Legge n. 90/2012 Coll.

Legge sulle società commerciali e cooperative (legge sulle corporazioni commerciali)

Leggi per le persone
90/2012
např: § 21 odst 2 písm a, p21, jiný předpis …
Accedi
Vai a PLUS
Sei qui: Laws for People
La raccolta di leggi della Repubblica ceca
Anno 2012
90/2012 Coll.
Versione attuale 14.01.2017
Aggiungi ai preferiti
Legge n. 90/2012 Coll.
Legge sulle società commerciali e cooperative (legge sulle corporazioni commerciali)
LEGGE

del 25 gennaio 2012

su società commerciali e cooperative (la legge sulle corporazioni commerciali)

Il Parlamento ha risolto questa legge della Repubblica ceca:

PARTE PRIMA

BUSINESS CORPORATION
TITOLO I

Parte 1

Disposizioni comuni
§ 1

(1) Le società commerciali sono  (in seguito denominate “la Società”) e cooperative.

(2) Le società sono una società per azioni e società in accomandita (di seguito “la società”), una società a responsabilità limitata e una società per azioni (di seguito “la società di capitali”) e una società europea e un gruppo di interesse economico europeo.

(3) Le cooperative sono una cooperativa e una società cooperativa europea.

(4) La società europea, un gruppo di interesse economico europeo e la società cooperativa europea è disciplinato dalle disposizioni della presente legge nella misura in concedere norme dell’Unione europea direttamente applicabili in materia di società europea, gruppo europeo di interesse economico e la Società cooperativa europea.

§ 2

(1) Una partnership può essere stabilita esclusivamente a fini commerciali o ai fini della gestione del proprio patrimonio.

(2) Le attività che possono essere svolte da persone fisiche sotto altre leggi possono essere l’oggetto dell’attività o delle attività di una società di capitali, a condizione che tale attività sia svolta da persone autorizzate a farlo in virtù di un’altra regolamentazione legale. La responsabilità di tali persone ai sensi di altre normative non deve essere compromessa.

§ 3

(1) Le disposizioni del codice civile sulle associazioni si applicano alle società commerciali solo se la legge lo prevede.

(2) Laddove la presente legge prevede l’obbligo di risarcire il danno, l’organismo nocivo è anche responsabile del risarcimento del danno morale.

(3) Ai sensi delle disposizioni del presente titolo e del titolo IV, il memorandum di associazione comprende anche lo statuto e l’atto costitutivo di associazione.

(4) Un membro della cooperativa deve essere anche un accompagnatore sotto questo titolo.

§ 4

(1) La legge, se l’azionista di opportunità di business società a cercare per esso o contro una legge, una persona porta un onere obbligatoria della prova che l’infrazione non ha fatto, a meno che il giudice decide che non è giusto per la sua richiesta.

(2) Il paragrafo 1 si applica mutatis mutandis, invocata se un partner o ex partner dopo l’altro compagno di Match, una performance simile o il risarcimento dei danni se si è verificato quando la cessazione della sua posizione nella società di lavoro o ha sofferto in connessione con la sua posizione nel settore alle condizioni stabilite dalla presente legge o da altre disposizioni legali.

§ 5

(1) Business Corporations può richiedere che la persona che ha violato il divieto di comportamento concorrenziale, emesso un favore, che di conseguenza ha vinto, o che ha trasferito i suoi diritti derivante, a meno che non esclude la natura dei diritti acquisiti; ciò si applica mutatis mutandis a qualsiasi altro acquirente di tale beneficio o diritto, a meno che l’acquirente non abbia agito in buona fede.

(2) Il diritto di cui al paragrafo 1 può essere esercitato entro tre mesi dal giorno in cui la società commerciale è venuta a conoscenza della violazione del divieto, ma non oltre un anno dopo la violazione; alla legge applicabile successivamente deve essere ignorata.

§ 6

(1) Gli atti giuridici relativi all’istituzione, alla creazione, alla modifica, alla cancellazione o alla dissoluzione di una società commerciale richiedono una forma scritta con firme autenticate, altrimenti non sono validi; la corte prenderà anche questa intossicazione senza considerazione.

(2) Il paragrafo 1 non si applica alla decisione del più alto organo societario.

§ 7

(1) Quando una società di capitali o una società cooperativa indica nel proprio portafoglio di negoziazione un’indicazione del proprio capitale sociale, tale cifra deve riferirsi unicamente alla quota sottoscritta e versata del capitale sociale.

(2) Joint Stock Company senza indebito ritardo dopo la sua formazione e quindi pubblica continuamente modo da permettere l’accesso remoto al pubblico gratuitamente, in modo che l’informazione sia accessibile in modo semplice dopo aver inserito un indirizzo elettronico (il “Sito”), i dati , che è obbligato a indicare sui documenti commerciali e altri dati forniti dalla presente legge.

(3) Laddove una società a responsabilità limitata istituisca un sito Web, le disposizioni del paragrafo 2 si applicano mutatis mutandis.

(4) I paragrafi da 1 a 3 si applicano mutatis mutandis alla società di capitali straniera o alla cooperativa straniera o alla sua succursale. L’iscrizione di una persona straniera nel registro degli imprenditori dello stato alla cui legge è governata la persona straniera non è richiesta a meno che tale diritto non sia applicato o consentito da tale registrazione.

Parte 2

Costituzione di una società commerciale
Sezione 8

(1) Una società commerciale è stabilita da un contratto sociale. Il contratto sociale che istituisce una società di capitali richiede la forma di uno strumento autentico. Il contratto sociale stabilito dalla cooperativa ai sensi della presente legge è concluso con l’adozione di riunioni costitutive.

(2) Se la legge consente ad una società di essere stabilita da un singolo fondatore, essa deve essere costituita da un atto fondatore nella forma di uno strumento autentico.

§ 9

(1) Se la domanda di registrazione di una società non è depositata nel registro di commercio entro 6 mesi dalla data della sua costituzione, si applicano gli stessi effetti come nel caso di recesso dal contratto.

(2) Il termine di cui al paragrafo 1 può essere modificato nel contratto sociale.

(3) Dopo la scadenza del termine di cui al paragrafo 1 o 2, si riterrà che la cooperativa abbia ritirato la domanda di adesione.

§ 10

Se, in base a tale legge, un esperto è tenuto a redigere una perizia, deve redigere in modo imparziale ed indipendente da chi o per chi è stata preparata la perizia.

Parte 3

Società con un solo membro
§ 11

(1) Un singolo fondatore può costituire una società di capitali.

(2) La società di capitali può anche avere un azionista unico a seguito della concentrazione di tutte le azioni nelle sue mani.

§ 12

(1) I poteri dell’organo supremo sono esercitati da un membro della società con un solo socio.

(2) Quando questa legge o altra legge richiede che la decisione dell’organo supremo di una società sia certificata come uno strumento pubblico, la decisione dell’azionista unico deve essere una forma di autentico strumento.

§ 13

Un contratto stipulato tra una società a socio unico rappresentata da un singolo membro e tale membro richiede una forma scritta con firme autenticate. Ciò non si applica se tale contratto è concluso nel normale corso degli affari e alle condizioni usuali.

§ 14

Se accade da società unipersonale, l’accordo del contratto sociale che vietare o limitare la trasferibilità o condividere l’opzione di arresto o di ribaltamento, nel periodo in cui le società unipersonale ignorati.

Parte 4

deposito
§ 15

(1) Il deposito è l’espressione monetaria del valore dell’oggetto del deposito nel capitale sociale della società. Per una società per azioni, un deposito è designato come valore nominale o contabile della quota.

(2) il contributo è qualcosa che un partner o potenziale socio (di seguito il “depositante”) si impegna a mettere in un business Corporation per acquisire o aumentare la partecipazione in esso (di seguito il “obbligo di deposito”).

(3) l’obbligo di upload può essere soddisfatta di rimborso in contanti (il “deposito in contanti”) o l’introduzione di altre apprezzabili in materia finanziaria (di seguito denominato “contributo non monetario”).

(4) Ai fini della presente legge, per tasso di emissione si intende il deposito e l’eventuale emissione o deposito.

§ 16

(1) Per la durata della società di capitali, anche dopo la sua cancellazione, l’azionista non ha diritto alla restituzione dell’oggetto del deposito.

(2) Non è possibile liquidare o pagare interessi sul tasso di emissione.

§ 17

(1) Il depositante deve adempiere l’obbligo di deposito entro il termine e secondo le modalità specificate dalla presente legge e dal contratto sociale.

(2) La valutazione del contributo non monetario deve essere indicata nel contratto aziendale della società corporativa.

(3) I contributi non monetari non possono essere lavoro o servizi.

Deposit Manager
§ 18

(1) Prima di costituire una società commerciale, accetta e gestisce gli articoli depositati o depositati di depositi o parti di essi da un contratto di depositario; il depositante può anche essere il fondatore o uno dei fondatori.

(2) Salvo diverso accordo, il depositario svolge l’attività sulla base della disposizione dell’ordine ai sensi del codice civile.

§ 19

Se la cosa inamovibile contributo non monetario è oggetto dell’investimento è introdotto in modo che i depositanti dagli amministratori depositi e immobili cosa dichiarazione scritta con firma autenticata dell’introduzione degli immobili.

§ 20

(1) Se il deposito non monetario è una cosa mobile, il deposito deve essere presentato dal trasferimento del deposito al depositario, a meno che il contratto sociale non determini diversamente.

(2) A meno che la natura delle cose sia un trasferimento di fatto di beni mobili, si tratta di dati consegnato la presentazione o l’altro supporto che raffigurano tramandano cosa, e la documentazione che cattura la natura, contenuto e altre informazioni importanti per la possibilità di utilizzare il contributo non-cash.

§ 21

(1) Quando un contributo non in contanti è un impianto o una parte di esso, l’oggetto del deposito è messo in atto dal contratto di deposito. Le disposizioni del codice civile sull’acquisto si applicano mutatis mutandis al contratto per il deposito di un impianto o di una sua parte.

(2) Se il deposito non monetario è un credito, l’oggetto del deposito è messo in atto dal contratto per il deposito del credito. Le disposizioni del Codice Civile per l’attribuzione del credito si applicano mutatis mutandis al contratto per il deposito del credito. Il Depositario garantisce il valore al suo valore.

(3) Il credito dell’azionista per una società di capitali non può essere oggetto del suo contributo a tale società; contro la richiesta della società di rimborsare il tasso di emissione può essere solo contratto. L’accordo di compensazione richiede una forma scritta e il suo progetto è approvato dall’assemblea generale.

§ 22

In altri casi, il contributo non in contanti è messo in atto dal contratto di deposito tra il depositante e il gestore del deposito.

Sezione 23

(1) contributo in denaro alle società di capitali viene versato su un conto speciale presso una banca o di risparmio e di credito cooperative (la “Banca”), l’amministratore deve depositare. La Banca non sarà in grado di disporre di questi fondi prima che la società di capitali sia stabilita, a meno che non si tratti di un rimborso delle spese della Fondazione o del ritorno delle tariffe di emissione ai fondatori.

(2) Il contributo non monetario è versato alla società di capitali prima che sia stabilito.

Sezione 24

(1) L’amministratore del deposito deve rilasciare alla persona che ha diritto a presentare una domanda di registrazione nel Registro di commercio una dichiarazione scritta sull’adempimento dell’obbligo di deposito o la sua parte da parte dei singoli depositanti. La dichiarazione è allegata alla domanda di registrazione nel Registro delle imprese, a meno che la legge non richieda la registrazione della misura dell’adempimento dell’obbligo di deposito nel registro delle imprese.

(2) Indicare se l’amministratore di depositi nella dichiarazione di cui al paragrafo 1 importo superiore a quello in cui l’obbligo di deposito è soddisfatta creditori responsabili Business Corporation per i suoi debiti fino a concorrenza della differenza; la responsabilità del gestore del deposito cessa di esistere se il credito nei confronti di una società commerciale non è stato depositato in tribunale entro 5 anni dalla costituzione della società.

§ 25

Trasferimento di proprietà
(1) Il diritto di proprietà sull’oggetto del deposito depositato prima della costituzione di una società commerciale deve essere acquisito dalla società commerciale al momento della sua costituzione.

(2) Diritto di proprietà per un immobile iscritto nella lista pubblica, che è oggetto del deposito, acquisisce la società commerciale registrando il diritto di proprietà sulla lista pubblica sulla base di una dichiarazione ai sensi della Sezione 19; ciò si applica mutatis mutandis ad altre cose che il titolo di proprietà è registrato nella lista appropriata.

§ 26

(1) non passa sopra quando su una proprietà delle imprese società di contributo non in contanti, che viene introdotto, pagherà il depositante il suo prezzo in contanti da parte del premio, ha detto nel memorandum e società commerciali accettazione del deposito indietro, a meno che non ha rilasciato o rilascia un’altra persona autorizzata.

(2) Converte Se la condivisione depositante (partner) di un altro, sarà responsabile per l’obbligo di cui al paragrafo 1, a meno che non si tratta di un acquisto di azioni su un mercato regolamentato di uno Stato membro dell’Unione europea in conformità con le attività di business legge di governo sul mercato dei capitali (in seguito denominato “l’europeo regolato mercato “).

§ 27

(1) All’atto della costituzione di una società commerciale, il depositario trasmette gli oggetti dei depositi con i frutti e i benefici a meno che il contratto sociale non determini altrimenti in relazione ai frutti e ai benefici.

(2) Laddove la società commerciale, il depositario del deposito, l’oggetto di depositi o parti di esso, i frutti e i benefici, ritorni ai depositanti senza indebito ritardo; i fondatori sono colpevoli di questo obbligo in solido.

§ 28

Se il prezzo del deposito non in contanti non raggiunge il giorno in cui la società commerciale ha acquisito il diritto di proprietà, l’importo della tariffa di emissione specificata nel contratto sociale, il depositante pagherà la differenza in denaro; L’articolo 26, paragrafo 1 si applica mutatis mutandis.

Sezione 29

Le disposizioni della presente sezione si applicano mutatis mutandis all’aumento del capitale sociale, ad eccezione dell’articolo 17, paragrafo 2, dell’articolo 18, dell’articolo 23, paragrafo 1, dell’articolo 24, dell’articolo 25, paragrafo 1, e dell’articolo 27, paragrafo 1.

Parte 5

Capitale registrato
§ 30

Il capitale sociale di una società commerciale è la somma di tutti i depositi.

Parte 6

quota
§ 31

La quota rappresenta la partecipazione dell’azionista in una società commerciale e i diritti e gli obblighi derivanti da tale partecipazione.

§ 32

(1) Ogni partner può avere una sola azione nella stessa società commerciale; questo non si applica alla partecipazione nella società di capitali e alla quota del socio accomandante.

(2) La quota di un azionista di una società commerciale non può essere rappresentata da un titolo o da titoli a libro, a meno che non si tratti di una società di capitali o di un’altra legge che disponga altrimenti.

(3) È possibile interrompere la partecipazione di un azionista in una società commerciale alle condizioni in cui può essere trasferita; la sospensione di una partecipazione in una cooperativa edilizia può essere subordinata o esclusa dallo statuto.

(4) Se la quota di una joint venture è una joint venture, i comproprietari sono la joint venture e la quota è gestita dalla joint venture company.

(5) Quando la comproprietà di una cooperativa è una joint venture, i comproprietari sono membri comuni e la quota nella cooperativa è gestita dal fiduciario di una joint venture, che può essere solo uno dei comproprietari. Se i comproprietari della quota cooperativa sono comproprietari, la quota della cooperativa può essere gestita da qualcuno di essi.

§ 33

Una società commerciale può acquisire la propria quota solo se la legge lo prevede.

Quota di profitto
Sezione 34

(1) La condivisione degli utili è determinata sulla base di bilanci periodici o straordinari approvati dal più alto organo societario. Può essere distribuito solo tra i partner, a meno che il contratto sociale non stabilisca diversamente.

(2) Quota di risultato di società consolidate ad equity, è pagabile entro tre mesi dalla data in cui la decisione è stata presa organo supremo della società un business della sua distribuzione, a meno che l’accordo di partenariato o la più alta autorità decida diversamente. La quota di profitto nelle partnership è pagabile entro 6 mesi dalla fine del periodo contabile, a meno che l’accordo sociale non stabilisca diversamente.

(3) L’organo statutario decide sul pagamento della quota di profitto. Se la distribuzione delle quote di profitto e di profitto è contraria alla presente legge, le quote di utili non vengono pagate. Si presume che i membri dell’organo statutario che hanno concordato con il pagamento della quota di profitto in contrasto con questa legge non abbiano agito con la cura di un buon manager.

Sezione 35

(1) La quota di profitto non è rimborsata a meno che la persona che ha pagato il profitto sapeva o avrebbe dovuto sapere che le condizioni stabilite dalla presente legge sono state violate al momento del pagamento; nel dubbio, si presume la buona fede.

(2) Il termine di prescrizione del diritto alla restituzione della quota di profitto di cui al paragrafo 1 inizia a decorrere dalla data di pagamento.

(3) I paragrafi 1 e 2 non si applicano agli anticipi di cui all’articolo 40, paragrafo 2.

Sezione 36

(1) In caso di risoluzione della partecipazione di un partner in un business società per la sua esistenza diversa dalla cessione di azioni o di martellamento concessione nel procedimento di esecuzione si pone azionista o il suo successore legale il diritto di insediamento (il “importo di liquidazione”), a meno che un’altra legge disponga altrimenti.

(2) A meno che l’accordo di partenariato altrimenti prevede l’importo di liquidazione alla data di cessazione della partecipazione di un partner in un business società del patrimonio netto della intermedio identificato, bilancio ordinarie o straordinarie preparati alla data di cessazione della partecipazione di un partner in un business società.

(3) Il paragrafo 2 non si applica se il valore equo delle attività della Società differisce sostanzialmente dalla sua valutazione nella contabilità. In tal caso, il fair value (valore equo) dell’attività deve essere basato sul fair value (valore equo) dell’immobile meno l’ammontare dei debiti rilevati nei bilanci di cui al paragrafo 2. L’accordo sociale può determinare un altro metodo appropriato per determinare gli interessi di regolamento.

(4) La quota di insediamento è determinato dal rapporto delle azioni degli azionisti sulle diverse forme di società commerciali e pagato in contanti senza indebito ritardo dopo che è stato o potrebbe essere accertata la quantità di cui al paragrafo 2 o 3, a meno che il contratto sociale o un accordo tra una società di business e l’azionista o il partner , la cui partecipazione è cessata di esistere o altrimenti determinata dal suo successore legale.

Quota del saldo di liquidazione
Sezione 37

(1) In caso di scioglimento di una società liquidante, ogni membro ha diritto a una quota del saldo di liquidazione; se non diversamente previsto dal contratto sociale o dal patto parasociale, tale parte viene corrisposta in contanti.

(2) Il saldo di liquidazione deve essere distribuito tra gli azionisti in primo luogo fino all’importo in cui hanno adempiuto al loro obbligo di deposito. Se il saldo di liquidazione non è sufficiente per questa divisione, gli azionisti sono coinvolti nel saldo di liquidazione in proporzione all’ammontare dei loro depositi pagati o depositati.

(3) Se nessuno degli azionisti ha un obbligo di deposito, il saldo di liquidazione deve essere ripartito tra gli azionisti allo stesso modo.

Sezione 38

(1) La parte rimanente del saldo di liquidazione sarà distribuita equamente tra gli azionisti e, nel caso di società di capitali e cooperative, in base alle loro azioni.

(2) Il liquidatore paga una parte del saldo di liquidazione senza indebito ritardo dopo l’approvazione della proposta per l’utilizzo del saldo di liquidazione. Se la proposta per l’utilizzo del saldo di liquidazione non è approvata, il tribunale decide in merito alla sua assegnazione da parte di un tribunale su proposta del liquidatore o dell’azionista.

(3) Se il contratto sociale lo stabilisce, le disposizioni dei paragrafi 1 e 37 non si applicano.

§ 39

Allo scioglimento di una società di liquidazione, gli azionisti sono responsabili dei propri debiti dopo il suo scioglimento fino alla sua quota nel bilancio di liquidazione, ma almeno nella misura in cui ne garantisce la durata. L’uno con l’altro, i partner sono trattati allo stesso modo con la responsabilità dell’azienda. Se gli azionisti non erano considerati affidabili dalla società per la durata dei debiti della società, si sarebbero confrontati tra loro in base al rapporto tra le loro azioni e la data di scioglimento della società.

Restrizioni al pagamento di profitti o altre risorse proprie
Sezione 40

(1) Una società commerciale non può realizzare profitti o fondi da altre risorse proprie né farne anticipi se causa bancarotta in virtù di un’altra regolamentazione legale.

(2) Un acconto sugli utili può essere pagato solo sulla base di una scheda finanziaria provvisoria che dimostri che la società ha fondi sufficienti per distribuire il profitto. Il deposito per il pagamento di reddito non può essere maggiore di vostro reddito totale per il periodo in corso, utili a nuovo da esercizi precedenti e altri fondi dal profitto meno le perdite accumulate negli anni precedenti e l’assegnazione obbligatoria al fondo di riserva. Un anticipo di giorno di paga non è possibile utilizzare i fondi di riserva, che sono progettati per altri scopi, né le proprie risorse, che sono assegnati e il cui scopo non ha diritto di cambiare società di capitali.

§ 41

Le disposizioni di cui al § 40 par. 1 si applicano di conseguenza ad un anticipo, di prestito o di business di credito le imprese al fine di acquisire le sue azioni o società commerciali per garantire la sicurezza per questi scopi (di seguito “assistenza finanziaria”) e per l’acquisizione di azioni da parte dei dipendenti a condizioni preferenziali.

Sezione 42

Condividi trasferimento
(1) La morte o lo scioglimento di un azionista passa la sua quota in una società per azioni a un erede o successore legale, a meno che il contratto sociale proibisca o limiti la transizione. È vietato il divieto o la restrizione del trasferimento di una quota in una società per azioni e in una cooperativa di edilizia abitativa.

(2) A meno che gli eredi nel corso del procedimento di successione per l’esercizio dei diritti connessi alle azioni che sono oggetto di successione, e se non c’è nessun amministratore nominato di questa parte della tenuta di nominare un tale amministratore del giudice della tenuta, su proposta di una società di lavoro o qualsiasi di eredi. L’amministratore della tenuta ha il diritto di esercitare tutti i diritti associati alla quota.

Sezione 43

Divisione di condivisione
(1) La quota dell’azionista della società pubblica e la quota della persona complementare ai sensi della Sezione 118 non possono essere divisi.

(2) La quota della società a responsabilità limitata ai sensi della Sezione 118 e la quota dell’azionista della società a responsabilità limitata possono essere divisi solo in connessione con il suo trasferimento o trasferimento, a meno che il contratto sociale non stabilisca diversamente.

(3) L’autorizzazione dell’organo supremo di una società commerciale è necessaria per dividere la quota.

Parte 7

Organi aziendali
Sezione 44

(1) L’organo supremo nell’azienda personale è tutti i suoi partner, nella società di capitali, nell’assemblea generale e nell’incontro dei membri della cooperativa.

(2) Ai fini della presente legge, l’organo di controllo di una società commerciale si riferisce al Consiglio di vigilanza, alla Commissione di audit oa qualsiasi altro organismo analogo.

(3) Un organo collegiale elegge un presidente, il cui voto è decisivo in caso di parità di voti, a meno che il contratto sociale non stabilisca diversamente in questo caso; questo non si applica alle aziende personali.

(4) L’organo statutario di una partnership è ciascuno dei suoi partner.

(5) L’ ente statutario di una società a responsabilità limitata è qualsiasi agente, a meno che il contratto sociale non determini che più di una persona è un organismo collettivo.

Sezione 45

(1) In quali casi la decisione dell’ente di una società commerciale è considerata non adottata, deve essere valutata in conformità con le disposizioni delle società di gestione del Codice Civile; questo non è il caso di una decisione che trasgredisce la buona morale.

(2) La decisione di un ente di una società commerciale deve essere considerata come non accettata anche se il suo contenuto è indefinito o incomprensibile, o se intraprende prestazioni improprie.

(3) Le disposizioni del codice civile di un procedimento giudiziario apparenti ad annullare qualsiasi atto, di errore e le conseguenze della nullità della violazione sulle decisioni dell’Autorità Una società di business ad eccezione l’obbligo di risarcire i danni causati da un invalido atti giuridici non si applicano.

(4) La decisione di un ente di una corporazione commerciale deve essere in relazione a una società commerciale al momento della sua adozione. La decisione dell’azionista unico nella giurisdizione dell’ente è efficace contro di esso una volta che ha avuto luogo. La decisione di un ente aziendale è influenzata da terzi dal momento in cui ne vengono a conoscenza o apprese.

Sezione 46

(1) Il corpo membro di una società non può essere uno che è irreprensibile dal punto di vista della legge sul commercio, e nessuno con cui vi era il fatto che si tratta di un ostacolo per l’attività delle imprese.

