal contratto,

(d) creare il diritto di un imprenditore di recedere dal contratto senza causa, mentre i consumatori no,

  1. e) creare all’imprenditore il diritto di porre fine all’obbligo senza alcuna dovuta considerazione, senza un ragionevole preavviso,

(f) obbligare i consumatori ad eseguire irrevocabilmente a condizioni che non sono stati in grado di rendere noti prima della conclusione del contratto,

  1. g) consentire all’imprenditore di modificare i diritti o gli obblighi delle parti,
  2. h) posticipare la determinazione del prezzo fino al periodo di esecuzione,

(i) consentire all’imprenditore di aumentare il prezzo senza che il consumatore abbia il diritto di recedere dal contratto a un aumento sostanziale dei prezzi,

  1. j) privare il diritto del consumatore di proporre ricorso o di esercitare ogni altro rimedio o il suo esercizio di tale osta al diritto, o di imporre l’obbligo di rispettare il diritto dei consumatori esclusivamente dal tribunale arbitrale o arbitro che non sia vincolato da norme previste a tutela dei consumatori,

(k) trasmettere al consumatore l’obbligo di dimostrare la conformità agli obblighi del commerciante imposti dalle disposizioni del contratto di servizio finanziario, o

(l) privare il consumatore del suo diritto di determinare quale obbligo debba essere pagato su base preferenziale.

  • 1815

Un accordo inappropriato deve essere ignorato a meno che il consumatore non lo invochi.

  • 1816

(1) Da pagare se il prezzo è almeno in parte attraverso un prestito o un finanziamento erogato da parte dell’imprenditore e se il consumatore utilizza il diritto di recesso, soggetta agli effetti del recesso sul contratto di credito o prendere in prestito; questo vale anche se il prestito o il prestito è stato fornito da una terza parte in base a un contratto con l’imprenditore. In tal caso, è vietato imporre sanzioni al consumatore, al prestatore di servizi o ad altre persone, a seconda dei casi.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 si applicano se il contratto con il consumatore è stato concluso a distanza o in un contratto per il consumatore per l’uso temporaneo dell’alloggio e di altri servizi ricreativi. Negli altri casi, si applicano le disposizioni del paragrafo 1 se le parti non si discostano dal contratto di credito o di prestito.

  • 1817

Un imprenditore non può richiedere al consumatore di effettuare un ulteriore pagamento di quello che il consumatore è tenuto a pagare sulla base dell’obbligo contrattuale principale, a meno che il consumatore non abbia dato il suo esplicito consenso a tale ulteriore pagamento.

  • 1818

Se il consumatore ha il diritto di recesso ai sensi delle disposizioni della presente sezione, non sono tenuti a motivare, come il diritto di recesso non può essere combinata di rigore. Approfittando del diritto del consumatore di recesso ai sensi delle disposizioni della presente sezione deve essere considerato un periodo di sospensione per conservato se il consumatore invia nel corso di imprese annuncio che recedere dal contratto.

  • 1819

La trama viene conservata se i dati vengono forniti in modo tale da poter essere memorizzati e visualizzati nuovamente.

Sezione 2

Chiusura dei contratti a distanza e contratti negoziati fuori dei locali commerciali
Sottosezione 1

Disposizioni generali
§ 1820

Avviso pre-contratto
(1) L’obiettivo se il comportamento delle parti di un contratto, ed è utilizzato da lui imprenditore esclusivamente almeno un mezzo di comunicazione, che permette di concludere un contratto senza la presenza fisica simultanea delle parti (i “mezzi di comunicazione a distanza”) o piegato quando tali negoziati contratto al di fuori del solito business per gli uomini d’affari, uomo d’affari di comunicare ai consumatori prima della conclusione del contratto o prima di un consumatore fa un’offerta vincolante anche

  1. a) il costo dei mezzi di comunicazione a distanza, se diverso dall’aliquota normale,

(b) l’ indicazione dell’eventuale obbligo di versare un acconto o un pagamento analogo, se necessario,

(c) nel caso di un contratto il cui soggetto è una prestazione ripetuta, il periodo più breve per il quale il contratto delle parti sarà vincolante,

  1. d) nel caso di un contratto stipulato a tempo indeterminato o che ha per oggetto il riempimento, il prezzo o il metodo di determinazione per ogni periodo di fatturazione, che è sempre un mese, se il prezzo è fisso,
  2. e) nel caso di contratti conclusi a tempo indeterminato o il cui oggetto è il riempimento, dettagli di eventuali tasse, commissioni e altre transazioni monetarie simili e costi dei prodotti o servizi designati con il metodo del punto b)

(f) se il diritto di recesso può essere esercitato, le condizioni, i termini e le modalità di esercizio di questo diritto, nonché il modulo di recesso, i cui termini sono determinati dalla legislazione di attuazione,

  1. g) una dichiarazione che in caso di recesso del consumatore si fa carico delle spese di restituzione della merce, e nel caso di un contratto concluso mediante costi di comunicazione a distanza per la restituzione della merce, se le merci non possono essere restituiti al loro carattere usuale rotta ordinaria,

(h) l’ indicazione dell’obbligo di pagare una parte proporzionale del prezzo in caso di recesso dal contratto, la fornitura di servizi già avviata,

  1. i) nel caso di un contratto ai sensi del § 1837, punto. (l) l’indicazione che il consumatore non può recedere dal contratto o, a quali condizioni, scadrà il diritto di recesso e

(j) informazioni sull’esistenza, le modalità e le condizioni della gestione extragiudiziale dei reclami dei consumatori, incluso se un reclamo può essere rinviato a un supervisore oa un supervisore di Stato.

(2) I dati di cui al paragrafo 1 (f), (g) e (h), l’imprenditore può anche rivelare al consumatore, attraverso un modello di istruzione sulla possibilità di recesso, i cui requisiti sono stabiliti in una normativa di attuazione.

(3) Qualora l’imprenditore abbia fornito al consumatore un’istruzione modello completa sulla possibilità di recesso, si presume che il consumatore abbia comunicato le informazioni di cui al paragrafo 1 f), g) eh).

  • 1821

Se l’imprenditore non ha comunicato al consumatore i dati su altre imposte, tasse e altri oneri monetari simili che il consumatore dovrà sostenere ai sensi della sezione 1811 (2) (c) o costi di cui all’articolo 1811 (2) e) o ai sensi dell’articolo 1820 (1) g), il consumatore non è tenuto a pagare all’imprenditore tali imposte, tasse, altri benefici o costi simili.

  • 1822

Contenuto del contratto
(1) Il contratto deve anche includere le informazioni comunicate al consumatore prima della sua conclusione. Questi dati possono essere modificati se espressamente concordati dalle parti. Il contratto stipulato deve essere conforme alle informazioni comunicate al consumatore prima della conclusione del contratto. Questi dati possono essere modificati se le parti esplicitamente concordano diversamente, altrimenti il ​​contenuto del contratto è più favorevole al consumatore.

(2) Un imprenditore deve rilasciare almeno una copia al consumatore immediatamente dopo la conclusione del contratto.

  • 1823

Obblighi dai contratti di servizio
Se il contratto di servizi è oggetto di un contratto di servizi, il commerciante inizia ad adempiere ai propri obblighi entro il termine di recesso solo su espressa richiesta del consumatore presentata in forma testuale.

Disposizioni specifiche sugli impegni derivanti da contratti conclusi a distanza
§ 1824

(1) Laddove il contratto sia negoziato mediante la comunicazione a distanza, l’imprenditore deve comunicare al consumatore le informazioni specificate nella Sezione 1811 (2) e nella Sezione 1820 (1).

(2) Se i mezzi di comunicazione a distanza non consentono di fornire al consumatore tutti i dati, il consumatore riceverà almeno i dati ai sensi della Sezione 1811, par. (a), (b), (c) e (g) e le informazioni di cui all’articolo 1820 (1) b), c) eh). Altri dati saranno comunicati dall’imprenditore al consumatore in un modulo di testo non oltre la data di esecuzione.

  • 1825

Se il contratto viene negoziato per telefono, l’imprenditore informerà il consumatore all’inizio della chiamata circa le informazioni di base su se stesso e lo scopo della chiamata.

  • 1826

(1) Quando si utilizzano mezzi elettronici, l’imprenditore deve anche inserire i dati

  1. a) se il contratto concluso sarà depositato presso di esso e se consentirà l’accesso al consumatore,

(b) le lingue in cui il contratto può essere concluso,

(c) le singole fasi tecniche che portano alla conclusione del contratto,

(d) le possibilità di individuare e correggere gli errori che si verificano durante l’immissione dei dati prima di inoltrare un ordine;

  1. e) codici di condotta vincolanti, o su base volontaria, da parte degli operatori economici e la loro accessibilità per via elettronica.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano se il contratto è stipulato esclusivamente tramite posta elettronica o in modo analogo che consente la connessione e l’archiviazione separate dei dati.

(3) Prima di inoltrare un ordine, il consumatore deve essere in grado di controllare e modificare i dati inseriti nell’ordine utilizzando mezzi elettronici.

  • 1827

(1) Se il consumatore invia un ordine tramite un mezzo di comunicazione a distanza, l’imprenditore è obbligato a riconoscere senza indugio la ricevuta mediante un mezzo di comunicazione a distanza; ciò non si applica alla conclusione di un contratto unicamente mediante scambio di posta elettronica o comunicazioni individuali analoghe.

(2) Quando il contratto è concluso con mezzi elettronici, l’imprenditore deve fornire al consumatore un testo, oltre alla formulazione del contratto e alla formulazione delle condizioni generali di contratto.

  • 1828

Disposizioni specifiche sugli impegni derivanti da contratti negoziati fuori dei locali commerciali
(1) Si conviene quando il contratto è al di fuori della normale attività per gli uomini d’affari, imprenditore comunica al consumatore la scrittura dei dati di cui al § 1811 comma 1820 § 2 comma 1..; in un’altra forma testuale solo se il consumatore è d’accordo con esso.

(2) Un contratto concluso al di fuori dei normali locali commerciali deve essere considerato come un contratto concluso

(a) in un’area consueta per l’attività dell’impresa, in cui la conclusione è stata presa immediatamente dopo che l’uomo d’affari si rivolgeva al consumatore al di fuori di tali locali;

(b) durante un tour organizzato da un uomo d’affari allo scopo di promuovere e vendere beni o fornire servizi.

Ritiro dal contratto
§ 1829

(1) Il consumatore ha il diritto di recedere dal contratto entro un periodo di 14 giorni. Il termine previsto per la prima frase decorre dal giorno della conclusione del contratto e, se lo è

(a) un contratto di vendita, dalla data di ricevimento della merce,

(b) un contratto che copre diversi tipi di merci o la fornitura di più parti dalla data dell’ultima consegna delle merci;

(c) un contratto avente come oggetto la regolare fornitura ripetuta di beni a partire dalla data della prima consegna delle merci.

(2) A meno che il consumatore sia informato del diritto di recedere dal contratto ai sensi del § 1820 comma. 1 punto. f), il consumatore può recedere dal contratto entro un anno e quattordici giorni dall’inizio del periodo di recesso di cui al paragrafo 1. Tuttavia, se il consumatore è stato informato del diritto di recedere dal contratto entro questo periodo, corre due settimane periodo di sospensione dal giorno in cui l’istruzione dei consumatori Ha ricevuto.

  • 1830

Se l’imprenditore permette al consumatore di recedere compilando e inviando il modulo standard per il ritiro su un sito web, conferma il consumatore senza indebito ritardo nel testo formare la sua adozione.

  • 1831

(1) si ritira dal contratto se il consumatore invia o inoltra imprenditori senza indebito ritardo, entro e non oltre quattordici giorni dopo il ritiro, i beni ricevuti da lui. Se il servizio è già stato fornito al consumatore, non vi è alcun obbligo per l’imprenditore di farlo, fatta eccezione per le disposizioni del § 1834.

(2) L’ imprenditore può solo richiedere al consumatore di pagare i costi stabiliti dalla presente legge.

  • 1832

(1) si ritira dal contratto, se il consumatore restituisce la sua attività senza indebito ritardo, entro e non oltre quattordici giorni dopo il ritiro, tutti i fondi, comprese le spese di spedizione a lui derivanti dal contratto ricevuto nello stesso modo. ritorna Businessman accolto dai consumatori peněžení significa altro modo solo se il consumatore ha accettato e se non comporta costi aggiuntivi.

(2) Se il consumatore ha scelto diverso rispetto al metodo di consegna più economico, che offre l’uomo d’affari, imprenditore torna ai consumatori il costo di consegna della merce per un importo corrispondente modi nejlevnějšímu offerti dalla consegna.

(3) L’ imprenditore rimborserà al consumatore il costo della restituzione dei beni se non ha informato il consumatore dell’obbligo di sostenere tali costi conformemente alle disposizioni della sezione 1820, paragrafo 1, g).

(4) Se il consumatore si ritira dal contratto di acquisto, l’imprenditore non è obbligato a restituire i fondi ricevuti al consumatore prima che il consumatore passi i beni o provi che i beni sono stati spediti all’imprenditore.

  • 1833

Il consumatore è responsabile nei confronti dell’imprenditore solo per la perdita di valore del valore dei beni risultante dalla manipolazione dei beni diversa da quella necessaria per cederli in considerazione della loro natura e proprietà. Ciò non si applica se l’imprenditore non ha comunicato l’informazione del consumatore ai sensi delle disposizioni della sezione 1820 (1) f).

  • 1834

Se il consumatore receda dal contratto per la fornitura di servizi ed esercizi commerciali con le prestazioni su espressa richiesta del consumatore ha iniziato prima del termine ultimo per il ritiro, l’imprenditore paga una parte del prezzo pattuito per il servizio fornito al punto di ritiro. Se il prezzo concordato è eccessiva, il consumatore paga una quota di imprenditori prezzo corrispondente al valore di mercato del servizio fornito.

  • 1835

Uomo d’affari che le merci da casa del consumatore a proprie spese se il consumatore recede da un contratto concluso fuori della normale attività per gli uomini d’affari, i beni sono stati consegnati al domicilio del consumatore al momento della conclusione del contratto e la natura dei beni che non invia il solito percorso postale.

  • 1836

Se il consumatore si ritira dal contratto, non sosterrà alcun costo se si tratta di un contratto

  1. a) il cui scopo è la fornitura di servizi e l’imprenditore non ha fornito al consumatore i dati di cui alla sezione 1820 (1) (d) e (f), o se il professionista ha iniziato la prestazione prima della scadenza del periodo di recesso, sebbene il consumatore non l’abbia richiesto esplicitamente, o
  2. b) la fornitura di contenuto digitale, se non fornito su un supporto materiale e uomo d’affari, ha aggiunto prima della scadenza per il ritiro, anche se il consumatore su di esso in modo esplicito ha chiesto o non ha esplicitamente riconoscere che egli ha il diritto di recedere dal scadenza del contratto, o imprenditore non ha presentato il consumatore del contratto.
  • 1837

Il consumatore non può recedere dal contratto

  1. a) la fornitura di servizi se fossero soddisfatti con il suo previo consenso esplicito, prima della scadenza per il ritiro e uomo d’affari prima di stipulare un contratto di detto consumatori che in tal caso ha diritto di recedere dal contratto,

(b) la fornitura di beni o servizi il cui prezzo dipende dalle disparità dei mercati finanziari, indipendentemente dall’intenzione del professionista e che può verificarsi durante il periodo di recesso,

(c) la fornitura di bevande alcoliche che possono essere fornite solo dopo trenta giorni e il cui prezzo dipende dalle dislocuzioni dei mercati finanziari indipendenti dalla volontà dell’imprenditore,

(d) la fornitura di beni che è stata adeguata, come il consumatore desidera o per se stesso,

  1. e) la fornitura di merci deperibili e di merci che sono state irreversibilmente mescolate con altre merci dopo la consegna,

(f) riparazioni o manutenzioni effettuate in un luogo designato dal consumatore su sua richiesta; ciò non si applica in caso di esecuzione successiva di riparazioni non richieste o consegna di pezzi di ricambio diversi da quelli richiesti,

(g) la fornitura di beni in imballaggi sigillati che il consumatore ha rimosso dalla confezione e non possono essere restituiti per motivi igienici,

(h) fornitura di una registrazione audio o di immagini o di un programma per computer se ha rotto la confezione originale,

(i) fornitura di giornali, periodici o riviste,

(j) sistemazione, trasporto, imbarco o attività ricreative, a condizione che l’appaltatore offra tali servizi entro un termine determinato,

(k) mediante asta pubblica ai sensi della legge che disciplina le aste pubbliche, o

  1. l) la fornitura di contenuto digitale, se non fornito su un supporto materiale ed è venuto con il previo consenso esplicito del consumatore prima della scadenza per il ritiro e uomo d’affari prima di stipulare un contratto di consumatori ha detto che in tal caso non ha diritto a recedere dal contratto.
  • 1838

Adempimento non autorizzato
Se l’imprenditore ha aggiunto qualcosa al consumatore senza un ordine e se il consumatore ha preso possesso, il consumatore è considerato un titolare onesto. Il consumatore non deve restituire o informare l’imprenditore a proprie spese.

Disposizioni comuni
§ 1839

In caso di dubbio, il commerciante deve dimostrare di aver comunicato al consumatore le informazioni che è tenuto a divulgare in questa sottosezione.

  • 1840

(1) Le disposizioni di questa sottosezione non si applicano al contratto

  1. a) fornitura di servizi sociali, alloggi sociali, assistenza all’infanzia e sostegno permanente o temporaneo alle persone in caso di emergenza,

(b) avendo come oggetto la prestazione di assistenza sanitaria,

(c) il cui soggetto è una scommessa, un gioco o molto,

(d) il cui scopo è la creazione, il trasferimento o la scadenza del diritto a beni immobili e la locazione di un appartamento,

  1. e) il cui oggetto è la costruzione di un nuovo edificio e la ricostruzione sostanziale di un edificio,

(f) la fornitura di cibo, bevande o altri beni di consumo ordinari forniti alla famiglia del consumatore o in altro luogo specificato dal consumatore,

(g) il trasporto di una persona,

(h) sigillati con distributori automatici o locali commerciali automatizzati;

  1. i) concluso con il fornitore di servizi di comunicazione elettronica accessibili al pubblico attraverso telefoni al fine del suo utilizzo o sigillati allo scopo di un singolo consumatore di connessione per telefono, fax o Internet.

(2) Le disposizioni di questa sottosezione non si applicano al contratto di viaggio. Tuttavia, se questo contratto deve essere concluso con mezzi elettronici, si applicano le disposizioni dei § 1824 e 1827.

Sottosezione 2

Servizi finanziari
§ 1841

Trattato sul servizio finanziario a scopo di regolazione dei contratti di consumo in questa legge: qualsiasi contratto del consumatore in materia di servizi bancari, di credito, di pagamento e di assicurazione, il contratto relativo all’assicurazione pensionistica, cambio valuta, emissione di moneta elettronica e il contratto relativo alla prestazione di servizi di investimento o di commercio mercati di investimento.

  • 1842

(1) Le disposizioni della presente sottosezione si applicano al contratto di servizi finanziari e ai diritti e obblighi derivanti da tale contratto se i mezzi di comunicazione a distanza sono stati utilizzati esclusivamente per la conclusione del contratto.

(2) è chiusa Tuttavia, se in base al contratto di cui al paragrafo 1 altri contratti dello stesso o simile natura a quello svolto nel corso del tempo, le disposizioni del presente comma solo per il primo contratto; ciò non si applica se è trascorso più di un anno dall’ultima conclusione del contratto. Qualora vi sia un’altra espressione di volontà di natura identica o simile sulla base del contratto di cui al paragrafo 1, la procedura deve essere analoga.

  • 1843

Avviso pre-contratto
(1) L’ imprenditore deve, in tempo utile prima della conclusione del contratto o prima che il consumatore faccia un’offerta vincolante, comunicare almeno al consumatore

  1. a) le informazioni di cui all’articolo 1811, paragrafo 2, lettera a); (a), (b), (d) e 1820 (1) a) ac),

(b) l’ oggetto principale della sua attività,

(c) il nome e la sede legale dell’autorità responsabile della supervisione o della supervisione dell’attività dell’imprenditore, nel caso di attività soggette all’autorizzazione,

(d) il costo totale del servizio, comprese tutte le tasse, le commissioni e altre simili prestazioni in denaro corrisposte dall’imprenditore e altri costi correlati; se il prezzo totale esatto non può essere determinato in anticipo, tutti i dati sul metodo di calcolo del prezzo finale consentono al consumatore di verificare questo prezzo,

  1. e) informazioni su altre tasse o costi che non sono pagati dall’imprenditore o che l’imprenditore non raccoglie,

(f) i possibili rischi che sfuggono al controllo dell’imprenditore collegato al servizio finanziario fornito, compresa, se del caso, l’avvertenza che le entrate passate non garantiscono i rendimenti futuri,

  1. g) informazioni sulla possibilità o impossibilità di recesso ai sensi del § 1846, tra cui l’istruzione sui termini per l’esercizio del diritto di recesso, le condizioni in cui esso può essere esercitato sulla quantità che può essere fatto per il consumatore è tenuto ai sensi del § 1849 come pure lezioni apprese sulle conseguenze del mancato esercizio del diritto di recesso,

(h) istruzioni pratiche per esercitare il diritto di recesso, compreso l’indirizzo del luogo in cui deve essere inviata la notifica di recesso,

(i) un’istruzione sul diritto di ciascuna delle parti di rescindere prematuramente o unilateralmente l’obbligo contrattuale secondo i termini e le condizioni, incluse le istruzioni su eventuali sanzioni,

(j) designazione di uno Stato membro o di uno Stato membro dell’Unione europea la cui legislazione è adottata dal professionista come base per stabilire una relazione con il consumatore prima della conclusione del contratto,

(k) indicazione della clausola contrattuale sulla legge applicabile e la giurisdizione del tribunale in caso di controversia contrattuale,

  1. l) un’indicazione della lingua o delle lingue in cui il professionista agirà con il consumatore per tutta la durata dell’impegno e in cui fornirà al consumatore le condizioni contrattuali e le condizioni,
  2. m) l’indicazione della esistenza, la natura e le condizioni di gestione extragiudiziale delle dati relativi ai reclami dei consumatori, tra cui se possono presentare una denuncia all’autorità di vigilanza o di controllo statale,

(n) indicazione dell’esistenza del fondo di garanzia e

  1. o) il periodo di tempo in cui i dati forniti, inclusi i dati relativi ai prezzi, rimangono in vigore.

(2) Se l’imprenditore è un rappresentante o un consumatore con un intermediario, insieme ai dati di cui al paragrafo 1, i dati specificati nel § 1811 par. (a) l’agente o l’agente, nonché il motivo giuridico sulla base del quale l’intermediario agisce legalmente.

(3) Le informazioni fornite ai consumatori devono essere identificabili per il loro scopo commerciale.