(2) Chi deve diventare un membro del corpo di una società, in precedenza il fondatore o Business Corporation si informa circa la proprietà o beni di una società di business in cui opera o ha lavorato negli ultimi 3 anni come membro del consiglio, era alle procedure di insolvenza derivanti da altre normative o procedimento ai sensi delle sezioni da 63 a 65 della presente legge o se non vi siano altri ostacoli alla sua funzione.

(3) Un rappresentante di una persona giuridica che è un organismo membro di una società deve soddisfare i requisiti e prerequisiti per la prestazione fissato dalla legge per se stesso un membro del corpo e del male che ha causato a sostituire la società di business, in solido con la persona giuridica che rappresenta; disposizioni del codice civile sulle conseguenze di non poter esercitare una funzione e le sue perdite sono applicate al rappresentante di conseguenza.

(4) Il rappresentante di una persona giuridica che è un membro del corpo di una società, le disposizioni della presente legge sul conflitto di interessi, un comportamento concorrenziale inammissibilità e disposizioni di legge dell’obbligo di agire con la dovuta diligenza e le conseguenze della violazione di tale obbligo.

§ 47

La limitazione dell’autorizzazione dell’agente a un ente sociale da parte di un contratto sociale o altro accordo o decisione da parte di un organo di una società commerciale non è efficace nei confronti di terzi, anche se è stata divulgata.

§ 48

I procedimenti legali non concessi dall’autorità suprema di una società commerciale nei casi previsti dalla legge sono nulli; tale nullità può essere fatta valere entro sei mesi dalla data in cui l’invalidità della persona autorizzata conosceva o dovrebbe e potrebbe imparare, ma non più tardi di dieci anni dal giorno in cui l’azione ha avuto luogo.

Sezione 49

(1) Nel caso in cui l’autorità di vigilanza non consenso all’effettuazione di un organo statutario al quale questa legge o il contratto sociale richiede il preventivo consenso, o se questa autorità vietano l’autorità legale di determinati comportamenti, partita al posto del corpo di legge per eventuali danni causati alla società dai membri del organo di controllo, che non ha agito con la dovuta diligenza.

(2) Se la commissione di ispezione accetta i negoziati di cui al paragrafo 1, i membri dell’organismo di vigilanza e l’organismo statutario, che non hanno agito con la dovuta diligenza, sono responsabili in solido per qualsiasi danno.

§ 50

Se è stato contratto, senza la prova di legge di una perizia, o in violazione di una sentenza può essere quello per la cui protezione comprovare perizia serve a fare affidamento su altro insediamento parte contraente, entro tre mesi dalla data in cui il partito che è causato da tale conclusione del contratto, si rende conto che il corrispettivo concordato è inferiore a quello che risulterebbe dal parere degli esperti, ma non più tardi di 10 anni dopo la conclusione del contratto. Il regolamento deve essere effettuato in contanti come se il corrispettivo fosse stato regolato in base al rapporto di un esperto. Dopo la scadenza di questo periodo, la parte contraente svantaggiata può recedere dal contratto.

Regole delle assemblee dei membri
§ 51

(1) con cautela e con le conoscenze necessarie egli è colui che poteva quando si prendono decisioni di business in buona fede ragionevolmente supporre che sia informato e interessi commerciali difendibili della società; questo non si applica a meno che tale decisione non sia stata fatta con la necessaria lealtà.

(2) Un membro dell’organo statutario di una società di capitali può rivolgersi al più alto organo aziendale per l’aggiudicazione di un ordine relativo alla gestione commerciale; ciò non pregiudica il suo dovere di agire con la dovuta diligenza.

§ 52

(1) Nel valutare se un organo agito con la dovuta diligenza, sempre tener conto della cura si farebbe in una situazione simile ha fatto altra persona ragionevolmente attento avrebbe se fosse come membro di un organo simile di una società.

(2) Se, nel procedimento dinanzi al giudice ha esaminato se un membro del corpo di una società ha agito con la dovuta diligenza, l’onere per questo membro, a meno che il giudice decide che non è giusto per lui alla domanda.

Sezione 53

(1) Una persona che ha violato l’obbligo di diligenza di un uomo buono deve concedere all’azienda commerciale il beneficio che ha ottenuto in relazione a tale condotta. Se il beneficio non è possibile, l’ente responsabile sostituirà la società commerciale con il denaro.

(2) Le azioni legali di una società commerciale che limita la responsabilità di un membro dei suoi organi non devono essere prese in considerazione.

(3) Se una società commerciale ha violato il pregiudizio dell’avviamento, la società commerciale può regolarla in base ad un contratto con l’entità responsabile; per l’efficacia del contratto, è richiesto il consenso del più alto organo societario, adottato da almeno due terzi di tutti i voti degli azionisti.

(4) Se la corte dichiara invalida una risoluzione dell’organo supremo di una corporazione commerciale che approva un accordo sulla risoluzione del danno di cui al paragrafo 3, è considerata non valida; a partire dalla data in cui l’ordine di nullità dell’ordine è legalmente esercitabile, il nuovo termine di prescrizione decorre dall’esercizio del diritto di reclamare la perdita di cui al paragrafo 1.

Regole sul conflitto di interessi
§ 54

(1) qualora venga a conoscenza di un organo corporazioni commerciali che possono nell’esercizio delle sue funzioni portare ad un conflitto dei loro interessi con quelli di società commerciali, informa senza indugio gli altri membri del corpo di cui è membro, e l’autorità di controllo, se è stato istituito , altrimenti l’autorità più alta. Lo stesso vale per il potenziale conflitto di interesse persone membro del corpo di una stretta società o una persona colpita o controllato.

(2) Un membro di un organismo deve anche adempiere agli obblighi di cui al paragrafo 1 informando l’autorità suprema, a meno che non eserciti la sua competenza da solo.

(3) Questa disposizione non pregiudica l’obbligo di un membro di un ente aziendale di agire nell’interesse di una società commerciale.

(4) L’organo di vigilanza o supremo può, per un periodo di tempo limitato, sospendere il membro dell’organismo che annuncia il conflitto di interessi di cui al paragrafo 1, l’esercizio delle sue funzioni.

§ 55

(1) intende Se un corpo membro di una società di concludere il presente accordo le società, di informare senza indugio l’Autorità, di cui è membro, e il controllo d’autorità, se è stato istituito, in caso contrario la massima autorità. Indica anche le condizioni alle quali il contratto deve essere concluso. Ciò si applica allo stesso modo ai contratti tra una società commerciale e una persona vicina a un membro del suo organo o delle persone interessate o controllate da essa.

(2) Un membro di un organismo deve anche adempiere agli obblighi di cui al paragrafo 1 informando l’autorità suprema, a meno che non eserciti la sua competenza da solo.

(3) L’autorità di controllo riferisce all’organo supremo sulle informazioni ricevute ai sensi del paragrafo 1 o su un divieto da essa emesso ai sensi dell’articolo 56, paragrafo 2.

Sezione 56

(1) La sezione 55 si applica anche se la società commerciale deve assicurare o consolidare i debiti delle persone di cui al § 55 o diventare un co-debitore.

(2) La conclusione di un contratto ai sensi del paragrafo 1 o dell’articolo 55, che non è nell’interesse di una società commerciale, può essere vietata dal suo organo supremo o di vigilanza.

Sezione 57

I paragrafi 55 e 56 non si applicano ai contratti stipulati nel corso di normali operazioni commerciali.

Sezione 58

(1) Le disposizioni delle sezioni da 51 a 57 e le norme della presente legge sull’irricevibilità della concorrenza si applicano anche al Procuratore; ciò si applica adeguatamente a un rappresentante autorizzato da un imprenditore che non è una società commerciale.

(2) Gli obblighi di cui agli articoli da 54 a 57 devono essere adempiuti dal Procuratore comunicando i fatti richiesti all’autorità che lo ha nominato.

Contratto di prestazioni
Sezione 59

(1) I diritti e gli obblighi tra business aziendale e membro del suo organo di governo è adeguatamente disposizioni del Codice Civile dell’ordine, a meno che l’accordo sulle prestazioni, se è stato fatto, o della presente legge implica qualcos’altro. Non si applicano le disposizioni del codice civile sulla gestione della proprietà straniera.

(2) Il contratto per l’esecuzione di una funzione deve essere negoziato in una società di capitali per iscritto e deve approvarlo, comprese le sue modifiche, l’organo supremo della società.

(3) Se la remunerazione nel contratto di prestazioni non è regolata in conformità con la presente legge, l’esecuzione della funzione è gratuita.

(4) Se hanno negoziato un contratto per le prestazioni della funzione o contiene disposizioni in materia di remunerazione non validi a terra sul fianco di un business società o se il contratto sulle prestazioni a causa di ostacoli da parte di società commerciali chiusi o la sua autorità suprema non approverà senza indugio dopo il membro si è unito il corpo di una società, il paragrafo 3 non si applica e la tassa è determinato come quota di consueto, al momento della conclusione del contratto o, se non v’è accordo, comune al momento della nomina come un’attività attività analoghe che un organo esercitato.

(5) Un membro di un ente di una società commerciale può recedere dall’incarico. Tuttavia, non deve farlo in un momento che è inappropriato per una società commerciale. Non specifica se l’accordo di partnership o di un contratto per la prestazione del altrimenti notificare all’autorità di dimissioni del membro dimissionario che ha scelto, e la sua funzione, scade entro un mese dalla ricezione del presente bando, se le competenti società commerciali autorità su richiesta del dimissionario un altro momento di funzioni di terminazione. Se questa autorità unica compagna, oltre la scadenza di un mese dalla data di ricevimento della comunicazione di dimissioni socio unico, neujednají se un’altra data di funzioni di terminazione.

§ 60

Il contratto di prestazione in una società di capitali contiene anche tali dati di remunerazione

a) la definizione di tutti gli elementi della retribuzione a cui un membro dell’istituzione è o può aver diritto, compresi eventuali aspetti rilevanti, il rimborso al regime pensionistico complementare o ad altro servizio,

(b) determinare l’importo della remunerazione o il metodo del suo calcolo e la sua forma,

(c) determinare le regole per il pagamento di una remunerazione speciale e la partecipazione agli utili per un membro dell’ente, se possono essere concesse;

d) i dati sul corpo membro benefici o ricompense costituito dal trasferimento dei titoli o permesso il loro ingresso in un membro del corpo e una persona vicino a lui, deve essere data una ricompensa in questa forma.

Sezione 61

(1) Altri benefici a favore di una persona che è un membro del corpo di una società sulla quale implica il diritto della legislazione, l’accordo sulle prestazioni omologato ai sensi del § 59 par. 2 o un regolamento interno approvato dall’autorità della società di business, le cui competenze include l’approvazione di un contratto di prestazioni può essere concessa solo con il consenso della persona che autorizza il contratto di esecuzione e con il parere dell’organismo di vigilanza, se è stato stabilito.

(2) La performance nell’ambito di un contratto di prestazioni o di cui al paragrafo 1 non è concessa se l’esecuzione della funzione sembra aver contribuito al profitto sfavorevole di una società di capitali a meno che la persona che ha approvato il contratto di prestazione non decida diversamente.

(3) Le disposizioni del paragrafo 1 si applica mutatis mutandis, alla determinazione dei salari e di altre prestazioni dei dipendenti, che è anche membro del Consiglio di Amministrazione, o di una persona a lui vicina.

§ 62

(1) Se è stato in una procedura di insolvenza avviata su proposta da parte di persone diverse dal debitore sotto un altro tribunale ha deciso che un business società è insolvente, rilasciato dalle membri dei suoi organi, per incoraggiarli a fare il curatore fallimentare, i benefici derivanti dal contratto per le prestazioni funzioni, nonché qualsiasi altro beneficio che le società commerciali ricevono, per un periodo di 2 anni indietro prima della decisione sul fallimento, se sapevano o avrebbero dovuto, e sanno le società commerciali del fallimento imminente da altre norme, e in la discrepanza con la cura di un uomo buono non ha reso tutto necessario e ragionevolmente prevedibile per evitarlo.

(2) Se il problema di cui al paragrafo 1 non è possibile, i membri delle istituzioni sono rimborsati in contanti.

(3) I paragrafi 1 e 2 si applicano mutatis mutandis agli ex membri dell’organo.

Parte 8

Esclusione di un membro dell’ente corporativo dall’esecuzione dell’ufficio
Sezione 63

(1) Nel corso del procedimento di insolvenza, il giudice fallimentare d’ufficio decide che le ragioni ai sensi del § 64 del corpo di legge upadnuvší Trade Corporation, che era in carica al momento della decisione sul fallimento o dopo, non per un periodo di 3 anni dalla decisione l’atto esclusione come organo statutario di qualsiasi società di lavoro o una persona di essere in una posizione simile (in seguito indicato come “esclusione”).

(2) Lo stesso dicasi di chi, al momento della decisione sul fallimento di un membro del corpo legale di una società o una persona in una posizione simile non era, ma i negoziati in corso per declinare società commerciali probabilmente contribuito.

(3) Una domanda di una decisione ai sensi del paragrafo 1 può essere presentata da chiunque abbia un importante interesse al riguardo.

§ 64

(1) Il tribunale fallimentare decide sull’esclusione, quando è nel corso del procedimento di insolvenza dimostrare che le prestazioni della persona ai sensi del § 63, con riguardo a tutte le circostanze del caso ha portato al fallimento di una società di affari.

(2) Il giudice fallimentare ha deciso che una persona che entra a far parte del corpo di legge upadnuvší società commerciali dopo l’inizio della procedura fallimentare, ha contribuito se le loro azioni sembrano per ridurre le attività e danno ai creditori.

(3) Il tribunale fallimentare non può decidere di escludere,

a) che è diventato un membro del corpo di legge upadnuvší società di capitali al momento del fallimento imminente da altre norme, a meno che le sue azioni prima dell’inizio della procedura di insolvenza soddisfano le condizioni di cui al paragrafo 1, o

(b) chi dimostri che durante la sua condotta ha esercitato tale cura come altrimenti sarebbe stato sostenuto in una situazione simile da un’altra persona ragionevolmente diligente in una posizione simile.

§ 65

(1) Ad eccezione di quanto specificato nel § 63 e 64 d’ufficio del giudice decidere di escludere, se risulta che un membro del corpo di legge negli ultimi 3 anni ripetutamente e gravemente violato la dovuta cura e diligenza o di altre forme di assistenza relativa a un altro strumento giuridico con svolgere la sua funzione; La sezione 63 (3) si applica mutatis mutandis.

(2) Il paragrafo 1 si applica mutatis mutandis alla persona che è obbligata a risarcire il danno causato dalla violazione delle cure di un uomo buono.

Sezione 66

(1) Il potere legislativo della decisione di esclusione cessa di essere un membro dell’organo statutario in tutte le società commerciali; la cessazione dell’ufficio sarà notificata dal tribunale che ha emesso la sentenza, un tribunale che, in virtù di un altro regolamento, ha il registro delle imprese (in seguito denominato “Tribunale del registro”).

(2) Una persona che viola il divieto imposto la sua decisione di esclusione è responsabile per l’adempimento di tutti gli obblighi di società commerciali che sono state create in un momento in cui l’esecuzione di attività, nonostante il divieto membro del suo organo statutario, anche se non lo ha fatto diventare o essere fermato.

Sezione 67

(1) Il tribunale decide, d’ufficio, che la persona che ha violato il divieto a lui imposto nella decisione di esclusione deve rieseguire l’esclusione per un massimo di 10 anni; La sezione 63 (3) si applica mutatis mutandis.

(2) Il giudice può decidere che la persona, in cui ci sono motivi di esclusione, le condizioni stabilite nella decisione di rimanere un membro del corpo di legge di un altro Business Corporation, se le circostanze del caso dimostrano che le prestazioni attuali delle sue funzioni in questo business corporation non giustifica l’esclusione di e se l’esclusione potrebbe causare danni agli interessi legittimi di tale società commerciale o dei suoi creditori.

(3) Il giudice può decidere che una persona che è stata esclusa, le condizioni stabilite nella decisione di rimanere un membro del corpo di legge di un altro Business Corporation, se le circostanze del caso dimostrano che le prestazioni attuali delle sue funzioni giustificare l’esclusione delle loro funzioni in questo business Corporation e se tale esclusione potrebbe portare a danni agli interessi legittimi di tale società commerciale o dei suoi creditori; una richiesta di una decisione può essere presentata dalla persona esclusa o dalla società commerciale interessata in conformità con la presente legge.

§ 68

Responsabilità dei membri del corpo al fallimento di una società commerciale
(1) Il giudice può, su richiesta delle corporazioni amministratore dell’insolvenza o prestatore di lavoro decidere che un membro o ex membro del suo organo statutario è responsabile per l’adempimento dei suoi obblighi, se

(a) è stato deciso che la società commerciale era in bancarotta, e

b) un membro o ex membro di un organo statutario della società sapevano o avrebbero dovuto, e sanno che si tratta di una società di business nel fallimento imminente da un’altra legge, e in contrasto con la dovuta diligenza fatto al fine di evitare tutte le necessarie e ragionevolmente prevedibili.

(2) Il paragrafo 1 non si applica ad un membro o ex membro del corpo statutario della società, che era stato nominato alla posizione chiaramente per evitare il fallimento o altra situazione economica sfavorevole, società commerciali, e svolgere i propri compiti con la dovuta diligenza.

§ 69

Disposizioni comuni
(1) Se una persona giuridica societaria statutaria commercio corpo, le disposizioni in materia di esclusione di agire come un corpo membro di una società e per la persona fisica che è il soggetto giuridico progettato per funzionare come un organo statutario ha eseguito.

(2) La presente sezione si applica mutatis mutandis a una persona in posizione analoga a quella di un membro dell’organo statutario.

§ 70

Le disposizioni della presente sezione e della sezione 7, ad eccezione del § 44 par. 1, § 45, 48, § 54-56 e § 61 paragrafo. 1 non si applicano alla massima autorità delle società di capitali e cooperative.

Parte 9

Raggruppamenti di imprese
Sezione 71

interferenza
(1) Chiunque utilizzi la sua influenza nella società di business (in seguito denominato “persona influente”) decisamente influenzare in modo significativo il comportamento delle società commerciali (di seguito il “paziente”), a suo discapito, questo infortunio sostituirà, a meno che non dimostri che essa può, nella sua influenzare in buona fede ragionevolmente presumere che agisca in un interesse informato e legittimo della persona interessata.

(2) non riescono a pagare se influente danni persona causata dalla fine del periodo contabile in cui si è verificato il danno, o altro periodo ragionevole concordato, e sostituisce il danno sorto in questo contesto soci persone colpite.

(3) Una persona influente responsabile nei confronti dei creditori colpiti persone per il rispetto di tali debiti che non possono essere influenzati da una persona a causa di influenza di cui al paragrafo 1 incontrato tutto o in parte.

(4) L’ influenza secondo il paragrafo 1 indica anche l’influenza esercitata attraverso un’altra persona o altre persone.

(5) Le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano alla riunione dei membri degli organi della persona interessata e al suo delegato.

§ 72

Esonero dall’obbligo di risarcimento danni
(1) Articolo 71 §. Non si applica 1-3, se l’entità di controllo secondo § 79 che il danno al § 71 par. 1 è stato istituito al fine di controllare persone o altre persone con lo stesso gruppo secondo § 79, ed era o sarà sistemato all’interno di questo gruppo.

(2) Danni al paragrafo 1, o sarà chiusa, se fosse, o se un indirizzo all’interno del gruppo o altri vantaggi dimostrabili adeguata considerazione derivanti dalla appartenenza al gruppo tempo ragionevole.

(3) Se, in conseguenza del procedimento della persona controllante nei confronti della persona controllata, la persona che effettua il controllo fallisce, i paragrafi 1 e 2 non si applicano.

§ 73

Compagno principale
(1) Il socio, che detiene la maggioranza dei voti dalla partecipazione nella business corporation, è il socio di maggioranza e la società commerciale in cui ha una maggioranza è una società commerciale con un azionista di maggioranza.

(2) Il numero totale di voti derivanti dalla partecipazione nel commercio società per i fini della presente sezione non contano i voti dei proprie azioni di proprietà della società o la sua entità controllata, né di azioni che il conto di una società di lavoro o una persona controllavano acquisita da un’altra persona che agisce a proprio per nome

(3) Una quota con cui il diritto di voto non è collegato in modo permanente è esente da diritti di voto ai fini dei paragrafi 1 e 2 anche se, ai sensi della presente legge, il diritto di voto è temporaneamente acquisito.

Persone controllate e controllate
§ 74

(1) La persona che controlla è una persona che può esercitare, direttamente o indirettamente, un’influenza determinante in una società commerciale. L’entità controllata è un’entità aziendale controllata dall’entità controllante.

(2) Laddove l’entità controllante è una società commerciale, è una società madre e, se l’entità controllata è una società commerciale, è una controllata di una società commerciale.

(3) L’ente di gestione ai sensi dell’articolo 79 e l’azionista di maggioranza devono essere sempre persone di controllo, salvo diversamente specificato in relazione all’azionista di maggioranza. La persona di cui all’articolo 79 è sempre una persona controllata.

§ 75

(1) Resta inteso che il soggetto controllante è una persona che può nominare o revocare la maggioranza delle persone che sono membri del corpo legale di una società o persone di rango equivalente, o membri dell’organismo di vigilanza di una società di cui è socio, oppure può nominare o appello far rispettare.

(2) Si ritiene che la persona di controllo è colui che gestisce la quota dei diritti di voto che rappresentino almeno il 40% di tutti i voti nella società di business, a meno che lo stesso o una quota maggiore dei costi da un’altra persona o altre persone che agiscono di concerto.

(3) Si ritiene che le persone che agiscono di concerto, che insieme gestiscono una quota dei diritti di voto rappresentanti almeno il 40% di tutti i voti nella società di business come controllo delle persone a meno che la stessa o una quota maggiore dei costi da un’altra persona o altre persone che agiscono di concerto.

(4) Si ritiene che la persona di controllo o di persone il controllo è anche colui che da soli o insieme a persone che agiscono di concerto con lui acquista una quota di diritti di voto che rappresentano almeno il 30% di tutti i voti nella società di business e della quota del l’ultimo 3 riunioni consecutive della massima autorità di questa persona oltre la metà dei diritti di voto delle persone presenti.

§ 76

(1) Le disposizioni degli articoli da 54 a 56, paragrafo 1, e dell’articolo 57 si applicano mutatis mutandis se il comportamento di un membro di un organismo di una società commerciale è influenzato dal comportamento di una persona influente o di controllo.

(2) Le disposizioni delle sezioni da 63 a 66 si applicano anche, mutatis mutandis, a una persona influente o controllante se, con la sua influenza, ha sostanzialmente contribuito al fallimento di una società commerciale.

(3) L’ articolo 68 si applica mutatis mutandis a una persona influente o di controllo.

(4) Le disposizioni del § 60 let. (d) si applicano mutatis mutandis se le prestazioni o le retribuzioni devono essere fornite in tale Stato o se deve essere possibile fornire loro un membro dell’organismo della persona interessata dalla persona interessata.

Sezione 77

Lo smaltimento dei diritti di voto è necessario per il lavoro 9 si intende la possibilità di esercitare i diritti di voto, a sua discrezione, a prescindere dal fatto e in quali fatti giuridici sono esercitate, o la possibilità di influenza determinante sui diritti di voto di un’altra persona.

Sezione 78

Preoccupazioni in concerto
(1) Agire di concerto è la condotta di due o più persone che esercitano diritti di voto allo scopo di influenzare, controllare o gestire univocamente una società commerciale. Le persone che agiscono di concerto adempiono ai loro obblighi derivanti da esse congiuntamente e in solido.

(2) Resta inteso che le persone che agiscono in concerto sono

a) una persona giuridica e di un membro del suo organo statutario, una persona nella sua diretta autorità, membro dell’Organismo di Vigilanza, liquidatore, curatori fallimentari e altri amministratori di altre normative applicate amministratore,

b) l’ entità controllante e le sue persone controllate,

c) persone influenti e colpite,

(d) una società a responsabilità limitata e i suoi membri o solo i suoi membri,

(e) una società pubblica e i suoi membri o solo i suoi membri,

(f) una società in accomandita semplice e le sue controparti o solo le sue controparti,

g) persone vicine al codice civile,

(h) la società di investimento e il suo fondo di investimento o fondo pensione gestiti, o solo i fondi da esso gestiti, o

(i) persone che hanno concluso un accordo sull’esercizio dei diritti di voto.

preoccupazione
§ 79

(1) Una o più persone sottoposte a una procedura unificata (in seguito denominata “persona controllata”) da un’altra persona o persone (in seguito denominata “persona responsabile”) costituiscono un consorzio con la persona che controlla.

(2) L’influenza di gestione uniforme sulla attività del soggetto controllante controllata dal monitoraggio persona per la promozione a lungo termine gli interessi del Gruppo all’interno di un unico coordinamento delle politiche di gruppo e la gestione strategica di almeno uno dei principali ingredienti o attività all’interno del gruppo.