  • 1844

(1) Il contratto stipulato deve essere conforme alle informazioni comunicate al consumatore prima della conclusione del contratto. Se il contenuto del contratto differisce tuttavia da questi dati, deve essere comunicato al consumatore prima della conclusione del contratto e le modifiche devono essere espressamente indicate nel contratto; altrimenti il ​​valore del contratto è più favorevole per il consumatore.

(2) Le informazioni comunicate al consumatore prima della conclusione del contratto devono essere conformi alle informazioni da comunicare al consumatore conformemente alla legge applicabile alla conclusione del contratto.

  • 1845

(1) Se il contratto è stato concluso su richiesta del consumatore, usando questi mezzi di comunicazione a distanza, che non rivelano condizioni contrattuali e altri dettagli ai sensi del § 1843, l’imprenditore risponde a tale obbligo subito dopo la conclusione del contratto.

(2) Se richiesto da un consumatore in qualsiasi momento durante il periodo della disposizione, ha il diritto di ricevere i termini contrattuali in forma stampata, così come il diritto di modificare il metodo di comunicazione a distanza, se non nella natura dei servizi forniti o il contratto concluso.

Ritiro dal contratto
§ 1846

(1) Il consumatore ha il diritto di recedere dal contratto entro 14 giorni dalla conclusione del contratto; tuttavia, se i dati di cui alle sezioni da 1843 a 1845 sono stati comunicati a lui solo dopo la conclusione del contratto, quindi entro 14 giorni dalla data in cui è stato informato. Da un’assicurazione sulla vita o da una pensione integrativa, il consumatore ha il diritto di recedere entro trenta giorni dal giorno in cui l’imprenditore è stato informato della conclusione di un contratto a distanza.

(2) Se l’imprenditore ha ingannato il consumatore, il consumatore ha il diritto di recedere dal contratto entro tre mesi dal giorno in cui ha appreso o imparato e potrebbe farlo.

  • 1847

La sezione 1846 non si applica se,

  1. a) il prezzo dei servizi finanziari dipende dalle oscillazioni dei prezzi sui mercati finanziari che il professionista non può influenzare, come i servizi ai valori di valuta estera e agli strumenti di investimento, oppure

(b) si tratta di un contratto di assicurazione di viaggio o di bagaglio o di analoga assicurazione a breve termine con polizza di assicurazione inferiore a un mese.

  • 1848

Se l’accordo sui servizi finanziari relativi a un altro contratto concluso così come la distanza, in relazione ai servizi che Business fornisce, quindi la risoluzione del contratto di servizi finanziari sono state nulle e responsabilità derivante dal relativo contratto. Questo vale anche se la terza parte fornisce i servizi in base a un contratto con l’imprenditore.

  • 1849

Se il consumatore receda dal contratto dopo l’imprenditore di esigere il pagamento immediato del prezzo per il servizio fino ad ora è stato effettivamente fornito; il prezzo non deve essere sproporzionato rispetto alla portata del servizio fornito. Il diritto al pagamento del prezzo, tuttavia, gli imprenditori sorgono quando cominciò a svolgere prima del termine ultimo per il ritiro ai sensi del § 1846 senza che il consumatore ha acconsentito o se l’imprenditore dimostra che i consumatori conoscere il loro diritto di richiedere un prezzo o una porzione ragionevole quando il consumatore recede dal contratto ai sensi Sezione 1843 (1) g).

  • 1850

Se il consumatore si ritira dal contratto, l’imprenditore deve restituire tutti i fondi ricevuti da lui in base al contratto senza indugio, ma entro e non oltre trenta giorni dalla data di ritiro. Il consumatore deve inoltre restituire all’imprenditore tutti i fondi o altri beni da lui ricevuti in base al contratto entro e non oltre trenta giorni dalla data di invio della notifica di recesso.

  • 1851

Adempimento non autorizzato
Se l’imprenditore svolge servizi finanziari ai consumatori, senza un ordine esplicito, non v’è alcun obbligo per il consumatore a pagare una prestazione da lui che non ci sono altri obblighi.

Sezione 3

Uso temporaneo di alloggi e altri servizi ricreativi
§ 1852

(1) Le disposizioni della presente sezione si applicano a un contratto di consumo che il consumatore acquisisce a titolo oneroso

  1. a) il diritto di utilizzare il pernottamento per più di un periodo o di diritto a benefici connessi con alloggi, tra cui qualsiasi servizio di trasporto o di altri servizi, se tale contratto è concluso per un periodo superiore a un anno,

(b) partecipazione a un sistema di scambio collegato al diritto all’adempimento di cui alla lettera a) in cambio di consentire a un’altra persona di utilizzare i suoi diritti simili in virtù del contratto di cui alla lettera a);

(c) il diritto all’assistenza di un operatore in caso di guadagno o trasferimento del diritto di cui alla lettera a).

(2) Le disposizioni della presente sezione si applicano mutatis mutandis al futuro contratto di cui al paragrafo 1.

  • 1853

Se l’applicazione delle disposizioni della presente sezione periodo di impegno del caso, tenendo conto di eventuali accordi che estendono o rinnovare l’impegno contratto e senza l’esplicita manifestazione della volontà delle parti.

  • 1854

Avviso pre-contratto
(1) Nell’ambito dell’offerta o dell’evento di vendita, l’imprenditore deve indicare chiaramente l’oggetto sociale e la natura dell’azione sull’invito. Per tutta la sua durata, il consumatore deve avere accesso ai dati di cui al paragrafo 2.

(2) Prima che un consumatore conclude un contratto o impegnarsi per la sua conclusione, gli armaioli comunicano al consumatore gratuitamente come un testo in forma in anticipo dei dati, unitamente alla prova formare la normativa di attuazione in modo che abbiano un facile accesso per il consumatore. D’affari mette in guardia i consumatori in particolare sul diritto di recesso, la lunghezza del periodo di recesso e il divieto di pagamenti anticipati e altri pagamenti o garanzie durante il periodo di recesso.

(3) L’ imprenditore comunica i dati al consumatore di sua scelta nella lingua ufficiale dello Stato membro dell’Unione europea in cui il consumatore è domiciliato o il consumatore è cittadino.

  • 1855

Forma del contratto
Il contratto richiede una forma scritta; tuttavia, l’imprenditore non ha il diritto di opporsi all’invalidità del contratto da parte del consumatore per mancanza di forma.

Contenuto del contratto
§ 1856

(1) Il contratto deve specificare i nomi delle parti e il loro luogo di residenza, dati comunicati al consumatore prima della conclusione del contratto e la data del contratto e il luogo in cui è stato concluso il contratto.

(2) Il contratto è una forma di recesso; i dati nel modulo sono completati dall’imprenditore. I requisiti del modulo e l’elenco dei dati sono specificati nella normativa di attuazione.

  • 1857

(1) Il contratto deve anche includere le informazioni comunicate al consumatore prima della sua conclusione. Questi dati possono essere modificati se le parti concordano esplicitamente o se la loro incoerenza con i dati specificati nel contratto ha causato una causa imprevedibile e irresistibile indipendente dalla volontà dell’imprenditore.

(2) non informare i consumatori se l’imprenditore prima di stipulare un contratto, questi cambiamenti in forma di testo in modo da permettere un facile accesso e nevyznačí se il contratto si applica esplicitamente come contenuto del contratto più un’indicazione favorevole ai consumatori.

  • 1858

Accordo sul diritto di recesso, il periodo di recesso e le modalità divieto di pagamenti anticipati e altri pagamenti o garanzie in questo periodo, il consumatore deve essere firmata da ciascuna separatamente.

  • 1859

Un imprenditore rilascia almeno una copia del contratto al consumatore immediatamente dopo la conclusione del contratto.

  • 1860

La lingua del contratto
Un imprenditore stipula un contratto con un consumatore di sua scelta nella lingua ufficiale dello Stato membro dell’Unione europea in cui il consumatore è domiciliato o il consumatore è cittadino. Se tale lingua è diversa dalla lingua di uno Stato membro dell’Unione europea nel cui territorio l’oggetto immobile o parte di esso è coperto da un contratto mediante il quale il consumatore acquisisce il diritto di utilizzare la sistemazione ai sensi dell’articolo 1852 (1) a), l’imprenditore deve anche rilasciare al consumatore una traduzione ufficiale del testo del contratto in quella lingua.

Ritiro dal contratto
§ 1861

(1) Il consumatore può recedere dal contratto per iscritto entro 14 giorni dalla conclusione del contratto.

(2) Se ci fosse un consumatore viene offerto un contratto, che egli da pagare stabilire il diritto di utilizzare il pernottamento per più di un periodo, un periodo superiore a un anno e anche il contratto che egli stabilirà la partecipazione a un sistema di scambio ai sensi dell’articolo 1852, par. (b), è previsto un unico termine per il recesso di entrambi i contratti. Per la durata di questo periodo è in vigore un contratto che stabilisce il diritto del consumatore di utilizzare l’alloggio.

  • 1862

(1) A meno che il consumatore dopo la conclusione del contratto ha emesso i suoi fascicoli di copie con il termine ultimo per il ritiro, a seconda della data in cui il consumatore ha ricevuto una copia del contratto.

(2) Se il consumatore non ha ricevuto un modulo di recesso completato, il consumatore può recedere dal contratto entro un anno e 14 giorni. Tuttavia, se il consumatore questo modulo viene rilasciato entro un anno dalla data in cui è stato concluso il contratto o la data in cui il consumatore riceve una copia se ci fosse poi una scadenza per il ritiro dal quattordicesimo giorno del ricevimento del modulo.

(3) Se il contratto non contiene informazioni che devono essere comunicate al consumatore prima della conclusione del contratto, il consumatore può recedere dal contratto entro tre mesi e quattordici giorni. Tuttavia, qualora tali dati comunicati al consumatore entro tre mesi dalla data in cui il contratto è stato concluso o la data in cui il consumatore riceve una copia se ci fosse poi una scadenza per il ritiro dal quattordicesimo giorno dei dati di comunicazione.

  • 1863

Se il consumatore si ritira dal contratto, l’uomo d’affari non può restituire nulla a proprie spese. Se un servizio è già stato fornito, non vi è alcun obbligo per l’imprenditore.

  • 1864

(1) Se il consumatore ha concluso il contratto menzionato nella sezione 1852, par. a) o b), non dopo chiunque sulla base di questo contratto di richiedere un deposito o altri benefici o la loro garanzia fino a quando il consumatore corre il termine ultimo per il ritiro da tali contratti. Se il consumatore accetta un debito ai sensi del presente contratto in questo momento, il debito non è valido.

(2) Se il consumatore ha concluso il contratto di cui al § 1852 par. c) non oltre chiunque sulla base di questo contratto di richiedere un deposito o altri benefici o la loro garanzia fino úplatnému úplatnému diritti di acquisto o di conversione, o fino a quando il dovere dell’imprenditore ai sensi del presente accordo spento per altri motivi legali. Se il consumatore accetta un debito ai sensi del presente contratto in questo momento, il debito non è valido.

  • 1865

Se il consumatore si ritira dal contratto di cui alla sezione 1852 (1) a) soggetti agli effetti del ritiro dal trattato sul contratto, il consumatore ha acquisito la partecipazione a un sistema di scambio di cui al § 1852 comma. 1 punto. b) come pure tra loro da un accordo o un’intesa in base al quale il consumatore ha acquisito il diritto di servizio associato al contratto principale, se questo servizio è quello di fornire l’altro lato del contratto principale o altra persona in regime di quel partito. È vietato combinare gli effetti di questo ritiro con l’obbligo del consumatore di coprire eventuali costi o altre prestazioni.

Disposizioni speciali
§ 1866

(1) ha concluso un consumatore per un periodo più lungo di contratto di un anno, che ha acquisito a titolo oneroso il diritto di benefici connessi con l’alloggio o il trasporto o altri servizi, ignorando l’accordo, che si impegna a pagare i pagamenti ai sensi del presente accordo, compreso il pagamento per l’adesione, ad eccezione dei pagamenti uguali suddivisi in rate annuali dello stesso importo. Ciò non si applica se le parti si impegnano a modificare l’importo delle rate annuali dopo il primo anno in base all’andamento dei prezzi.

(2) Un imprenditore deve invitare il consumatore a pagare per iscritto con almeno 14 giorni di anticipo; altrimenti, il debito è pagabile entro 14 giorni dopo che il consumatore ha richiesto al consumatore di pagare.

  • 1867

Chiuso se il consumatore per un periodo più lungo di contratto di un anno, che ha acquisito a titolo oneroso il diritto di benefici connessi con l’alloggio o il trasporto o altri servizi, ha il diritto entro quattordici giorni dalla data di ricevimento della notifica ai sensi del § 1866 comma. 2, a partire dalle ricevendo una richiesta di pagamento della seconda rata, per risolvere il contratto senza preavviso, senza fornire alcuna motivazione e senza alcuna sanzione. Questa disposizione non pregiudica altri modi di risolvere l’obbligo previsto dalla legge o dal contratto.

Parte 5

Debiti e crediti collettivi
§ 1868

Disposizioni generali
(1) si impegnano a diversi mutuatari della stessa transazione, o intraprendere se il debitore ha più creditori della stessa transazione, il debito gestione congiunta e dei beni comuni secondo i principi della comproprietà.

(2) Se più parti hanno più di una persona, l’altra parte ha il diritto di chiedere la nomina di un rappresentante comune ai fini del servizio. Se non lo fanno, designano tale rappresentante su richiesta del tribunale.

Adempimento indivisibile
§ 1869

La prestazione indivisibile può essere reclamata dal creditore su uno qualsiasi dei numerosi debitori, a meno che dalla natura dell’obbligazione non sia possibile soddisfare il debito solo con l’attività congiunta dei mutuatari.

  • 1870

Se il debitore è tenuto a diversi creditori a divisibile prestazioni, non è tenuto ad adempiere qualsiasi dei creditori, a meno che non gli dà una ragionevole certezza o è d’accordo se per tutti i creditori. Se il collega creditore che ha ricevuto tutta la performance è legato agli altri, a seconda della relazione tra i co-creditori; altrimenti si ritiene che non sia obbligata a fare nulla.

  • 1871

Realizzazione divina
(1) ciascuna delle diverse prestazioni debitori è divisibile dovuta solo la loro parte, e ciascuno dei diversi creditori prestazioni divisibili è l’unico creditore della sua opera, a meno che il trattato, legge o decisione del tribunale disponga diversamente.

(2) Se è stato concordato che uno qualsiasi dei creditori può richiedere l’intera esecuzione, il debitore pagherà l’intero debito alla persona che ha prima richiesto l’adempimento. Se il debitore soddisfa l’intero debito con uno dei co-creditori, gli altri non possono esigere nulla da lui.

Debitori detenuti congiuntamente e in solido
§ 1872

(1) Se diversi debitori sono obbligati ad adempiere congiuntamente e in solido, sono tenuti a pagarne uno per tutti e tutti per uno. Il creditore può esigere la piena esecuzione o parte di esso su tutti i co-debitori, solo su alcuni o su qualsiasi co-mutuatario.

(2) Il regime speciale del creditore e del co-debitore non influisce sugli altri co-debitori.

  • 1873

Anche il margine di manovra del debitore verso uno dei co-mutuatari è ritardato dagli altri co-mutuatari.

  • 1874

Se un numero di imprenditori è impegnato congiuntamente alla transazione, si presume siano responsabili in solido.

  • 1875

Si ritiene che le quote di debito di tutti i co-debitori siano le stesse nella loro relazione reciproca.

  • 1876

(1) Si applica se il creditore contro qualsiasi dei debitori più di corrispondente alla sua quota, comunica l’altro co-debitore e dare loro la possibilità di far valere le loro obiezioni contro la pretesa. Egli ha il diritto di chiedere di incontrare il debito da azioni che derivano a loro, o per lo rendono a questo punto altrimenti sbarazzarsi del debito.

(2) Se il co-debitore ha pagato più della sua quota, viene risarcito dagli altri co-debitori. Se uno dei co-mutuatari non può incontrarsi, la sua quota sarà assegnata proporzionalmente a tutti gli altri.

I creditori sono autorizzati congiuntamente e separatamente
§ 1877

Se il debitore è obbligato a incontrare più creditori che hanno diritto a lui in solido, ciascuno di essi può chiedere il beneficio completo. Il mutuatario deve soddisfare nella misura massima la persona che ha richiesto prima la prestazione.

  • 1878

(1) Anche gli altri cofinanziatori sono in default da uno dei co-creditori.

(2) Se il credito e il debito sono combinati nella persona di uno dei co-creditori, anche i crediti degli altri creditori nei confronti del debitore devono essere confiscati.

Parte 6

Modifiche agli impegni
Sezione 1

Modifica nella persona del creditore o del debitore
Sottosezione 1

Cambia nella persona del prestatore
Assegnazione di crediti
§ 1879

Il creditore può cedere l’intero credito o parte del credito in qualità di cedente senza il consenso del debitore a un’altra persona (cessionario).

  • 1880

(1) Assegnando il credito, l’aggiudicatario acquisisce anche i suoi accessori e diritti con un credito collegato, compresa la sua riassicurazione.

(2) L’ aggiudicatario rilascerà al cessionario la prova necessaria del credito e lo informerà di quanto necessario per l’esecuzione del credito.

  • 1881

(1) Un credito che può essere alienato è assegnato se l’accordo del debitore e il creditore non lo escludono.

(2) Un credito che è terminato con la morte o il cui contenuto cambierebbe con la modifica del creditore al debitore non può essere trasferito.

  • 1882

(1) Fino a quando il debitore non è così informato cedente o dal cessionario meno che il debitore si rivela cessione dei crediti, il debitore può esentare i loro compiti incontrando il cedente o in altro modo offset.

(2) Se il cedente ha presentato lo stesso credito a più persone, l’incarico, che il debitore ha appreso per la prima volta, è efficace nei confronti del debitore.

  • 1883

Cessione dei crediti ha effetti nei confronti di una persona che ha una garanzia di debito pegno, la responsabilità o altro, fino alla sua assegnatario dell’incarico non è così informato o fino a quando la sua cessione cessionario dei crediti provata.

  • 1884

(1) Il debitore deve mantenere le sue obiezioni al reclamo che aveva al momento dell’incarico anche dopo la cessione. I crediti reciproci nei confronti del cessionario possono anche essere contestati dal debitore al cessionario, anche se non erano dovuti al momento dell’assegnazione; tuttavia, devono notificare le loro richieste al cessionario senza indebito ritardo dopo aver appreso del compito.

(2) Se, tuttavia, il debitore riconosce la richiesta come vera al cessionario onesto, è obbligato a soddisfarlo come suo creditore.

  • 1885

(1) se è stato assegnato credito in esame corrisponde al cedente cessionario fino al pagamento ricevuto di interesse per essere attivi in un tempo di assegnazione durata, e che garantisce la recuperabilità. Questo non si applica se il cessionario sapeva che la richiesta era futura, incerta o poco pratica.

(2) Il Supervisore non è responsabile della redditività del credito ceduto, se diventa irrecuperabile dopo l’incarico per caso o per inadempimento del Cedente. La non conformità può essere imputabile al beneficiario della garanzia, in particolare se non recupera il credito senza indebito ritardo dopo che è scaduto o è scaduto il credito.

(3) Altrimenti, i diritti e gli obblighi del Procuratore e dell’Amministratore si applicano mutatis mutandis alle disposizioni delle Sezioni dal 1914 al 1925; Tuttavia, il debitore deve essere sconfitto dal cessionario senza indebito ritardo dopo che è stato in grado di identificarlo.

  • 1886

(1) Su richiesta del cedente, il cessionario può far valere il credito ceduto in suo nome sul conto del cessionario; se la cessione del credito al debitore è già stata notificata o dimostrata, il cedente può far valere il credito se dimostra il consenso del cessionario e se il cedente non fa valere la domanda.

(2) Se il ricorrente applica un credito, il debitore può opporsi alle richieste del debitore nei suoi confronti, ma non i crediti che ha nei confronti del cedente.

  • 1887

Cessione di crediti
È possibile assegnare una serie di affermazioni, se presente o futuro, se tali richieste di file determinati abbastanza, soprattutto se si tratta di un certo tipo di crediti derivanti da creditori in determinati orari o sui crediti diversi per gli stessi motivi legali.

Sottosezione 2

Cambiamento nella persona del debitore
Acquisizione del debito
§ 1888

(1) Chiunque sia d’accordo con il debitore che accetti il ​​proprio debito diventerà un debitore al suo posto se il creditore dà il consenso al debitore originario o al mutuatario.

(2) Se si va al acquirente del trasferimento della proprietà di cose registrate in un elenco pubblico e registrato un pegno o altre cose di sicurezza ingombranti, si ritiene che è andato e la sicurezza debito garantito. Dopo il trasferimento della proprietà del cedente deve invitare il creditore per iscritto che ha avuto luogo cessionario come il nuovo debitore. Se il creditore non negare il consenso, il consenso dato, se fosse di tale conseguenza nell’invito espressamente notificato.

  • 1889

Se il creditore non riesce a rilevare il debito o rifiuta di dargli il suo consenso, il creditore non ha un diritto diretto sul mutuatario; Tuttavia, il debitore ha l’obbligo per il debitore di provvedere affinché il debitore non abbia adempiuto al creditore. Tale obbligo è anche vincolante per il debitore che si impegna a pagare il creditore.

  • 1890

(1) Il contenuto dell’obbligazione non cambia con l’assunzione del debito. Il debitore riceve tutte le obiezioni che il debitore originario avrebbe potuto reclamare. L’assunzione del debito non influisce sui diritti relativi al credito.

(2) Tuttavia, un debito di terzi è garantito solo se il terzo accetta un cambiamento nella persona del debitore.

  • 1891

Disposizione per cui al posto del mutuatario precedente il cui debito viene annullata, immettere un nuovo mutuatario con un rapporto fra debito indipendente obbligo legale o altro per soddisfare l’oggetto non provoca le conseguenze di assunzione di debiti ed esaminare come novazione.

  • 1892

Ammissione al debito
(1) Chi, senza il consenso del debitore di negoziare con il creditore che il debitore adempia il suo debito, diventa il nuovo debitore oltre al debitore originario e con esso legato in solido.

(2) Se il debito del debitore è stato garantito da una terza parte, non può essere neutralizzato dal default del debitore, a meno che non abbia dato il suo consenso.

  • 1893

Acquisizione di proprietà
(1) prende il sopravvento se qualcuno intera proprietà del cedente o di una determinata porzione relativamente diventa in solido con il debitore cedente del debito che i beni presi in prestito connesse e che l’acquirente al momento della conclusione del contratto hanno conosciuto. Tuttavia, l’acquirente non è obbligato a pagare più dell’importo della proprietà che ha acquisito.

(2) riprende se tale struttura è vicino al soggetto incorporato diventa solido con il debitore cedente del debito che la proprietà prestito sono collegati, ma non limitato al valore della proprietà, che quindi acquisito. Ciò non si applica se dimostra di non conoscere un certo debito o di saperlo.