(3) L’esistenza del Gruppo sarà pubblicata dai suoi membri senza indebito ritardo sul suo sito web, altrimenti non è possibile procedere secondo la Sezione 72.

§ 80

La corsa della persona gestita e della persona che controlla è l’impresa della corsa.

Sezione 81

(1) Il corpo di una persona di gestione può fornire orientamenti alle autorità della persona controllata in relazione alla gestione commerciale se è nell’interesse della persona che controlla o di un’altra persona con la quale l’entità di gestione è un gruppo.

(2) Un membro del corpo della persona controllata o del suo delegato non è privato del dovere di agire con la dovuta diligenza nell’esercizio delle sue funzioni; della responsabilità per danno vanno decaduti se si può dimostrare che potevano ragionevolmente presumere che fossero soddisfatte le condizioni di cui all’articolo 72, paragrafi 1 e 2.

Relazione sulle relazioni
§ 82

(1) L’organo statutario della persona controllata, entro tre mesi dalla fine del periodo di riferimento, una relazione scritta sui rapporti tra il soggetto controllante e un’impresa a controllo e l’entità controllata e gli enti controllati dalla stessa persona di controllo (di seguito la “Relazione sulle relazioni”) per il passato esercizio.

(2) La relazione sui rapporti deve essere dichiarata

a) la struttura delle relazioni tra le persone di cui al paragrafo 1,

b) il ruolo della persona controllata al suo interno,

(c) il metodo e i mezzi di controllo,

d) una panoramica delle azioni intraprese nell’ultimo periodo di riferimento, che è stato fatto su istigazione o nell’interesse della controllante o delle sue entità controllate, a meno che le attività legate tale comportamento, che supera il 10% del capitale sociale della società controllata identificata dagli ultimi bilanci,

e) una panoramica degli accordi reciproci tra il soggetto controllato e il soggetto controllante o tra le persone controllate e a

(f) valutare se la perdita o il danno siano stati sostenuti dall’entità controllata e valutare la sua soluzione ai sensi delle sezioni 71 e 72.

(3) Se l’organo statutario non ha le informazioni necessarie per redigere una relazione sui rapporti, lo dichiara nella relazione esplicativa.

(4) La Relazione del Collegio corpo sulle relazioni anche valutare i vantaggi e gli svantaggi derivanti dai rapporti tra persone di cui al paragrafo 1 e indicano se le agevolazioni dominare o svantaggi, e che cosa è in esso per il soggetto controllato derivante rischi. Contemporaneamente indicare se, come e in quale periodo è stata o sarà compensato dal potenziale danno § 71 o 72a

Sezione 83

(1) Se l’Organo controllato ha un organo di controllo, l’Autorità rivede il Rapporto di Relazione. Informa il suo organo supremo dei risultati del riesame e comunica il suo parere, che contiene anche un parere sul risarcimento dei danni di cui alle sezioni 71 o 72.

(2) Quando l’organismo di ispezione rileva nella relazione di verifica un rapporto in cui il rapporto contiene difetti, invita l’organo statutario a porvi rimedio.

(3) Revisione della relazione sulle autorità di controllo delle relazioni non è necessaria se il controllo dell’entità azionista unico della soggetto controllato, o se sono tutti i membri delle persone di entità controllate che agiscono di concerto con riguardo al soggetto controllato.

Sezione 84

(1) Gli azionisti dell’entità controllata hanno il diritto di prendere conoscenza della relazione sui rapporti e del possibile parere dell’organismo di vigilanza entro lo stesso termine e alle stesse condizioni dei rendiconti finanziari; le conclusioni di queste relazioni devono essere comunicate dall’organo statutario alla successiva riunione dell’autorità massima.

(2) La relazione sui rapporti è allegata alla relazione annuale secondo le norme contabili.

§ 85

(1) Qualsiasi associato qualificato ai sensi della Sezione 187 o 365 dell’Entità Controllata, che ritiene che la Relazione sulle Relazioni non sia stata redatta correttamente, può richiedere alla Corte di nominare un esperto ai fini della sua revisione.

(2) La designazione di qualsiasi altro associato per la nomina di un esperto di cui al paragrafo 1 depositata prima della nomina dell’esperto deve essere considerata come un’ammissione al procedimento dalla data di presentazione della proposta. Dal momento della nomina di un esperto, non vi sono ulteriori nomination da parte di persone autorizzate a nominare un esperto.

(3) Il diritto di cui al paragrafo 1 può essere esercitato entro un anno dalla data in cui il partner qualificato ha informato o potuto aver appreso del contenuto della relazione sulle relazioni conformemente all’articolo 84, paragrafo 1; alla legge applicabile successivamente deve essere ignorata.

§ 86

(1) Il giudice non è vincolato da una proposta di un esperto. Le parti del procedimento sono la persona controllata, il firmatario e l’esperto; il tribunale competente per l’organo decisionale è il tribunale competente per la persona controllata. La richiesta di nomina di un esperto è decisa dal tribunale entro 15 giorni dalla data di ricevimento della proposta, altrimenti deve essere approvata dal perito proposto. In caso di scadenza di tale termine, il tribunale interrompe il procedimento; le parti non lo sanno.

(2) Se il perito designato viola gravemente i propri obblighi, ogni membro può proporre, a norma dell’articolo 85, paragrafo 1, che il giudice respinga il perito e ne nominino uno nuovo.

(3) entità controllata fornendo gli esperti di cooperazione necessari per parere di esperti, soprattutto lui senza indugio a proprie spese fornire tutti i documenti e le informazioni necessarie, come richiesto da un esperto.

(4) Un esperto redige una perizia entro il termine specificato nella decisione del tribunale sulla nomina di un esperto, altrimenti entro un mese dalla sua nomina. Se la persona controllata non fornisce le prove necessarie agli esperti, questo periodo deve essere eseguito solo dopo che sono stati forniti. Il parere dell’esperto che esamina la relazione sui rapporti sarà consegnato dall’esperto del tribunale che lo ha nominato e dalla persona che ha preparato la relazione. Le conclusioni del parere degli esperti sono inoltre trasmesse ai firmatari delle petizioni e alle persone di cui all’articolo 85, paragrafo 2, se tali persone sono conosciute.

Sezione 87

(1) La remunerazione degli esperti per il trattamento di una perizia deve essere determinata di comune accordo e deve essere pagata dalla persona controllata. Se la Persona Controllata e l’Esperto non concordano sull’ammontare della remunerazione, essa sarà determinata dal tribunale nominato dall’Esperto su richiesta di uno di essi. Oltre alla ricompensa, gli esperti avranno le spese necessarie per redigere la relazione dell’esperto.

(2) La Corte può, su richiesta del soggetto controllato decidere che il solito esperto di remunerazione per perizia e costi di cui al paragrafo 1 recano il firmatario, se la perizia diventa chiaro che la relazione sulle relazioni è stata preparata correttamente e la proposta era chiaramente abusiva.

§ 88

(1) Il diritto di proporre la nomina di un esperto ai fini del rapporto di riesame sulle relazioni ai sensi del § 85, par. 1 ha anche ciascun azionista del soggetto controllato, se il rapporto dell’autorità di legge ai sensi del § 82 fornisce informazioni che hanno subito un danno che non è stato o non sarà da § 71 o 72 è sfalsato.

(2) Il diritto di proporre la nomina di un esperto ai fini del rapporto di riesame sulle relazioni ai sensi del § 85, par. 1 dispone anche di ciascun socio del soggetto controllato, se a parere dell’autorità di controllo comune ai sensi del § 83 paragrafo. 1, prenotazioni a riferire sulle operazioni, a meno che non sia riserve che avrebbero potuto essere rimosse ai sensi dell’articolo 83, paragrafo 2, e la cui natura non è decisiva in termini di affidabilità e accuratezza della relazione sulle relazioni.

(3) Gli articoli da 85 a 87 si applicano mutatis mutandis.

Diritti speciali degli azionisti dell’entità controllata
Sezione 89

Nel caso in cui il soggetto controllante utilizza la sua influenza nel soggetto controllato in modo che si traduce in una sostanziale deterioramento dello stato di associati controllati dell’entità o altri danni significativi ai loro interessi legittimi, e quindi non è possibile per loro giustamente esigono che la persona controllata rimasto, la qualsiasi azionista o persona di controllo non di controllo ha il diritto di richiedere che l’entità controllante riscatta il proprio interesse ad un prezzo ragionevole; le disposizioni delle sezioni 328 e 329 si applicano mutatis mutandis.

§ 90

(1) Nel valutare se v’è stato un sostanziale deterioramento dello stato dei partner o altri danni significativi ai loro interessi legittimi ai sensi del § 89, l’onere della prova che è successo, compagno, a meno che il giudice decide per lui non può essere ragionevolmente richiesto.

(2) Nel valutare se un sostanziale deterioramento dello stato di associati o altri danni significativi ai loro interessi legittimi ai sensi del § 89 si è verificato a causa della influenza del soggetto controllante del soggetto controllante, l’onere della prova sul fatto che questo si è verificato, il soggetto controllante, a meno che il tribunale decide che non può essere richiesto in modo equo.

(3) Se la persona controllata diventa soggetta ad insolvenza ai sensi del § 89 in conformità con un’altra normativa legale, lo status dei suoi membri è sempre peggiorato in modo significativo.

§ 91

(1) Il prezzo delle azioni nella procedura del § 89 è determinato sulla base del valore della società commerciale di proprietà per quanto riguarda il futuro funzionamento dell’impianto, sulla base del parere del perito nominato sull’entità proposta controllata da tennis (di seguito “il valore della gara”). L’esperto determina il valore del soggetto controllato pianta che era nei giorni prima che ci fosse un deterioramento della posizione degli azionisti o altri danni significativi ai loro interessi legittimi. Sulla nomina di un esperto del § 86 si applicano, mutatis mutandis, al fatto che la relazione viene consegnato solo al richiedente e il soggetto controllante e pubblicare sul sito web di avvertimento per gli azionisti, che è disponibile per l’ispezione. A meno che la società ha istituito un sito web, fornire perizia anche i partner che hanno sperimentato un peggioramento del loro stato o altri danni significativi ai loro interessi legittimi.

(2) Ai fini della procedura di cui all’articolo 89, la limitazione della trasferibilità delle azioni risultante dalla presente legge o dal contratto sociale diventa inefficace.

Parte 10

Invalidità di una società commerciale
§ 92

(1) All’atto della costituzione di una società commerciale, il tribunale lo dichiarerà, anche d’ufficio, come non valido se

a) il contratto sociale non è stato preso nella forma prescritta,

(b) il valore minimo di rimborso del capitale non è stato rispettato, o

c) trova l’incapacità per gli atti legali di tutti i membri fondatori.

(2) Per le indicazioni necessarie per l’esistenza legale della persona giuridica ai sensi delle disposizioni del codice civile sulla nullità delle persone giuridiche per le società di business significa solo mettere il business della società (la “Società”), l’ammontare dei depositi, l’importo totale del capitale sottoscritto della società o attività. Per l’esistenza legale della cooperativa è necessario solo per mettere la società, l’ammontare dei depositi e linea di business (attività).

(3) Se richiesto dagli interessi dei creditori, società di capitali non valide, l’obbligo degli azionisti pagare il prezzo di emissione dopo la dichiarazione di società commerciali non valide.

Parte 11

Annullamento e cessazione di un’impresa commerciale e disposizioni in materia di liquidazione
Sezione 93

Il tribunale il movimento della materia che ha un interesse legale, o su richiesta dell’ufficio del pubblico ministero se trova su interesse pubblico rilevante, annullata Business Corporation e ne ha ordinato la sua liquidazione, nonché, se

(a) ha perso tutti i diritti commerciali; questo non è vero se è anche stabilito allo scopo di gestire i propri beni o per scopi diversi da quelli commerciali,

b) non è in grado di svolgere la sua attività per più di un anno e adempie al suo scopo,

(c) non può esercitare le sue attività per controversie insormontabili tra partner, o

d) esercita un’attività che, secondo un’altra normativa, può essere svolta solo da persone fisiche, senza l’aiuto di queste persone.

§ 94

(1) Il rapporto finale di liquidazione, la proposta per l’uso del bilancio di liquidazione e gli stati finanziari devono essere presentati dal liquidatore all’organo supremo della corporazione commerciale.

(2) Il liquidatore garantisce la conservazione di tali documenti per un periodo di 10 anni dopo la cessazione della società commerciale. In caso di scomparsa di una società commerciale senza liquidazione, la conservazione di tali documenti è assicurata dal suo successore legale.

TITOLO II

SOCIETÀ COMMERCIALE PUBBLICA
§ 95

(1) Una società pubblica è una società di almeno due persone, che partecipano alla sua attività o alla gestione dei suoi beni e sono solidalmente responsabili per i propri debiti.

(2) Laddove il partner è una persona giuridica, esercita i diritti e i doveri sociali dell’agente autorizzato, che può essere solo una persona fisica.

(3) compagno non può essere quella la cui proprietà è stata negli ultimi 3 anni, dichiarato fallito, o la richiesta di avvio della procedura di insolvenza è stata respinta per mancanza di attività o di fallimento è stata annullata perché la sua proprietà è del tutto insufficiente; chi rompe il divieto non diventerà un membro, anche se la compagnia si presenta.

§ 96

La società contiene la designazione “società pubblica”, che può essere sostituita dalla sigla “conf. Com. lt; / RTI & gt; o & quot; vos & quot ;. Se la società include almeno uno dei partner, la designazione “et al.” È sufficiente.

§ 97

(1) I rapporti giuridici reciproci dei partner sono regolati dal contratto sociale.

(2) Salvo quanto diversamente concordato nel contratto sociale, le azioni degli azionisti devono essere le stesse.

§ 98

Il contratto sociale include anche

(a) la società della società,

(b) l’attività della società o l’indicazione che è stata costituita ai fini della gestione delle proprie attività, e

c) determinazione dei partner mediante menzione del nome o del cognome, nel caso di una persona giuridica il nome (in seguito “il nome”) e il domicilio o la sede legale.

§ 99

(1) Il contratto sociale può essere modificato solo previo accordo di tutti i partner.

(2) Se il cambiamento del contratto sociale deve essere interferito con i diritti dei partner, è necessario modificare il consenso di quei partner i cui diritti sono interferiti con.

(3) Ogni partner ha un voto, a meno che il contratto sociale non stabilisca diversamente.

§ 100

Se, sotto l’obbligo di deposito compagno di contratto sociale, realizzarla all’interno, nel modo e nella misura determinata contratto sociale, altrimenti il ​​denaro senza indebito ritardo dopo la creazione della loro partecipazione alla società.

Sezione 101

(1) Un compagno è in ritardo con il pagamento di un contributo economico, paga gli interessi di mora pari a due volte l’interesse di mora previsto dalla legge, a meno che l’accordo di partnership diversamente specificato.

(2) Companion, che è in ritardo nel soddisfare obbligo di deposito può essere della società la sua massima autorità dopo la scadenza del termine supplementare progettato per soddisfare espulsi determina se contratto in modo sociale; questo non si applica se ci sono solo due soci nell’azienda. La decisione richiede il consenso di tutti i partner; il voto del partner escluso non viene preso in considerazione al momento della decisione.

Sezione 102

(1) Ogni partner ha il diritto di richiedere alla società in tribunale l’adempimento dell’obbligo di deposito nei confronti del partner che è inadempiente del partner e di rappresentarlo nel procedimento; ciò si applica mutatis mutandis alla successiva esecuzione della decisione. La prima frase non si applica se è stato prima che la domanda ha già avviato negoziati per l’espulsione di un azionista della società ai sensi del § 101 comma. 2 e in questo procedimento continua correttamente.

(2) Una parte può presentare una proposta ai sensi del paragrafo 1 solo se notifica la società senza indebito ritardo dopo aver informato la società, ma entro e non oltre un mese.

§ 103

(1) Se si accetta il contratto sociale, il compagno alle condizioni specificate nell’accordo di partenariato e con il consenso di tutti i partner di assolvere l’obbligo di depositare anche l’esecuzione o l’esecuzione di lavoro o fornendo o la fornitura di servizi. In tal caso, il contratto sociale include la valutazione del lavoro o del servizio fornito o il metodo di valutazione.

(2) Se è necessario un azionista di una società per svolgere un lavoro o fornire i suoi servizi, senza rispettare l’obbligo di depositare, dargli una quota degli utili delle società per l’importo corrispondente alla valutazione dei lavori eseguiti o di servizi resi, a meno che l’accordo di partenariato prevede un altro metodo di composizione.

Sezione 104

(1) La Società rimborserà al Companion le spese sostenute per organizzare gli affari della Società e che possa ragionevolmente ritenere necessarie; ciò vale, mutatis mutandis, per il normale interesse sulle spese sostenute, calcolato dal momento in cui sono state sostenute.

(2) Il diritto al rimborso delle spese può essere esercitato entro 3 mesi dal momento in cui sono stati spesi; alla legge applicabile successivamente deve essere ignorata.

(3) Con il consenso di tutti gli azionisti, nel periodo di cui al paragrafo 2 compagno di innescare una domanda di rimborso delle spese sostenute in virtù del paragrafo 1 e l’interesse nei confronti della domanda di rimborso del suo deposito.

§ 105

Le decisioni in tutte le questioni aziendali richiedono il consenso di tutti i partner, a meno che il contratto sociale non stabilisca diversamente.

Sezione 106

(1) L’ente ufficiale di tutti i componenti in possesso dei requisiti specificati al § 46. Il contratto sociale può prevedere che un organo statutario sono solo alcuni componenti in possesso dei requisiti specificati nel § 46, o uno di essi.

(2) Nel determinare il contratto sociale da uno degli azionisti ai sensi del paragrafo 1, irrevocabile, il giudice può stabilire che la proposta di annullare qualsiasi dei partner, in violazione se il compagno designato particolarmente grave.

§ 107

Ciascun compagno può visualizzare tutti i documenti dell’azienda e controllare i dati ivi contenuti; questo si applica in modo simile al rappresentante del partner se è legato alla stessa riservatezza di un partner e la società dimostrerà questo fatto.

Sezione 108

(1) Ogni socio ha diritto di rivendicare in tribunale contro un’altra azienda per il risarcimento degli azionisti per i danni causati dalla società o la sua eventuale esecuzione degli obblighi derivanti dal accordo sulla risoluzione dei danni ai sensi del § 53 par 3.; L’articolo 102 si applica mutatis mutandis.

(2) Azionista ha il diritto di chiedere il risarcimento del danno contro un altro azionista di cui al paragrafo 1 sono stati approvati accordo sulla risoluzione dei danni ai sensi del § 53 par. 3, a meno che la persona che ha causato il danno alla società, che controlla.

§ 109

(1) Senza il permesso di tutti gli altri membri, il partner non può impegnarsi negli affari della società, né a beneficio di altre persone, né mediare l’attività della società per un altro. Il collaboratore non può essere un membro di un ente statutario o altro di un’altra società commerciale con un’attività simile, a meno che non sia un problema.

(2) Il contratto sociale può proibire la competizione in modo diverso.

§ 110

(1) Il Compagno può entrare nella Società o ritirarsi dalla Società mediante una modifica del contratto sociale.

(2) Il partner affiliato è anche responsabile dei debiti della società sorti prima della sua adesione. Tuttavia, potrebbe richiedere ad altri partner di fornirgli un compenso completo per il servizio fornito e di compensare i costi.

§ 111

(1) Alla scadenza della partecipazione nella società, il socio sarà responsabile solo per i debiti della società sorti prima della scadenza della sua partecipazione.

(2) Un azionista non può rivendicare una partecipazione nella società o una distribuzione di azioni tra gli azionisti.

§ 112

(1) Gli utili e le perdite sono ripartiti equamente tra gli azionisti.

(2) Un azionista ha diritto a una quota di profitto del 25% dell’importo in cui ha adempiuto al proprio obbligo di deposito. Se l’utile della società è insufficiente per pagare questo importo, sarà distribuito tra gli azionisti in proporzione agli importi in cui hanno adempiuto al loro obbligo di deposito. I restanti profitti sono distribuiti tra gli azionisti ai sensi del paragrafo 1.

(3) Se a un azionista viene assegnata una quota di profitto ai sensi dell’articolo 103, paragrafo 2, le disposizioni dei paragrafi 2 o 3 si applicano solo alla parte dell’utile che non è così distribuita.

(4) Se contiene disposizioni del contratto sociale deroga al paragrafo 1 solo a condividere il profitto o semplicemente per condividere la perdita si applica se ci sono dubbi sul fatto che le disposizioni del memorandum vale sia per partecipazione agli utili e di condividere la perdita .

(5) I paragrafi da 1 a 3 si applicano se non diversamente previsto nel contratto sociale.

§ 113

(1) La Società è cancellata

(a) la testimonianza dell’azionista presentata non oltre 6 mesi prima della fine del periodo contabile, l’ultimo giorno del periodo contabile, a meno che il contratto sociale non stabilisca il limite temporale entro un altro,

b) il giorno in cui la decisione del tribunale,

(c) la morte del partner, a meno che il contratto sociale non consenta l’eredità della quota,

d) lo scioglimento di una persona giuridica partner, a meno che il contratto sociale non consenta il trasferimento di una quota nel successore legale,

e) la data della decisione sulla dichiarazione di fallimento di uno dei partner o il rigetto della domanda di avvio della procedura di insolvenza a causa di attività o la cancellazione di fallimento, perché è del tutto insufficienti le attività společníkův insufficienti,

(f) il giorno in cui la decisione di concedere i debiti di uno degli azionisti,

g) regolamento finale disabilità di applicazione di azione di qualsiasi azionista della società, o il potere legale di titolo esecutivo alla disabilità proporzione di qualsiasi azionista della società dopo il termine indicato nel bando di soddisfare l’obbligo imposto ai sensi della legislazione speciale e, se fosse stato in questo periodo archiviato per sospensione dell’esecuzione, il potere di decidere su questo,

h) il giorno in cui nessuno dei partner soddisferà i requisiti di cui all’articolo 46,

(i) l’ esclusione di un azionista ai sensi dell’articolo 115, paragrafo 1;

j) per altri motivi specificati nel contratto sociale.

(2) Qualora i motivi di scioglimento della società di cui al paragrafo 1, se non per ragioni di cui alle lettere b) eh) possono essere gli altri partner al momento della presentazione della relazione finale sulla liquidazione il liquidatore cambiando contratto sociale d’accordo che l’azienda sopravviverà senza un partner il cui il motivo per i problemi di cancellazione. Questo patto parasociale può anche essere incluso nel contratto sociale.

(3) Se la società è stata cancellata ai sensi del paragrafo 1 h), i partner possono accettare l’adesione di un partner che soddisfi i requisiti del § 46 e che l’azienda continui.

(4) La risoluzione del contratto ai sensi dei paragrafi 2 o 3 pone termine alla liquidazione.

Sezione 114

(1) se è stato dopo le restanti azionisti hanno accettato di un’altra della società, ha cancellato socio fallito per motivi diversi l’adempimento della risoluzione o perché společníkův proprietà era del tutto insufficienti azionista di partecipazione nella società alla data di efficacia giuridica di tale decisione rinnova, a meno che gli azionisti, tra cui l’azionista sulla cui struttura è stata dichiarata fallita decidano diversamente.

(2) Se una società ha già pagato un interesse di regolamento, l’appartenenza dell’azionista riprende solo se la società lo sostituisce entro due mesi dalla decisione presa in conformità con la prima frase; la partecipazione è rinnovata alla data della sua risoluzione originale. Ciò vale, mutatis mutandis, in caso di disabilità arresto di applicazione di quota di socio definitiva, o in caso di esecuzione tappa finale da altra normativa.

(3) Se la società, per cui i motivi della sua cancellazione ai sensi della Sezione 113, Par. (e) a (g) non sono ancora cessati e le condizioni di cui ai paragrafi 1 e 2 sono soddisfatte, tutti gli azionisti, incluso l’azionista la cui partecipazione nella società è ripresa, possono convenire che la società continuerà ad esistere.

§ 115

(1) Il Compagno può proporre che il tribunale cancelli la società se ci sono ragioni importanti per farlo, specialmente se un altro partner viola seriamente i suoi doveri o non è in grado di raggiungere lo scopo per cui è stata fondata la società.

(2) La società può proporre che il tribunale escluda un partner che viola gravemente i suoi obblighi, anche se è stato chiamato a farlo in modo appropriato e deve essere avvertito per iscritto dell’esclusione. La presentazione di una proposta per espellere un partner deve essere approvata dagli azionisti che detengono la maggioranza dei voti nella società; il voto del partner escluso non viene preso in considerazione.

Sezione 116

Il trasferimento della quota di un azionista in una società pubblica è proibito.

Sezione 117

(1) La percentuale erede che vuole diventare un azionista ha il diritto di partecipare alla società sospendere, entro un termine di tre mesi dalla data in cui è diventato erede, altrimenti questa testimonianza ignorato.

(2) Il periodo di preavviso è di 3 mesi e durante lo svolgimento del procedimento, l’erede azionista non è obbligato a partecipare alle attività della società.