(3) L’ accordo opposto tra l’alienante e l’acquirente è inefficace nei confronti del creditore.

  • 1894

In caso di trasformazione di una persona giuridica, anche in caso di furto di un impianto o di una sua succursale, la sezione 1893 non si applica.

Sottosezione 3

Assegnazione del contratto
§ 1895

(1) Indipendentemente dalla natura del contratto, ciascuna delle parti può trasferire in qualità di cedente i propri diritti e obblighi derivanti dal contratto o parte di esso a terzi, se la parte cedente accetta e non è ancora stata adempiuta.

(2) Se la prestazione di un contratto deve essere ripetuta o ripetuta, il contratto può essere trasferito con effetto su ciò che non è stato ancora adempiuto.

  • 1896

Per l’assegnazione parziale della cessione del contratto o del contratto non può essere accorciato diversi diritti assegna parte delle clausole secondarie nel contratto, ceduti, come, in particolare, le modalità per la condizione, il pegno di backup, penale contrattuale, pagamenti di prelievo e di terminazione, o la clausola compromissoria.

  • 1897

(1) La cessione del contratto è efficace nei confronti della parte ceduta dal suo consenso. Se è stato concordato in anticipo, la cessione del contratto alla parte ceduta è effettiva nel momento in cui il cedente del contratto viene notificato dal cedente o dal cessionario dell’incarico lo dimostra.

(2) Qualora un accordo concluso in forma scritta un accordo che è chiuso al rango di un partito o di un altro accordo che ha lo stesso significato, poi che partito assegna la lista contratto di endorsement. Le regole sulle cambiali, così come chiunque abbia diritto alla contraffazione e in che modo dimostra i propri diritti, sono soggette alle norme sulla cambiale. Secondo loro, sarà anche giudicato chi può chiedere a chi è venuto per questo.

  • 1898

Non appena la cessione del contratto è effettiva per la parte ceduta, il cedente è esonerato dalle sue funzioni nell’ambito della missione.

  • 1899

(1) Come conseguenza del § 1898, la parte ceduta può impedire una dichiarazione del cessionario che si rifiuta di concedere l’esenzione. In tal caso, la parte ceduta può richiedere al cessionario di ottemperare se il cessionario non adempie agli obblighi assunti.

(2) La dichiarazione può essere fatta entro quindici giorni dalla data in cui la parte cedente ha appreso o ha dovuto scoprire che il cedente non l’ha adempiuta. Mentre il differimento di una dichiarazione non libera gli effetti di cui al paragrafo 1, la parte cedente deve tuttavia compensare il danno causato dal ritardo.

  • 1900

Tutte le obiezioni al contratto e al cessionario rimangono trattenute dalla parte ceduta. Altre obiezioni che la parte ha nei confronti del cessionario saranno mantenute se è nel contratto o in accordo con l’assegnazione del contratto.

Sezione 2

Cambiamenti nel contenuto degli impegni
§ 1901

Le parti sono disposte a negoziare un cambiamento dei loro diritti e obblighi.

  • 1902

novazione
Accettando di modificare il contenuto dell’obbligo, l’obbligo presente viene annullato e sostituito con un nuovo impegno. Tuttavia, se l’impegno esistente può stare oltre al nuovo impegno, si considera che non sia stato annullato.

insediamento
§ 1903

(1) L’obbligo esistente può essere sostituito con un nuovo impegno e in modo che l’accordo le parti modifica i diritti e gli obblighi tra loro ancora discutibile o dubbia. Laddove la liquidazione di un diritto reale si riferisca a una questione iscritta nell’elenco pubblico, gli effetti dell’insediamento avranno effetto sull’elenco.

(2) La narrazione non può essere contraddetta solo perché ha creato uno squilibrio tra il reciproco adempimento delle parti.

  • 1904

La validità dell’accordo non viene erroneamente influenzata da ciò che è stato contestato o discutibile tra le parti, a meno che un reato non abbia causato un illecito. L’accordo negoziato in buona fede non è valido anche se è determinato, sulla base dei fatti, che una parte non aveva un credito.

  • 1905

La narrativa alla quale tutti i diritti devono essere regolati tra le parti non può applicarsi a tali diritti che sono stati esclusi o ai diritti di cui le parti potrebbero non essere a conoscenza.

Disposizioni comuni
§ 1906

Gli accordi di negoziazione o di regolamento richiedono una forma scritta se l’obbligo originario è stato stabilito anche per iscritto o se la legge è già prescritta.

  • 1907

Garantire i diritti soggetti a novazione o regolamento si applicano anche ai diritti che ne derivano. A condizione, tuttavia, se la terza persona per garantire che la novazione o di regolamento non ha, si è impegnata al massimo grado dell’impegno originale e ancora avevano mantenuto tutte le obiezioni che potrebbero essere applicate contro la pretesa se la novazione o un insediamento non c’era.

Parte 7

Estinzione degli obblighi
Sezione 1

adempimento
Disposizioni generali
§ 1908

(1) Il debito è estinto dal debito.

(2) Il debitore deve soddisfare il debito a sue spese e pericoli in modo tempestivo.

  • 1909

Ha usato se il mutuatario è in conformità con il contratto come un mezzo per pagare il conto, il disegno di legge non influenza l’esposizione di un debito monetario, ma il creditore può richiedere al mutuatario al compimento del debito, ma non riuscì a raggiungere il compimento del disegno di legge; tuttavia, se il creditore si è riunito, si ritiene che il debito sia stato adempiuto con l’emissione di una cambiale. Questo è vero anche se è stata aperta una lettera di credito, un assegno o altri casi simili.

  • 1910

Contro la sua volontà, il creditore non può essere costretto ad accettare nient’altro che la sua richiesta, e il mutuatario non può essere costretto a fornire qualcosa di diverso da quello che è dovuto. Lo stesso vale per il luogo, il tempo e le modalità di adempimento.

  • 1911

Se le parti si devono riempire reciprocamente nello stesso momento, solo la parte che ha già adempiuto al debito o che è disposto e in grado di soddisfare il debito simultaneamente con l’altra parte può richiedere l’adempimento.

  • 1912

(1) Chiunque si esibisce nell’esecuzione l’uno dell’altro può in primo luogo rifiutare il proprio adempimento fino al momento in cui viene fornito o assicurato; ma solo se l’adempimento dell’altra parte è minacciato dalle circostanze che si sono verificate che non erano e non dovevano essere conosciute al momento della conclusione del contratto.

(2) Nel caso di cui al paragrafo 1, può essere concesso un ulteriore periodo ragionevole per soddisfare o garantire l’esecuzione e dopo la scadenza della scadenza del contratto.

  • 1913

Una parte non può rifiutarsi di eseguire o recedere dal contratto perché il debito dell’altra parte creato per un’altra ragione legale non è stato debitamente e tempestivo.

Prestazione corretta
§ 1914

(1) che esegue un altro a titolo oneroso, è tenuto a svolgere privi di difetti con proprietà vymíněnými o al solito in modo che possa essere oggetto di prestazioni ai sensi del contratto, e se le parti sconosciute, a seconda dello scopo del contratto.

(2) Se il difetto è soddisfatto, il beneficiario ha il diritto a prestazioni difettose.

  • 1915

Il mutuatario è obbligato a esibirsi in media qualità se non viene concordata alcuna altra qualità tra le parti.

  • 1916

(1) Il mutuatario si riempie, in particolare

(a) se l’oggetto della transazione, che non ha le caratteristiche specificate o negoziate,

  1. b) non aver notificato i difetti dell’oggetto della prestazione, anche se di solito non si verificano in tale oggetto,

(c) se il creditore non è d’accordo con il fatto che l’oggetto della prestazione non ha difetti o che la cosa è adatta per un uso particolare, o

  1. d) se il materiale estraneo è danneggiato come proprio.

(2) L’espressione della volontà con la quale il precursore limiterà in anticipo l’estensione legale dei suoi obblighi dalla prestazione difettosa in anticipo sarà ignorata. Se il cessionario rinuncia in anticipo al suo diritto a una prestazione difettosa, l’espressione della sua volontà richiede una forma scritta.

  • 1917

Se il difetto è evidente ed evidente al momento della conclusione del contratto o se il difetto può essere accertato dall’elenco pubblico, è l’onere dell’acquirente. Ciò non vale se il difetto alienante astutamente sfocata o se l’acquirente espressamente assicurato che questa cosa ha un difetto o non è senza difetti.

  • 1918

Se la cosa viene lasciata in piedi e bugie (riassunte), i suoi difetti vanno al peso del cessionario. Questo non è il caso se la proprietà non è una proprietà che l’alienazione ha dichiarato di avere, o l’acquirente ha già specificato.

  • 1919

(1) prende il sopravvento, se la garanzia di qualità alienante assicura che il tema della performance sarà per qualche tempo dopo aver soddisfatto ammissibili per gli utilizzi ujednanému e che mantiene le proprietà denominate; se non concordata, la garanzia si basa sul solito scopo e caratteristiche.

(2) Se le disposizioni di garanzia nel contratto, il cedente deve prendere la sua dichiarazione nella scheda di garanzia o che indica il periodo di garanzia o cose shelf life o durabilità sulla confezione. Se la garanzia contratto negoziato è diverso dal periodo di garanzia indicato sulla confezione, pagare ciò che è stato concordato. Indicare se il periodo di garanzia di garanzia più lungo del tempo concordato o segnata sulla confezione, applicare il periodo di garanzia esteso.

  • 1920

(1) Oggetto di un difetto legale, se si afferma un reclamo da parte di terzi, a meno che il cessionario di tali restrizioni hanno conosciuto. In tal caso, il cessionario notifica al cedente senza indebito ritardo.

(2) Chi si trasferito titolo al soggetto, egli sa che il cedente non appartiene o che il cedente non ha diritto di stabilire un tale diritto, non proprio da questo difetto.

  • 1921

(1) Il concessionario può essere il diritto di adempimento inesatto depositato presso la Corte ha criticato il cedente se il difetto senza indebito ritardo dopo la cosa ha avuto l’opportunità di ispezionare e rilevare il difetto, per nome o preavviso difetto come si manifesta. Il difetto può essere diffamato entro sei mesi dal rilevamento dell’oggetto.

(2) Vadu coperto dalla garanzia, l’acquirente deve criticare il cedente comunica senza indebiti ritardi dopo aver avuto la possibilità di ispezionare il tema della performance e fault scoprire le ultime nel periodo pretesa determinato dalla lunghezza del periodo di garanzia. Ciò non pregiudica il paragrafo 1.

(3) Se l’acquirente non riesce a pagare il difetto in modo tempestivo e se lo straniero si espone in ritardo, il tribunale non impone il diritto sull’acquirente. Ciò non si applica se il difetto è una conseguenza del fatto che il cedente sapeva o avrebbe dovuto sapere durante il trasferimento.

  • 1922

(1) Una volta che il cessionario scopre il difetto, esso comunica tempestivamente il cedente e il cedente trasmette oggetto di prestazioni, oppure può mantenere le sue istruzioni o altrimenti opportunamente smaltiti in modo che il difetto può essere riesaminata. Nel caso di un soggetto deperibile, l’acquirente può venderlo senza indugio all’abusante.

(2) Moses detto se il difetto acquirente cedente giustamente, periodo corsa per esercitare i diritti di funzionamento errato o garanzia per il periodo durante il quale l’acquirente può utilizzare l’oggetto difettoso.

  • 1923

Se il difetto può essere eliminato, l’acquirente può richiedere la riparazione o il rifornimento di quello che manca o degli sconti ragionevoli sul prezzo. Se il difetto non può essere rimosso e l’articolo non può essere utilizzato correttamente, l’acquirente può recedere dal contratto o richiedere sconti ragionevoli.

  • 1924

Chiunque abbia il diritto in base al § 1923, ha anche diritto al rimborso delle spese sostenute in modo esponenziale nell’esercizio di questo diritto. Non si applica se il diritto al rimborso entro un mese dalla scadenza del termine, che deve essere irreprensibile difetto, il giudice non concede il diritto, se il cedente sostengono che il diritto al risarcimento non è stata applicata nel tempo.

  • 1925

Il diritto a prestazioni difettose non esclude il diritto al risarcimento; tuttavia, ciò che può essere ottenuto esercitando il diritto a prestazioni difettose non può essere richiesto per nessun altro motivo legale.

Modo di riempire
§ 1926

(1) Se il debito può essere soddisfatto in diversi modi, si considera che la scelta del metodo di pagamento appartiene al debitore. Se il creditore ha il diritto di scegliere, il metodo di pagamento deve essere scelto all’orario concordato, altrimenti senza indebito ritardo, in modo che il mutuatario possa adempiere alla sua scelta.

(2) Se la parte non riesce a fare un’elezione in tempo, ha il diritto di scegliere la modalità di adempimento dell’altra parte.

(3) Chi sceglie la via dell’adempimento non può cambiarlo senza il consenso dell’altra parte.

  • 1927

(1) Se il debitore deve eseguire uno dei numerosi vantaggi opzionali, non è autorizzato a eseguire parte di una parte di un’altra prestazione, né può essere costretto a farlo.

(2) Se una delle transazioni più facoltative diventa impossibile, l’obbligo di eseguire il rimanente è limitato. Tuttavia, se l’impossibilità di farlo è causata dalla persona che non aveva il diritto di scegliere, l’altra parte può recedere dal contratto.

  • 1928

Chiunque abbia diritto di voto può recedere dal contratto se l’elezione è stata frustrata da forza maggiore o dall’altra parte.

  • 1929

Se il debitore deve eseguire una questione determinata per tipo, è obbligato a fornire al creditore una cosa idonea allo scopo per il quale una cosa dello stesso tipo viene generalmente utilizzata in base a contratti simili.

  • 1930

(1) Il debito è pieno.

(2) Quando offrendo parziale esecuzione del debitore, il creditore deve accettare, a meno che non sia in contrasto con la natura dell’impegno o lo scopo del contratto se lo scopo doveva essere di almeno debitrice evidente. I creditori non sono soggetti ad altri obblighi. Il mutuatario risarcirà il creditore per i maggiori costi causati dal pagamento parziale.

  • 1931

Se la rata è stata concordata a rate e il debitore non ha effettuato un pagamento, il creditore ha il diritto di regolare l’intera richiesta se le parti lo hanno concordato. Questo diritto può essere esercitato dal creditore entro e non oltre la data di scadenza della prossima rata.

  • 1932

(1) Se il mutuatario per soddisfare la capitale, interessi ei costi associati alla domanda rivendica accreditate al compimento di inizialmente al costo è stato determinato, quindi predefinito interesse, allora interessi e infine al capitale, a meno che il debitore si riflette nella prestazione di un’altra volontà di.

(2) Se il debitore determina che soddisfa per la prima volta il capitale, interessi e costi producono interessi.

  • 1933

(1) Se il debitore deve diversi impegni per incontrare lo stesso tipo e non specifica se le prestazioni per soddisfare il debito, accreditato con il primo rispettare l’impegno del mutuatario soddisfare il creditore ha upomenul, o almeno assicurato un impegno. A parità di ritenzione di più passività, la performance sarà accreditata in primo luogo a una passività dovuta prima.

(2) Il risarcimento per il risarcimento dei danni sarà conteggiato solo dopo l’adempimento dell’obbligo, violando la responsabilità per danni, se il debitore non ha specificato altro.

  • 1934

Se un debitore che non ha il pieno diritto non paga il debito dovuto, sarà esonerato dall’obbligo. Tuttavia, se il debito non è sicuro o inaffidabile, può essere richiesto il rimborso del debito; questo non si applica se il debito è diventato dovuto nel frattempo.

  • 1935

Se il mutuatario esegue un’altra persona, risponde come se lo facesse lui stesso.

  • 1936

(1) Il creditore deve accettare la prestazione che il terzo gli offre con il consenso del debitore. Questo non si applica se le prestazioni sono legate alle caratteristiche personali del mutuatario.

(2) che si esibiscono altro debito senza garanzie per il debito e il debito o comunque non garantito, il creditore può esigere l’adempimento prima o al momento in cui ha ceduto la sua pretesa.

  • 1937

(1) Il consenso del debitore non è necessario se una terza parte soddisfa il debito del creditore perché è responsabile per il debito o fornisce altrimenti il ​​debito.

(2) Con l’adempimento del debito, la persona entra nei diritti del creditore e ha il diritto per il debitore di compensare ciò che ha fatto per lui. Il credito del creditore viene trasferito ad esso, compresi accessori, garanzie e altri crediti connessi al credito. Il creditore deve rilasciare al debitore la prova documentale necessaria del credito e deve comunicargli gli elementi necessari per richiedere il credito.

  • 1938

(1) Quando il terzo per il debitore solo una parte del debito, può richiedere una compensazione di ciò che il debitore soddisfatta. creditore originale ha il diritto di esigere insediamento del saldo del proprio credito nella preferenza per il nuovo creditore, a meno che un nuovo prestatore di garantire che sarà sostituito da quello che ha emesso un debitore.

(2) Se più di una persona è responsabile del debitore, lui / lei ha il diritto ad un pagamento proporzionale in base alla quota in cui ha eseguito il debitore.

mandato
§ 1939

(1) Il buono dà diritto poukazníka scegliere ha pagato con il proprio nome e poukázanému riempire il vaglia impone che poukazníkovi adempiuto a causa poukazatele. Poukazníkovi un diritto diretto contro poukázanému prendere solo se rimessi voucher.

(2) Il voucher può anche essere emesso in righe o portatori.

  • 1940

Se non vi è altra ragione legale tra l’offerente e l’altro motivo giuridico, si applicheranno i diritti e gli obblighi delle due disposizioni del contratto; tuttavia, il buono non verrà consumato dalla morte del vendicatore o dalla discesa.

  • 1941

Il buono informa l’offerente senza inutili ritardi se non desidera utilizzare il buono o rifiuta di accettare o obbligare il buono a essere ammesso.

  • 1942

Fino a quando il destinatario non ha ancora accettato il voucher contro l’informatore, può ritirare il buono. Il rapporto giuridico tra l’offerente e il garante dipende dal fatto che il ritiro del buono abbia effetto anche sul garante.

  • 1943

Egli ha sottolineato che il voucher ricevuto può imporre poukazníkovi applicare solo addebiti relativi alla validità di adozione, invalidità o suoi difetti bollette o le obiezioni che si basano sulle disposizioni espresse delle bollette o viene rimesso a sollevare se stesso contro poukazníkovi.

  • 1944

(1) ti deve già rimessi poukazateli quello che è chiamato a svolgere, è obbligata a lui buono e soddisfare il suo debito si estingue solo da poukazníkovi si incontrano. Se il voucher per essere soddisfatta dal debito poukazatele poukazníka che acconsentire ad esso, ha pagato poukazník obbligata a invitare ad adempiere.

(2) Il debitore è tenuto a eseguire solo contro l’emissione del buono riconosciuto.

  • 1945

Quando concepito nel rapporto tra poukazatelem e termine di prescrizione poukazníkem per quanto riguarda l’obbligo la cui esecuzione è oggetto di voucher, prima del momento in cui c’era poukazníkovi avviso di bollette accettazione, che va dal momento del termine di prescrizione nel rapporto tra poukázaným e poukazníkem.

  • 1946

Buono di serie
(1) Se il buono è nelle file, può essere convertito da una controparte.

(2) Tutti i diritti sul voucher devono essere consegnati alla persona autorizzata sulla controparte.

(3) Le indicazioni di alcuno, così come che ha diritto a e di firma del loro diritto di manifestare, applicare la legislazione sulle bollette. Secondo loro, considereranno anche chi può richiedere un voucher a chi è venuto a vederlo.

  • 1947

Voucher per l’ape
Se un buono è emesso a un portatore, paga un debito addebitato a chiunque lo sottoponga.

  • 1948

Disposizione del buono per ordinare e buono portatore si applica mutatis mutandis al caso del trasferimento di crediti confermato il motore, il debitore deve ordinare o portatore.

ricevute
§ 1949

(1) l’adozione di una performance creditore, il debitore deve, a sua richiesta di conferma del rispetto del debito (ricevute). Le ricevute indicano il nome del debitore e il creditore, il servizio e il luogo e l’ora in cui e quando il debito è stato pagato. Se il beneficio è erogato al capitale, si presume che anche i crediti siano estinti.

(2) Il debitore può rifiutare la prestazione se il creditore non riesce a eseguire lo stesso allo stesso tempo.

  • 1950

Nel caso di transazioni ripetute per lo stesso motivo giuridico, si ritiene che la persona che ha inoltrato le regine per il servizio pagabile successivamente abbia adempiuto a quanto pagato in precedenza.

  • 1951

Debitore soddisfa il debito, anche se soddisfano l’chiunque esso dalla conferma del creditore che ha diritto di riempimento accettare o problema se i suoi introiti, che il creditore ha emesso, a meno che il debitore sapeva che la persona che ha presentato il certificato, non ha diritto al compimento accettare.

  • 1952

Abbonamento al debito
(1) Un creditore che abbia una dichiarazione di debito o altro debito da parte del debitore è tenuto a indicare al debitore che è stato parzialmente rimborsato o nella nota di addebito. Se ciò non è possibile, il debitore può richiedere al creditore di fornirgli una conferma che la cancellazione del debito è scaduta nella misura in cui il debito è stato raggiunto. Pertanto, le disposizioni sulla trapunta non sono interessate.

(2) Se il debitore riceve un debito senza ricevuta, si considera che il debito sia stato adempiuto.

  • 1953

si incontrano di ricambio
(1) Dove nessun debito per soddisfare perché un creditore è sconosciuto o assente, il creditore rifiuta irragionevolmente riempiendo accettare che il debitore, senza sua colpa di dubbio che è il creditore, o per altri motivi importanti per il creditore, il debitore ha diritto a passare subordinata al rispetto di custodia giudiziaria. Ragionevolmente sostenuto costi associati incontrare la sostituzione sono a carico del creditore.

(2) La composizione dell’oggetto della prestazione in custodia deve informare il giudice della persona per la quale la composizione ha avuto luogo e predisporre la sua rappresentazione secondo necessità.

Luogo di esecuzione
§ 1954

La conformità è richiesta per soddisfare il debito in un luogo specificato. Se il luogo di esecuzione non può essere accertato dal contratto, dalla natura dell’obbligazione o dallo scopo della prestazione, deve essere eseguito nel luogo specificato dalla legge.

  • 1955

(1) Il debito non monetario deve essere pagato dal debitore nel suo luogo di residenza o di residenza. Il debito del debitore è pagato nel luogo di residenza o nel seggio del creditore.

(2) Quando è sorto un impegno per l’operazione dell’impianto, il debito viene pagato nel luogo della gara. Questo è anche il caso in cui viene creato l’obbligo di gestire un impianto.

  • 1956

Da compilare dal creditore e cambiato se il creditore dopo la conclusione del contratto il domicilio o luogo della struttura o istituzione creditore sostiene i costi aggiuntivi e un aumento del rischio che il debitore sostenute.

  • 1957

(1) Se il debitore è un debito fine attraverso un fornitore di servizi di pagamento, il debito è stato accreditato somme di denaro sul conto del prestatore di servizi di pagamento del creditore.

(2) Se il debitore soddisfa il debito monetario per vaglia postale, il debito è adempiuto

(a) accreditare l’importo in denaro sul conto del prestatore di servizi di pagamento del creditore quando il debito è versato sul conto;

  1. b) pagamento in contanti dell’importo in contanti al creditore.

Tempo di prestazione
§ 1958

(1) Se il tempo di esecuzione è esattamente concordato o diversamente stipulato, il debitore è obbligato a esibirsi senza l’invito del creditore.

(2) Neujednají Se le parti, il debitore deve soddisfare il debito, il creditore può richiedere prestazioni immediatamente e il mutuatario è quindi obbligata ad adempiere senza indugio.

  • 1959

Se non vi è altra differenza tra le pratiche o le pratiche precedenti delle parti, si ritiene che le parti abbiano concordato il momento dell’esecuzione

  1. a) “inizio del periodo” dei primi 10 giorni di tale periodo,

(b) “metà del mese”: il periodo dal 10 al 20 del mese,

(c) “metà del trimestre” indica il secondo mese del trimestre,

(d) “fine del periodo” degli ultimi dieci giorni del periodo,

  1. e) “immediatamente” per cinque giorni, ma quando la fornitura di alimenti o materie prime per due giorni e quando la fornitura di prodotti di ingegneria per un massimo di dieci giorni.
  • 1960

Se il debitore ha diritto in base al contratto per determinare il tempo di riempimento, e se non specifica un tempo ragionevole, si determina la corte proposta creditore a seconda delle circostanze del caso.

  • 1961

Se le parti non considerano se il termine di pagamento è favorevole o all’uno o all’altro di essi, è destinato a essere a beneficio di entrambe le parti. Questo non si applica se la natura della transazione è esclusa.

  • 1962

(1) Se il momento dell’esecuzione è favorevole a entrambe le parti, il creditore non può pretendere prestazioni anticipate, né il debitore rimborsare anticipatamente il debito.

(2) Se il momento dell’esecuzione è a favore del debitore, il creditore non può reclamare la prestazione prematuramente, ma il debitore può soddisfare il debito prematuramente.

(3) Se il tempo per la prestazione è impostato a favore del creditore, il creditore può richiedere il pagamento anticipato, ma il debitore non può estinguere il debito in anticipo.

  • 1963

(1) Se il contenuto del reciproco impegno degli imprenditori obbligo di consegnare beni o servizi in cambio di un pagamento, il prezzo è da pagare, senza la necessità chiede il pagamento entro trenta giorni dalla data in cui il debitore ha ricevuto una fattura o altra sfida di natura analoga o la data di ricezione beni o servizi, a seconda di quale di quei giorni si sono verificati in seguito. Se non è stato concordato al momento della ricezione di beni o servizi, o controllare se è stato correttamente adempiuto, il prezzo è dovuto entro trenta giorni dal ricevimento o di verifica. Questo impegno vale per le imprese e le società pubblica o giuridica fondata da corporazioni, e non sono imprenditori.

(2) Le parti possono negoziare un lungo periodo di rimborso di sessanta giorni solo se ciò non sia gravemente iniquo per il creditore. Tuttavia, se il contenuto dell’obbligo imprenditori obbligo di consegnare beni o servizi ente di diritto pubblico, le parti possono negoziare un periodo di pagamento più lungo solo se è giustificata dalla natura dell’impegno, e la maturità non può superare i sessanta giorni.

  • 1964

(1) L’interessato ha il diritto di ricorrere alla inefficacia delle modalità di tempi di deroga alle disposizioni di cui al § 1963 o accordi che deviano dalla quantità legale di interessi di mora, se tale accordo al creditore gravemente inique.

(2) consente l’inefficacia delle condizioni di cui al paragrafo 1 è un soggetto giuridico stabilito per proteggere gli interessi delle piccole e medie dimensioni, le imprese, se queste disposizioni contenute nei termini e condizioni.

(3) Se il tribunale dichiara l’ingiunzione inefficace, si applicano invece le disposizioni di legge, a meno che il tribunale non decida diversamente nell’interesse di una soluzione equa.

  • 1965

Se l’acquisizione del bene o del servizio è concordata tra l’imprenditore, o la verifica del suo completamento, il periodo di tale accettazione o verifica non deve superare i 30 giorni. Il periodo di acquisizione o di verifica può superare i trenta giorni solo se è gravemente iniquo per il creditore.

  • 1966

Le disposizioni del § 1963 non pregiudicano il diritto delle parti contraenti di organizzare la prestazione sotto forma di rate.

  • 1967

Dove i debiti del mutuatario prima del tempo previsto, non è autorizzato senza il consenso del prestatore di detrarre l’importo dovuto interessi corrispondente al periodo per cui è compilato in precedenza.

Ritardo del debitore
§ 1968

Il debitore che non riesce a pagare il debito in modo corretto e in tempo è in arretrato. Il debitore non è responsabile per il ritardo se lui / lei non può rispettare l’inadempienza del creditore.

  • 1969

Dopo il debitore inadempiente, il creditore può far valere il debito, oppure può recedere dal contratto alle condizioni stipulate nel contratto o stipulato dalla legge.

  • 1970

Dopo un debitore che è in ritardo con il rimborso del debito finanziario, il creditore ha regolarmente adempiuto agli obblighi contrattuali e di legge richiedono il pagamento di interessi di mora, a meno che il debitore non sia responsabile del ritardo. L’ammontare degli interessi di mora è determinato dal governo da un regolamento; se le parti non pagano gli interessi per il pagamento tardivo, l’importo concordato così determinato sarà considerato come stabilito.

  • 1971

Il creditore ha diritto al risarcimento del danno causato dal mancato pagamento del debito monetario solo se non è coperto da interessi di mora.

  • 1972

(1) Il creditore ha il diritto di appellarsi alla inefficacia delle modalità di interessi di mora, che si discosta dalla legge, in modo che con riguardo a tutte le circostanze del caso e le condizioni aggrava la sua posizione senza deviazione per una giusta causa. Se la corte dichiara un accordo inefficace, si applicano invece le disposizioni di legge, a meno che il tribunale non decida diversamente nell’interesse di una soluzione equa.

(2) Il diritto di invocare l’inefficacia delle condizioni commerciali nella misura contraria al paragrafo 1 deve anche avere una persona giuridica basata sulla tutela degli interessi delle piccole e medie imprese.

  • 1973

Se si raggiunge un accordo sul fatto che il debito già dovuto sarà pagato a rate, e se il creditore vuole che il debitore inadempiente paghi anche gli interessi di mora, questo deve essere espressamente concordato.

  • 1974

Il debitore sopporta durante il loro ritardo pericolo di danni alle cose, se il danno provocato da qualsiasi causa, a meno che non dimostri che si è verificato il danno e il corretto svolgimento delle sue funzioni o che i danni causati dal creditore o proprietario le cose. Questo è vero anche se il debitore si occupa della questione in contraddizione con i suoi altri obblighi nell’obbligo.

Ritardo del creditore
§ 1975

Il creditore è inadempiente se non ha accettato la transazione opportunamente offerta o se non ha fornito al debitore l’assistenza necessaria per soddisfare il debito.

  • 1976

Se l’argomento è l’oggetto della questione, il creditore si assume il rischio di danneggiare il caso, indipendentemente dal fatto che il danno derivi da qualsiasi causa. Questo non è il caso se il debitore causa danni.

Disposizioni comuni
§ 1977

Se una parte viola l’obbligo contrattuale in modo sostanziale, l’altra parte può recedere dal contratto se notifica la parte inadempiente senza indebito ritardo dopo aver appreso del ritardo.

  • 1978

(1) Sulla base di ritardo, se una delle parti minori violazione dei suoi obblighi contrattuali, l’altra parte può recedere dal contratto dopo inadempiente parte non adempia all’obbligo di un ulteriore periodo di tempo ragionevole, che le ha dato l’altra parte espressamente o tacitamente.

(2) notifica al creditore se il mutuatario che determina ulteriore tempo per la conformità e che era già di estendere il loro dominio, con la scadenza di detto termine, di recedere dal contratto.

  • 1979

Purché il debitore se il creditore irragionevolmente breve tempo aggiuntivo per incontrare e si ritira dal contratto dopo la scadenza, rinuncia diventa efficace solo dopo l’intervallo di tempo in cui il debitore dovrebbe essere fornito come appropriato. Questo è vero anche se il creditore ha ritirato dal contratto senza il debitore tempo supplementare per le prestazioni ha fornito.

  • 1980

Obbligo fisso
(1) se era nel contratto negoziato esatto prestazioni in tempo e risultati dal contratto o la natura dell’obbligazione, il creditore non può avere l’adempimento ritardato di interesse scade l’impegno a ritardi presto debitore a meno che il creditore al debitore, senza indebito ritardo, notificare che al termine del contratto ci vuole

(2) La scadenza dell’obbligo ha lo stesso effetto che avrebbe se il creditore recedesse dal contratto.

Sezione 2

Altri modi per risolvere gli impegni
§ 1981

accordo
Spetta alle parti concordare la risoluzione dell’obbligo senza un nuovo impegno.

reticolato
§ 1982

(1) devono la se le parti soddisfare reciprocamente della stessa specie, ognuna di loro dicono verso l’altro lato che la sua affermazione ha incluso un credito nei confronti della controparte. Il pagamento può essere effettuato quando una parte ha il diritto di reclamare la soddisfazione del proprio credito e di pagare il proprio debito.

(2) Con compensazione, entrambi i crediti sono annullati nella misura in cui si coprono a vicenda; se non sono interamente coperti, il credito deve essere riconosciuto nello stesso modo di quando è soddisfatto. Questi effetti si verificano quando le due richieste diventano idonee.

  • 1983

La dichiarazione di compensazione effettuata a condizione o con prova del tempo deve essere ignorata.

  • 1984

(1) dovuta se il debitore in solido con gli altri creditori può compensare un credito nei confronti suo co-debitore, solo nella misura di co-debitore su un debito comune.

(2) Il debitore legittimi creditori in solido contro uno dei creditori comuni di compensare ciò che deve creditori comuni, fino al limite della propria quota in una domanda comune.

  • 1985

La persona che gestisce l’account per l’altra parte può compensare i fondi depositati su di lui per il pagamento di un credito reciproco derivante da un contratto di conto.

  • 1986

Se il credito è stato gradualmente trasferito a più persone, il debitore può utilizzare solo il credito che aveva al momento del trasferimento al primo creditore e il credito vantato nei confronti dell’ultimo creditore.

  • 1987

(1) I diritti sono ammissibili e possono essere richiesti dinanzi al tribunale.

(2) Una richiesta di retribuzione incerta o indefinita non è ammissibile.

  • 1988

(1) È vietato procedere contro un reclamo di mantenimento per un minore che non abbia pieno diritto.

(2) Il regolamento contro la richiesta di risarcimento per danni alla salute è proibito, a meno che non si tratti di una richiesta di risarcimento per lo stesso tipo.

  • 1989

(1) La limitazione del credito di compensazione non impedisce il verificarsi dopo il periodo in cui i crediti sono diventati idonei per la compensazione.

(2) Se il creditore ha trasferito il tempo di pagamento a titolo gratuito al credito del debitore, egli può comunque compensare il proprio credito dopo la scadenza del momento in cui il debitore doveva pagarlo in origine.

  • 1990

Se alcun debito essere soddisfatta in una posizione diversa, non impedisce il conteggio, ma la parte contro la quale è stato così accreditato ha diritto al risarcimento dei danni causati al suo compilando un luogo designato non ottiene, o in un luogo designato che non può soddisfare.

  • 1991

Il divieto di compensare un credito con una dichiarazione di una delle parti non impedisce alle parti di organizzare il pagamento; tuttavia, l’accordo per la compensazione con una richiesta di mantenimento per un minore che non ha il pieno diritto, tuttavia, viene ignorato.

  • 1992

separazione
Se le parti concordano che uno di loro può annullare l’impegno pagando il pagamento di fine rapporto, l’impegno sarà annullato dal pagamento del TFR, come nel caso di risoluzione del contratto. Il diritto di annullare l’impegno pagando il TFR, tuttavia, non ha una parte che ha già, anche se solo in parte, adempiuto alla prestazione dell’altra parte o che ha essa stessa adempiuto l’altra parte.

fusione
§ 1993

(1) Se un diritto viene creato in qualsiasi modo con una persona, il diritto e l’obbligo cessano a meno che la legge non disponga diversamente.

(2) Se il diritto del creditore diventa obbligatorio con l’obbligo della persona che assicura l’obbligazione, il debito principale non sarà dedotto.

  • 1994

La fusione tra i diritti del creditore e le obbligazioni di uno dei debitori configura congiuntamente e in solido il debito fino all’importo corrispondente alla quota dell’azionista. Con la fusione dell’obbligazione del debitore e dei diritti di uno dei creditori aventi diritto in solido, il credito è esonerato fino all’importo corrispondente all’interesse dell’azionista.

Debito di rinuncia
§ 1995

(1) Grazia Se un creditore al debito del debitore, si ritiene che il mutuatario si impegna a cancellazione del debito, se si manifesta immediatamente disaccordo in modo esplicito o il completamento di debito.

(2) La cancellazione del debito si verifica anche se il creditore emette un debitore nei confronti del mutuatario o restituisce il debito senza rimborso del debito; se il creditore dà una tangente o se il debito è rimborsato a uno dei co-debitori, si ritiene che il creditore abbia dovuto il debito a tutti i co-debitori.

  • 1996

(1) La concessione della grazia se un debito creditore di uno dei debitori debitori in solido, un effetto di rinuncia del debito nei confronti di altri debitori della quota gamma co-debitore che è stato liberato dall’obbligo.

(2) Se il debitore non riesce a saldare il debito a uno dei creditori aventi diritto in solido, deve liberare il debitore dal debito nella misura dell’interesse dell’azionista.

  • 1997

Se il creditore non riesce a dare debito al debitore, non ha debiti nei confronti del debito principale. Tuttavia, se il creditore perdona l’obbligo di uno dei co-finanziatori, i restanti co-proprietari rimangono oggetto delle obiezioni che potrebbero essere reclamate dal co-creditore il cui dovere è stato cancellato.

testimonianza
§ 1998

(1) Un impegno può essere denunciato se le parti sono d’accordo o se la legge lo prevede.

(2) Se l’obbligazione è negata, scade alla scadenza del periodo di preavviso. Tuttavia, se l’impegno può essere denunciato senza preavviso, l’impegno per l’efficacia del preavviso di cessazione cessa.

  • 1999

(1) obbliga Se il contratto è concordato per un periodo indefinito di almeno un lato di un azioni permanenti o ripetute o commesso, se almeno una delle parti di tollerare tale attività in grado di annullare l’impegno alla fine di un trimestre, con un preavviso di almeno tre mesi di anticipo.

(2) Impegnati Se una parte di astenersi da certe attività e se la natura dell’obbligo chiaro che l’obbligo non è limitata nel tempo, non si applicano le disposizioni del paragrafo 1.

  • 2000

(1) Se il contratto è stato concluso senza una ragione seria per un tempo determinato e che l’uomo impegnato al momento della sua vita, o che obbliga chiunque per più di un decennio, può essere dopo la scadenza di dieci anni dalla istituzione dell’obbligo di chiedere l’abolizione. La corte ha annullato l’impegno, anche se le circostanze su cui lato sembra essere basata su l’impresa è cambiato al punto che obbliga partito non può ragionevolmente essere previsto a contrarsi ulteriormente legato.

(2) Se la parte rinuncia in anticipo al diritto di reclamare la cancellazione dell’impegno, deve essere ignorata. Questo non si applica se la persona giuridica è parte del contratto.

Ritiro dal contratto
§ 2001

Il contratto può essere ritirato se le parti sono d’accordo o la legge lo prevede.

  • 2002

(1) Se una parte viola il contratto in modo sostanziale, l’altra parte può recedere dal contratto senza indebito ritardo. Una violazione sostanziale del dovere, che la parte in violazione del contratto già sapeva o aveva bisogno di sapere che l’altra parte non avrebbe concluso il trattato se avesse previsto la violazione, è essenziale; in altri casi, l’infrazione non è considerata sostanziale.

(2) Una parte può recedere dal contratto senza indebito ritardo dopo che la condotta dell’altra parte dimostra senza dubbio di essere in violazione del contratto in modo sostanziale e a meno che un legittimo affidamento sia fornito dalla richiesta di una parte appropriata.

  • 2003

(1) Non appena la parte che ha diritto a recedere dal contratto notifica all’altra parte che sta ritirando dal contratto o che rimane nel contratto, la scelta non può più essere modificata.

(2) Potrebbe Se una parte di recedere dal contratto per la sostanziale violazione degli obblighi contrattuali e non usare il suo diritto di non impedirle di recedere dal contratto in seguito con riferimento ad un comportamento simile dall’altra parte.

  • 2004

(1) Il recesso dal contratto è annullato sin dall’inizio.

(2) Se il debitore ha parzialmente adempiuto, il creditore può recedere dal contratto solo per il resto non eseguito della prestazione. Tuttavia, se la prestazione parziale del creditore è irrilevante, il creditore può recedere dal contratto per l’intera esecuzione.

(3) Se il contratto del debitore è vincolante per un’attività continua o ripetuta o una prestazione parziale progressiva, il creditore può recedere dal contratto solo con effetti per il futuro. Questo non è il caso se i pagamenti parziali già ricevuti non hanno alcuna importanza per il prestatore stesso.

  • 2005

(1) Il recesso dal contratto limita i diritti e gli obblighi delle parti nella misura dei suoi effetti. Ciò non pregiudica i diritti di terzi acquisiti in buona fede.

(2) Recesso dal contratto non pregiudica il diritto al pagamento di penali contrattuali o interessi di mora se ha raggiunto, il diritto al risarcimento dei danni derivanti dalla violazione di obblighi e accordi contrattuali che hanno dato la loro natura vincolante per le parti, anche dopo il ritiro, in particolare, le modalità su come risolvere le controversie. Se il debito è garantito, ciò non influisce sul ritiro o sulla fidelizzazione.

Successiva incapacità di eseguire
§ 2006

(1) Se il debito diventa irrealizzabile dopo la creazione dell’obbligazione, l’obbligo per l’impossibilità di esecuzione si estingue. L’adempimento non è impossibile se il debito può essere adempiuto in condizioni difficili, a un costo più elevato, con l’aiuto di un’altra persona o per un periodo di tempo specificato.

(2) L’impossibilità di esecuzione deve essere dimostrata dal debitore.

  • 2007

Quando è impossibile mero adempimento della obbligazione si estingue nella sua interezza, se risulta dalla natura dell’impegno o lo scopo del contratto che le parti erano in un contratto noto che le prestazioni del resto del prestatore non ha significato. Se questo non è il caso, l’obbligo scade solo in questa parte.

  • 2008

Un fallimento da parte del debitore al creditore che il debito è diventato impossibile da soddisfare immediatamente dopo aver sentito parlare o ha dovuto imparare, sostituendo il danno creditore sostenute dal creditore era l’impossibilità di eseguire tempestivamente informato.

  • 2009

Morte del debitore o del creditore
(1) La morte del debitore non può essere annullata, a meno che il suo contenuto non sia l’esecuzione da eseguire personalmente dal debitore.

(2) La morte del creditore cesserà se la prestazione è limitata alla sua persona.

Parte 8

Garantire e consolidare i debiti
Sezione 1

Disposizioni generali
§ 2010

(1) Il debito può essere fissato, si impegna ad un terzo finanziatore del partito o del creditore per la prestazione del debitore, o se qualcuno dà il titolo azionario creditore o del creditore che il mutuatario adempierà il suo debito. Il debito può essere ridotto da penalità contrattuali o dal riconoscimento del debito.

(2) Se si riesce di sicurezza con il creditore altra persona, che la persona può esercitare nei confronti del debitore o il provider di protezione esegue gli stessi diritti e gli stessi obblighi nei loro confronti come un creditore.

  • 2011

Il creditore informa la persona che ha fornito la garanzia su sua richiesta, in qualsiasi momento e senza indebito ritardo, l’importo del debito garantito.

certezza
§ 2012

(1) Chiunque sia tenuto a garantire, svolge i suoi doveri stabilendo un pegno.

(2) Se uno non può essere sicuro di stabilire un privilegio, deve essere sicuro di un garante ammissibile. Si ritiene che un garante ammissibile sia una persona che può essere citata in giudizio a livello nazionale e che ha la proprietà giusta.

  • 2013

Nessuno è obbligato ad accettare l’oggetto come garanzia superiore ai due terzi del prezzo normale.

  • 2014

(1) Si ritiene che il sito o cosa immobile per servire scopi commerciali sono sufficienti certezze per la metà del prezzo normale. Resta inteso che il diritto della costruzione è sufficiente certezza alla metà del prezzo normale, se il corrispettivo pattuito come uno stipendio costruzione sarà versato entro e non oltre cinque anni prima che il diritto di costruire.

(2) Si presume che la sicurezza del rendimento sicuro sia sufficientemente sicura entro tre quarti del prezzo normale.

(3) I depositi presso banche, cooperative di credito e cooperative di credito hanno diritto all’importo dell’assicurazione.

  • 2015

(1) La cauzione deve assicurare l’interesse sul debito monetario fino al tasso di interesse legale; questo non è il caso se la persona che fornisce la sicurezza viene informata prima che gli interessi siano concessi, quale sia l’interesse accordato dal creditore e dal mutuatario.

(2) Se l’interesse è già garantito, gli interessi che non sono stati ancora recuperati sono garantiti.

  • 2016

Stabilisce se la sicurezza è diversi istituti di credito a diversi diritti per la stessa cosa, soddisfatti con l’estensione di questi diritti e nell’ordine di assicurare gradualmente nel primo gruppo di istituti di credito al fine di garantire rem registrata nella lista pubblica o registrati degli impegni e il secondo gruppo di istituti di credito al fine di garantire rem non registrati sulla lista pubblica o nel registro degli impegni. Quindi, il terzo gruppo soddisferà i creditori dell’obbligo di garanzia.

  • 2017

(1) Se perdono la fiducia sul prezzo in modo che diventi garanzia insufficiente, il creditore ha il diritto di richiedere che il debitore per garantire che nessun ritardo ingiustificato aggiunto; se il debitore non riesce a farlo, la parte del credito non garantita diventa pagabile.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 si applicano anche se la garanzia è stata correttamente esercitata.