(3) Se l’erede fornisce prove a norma del paragrafo 1, l’erede non diventa un membro.

TITOLO III

AZIENDA COMANDANTE
§ 118

(1) Un partenariato limitata è un’azienda in cui almeno un partner è responsabile dei propri debiti limitate (di seguito denominato “partner limitata”) ed almeno un guidata indefinitamente (di seguito “socio collettivo”).

(2) La società contiene il nome “società in accomandita”, che può essere sostituita dall’abbreviazione “kom. “o” pezzi “. Il Komanditista, il cui nome è elencato nella società, garantisce i debiti della società come complementare. Le disposizioni della Sezione 95 (3) non si applicano allo status dei co-candidati a meno che il contratto sociale non stabilisca diversamente.

Sezione 119

Salvo quanto diversamente previsto dalle disposizioni generali della parte seconda della presente legge, le disposizioni di una società per azioni pubblica si applicano mutatis mutandis ad una società in accomandita.

§ 120

(1) Le quote dei co-candidati devono essere determinate in base alla proporzione dei loro depositi.

(2) L’importo della quota di regolamento della società a responsabilità limitata deve essere determinato in conformità con le regole stabilite dalla presente legge per la quota di regolamento nella società a responsabilità limitata.

§ 121

(1) Un partner limitata adempirà all’obbligo di depositare nella quantità e modalità indicate nell’accordo di partenariato, altrimenti i soldi e senza indebito ritardo dopo la creazione della loro partecipazione alla società.

(2) Le disposizioni della Sezione 103 non si applicano allo status dei co-candidati a meno che il contratto sociale non stabilisca diversamente.

§ 122

Per i debiti di un socio accomandante è responsabile con gli altri partner sono solidalmente nella quantità del suo eccezionale contributo in base alla registrazione statale nel registro di commercio.

§ 123

Le disposizioni sulla trasferibilità di una partecipazione in una società a responsabilità limitata si applicano mutatis mutandis.

Sezione 124

Il contratto sociale include anche

a) determinare quale dei partner è una parte complementare e chi,

(b) l’ ammontare del contributo di ciascun socio accomandante.

§ 125

(1) L’organo statutario della società sono tutti i partner generali che soddisfano i requisiti specificati al § 46. Il contratto sociale può prevedere che un organo statutario solo sono alcuni dei socio collettivo, che soddisfano i requisiti di cui al § 46, o uno di essi.

(2) A meno che l’accordo di partenariato disponga diversamente, le decisioni in materia che non hanno diritto a autorità prevista dalla legge, tutti i partner, in particolare con il voto del socio collettivo e soci accomandanti separatamente.

Sezione 126

(1) Gli utili e le perdite sono suddivisi tra la Società e il Complemento. Se il contratto sociale non specifica un’altra divisione, i profitti e le perdite tra la società e le parti complementari sono divisi a metà.

(2) I compilatori devono destinare parte del profitto e della perdita secondo la Sezione 112.

(3) Parte dei profitti da versare alla Società saranno distribuiti tra i partner in proporzione alle loro azioni dopo la tassazione. Le perdite non sono limitate.

(4) I paragrafi 2 e 3 si applicano a meno che il contratto sociale o la decisione di tutti i partner decida diversamente.

Sezione 127

(1) La ragione per la cancellazione della società non è

a) dichiarazione di fallimento di un socio accomandante o il rigetto della richiesta di avvio della procedura di insolvenza per mancanza di risorse, socio accomandante o la cancellazione di fallimento perché komanditistův proprietà del tutto insufficiente,

(b) l’ approvazione del certificato di solvibilità,

c) la notifica del successo delle aste ripetuto nel procedimento di esecuzione o l’esecuzione o, se la quota di socio accomandante trasferibili finali disabilità regolamento di applicazione di quota di soci accomandanti, o potere legale di ordine di esecuzione della quota di soci accomandanti oltre il termine indicato nel bando di incontrare esigeva doveri ai sensi della legislazione speciale e, se fosse stato in questo periodo una mozione per fermare l’esecuzione, il valore giuridico di una decisione su questa proposta, o

(d) la morte o la morte di un comanditista.

(2) I motivi di cui al paragrafo 1 comportano la scomparsa della partecipazione della società nella società.

(3) È sufficiente annullare la società in accomandita che i requisiti della Sezione 46 non sono soddisfatti da nessuno dei Complementari.

§ 128

(1) La partecipazione della società a responsabilità limitata della società è rinnovata

a) annullando una bancarotta sulla proprietà di un comanditico per ragioni diverse dall’adempimento di una risoluzione o perché la sua proprietà è totalmente inadeguata,

(b) l’arresto definitivo dell’esecuzione della decisione incidendo sulla quota della società in accomandita, o

c) sospendendo legittimamente l’esecuzione in virtù di un’altra regolamentazione legale,

a meno che il contratto sociale non determini altrimenti.

(2) Se una società ha già pagato una quota di regolamento, la partecipazione alla partnership riprenderà solo se la società la sostituisce entro 2 mesi; la partecipazione è rinnovata alla data della sua risoluzione originale.

Importo di impegno
§ 129

(1) Se il contratto sociale determina che i soci accomandanti responsabili per i debiti della società fino a un determinato importo (la “quantità limitata”), entrano in questo importo nel contratto sociale. Non puoi negoziare una somma di denaro inferiore all’importo che guadagni molto.

(2) Se la società procede conformemente al paragrafo 1, tali deroghe si applicano alla società in accomandita

a) la parte degli utili da versare alla società è distribuita, al netto delle imposte, tra le società a responsabilità limitata proporzionalmente alle loro azioni,

b) la perdita sarà pagata dal comandante con gli altri partner in base alla loro quota, ma solo fino all’importo del loro importo limitato,

c) per i debiti della società, la Komanditista con gli altri soci responsabili in solido per l’ammontare del suo ammontare limitato iscritto nel Registro di commercio nel momento in cui il creditore ha richiesto l’esecuzione.

§ 130

L’ammontare dell’importo è ridotto nella misura in cui il comandante ha adempiuto al proprio obbligo di deposito.

§ 131

(1) Le modifiche dell’importo limitato sono effettive con la loro iscrizione nel registro delle imprese.

(2) Se una società partner limitata o con il suo consenso pubblicato un limitato incremento pari a creditori o comunque annunciato un socio accomandante è responsabile ai sensi del § 129 par. 2 punto. c) fino all’importo della somma aumentata.

TITOLO IV

AZIENDA CON LICENZE RISERVATE
Parte 1

Disposizioni generali
§ 132

(1) La società a responsabilità limitata è una società responsabile per i debiti che i partner solidalmente responsabili per l’entità del deposito non hanno adempiuto agli obblighi dello Stato, iscritta nel registro delle imprese nel momento in cui sono stati invitati a incontrare creditore.

(2) La società contiene il termine “Società a responsabilità limitata”, che può essere sostituita dall’abbreviazione “spol. s ro “o” sro “.

Sezione 133

La quota di socio di una società a responsabilità limitata è determinato dal rapporto tra il suo contributo alla quota di pertinenza del capitale sociale, a meno che l’accordo di partnership diversamente specificato.

§ 134

(1) Attuazione dei creditori forniti da un partner a causa della sua responsabilità ai sensi del § 132 paragrafo. 1 è contato di poter soddisfare agli obblighi di deposito inizialmente da pagare.

(2) Nel caso in cui la compensazione non sia possibile, la Società fornirà alla Società un compenso per le sue prestazioni. Mancato raggiungimento di una compagna di pagamento della società, nei suoi confronti un sostituto per i suoi partner di implementazione nella misura in cui essi non hanno adempiuto all’obbligo di cui il deposito dello stato iscritto nel registro delle imprese, il giorno in cui gli è stato chiesto di eseguire compagno.

Tipi di azioni
§ 135

(1) Il contratto sociale può consentire la creazione di diversi tipi di azioni. Le azioni con le quali sono allegati gli stessi diritti e obblighi formano una specie. Una quota senza diritti e obblighi speciali è una quota essenziale.

(2) Se il contratto sociale lo stabilisce, l’azionista può possedere più azioni, anche di tipo diverso.

§ 136

Diversi tipi di azioni e il loro contenuto sono determinati nel contratto sociale.

Foglio generico
§ 137

(1) Se il contratto sociale lo stabilisce, la quota dell’azionista può essere rappresentata da una lista di azioni. Se, in base al contratto sociale, è consentito più di un azionista, la società può emettere un certificato azionario per ogni azione.

(2) Un bollettino può essere emesso solo per un’azione la cui trasferibilità non è limitata o condizionale.

(3) Il Treasury Sheet è una garanzia per la serie. La scheda principale non può essere emessa come sicurezza dematerializzata.

(4) Una scheda obbligazionaria non può essere offerta o ammessa pubblicamente alla negoziazione su un mercato regolamentato europeo o su qualsiasi altro mercato pubblico.

§ 138

(1) Il foglio principale contiene

(a) un’indicazione che si tratta di un disco master,

(b) l’ identificazione univoca della società,

(c) l’ ammontare del contributo per unità,

d) identificazione univoca del partner,

e) designazione della quota a cui è emesso il foglio master e

(f) identificazione del foglio master, il suo numero e la firma del preponente o degli agenti. La firma può essere sostituita dall’impronta digitale se le difese contro la contraffazione o l’alterazione sono utilizzate contemporaneamente.

(2) Laddove è stata emessa una dichiarazione in blocco, deve contenere anche un’indicazione del numero di fogli sostituiti e l’indicazione delle quote che sostituisce.

Elenco dei compagni
§ 139

(1) Gli azionisti devono essere inseriti nell’elenco dei soci, che guidano la società.

(2) L’elenco degli azionisti è scritto il nome e l’indirizzo permanente di un partner o di altro indirizzo compagno designato per il servizio, la quota, che segna quota, corrispondente importo del deposito, il numero di voti inerenti alle azioni, l’obbligo di contribuire alla creazione di risorse monetarie azionari nel corso společníkův un deposito (di seguito “sovrapprezzo”) associato alla quota, se determinata, e la data di quotazione nell’elenco degli azionisti. Se l’azionista possiede più di una quota, deve essere indicato l’importo e l’importo corrispondente del deposito per ogni azione. Se una società ha emesso più di una unità di azioni, deve essere indicata anche la sua designazione.

(3) Se la società ha emesso le fatture principali, la nota per la quota a cui è stato emesso il pacchetto principale e il numero del pacchetto deve essere inserito.

(4) La Società registrerà la materia registrata senza indebito ritardo dopo che la modifica è stata dimostrata.

§ 140

La Società rilascerà a ciascuno dei suoi partner, a richiesta scritta e per il rimborso delle spese, una copia o estratto dei dati che lo riguardano, entro e non oltre 7 giorni dal ricevimento della richiesta.

Sezione 141

(1) I membri registrati della Società non possono utilizzare le informazioni della Società se non per le proprie esigenze in relazione ai partner. Per altri scopi, la società può utilizzare questi dati solo con il consenso dei partner dei dati.

(2) Se il partner cessa di essere un membro, la società lo cancella dall’elenco degli azionisti senza indebito ritardo.

deposito
Sezione 142

(1) Il deposito minimo è CZK 1, a meno che il contratto sociale non determini che l’importo del deposito è più alto.

(2) L’importo del deposito può essere determinato in modo diverso per ogni azione.

Sezione 143

(1) Un contributo non monetario deve essere valutato da un esperto selezionato nell’elenco di esperti ai sensi di un altro regolamento giuridico. La ricompensa di esperti per l’elaborazione di un parere di esperti è determinata dall’accordo e viene pagata dalla società. Oltre alla remunerazione, gli esperti hanno diritto a un rimborso per le spese sostenute in relazione alla preparazione del rapporto di un esperto. Nel caso in cui la società non diventi membro, i fondatori vengono pagati congiuntamente e separatamente.

(2) Gli esperti di cui al paragrafo 1 selezionano i fondatori, altrimenti l’esecutivo, al momento di istituire la società.

(3) perizia contiene almeno una descrizione dei metodi di valutazione non utilizzati o metodo di valutazione, l’importo che un contributo non in contanti del valore, e la giustificazione da perizia raggiunto.

(4) I paragrafi da 468 a 473 si applicano mutatis mutandis; ogni nuova valutazione deve essere effettuata conformemente ai paragrafi 1 e 2.

§ 144

(1) Nel contratto di costituzione, la dichiarazione di aumento del deposito o dichiarazione di assunzione dell’obbligo di deposito comprende anche una descrizione del contributo non monetario, la sua valutazione e l’importo che è incluso nel prezzo di emissione. L’importo che è incluso nella tariffa di emissione non può essere superiore alla valutazione indicata nell’opinione degli esperti o nella valutazione ai sensi dell’articolo 468 o 469.

(2) La differenza tra il prezzo del contributo non monetario determinato da un esperto o ai sensi del § 468 o 469 e l’importo del compagno di deposito costituisce un premio di deposito, a meno che l’accordo di partenariato o la decisione dell’Assemblea generale hanno determinato che questa differenza o una parte restituiti al depositante o utilizzati con il compagno consenso creazione di un fondo di riserva.

Sezione 145

Se si verifica la divisione di un’azione in una nuova azione, deve essere mantenuto il deposito minimo richiesto dalla presente legge o dal contratto sociale; la divisione della quota non sarà presa in considerazione.

Contratto sociale
§ 146

(1) Il contratto sociale include anche

(a) la società della società,

(b) l’attività o le attività della società,

(c) identificazione dei membri con il loro nome e domicilio o sede legale,

d) la determinazione dei tipi di azioni di ciascun partner e i diritti e gli obblighi ad essi associati, se il contratto sociale consente diversi tipi di azioni,

(e) l’ ammontare del deposito o dei depositi attribuibili all’azienda o alle azioni,

(f) l’ ammontare del capitale sociale e

(g) il numero di amministratori e il modo in cui agiscono per la società.

(2) L’ accordo della società include anche

(a) la responsabilità dei fondatori, incluso il termine per l’adempimento,

(b) l’ indicazione di chi saranno i fondatori nominati dall’esecutivo o dai direttori, o dai membri di altri organi della società, per essere eletti dall’assemblea generale ai sensi della presente legge,

(c) determinazione del gestore del deposito e

d) del contributo non monetario della sua descrizione, la sua valutazione, l’importo viene accreditato al prezzo di emissione, e identificare esperto che effettua investimenti in denaro.

(3) I dati di cui al paragrafo 2 possono essere cancellati dopo la costituzione della società e dopo l’adempimento dell’obbligo di deposito del contratto sociale.

§ 147

(1) Il contratto sociale può essere modificato con l’accordo di tutti i partner; per questo accordo è richiesto un documento pubblico. Se il contratto sociale lo prevede, può anche essere modificato con decisione dell’Assemblea generale.

(2) La decisione dell’Assemblea generale, che dà luogo alla modifica del contratto sociale, sostituisce la decisione sulla modifica del contratto sociale. Tale decisione dell’Assemblea Generale sarà certificata da un documento pubblico.

(3) Se la decisione dell’Assemblea Generale non cambia il modo in cui viene modificato il contratto sociale, il contenuto del contratto deve essere modificato dall’esecutivo in base alla decisione dell’Assemblea Generale. Il cambiamento del contenuto del contratto sociale da parte dell’esecutivo è costituito da un documento pubblico.

§ 148

Prima che la domanda di registrazione della società sia depositata nel Registro di commercio, l’intero deposito deve essere pagato e almeno il 30% del deposito.

§ 149

(1) La Società può acquisire il proprio interesse se la sua acquisizione non è un accordo di cessione di azioni; ciò si applica mutatis mutandis all’acquisizione della partecipazione di una società da un’entità controllata o da una persona che agisce a suo nome per conto di tale persona controllata.

(2) La società che acquisisce il proprio interesse non esercita diritti di voto con questa azione.

(3) Il diritto di condividere l’utile associato alla quota della Società nelle attività della Società scade alla sua scadenza. Gli utili non pagati vengono trasferiti sul conto degli utili non distribuiti degli anni precedenti.

(4) Nel caso in cui la Società acquista tutte le sue azioni, loro o uno di essi esecutivo conversione entro 3 mesi l’ultimo di essi a terzi, o dal giudice d’ufficio viene annullata. Il valore delle azioni è determinato sulla base del giudizio di esperti; La sezione 143 si applica mutatis mutandis.

Parte 2

Diritti e doveri dei partner
Obbligo di deposito
§ 150

(1) L’azionista paga l’obbligo di deposito entro il termine stabilito dal contratto sociale, ma non oltre 5 anni dalla data di stabilimento della società o dall’assunzione dell’obbligo di deposito per la durata della società.

(2) L’ obbligo di deposito non può essere esente dall’azionista, a meno che non si tratti di una riduzione del capitale sociale.

§ 151

(1) Un compagno è in ritardo con il pagamento di un contributo monetario, l’azienda pagherà interessi sul ritardato pagamento di doppio del tasso di interesse determinato da una regolamentazione giuridica del l’importo dovuto, a meno che l’accordo di partnership diversamente specificato.

(2) Un socio che sia inadempiente rispetto all’obbligo di deposito può essere escluso dalla società dall’assemblea generale. Se un azionista ha più di una azione, si tratta dell’esclusione della sola azione per la quale l’azionista è inadempiente nell’adempiere all’obbligo di deposito, a meno che il contratto sociale non stabilisca diversamente. L’esclusione di un socio si applica mutatis mutandis alle disposizioni del codice civile che disciplinano l’esclusione di un membro della Società per gravi violazioni di doveri; la disposizione sulla possibilità di revisione dell’esclusione dei tribunali non si applica.

(3) Contemporaneamente con l’esclusione della società per iscritto pronta compagna escluso per la sua resa, senza voucher di ritardo, se rilasciato, avvertendo che altrimenti si procederà secondo § 152-154.

Obbligo di consegnare il foglio master
§ 152

(1) Laddove previsto dalla legge, l’azionista deve consegnare il listino della società senza indebito ritardo.

(2) In caso di soci di ritardo con l’impegno di foglie staminali aziende scaricato sotto la legge del mercato per la loro sostituzione, segnando un nuovo livello di deposito o la distruzione istruzioni visualizzate partner Gestione delle modalità previste dalla legge e contratto sociale per la convocazione di un’assemblea generale di farlo entro un termine ragionevole , da determinarsi da parte loro, con un avvertimento che in caso contrario le liste radice non pubblicate o non restituite saranno dichiarate void.

(3) Stem foglie che non sono passati attraverso una sfida nel periodo addizionale consegnato, executive dichiarato nullo una dichiarazione, senza indebito ritardo, informare i titolari il cui gambo lascia tocchi vuoto all’indirizzo indicato nella lista degli azionisti e allo stesso tempo ha pubblicato.

§ 153

(1) Le scorte da emettere al posto dei francobolli dichiarati non validi devono essere vendute a un prezzo ragionevole. Le disposizioni dell’articolo 213, paragrafo 1, si applicano mutatis mutandis alla vendita delle spese della società.

(2) Un rapporto sulla prossima vendita deve essere segnalato agli ex membri della società i cui elenchi di tributi sono stati dichiarati nulli.

(3) La Società avrà diritto al rimborso delle spese sostenute per la sua dichiarazione di warrant e l’emissione di nuovi warrant.

(4) Se, al nuovo stelo lascia la procedura di cui al paragrafo 1 a vendere entro tre mesi dalla dichiarazione neodevzdaných gambo lascia vuoto Assemblea deciderà senza indugio sulla riduzione del capitale sociale per l’ammontare dei depositi riconducibili alle foglie staminali invenduti.

§ 154

(1) Una società può chiedere nei confronti di un partner il cui buono è stato dichiarato nullo, il pagamento del prezzo di acquisto o l’importo corrispondente agli obblighi di deposito sono state soddisfatte a compensare crediti nei confronti di lui sorse in connessione con la matrice di dichiarazione non valido e emissione di nuovi fogli normali.

(2) società Differenza pagherà l’ex compagno, il cui buono è stato dichiarato nullo, senza indugio dopo la compensazione, o dopo la vendita ai sensi del § 153 o dopo la registrazione di riduzione del capitale nel registro di commercio.

(3) Nel caso in cui per il buono ritirato dalla circolazione non deve essere emesso un nuovo, non di nullità pregiudicano il diritto di un ex compagno, il cui buono è stato dichiarato nullo, il pagamento di una somma corrispondente all’importo degli obblighi di deposito sono stati rispettati.

(4) master Sheet è dimesso al fine di sostituire o la distruzione distruggendo senza indebito ritardo dopo la riduzione del capitale efficace o altri motivi per i quali il voucher consegnato.

(5) Gli articoli 542 e 543 si applicano mutatis mutandis.

Diritto all’informazione
§ 155

Un azionista ha il diritto in Assemblea e al di là della domanda dai dirigenti sulla società, controllare i documenti della società, controllare le informazioni contenute nei documenti e gli altri diritti all’informazione designato contratto sociale; questo si applica in modo simile al rappresentante del partner se è almeno impegnato con la stessa riservatezza di un partner e la società dimostrerà questo fatto.

Sezione 156

(1) I dirigenti possono rifiutarsi di fornire informazioni ai sensi dell’articolo 155 in tutto o in parte solo se

a) sono informazioni classificate in base ad un altro regolamento giuridico,

(b) le informazioni richieste sono pubblicamente disponibili.

(2) In caso di controversia, decide, su richiesta dell’azionista, se la società è obbligata a fornire le informazioni, il tribunale; la legge applicabile dopo 1 mese dalla data di notifica del rifiuto di fornire informazioni non deve essere presa in considerazione.

(3) Il periodo di prescrizione per l’esercizio dei diritti che dipendono dalle spiegazioni richieste non deve essere eseguito per il periodo del procedimento di cui al paragrafo 2.

Azione sociale
Sezione 157

(1) Ogni socio ha diritto di chiedere un risarcimento per danni a dirigenti d’azienda o di adempiere ai propri potenziali obblighi derivanti dal contratto ai sensi del § 53 par 3 e nel presente procedimento rappresentare la società.; ciò si applica mutatis mutandis alla successiva esecuzione della decisione.

(2) Azionista ha il diritto di chiedere il risarcimento dei danni nei confronti degli amministratori di cui al comma 1, per cui se si trattava di sua decisione secondo § 53 paragrafo. 3, a meno che la persona che ha causato il danno alla società, è il suo unico azionista, o la persona che lo controlla.

(3) Può anche essere presentata un’azione comune,

(a) se la società causa pregiudizio a un membro del Consiglio di vigilanza, se è stata accertata,

(b) se la parte lesa causa un influente,

(c) per l’esercizio del diritto di un azionista di richiedere a una società di soddisfare un obbligo di deposito nei confronti di un azionista che è in ritardo di esecuzione;

(d) per l’esercizio del diritto della società di escludere un socio della società da una società per inadempimento dell’obbligo di deposito.

(4) un direttore, membro del consiglio di sorveglianza o di una persona influente per le esigenze di azione compagno significa anche chi in questa posizione più a lungo, ma era al momento della lesione di essere sostituito dopo che le imprese rappresentate compagna necessaria.

§ 158

Prima dell’esercizio del diritto ai sensi del § 157 nei confronti dell’Amministratore Delegato, il Companente comunica per iscritto all’Organismo di Vigilanza la sua intenzione per iscritto, se è stata stabilita.

§ 159

Se l’organismo informato non esercita in tribunale il diritto che la società intende richiedere all’azionista, senza indebito ritardo al ricevimento delle informazioni ai sensi dell’articolo 158, l’azionista può esercitare tale diritto per la società stessa.

Sezione 160

Se il socio che ha presentato un’azione sociale, l’azionista nel procedimento, la società è rappresentata dal suo successore legale.

Sezione 161

Quota di profitto
(1) Gli azionisti partecipano al profitto determinato dall’Assemblea generale da distribuire tra gli azionisti in proporzione alle loro azioni, a meno che il contratto sociale non stabilisca diversamente. A meno che il contratto sociale o l’assemblea generale non specifichino diversamente, viene pagata la quota dell’utile in denaro.

(2) La Società paga una quota di profitto a proprie spese e rischio all’indirizzo del Compagno o tramite bonifico bancario sul suo conto, a meno che l’accordo sociale o la risoluzione dell’Assemblea generale non stabilisca diversamente.

(3) Nel caso di azioni a cui è collegata una quota fissa di utili, non è richiesta la delibera dell’assemblea generale sulla distribuzione della quota di profitto. Una quota fissa di profitto è pagabile entro 3 mesi dall’approvazione dei bilanci da cui deriva il diritto alla partecipazione al profitto.

(4) L’importo disponibile per la distribuzione ai soci non può superare il risultato economico del completamento dell’ultimo periodo di relazione, più gli eventuali utili non distribuiti da periodi precedenti, al netto delle perdite di esercizi precedenti e accantonamenti a riserve e altri fondi ai sensi della presente legge e il contratto sociale.

supplementi
§ 162

(1) Un Memorandum di Associazione può stipulare che la Società possa imporre ai propri azionisti, con deliberazione dell’Assemblea Generale, l’obbligo di fornire una sovrattassa in contanti (di seguito “sovrapprezzo”).