Sezione 2

Garantire il debito
responsabilità
§ 2018

(1) Chi creditore dichiara che soddisferà, il creditore se il mutuatario non riesce a soddisfare il suo debito, il garante diventa un debitore. Se non accetta il garante, non può chiederlo.

(2) La dichiarazione del garante richiede una forma scritta.

  • 2019

(1) la passività è assunta dal debito corrente del debitore; Responsabilità può anche prevedere debiti futuri o condizionali, e anche impostare certo tipo di crediti derivanti dal debitore a un certo momento o impostare vari debiti degli stessi motivi legali.

(2) La loro validità non esclude la responsabilità se l’obbligo del debitore non è valido per la mancanza della sua capacità di impegnarsi per i doveri, se il garante quando prende più di un obbligo di garanzia sapeva o doveva sapere.

  • 2020

Se solo una parte del debito è garantita dalla garanzia, l’entità della passività non viene ridotta dal pagamento parziale se il debito rimane non pagato alla velocità con cui è garantito.

  • 2021

(1) Il creditore ha il diritto di esigere l’adempimento del garante, non ha incontrato Se il mutuatario entro un termine ragionevole del debito, anche se per il creditore per iscritto invitato. Non c’è bisogno di una sfida se il creditore non può portarlo fuori o se il debitore non ha il debito.

(2) Se la responsabilità è stata concordata per un certo periodo di tempo, il diritto del creditore deve essere mantenuto anche se il creditore ha richiesto al garante in quel momento.

  • 2022

Il garante può rifiutare la prestazione se il creditore ha causato la richiesta di non essere soddisfatta dal debitore.

  • 2023

(1) Il garante può chiedere al creditore tutte le obiezioni che il debitore ha nei confronti del creditore.

(2) Se il fideiussore si oppone al debitore, il debitore deve risarcire il fideiussore per le spese da lui sostenute se le obiezioni sono rimaste infruttuose.

  • 2024

Se il garante soddisfare i creditori senza la conoscenza del debitore, il debitore può chiedere al fideiussore di obiezioni, che è stato intitolato far valere nei confronti del creditore, se il creditore si incontrano su di esso esigeva. Il debitore non può sollevare obiezioni nei confronti del garante, che non avvertono la garanzia mutuatario senza indebito ritardo dopo ha annunciato il garante che il creditore abbia esercitato il diritto di responsabilità.

  • 2025

(1) Il diritto del creditore al fideiussore non è revocato prima del termine di prescrizione al debitore.

(2) Il riconoscimento del debito da parte del debitore è efficace contro il garante se il garante è d’accordo con esso.

  • 2026

(1) La garanzia sarà estinta con l’estinzione del debito che assicura.

(2) La responsabilità non scompare, tuttavia, se il debito è estinto per l’impossibilità della prestazione del debitore e il garante in grado di soddisfare, o la cessazione di una persona giuridica che è il debitore.

  • 2027

Se più garanti garantiscono lo stesso debito, ognuno di essi garantisce il debito per l’intero debito. Il garante ha gli stessi diritti con altri garanti come co-debitore.

  • 2028

La garanzia legale per il debito non monetario è garantita da un credito pecuniario, che è dovuto al creditore quando il debito garantito viene violato.

Garanzia finanziaria
§ 2029

(1) La garanzia finanziaria è un emittente dichiarazione della lettera di garanzia per soddisfare i creditori da una lettera di garanzia fino a un certo importo, il mutuatario non riesce a creditori un debito o di adempiere se le altre condizioni specificate nella lettera di garanzia. Se la banca emittente, banca estera o di risparmio e l’associazione di prestito, si tratta di una garanzia bancaria.

(2) Il modulo di garanzia richiede una forma scritta.

  • 2030

Nel garantire attività non monetarie dovrebbe essere considerato che l’importo indicato nell’atto di garanzia assicurato patrimoniale monetaria che appartiene al creditore in violazione degli obblighi garantiti.

  • 2031

(1) Se la garanzia finanziaria è confermata da un altro emittente, il creditore può esercitare il diritto a una garanzia finanziaria nei confronti di uno qualsiasi di questi emittenti.

(2) L’ espositore, che ha confermato la garanzia finanziaria e si è esibito su questa base, ha diritto al rimborso nei confronti dell’emittente che ha richiesto la conferma della garanzia finanziaria.

  • 2032

Se l’emittente ha dato una garanzia finanziaria su richiesta di un’altra emittente, l’emittente deve fornire una garanzia nei confronti dell’emittente che richiede il diritto al risarcimento se le garanzie concesse soddisfatte e rispettate le condizioni specificate nella richiesta.

  • 2033

Se l’emittente notifica a un’altra persona che un altro emittente ha fornito una garanzia finanziaria, l’espositore notificante non è responsabile della garanzia finanziaria; se fa sì che il danno sia sbagliato, lo sostituirà.

  • 2034

(1) L’ Espositore garantisce l’esecuzione del debito garantito fino all’importo e alle condizioni indicate nella scheda di garanzia. L’Esportatore può fare affidamento sul creditore solo contro il creditore la cui ammissione alla garanzia è ammissibile.

(2) prevede, se una garanzia finanziaria del rispetto del debito, non parziale adempimento del debito nella misura degli effetti delle garanzie finanziarie, a condizione che il debito insoddisfatto almeno pari alla somma da aggiungere al rogito di garanzia.

  • 2035

(1) Se le condizioni indicate nel certificato di garanzia sono soddisfatte, l’emittente adempie all’obbligo di garanzia finanziaria, se il creditore lo richiede in forma scritta. Se il certificato di garanzia condiziona l’esecuzione dell’interprete presentando un documento, esso deve essere presentato su invito o senza indebito ritardo dopo di esso, ma sempre per la durata della garanzia finanziaria.

(2) Salvo diversa indicazione nel certificato di garanzia, l’emittente non può reclamare nei confronti del creditore alcuna obiezione che il debitore sarebbe legittimato a richiedere nei suoi confronti. La richiesta preventiva del creditore per il debitore di pagare il debito è richiesta se il mandato lo fornisce.

  • 2036

Il creditore può cedere il diritto alla garanzia. Se il certificato di garanzia lo consente, il creditore può anche assegnare il diritto di applicare una garanzia finanziaria; questo incarico traduce anche il diritto alla prestazione della garanzia.

  • 2037

Se l’emittente è obbligato a eseguire il certificato di garanzia a favore di un altro esportatore autorizzato, è tenuto a pagare sul conto autorizzato da questo emittente.

  • 2038

La garanzia finanziaria può essere limitata a un certo periodo di tempo. Se il creditore non applica il suo diritto al momento specificato dal certificato di garanzia, la garanzia finanziaria scadrà.

  • 2039

(1) Il debitore sostituisce l’emittente con ciò che ha eseguito in base al certificato di garanzia rilasciato conformemente al contratto concluso. Se la parte terza ha stipulato un contratto per la fornitura di una garanzia finanziaria con l’emittente, la persona sostituisce la persona che ha eseguito il contratto in base al certificato di garanzia emesso conformemente al contratto.

(2) Il debitore non può sollevare obiezioni nei confronti dell’emittente, che potrebbe essere invocato nei confronti di un creditore, il lavoro neujednal con lui, che l’emittente contro le obiezioni dei creditori, l’applicazione di tali riserve nel documento di garanzia.

Garantire il trasferimento del diritto
§ 2040

(1) Il contratto di cuneio è assicurato dal debitore o da terzi dal trasferimento temporaneo del suo diritto da parte del creditore.

(2) Un trasferimento di copertura è considerato come un trasferimento con una condizione di rottura che il debito sarà regolato.

  • 2041

Se la copertura si traduce a destra dell’elemento elencato nell’elenco pubblico, la garanzia viene fatta sulla lista; la natura temporanea della copertura del diritto deve essere registrata anche nell’elenco pubblico.

  • 2042

Se la garanzia trasferito diritto di proprietà e se la cosa passò creditore, il creditore ha diritto di averla con me per tutta la durata di garantire il trasferimento dei diritti e deve eseguire semplici amministrazione delle cose. Se la questione in suo potere è nelle mani del creditore, con il trasferimento della destra, fa la cosa semplice da fare.

  • 2043

Se il motivo della durata della copertura del diritto cessa, il creditore deve consentire alla persona che ha fornito la garanzia di esercitare il diritto alla misura precedente. Allo stesso tempo, emetterà ad esso tutto ciò che è stato o è stato acquisito dal diritto trasferito contro il rimborso dei costi che ha sostenuto in modo estensivo in connessione con l’esercizio della copertura.

  • 2044

(1) Se il debito garantito non è soddisfatto, il trasferimento del diritto diventa incondizionato e il mutuatario trasmette al creditore quanto necessario per il pieno esercizio del diritto trasferito.

(2) se superano la solita certezza prezzo a quanto pare la quantità di debito garantito, il creditore paga la persona che ha fornito la garanzia, l’importo corrispondente alla differenza; mentre contato il costo, che in connessione con garantire il trasferimento dei diritti effettivamente spesi. A meno che il contratto per garantire il trasferimento dei diritti indicazione della quantità di debito e dei diritti di valutazione credibili trasferiti per assicurarsi che sia al creditore di dimostrare che la solita certezza prezzo la quantità di debito garantito non supera ovviamente.

Accordo sulle detrazioni da salari o altri redditi
§ 2045

(1) Il debito può essere organizzato da un accordo di creditore e debitore circa deduzione dal salario o stipendio, la remunerazione del contratto per la prestazione di lavoro dipendente stabilire tra datore di lavoro e l’impegno simile dipendenti o compensazione salariale. In caso di detrazioni previste dalla prima frase per soddisfare il diritto del datore di lavoro, il consenso preliminare del datore di lavoro deve essere concluso.

(2) Contro chi paga lo stipendio o il salario il creditore acquisisce il diritto al pagamento della detrazione quando il pagatore ha presentato l’accordo.

  • 2046

I costi associati al pagamento delle detrazioni sono a carico del pagatore dello stipendio o del salario; Tuttavia, se il pagatore di salario o stipendio eseguire simultaneamente da più accordi sulla trattenute sul salario o stipendio, le spese con deduzioni di pagamento secondo la seconda e successivi accordi a danno del debitore.

  • 2047

I paragrafi 2045 e 2046 si applicano anche agli altri redditi che sono considerati retribuzioni o salari quando si esegue la decisione.

Sezione 3

Debito
Ammenda contrattuale
§ 2048

Ujednají Se le parti in caso di violazione degli obblighi contrattuali del penale contrattuale in una certa quantità o un modo per determinare la quantità di penali contrattuali, il creditore può richiedere una sanzione indipendentemente dal fatto che la violazione dei suoi obblighi confermato, subito danni. Una penalità contrattuale può essere negoziata in un corrispettivo non in contanti.

  • 2049

Il pagamento della penale contrattuale non solleva il debitore dall’obbligo di adempiere il debito con una penalità contrattuale.

  • 2050

Se viene concordata una penalità contrattuale, il creditore non ha diritto al risarcimento dei danni derivanti dalla violazione del dovere a cui si applica la penalità contrattuale.

  • 2051

Sproporzionatamente alto pena il giudice può ridurre la proposta del debitore per quanto riguarda il valore e l’importanza delle obbligazioni oggetto di copertura fino alla quantità di danni subiti prima della decisione una violazione di tale dovere, che è soggetto ad una sanzione. Per risarcire i danni, se successivamente viene stabilita la legge, la parte lesa ha diritto all’importo della penale contrattuale.

  • 2052

La clausola sulla pena contrattuale si applica anche a una sanzione irrogata per violazione del contratto da parte di un regolamento (penalità) legale.

Riconoscimento del debito
§ 2053

Se una persona riconosce il proprio debito per un motivo o una dichiarazione scritta, il debito è considerato rientrante nell’ambito del riconoscimento al momento del riconoscimento.

  • 2054

(1) Il pagamento degli interessi sarà considerato come riconoscimento del debito per l’importo da cui gli interessi sono pagabili.

(2) Quando l’obbligazione del debitore in parte, un adempimento parziale degli effetti del riconoscimento del resto del debito, se si può dedurre dalle circostanze che questa esecuzione debitore riconosce il debito e il resto.

(3) Le disposizioni dei paragrafi 1 e 2 non si applicano se il credito del creditore è già prescritto.

TITOLO II

OBBLIGHI DELLE RIUNIONI GIURIDICHE
Parte 1

Trasferimento della proprietà a un’altra
Sezione 1

presentazione
Sottosezione 1

Disposizioni generali
§ 2055

Disposizioni di base
(1) Con il contratto di donazione, il donatore trasferisce la proprietà della proprietà gratuitamente o si impegna a trasferire il dono alla proprietà gratuitamente e il regalo o l’offerta accettata.

(2) L’ adempimento da semplice servizio sociale non è un dono se è chiaro dal comportamento delle parti che non vogliono essere vincolati contrattualmente.

  • 2056

Chiunque promette l’altro dono non è obbligato a dare, ma colui che ha ricevuto la promessa ha il diritto di promettergli la spesa che viene spesa rapidamente in previsione del dono.

  • 2057

(1) Nel caso della donazione di una cosa iscritta nell’elenco pubblico, il contratto deve essere in forma scritta.

(2) Una forma scritta richiede anche un contratto se non vi è alcuna rinuncia con l’espressione della volontà di donare e ricevere il dono. Il donatore è obbligato a consegnare il dono ma non è obbligato a pagare interessi di mora.

  • 2058

(1) Il donatore può anche donare tutte le sue proprietà attuali. Un trattato che qualcuno dà la loro futura proprietà è valido solo se non supera la metà di quella proprietà.

(2) La donazione di una cosa che il donatore non ha è valida solo se il donatore si impegna ad acquisire la cosa nel contratto.

  • 2059

Se dono del donatore impegnato ad arrendersi dopo che il contratto può recedere i doni di contratto e passare a rifiutare modifiche se dopo la conclusione delle circostanze contrattuali nella misura in cui le prestazioni in base al contratto possa turbare gravemente i donatori di nutrizione o l’adempimento dei donatori di obbligazioni alimentari. Se hai già dato datore del dono, può recedere dal contratto solo di ciò che non è ancora soddisfatta.

  • 2060

Se qualcosa viene dato a qualcuno per il riconoscimento o per il suo merito o premio speciale, si tratta di una donazione a meno che il destinatario non abbia già avuto diritto ad essa.

  • 2061

Se si concorda che il donatore sarà dato a vicenda, si tratta di una donazione solo perché il valore delle prestazioni di una delle parti supera il valore della prestazione dell’altra parte.

  • 2062

Donare supporto
Se un donatore del donatore si impegna a mantenersi regolarmente, il diritto di sostenere e l’obbligo di sostenere l’erede del donatore e il destinatario viene trasferito solo se esplicitamente concordato.

  • 2063

Donazione in caso di morte
La donazione dipendente dalla condizione che il donatore sopravvive è generalmente giudicata un riferimento. Secondo le disposizioni sulla donazione, spetta al destinatario accettare il dono e dare esplicitamente al donatore il diritto di ritirare il regalo e di emettere il dono del regalo. Ciò non pregiudica il § 2057.

  • 2064

(1) Se donato con un ordine, il donatore può solo richiedere l’esecuzione dell’ordine se si è già esibito.

(2) Se l’esecuzione dell’ordine è nell’interesse pubblico, l’adempimento dell’ordine dopo la morte del donatore può anche essere richiesto dall’autorità pubblica competente o da una persona giuridica autorizzata a difendere tale interesse.

  • 2065

Se qualcuno consegna coscientemente una cosa strana e se la nasconde al talento, sostituirà il danno che si presenterà. Donatore danni donatario sostituire, anche se il danno deriva da difetti di beni donati, se il donatore saputo del difetto e il destinatario non la mettere in guardia. In questi casi, il destinatario può anche recedere dal contratto e restituire il regalo.

Sottosezione 2

Disposizioni speciali sulla validità delle donazioni
§ 2066

Una persona limitata nel proprio diritto è in grado di donare e accettare un regalo di piccolo valore o regalo, date le solite circostanze.

  • 2067

(1) persona donazione che gestisce un impianto in cui essi forniscono assistenza sanitaria o ai servizi sociali, o di una persona che ha un tipo di dispositivo gestisce, o è impiegata, non è valido accadere se quando il donatore era nella cura di tali attrezzature o in altro modo accettato i suoi servizi.

(2) Il paragrafo 1 non si applica se il donatore è uno stretto donatore.

Sottosezione 3

Revoca il regalo
Revoca un regalo per un’emergenza
§ 2068

(1) se cadono, la donazione dei donatori a tale emergenza che non deve necessaria nutrizione nutrimento proprio o necessaria per le persone per la cui alimentazione è obbligato dalla legge, la presente impugnazione e di chiedere regali, dargli il dono tornato indietro o di pagare il suo solito prezzo, nella migliore delle ipotesi, nella misura in cui il donatore non riceve fondi per quella nutrizione. Una persona dotata può fare a meno di questo dovere fornendo ciò che è necessario per questa nutrizione.

(2) Il Beneficiario non è tenuto al paragrafo 1 se si trova in un’emergenza simile come donatore.

  • 2069

Se è stata data più di una persona, quella che è stata data in precedenza è obbligata a farlo solo nella misura in cui la donazione in seguito non è sufficiente per la nutrizione.

  • 2070

Il diritto di invocare il pass regalo agli eredi del donatore. Ma non si applica se il diritto del donatore deve colui al quale il donatore è obbligato per legge a cibo, il diritto di esigere le stesse condizioni che donatario completare ciò che i donatori non possono offrire.

  • 2071

Il diritto di revocare il dono non ha un donatore che abbia deliberatamente o gravemente trascurato lo stato di emergenza.

Revoca del dono per l’ingrato
§ 2072

(1) male se i donatori donatario intenzionalmente o per grave negligenza, e che a quanto pare hanno violato le buone maniere, il donatore perdonato se donatario, l’atto di donazione per la sua ingratitudine di dimettersi. Se il dono è stato già consegnato, il donatore ha il diritto di chiedere la liberazione di tutto il regalo, e se questo non è possibile, a pagare il prezzo normale.

(2) Se giustificata dalle circostanze, si è ritenuto ingratitudine verso i donatori anche apparente violazione delle buone maniere a una persona vicina al donatario.

  • 2073

L’infelicità rende una persona dotata come detentore disonesto nella sua persona.

  • 2074

Il diritto di revocare il dono passa all’erede del donatore se il donatore donatore si è astenuto dal donare o il donatore ha dimenticato il potere.

  • 2075

(1) Il donatore può dono per il ricorso ingratitudine entro un anno dalla data in cui i donatori donatario male, ma se viene a conoscenza del donatore oltre un anno dal giorno in cui ha avuto notizia circa la ragione per la donazione appello. L’erede del donatore può revocare il dono entro un anno dalla morte del donatore.

(2) Se il regalo viene successivamente revocato e se il dono del ricorso in ritardo è contestato, il tribunale deve ignorare il ricorso.

Disposizioni comuni
§ 2076

Se un donatore si arrende a una donazione di un dono per un’angoscia o un’eredità tra i vivi in ​​anticipo, non viene preso in considerazione.

  • 2077

Se la donazione è obbligatoria per il donatore donato secondo il contratto di donazione, egli annulla il dono del futuro.

  • 2078

Se non ha già un dono o il suo pieno valore, si impegna a ritirare il suo dono per consegnare ciò che ha lasciato per l’arricchimento. Questo non si applica se il regalo è stato perso o la donazione stessa è stata revocata dal donatore.

Sezione 2

acquisto
Sottosezione 1

Disposizioni generali
§ 2079

Disposizioni di base
(1) Il contratto di acquisto con il venditore si impegna a sottoporre la questione al compratore, che è oggetto di acquisto, e gli permettono di acquisire il titolo ad esso, e l’acquirente si impegna a prendere in consegna la cosa e pagare il prezzo di acquisto.

(2) Se il contratto o la consuetudine non si applicano diversamente, il venditore e l’acquirente sono obbligati ad adempiere ai propri obblighi allo stesso tempo.

  • 2080

Il prezzo di acquisto è negoziato con sufficiente certezza se viene concordato almeno il metodo di determinazione.

  • 2081

I costi associati alla consegna dell’articolo nel luogo di esecuzione sono a carico del venditore. I costi associati all’acquisizione sono a carico dell’acquirente.

  • 2082

(1) L’acquirente è esposto al rischio di danni alla proprietà contestualmente all’acquisizione del titolo. Se il compratore ha il diritto di proprietà prima della consegna dell’articolo, il venditore avrà i diritti e gli obblighi del depositante fino alla consegna della cosa.

(2) Alla conclusione di un contratto con una condizione di posticipo, il rischio di danneggiamento delle merci passerà all’acquirente al più presto alla data di adempimento della condizione.

  • 2083

Chi acquista i benefici futuri riassumendo o sperando in benefici futuri incerti include tutti i benefici correttamente guadagnati. Ma ha una perdita se le sue aspettative sono state frustrate.

  • 2084

Il venditore avvisa l’acquirente quando negozia un contratto di acquisto per difetti delle cose che conosce.

Sottosezione 2

Acquisto di articoli mobili
Disposizioni di base
§ 2085

(1) L’acquisto di beni mobili è valutato ogni acquisto, l’oggetto non è immobile, così come l’acquisto di parti di beni immobili se l’acquirente sotto contratto per acquisire una parte dopo la separazione di una cosa mobile. Il contratto di vendita è sempre considerato come un contratto per la consegna di beni di consumo che è necessario creare o creare.

(2) Se le parti entreranno in un contratto di acquisto senza specificare il prezzo di acquisto pagato per il prezzo di acquisto concordato al quale lo stesso o analogo oggetto, al momento della conclusione del contratto e secondo le modalità e condizioni simili di solito vende.

  • 2086

(1) Il contratto per la fornitura di materia che deve ancora essere fatta, per valutare un contratto di vendita, a meno che il destinatario della cosa consegnata, è impegnato a passare dall’altra parte, una parte sostanziale di ciò che è necessario per produrre le cose.

(2) Il contratto di vendita non deve essere considerato come un contratto, in base al quale la maggior parte delle prestazioni del fornitore consiste nello svolgimento dell’attività.

Obblighi del venditore
§ 2087

Il venditore consegnerà la cosa, nonché i documenti relativi al caso e consentirà all’acquirente di acquisire la proprietà della proprietà in conformità con il contratto.

  • 2088

Il venditore si conformerà all’obbligo di consegnare l’oggetto all’acquirente, permettendogli di disporre della merce nel luogo dell’esecuzione e di informarlo in tempo utile.

  • 2089

(1) Se l’acquirente determina in aggiunta le proprietà dell’articolo di acquisto e non riesce a farlo in tempo, il venditore deve determinarle da sé e informare l’acquirente delle proprietà che ha determinato. Prenderà in considerazione le esigenze dell’acquirente, che conosce.

(2) L’ acquirente ha il diritto di informare il venditore della determinazione deviante delle proprietà dell’oggetto di acquisto diverso da quello specificato dal venditore; se non lo fa senza indebito ritardo dopo che il Venditore è stato informato, è vincolato da quanto determinato dal Venditore.

  • 2090

(1) Se il venditore di inviare la materia, deferire la questione per l’acquirente passando il primo vettore per la trasmissione al compratore e consentire all’acquirente di esercitare i diritti previsti dal contratto di trasporto nei confronti del vettore.

(2) Se l’acquirente è un consumatore, il paragrafo 1 si applica solo se il vettore ha designato l’acquirente senza essere offerto al venditore. In caso contrario, l’acquirente viene consegnato all’acquirente per la consegna.

  • 2091

(1) Quando si invia roba ha effetto porgendole il trasferimento ai vettori acquirente indicano se il venditore è una questione chiaramente e sufficientemente come la spedizione per l’acquirente.

(2) In mancanza di qualsiasi indicazione venditore cosa resa ha effetto, informare l’acquirente se il venditore, senza indebito ritardo, che ha inviato la questione e stabilire se adeguatamente nella notifica. Senza questa notifica, l’acquirente viene consegnato all’acquirente per la consegna al corriere.

  • 2092

Il tempo di esecuzione del venditore è effettivo a partire dalla data effettiva del contratto. Tuttavia, se l’acquirente deve adempiere a un determinato obbligo prima della consegna del caso, il periodo di tempo per l’inizio del venditore decorre dalla data di adempimento di tale obbligo.

  • 2093

Se il venditore consegna una maggiore quantità di beni di concordato, il contratto di acquisto si perfeziona sulla quantità in eccesso, a meno che l’acquirente prontamente rifiutato.

  • 2094

(1) Il venditore deve consegnare all’acquirente i documenti necessari per il ritiro e l’utilizzo dell’articolo. Se la consegna deve avvenire al momento del pagamento del prezzo di acquisto, il venditore trasferisce i documenti nel luogo di pagamento.

(2) I documenti relativi al trasporto e necessari per riprendere l’articolo e la sua libera disposizione devono essere consegnati dal venditore all’acquirente senza indebito ritardo dopo il loro rilascio. Altri documenti specificati nel contratto saranno consegnati dal venditore all’acquirente al momento della consegna dell’articolo.

Oggetto di acquisto
§ 2095

Il venditore consegna all’acquirente l’oggetto di acquisto nella quantità, qualità ed esecuzione concordate. Se la qualità e le prestazioni non sono soddisfatte, il venditore soddisfa la qualità e le prestazioni appropriate ai fini del contratto; altrimenti per il solito scopo.

  • 2096

Nel determinare la qualità o le prestazioni in base al campione o modello concordato, la questione della qualità o del design deve corrispondere al campione o all’originale. Se la qualità o le prestazioni specificate nel contratto variano, e il campione o il modello, il contratto viene deciso. Se il contratto e il campione determinano la qualità o l’esecuzione del caso in modo diverso, ma non contraddittorio, la questione deve corrispondere sia al contratto che al campione o all’originale.

  • 2097

Se non è stato concordato come l’oggetto deve essere imballato, il venditore vende l’articolo secondo l’abitudine; se non lo sono, allora il modo in cui hanno bisogno di preservare la cosa e proteggerla. Allo stesso modo, il venditore riceverà la merce per il trasporto.

  • 2098

Se il contratto o la natura dell’articolo di acquisto indicano che la quantità è determinata solo approssimativamente, determinerà la quantità esatta del venditore. Si ritiene che la deroga non superi il 5% della quantità indicata nel contratto.

Diritti da prestazioni difettose
§ 2099

(1) La questione è difettosa se non ha le caratteristiche indicate nelle sezioni 2095 e 2096. In caso contrario, è considerato un difetto. Anche i difetti nei documenti necessari per l’uso dell’oggetto sono considerati difetti.

(2) se segue una dichiarazione del venditore o prova di consegna, il venditore ha consegnato un numero minore di cose, non per mancanza di rispetto delle disposizioni dei difetti.

  • 2100

(1) Il diritto dell’acquirente a prestazioni difettose crea un difetto che la questione ha nel passaggio del rischio di danni all’acquirente, anche se non si verifica in seguito. Il diritto del compratore creerà anche un difetto successivo che il venditore ha causato in violazione del suo dovere.

(2) Ciò non pregiudica gli obblighi di assicurazione della qualità del venditore.

  • 2101

(1) In caso di prestazioni premature, il venditore può rimuovere i difetti fino al momento della consegna dell’articolo. Esercitando il proprio diritto, egli non può causare difficoltà o spese sproporzionate al compratore. Il diritto al risarcimento dell’acquirente non è quindi pregiudicato.

(2) Il paragrafo 1 si applica mutatis mutandis ai difetti documentali.

  • 2102

(1) I diritti dell’acquirente da prestazioni difettose non sono interessati se il difetto causato dall’uso dell’oggetto che l’acquirente ha dato al venditore. Ciò non vale se il venditore dimostra che il rinvio inadeguato per l’acquirente nel tempo e ha messo in guardia gli acquirenti hanno insistito sul suo uso, o se prova che l’inadeguatezza delle cose passata, anche con l’esercizio cure adeguate in grado di rilevare.

(2) Se il difetto ha causato la procedura del venditore in base ai disegni, campioni o documenti forniti dal compratore, il paragrafo 1 si applica mutatis mutandis.

Sezione 2103

L’acquirente non ha diritto a prestazioni difettose se si tratta di un difetto che ha dovuto apprendere con la consueta attenzione al momento della firma del contratto. Questo non è il caso se il venditore gli ha assicurato esplicitamente che la cosa è difettosa o se sconfigge il difetto.

Sezione 2104

L’acquirente, per quanto possibile, ispezionerà la proprietà il più presto possibile dopo che è stato superato il rischio di danni all’oggetto e ne avrà convinto le proprietà e la quantità.

  • 2105

(1) Se il venditore invia una cosa, l’acquirente può posticipare l’ispezione fino a quando la cosa non viene trasportata nel luogo di destinazione.

(2) Se un caso durante il trasporto indirizzato ad un’altra destinazione o gli acquirenti anche inviati senza avere la cosa possibilità di esplorare, e il venditore al momento della conclusione del contratto sapeva o avrebbe dovuto sapere della possibilità di un tale cambiamento di destinazione o in un altro dispaccio, l’acquirente può visitare rinviata fino a quando la questione viene trasportato verso la nuova destinazione.

  • 2106

(1) Se la prestazione difettosa è una sostanziale violazione del contratto, l’acquirente ha il diritto

(a) eliminare il difetto fornendo un nuovo articolo senza difetto o fornendo l’elemento mancante,

  1. b) per rimediare al difetto riparando la cosa,

(c) uno sconto appropriato sul prezzo di acquisto, o

  1. d) recedere dal contratto.

(2) L’ acquirente deve informare il venditore del diritto che ha scelto in caso di avviso di difetto o senza indebito ritardo dopo che il difetto è stato notificato. L’acquirente non può modificare la scelta senza il consenso del venditore; questo non è il caso se l’acquirente ha chiesto un bug da correggere, che si rivelerà irreparabile. Se il venditore non riesce a rimuovere i difetti entro un termine ragionevole o di informare il compratore se i difetti non vengono rimossi, l’acquirente può richiedere la rimozione dei difetti, invece di uno sconto ragionevole sul prezzo di acquisto o di recedere dal contratto.

(3) Se l’acquirente non sceglie il suo diritto in tempo, ha i diritti di cui all’articolo 2107.

  • 2107

(1) Se la prestazione difettosa è una violazione irrilevante del contratto, l’acquirente ha il diritto di rimuovere il difetto o uno sconto ragionevole sul prezzo di acquisto.

(2) Finché l’acquirente non esercita il diritto a uno sconto sul prezzo di acquisto o si ritira dal contratto, il venditore può consegnare ciò che manca o rimuovere il difetto legale. Altri difetti possono essere rimossi dal venditore dal suo rimedio o dalla fornitura di un nuovo oggetto; la scelta non deve comportare costi irragionevoli per l’acquirente.

(3) Se il venditore non riesce a rimuovere il difetto in tempo utile o il difetto si rifiuta di rimuoverlo, l’acquirente può richiedere uno sconto sul prezzo di acquisto o può recedere dal contratto. L’acquirente non può modificare la scelta senza il consenso del venditore.

  • 2108

Al momento della rimozione del difetto, l’acquirente non deve pagare parte del prezzo di acquisto con una stima corrispondente al suo diritto a uno sconto.

Sezione 2109

Alla consegna di un nuovo articolo, l’acquirente restituisce al venditore a sue spese la cosa originariamente consegnata.

  • 2110

L’acquirente non può recedere dal contratto o richiedere la consegna di una nuova cosa se la questione non può essere restituita nello stato in cui è stata ricevuta. Questo non si applica,

(a) se vi è stato un cambiamento di stato a seguito di un’ispezione per identificare un difetto,

  1. b) se l’acquirente ha usato la cosa prima della scoperta del difetto,

(c) se l’acquirente non è stato in grado di restituire l’articolo allo stato inalterato mediante negoziazione o omissione o

  1. d) ha venduto se l’acquirente questione prima di scoprire il difetto, se consumato o modificato se la materia in funzione normale; Se vi capita di essere unico acquirente parzialmente restituito, è ancora possibile tornare indietro e dare al venditore di rimborsare l’importo, che dovrebbe beneficiare l’uso delle cose.
  • 2111

Se l’acquirente non ha notificato il difetto in tempo utile, perderà il diritto di recedere dal contratto.

  • 2112

(1) Non aveva detto che se il difetto acquirente senza indebito ritardo dopo avrebbe potuto in un controllo tempestivo e cure adeguate a conoscere, il giudice aveva il diritto di ammettere l’adempimento inesatto. Se si tratta di un vizio occulto, lo stesso vale se nessun difetto è notificata senza indebito ritardo dopo che è quando gli acquirenti potrebbero cura abbastanza per scoprire più tardi due anni dopo la presentazione del caso.

(2) Il tribunale tiene conto solo dell’obiezione del venditore che il difetto non è stato notificato in tempo utile agli effetti di cui al paragrafo 1. Tuttavia, il venditore non ha il diritto di obiettare se il difetto è una conseguenza del fatto che il venditore sapeva o avrebbe dovuto sapere al momento della consegna.

Garanzia di qualità
§ 2113

Garantendo la qualità, il venditore si impegna a garantire che l’articolo sia adatto all’uso normale per un determinato periodo di tempo o che conservi le proprietà abituali. Questi effetti includono anche l’indicazione del periodo di garanzia o la durata del prodotto sulla confezione o nell’annuncio. La garanzia può anche essere fornita per la singola parte dell’articolo.

  • 2114

Se il contratto e la dichiarazione di garanzia specificano periodi di garanzia diversi, si applicherà la più lunga di questi. Tuttavia, se le parti accettano un periodo di garanzia diverso da quello indicato sulla confezione come durata di servizio, le parti devono avere una preferenza.

  • 2115

Il periodo di garanzia decorre dalla presentazione del caso per l’acquirente; Se la questione era sotto contratto inviato che va dal l’ottenimento di cose da destinazione. Se la cosa acquistata da mettere in funzione entro una persona diversa dal venditore, il periodo di garanzia a partire dalla data di mettere le cose in funzione se l’acquirente ha ordinato la messa in servizio entro tre settimane dal ricevimento della materia e correttamente e tempestivamente fornito per svolgere servizi necessaria cooperazione.

  • 2116

L’acquirente non ha diritto a una garanzia se il difetto ha causato un evento esterno dopo il rischio di danni all’acquirente. Questo non si applica se i difetti del venditore.

  • 2117

Le disposizioni delle sezioni 2172 e 2173 si applicano mutatis mutandis alla notifica di un difetto coperto dalla garanzia e all’esercizio del diritto a prestazioni difettose.

Obblighi dell’acquirente
§ 2118

L’acquirente paga il prezzo di acquisto e prende in consegna l’oggetto.

  • 2119

(1) Gli acquirenti non devono pagare il prezzo di acquisto fino a quando non hanno la possibilità di visualizzare l’oggetto. Questo non è il caso se un tale modo di consegnare un caso che esclude la possibilità di un tour è concordato.

(2) Nel determinare il prezzo in peso, si presume che sia deciso il peso netto dell’articolo di acquisto.

  • 2120

(1) Se il compratore è in ritardo con la presa in consegna dell’oggetto o il pagamento del prezzo di acquisto, il venditore mantiene la cosa, se può disporne, per l’acquirente in modo ragionevole.

(2) Se l’acquirente assume la cosa che intende rifiutare, la tiene in un modo appropriato alle circostanze.

(3) Chiunque conservi il caso per l’altra parte può mantenerlo fino a quando l’altra parte paga le spese sostenute in relazione alla custodia.

Pericolo di cose dannose
§ 2121

(1) Il pericolo di danni passa al compratore prendendo in consegna l’oggetto.

(2) Lo stesso vale se l’acquirente non prende in consegna l’oggetto, anche se il venditore è stato in grado di smaltirlo.

  • 2122

Se l’acquirente assume la cosa da una terza parte, il rischio di danno viene trasferito a lui nel momento in cui può essere smaltito, ma non prima del tempo specificato come tempo di esecuzione.

  • 2123

(1) Passa Se il vettore cosa venditore per il trasporto al compratore nel luogo indicato dal contratto di acquisto, l’acquirente passa il rischio di danni al ricorso vettori, a questo punto, e se non concordato posto, passando il primo vettore per il trasporto fino alla destinazione.

(2) Se le merci sono già trasportate durante la conclusione del contratto, il rischio di danneggiamento delle merci passa all’acquirente consegnando la cosa al primo vettore. Tuttavia, il venditore sopporta il danno occorso prima della conclusione del contratto e il venditore lo sapeva, o avrebbe dovuto sapere delle circostanze.

  • 2124

Il rischio di danni a cose determinate per tipo non passerà al compratore che non ha rilevato la cosa prima che la cosa sia sufficientemente separata per gli scopi del contratto e distinta da altre cose dello stesso tipo.

  • 2125

(1) Il danno a cose che insorgono dopo il rischio di danno alla merce per il compratore è passato non pregiudica il suo obbligo di pagare il prezzo di acquisto, a meno che il venditore del danno abbia causato la violazione del suo obbligo.

(2) Il paragrafo 1 non si applica se l’acquirente ha il diritto di richiedere la fornitura di un articolo sostitutivo o di recedere dal contratto.

Vendite di auto-aiuto
§ 2126

(1) ritardo parti ad assumere le cose l’altra parte, v’è la cosa giusta dopo la notifica prima della conto della persistente modo appropriato per vendere dopo prodlévajícímu forniscono ulteriore termine ragionevole per l’accettazione.

(2) Ciò vale anche se la parte pagante è soggetta al pagamento della restituzione.

  • 2127

Se le cose sono a rischio e se l’avviso non è l’ora, non è necessario alcun preavviso.

Sottosezione 3

Compra immobile
§ 2128

(1) Nella vendita e l’acquisto di beni immobili richiede una forma accordo di acquisto ai sensi del § 560. Per la disposizione della riserva dei diritti, il diritto di riacquistare, il divieto di alienazione o di caricare gli acquirenti una prenotazione o prelazione migliori, così come le modalità di acquisto tuttavia, un altro modulo è sufficiente per il test, a meno che non sia stato stabilito un diritto di proprietà in tale accordo.

(2) Qualora un accordo su prenotazione dei diritti, il diritto di riacquistare, il divieto di alienazione o di caricare una prenotazione prelazione o meglio acquirente o accordi per l’acquisto del materiale esame subito al punto registrato nell’elenco pubblico, c’è un tale diritto alla registrazione in lista pubblica

  • 2129

(1) L’ acquirente ha diritto a uno sconto ragionevole sul prezzo di acquisto, se non dispone di un terreno specificato nel contratto di acquisto. Tuttavia, se un appezzamento di terreno non compare in un elenco pubblico, l’acquirente ha diritto a uno sconto ragionevole sul prezzo di acquisto solo se concordato.

(2) Non aveva detto che se il difetto acquirente nascosti associati con la costruzione di una solida base di paesi nei cinque anni successivi all’acquisizione, la Corte acquirente di prestazioni difettosa ammettere, se il venditore dirà che il difetto non è stato notificato nel tempo. Tuttavia, il venditore ha il diritto di opporsi, se un difetto è dovuto al fatto che il venditore al momento della presentazione del caso avere conoscenza.

  • 2130

Se le parti concordano quando l’acquirente deve rilevare l’immobile, l’acquirente ha il diritto di prendere in consegna i frutti e i benefici di beni immobili dal momento concordato. Allo stesso tempo, il rischio di danni ai beni dell’acquirente andrà perso.

  • 2131

Negli altri casi, la disposizione per l’acquisto di beni immobili è applicata mutatis mutandis all’acquisto di beni mobili.

Sottosezione 4

Disposizione secondaria in accordo di acquisto
Riserva di proprietà giusta
§ 2132

Se il venditore si riserva la proprietà della proprietà, si considera che l’acquirente diventi il ​​proprietario solo pagando interamente il prezzo di acquisto. Tuttavia, il rischio di danni all’oggetto viene trasferito all’acquirente dal suo rilevamento.

  • 2133

Se l’acquisizione della proprietà da parte dell’acquirente soggetto al pagamento del prezzo di acquisto a rate non costituisce ritardo dell’Acquirente sul rimborso non superiore a un decimo del prezzo di acquisto per sé il diritto di venditore di recedere dal contratto e chiedere la restituzione delle cose, se la rata acquirente non ha pagato entro e non oltre la data di scadenza delle seguenti rata, e con essa .

  • 2134

Riserva dei diritti agisce contro i creditori del compratore solo se è stata acquisita disposizione sotto forma di un documento pubblico, o se è stata acquistata per iscritto e firma delle parti autenticata, ma a quel tempo dalla data della verifica ufficiale delle firme. Tuttavia, se la prenotazione dei diritti negoziati su un caso registrato nel registro pubblico agisce nei confronti dei terzi solo se è stato registrato in questa lista.

Riserva per il rimborso
§ 2135

(1) L’Acquirente sarà obbligato a trasferire la merce all’Acquirente su richiesta. L’acquirente restituirà la merce al venditore in una condizione non valida e il venditore rimborserà il prezzo di acquisto all’acquirente; questo è equiparato ai benefici del denaro e dei frutti della cosa forse estratta.

(2) Una prenotazione di riacquisto vincola l’erede e il diritto al riacquisto può essere alienato solo se espressamente concordato.

  • 2136

Se l’acquirente ha sostenuto il costo per migliorarlo, o il costo aggiuntivo per mantenerlo, è lo stesso del titolare onesto; tuttavia, se il rimborso è sconfitto o peggiorato per i motivi per cui l’acquirente è responsabile, risarcirà il venditore per il danno.

  • 2137

In mancanza di un termine entro il quale il venditore ha il diritto di richiedere la restituzione del caso, il periodo di dieci anni si applica al patrimonio mobiliare per il periodo di tre anni convenuto e al bene immobile.

  • 2138

Se la prenotazione di rimborso è stata predisposta per una questione iscritta nell’elenco pubblico come un diritto effettivo, il caso può essere addebitato solo con il consenso della persona per la quale il diritto di riscatto è registrato nella lista pubblica.

  • 2139

Prenotazione di rivendita
Le disposizioni relative al riacquisto si applicano mutatis mutandis all’accordo mediante il quale l’acquirente si astiene dal vendere l’articolo al venditore.

  • 2140

Diritto di prelazione
(1) negoziare se si předkupník le cose diritto di prelazione, v’è l’obbligo del debitore di offrire cosa předkupníkovi comprare se si voleva vendere a terzi (koupěchtivému).

(2) Il diritto di prelazione può essere esteso con un accordo speciale ad altri modi di alienazione. Il diritto di prelazione può anche essere negoziato al di fuori del contratto di vendita.

  • 2141

Se il diritto di prelazione appartiene a più persone insieme, possono solo applicarle nella loro interezza. Cessa di esistere, tuttavia, un’opzione per l’acquisto di alcuni di loro, o non si applica se è possibile předkupníci restante diritto di prelazione per esercitare il tutto.

  • 2142

La riserva del diritto di prelazione vincola gli eredi e il diritto di prelazione può essere alienato se espressamente concordato.

  • 2143

L’obbligo del venditore di offrire l’oggetto all’acquirente raggiunge la conclusione di un contratto con l’acquirente.

  • 2144

(1) Laddove un diritto di prelazione sia stabilito come un diritto in natura, autorizza l’acquirente a reclamare nei confronti del successore dell’altra parte che ha acquisito l’oggetto o acquistato il diritto di acquistare il diritto di acquistare la cosa per il corrispettivo in questione.

(2) Se il successore ha la proprietà della questione in un altro modo, è obbligato a offrire all’acquirente una cosa da acquistare nelle condizioni allegate al suo predecessore.

(3) Se l’acquirente non acquista la cosa offerta, rimane il diritto di prelazione.

  • 2145

Se l’acquirente era a conoscenza del diritto di prelazione o se doveva saperlo, è vero che il contratto si conclude con la condizione di ridondanza dell’esercizio del diritto di prelazione.

  • 2146

Se il venditore negoziare con koupěchtivým che il contratto con lui dimettersi se předkupník eserciti il ​​proprio diritto o l’obbligo di modificare o annullare se předkupník il loro diritto di applicare, tali accordi sono inefficaci contro předkupníkovi. La disposizione opposta non deve essere presa in considerazione.

  • 2147

(1) L’offerta deve rendere al venditore un rapporto dell’acquirente di tutti i termini. L’offerta richiede l’annuncio del contenuto del contratto con l’acquirente. L’offerta per l’acquisto di un immobile richiede una forma scritta.

(2) Se l’Acquirente accetta un’offerta, un acquisto deve avvenire tra il Venditore e l’Acquirente alle stesse condizioni concordate con il Compratore.

  • 2148

(1) L’Acquirente dovrà pagare il Prezzo di Acquisto entro il termine stabilito, altrimenti entro otto giorni dall’Offerta nel caso di beni mobili e immobili entro tre mesi dall’Offerta. In caso contrario, il diritto di prelazione cessa di esistere.

(2) Odlozil Se il venditore koupěchtivému pagamento del prezzo di acquisto in un secondo momento, oppure se gli ha permesso di pagare a rate, si può rivendicare gli stessi vantaggi předkupník garantire se il pagamento differito sufficiente certezza.

  • 2149

(1) L’Acquirente pagherà il prezzo di acquisto nella quantità offerta dal compratore e soddisferà le condizioni offerte dal compratore accanto al prezzo di acquisto. Se l’acquirente accetta la prestazione secondaria che l’acquirente non può fornire, pagherà al venditore il suo valore. Se la controparte non può nemmeno compensare il prezzo stimato, il diritto di prelazione cessa di esistere; questo non è il caso se il contratto con l’acquirente sarebbe concluso senza un impegno per la prestazione secondaria.