(2) L’ accordo sociale determina l’ammontare dei supplementi nella sua interezza, altrimenti la risoluzione dell’Assemblea Generale sull’Obbligo Supplementare non sarà presa in considerazione. Il contratto sociale determina anche se e con quali azioni il sovrapprezzo è collegato.

(3) I sovrapprezzi sono forniti dagli azionisti in base alla proporzione delle loro azioni, a meno che il contratto sociale non stabilisca diversamente.

Sezione 163

(1) Un azionista può concedere un compenso aggiuntivo, con il consenso del gestore della società, a meno che il contratto sociale lo preveda.

(2) La sovrattassa di cui al paragrafo 1 può anche essere fornita come non monetaria; La sezione 143 si applica mutatis mutandis.

Sezione 164

(1) Un azionista che non ha votato per un obbligo supplementare può notificare per iscritto alla società che sta lasciando la società per quanto riguarda la quota a cui è legato il sovrapprezzo. L’obbligo di sovrattassa scade a seguito della prestazione.

(2) Uscire dalla società può essere entro 1 mese dalla data della Assemblea dei dell’obbligo opzionale o dalla data in cui è stato annunciato che l’Assemblea ha deciso di turno facoltativa ai sensi del § 174 par. 3 o che la decisione è stata presa obblighi opzionali al di là della generale Pag. 177, altrimenti l’esecuzione sarà ignorata.

(3) Il diritto di recesso dalla società può essere esercitato solo dall’azionista che ha adempiuto pienamente al proprio obbligo di deposito connesso alla quota alla quale era vincolato l’obbligo supplementare.

(4) L’aspetto del Compagno avrà effetto l’ultimo giorno del mese in cui è stata fatta la comunicazione scritta di cui al paragrafo 1 alla Società.

(5) I paragrafi da 1 a 4 non si applicano se il contratto sociale determina diversamente.

§ 165

Se un partner non riesce a pagare un sovrapprezzo, la Sezione 151 si applica mutatis mutandis, a meno che il membro non si sia ritirato dalla società ai sensi dell’articolo 164.

§ 166

(1) L’assemblea generale può decidere che la sovrattassa fornita sarà restituita all’azionista nella misura in cui supera la perdita della società.

(2) A meno che l’assemblea generale non decida diversamente, il sovrapprezzo viene restituito al socio in proporzione all’importo che ha fornito; la sovrattassa fornita dall’azionista ai sensi della Sezione 162 (1) sarà rimborsata per prima.

Parte 3

Enti aziendali
Assemblea Generale
Sezione 167

(1) Gli azionisti esercitano il loro diritto a partecipare alla gestione della Società all’interno o all’esterno dell’Assemblea generale.

(2) Si riconosce se il voto contratto sociale all’assemblea generale o la decisione al di fuori della Assemblea Generale con l’uso di mezzi tecnici, le condizioni del voto o decisioni progettato per consentire alle aziende di verificare l’identità della persona che ha diritto di esercitare il diritto di voto e di determinare le proporzioni con cui è associato l’esercizio del diritto di voto, altrimenti le voci di dimissioni tale procedura oa partecipare come segue azionisti di voto disattese.

(3) Le condizioni del voto o del processo decisionale di cui al paragrafo 2 sono determinate dal contratto sociale e devono sempre essere indicate nell’invito all’assemblea generale o nel progetto di decisione ai sensi dell’articolo 175; se questi termini non includono un contratto sociale, l’organo statutario li determina.

(4) Per votare in Assemblea con l’uso di mezzi tecnici, è considerato come il voto in un modo che associa consegnare i loro voti per iscritto prima della riunione (il “voto per corrispondenza”).

Sezione 168

(1) Un azionista assiste l’Assemblea generale personalmente o per conto dell’Assemblea generale. La procura deve essere comunicata per iscritto e deve indicare se è stata rilasciata per la rappresentanza in una o più delle assemblee generali.

(2) Il rappresentante comunica in anticipo prima della riunione generale di tutti i fatti che potrebbero avere per importanza compagno nel valutare se in questo caso il pericolo di un conflitto di interessi con un rappresentante.

§ 169

(1) Se non diversamente stabilito dal contratto sociale, l’assemblea generale può decidere se i partner sono presenti e hanno almeno la metà di tutti i voti.

(2) Ogni partner ha un voto per ogni 1 corona del deposito, a meno che il contratto sociale non stabilisca diversamente.

(3) Nel valutare la capacità dell’Assemblea Generale di quotare, i voti degli azionisti che non possono esercitare il diritto di voto non saranno presi in considerazione.

§ 170

L’assemblea generale decide a maggioranza semplice degli azionisti presenti, a meno che il contratto sociale non stabilisca diversamente.

Sezione 171

(1) È richiesto il consenso di almeno la maggioranza dei due terzi dei voti di tutti i membri

(a) adottare una decisione per modificare il contenuto di un contratto sociale,

(b) a una decisione che comporta una modifica del contratto sociale,

c) la decisione di ammettere un contributo non monetario o la possibilità di compensare un credito pecuniario nei confronti dell’impresa contro una richiesta di adempimento dell’obbligo di deposito, e

d) la decisione di liquidare la società con la liquidazione.

(2) L’adozione di una decisione di modifica di un memorandum di associazione che interferisca con i diritti oi doveri di solo alcuni degli azionisti richiede il loro consenso. Se la modifica del contratto sociale riguarda i diritti e gli obblighi di tutti i partner, è richiesto il consenso di tutti i partner.

Sezione 172

(1) La decisione dell’Assemblea Generale sui fatti ai sensi dell’articolo 171 (1) e su altri fatti, i cui effetti si verificano dopo la registrazione nel Registro di commercio, deve essere certificata da un documento pubblico.

(2) Il contenuto dello strumento autentico è anche il testo approvato del cambiamento del contratto sociale, se è cambiato, e la menzione nominale degli associati che hanno votato per il cambiamento.

Sezione 173

(1) Un azionista non eserciterà diritti di voto se

a) l’ assemblea decide sul suo contributo non monetario,

b) l’ assemblea generale decide di escluderla o di presentare una mozione per la sua esclusione dal tribunale,

c) Assemblea Generale decide se lui o la persona con cui egli agisce di concerto, di essere scusato l’obbligo, o se debba essere rimosso dal suo incarico da un membro del corpo di infrazione nell’esercizio delle funzioni, o

d) è in ritardo con l’adempimento dell’obbligo di deposito o con l’adempimento della sovrattassa, nella misura del ritardo.

(2) Il divieto di esercizio del diritto di voto non si applica se tutti i partner agiscono di concerto.

§ 174

(1) Se non diversamente stipulato nel contratto sociale, il socio assente alla riunione dell’assemblea generale può inoltre esprimere il proprio diritto di voto per iscritto, entro e non oltre 7 giorni dalla data dell’assemblea generale.

(2) Se un azionista vota secondo la procedura di cui al paragrafo 1, deve essere presente all’assemblea generale quando discute della questione.

(3) I paragrafi 175, paragrafo 3 e 177 si applicano mutatis mutandis.

Processo decisionale per rollam
§ 175

(1) escludere Se le decisioni del contratto sociale al di fuori l’assemblea generale (in prosieguo: la “decisione-per rollam”) invia la persona autorizzata a convocare l’Assemblea Generale un progetto di decisione all’indirizzo specificato nella lista degli azionisti o in altro modo designata contratto sociale.

(2) Il progetto di decisione contiene anche

(a) il termine per la notificazione dell’azionista, determinato dal contratto sociale, altrimenti 15 giorni; è fondamentale per l’inizio della sua corsa consegnare la proposta al compagno,

(b) i documenti giustificativi necessari per la sua adozione;

c) altri dati, se così determinato dal contratto sociale.

(3) Se la presente legge richiede che la decisione dell’Assemblea generale sia certificata come documento pubblico, il contenuto del progetto di decisione dell’assemblea generale a cui si riferisce il parere deve essere indicato anche nella dichiarazione del socio; la firma per la dichiarazione deve essere verificata ufficialmente.

Sezione 176

(1) Se il partner non consegna entro il termine di cui all’articolo 175, paragrafo 2 a) alla persona abilitata a convocare l’Assemblea generale per accettare la proposta di risoluzione, non è d’accordo con la proposta.

(2) La maggior parte dei voti totali di tutti gli azionisti sono contati.

Sezione 177

La decisione di cui alle sezioni 175 e 176, compresa la data della sua adozione, sarà notificata dalla società o dalla persona autorizzata a convocare l’Assemblea generale a tutti gli azionisti senza indebito ritardo dalla data della sua accettazione.

Voto cumulativo
Sezione 178

Se viene determinato il contratto sociale, i membri degli organi della società vengono eletti con un voto cumulativo.

§ 179

(1) Ai fini del voto di lista il numero di voti compagno di trovare in modo che i voti, che gestisce gli azionisti in occasione dell’Assemblea generale, è moltiplicato per il numero di posti membri del corpo direttivo eletti. Se si sceglie direttori e membri del Consiglio di Sorveglianza, se è stato stabilito, determinato ai fini della cumulativi degli azionisti di voto voti per ogni istituzione separatamente.

(2) Nel caso di un voto cumulativo, il Compagno è autorizzato a utilizzare tutti i voti con cui sta gestendo o il loro numero arbitrario solo per una determinata persona o per determinate persone.

(3) Nel caso di una votazione cumulativa, ciascun membro dell’organismo vota separatamente all’assemblea generale. Solo il voto per l’elezione di una persona o di una persona è espresso come voto cumulativo.

(4) Se un membro di un organismo di una società eletto con voto cumulativo deve essere revocato, può essere revocato solo con il consenso della maggioranza dei membri che votano per la sua elezione o i loro successori in titolo; questo non si applica se il membro del corpo della società ha violato gravemente i suoi obblighi.

§ 180

(1) persone in voto di lista sono selezionati per la cui scelta è stato dato il maggior numero di voti, se voto favorevole di almeno la maggioranza dei voti degli azionisti rappresentati in assemblea, ha osservato per il voto cumulativo.

(2) Se più di una persona ottiene lo stesso numero di voti, la stessa dovrà essere nuovamente votata. Se hanno lo stesso numero di voti nel caso di un voto ripetuto, decidono di disegnare.

(3) Il verbale dell’Assemblea Generale indicherà il numero di voti espressi per l’elezione o il licenziamento di ciascuna persona nominata e un elenco di coloro che hanno votato.

Convocazione dell’Assemblea Generale
Sezione 181

(1) L’Assemblea Generale deve essere convocata dall’Amministratore Delegato almeno una volta per ciascun periodo contabile, a meno che la presente Legge o l’atto costitutivo non stabiliscano che l’Assemblea generale debba essere convocata più frequentemente.

(2) L’assemblea generale discuterà i rendiconti finanziari regolari non oltre 6 mesi dopo l’ultimo giorno del periodo contabile precedente.

§ 182

Amministratore Delegato convoca una riunione generale, senza indebito ritardo dopo aver scoperto che l’azienda deve affrontare il fallimento ai sensi di altre leggi o altri gravi motivi, soprattutto se il compromesso l’obiettivo perseguito dalla società e proporre all’Assemblea generale, per concludere la società o di adottare altre misure appropriate, a meno che altra legislazione prevede diversamente.

Sezione 183

Nel caso in cui la società non abbia un manager o dirigente da lungo tempo che non adempie ai suoi doveri, qualsiasi socio accomandatario deve convocare un’assemblea generale. Se gli interessi della Società lo richiedono, l’Assemblea Generale sarà convocata dal Consiglio di Sorveglianza, se stabilito.

Sezione 184

(1) Il termine dell’assemblea generale e il suo ordine del giorno sono comunicati agli azionisti per iscritto almeno 15 giorni prima della data della riunione, salvo diversamente stabilito dal contratto sociale; parte dell’invito è anche il progetto di risoluzione dell’Assemblea generale.

(2) L’ invito deve essere inviato all’indirizzo del compagno elencato nell’elenco degli azionisti, a meno che il contratto sociale non stabilisca diversamente.

(3) Un azionista può rinunciare alla convocazione regolare e ordinata dell’assemblea generale ai sensi del paragrafo 1 mediante una dichiarazione scritta con firma autenticata o una dichiarazione orale fatta all’assemblea generale. La dichiarazione all’assemblea generale sarà indicata nel verbale dell’assemblea generale. Se la decisione dell’Assemblea generale è certificata da un documento pubblico, una dichiarazione deve essere inclusa in questo strumento autentico. La dichiarazione riguarda anche ciascun altro acquirente dell’interesse di tale azionista.

(4) L’amministratore delegato parteciperà sempre all’assemblea generale.

§ 185

I problemi non menzionati nell’invito possono essere discussi solo se sono presenti e se tutti i partner sono d’accordo con la loro discussione.

Sezione 186

Il tempo e il luogo dell’assemblea generale non devono limitare indebitamente il diritto di un azionista a partecipare all’assemblea generale.

Sezione 187

(1) Un compagno o compagni il cui importo depositi ad almeno il 10% del capitale o del 10% dei diritti di voto (di seguito denominato “membro qualificato”) può chiedere agli amministratori di convocare un’assemblea generale per discutere di questioni da loro proposte.

(2) Se l’Assemblea Generale non è convocata entro 1 mese dalla data di ricevimento della richiesta e non è entro un termine ragionevole, il Partner Qualificato avrà diritto a convocarlo; le disposizioni delle sezioni da 184 a 186 si applicano mutatis mutandis. I costi associati alla convocazione di un’Assemblea generale sono a carico della Società, a meno che la convocazione non sia manifestamente infondata.

Corso di assemblea generale
Sezione 188

(1) L’assemblea generale elegge il suo presidente e il suo cancelliere; fino all’elezione del presidente e, se il presidente non è stato eletto, viene eletta l’assemblea generale del presidente del presidente. Se un registratore non è stato scelto, sarà designato dal convocatore dell’assemblea generale.

(2) Gli attuali azionisti della società nel l’elenco delle presenze che indicano il nome e residenza o domicilio compagna, oppure il nome e la residenza del suo rappresentante e il numero di voti a cui il socio in Assemblea gestite. Le sezioni 413 (2) e (3) si applicano mutatis mutandis.

(3) L’iscritto deve preparare il verbale dell’Assemblea Generale entro 15 giorni dalla data della sua cessazione e inviarlo a tutti i suoi partner senza indebito ritardo; il verbale è firmato dal presidente dell’assemblea generale o dall’autorità che ha il potere di nomina, a meno che il presidente sia stato eletto e l’inviato.

Sezione 189

(1) La voce contiene

(a) la società e la sede legale della società,

b) il luogo e l’ora dell’assemblea generale,

(c) il nome del presidente o del delegato e del cancelliere,

d) decisione dell’Assemblea generale, che mostra i risultati del voto,

e) l’ eventuale rifiuto da parte dell’Agente di fornire informazioni ai sensi della Sezione 156 a

f) il contenuto di partner di protesta, agente o un membro del consiglio di sorveglianza, se istituito, in merito alla decisione dell’Assemblea generale, se la protesta contro le richieste di riunione generale.

(2) Il verbale deve essere accompagnato dalle proposte presentate, dalla dichiarazione e dall’elenco del presente.

§ 190

(1) L’assemblea decide per risoluzione.

(2) L’Assemblea Generale sarà responsabile

a) decidere di modificare il contenuto di un contratto sociale, se così determinato da un contratto sociale o da una legge, se non segue la legge,

(b) decisioni in merito a modifiche dell’importo del capitale sociale o l’ammissione di un contributo non monetario o la possibilità di compensare un credito pecuniario nei confronti della società nei confronti di una richiesta di adempimento dell’obbligo di deposito,

c) l’ elezione e il licenziamento dell’amministratore delegato o del consiglio di vigilanza, se del caso,

d) la scelta e il licenziamento del liquidatore, se così stabilito dal contratto sociale,

e) approvazione del lodo e del licenziamento della Procura della Repubblica, a meno che il contratto sociale non stabilisca diversamente,

f) decisioni sulla liquidazione di una società con liquidazione, se così stabilita dal contratto sociale,

g) approvazione dei, straordinarie, bilancio consolidato ordinario e, nei casi in cui la copia giù altre normative e bilanci intermedi, distribuzione di utili o di altre risorse proprie e il pagamento delle perdite,

(h) la decisione di convertire una società, a meno che la legge che regola la trasformazione di società e cooperative non disponga diversamente,

i) approvare il trasferimento o fermare la corsa o come parte di esso, il che significherebbe un cambiamento sostanziale nella struttura esistente della pianta o un cambiamento sostanziale nel business o attività della società di base,

(j) approvazione di un accordo di partnership silenziosa;

(k) approvazione dell’assistenza finanziaria,

(l) la decisione di rilevare gli effetti del comportamento della società prima della sua entrata in vigore,

m) decisione sul caricamento con un deposito,

n) la decisione di modificare il tipo di certificato principale,

o) altri casi che sono delegati all’assemblea generale dalla presente legge, da altra legislazione o da un contratto sociale.

(3) L’Assemblea generale può riservare la decisione sui casi che, ai sensi della presente legge, appartengono alla competenza di un altro organismo della società.

§ 191

(1) Ogni socio, amministratore delegato, membro del consiglio di sorveglianza, se accertato, o liquidatore può, entro i limiti delle disposizioni richiamate invalidità della delibera dell’Assemblea Generale in conformità con le disposizioni del Codice Civile della nullità della riunione dei membri dell’associazione in conflitto con la legge o contratto sociale. Se è stato deciso al di fuori della Assemblea Generale o, se la decisione dell’Assemblea generale adottato in aggiunta, il diritto di presentare una petizione scade dopo tre mesi dalla data in cui il ricorrente ha avuto o potrebbe avere appreso della decisione ai sensi del § 174 par. 3 e § 177, ma non oltre 1 anno dopo l’adozione della presente decisione. Lo stesso vale se l’azionista unico ha deciso nella competenza dell’Assemblea generale.

(2) Il motivo dell’invalidità della risoluzione dell’Assemblea Generale è anche la contraddizione di questa risoluzione con buoni costumi.

§ 192

(1) A meno che il diritto ai sensi del § 191 richiesti entro il termine di legge, o se non viene concessa alcuna domanda di dichiarazione di nullità, non si può forzare una risoluzione dell’Assemblea generale ha esaminato a meno che un’altra legge disponga altrimenti.

(2) La decisione dell’assemblea generale deve compagno non può fare affidamento, non contro le risoluzioni dell’Assemblea generale fatte protesta a meno che non presentato una protesta scritta impiegato errore o il Presidente dell’Assemblea Generale o del ricorrente non è stata rappresentata alla riunione, o le ragioni per l’annullamento della delibera dell’Assemblea Generale non è stato possibile in questa riunione generale.

(3) Se è discutibile se la protesta è stata presentata, sarà considerata depositata.

§ 193

(1) L’ invalidità delle decisioni di altri organi della società può essere invocata da persone ai sensi dell’articolo 191 solo se tali decisioni sono state prese nella competenza dell’Assemblea generale; le disposizioni delle sezioni 191 e 192 si applicano mutatis mutandis.

(2) violato se la società in cui convocazione dell’assemblea o durante i diritti degli azionisti sul serio, un socio che abbia diritto al risarcimento ragionevole in base alle disposizioni del codice civile disciplina il diritto di un membro della Associazione di un adeguato indennizzo.

dirigenti
§ 194

(1) L’organo statutario della società è uno o più direttori.

(2) Se il contratto sociale determina così, più di una persona è un organismo collettivo; le disposizioni dei § 440 e 444 si applicano mutatis mutandis.

§ 195

(1) La gestione della società è il gestore. Se più dirigenti che non formano un corpo collettivo, richiede una decisione sulla gestione aziendale del contratto aziendale della maggior parte di loro, a meno che l’accordo di partnership diversamente specificato.

(2) Nessuno ha il diritto di dare istruzioni al manager per la gestione aziendale; ciò non pregiudica l’articolo 51, paragrafo 1.

§ 196

Il gestore garantisce la tenuta e la contabilità adeguate, gestisce l’elenco degli azionisti e, su richiesta, informa gli azionisti in merito agli affari della società.

§ 197

Esecutivo senza indebito ritardo dopo viene a sapere che c’è un cambiamento del contratto sociale, sulla base di un fatto giuridico, produrre la versione completa del contratto sociale e viene memorizzato insieme ai documenti comprovanti la variazione della raccolta di documenti del Registro delle Imprese (di seguito “raccolta di documenti”).

§ 198

(1) In caso di decesso di un dirigente, dimissioni o revoca o altra cessazione dall’incarico, l’assemblea generale elegge un nuovo amministratore delegato entro un mese.

(2) Se la persona giuridica, che è il direttore esecutivo, con il successore legale, cessa di diventare l’esecutivo del suo successore legale, se non diversamente stipulato nel contratto sociale. Se la persona giuridica che è l’ufficiale esecutivo cessa di essere liquidata, il paragrafo 1 si applica mutatis mutandis.

(3) Se l’esecutivo eletto ai sensi del paragrafo 1, nomina il dirigente sul movimento della persona che su di essa ha un interesse giuridico per il periodo prima che il nuovo esecutivo regolarmente eletto, o il giudice può, per propria iniziativa, annullare e ordinare la sua liquidazione .

§ 199

(1) Senza il permesso di tutti i partner, l’esecutivo non deve

(a) esercitare l’attività o la società della società, anche a beneficio di altri, o mediare l’attività della società per un altro,

(b) essere un membro dell’organo statutario di un’altra persona giuridica avente un oggetto simile di affari o di lavoro o una persona in una posizione simile, a meno che non si tratti di un gruppo;

(c) impegnarsi nell’attività di un’altra società commerciale come partner di responsabilità illimitata o come entità controllante di un’altra persona con lo stesso o simile oggetto di attività o affari.

(2) Se tutti gli azionisti quando una società o al momento della nomina degli amministratori erano dirigente di una delle circostanze di cui al paragrafo 1, espressamente consigliato o sorti più tardi, quando una segretaria alla sua comunicazione scritta di tutti gli azionisti, si è capito che l’azione esecutiva che il divieto riguarda, non è proibito. Ciò non si applica se uno degli azionisti non è d’accordo con l’attività del gestore ai sensi del paragrafo 1 entro un mese dalla data in cui è stato notificato dall’esecutivo.

(3) Il contratto sociale può, con il consenso di tutti i partner, determinare un’ulteriore limitazione dell’attività dell’agente.

(4) Un accordo sociale può determinare in che misura il divieto di concorrenza si applica anche ai partner.

§ 200

Assistenza finanziaria
(1) Se il contratto sociale non specifica condizioni aggiuntive, la società può fornire assistenza finanziaria se

a) l’assistenza finanziaria è fornita a condizioni eque, in particolare per quanto riguarda gli interessi o le garanzie finanziarie a vantaggio della società,

b) Il direttore esecutivo prepara una relazione scritta per fornire assistenza finanziaria obiettivamente giustificata, compresi i benefici ei rischi della società derivanti, indica le condizioni alle quali l’assistenza finanziaria fornita e la giustificazione per la concessione di aiuti finanziari non è in conflitto con l’interesse della società.

(2) La relazione di cui al paragrafo 1 (b) imporre la società nella raccolta di strumenti senza indebito ritardo dopo l’approvazione dell’Assemblea generale dell’assistenza finanziaria; la relazione deve essere disponibile per gli azionisti presso la sede della società dopo gli inviti all’assemblea generale e deve essere liberamente disponibile per gli azionisti all’assemblea generale.

(3) Nell’erogazione dell’assistenza finanziaria, i paragrafi 1 e 2 non si applicano agli istituti finanziari in virtù di un’altra legge che disciplina le attività delle banche, a condizione che sia fornita entro i normali limiti della loro attività principale.

Consiglio di sorveglianza
§ 201

(1) La Società deve istituire un Consiglio di sorveglianza, se così determinato da un contratto sociale o altra regolamentazione legale.

(2) Salvo quanto diversamente previsto dal contratto sociale, il Consiglio di vigilanza

a) sovrintende alle attività degli amministratori,

(b) ispezionare affari, libri, altri documenti e rendiconti finanziari e controllare i dati in essi contenuti,

(c) proporre un’azione ai sensi dell’articolo 187a

(d) riferisce annualmente delle sue attività all’assemblea generale.

(3) Un membro dell’Organismo di Vigilanza non può essere un dirigente d’azienda o qualsiasi altra persona autorizzata ad agire nel Registro delle Imprese come società.

(4) I membri del Consiglio di vigilanza si applicano mutatis mutandis § 198 e 199.

Parte 4

Estinzione della partecipazione di un compagno nella società
§ 202

Presentazione del compagno
(1) Il Compagno può lasciare la Società solo se la presente legge lo consente.

(2) Salvo quanto diversamente previsto nel contratto sociale, il partner, che non è d’accordo con la decisione dell’Assemblea generale

(a) un cambiamento nella natura prevalente dell’attività della società, o

(b) estendere la durata della società,

e votato all’assemblea generale contro, può lasciare l’azienda. Allo stesso tempo, si applicano mutatis mutandis le disposizioni del § 164 relative alle azioni che ha votato contro.