(2) Se l’acquirente accetta di acquistare la cosa insieme ad altri per il prezzo complessivo, l’acquirente paga una parte del prezzo complessivo. Il venditore può richiedere all’acquirente di acquistare tutto ciò che non può essere separato da esso senza danni.

Acquista per l’esame
§ 2150

(1) Chi acquista un oggetto di prova acquista a condizione che approvi la questione entro il periodo di prova.

(2) Se le parti non esercitano un periodo di prova, devono rendere i beni mobili per tre giorni e per beni immobili un anno dopo la conclusione del contratto. Tuttavia, se si conclude un contratto che la questione deve essere esaminata o provata dopo la consegna, il periodo di prova decorre dalla data della consegna.

  • 2151

(1) Se l’acquirente non ha rilevato la questione, prevarrà la condizione della condizione della condizione di deposito. Questa condizione è considerata difettosa se l’acquirente non informa il venditore nel processo che approva il caso.

(2) Se l’acquirente ha rilevato l’azienda, la condizione è che la condizione sia una condizione obbligatoria. È vero che l’acquirente ha approvato la cosa se non l’ha rifiutato durante il periodo di prova.

(3) L’ acquirente non ha il diritto di rifiutare la questione, a meno che non possa restituirlo nello stato in cui è subentrato. Le modifiche causate dal provare le cose vengono ignorate.

Prenota un acquirente migliore
§ 2152

(1) Con la conclusione del contratto di acquisto con un acquirente migliore, il venditore acquisisce il diritto di favorire un acquirente migliore se si iscrive entro il termine specificato. Questo periodo riguarda i beni mobili per tre giorni e per i beni immobili un anno dopo la conclusione del contratto.

(2) Se il nuovo acquirente è migliore, il venditore decide; può dare la priorità a un nuovo acquirente, anche se il primo offre un prezzo più alto.

  • 2153

Analogamente all’acquisto per l’esame, verrà valutato in quali casi il miglior mandato dell’acquirente è la natura della condizione di stivaggio e la natura della condizione di roaming.

Clausola di prezzo
§ 2154

Se viene concordata una clausola di prezzo, il prezzo di acquisto dell’articolo sarà ulteriormente adeguato, tenendo conto del costo di produzione. Se non viene indicato quali costi sono determinanti, il prezzo di acquisto cambia in proporzione alle variazioni di prezzo delle principali materie prime necessarie per produrre l’articolo.

  • 2155

(1) A meno che le parti decidano che il tempo per valutare le variazioni di prezzo, prendendo in considerazione i prezzi al momento della conclusione del contratto e quando il venditore aveva una cosa da dire. Se la consegna deve aver luogo entro un certo periodo di tempo, verrà decisa la prestazione tempestiva effettiva, altrimenti si deciderà la fine di questo periodo.

(2) Se il venditore consegna una cosa per difetto, e se i prezzi componenti decisive della produzione costi inferiori rispetto al prezzo determinato in conformità del paragrafo 1 tiene conto dei prezzi più bassi.

  • 2156

I diritti e gli obblighi delle parti della clausola di prezzo cessano di esistere a meno che la parte autorizzata eserciti i propri diritti all’altra parte senza indebito ritardo dopo la consegna dell’articolo.

  • 2157

Altri accordi sussidiari
Ujednají se le altre riserve di partito o condizioni che consentono la modifica o la cessazione dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto, scade prenotazione o condizione entro un anno dalla data di efficacia del contratto di acquisto, se non viene esercitata entro questo periodo, la persona che ha diritto a riserve o condizioni.

Sottosezione 5

Disposizioni speciali sulla vendita di merci nel negozio
§ 2158

(1) Se il venditore imprenditore si applica alle vendite nelle sue attività in aggiunta alle disposizioni generali del contratto di acquisto e le disposizioni del presente comma a meno che l’acquirente è anche un imprenditore e quando il contratto è chiaro dalle circostanze che l’acquisto vale anche per la sua attività.

(2) Gli obblighi che di solito non sono venduti sulla vendita dell’articolo devono essere negoziati in modo specifico.

  • 2159

(1) Se il venditore consegna l’articolo in un luogo designato dal compratore, l’acquirente assume l’articolo al momento della consegna; in altri casi, l’acquirente prenderà in consegna l’oggetto in vendita.

(2) Se l’acquirente non prende in consegna la merce al momento specificato al paragrafo 1, il venditore paga per la conservazione. Se non pagano l’importo della parte, viene pagata la tariffa normale per l’importo concordato.

  • 2160

(1) Acquistando l’oggetto acquistato, l’acquirente acquisisce il titolo alla proprietà.

(2) Nel caso di vendite self-service, l’acquirente acquisisce la proprietà dell’articolo pagando il prezzo di acquisto. Fino a quel momento, l’acquirente può restituire l’articolo nella sua posizione originale. Se il danno si verifica prima del pagamento del prezzo di acquisto, deve essere sostituito da disposizioni generali.

  • 2161

Qualità di acquisizione
(1) Il venditore è responsabile nei confronti dell’acquirente che l’articolo non presenta difetti in caso di acquisizione. In particolare, il venditore è responsabile nei confronti dell’acquirente nel momento in cui l’acquirente ha rilevato l’articolo,

  1. a) ha le proprietà della materia, che le parti hanno negoziato, e la mancanza di un accordo, caratteristiche che il venditore o il produttore ha descritto o che gli acquirenti si aspettano per quanto riguarda la natura delle merci e basato sulla pubblicità che portano.

(b) la questione è idonea allo scopo indicato dal venditore o alla quale viene normalmente utilizzata la cosa del suo genere,

(c) la questione corrisponde alla qualità o alle prestazioni del campione o dell’originale concordato se la qualità o il disegno sono stati determinati sulla base del campione o dell’originale concordati,

(d) la questione è nella quantità, nel grado o nel peso appropriati, e

(e) il caso soddisfa i requisiti della legislazione.

(2) Se c’è un difetto entro sei mesi dall’acquisizione, si ritiene che la questione fosse difettosa al momento del suo rilevamento.

  • 2162

Se la natura dell’acquisto lo consente, l’acquirente ha il diritto di far verificare la cosa prima di essa o di svolgere le sue funzioni.

  • 2163

Per le cose utilizzabili, la durata più breve o, nel caso di una materia deperibile, è indicato il periodo di tempo per il quale la cosa può essere utilizzata.

  • 2164

Se una cosa ha un difetto che non impedisce l’uso della cosa per il suo scopo, può essere venduta solo ad un prezzo inferiore al prezzo normale della cosa perfetta. Il venditore del compratore farà notare che l’oggetto ha un difetto e che difetto lo è, a meno che non sia evidente dalla natura della vendita.

Diritti da prestazioni difettose
§ 2165

(1) L’acquirente ha il diritto di esercitare il diritto di difetto che si verifica nei beni di consumo durante i ventiquattro mesi dalla data di ricezione.

(2) Quando i prodotti venduti, l’imballaggio, le istruzioni allegate al caso o l’annuncio in conformità con altre leggi indicano il periodo per il quale può essere utilizzato il problema, si applica la disposizione di garanzia della qualità.

  • 2166

(1) Se richiesto dal compratore, il venditore gli certifica per iscritto, in quale misura e per quanto tempo i suoi obblighi in caso di prestazioni difettose. Il venditore ha doveri di prestazioni difettose almeno nella misura in cui persistono gli obblighi di prestazione difettosi del produttore. Nel certificato, deve anche indicare il nome, l’indirizzo e l’identificazione, o qualsiasi altra informazione necessaria per stabilire la sua identità.

(2) Se necessario, il venditore deve spiegare in modo comprensibile il contenuto, l’ambito, le condizioni e la durata della sua responsabilità, nonché il modo in cui i diritti da essi derivanti possono essere esercitati. Nella conferma, il venditore deve anche indicare che gli altri diritti dell’acquirente relativi all’acquisto non sono interessati. Il mancato rispetto di questi obblighi non pregiudica la validità della conferma.

(3) Se la natura della questione non viene risolta, il certificato di cui al paragrafo 1 può essere sostituito da una prova di acquisto dell’articolo contenente le suddette informazioni.

  • 2167

La sezione 2165 non si applica

  1. a) per articoli venduti a un prezzo inferiore per un difetto per il quale è stato concordato il prezzo inferiore,

(b) l’usura di una cosa causata dal suo normale utilizzo,

(c) il difetto utilizzato nel caso del grado appropriato di uso o di usura che l’oggetto aveva al momento dell’acquisto da parte dell’acquirente, o

(d) se deriva dalla natura del caso.

  • 2168

Se il venditore e l’acquirente accettano di accorciare il termine per l’esercizio dei diritti da una prestazione difettosa, tale accordo non sarà preso in considerazione. Ciò non si applica se le parti hanno ridotto questo tempo a metà del tempo previsto per legge quando acquistano beni di consumo già utilizzati; se l’accorciamento è maggiore, è valido per la metà concordata dell’orario statutario.

  • 2169

(1) A meno che le caratteristiche cosa specificate al § 2161, l’acquirente può richiedere la fornitura di nuove cose senza difetti, a meno che non è dovuto alla natura sproporzionata del difetto, ma se il difetto riguarda solo parte del caso, l’acquirente può richiedere la sostituzione di componenti; se questo non è possibile, può recedere dal contratto. Se, tuttavia, a causa della natura sproporzionata del difetto, soprattutto se è possibile rimediare al difetto senza indebito ritardo, l’acquirente ha il diritto ad un rimedio libero.

(2) Il diritto di fornire nuove cose, o parti di ricambio dovrebbe acquirenti in caso di difetti rimovibili se la cosa non può essere utilizzata correttamente per ricorrenza del difetto dopo la riparazione o per un maggior numero di difetti. In tal caso, l’acquirente ha il diritto di recedere dal contratto.

(3) A meno che il compratore dal contratto o non si applica se il diritto di consegnare le cose nuove, senza difetti, la sostituzione delle sue parti o riparare le cose può richiedere uno sconto ragionevole. L’acquirente ha il diritto di uno sconto adeguata anche se il venditore non può consegnare la sua nuova cosa senza difetti, sostituire la parte o riparare la cosa, e se il venditore non ha posto rimedio entro un tempo ragionevole, o che i consumatori rimedio ci sono stati notevoli difficoltà.

  • 2170

Il diritto di esecuzione difettosa dell’acquirente non appartiene se l’acquirente sapeva prima dell’acquisizione della cosa che la cosa era difettosa o se l’acquirente ha causato il difetto stesso.

  • 2171

Se la cosa ha un difetto dal quale il venditore è vincolato, e nel caso di una cosa venduta ad un prezzo inferiore o la cosa usata, l’acquirente ha il diritto di scambiare il diritto a uno sconto ragionevole.

  • 2172

I diritti di difetto si applicano al venditore per il quale l’oggetto è stato acquistato. Tuttavia, se la conferma ai sensi del § 2166 elencato altra persona designata per la riparazione, che è il sito del venditore o l’acquirente sul posto per un esame più attento, l’acquirente esercita il diritto alla riparazione per coloro che sono determinati a effettuare le riparazioni. La persona da riparare effettuerà una riparazione entro il tempo concordato tra il venditore e l’acquirente al momento dell’acquisto dell’articolo.

  • 2173

Se l’acquirente esercita il diritto a prestazioni difettose, l’altra parte deve riconoscere la forma scritta in cui ha esercitato il diritto, nonché la riparazione e la durata della garanzia.

  • 2174

Se le parti concordano prima che l’acquirente possa esercitare il diritto a un difetto, limitare i suoi diritti o scadere, l’acquirente deve essere ignorato.

Sottosezione 6

Disposizioni speciali per l’acquisto della pianta
§ 2175

(1) L’ acquirente acquisisce tutto ciò che appartiene alla gara nel suo complesso. L’acquisto di una gara è anche il caso in cui le parti acquistano un singolo oggetto senza perdere l’intera gara.

(2) L’ acquisto di un impianto è considerato un trasferimento dell’attività del datore di lavoro.

  • 2176

Si ritiene che il prezzo di acquisto sia negoziato sulla base delle attività trasferite nelle registrazioni contabili dell’impianto venduto e nel contratto alla data della sua conclusione; se il contratto deve entrare in vigore successivamente, il prezzo di acquisto cambia in base all’aumento o alla diminuzione delle attività che si sono verificate nel frattempo.

  • 2177

(1) acquista l’impianto e l’acquirente diventa il creditore dei crediti e il debitore dei debiti che appartengono alla gara; dei debiti, tuttavia, l’acquirente accetta solo coloro di cui conosceva l’esistenza o almeno che avrebbe ragionevolmente presumere. Se il creditore non accetta di rilevare il debito dell’acquirente, il venditore garantisce il debito. Le acquisizioni di crediti da parte dell’acquirente sono disciplinate dalle disposizioni in materia di cessione di crediti.

(2) Il venditore annuncia senza indebito ritardo ai suoi creditori e debitori i cui crediti e debiti l’acquirente ha acquistato l’impianto acquistato, che ha venduto l’impianto ea chi.

  • 2178

Vieta la vendita dello stabilimento di trasferire all’acquirente il diritto derivante dalla proprietà intellettuale industriale o altro per il quale esclude il trattato, che è stato concesso il venditore, o se esclude la natura di tali diritti.

  • 2179

(1) Il verbale del partito gara passaggio di consegne devono elencare tutto ciò che coinvolge la razza e ciò che l’acquirente passa e tutto ciò che manca, anche se non sotto contratto o di un impianto contribuisce a creare scritture contabili. Il venditore deve, al più tardi nella nota dell’acquirente, richiamare l’attenzione sui difetti dell’oggetto di vendita a lui noto o conosciuto.

(2) Se la voce non indica la cosa appartenente alla gara, l’acquirente la acquisisce insieme alla gara. Se il debito non è registrato nel registro, l’acquirente lo acquisisce se deve ragionevolmente assumerne l’esistenza.

  • 2180

(1) Se l’acquirente è iscritto nel registro pubblico acquisisce proprietà dell’impianto nel suo complesso attraverso la pubblicazione di dati che ha imposto la prova di corsa di acquisto nella raccolta di documenti previsti da altre normative.

(2) Se l’acquirente non è registrato nel registro pubblico, acquisisce il diritto di proprietà sull’impianto nel suo insieme per effetto del contratto.

(3) Le disposizioni dei paragrafi 1 e 2 non pregiudicano l’obbligo di registrare i diritti su oggetti soggetti ad altra legislazione o alle restrizioni risultanti da licenze o contratti simili.

  • 2181

Se esigibilità gara di vendita inclemente dei crediti, il creditore è un venditore che non è d’accordo con la vendita, il diritto di chiedere che il giudice ha stabilito che la cessione dello stabilimento è inefficace contro di lui. Questo diritto scade se il creditore non si applica entro un mese dalla data della vendita, ma non oltre tre anni dopo la data effettiva del contratto.

  • 2182

(1) Se una delle parti si ritira dal contratto, i crediti e i debiti che appartengono alla fabbrica devono essere trasferiti al venditore; dei debiti, tuttavia, il venditore acquisisce solo coloro di cui conosceva l’esistenza o almeno che avrebbe ragionevolmente supporre. Se il creditore non acconsente all’accettazione del debito da parte del venditore, l’acquirente è responsabile della sua esecuzione. L’acquisizione di crediti da parte del venditore è regolata in altro modo dalle disposizioni in materia di cessione di crediti.

(2) L’ acquirente deve comunicare ai creditori e ai debitori i cui crediti e debiti il ​​venditore ha acquisito, senza indebito ritardo, che l’obbligazione è cessata con la risoluzione del contratto.

  • 2183

Le disposizioni di questa sottosezione si applicano mutatis mutandis ad altri trasferimenti di proprietà dell’impianto e alla vendita o trasferimento di una parte dell’impianto che costituisce un’unità organizzativa separata.

Sezione 3

inning
§ 2184

Disposizioni di base
(1) I termini del contratto, ciascuna delle parti si impegna a trasferire l’altra parte, la proprietà delle cose in cambio per l’altra parte si impegna a trasferire la proprietà di altre cose.

(2) Le parti rinunceranno alle cose come erano al momento della conclusione del contratto.

  • 2185

(1) Se si verifica un incidente occasionale prima che il rischio di danni al caso passi, il contratto è considerato come se non fosse stato concluso. Se prima di sottoporre il caso alla sua accidentale deterioramento nella misura in cui il valore scende sotto la metà della roba, l’altra parte il diritto di recedere dal contratto.

(2) L’ altro aggravamento casuale dell’elemento o il suo affetto dell’onere è responsabilità del cedente; una leggera diminuzione di valore viene ignorata.

(3) Nel caso di un cambiamento di cose, l’incidente sarà influenzato dalla distruzione accidentale o deterioramento accidentale delle singole cose del destinatario, a meno che il tutto non sia compromesso a metà prezzo.

  • 2186

Quando l’oggetto viene spedito, il rischio di danni al ricevitore avviene prendendo in consegna l’oggetto. Tuttavia, se il designato oppure approvati in quanto la sua causa da inviare, trasferiti al cessionario il rischio di danno è già spedizione.

  • 2187

I frutti e i benefici dell’elemento di scambio appartengono al cessionario fino a quando non deve cedere la cosa in base al contratto; dalla fine di questo periodo, i frutti e i benefici appartengono al cessionario, anche se la questione non è ancora stata consegnata.

  • 2188

In caso contrario, le disposizioni di scambio contratto applicabili al contratto di acquisto che ciascuna delle parti considerate caso per dare in cambio per i venditori di partito, e circa le cose che accetta per l’acquirente partito.

Parte 2

Permettere che l’oggetto sia usato da un altro
Sezione 1

ottenga per
§ 2189

Disposizioni di base
Lascia se Lender cosa che qualcuno liberi di usare senza tempo per negoziare, per i quali la cosa da usare o scopo per cui si ha una cosa da usare, di ottenere per i risultati.

  • 2190

(1) Chiunque abbia lasciato la questione alla persona che ha dato l’ordine può richiedere il suo ritorno a volontà.

(2) Il Procuratore non può rimandare la questione in un momento in cui causerebbe difficoltà al prestatore, a meno che il prestatore non sia d’accordo con esso.

  • 2191

(1) Il danno al patrimonio deve essere rimborsato al creditore a meno che non provi che la cosa è stata utilizzata in modo commisurato alla sua natura.

(2) la libertà se výprosník senza il consenso del creditore che la questione stava prendendo qualcun altro andrà a sostituire il creditore del danno subito, a meno che il danno si è verificato il contrario.

  • 2192

Se trova una causa persa per il quale výprosník già dato un risarcimento, la legge è diventata una cosa contro il creditore lascerà, ma la cosa per il creditore contro il rimborso del rimborso indietro.

Sezione 2

prestiti
§ 2193

Disposizioni di base
In base a un accordo di prestito, il mutuante lascia il debitore in una cosa inutilizzabile e si impegna a consentirne l’uso a titolo gratuito su base temporanea.

  • 2194

Il mutuatario acquisisce il diritto di utilizzare la cosa nel modo concordato e, se non concordato, in modo commisurato alla natura della questione. Il mutuatario non ha il diritto di lasciare la questione a un’altra persona senza il permesso del creditore.

  • 2195

(1) Il mutuante deve lasciare la proprietà in una condizione che è in uso per il mutuatario. Se il danno è causato da un difetto nella questione che il mutuatario ha nascosto, il mutuatario risarcirà il mutuatario per il danno subito.

(2) Prestatore mutuatario imparare ad usare la cosa, a meno che le regole sono generalmente noti, o se non segue dal fatto che non è necessario. Se fallisce, sostituire il mutuatario del danno causato.

  • 2196

Quando le disposizioni era l’unico scopo per il quale ha una cosa da usare, organizzare per il mutuatario in modo che egli prende la questione senza indugio e di realizzare il suo scopo senza ritorno indebito ritardo.

  • 2197

Il mutuatario ha il diritto di restituire la cosa prematuramente; tuttavia, se il mutuatario ha avuto difficoltà nel farlo, non può restituire la cosa senza il suo consenso.

  • 2198

(1) Il creditore non può rivendicare il ritorno prematuro della cosa; questo non si applica se il mutuatario si oppone al contratto.

(2) Se il mutuatario ha bisogno di una cosa inevitabilmente prima a causa di un motivo che non poteva prevedere al momento della firma del contratto, può chiedere il rimborso anticipato solo se concordato.

  • 2199

(1) I costi usuali per l’utilizzo dell’oggetto sono a carico del mutuatario.

(2) A spese di costi straordinari, il mutuatario può trasferire la questione al mutuatario per spenderlo da solo. Se il mutuatario non lo fa o non può farlo e se i costi straordinari sono sostenuti nella misura necessaria dal mutuatario stesso, egli ha diritto al risarcimento come agente non qualificato.

  • 2200

I diritti del mutuante e del mutuatario devono essere fatti valere entro tre mesi dalla restituzione del caso, altrimenti il ​​tribunale non lo ammetterà se l’altra parte sostiene di essere in ritardo.

Sezione 3

locazione
Sottosezione 1

Disposizioni generali
§ 2201

Disposizioni di base
Con un contratto di locazione, il locatore si impegna a lasciare l’inquilino per uso temporaneo e l’inquilino si impegna a pagare l’affitto al locatore.

  • 2202

Oggetto del contratto di locazione
(1) Per affittare un immobile e una cosa inutilizzabile mobile. Puoi anche affittare alcuni degli immobili; ciò che determina ulteriormente il caso, si applica anche al leasing della sua parte.

(2) Una cosa che può essere affittata solo in futuro se può essere determinata con sufficiente precisione alla conclusione del contratto di locazione.

  • 2203

Nel caso in cui un articolo affittato sia inserito in un elenco pubblico, l’elenco di leasing deve essere inserito anche nell’elenco pubblico se il proprietario dell’oggetto o il locatario accetta di farlo.

  • 2204

(1) Se le parti non considerano la durata o il giorno della risoluzione del leasing, devono essere considerate come un leasing di durata indefinita.

(2) Ujednají Se la locazione parti a tempo determinato di più di cinquanta anni, si ritiene che i contratti di leasing su a tempo indeterminato con quella dei primi cinquant’anni possono terminare il contratto di locazione solo da ragioni ujednaných di licenziamento e concordato periodo di preavviso.

locatore
§ 2205

Il contratto di locazione del locatore è vincolante

  1. a) lasciare che il locatario rinunci alla cosa in modo che possa essere usata allo scopo o per lo scopo usuale,
  2. b) per mantenere la cosa in uno stato al fine di servire l’uso per il quale è stato affittato,

(c) fornire al locatario un uso indisturbato dell’articolo per la durata del contratto di locazione.

  • 2206

(1) Il Locatore sottopone al locatario la cosa all’orario concordato, altrimenti il ​​giorno successivo alla richiesta del Locatario.

(2) Il Locatore sottopone al locatario una cosa con tutto ciò che è necessario per un uso corretto della cosa.

  • 2207

(1) Durante il periodo di locazione, viene eseguita la normale manutenzione della proprietà dell’inquilino, a meno che il locatore non si sia impegnato a farlo. Le altre manutenzioni e le riparazioni necessarie sono fatte dal locatore a meno che il locatario non si sia impegnato per qualche tipo o tipo di manutenzione e riparazione di alcuni difetti.

(2) Il Locatore non è responsabile per qualsiasi difetto che, al momento della conclusione del contratto di locazione, è noto alle Parti e che non impedisce l’utilizzo dell’oggetto.

  • 2208

(1) notifica da parte del conduttore correttamente e sulle cose difetti di tempo che il padrone di casa rimosso ed eliminato se il difetto padrone di casa, senza indebito ritardo in modo che l’inquilino può causare utilizzato solo con difficoltà, il locatario ha diritto ad uno sconto ragionevole per il noleggio o può fare una correzione anche da solo e chiedendo il rimborso delle spese. Lo rende difficile, se non difetto fondamentale di utilizzo, o impossibile se pienamente utilizzare, l’inquilino ha il diritto di affittare o di sgravio può risolvere il contratto senza preavviso.

(2) Il locatario ha il diritto di contare ciò che può chiedere al locatore in base al paragrafo 1 fino all’affitto per un mese; se la durata del contratto è più breve, fino all’affitto.

(3) Non applicabile se l’inquilino ha diritto ai sensi del paragrafo 1 entro sei mesi dalla data in cui il difetto riscontrato o potrebbe scoprire il suo giudizio è ammetterlo, ricongiunge applicazione del padrone di casa in ritardo.

  • 2209

Durante il contratto di locazione, il proprietario non ha il diritto di modificare la proprietà in affitto.

  • 2210

(1) Se è necessario effettuare la riparazione necessaria durante il contratto di locazione, che non può essere posticipata per il periodo successivo al contratto di locazione, l’inquilino deve tollerarlo, anche se la riparazione causerà difficoltà o limiterà l’uso dell’articolo.

(2) Se ci vogliono correzione dovuta al periodo di tempo del contratto di locazione eccessivamente lungo o difficile da utilizzare durante la riparazione di cose rispetto al solito, il locatario ha diritto ad uno sconto sul canone di locazione in base al tempo di riparazione e la sua portata.

(3) Se si tratta di una correzione che, al momento della sua attuazione non è possibile utilizzare la cosa a tutti, l’inquilino ha il diritto di dargli temporaneamente il padrone di casa di usare qualcosa di diverso, oppure risolvere il contratto di locazione senza preavviso.

  • 2211

Se una terza parte minaccia il locatario nel suo diritto di noleggio o se l’inquilino causa una violazione del noleggio, l’inquilino può avere diritto alla protezione.

  • 2212

(1) Se una parte terza utilizza un diritto di proprietà o altro, o se richiede l’emissione o la rimozione di una cosa, il locatario ne informa il locatore; se richiesto, fornirà al locatore una protezione.

(2) Se il Locatore non fornisce una protezione sufficiente al Locatore, il Locatario può recedere dal contratto senza preavviso.

(3) Se l’inquilino è disturbato dall’uso della cosa o comunque influenzato dalle azioni di una terza parte, avrà diritto a una ragionevole indennità di affitto se tale terza parte ha dato avviso al locatore in tempo utile.

inquilino
§ 2213

Il locatario è inoltre obbligato a utilizzare la cosa come un operatore economico appropriato per lo scopo, o se non è d’accordo, per il solito scopo, e per pagare l’affitto.

  • 2214

Il locatario deve comunicare al proprietario che la proprietà ha un difetto da porre rimedio al proprietario subito dopo averlo scoperto o quando è stato in grado di accertare la questione con cura.

scava
§ 2215

(1) Se il Locatore è d’accordo, il Locatario può costituire una terza parte per il diritto di utilizzo; se il contratto di locazione è concluso in forma scritta, il consenso del proprietario richiede anche una forma scritta.

(2) Stabilire se l’inquilino a terzi il diritto di utilizzare le cose senza il consenso del padrone di casa, è considerato una grave violazione degli obblighi del locatario al locatore causando gravi lesioni.

(3) Il diritto di utilizzo può essere istituito per un terzo per la durata del contratto di locazione; l’accordo di scostamento deve essere ignorato.

  • 2216

Se l’inquilino consente alla terza parte di usare la cosa, è responsabile nei confronti del proprietario della condotta di quella persona come se stesse usando la cosa da solo.

affitto
§ 2217

(1) L’affitto è pagato nella quantità concordata, e se non negoziate, da versare nella quantità abituale al momento della conclusione del contratto di locazione, tenendo conto l’affitto per la locazione di cose simili in condizioni simili.

(2) Se l’affitto deve essere pagato secondo l’accordo delle parti diverso dal denaro, il valore patrimoniale della prestazione fornita è espresso in denaro.

  • 2218

L’affitto è pagato mensilmente.

Altri diritti e doveri delle parti
§ 2219

(1) danno il padrone di casa un ragionevole anticipo, l’inquilino gli permetterà di esplorare le cose necessarie alla misura così come l’accesso ad esso o lei per eseguire le riparazioni necessarie o roba di manutenzione. Non è richiesto alcun preavviso se è necessario prevenire danni o se sussiste il rischio di ritardi.

(2) Se il locatario ha difficoltà nelle attività del locatore di cui al paragrafo 1, che non sono solo insignificanti, l’inquilino ha diritto a uno sconto sull’affitto.

  • 2220

(1) Il locatario ha il diritto di modificare l’oggetto solo previo consenso del proprietario; se il contratto di locazione è concluso in forma scritta, il consenso del proprietario richiede anche una forma scritta. Il cambiamento viene effettuato dall’affittuario a sue spese; Se il cambiamento si verifica alla valutazione, il locatore compenserà il locatario alla fine del leasing in base al tasso di apprezzamento.

(2) Se le cose cambiamento locatario senza il consenso del locatore, ha portato la questione al suo stato originale non appena il padrone di casa chiede, ma al più tardi alla fine del contratto di locazione di cose. Se il Locatario omette di notificare al Locatore le sue condizioni originali su richiesta del Locatore, il Locatore può recedere dal contratto senza preavviso.

Cambio di proprietà
§ 2221

(1) Se il proprietario della cosa cambia, i diritti e gli obblighi del contratto di locazione passano al nuovo proprietario.

(2) Se il proprietario ha trasferito il diritto di proprietà sulla proprietà, gli obblighi del proprietario non sono vincolanti per il nuovo proprietario, che la legge non fornisce. Questo non si applica se il nuovo proprietario fosse a conoscenza di questi accordi.

  • 2222

(1) Una parte non ha il diritto di rescindere il contratto unicamente perché il proprietario della cosa è cambiato. Alle altre modalità il proprietario ha il diritto di rescindere il contratto di locazione, entro tre mesi dopo che lui sapeva o avrebbe dovuto sapere che l’inquilino, e l’inquilino entro tre mesi dopo il passaggio di proprietà apprese.

(2) Se il nuovo proprietario, se ragionevoli motivi per dubitare che l’acquisto di qualcosa che non è affittato, ha il diritto di risolvere il contratto entro tre mesi dopo che lui sapeva o avrebbe dovuto sapere che la cosa affittata a un inquilino che è. Il diritto dell’inquilino alla persona con cui è stato stipulato il contratto di locazione non è influenzato.

(3) Nel caso di beni immobili, il periodo di preavviso è di tre mesi. Se è una cosa mobile, il periodo di preavviso è di un mese.

  • 2223

La parte che denuncia il contratto deve fornire all’altra parte un adeguato risarcimento.

  • 2224

Se l’inquilino ha affittato l’inquilino, il locatore ha il diritto di recedere dal contratto di locazione a causa di un cambio di proprietà. La disposizione opposta non deve essere presa in considerazione.

Risoluzione del contratto di locazione
§ 2225

(1) In caso di risoluzione del locatario locazione padrone di casa si arrende cosa al luogo in cui ha assunto la direzione, e nelle stesse condizioni in cui era al momento in cui è stato ricevuto, tenendo conto la normale usura di uso regolare, a meno che la cosa distrutta o svalutata; la resa è anche il trasferimento degli immobili rimossi. Se era il caso al momento della presentazione il locatario Un record che contiene una descrizione delle cose in considerazione al momento della consegna cose padroni di casa anche a lui.

(2) Al momento della consegna le cose fuori per l’inquilino e prende tutto per mettere le cose o portati proprie spese, se possibile, e non si deteriora se la natura delle cose o ostacolare in modo sproporzionato se il suo uso.

  • 2226

(1) Se la cosa cessa di esistere durante il periodo di leasing, il contratto di locazione si estingue.

(2) Se la cosa cessa di esistere durante il periodo di leasing, l’inquilino ha il diritto a una ragionevole indennità di affitto o di risolvere il contratto di locazione senza preavviso.

  • 2227

Se diventa cosa inutile scopo ujednanému, o se nessun accordo allo scopo di consueto, per ragioni che non sono dalla parte del locatario, l’inquilino ha il diritto di terminare il contratto di locazione senza preavviso.

  • 2228

(1) Quando utilizzato cosa locatario in modo tale che indossa eccesso di circostanze ragionevoli che minacciano o distruggono le cose, il padrone di casa gli chiede di rinviare il caso preso correttamente, gli darà un tempo ragionevole per correggere, comunicandogli delle possibili conseguenze di disobbedire alla chiamata. L’invito richiede una forma scritta e deve essere consegnato al locatario.

(2) Se l’inquilino non rispetta l’invito di cui al paragrafo 1, il Locatore avrà il diritto di risolvere il contratto senza preavviso.

(3) Se non v’è, tuttavia, nel caso di cui al paragrafo 1, una grave pericolo urgente di inadempienza, il proprietario ha il diritto di terminare il contratto di locazione senza preavviso, senza un inquilino chiamato a correggere.

(4) Il Locatore avrà il diritto di procedere allo stesso modo di cui ai paragrafi 1 e 2, a meno che il Locatario non paghi l’affitto o fino alla sua successiva locazione.

  • 2229

Il contratto di locazione a tempo determinato può essere risolto da entrambe le parti solo se i termini dell’avviso e il periodo di preavviso sono stati concordati nel contratto.

  • 2230

(1) Quando utilizzato cosa locatario dopo la scadenza del leasing e il padrone di casa entro un mese non si chiederà di cedere la sua cosa, vero che il contratto di locazione è stato richiusa alle condizioni originariamente ujednaných. Se il periodo di noleggio era inizialmente più di un anno, ora è valido per un anno; se inferiore a un anno, è ora valido per questo periodo.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano, nonostante il fatto che il locatario utilizza la cosa via, se si parte entro un ragionevole anticipo dimostrano che l’affitto termina prima o locazione finanziaria risolti.

  • 2231

(1) Il contratto di locazione, convenuto a tempo indeterminato, termina con una delle parti. Se il caso è mobile, il periodo di preavviso è di un mese, se è una cosa reale, sono tre mesi.

(2) La risoluzione non deve essere giustificata; questo non si applica se la parte ha il diritto di risolvere il contratto senza preavviso.

  • 2232

Se una parte viola seriamente i propri obblighi e causa quindi un danno considerevole all’altra parte, la parte interessata ha il diritto di risolvere il contratto senza preavviso.

  • 2233

(1) Nel corso dei tre mesi prima della scadenza del contratto di locazione, se la data di cessazione contratto di locazione le parti sanno cose consentiranno inquilini di essere ri-assunti, i candidati per l’approccio di locazione alla materia nella misura necessaria per l’ispezione in presenza del proprietario e dell’inquilino; il locatore comunica al conduttore la visita entro un ragionevole lasso di tempo.

(2) Si applica anche la clausola 2219 (2) qui.

  • 2234

Il locatore ha il diritto di pagare il credito al locatario per mantenere la proprietà mobile che il locatario ha sull’oggetto o in esso.

Sottosezione 2

Disposizioni speciali per affittare un appartamento e affittare una casa
Disposizioni di base
§ 2235

(1) obbliga il contratto di locazione al locatore il locatario al fine di garantire le esigenze abitative del locatario e, eventualmente, anche i membri del suo appartamento di famiglia o casa che è oggetto del contratto di locazione, ignorando l’accordo accorciando i diritti del conduttore ai sensi delle disposizioni del presente comma.

(2) Le disposizioni del presente comma non si applicano se l’inquilino lascia padrone di casa di un appartamento o una casa per la ricreazione o di qualsiasi altro scopo, ovviamente, a breve.

  • 2236

(1) Abitazione si riferisce ad una stanza o un insieme di camere che fanno parte della casa si compone di superficie abitabile e sono progettati e utilizzati per lo scopo di abitazioni. Ujednají Se l’inquilino e il proprietario che l’occupazione affitterà diversa da una zona residenziale, le parti sono vincolate allo stesso modo come se fosse affittato spazio di vita.

(2) Il fatto che lo spazio affittato non sia destinato all’alloggio non può essere dannoso per l’inquilino.

(3) Se l’inquilino deve affittare una casa per le necessità di affitto dell’inquilino, le disposizioni per l’affitto dell’appartamento si applicano mutatis mutandis.

  • 2237

Il contratto richiede una forma scritta; tuttavia, il proprietario non ha il diritto di opporsi all’inquilino per invalidità del contratto per mancanza di forma.

  • 2238

Se il locatario ha un appartamento per tre anni in buona fede, che l’affitto è lecito, il contratto di locazione è considerato debitamente chiuso.

  • 2239

Accordi vietati
Ignorare qualsiasi accordo che impone l’inquilino a pagare il padrone di casa un calcio di rigore, né disposizioni che impone l’obbligo del locatario, che è a causa di circostanze non manifestamente sproporzionato.

  • 2240

Disposizioni speciali per l’affitto di un appartamento cooperativo
Un contratto di affitto per l’affitto di un appartamento cooperativo può essere stipulato a condizioni stipulate da un’altra legge o modificate negli statuti della cooperativa edilizia. Lo stesso vale per i diritti e i doveri del locatario e del proprietario.

  • 2241

Nel caso di un appartamento di proprietà di una persona giuridica che è un membro o un membro di tale persona giuridica per l’adesione, i diritti e gli obblighi delle parti sono regolati principalmente dallo statuto o dal contratto sociale.

Consegna dell’appartamento
§ 2242

(1) Salvo periodo, il locatore deve mettere a disposizione del locatario essere ammissibili in caso di occupazione e di occupazione, mettere a disposizione il locatore sarà il primo giorno del mese successivo alla data in cui il contratto ha avuto effetto. L’appartamento si accede, ha ricevuto, se l’inquilino non impedisce le chiavi e se non ha accesso all’appartamento.

(2) Il locatore può concordare con il conduttore che un appartamento che non è adatto per l’abitazione deve essere trasferito all’abitazione. Tale accordo è valido solo se sono concordati diritti e obblighi particolari derivanti dalla particolare natura dell’appartamento, compresi l’importo e le modalità di rimborso dei costi relativi all’adeguamento necessario.

  • 2243

L’appartamento è ammissibile in caso di occupazione e di occupazione se corrisponde alla disposizione nel contratto, e se non nulla d’accordo, è quello di poter beneficiare di occupazione e di occupazione se è pulito e in uno stato che di solito è considerato buono, e se garantisce la fornitura della necessaria prestazioni associate o associate all’uso dell’appartamento.

  • 2244

(1) Se non altrimenti specificato nel periodo di tempo concordato per poter beneficiare di occupazione e di occupazione, o se l’appartamento in uno stato che non corrisponde al locatore di comunicazione, il locatario ha il diritto di rifiutare di muoversi. Se si muove, ha il diritto di richiedere al proprietario di eseguire il contratto; se non lo fa inutilmente, il suo diritto sarà perso.

(2) Se il locatario conosceva già le condizioni dell’appartamento al momento della conclusione del contratto, le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano. Questo è vero anche se l’inquilino non conosceva le condizioni dell’appartamento quando ha concluso il contratto, perché non l’ha visto, anche se il padrone di casa tempestivamente e debitamente invitato l’inquilino per l’ispezione.

  • 2245

Se l’inquilino usa il diritto di non trasferirsi nell’appartamento, non è obbligato a pagare l’affitto per la durata del difetto. Se si muove, ha diritto a una ragionevole indennità di locazione fino a quando il proprietario non ha rimosso il difetto; ciò vale anche nel caso di un difetto sostanziale nella fornitura di prestazioni associate o correlate all’uso dell’appartamento.

Affitto e altri pagamenti
§ 2246

(1) Le parti devono negoziare un importo fisso di affitto. Si considera che l’affitto è negoziato in un mese.

(2) Neujednají Se le parti la quantità di affittare un padrone di casa il diritto di affittare ad un importo che è il giorno della conclusione del contratto nel solito posto per una nuova prospettiva di appartamento simile a condizioni analoghe.

  • 2247

(1) Le parti concordano quali prestazioni associate all’uso del piano o dei relativi servizi saranno fornite dal locatore; in assenza di tale accordo, si applicano le disposizioni del paragrafo 2.

(2) Il Locatore fornirà i servizi necessari durante il contratto di locazione. Si pensa che i servizi essenziali come l’approvvigionamento idrico, rifiuti e scarico delle acque reflue, comprese vasche di lavaggio, fornitura di calore, rimozione dei rifiuti urbani, illuminazione e pulizia delle parti comuni dell’edificio, fornendo radiotelevisiva, funzionamento e camini o gestione ascensori pulizia .

(3) Il metodo per la distribuzione dei prezzi e il rimborso dei servizi è stabilito da un’altra regolamentazione legale.

(4) Le parti concordano il metodo di determinazione del prezzo e il pagamento di qualsiasi altro servizio, salvo diversa disposizione di legge o di decisione dell’autorità di prezzo. Il metodo di distribuzione deve essere determinato prima che venga fornito il servizio.

  • 2248

Le parti possono organizzare aumenti di affitto annuali.

  • 2249

(1) Neujednají Se le parti aumenti di affitto o escludere se l’aumento degli affitti in particolare, il padrone di casa per iscritto per suggerire inquilini aumento del canone fino agli affitti comparabili livello abituale nel luogo in cui l’aumento proposto insieme a quella che si è già verificato in passato tre anni, non sarà più del venti percento. Il progetto di učiněnému prima della scadenza di dodici mesi in cui l’affitto non è stato aumentato, e che non include l’ammontare del canone di locazione e non dimostra che le condizioni di cui al presente disposizione si tiene conto.

(2) Il regolamento giuridico di attuazione stabilisce i dettagli e la procedura per determinare la rendita paragonabile che è usuale nel luogo dato.

(3) concordano sul fatto se l’inquilino con una proposta di aumentare l’affitto, la retribuzione a partire dal terzo mese di calendario dal ricevimento della proposta di aumento affitto come proposto. Notifica l’inquilino se il padrone di casa per iscritto entro due mesi dal l’ottenimento della proposta, l’aumento del contratto di locazione, il proprietario ha il diritto di proporre, entro altri tre mesi per determinare l’ammontare del canone di locazione del tribunale; domanda presentata dopo la scadenza non è conforme con la corte, se l’inquilino ha obiettato che la petizione è stata presentata fuori tempo massimo. Il tribunale deciderà, su proposta del proprietario del canone di locazione per l’importo che è a posto e il tempo con effetto a partire dalla data di applicazione alla corte.

(4) Quando il locatario propone una riduzione del canone, le disposizioni dei paragrafi da 1 a 3 si applicano mutatis mutandis.

  • 2250

(1) eseguita da alterazioni locatore che migliorano in modo permanente il valore d’uso di un appartamento in affitto o di condizioni di vita generali in casa, o si traducono in risparmi permanenti in energia o di acqua, possono essere gli inquilini per concordare un aumento del canone, ma meno del dieci per cento del volutamente dei costi sostenuti ogni anno. Se la proposta di un tale aumento di affitto concorda con almeno due terzi degli appartamenti della casa, l’affitto viene pagato anche per gli altri inquilini.

(2) In assenza di un accordo ai sensi del paragrafo 1, il locatore può proporre un aumento dell’affitto per tali motivi annualmente del tre e mezzo percento delle spese sostenute; si ritiene che i costi siano stati spesi rapidamente. La proposta, che non contiene l’importo dell’affitto o non soddisfa le condizioni previste da questa disposizione, non deve essere presa in considerazione.

  • 2251

(1) Il locatario paga in anticipo l’affitto per ogni mese o altro periodo di pagamento concordato, entro e non oltre il quinto giorno del rispettivo periodo di pagamento, se non è stata concordata alcuna data successiva. Insieme all’affitto, il locatario paga l’anticipo o il costo dei servizi forniti dal locatore; su questi progressi e costi, la Sezione 2253 si applica mutatis mutandis.

(2) Il Locatore non può richiedere al locatario di eseguire altre operazioni oltre a quelle di cui al paragrafo 1, sotto forma di deposito o altro, o di pagare l’affitto con un assegno posticipato o con qualsiasi altro metodo analogo.

  • 2252

(1) Se richiesto da un inquilino, il padrone di casa gli permetterà di governare entro quattro mesi dopo la fine del l’intuizione periodo di fatturazione in spese relative ai servizi forniti per l’anno civile precedente, così come ottenere un estratto fattura o copie; lo stesso vale per i documenti relativi ai costi addebitati.

(2) Il mancato pagamento e il pagamento in eccesso degli anticipi per servizi resi devono essere pagati lo stesso giorno; salvo diverso accordo, è dovuto entro tre mesi dalla scadenza del termine di cui al paragrafo 1.

  • 2253

(1) A meno che le parti di arretrati di affitto, non può terminare il contratto di locazione per il mancato pagamento del canone di locazione salvato se l’inquilino dovuto affitto, o il suo controverso parte in custodia notarile e ne informa il padrone di casa.

(2) Nella misura Se le prestazioni inquilino del contratto e il proprietario si rifiuta di incontrarsi con l’eccezione di mancato pagamento del canone di locazione, l’inquilino dovuto affitto negozi, o il suo controverso parte in custodia notarile e ne informa il padrone di casa.

  • 2254

certezza
(1) Ujednají Se le parti, l’inquilino dà il padrone di casa una garanzia in denaro per pagare l’affitto e incontrare gli altri obblighi derivanti dal contratto di locazione, deve essere certezza di superiore a tre volte l’affitto mensile.

(2) Alla risoluzione del contratto di locazione, il locatore dovrà restituire la garanzia al locatario; Prendi in considerazione ciò che l’inquilino deve al locatario. Il locatario ha il diritto di interesse sulla sicurezza dalla sua fornitura almeno al tasso legale.

Diritti e doveri delle parti
§ 2255

(1) L’inquilino utilizza l’appartamento correttamente in conformità con il contratto di locazione.

(2) Se il carico maggiore per un appartamento o una casa non lo causa, l’inquilino