(3) Contemporaneamente alla comunicazione di recesso dalla società, l’azionista della società rinuncerà alla lista di azioni, se è stata emessa, altrimenti la prestazione è inefficace.

§ 203

Accordo che pone fine alla partecipazione dell’azionista
La partecipazione dei partner in una società può essere risolta mediante un accordo scritto con le firme certificate ufficialmente di tutti gli azionisti e consegnando il certificato della società se rilasciato.

§ 204

Esclusione di un compagno
(1) Una società può essere citata in giudizio per l’esclusione di un partner che viola gravemente il suo obbligo, sebbene sia stato chiamato a farlo e la possibilità di esclusione sia notificata per iscritto; questo non pregiudica la Sezione 151.

(2) L’obbligo di presentare una richiesta ai sensi del paragrafo 1 non è dato se la violazione degli obblighi ha conseguenze giuridiche che non possono essere sanate.

(3) L’ azionista della società cede la lista di azioni, se è stata emessa, senza indebito ritardo dopo l’esclusione della società dalla società.

Sezione 205

Annullamento della partecipazione di un partner in tribunale
(1) Il Compagno può proporre che il tribunale annulli la sua partecipazione alla Società se non può essere ragionevolmente richiesto di rimanere nella Società; questo non si applica se si tratta di un singolo compagno.

(2) Senza indebito ritardo dopo l’annullamento della partecipazione della società nella società, l’azionista della società rinuncia al mandato se è stato emesso.

§ 206

Altri modi per porre fine alla partecipazione di un partner nella società
(1) La partecipazione di un socio della società scade respingendo l’istanza di insolvenza per mancanza di beni o la cancellazione del fallimento, perché è la sua proprietà del tutto inadeguata. azionista di partecipazione nella società cessa anche una finale di regolamento di applicazione interesse commerciale disabilità o poteri legali mandato di esecuzione di interesse disabilità proprietà dopo il termine indicato nel bando di soddisfare far rispettare gli obblighi previsti da altri atti e, se fosse stato in questo periodo una mozione per fermare l’esecuzione, la decisione su questa proposta, a meno che le azioni trasferibili.

(2) Il Companion o l’amministratore di insolvenza della Società rinuncia alla lista di azioni, se emessa, dopo che la partecipazione della società alla società è stata annullata senza indebito ritardo.

(3) Revocando la decisione di cui al paragrafo 1, il rinnovo dell’azionista sarà rinnovato. Se la società ha già pagato la quota di regolamento, la sua partecipazione viene ripresa solo se è sostituita dalla società entro 2 mesi dalla data effettiva dell’annullamento della decisione.

(4) La monetizzazione del capitale di un partner nel procedimento fallimentare si applica mutatis mutandis § 213, paragrafo 1. Se non monetizzazione quota socio entro sei mesi dalla dichiarazione di fallimento compagno, effetti simili si verificano nel recesso del socio della società. importo di liquidazione è determinato secondo § 214 cellule.

Condividi trasferimento
§ 207

(1) Ogni membro può trasferire la sua quota ad un altro membro.

(2) condizionale se le azioni di trasferimento atto di cui al comma 1, il consenso di una delle istituzioni della società e, a meno di approvazione è concessa entro 6 mesi dalla data della firma del contratto di trasferimento, verificare gli stessi effetti nel ritiro, a meno che il contratto di cessione determinato diversamente. Il contratto di trasferimento delle azioni non diventerà effettivo fino a quando non verrà dato il consenso.

(3) Se l’autorità di cui al paragrafo 2 non agisce o omette di dare il proprio consenso senza fornire alcuna motivazione, il partner può recedere dalla società dopo la risoluzione del contratto ai sensi del paragrafo 2; L’articolo 164 si applica mutatis mutandis. Il ritiro dalla società può avvenire entro un mese dalla data di risoluzione del contratto di cui al paragrafo 2, altrimenti l’esecuzione sarà ignorata.

§ 208

(1) Salvo quanto diversamente previsto dal contratto sociale, l’azionista può trasferire la quota a un non partner, solo con il consenso dell’assemblea generale. Il contratto di trasferimento delle azioni non diventerà effettivo fino a quando non verrà dato il consenso.

(2) Se il consenso non viene concesso entro 6 mesi dalla data di conclusione del contratto di trasferimento, gli stessi effetti del recesso, se non diversamente specificato nel contratto di trasferimento.

§ 209

(1) L’ acquirente deve assumere la quota del contratto sociale della società. Il cessionario garantisce la società per i debiti che sono stati trasferiti all’acquirente.

(2) Il trasferimento della quota è effettivo per la Società consegnando un efficace accordo di trasferimento di azioni con firme autenticate.

(3) La vendita degli interessi promessi nell’esercizio del privilegio non richiede l’approvazione dell’organismo competente della società. In caso di vendita di una quota di attività costituita in garanzia, si applica mutatis mutandis l’articolo 213, paragrafo 1.

§ 210

(1) Se la quota di un azionista è rappresentata da un certificato di azionista, l’identificazione non certificata dell’acquirente deve essere indicata nella rubrica; L’articolo 209, paragrafo 1, si applica mutatis mutandis.

(2) Il trasferimento del certificato di un azionista a una società è soggetto alla notifica della modifica della persona dell’azionista e alla presentazione dell’elenco di azioni della società.

§ 211

Ereditare una condivisione
(1) Un erede può chiedere l’annullamento della sua partecipazione in una società da un tribunale se ci sono ragioni per cui non può essere ragionevolmente richiesto di rimanere nella compagnia; alla legge applicata dopo 3 mesi dalla legalità dell’ordine del tribunale di successione non si tiene conto.

(2) L’erede che cerca la cancellazione dei propri interessi in tribunale, non deve impegnarsi in attività, anche se tale obbligo determinato dal contratto sociale, a meno che gli altri azionisti diverso accordo scritto.

(3) La partecipazione dell’erede in una società non può essere annullata se si tratta di un unico azionista.

§ 212

Condividi la condivisione
(1) La quota dell’azionista, la cui partecipazione è stata interrotta diversamente dal trasferimento della quota, deve essere considerata parte dell’azione.

(2) Se la quota di trasferimento o di transizione limitato o escluso, sezione 3 non viene caricato e la società, con una percentuale del processo ai sensi del § 214 e 215i

(3) Con la quota sbloccata, la società deve gestire come proxy e trattarla ai sensi dell’articolo 213 o 215.

(4) I diritti e gli obblighi associati alla quota ceduta non possono essere esercitati.

Trasferimento di prestito e quota di pagamento
§ 213

(1) La Società vende l’Azione Allentata almeno a un prezzo ragionevole senza indebito ritardo. Gli azionisti hanno il diritto di prelazione sulla quota d’affari venduta. Se il diritto di prelazione è esercitato da più di un azionista, le azioni di cessione saranno distribuite tra questi azionisti in base alla proporzione delle loro azioni.

(2) Il ricavato delle vendite costituiscono meno costi e compensazione ai sensi del comma 2 importo di liquidazione e la società senza indebito ritardo dopo la vendita paga il beneficiario o posto in custodia ufficiale.

(3) La Società può detrarre le spese spesate dai proventi acquisiti dalla vendita e conta i crediti dovuti per l’azionista la cui partecipazione alla società è cessata di esistere. Se l’obbligo di compensazione non scade, è responsabilità della persona che ha diritto a un interesse di regolamento garantire che l’acquirente abbia l’obbligo di pagare il deposito.

§ 214

(1) La mancata condivisione sciolto a vendere entro tre mesi ai sensi del § 213 paragrafo. 1 e 2, determinerà l’importo di liquidazione alla data di cessazione della partecipazione nella società ai sensi del § 36 par. 2 e da lui entro 1 mese del periodo di tre mesi sotto La sezione 213 (1) e (2) deve essere pagata alla persona autorizzata.

(2) Ai sensi della sottosezione (1), è possibile procedere anche senza rispettare i requisiti di cui alla Sezione 213, se il contratto sociale lo prevede.

§ 215

(1) senza indebito ritardo dopo il pagamento dell’importo di liquidazione ai sensi del § 214, ma non oltre un mese dalla data di pagamento, sarà determinato dalla quota di mercato di commutazione rilasciato, almeno a titolo oneroso per l’importo versato quota di insediamento ai rimanenti azionisti in proporzione alle rispettive quote, o ridurre il capitale il contributo di un membro la cui partecipazione nella società ha cessato di esistere; se la società non rispetta questo obbligo, il tribunale lo annulla e ordina la sua liquidazione.

(2) Le decisioni di cui al paragrafo 1 sono di competenza dell’Assemblea generale e per la sua adozione è richiesta la maggioranza di due terzi di tutti gli azionisti; la decisione è certificata da un documento pubblico.

(3) Con decisione ai sensi del paragrafo 1, il diritto di proprietà sulle azioni è trasferito agli azionisti in base alle loro azioni.

Parte 5

Variazioni nel capitale sociale
Sezione 1

Aumento del capitale sociale
Sottosezione 1

Disposizioni generali
§ 216

(1) Il capitale sociale può essere aumentato

(a) assumendo un obbligo di deposito per aumentare i depositi esistenti o un nuovo deposito,

(b) risorse proprie o

(c) una combinazione dei metodi per aumentare il capitale di cui ai punti (a) e (b).

(2) Gli effetti della maggiorazione dei dazi investimenti di capitale si verificano acquisizione di accettare obblighi di deposito e di rimborso o l’introduzione di una parte prescritta, salvo che l’Assemblea generale di aumentare il capitale sociale che si verificano in seguito. Effetti dell’aumento di capitale, tuttavia, non possono essere più tardi il nuovo ammontare del capitale sociale iscritte nel registro di commercio. Gli effetti dell’aumento di capitale a servizio le proprie risorse o una combinazione dei metodi di cui al paragrafo 1. a) e b) si verificano al momento della registrazione di nuovi capitali nel registro di commercio.

§ 217

Se l’aumento di capitale iscritta nel registro delle imprese, il depositante adempirà al proprio obbligo di depositare, anche se la risoluzione dei soci del aumento di capitale o dichiarazione di assunzione in obbligo di deposito invalide o inefficaci. Questo non si applica se il giudice pronuncia invalidità della delibera assembleare di aumento del capitale.

Sezione 218

(1) La risoluzione dell’Assemblea generale sull’aumento del capitale sociale è annullata e l’obbligo di deposito scade anche

a) se una domanda di registrazione di un aumento del capitale sociale non è depositata nel registro di commercio entro 2 mesi dalla decisione dell’assemblea generale di aumentare il capitale sociale,

b) dalla legge della decisione del tribunale di respingere una domanda di registrazione di un aumento del capitale sociale nel registro delle imprese, o

c) la scadenza di due mesi dalla decisione del Tribunale di respingere la domanda di registrazione di aumento di capitale nel registro delle imprese, a meno che nello stesso periodo ha presentato nuovamente la proposta.

(2) Nel caso in cui è stata annullata delibera assembleare su aumento di capitale di accettare obblighi di deposito o tribunale ha dichiarato non valido, la società restituirà le parti interessate senza indugio prezzo di emissione pagato insieme con il solito interesse. Salvo diversamente disposto dalla presente legge, le disposizioni delle sezioni da 236 a 238 si applicano mutatis mutandis.

(3) Nella procedura di cui al paragrafo 2, gli amministratori del tribunale adottano una decisione a norma del paragrafo 1 (b) e (c) o la decisione del tribunale di dichiarare invalida la risoluzione dell’Assemblea generale.

(4) Rilasciato Se la società già l’aumento di capitale di nuove foglie staminali o foglie staminali esistenti scambiato per quelli nuovi, o per le schede tecniche originali tracciato un nuovo palo e risoluzioni dell’Assemblea Generale sono annullati in conformità del paragrafo 1 o il tribunale ha pronunciato l’annullamento richiede esecutivo senza indebiti i proprietari dei progetti di legge da consegnare alla società. Se la società ha cambiato il gambo o lascia sulle foglie staminali esistenti tracciato un nuovo importo del deposito, i voti segnati sulle schede tecniche dei l’importo del deposito originale o scambiati per i fogli ordinarie l’importo del deposito originale.

Sottosezione 2

Aumento del capitale sociale assumendo l’obbligo di deposito
Sezione 219

(1) L’aumento del capitale sociale attraverso i depositi in contanti è ammissibile solo se i depositi in contanti esistenti sono interamente versati, a meno che l’aumento sia dovuto alla creazione di nuove azioni.

(2) L’ aumento del capitale sociale attraverso depositi non monetari è consentito prima di tale rimborso. Il gestore deve presentare all’Assemblea generale una relazione scritta che illustri le ragioni dell’aumento del capitale sociale mediante depositi non monetari e che giustifichi l’importo incluso nelle tariffe di emissione.

§ 220

(1) Gli azionisti hanno il diritto preferenziale di partecipare ad un aumento del capitale sociale se aumenta con i depositi in contanti assumendo l’obbligo di deposito.

(2) Gli obblighi di deposito sono autorizzati a rilevare gli azionisti in proporzione all’importo delle loro azioni, a meno che l’accordo di tutti gli azionisti non determini diversamente.

(3) Un accordo sociale può precludere il diritto degli azionisti di limitare, limitare o determinare il rapporto in cui gli azionisti hanno il diritto di assumere l’obbligo di deposito.

Sezione 221

Un azionista può cedere un diritto di prelazione per iscritto con una firma autenticata ufficialmente o una dichiarazione in un’assemblea generale; la dichiarazione deve essere riportata nel documento generale sulla delibera dell’assemblea generale ed avere effetto anche su qualsiasi altro acquirente di tale azionista.

§ 222

(1) Nel caso in cui l’azionista non esercita il diritto di priorità entro il tempo specificato contratto sociale, o entro un mese dalla data in cui ha appreso della decisione dell’Assemblea generale di aumentare il capitale sociale o della decisione relativa all’aumento di capitale adottata al di fuori della assemblea generale può depositare obbligo accettare, con il consenso dell’assemblea generale, chiunque; Questo vale in modo simile esclusa destra se il contratto sociale di opzione degli azionisti o revocata se il compagno di diritti ai sensi del § 221a

(2) Con il consenso dell’Assemblea generale, ogni membro può anche assumere l’obbligo di deposito fino all’importo del proposto aumento del capitale sociale.

§ 223

La risoluzione dell’Assemblea generale contiene

a) l’ importo di aumento del capitale sociale,

(b) il termine per la presa in consegna dell’obbligo di deposito,

(c) determinazione del tipo di azioni se il nuovo contributo dell’azionista diventa una nuova azione, o

d) una descrizione del contributo non monetario e dell’importo che viene conteggiato sull’emissione di azioni, determinato sulla base di un parere di un esperto o di una procedura ai sensi dell’articolo 468 o 469,

(e) il limite di tempo per la consegna del certificato principale o la presa in consegna del nuovo lotto principale.

§ 224

(1) L’ obbligo di deposito è a carico della dichiarazione scritta che contiene

(a) l’ ammontare del contributo relativo alla nuova azione e l’ammontare della nuova azione, l’importo dell’aumento del contributo, attribuibile alla quota corrente e l’ammontare di tale azione e di qualsiasi deposito,

(b) una descrizione del corrispettivo non in contanti e l’importo che è incluso nel prezzo di emissione dell’azionista determinato sulla base di un rapporto di un esperto,

(c) il termine per l’adempimento dell’obbligo di deposito e

(d) una possibile dichiarazione da parte del potenziale Compagno di aderire al contratto sociale.

(2) La firma della dichiarazione di cui al paragrafo 1 deve essere autenticata ufficialmente e diventa effettiva al momento della consegna alla società.

(3) l’accordo di compensazione crediti sottoscrittore per l’azienda di adempiere al proprio obbligo di deposito obbligo o parte di esso sia chiuso prima della domanda di registrazione di una nuova capitale nel registro di commercio.

§ 225

(1) A meno che non hanno assunto l’obbligo di aumentare il deposito o nuovo deposito entro il termine stabilito dalla decisione dell’Assemblea generale, la risoluzione dei soci del aumento di capitale è abrogata e l’obbligo di deposito scade.

(2) Se si verificano gli effetti del paragrafo 1, la Società rimborserà alle persone autorizzate, senza indebito ritardo, le aliquote di rimborso corrisposte unitamente agli interessi usuali.

§ 226

(1) di essere sulla schede segnato un nuovo livello di deposito o, se si vuole arginare le foglie scambiate con nuove foglie ordinarie con il nuovo importo del deposito, istruzioni visualizzate l’esecutivo, senza proprietari di ritardo di normale foglio che si tramanda nel entro il termine fissato dall’Assemblea generale per contrassegnare il nuovo importo del deposito o lo scambio per le carte tribali con un nuovo importo di deposito. I paragrafi da 152 a 154 si applicano mutatis mutandis.

(2) Se le nuove macchine tribali devono essere emesse per l’aumento di capitale, il gestore del depositante lo invita a prendere in consegna le nuove cambiali master entro un termine determinato dalla decisione dell’assemblea generale. I paragrafi da 152 a 154 si applicano mutatis mutandis.

Sottosezione 3

Aumento del capitale sociale da risorse proprie
§ 227

(1) L’Assemblea generale può decidere di aumentare il capitale sociale con le proprie risorse riportati nel bilancio annuale, straordinarie o semestrale approvati del patrimonio netto, a meno che queste risorse vengono assegnate e la società non ha il diritto di cambiare il loro scopo.

(2) L’utile netto non può essere utilizzato per aumentare il capitale sociale sulla base di bilanci intermedi.

§ 228

L’aumento del capitale sociale non può essere superiore alla differenza tra l’ammontare del capitale proprio e l’ammontare del capitale sociale.

§ 229

(1) A seguito dell’aumento di capitale sociale con risorse proprie sta cambiando ammontare dei depositi attuali azionisti nel rapporto di depositi a meno che il contratto sociale consente più azioni e l’assemblea generale ha deciso di formare una nuova condivisione.

(2) Al fine quindi di creare nuove azioni, deve formare una nuova quota di tutti gli azionisti, a meno che questa procedura compagno giusto ai sensi del § 221 i rendimenti, in proporzione ai suoi depositi esistenti.

Sezione 230

(1) di essere sulla schede segnato un nuovo livello di deposito o, se si vuole arginare le foglie scambiate con nuove foglie ordinarie con il nuovo importo del deposito, istruzioni visualizzate l’esecutivo, senza proprietari di ritardo di normale foglio che si tramanda nel entro il termine fissato dall’Assemblea generale per contrassegnare il nuovo importo del deposito o lo scambio per le carte tribali con un nuovo importo di deposito. I paragrafi da 152 a 154 si applicano mutatis mutandis.

(2) Se i nuovi certificati azionari devono essere emessi per l’aumento del capitale sociale, l’azionista deve invitare gli azionisti a prenderli entro un periodo determinato dalla decisione dell’Assemblea generale. I paragrafi da 152 a 154 si applicano mutatis mutandis.

Sezione 231

(1) Aumento di capitale con mezzi propri è possibile solo se è parte di bilancio sulla base del fatto che l’Assemblea Generale decide di aumentare, controllati con senza riserve.

(2) La Società redige il proprio bilancio ai fini della decisione di cui al paragrafo 1, dei dati raccolti entro la data dalla quale il giorno della decisione dell’Assemblea generale di aumentare il capitale sociale con le proprie risorse trascorso più di sei mesi.

(3) Nel caso in cui bilancio intermedio della Società della riduzione delle risorse proprie, utilizzeranno i dati di bilancio ordinaria o straordinaria, ma viene dal bilancio intermedio.

Sezione 232

La risoluzione dell’Assemblea generale sull’aumento del capitale sociale dalle risorse proprie della società comprende

a) l’ importo di aumento del capitale sociale,

(b) l’ identificazione dei fondi propri o delle risorse da cui è aumentato il capitale sociale, ripartito per struttura del patrimonio netto in bilancio,

(c) il nuovo ammontare del contributo dell’azionista o l’ammontare del nuovo contributo dell’azionista, se esistente

(d) la determinazione delle azioni se il nuovo contributo è nuovo,

(e) il limite di tempo per la consegna del certificato principale o la presa in consegna del nuovo lotto principale.

Sezione 2

Riduzione del capitale sociale
Sezione 233

La risoluzione dell’Assemblea generale sulla riduzione del capitale sociale include

a) l’ ammontare del capitale sociale ridotto,

(b) un’indicazione dell’importo dei contributi dei membri,

c) l’indicazione del fatto che l’importo corrispondente alla riduzione del capitale sarà pagato in tutto o in parte, o se gli azionisti sarà revocato l’obbligo di adempiere l’obbligo di deposito, o come altro si questo importo caricato.

(d) il limite di tempo per la consegna del foglio master.

Sezione 234

L’ammontare del contributo di ciascun azionista è ridotto a seguito della decisione di ridurre il capitale sociale della società in proporzione ai depositi esistenti. A seguito della decisione di riduzione del capitale sociale può anche společníkova cessazione del deposito, se ancora un altro deposito, o, nel caso di società sciolto o condividere detto il voucher è valido. L’assemblea generale può, con il consenso di tutti gli azionisti, decidere di ridurre i loro depositi in modo non uniforme.

Sezione 235

(1) A seguito di una riduzione del capitale della società non deve diminuire la quantità di depositi individuali compagni di sotto dell’importo indicato dalla legge o contratto sociale, a meno che non v’è una risoluzione del deposito ai sensi del § 234a

(2) Se il risultato nel contesto di riduzione del capitale per ridurre la quantità di deposito emessi alle schede tecniche o per scaricarli, la resa di una società entro il termine indicato nella decisione di riduzione del capitale. I paragrafi da 152 a 154 si applicano mutatis mutandis.

Sezione 236

(1) Gli amministratori pubblicano una risoluzione sulla riduzione del capitale sociale entro 15 giorni dalla data di ricevimento della stessa due volte per un periodo consecutivo di 30 giorni.

(2) I dirigenti anche la scrittura invitano creditore noto i cui crediti nei confronti della Società derivante prima dell’adozione di una risoluzione dell’Assemblea generale di riduzione del capitale per registrare i loro crediti nei confronti della società entro 90 giorni dopo l’ultima pubblicazione, a meno che tale riduzione di capitale per allo scopo di perdere la perdita.

Sezione 237

(1) La Società fornirà al creditore, che presenterà i propri reclami alla Società in tempo utile, per garantire adeguatamente il credito o per soddisfarlo a meno che il creditore non accetti altrimenti.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano se la riduzione del capitale della Società non pregiudica i diritti della Società.

(3) Se il creditore ritiene che le pretese delle sue richieste siano peggiorate e la società lo neghi, il tribunale decide se il creditore è sufficientemente sicuro. La sezione 238 si applica mutatis mutandis.

Sezione 238

Se la società e il creditore non sono d’accordo sul modo di assicurare i propri crediti, decide in merito a garanzie ragionevoli riguardo al tipo e all’ammontare del credito; una decisione giudiziaria, la società deve fornire elementi di prova al Registro quando presenta una richiesta di svalutazione del capitale sociale.

Sezione 239

(1) Gli effetti della riduzione del capitale sociale avvengono nel momento in cui il nuovo ammontare del capitale sociale è iscritto nel Registro di commercio.

(2) La riduzione del capitale sociale deve essere registrata dal tribunale nel Registro di commercio solo se lo è

a) è accertato che il termine di cui all’articolo 236, paragrafo 2 è scaduto, a meno che un creditore non abbia dichiarato il proprio credito entro tale termine,

(b) è stata presentata una dichiarazione della società secondo cui non hanno creditori che hanno il diritto di assicurare o soddisfare le loro richieste se tale affermazione di fatto,

(c) il soddisfacimento del credito o della sua ragionevole garanzia o l’efficacia dell’accordo ai sensi della Sezione 237 (1)

(d) è stato presentato un accordo efficace da parte delle società con creditori che hanno il diritto di soddisfare o garantire i propri crediti, per soddisfare i loro diritti,

e) adeguate garanzie sono state stabilite sulla base di una decisione giudiziaria ai sensi dell’articolo 238.

(3) Nel caso della dichiarazione di una società di cui al paragrafo 2 (b) e l’accordo di cui al paragrafo 2 d) non è necessario rispettare il limite di tempo specificato nella Sezione 236 (2).

(4) Se la riduzione del capitale sociale iscritto nel registro commerciale, è effettuata, anche se la risoluzione dell’Assemblea generale per ridurre il capitale, non valida o inefficace. Ciò non si applica se il tribunale dichiara invalida la risoluzione dell’Assemblea generale sulla riduzione del capitale sociale.

§ 240

(1) La Società riceverà l’importo corrispondente del capitale sociale solo dopo che la riduzione del capitale sociale è stata iscritta nel Registro di commercio.

(2) dichiara risoluzione corte dell’Assemblea generale di riduzione del capitale, vuoto, tornare quelli che hanno adottato le prestazioni a causa della riduzione del capitale, le prestazioni della società e la società se le foglie staminali rilasciati

(a) restituire le foglie dello stelo ritirate dalla circolazione,

b) emettere nuove carte tribali,

c) ritira i proventi dalla circolazione ai fini dello scambio di obbligazioni senior con un deposito più elevato o per indicare un deposito più elevato.

(3) La procedura di cui al paragrafo 2 si applica mutatis mutandis agli articoli da 152 a 154.

Parte 6

Annullare la compagnia
Sezione 241

(1) L’accordo degli azionisti sullo scioglimento della società assume la forma di uno strumento autentico.

(2) Il Compagno può anche chiedere l’annullamento della società in tribunale per ragioni e alle condizioni stabilite dal contratto sociale.

Sezione 242

(1) Laddove siano stati emessi warrant, il diritto al pagamento della quota del saldo di liquidazione è stabilito restituendo la società alla richiesta del liquidatore.

(2) Nel caso in cui l’azionista non riesca a cedere le lettere master sul ricorso del liquidatore, il liquidatore procede in modo appropriato con la procedura di cui alle sezioni da 152 a 154.

(3) I divieti del maestro consegnati devono essere immediatamente distrutti dal liquidatore.

TITOLO V

ACQUISTA SOCIETA ‘
Parte 1

Disposizioni generali
Sezione 243

(1) Una società per azioni è una società il cui capitale sociale è suddiviso in un numero di azioni.

(2) La società contiene la designazione “società per azioni”, che può essere sostituita da “ac. o “come”.

Sezione 244

(1) La Società tratta le stesse condizioni allo stesso modo di tutti gli azionisti.

(2) Gli atti giuridici il cui scopo è vantaggio ingiustificato per tutti gli azionisti a scapito della società o altri soci, si tiene conto a meno che la legge disponga diversamente o sarebbe a scapito di terzi a tali atti giuridici in buona fede in se stessi.

§ 245

I titoli partecipativi sono titoli emessi da una società collegata a una quota del capitale sociale o diritti di voto in tale società, nonché titoli emessi da una società a cui è associato il diritto a tali titoli.

Sezione 246

(1) Il capitale sociale è espresso in corone ceche. Se una società per azioni gestisce conti in euro in base a una legge speciale, può esprimere il proprio capitale azionario in euro.

(2) Il capitale sociale di una società per azioni è almeno pari a CZK 2,000,000 o EUR 80,000.

§ 247

Azioni di emissione
(1) Il prezzo di emissione delle azioni non può essere inferiore al valore nominale della quota.

(2) Il prezzo di emissione delle azioni ordinarie non deve essere inferiore al suo valore contabile. Il valore contabile delle azioni ordinarie è determinato dividendo l’ammontare del capitale sociale per il numero di azioni emesse.

Emissione Premium
Sezione 248

(1) Se il prezzo di emissione è superiore al suo valore nominale o contabile, la differenza è un sovrapprezzo. Se l’importo pagato al prezzo di emissione o di rimborso del contributo non monetario introdotto determinati dallo statuto o l’assemblea generale inferiore al prezzo di emissione delle azioni sono accreditati prima alla realizzazione del sovrapprezzo.

(2) Se l’importo pagato per il rimborso del prezzo di emissione o il prezzo ha introdotto contributo non monetario determinati dallo statuto o l’assemblea generale ai sensi della presente legge non è sufficiente a rimborsare la quota a causa del valore nominale o contabile delle azioni sottoscritte, incluso per rimborsare gradualmente la quota a carico del valore nominale o contabile delle azioni individuali. a meno che lo Statuto dell’Associazione non stabilisca diversamente o sia diversamente concordato in accordo con essi.

§ 249

La differenza tra il prezzo degli investimenti non-cash e il valore nominale o contabile delle azioni da emettere ai soci come corrispettivo, è considerato un premio di emissione, a meno che gli statuti o le decisioni dell’Assemblea generale stabilisce che la differenza o parte della società torna al sottoscrittore o da applicare alla creazione di una riserva Fondo.

Parte 2

Fondare una società
§ 250

(1) L’istituzione di una società richiede l’adozione di statuti. Colui che ha accettato gli statuti e partecipa alla sottoscrizione di azioni è il fondatore.

(2) Lo statuto contiene anche

a) l’ impresa e l’oggetto dell’attività o dell’attività,

(b) l’ ammontare del capitale sociale,

c) il numero di azioni, il loro valore nominale, determinando se e quante azioni saranno denominata o portatore, o se saranno emessi come diritti valori o un’indicazione delle restrizioni trasferibilità delle azioni o un’indicazione se le azioni sono immobilizzati,

(d) se le azioni di specie diverse devono essere rilasciate, il loro nome e la descrizione dei diritti ad esse connessi,

(e) il numero di voti attribuiti ad una azione e le modalità di voto all’assemblea generale; se sono da emettere azioni del valore nominale diverso, gli statuti anche il numero di voti in relazione a ciò che il valore nominale delle azioni e il numero totale dei voti in azienda.

f) l’ indicazione di quale struttura interna della società è stata eletta e le regole per determinare il numero di membri del Consiglio di amministrazione o del Consiglio di vigilanza,

g) altri dati forniti dalla presente legge.

(3) Lo Statuto della Società include anche

a) informazioni sul numero di quote sottoscritte dal fondatore, sul tasso di emissione, sulle modalità e sul termine per il rimborso del prezzo di emissione e sul contributo da versare per il prezzo di emissione,

(b) in quale misura il capitale sociale deve essere versato al momento della costituzione della società,

c) quindi, se il prezzo di emissione delle azioni riempiti con depositi non monetari, la descrizione depositante contributi non monetari, così come il numero, il valore nominale e il tipo di azioni che sono alla base di questo problema contributo genere, la loro forma o dichiarazione che verranno emesse come dematerializzazione carte, e la nomina di un esperto, che incasserà investimento.

(d) determinazione del prezzo dei depositi non in contanti al momento della costituzione,

(e) almeno l’ammontare approssimativo dei costi sostenuti per costituire la società,

(f) l’ indicazione di chi i fondatori nominano i membri degli organi della società da eleggere dall’assemblea generale in conformità dello Statuto,

g) determinazione del gestore del deposito e

(h) quando i titoli devono essere emessi come titoli in forma scritturale, il numero dei conti patrimoniali a cui devono essere emesse le azioni contabili.

(4) I dati di cui al paragrafo 3 possono essere cancellati dopo la costituzione della società e dopo l’adempimento dell’obbligo di deposito.

Valutazione di un contributo non monetario
§ 251

(1) Il prezzo di un contributo non in contanti è determinato sulla base di un rapporto preparato da un esperto in base ad un altro regolamento legale, ma non può essere superiore all’importo determinato dall’esperto. Gli esperti selezionano i fondatori al momento della costituzione della società, altrimenti il ​​consiglio di amministrazione.

(2) Opinione di un esperto di valutazione di almeno un’attività non monetaria

a) una descrizione del contributo non monetario,

b) i metodi utilizzati i premi o l’indicazione se il prezzo ottenuto in natura metodi dei contributi corrisponde usato per almeno un prezzo di emissione aggregato di azioni da emettere alla società quale corrispettivo per il contributo in natura e

(c) l’ importo al quale è valutato il corrispettivo non in contanti.

(3) La perizia di cui al paragrafo 1 è depositata dalla società nella raccolta di documenti.

(4) La remunerazione dell’esperto per la preparazione del rapporto è determinata di comune accordo e deve essere pagata dalla società. Oltre alla remunerazione, gli esperti hanno diritto a un rimborso per le spese sostenute in relazione alla preparazione del rapporto di un esperto. Nel caso in cui la società non diventi membro, i fondatori vengono pagati congiuntamente e separatamente.

§ 252

Il Deposit Manager fornirà a ciascuno degli abbonati una conferma scritta

(a) il tipo, il numero e il valore nominale delle azioni sottoscritte, la loro forma o l’informazione che saranno emessi come titoli in forma scritturale,

(b) l’ importo totale del prezzo di emissione delle azioni sottoscritte e

c) l’ entità del rimborso del prezzo di emissione delle azioni sottoscritte.

§ 253

(1) Istituzione di efficaci rimborsate al momento ogni fondatore di un possibile sovrapprezzo azioni e in totale almeno il 30% del valore nominale o contabile delle azioni sottoscritte al momento specificato nello statuto e al conto bancario indicato dallo statuto, ma non oltre il momento del deposito della domanda di registrazione della società nel registro delle imprese.

(2) Se l’obbligo di cui ai paragrafi 1 e 26 non è soddisfatto, la società non può essere iscritta nel Registro di commercio.

§ 254

(1) tutti i vantaggi particolari concessi a qualsiasi persona che ha partecipato alla fondazione della società è determinato dagli statuti e la persona in segnale.

(2) Se l’obbligazione di cui al paragrafo 1 non è soddisfatta, non si tiene conto della base giuridica su cui una persona è avvantaggiata nel momento in cui è stata fondata la società; questo può essere risolto modificando lo statuto approvato da tutti gli azionisti.

§ 255

Preziosa acquisizione di beni aziendali da soci fondatori e azionisti entro due anni dalla costituzione della società
(1) Se una società acquisisce beni dal fondatore o azionista per un periodo di 2 anni dopo la sua creazione per un corrispettivo superiore al 10% del capitale sottoscritto, deve essere

(a) il corrispettivo è determinato in modo tale da non eccedere il valore delle attività acquisite determinato in base alla relazione dell’esperto; I paragrafi 251 e da 468 a 473 si applicano mutatis mutandis, e

(b) l’ acquisizione, incluso l’ammontare della remunerazione, è approvata dall’Assemblea Generale.

(2) Il paragrafo 1 non si applica all’acquisizione di proprietà

a) nel corso di normali operazioni commerciali,

(b) su iniziativa o sotto la supervisione o il controllo di un’autorità pubblica, o

(c) su un mercato regolamentato europeo.

(3) I paragrafi 1 e 2 si applicano mutatis mutandis se si è verificata la conversione della forma giuridica in una società per azioni; il periodo di cui al paragrafo 1 decorre dalla data effettiva della modifica.

(4) Se la remunerazione è determinata in conformità del paragrafo 1, i membri del Consiglio che hanno votato per l’acquisto di immobili, non hanno agito con la dovuta diligenza e fondatore o azionista restituzione di un importo superiore al prezzo fissato da un esperto.

Parte 3

Azioni e altri titoli emessi da una società per azioni
Sezione 1

quota
§ 256

(1) Le azioni di un titolo o di sicurezza del libro-voce con cui sono associati conferiscono all’azionista il diritto di partecipare ai sensi della presente legge e la gestione della società, i suoi profitti e l’equilibrio di liquidazione al momento della sua liquidazione.

(2) Fino all’emissione di un mandato provvisorio, i diritti e gli obblighi degli azionisti rimangono in essere fino al rimborso del prezzo di emissione della quota. La quota non pagata può essere trasferita in conformità con le disposizioni sulla cessione del contratto; il consenso della società non è richiesto. Il paragrafo 285, paragrafo 3, si applica mutatis mutandis alla responsabilità del cedente.

(3) Se le azioni emesse, anche se il prezzo di emissione è stato pagato, quindi il comma 2 e § 321 paragrafo. 1 e § 523 paragrafo. 1 di conseguenza.

(4) Le azioni non pagate ai sensi del paragrafo 2, le azioni non utilizzate ai sensi del paragrafo 3 e i certificati provvisori saranno soggette alle disposizioni della presente legge sulle Azioni, se ciò non esclude la loro natura o altre disposizioni della presente legge.

§ 257

Azioni azionarie
(1) Quando previsti dalla Carta, la società può emettere azioni, che non hanno valore nominale e che rappresentano le stesse azioni del capitale della Società (le “Azioni pezzo”).

(2) Se la società emette azioni ordinarie, non può emettere o emettere azioni con un valore nominale.

(3) La quota del capitale sociale è determinata in base al numero di azioni. Esiste un voto per azione, a meno che lo statuto non consenta l’emissione di azioni con un diverso peso di voti.

(4) Qualora la società abbia emesso azioni, le disposizioni della presente legge relative al valore nominale non si applicano.

§ 258

(1) Lo statuto può stabilire che i dipendenti di una società possano acquistare le proprie azioni o quote di società ad essa collegate secondo le condizioni vantaggiose di cui al paragrafo 2.

(2) Lo statuto o decisioni dell’Assemblea Generale ad aumentare il capitale sociale possono stabilire che i dipendenti non devono rimborsare il prezzo di emissione pieno di azioni sottoscritte o possono acquisire in altre condizioni preferenziali, se l’eventuale differenza tra il rimborso di una parte del prezzo di emissione e il prezzo di prezzo o di emissione e il prezzo coperto dalle risorse proprie dell’azienda.

(3) I paragrafi 1 e 2 si applicano mutatis mutandis ai dipendenti di società pensionate.

§ 259

(1) stock inclusi

(a) l’ indicazione che si tratta di una quota,

(b) l’ identificazione univoca della società,

(c) il valore nominale,

(d) indicazione della forma di azione, a meno che la quota non sia stata emessa come garanzia dematerializzata;

(e) per una quota registrata, l’identificazione univoca dell’azionista e

(f) dettagli sul tipo di azione, se applicabile con riferimento allo Statuto.

(2) Le azioni generiche non possono contenere dati di specie. L’azione azionaria deve includere la denominazione “pezzo grezzo”.

§ 260

(1) Le azioni comprendono anche la designazione numerica e la firma del membro o dei membri del Consiglio di amministrazione. La firma può essere sostituita dall’impronta digitale se le difese contro la contraffazione o l’alterazione sono utilizzate contemporaneamente.

(2) Se la quota è emessa come titolo contabile, è sufficiente che le informazioni specificate nella Sezione 259 siano osservabili dalla contabilità dei titoli. La designazione numerica della quota iscritta nel libro è richiesta solo nei casi in cui la legge prevede tali azioni.

Sezione 261

Le azioni della stessa azienda possono avere valori nominali diversi.

Sezione 262

Se è stata emessa una quota cumulativa, contiene anche un’indicazione sul numero di azioni e sul tipo di azioni che sostituisce.

Sezione 263

Forma di azione
(1) Le azioni possono essere sotto forma di titoli al portatore o al portatore; questo si applica allo stesso modo alle condivisioni di libri.

(2) Le azioni sotto forma di titoli al portatore sono denominate azioni del portatore. La società può emettere azioni al proprietario solo come sicurezza dematerializzata o sicurezza immobilizzata; questo vale anche mutatis mutandis per modificare la forma o la forma delle azioni.

(3) Le azioni sotto forma di titoli a loro volta sono designate come azioni nominative.

Elenco degli azionisti
Sezione 264

(1) Le azioni nominative devono essere inserite nell’elenco degli azionisti che la società gestisce. Se la società emette le azioni di partecipazione al libro, lo statuto può stabilire che l’elenco degli azionisti sia sostituito dalle registrazioni dei titoli di libro.

(2) L’elenco degli azionisti sono entrato indicare il tipo di azioni, il loro valore nominale, il nome e l’indirizzo permanente del socio, conto bancario gestito da persona autorizzata a fornire servizi bancari, nello stato, che è un membro a pieno titolo dell’Organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo, etichette, e modifiche ai dati registrati.

(3) La divisione o il trasferimento di un diritto trasferibile separatamente devono essere inseriti anche nell’elenco degli azionisti.

Sezione 265

(1) Si considera che in relazione alla società, l’azionista è quello che è registrato nella lista degli azionisti.

(2) La Società registrerà il nuovo proprietario nell’elenco degli azionisti senza indebito ritardo dopo che la modifica dell’azionista è stata dimostrata.

(3) Nel caso che ha causato l’azionista che non è registrato nella lista degli azionisti o che la registrazione non corrisponde alla realtà, non può rivendicare la nullità della delibera dell’assemblea generale perché la sua azienda sulla base di questo fatto non ha consentito la partecipazione in Assemblea e l’esercizio del diritto di voto.

Sezione 266

(1) La Società rilascia a ciascuno dei suoi azionisti su richiesta scritta e il pagamento delle spese di copia della lista degli azionisti che possiedono azioni o elenco dei componenti utilizzati, senza indebito ritardo dopo il ricevimento della richiesta. Il numero di conto bancario elencato in questo elenco deve essere fornito dalla società solo alle condizioni di cui al paragrafo 2.

(2) Altre persone che forniranno informazioni sulla lista degli azionisti alle condizioni previste dal business legge regolatrice del mercato dei capitali per la fornitura di dati da parte della persona tenuta dei registri di strumenti di investimento o il consenso del socio, che la registrazione si riferisce.

§ 267

(1) Gli azionisti della Società possono utilizzare i dati della Società solo per le proprie esigenze in relazione ai propri azionisti. Per altri scopi, la società può utilizzare i dati solo con il consenso dell’interessato.

(2) Se l’azionista cessa di essere un azionista, la società lo rimuove dall’elenco degli azionisti senza indebito ritardo.

Sezione 268

I paragrafi da 264 a 267 si applicano anche mutatis mutandis alle azioni e certificati provvisori non pagati.

Azioni nominate
§ 269

(1) Le azioni nominative devono essere convertite con una lettera recante l’identificazione univoca del cessionario.

(2) Il trasferimento di una quota registrata a una società è soggetto a una modifica del nome dell’azionista della società e alla presentazione della quota a nome della società.

§ 270

Lo statuto può limitare, ma non escludere, la trasferibilità delle azioni nominative.

Sezione 271

(1) Laddove la trasferibilità delle azioni nominative sia subordinata al consenso dell’organismo della società, il contratto per il trasferimento di tali azioni non avrà effetto fino a quando non sia stato dato il consenso.

(2) Se il consenso non viene concesso entro 6 mesi dalla data di conclusione del contratto di trasferimento, gli stessi effetti del recesso, se non diversamente specificato nel contratto di trasferimento.

(3) Quando il trasferimento di azioni limitata se non in conformità con il paragrafo 1, e converte un parti azionisti contraddetto dal limitazione, il trasferimento valido di azioni.

§ 272

(1) Se lo statuto della trasferibilità condizionale di un accordo azioni della società possono anche determinare in quali casi ea quali condizioni l’autorità competente della Società è tenuto a concedere il consenso, o in quali circostanze è obbligato a rifiutare il consenso.

(2) Salvo che l’autorità competente decida entro 2 mesi dal ricevimento della richiesta, il consenso è concesso.

(3) Il rifiuto della autorità competente del consenso al trasferimento delle azioni assegnate, anche se non richiesto dagli statuti per negare il consenso, l’azienda senza indebito ritardo dopo il ricevimento della richiesta dell’azionista questo riacquisto di azioni ad un prezzo ragionevole. Il termine per l’esercizio del diritto di riscatto è di 1 mese dalla data in cui gli azionisti sono stati notificati con la decisione di rifiutare il trasferimento della quota; L’articolo 329 (1) e (2) si applicano mutatis mutandis.

Sezione 273

(1) Se il trasferimento di azioni nominative è limitato dallo statuto, le stesse regole si applicano anche alla loro sospensione.

(2) La vendita di azioni nominative impegnate nell’esercizio del privilegio non richiede l’approvazione dell’organismo competente della società.

§ 274

Azioni sul proprietario
(1) Le azioni sul proprietario sono trasferibili illimitatamente.

(2) Le azioni sul proprietario possono essere emesse solo come titoli dematerializzati o come titoli di sicurezza immobilizzati. Gli azionisti non hanno il diritto di richiedere il rilascio delle loro azioni immobilizzate da una custodia di massa.

§ 275

Azioni prenotate
(1) Le azioni nominative sono liberamente trasferibili a meno che lo Statuto non limiti la loro trasferibilità. La limitazione della trasferibilità delle azioni nominative si applica mutatis mutandis alla limitazione della trasferibilità delle azioni contabili.

(2) Il trasferimento delle azioni non consegnabili alla società di efficace, se si è rivelato un cambiamento di azioni proprietario un estratto dal proprietario dell’account o la data di consegna o ricezione di un estratto della emissione delle azioni in base alla legge che disciplina le attività commerciali sul mercato dei capitali.

(3) I diritti connessi alle azioni dematerializzate eseguite una persona che si è registrato nel registro di titoli consegnabili come del giorno come il proprietario delle azioni, e se non fissa la data di registrazione, la data in cui si applica il diritto, a meno che non è dimostrato che l’iscrizione nel registro di non certificata di titoli non corrisponde ai fatti.

Tipi di azioni
§ 276

(1) Azioni con diritti speciali con cui gli stessi diritti sono allegati formano un tipo. Le azioni con le quali non è allegato alcun diritto speciale sono azioni ordinarie.

(2) Azioni con le quali è vietato il diritto a un determinato interesse, indipendentemente dai risultati economici della società.

(3) In particolare, le azioni con diritti speciali possono essere collegate a una quota distinta, fissa o subordinata dell’utile o al saldo di liquidazione o ad un diverso peso dei voti. Un numero di diritti speciali può essere assegnato alle azioni dello stesso valore nominale.

§ 277

(1) I diritti speciali e il loro contenuto devono essere specificati negli statuti. In caso di dubbi sul loro contenuto, il tribunale può, su suggerimento della società o dei suoi azionisti

a) per decidere quale legge particolare è collegata con le azioni se le circostanze indicano chiaramente che questa legge speciale esprime la volontà contenuta nello statuto o il contenuto gioco successivo, o

b) se non è possibile procedere secondo la lettera a), decidere che le azioni siano azioni ordinarie.

(2) Se il tribunale decide, ai sensi del paragrafo 1, b) il proprietario delle azioni di quale tipo si è deciso di richiedere da lui da questa condivisione di un mese dalla decisione del giudice per un prezzo ragionevole acquistato, a meno che la questione era già evidente al momento la quota acquisita; L’articolo 329 (1) e (2) si applicano mutatis mutandis.

Azioni prioritarie
§ 278

(1) Le azioni con le quali sono assegnati diritti preferenziali alla partecipazione agli utili o altri fondi propri o al saldo di liquidazione di una società sono azioni privilegiate.

(2) Salvo quanto diversamente specificato nello Statuto, le Azioni Prioritarie sono emesse senza diritto di voto. Se la presente legge richiede un voto in un’assemblea generale per tipo di azione, il proprietario dell’azionista con priorità senza diritto di voto ha diritto di voto all’assemblea generale.

§ 279

Le azioni con diritto di voto non quotate possono essere emesse solo se il totale dei loro valori nominali non supera il 90% del capitale sociale.

§ 280

(1) Dal giorno successivo al giorno in cui l’Assemblea ha deciso che la quota di profitto preferenziale verrà pagato, oppure la data di mancato pagamento di partecipazione agli utili, diventa il proprietario delle azioni privilegiate diritti di voto fino a quando l’Assemblea Generale decide sul pagamento della quota preferenziale del profitto o del momento del pagamento, se la società è stata in ritardo nel pagamento.

(2) Il proprietario di azioni privilegiate, che ha acquisito temporaneamente i diritti di voto di cui al comma 1 ha il diritto di voto anche nella misura dello spettacolo presso l’assemblea generale che deciderà in merito al pagamento di azione privilegiata agli utili.

Separatamente diritti trasferibili
Sezione 281

(1) Un trasferimento di azioni sarà trasferito a tutti i diritti ad esso relativi, a meno che la legge non stabilisca diversamente.

(2) Il diritto di pagare i dividendi, diritto di prelazione per la sottoscrizione di azioni e obbligazioni convertibili e di priorità, il diritto di condividere in liquidazione e altri statuti diritti di proprietà simili sono progettati separatamente trasferibili.

(3) Stabilire se così in conformità del presente statuto atto o la legge, potrebbe essere proprio in virtù del paragrafo 2 altrimenti associata con gli stock di scorte separate e relativi ai titoli emessi a questa condivisione.

(4) I diritti di voto collegati all’azione non possono essere trasferiti separatamente.

§ 282

(1) Se la società che richiede la registrazione dei diritti trasferibili separatamente associati alle azioni dematerializzate nel registro dei titoli dematerializzati, convertita nel diritto di trasferire l’iscrizione nel registro dei titoli consegnabili. La procedura per la registrazione del diritto trasferibile e il suo trasferimento si applicano mutatis mutandis alle disposizioni di un’altra legge che disciplina l’emissione e il trasferimento di titoli in forma scritturale.

(2) Il diritto al quale è stato emesso un titolo ai sensi dell’articolo 281, paragrafo 2 o che è stato registrato ai sensi del paragrafo 1 non può essere trasferito con la quota.

(3) Il trasferimento e la separazione del diritto trasferibile separatamente devono essere indicati sul titolo o nel libro dei titoli di libro.

Sezione 283

Il diritto trasferibile separatamente, a meno che non sia il caso di cui al § 282, è trasferito dal contratto di cessione.

§ 284

Il giorno decisivo
(1) Nei casi previsti dal presente atto o nei casi previsti ai sensi della presente legge, dallo Statuto o da una decisione dell’Assemblea generale possono essere diritti separatamente trasferibili associati ai titoli o quote dematerializzati o altri diritti ad esso associati, applicare alla società unica persona presente il diritto di essere il diritto di esercitare una certa data fissata dalla legge, statuto o per decisione dell’Assemblea generale (il “giorno decisivo”), anche se si verifica dopo la data di registrazione per il trasferimento di titoli o diritti a parte trasferibili.

(2) Nel caso in cui la società ha emesso azioni e diritti degli azionisti possono essere esercitati solo dalla persona che aveva il diritto alla data di efficacia, è la persona che era la data decisiva incluso nella lista degli azionisti.

(3) Si ritiene che la persona che esercita il diritto di cui al paragrafo 1 a dimostrare alla società il diritto di proprietà sulle azioni del proprietario abbia il diritto di esercitare tale diritto nel giorno decisivo.

Sezione 285

Foglio provvisorio
(1) Se lo statuto sociale lo stabilisce, i diritti e gli obblighi associati alla quota non pagata possono essere collegati al certificato provvisorio.

(2) Un foglio provvisorio è un titolo della serie che contiene

a) il termine “certificato intermedio”;

(b) l’ identificazione univoca della società,

c) identificazione univoca del proprietario del certificato provvisorio,

(d) il valore nominale, costituito dalla somma dei valori nominali delle azioni non pagate,

e) il numero di azioni che il certificato provvisorio sostituisce, la forma o l’indicazione che sostituiscono le quote di partecipazione al libro o la determinazione del loro tipo,

f) la parte pagata e non pagata del prezzo di emissione delle azioni e il periodo di rimborso e

g) firma di un membro o dei membri del Consiglio di amministrazione. La firma può essere sostituita dall’impronta digitale se le difese contro la contraffazione o l’alterazione sono utilizzate contemporaneamente.

(3) Il cedente garantisce la società per debiti che sono stati trasferiti all’acquirente mediante un certificato provvisorio.

Sezione 2

Obbligazioni intercambiabili e prioritarie
Sezione 286

(1) Quando specificato dallo statuto, la società basata sulla decisione dell’Assemblea generale di emettere obbligazioni, fornite di un diritto alla loro cambio di azioni o obbligazioni prioritarie, tra cui il diritto di sottoscrizione preferenziale per azioni.

(2) L’ emissione di obbligazioni convertibili di cui al paragrafo 1 può essere soggetta a permuta per le azioni già emesse o alla decisione attuale della Società di aumentare condizionalmente il capitale sociale. L’emissione di obbligazioni prioritarie è legata alla decisione attuale della società di aumentare il capitale sociale in modo condizionale.

(3) E ‘vero che l’approvazione della emissione di obbligazioni di priorità di cui al comma 1 della Assemblea, allo stesso tempo di limitare i diritti preferenziali degli azionisti per la sottoscrizione di azioni, nella misura in cui si può, in conformità con i termini e le condizioni e la decisione della riunione generale del suo diritto di prelazione esercizio obbligazionista ; La sezione 488 (4) si applica mutatis mutandis.

Sezione 287

La risoluzione dell’Assemblea generale sull’emissione delle obbligazioni ai sensi dell’articolo 286 comprende

a) il valore nominale delle obbligazioni e la determinazione del rendimento da esse,

(b) il numero di obbligazioni,

(c) il luogo e il periodo per l’esercizio dei diritti connessi alle obbligazioni, indicando come verrà annunciato l’inizio della sua operazione; il termine per l’esercizio del diritto di scambiare obbligazioni per azioni (di seguito “diritto di scambio”) o il diritto di prelazione non deve essere inferiore a 2 settimane,

d) il tipo, la forma, il valore nominale e numero di azioni che possono essere scambiati per un legame o abbonarsi alla loro forma o dichiarazione che verrà emesso come diritti valori; il valore nominale delle azioni che possono essere scambiate con obbligazioni convertibili non deve essere superiore alla somma dei valori nominali delle obbligazioni convertibili per le quali possono essere scambiate;

e) l’ importo proposto Prezzo emissione o il modo da determinare, o le credenziali per il bordo per determinare la quantità della stessa, compresa la determinazione del livello più basso possibile, in quello che potrebbe essere il tasso di emissioni determinato.

§ 288

Le Obbligazioni Intercambiabili e Prioritarie sono regolate dalle disposizioni di un’altra legge sulle obbligazioni, salvo diversamente previsto nella presente Legge.

Sezione 289

Nel caso in cui sono state emesse obbligazioni convertibili o di priorità tra i titoli consegnabili possono scambiare o esercitare preferenziale persona giusta a destra, nei registri dei titoli dematerializzati testimoniato alla data poteva essere esercitato per la prima volta.

§ 290

(1) Ogni proprietario di un’obbligazione prioritaria ha la prerogativa di sottoscrivere nuove azioni secondo i termini e le condizioni specificate nelle condizioni di emissione, se le azioni sono sottoscritte da depositi in contanti.

(2) Il Consiglio di Amministrazione comunicherà ai proprietari della Prestazione Prioritaria, con le modalità indicate nelle Condizioni di Emissione, ma sempre sul sito internet dell’Emittente, informazioni contenenti almeno

a) il luogo e il limite di tempo per l’esercizio del diritto di priorità, che non può essere inferiore a 2 settimane, che indica in che modo i primi obbligazionisti saranno informati dell’inizio del periodo,

b) tipo, valore nominale e numero di azioni che possono essere sottoscritto per un legame, la loro forma o dichiarazione che verrà emesso come diritti valori sottoscrivibili solo azioni intere,

c) il prezzo di emissione delle azioni sottoscritte mediante i diritti preferenziali o di un modo di essere determinati, o le informazioni che il Consiglio è stato incaricato di determinare la quantità,

d) il giorno ai sensi della Sezione 289 per l’esercizio di un diritto di prelazione se le obbligazioni senior sono state emesse come titoli dematerializzati.

(3) Un diritto prioritario attribuito a un Accordo prioritario scade alla scadenza del termine prescritto per la sua esecuzione.

Sezione 291

(1) Un diritto prioritario collegato a un’Azione prioritaria è trasferibile separatamente dalla data specificata nella decisione dell’Assemblea generale.

(2) Laddove la trasferibilità di un’obbligazione prioritaria è limitata, una limitazione analoga si applica anche al trasferimento del diritto di priorità.

Sezione 292

(1) Gli azionisti della Società hanno il diritto preferenziale di ottenere obbligazioni scambiabili o prioritarie.

(2) Il diritto di prelazione di cui al paragrafo 1 si applica mutatis mutandis, le disposizioni in materia di diritto di prelazione per la sottoscrizione di azioni, comprese le disposizioni relative alla data di registrazione e la trasferibilità del diritto di auto-emptive.

Sezione 293

(1) Al fine di limitare o escludere il diritto di prelazione non sarà presa in considerazione se, secondo la decisione dell’Assemblea generale europea sottoscrive un qualsiasi rivenditore obbligazioni convertibili o di priorità titoli sotto contratto per procurarsi emissione di titoli, a meno che il contratto prevede l’obbligo dell’impresa di investimento di vendere a coloro che hanno diritto di prelazione per acquisire obbligazioni convertibili e di priorità, su loro richiesta, ad un determinato prezzo entro un determinato termine e obbligazioni acquisite alla portata dei loro diritti preferenziali.

(2) La vendita di obbligazioni convertibili o titoli privilegiati azionisti commerciante si applica mutatis mutandis, le disposizioni in materia di diritto di prelazione di sottoscrizione di azioni, comprese le disposizioni relative alla data di registrazione e la trasferibilità del diritto di auto-emptive.

Sezione 294

(1) Un azionista può anche rinunciare al diritto di prelazione di acquistare obbligazioni convertibili o prioritarie prima della decisione dell’assemblea generale, che decide in merito alla sua emissione.

(2) La rinuncia al diritto di prelazione deve essere effettuata per iscritto con una firma firmata ufficialmente o in un’assemblea generale che disciplini l’emissione di obbligazioni convertibili o prioritarie. La consegna del diritto preferenziale all’assemblea generale deve essere dichiarata in un documento pubblico che attesti la decisione dell’assemblea generale.

(3) La rinuncia al diritto di prelazione ha effetti anche su qualsiasi altro acquirente di tali azioni.

Sezione 3

Titoli per l’esercizio di diritti privilegiati
§ 295

(1) La Società può emettere un mandato per l’esercizio di un diritto di prelazione.

(2) Il mandato è una garanzia per il portatore.

(3) Il mandato può essere emesso come titolo dematerializzato.

§ 296

Il mandato contiene

(a) indicazione che si tratta di un foglio di opzioni,

(b) l’ identificazione univoca della società,

c) determinare quante azioni e quale forma o quante azioni da emettere come diritti valori, che tipo o quanti legami quale forma o quanti legami che saranno emessi come diritti valori, e in cui il valore nominale può essere ottenuta da foglio delle opzioni, e

(d) il limite di tempo e le condizioni per esercitare il diritto.

Sezione 297

(1) La scheda contiene anche la designazione numerica e la firma del membro o dei membri del Consiglio di amministrazione. La firma può essere sostituita dall’impronta digitale se le difese contro la contraffazione o l’alterazione sono utilizzate contemporaneamente.

(2) Nel caso in cui i warrant emessi i titoli consegnabili (di seguito “book-entry warrant”), è sufficiente che le informazioni di cui al § 296 sono identificabili dalle registrazioni dei titoli dematerializzati. Per essere emesso un mandato dematerializzate potranno dare alla società la persona che tiene un registro dei titoli dematerializzati, scrivere comando dematerializzato warrant su conto titoli nel registro dei titoli dematerializzati, se un diritto di priorità viene esercitato entro un termine specificato dopo l’adempimento delle condizioni per il rilascio di questi titoli. Allo stesso tempo dare all’azienda un ordine di annullare i mandati, di cui viene esercitato il diritto preferenziale, o se nessuna legge che ne derivano esercitato entro un determinato periodo.

Sezione 4

Sottoscrizione e acquisizione di azioni proprie
§ 298

(1) La Società non può sottoscrivere le proprie azioni.

(2) Le azioni proprie possono essere acquistate dalla Società solo alle condizioni stabilite dalla presente legge.

§ 299

(1) I proprietari di azioni sottoscritte in violazione dell’articolo 298 (1) diverranno fondatori o, in caso di aumento del capitale sociale, membri del Consiglio di amministrazione; tale proprietario pagherà il loro tasso di emissione.

(2) Il proprietario delle azioni ai sensi del paragrafo 1 non può esercitare, fino al rimborso del prezzo di emissione, i diritti connessi alle azioni sottoscritte e non pagate.

§ 300

Una persona che, a proprio nome, ma ha sottoscritto le proprie azioni per conto della società, è vista come se le azioni fossero state sottoscritte sul proprio conto.

§ 301

(1) La Società può essa stessa o tramite un’altra persona che agisce a nome proprio per conto della Società acquisire le proprie azioni solo se il prezzo di emissione è stato interamente versato, e solo se

a) l’ assemblea ha deliberato di acquistare azioni proprie,

b) le acquisizioni, comprese le azioni che l’azienda precedentemente acquisita e che possiede e condivide sul conto della società acquisita da un’altra persona che agisce in nome proprio ancora, non provoca una riduzione del patrimonio netto sotto la capitale sottoscritto aumentato i fondi che non sono sotto presente legge o statuti distribuiti agli azionisti, e

(c) la Società ha le risorse per costituire un fondo speciale di riserva per le proprie azioni, se la creazione di questo fondo è richiesta ai sensi della Sezione 316.

(2) La risoluzione dell’Assemblea generale ai sensi del paragrafo 1 (a) modificare i dettagli della proposta di acquisizione di azioni, almeno

(a) il numero massimo di azioni che la società può acquisire e il loro valore nominale,

(b) il periodo durante il quale la società può acquisire, sulla base di tale autorizzazione, non più di cinque anni;

(c) il prezzo più alto e più basso al quale la società può acquistare le azioni, in cambio dell’acquisizione di azioni a titolo oneroso.

§ 302

La società non può, a sua volta, tramite un’altra persona che agisce a nome proprio per conto della società, acquisire le proprie azioni se causa un fallimento ai sensi di un altro regolamento legale.

§ 303

Il Consiglio di amministrazione è responsabile dell’adempimento degli obblighi di cui alle sezioni 301 e 302.

§ 304

(1) Le disposizioni della sezione 301 (1) a) non si applicano all’acquisizione di azioni proprie al fine di evitare un pregiudizio grave immediatamente minacciato dalla società o, se richiesto, dalla legge.

(2) Procedura di se una società di cui al paragrafo 1 informa il Consiglio di Amministrazione a seguito della riunione generale sulle ragioni e la natura dell’operazione di acquisizione, il numero e il valore nominale delle azioni acquistate, o l’assenza di un valore nominale, il valore contabile delle azioni acquisite, la quota del capitale sottoscritto , che rappresentano queste azioni, e la considerazione data per queste azioni.

§ 305

Le disposizioni della sezione 301 (1) (a) non si applica all’acquisizione di azioni proprie da parte di società o attraverso un’altra persona che agisce a nome proprio per conto della società per la rivendita ai dipendenti; le azioni acquistate saranno alienate dalla Società entro e non oltre un anno dalla data della loro acquisizione.

Sezione 306

(1) La Società può acquisire azioni proprie anche se sono soddisfatte le condizioni specificate nelle Sezioni da 301 a 303 se questa è acquisita

(a) ai fini dell’attuazione della decisione dell’Assemblea generale di ridurre il capitale sociale,

b) come successore legale universale, eventualmente in relazione all’acquisizione di un impianto o di una sua parte,

c) a causa dell’adempimento dell’obbligo previsto da altra normativa o da una decisione del tribunale sulla tutela degli azionisti di minoranza,

(d) a causa di un inadempimento dell’obbligazione dell’azionista di rimborsare il tasso di emissione, o

(e) nei procedimenti giudiziari, quando si esegue una decisione di recupero di un credito nei confronti del proprietario delle azioni versate.

(2) La Società può acquistare azioni ai sensi del paragrafo 1, con l’eccezione di acquisizione ai sensi del paragrafo 1. a) il valore nominale delle azioni o pezzo del loro valore di carico raggiunge il 10% del capitale. azioni acquisisce se la società ai sensi del paragrafo 1, con l’eccezione di acquisizione di cui al paragrafo 1. a) l’importo indicato nella prima frase, dispone di 3 anni dalla data di acquisizione della porzione superiore al 10% del capitale o del valore nominale o contabile superiore al 10% del capitale ridurrà capitale e delle azioni annullate.

(3) La società, che non adempie l’obbligo di cui al paragrafo 2, può anche annullare il tribunale e ordinare la sua liquidazione.

§ 307

Nel caso dell’acquisizione di azioni proprie, la relazione del Consiglio di Amministrazione sull’attività della Società e lo stato delle sue attività include anche i seguenti dati

(a) le ragioni per l’acquisizione di azioni avvenute durante il periodo contabile,

(b) il numero e il valore nominale o, se le azioni sono state emesse, il valore contabile delle azioni acquistate e alienate durante il periodo contabile e la loro quota nel capitale sottoscritto rappresentato da tali azioni,

(c) il numero e il valore nominale o, se le azioni sono state emesse, il valore contabile delle azioni della società e la loro proporzione del capitale sottoscritto all’inizio e alla fine del periodo contabile,

(d) nel caso di acquisizione o trasferimento a titolo oneroso, il corrispettivo dato per tali azioni;

(e) indicazione della persona dalla quale la società ha acquisito le azioni a meno che non le abbia acquistate su un mercato regolamentato europeo.

§ 308

(1) Un atto legale con il quale una società acquisisce le proprie azioni in violazione della presente legge è valido a meno che il cedente abbia agito in buona fede.

(2) Le azioni acquistate in violazione della presente legge saranno ipotecate entro un anno dalla data della loro acquisizione, altrimenti le azioni saranno annullate e il capitale sociale sarà ridotto del loro valore nominale o contabile.

(3) La società, che non adempie l’obbligo di cui al paragrafo 2, può anche annullare il tribunale e ordinare la sua liquidazione.

Sezione 309

(1) Una società che ha acquistato azioni proprie non eserciterà con esse i diritti di voto associati.

(2) Il diritto alla partecipazione agli utili associati alle azioni proprie delle attività della società scade alla sua scadenza. Gli utili non pagati vengono trasferiti sul conto degli utili non distribuiti degli anni precedenti.

§ 310

La Società può assumere le proprie azioni in pegno solo alle condizioni stabilite nella presente sezione per l’acquisto delle proprie azioni; la limitazione non si applica alle banche e agli istituti finanziari per le operazioni concluse nel corso di normali operazioni commerciali.

Assistenza finanziaria
§ 311

L’assistenza finanziaria può essere fornita dalla Società se lo Statuto così determinato e almeno quelle condizioni sono soddisfatte

a) l’assistenza finanziaria è fornita a condizioni di mercato equo, in particolare per quanto riguarda gli interessi o le garanzie finanziarie a vantaggio della società,

(b) il Consiglio di amministrazione esamina debitamente l’idoneità finanziaria della persona a cui è fornita assistenza finanziaria,

(c) la prestazione di assistenza finanziaria deve essere preventivamente approvata dall’Assemblea sulla base della relazione del Consiglio di Amministrazione di cui alla lettera d); l’adozione di una risoluzione richiede il consenso di almeno due terzi dei voti degli azionisti presenti,

(d) il Consiglio di amministrazione redige una relazione scritta in cui:

(1) convalidare la fornitura di assistenza finanziaria, compresa la divulgazione di benefici e rischi per la Società derivanti,

2. Specificare le condizioni alle quali sarà fornita l’assistenza finanziaria, compreso il prezzo al quale le azioni saranno ricevute dal beneficiario dell’assistenza finanziaria,

3. presenta le conclusioni dell’esame della capacità finanziaria di cui alla lettera b);

4. giustificare il motivo per cui la prestazione di assistenza finanziaria è nell’interesse della società; se l’assistenza finanziaria è fornita dalla società dall’assistenza finanziaria fornita dalla società, il prezzo al quale le azioni saranno acquistate sarà proporzionato,

e) fornire assistenza finanziaria non causare una riduzione del patrimonio netto sotto la capitale sottoscritto aumentato i fondi che non sono a norma della presente legge o di Statuto da distribuire ai soci, tenendo conto una riduzione del patrimonio netto, che può verificarsi quando una società o qualsiasi altra persona a suo nome verranno le sue azioni,

f) la società crea un fondo speciale di riserva per l’importo dell’assistenza finanziaria fornita; La sezione 317 si applica mutatis mutandis.

§ 312

Relazione alla sezione 311 (d) deve, senza indebito ritardo, imporre la società sulla raccolta di documenti dopo che l’Assemblea Generale ha approvato l’assistenza finanziaria. La relazione è a disposizione degli azionisti presso la sede sociale a partire dalla data di convocazione dell’assemblea generale, che è di approvare l’assistenza finanziaria, e deve essere posizionato allo stesso tempo, sul sito web della società e deve essere in occasione della riunione liberamente disponibile per gli azionisti.

§ 313

Per essere un aiuto finanziario concesso al consigliere di amministrazione, società di persona che controlla, membro del suo organo statutario o di una persona che agisce con la società o con una delle persone di cui sopra in concerto o di una persona che agisce in nome proprio ma per conto dei soggetti di cui sopra, riesamina la relazione conformemente alla Sezione 311 (d) a una società ea tali persone un esperto indipendente generalmente riconosciuto nominato dal Consiglio di Sorveglianza. Nella sua relazione scritta, valuta l’esattezza della relazione scritta del Consiglio di amministrazione e dichiara espressamente se la prestazione di assistenza finanziaria non è contraria agli interessi della Società; La sezione 312 si applica mutatis mutandis.

§ 314

Sezione 311 (a) a (d) e § 312 non si applicano alla condotta di una società in vista dell’acquisizione di azioni proprie da parte di dipendenti di una società o di azioni per i dipendenti delle società controllate. Queste azioni devono essere distribuite tra i dipendenti entro un anno dalla loro acquisizione.

§ 315

Le disposizioni della sezione 311 (1) a) a c) ed f), § 312, § 313, seconda frase, dopo il punto e virgola, e § 314 non si applica se fornire assistenza finanziaria alle banche e istituzioni finanziarie se è entro i consueti limiti delle loro attività principali.

Fondo di riserva speciale per azioni proprie
§ 316

(1) Una società che riconosce le proprie azioni nel bilancio istituisce un fondo speciale di riserva di pari importo.

(2) Il Fondo di riserva speciale annulla o diminuisce la Riserva speciale se le Azioni vengono cancellate in tutto o in parte o utilizzate per ridurre il capitale sociale.

(3) La Società non può utilizzare un fondo speciale di riserva diverso da quello previsto al paragrafo 2.

§ 317

Al fine di creare o integrare un fondo speciale di riserva, la Società può utilizzare utili non distribuiti o altri fondi che può utilizzare a sua discrezione.

Disposizioni speciali per raggruppamenti di imprese
§ 318

(1) La presente Sezione si applica anche, mutatis mutandis, alla sottoscrizione, acquisizione e risoluzione delle azioni dell’entità controllante da parte dell’entità controllata, fatta eccezione per la Sezione 304, Sezione 306 (1) (a) e (d) e l’articolo 309 (2) e disposizioni sulla riduzione del capitale sociale.

(2) La persona controllata, che non crede alle azioni acquisite dalla persona che controlla, può essere annullata dal tribunale e ordinare la sua liquidazione.

§ 319

(1) La sezione 318 non si applica se la persona controllata

(a) agisce per conto di un’altra persona a meno che non agisca per conto della persona controllante o per conto di un’altra persona controllata dall’entità controllante,

(b) è un’impresa di investimento e, nel caso di operazioni effettuate nel corso della sua attività, come un’impresa di investimento, o

c) ha acquisito lo status di entità controllata solo dopo l’acquisizione di azioni.

(2) I diritti di voto connessi alle azioni acquisite ai sensi del paragrafo 1 non possono essere esercitati e tali azioni sono incluse nel calcolo del rapporto tra il patrimonio netto e il capitale sociale ai sensi del § 301 cpv. b).

§ 320

La presente sezione si applica anche, mutatis mutandis, ai casi in cui le azioni di una società sono acquisite da una terza parte a nome proprio per conto della società o per conto di una società controllata.

§ 321

(1) La presente sezione si applica anche, mutatis mutandis, alle azioni non pagate, ai certificati provvisori, se emessi, e ad altri titoli azionari sottoscritti, se non diversamente previsto nella presente legge.

(2) La Società può acquistare azioni proprie non rimborsate o propri warrant o altri titoli di sottoscrizione non pagati solo gratuitamente.

Sezione 5

Offerta pubblica per l’acquisto o lo scambio di titoli di sottoscrizione
§ 322

(1) Chi fa una bozza pubblica di un contratto per l’acquisto o lo scambio di titoli sottoscritti, procede secondo le Sezioni da 323 a 325; fatte salve le norme in materia di offerta pubblica di acquisto dalla Legge Takeover, un progetto di accordo pubblico ai sensi della legge sulla trasformazione di società e cooperative e le norme per l’offerta pubblica di titoli di investimento ai sensi della legge sulla Capital Market.

(2) È vietato offrire il rimborso o lo scambio di titoli sottoscritti a una cerchia più ampia di persone diverse dall’offerta pubblica di un contratto ai sensi del paragrafo 1. Questo non si applica se qualcuno intende offrire un rimborso o uno scambio di titoli di sottoscrizione

(a) meno di 100 persone,

(b) il cui valore nominale complessivo non superi l’1% del capitale sociale, o

(c) esclusivamente su un mercato regolamentato europeo.

(3) I statuto può stabilire che i titoli di partecipazione si applicano i paragrafi 1 e 2 e § 323 e 324, se l’offerta di acquisto o di cambio durante un consecutivi 12 mesi effettuate soltanto agli azionisti detengono titoli insieme partecipanti, il cui valore nominale non superi il 5% del capitale sociale; Essa non si applica, se l’obbligo previsto di rendere pubblica la bozza di contratto, della presente legge o di qualsiasi altra normativa.

§ 323

(1) Il firmatario pubblica una bozza di contratto pubblico secondo le modalità previste dalla presente legge e dallo statuto della società i cui titoli di partecipazione intende acquisire (in seguito denominata “società target”) per la convocazione dell’assemblea generale.

(2) La bozza di contratto pubblico deve contenere almeno:

a) il nome e l’indirizzo o l’indirizzo del richiedente, i dettagli del contratto di acquisto o di scambio, compreso l’importo del corrispettivo offerto per ciascun titolo partecipante o il metodo di determinazione,

(b) il periodo di validità del progetto di contratto pubblico,

(c) i motivi su cui è stato redatto l’appalto pubblico.

§ 324

(1) Il proponente deve fornire il testo del progetto di contratto pubblico con la richiesta di parere ai sensi del paragrafo 2 alla società bersaglio entro 10 giorni lavorativi prima della sua pubblicazione.

(2) Il consiglio di amministrazione della società bersaglio prepara un parere sul progetto di contratto pubblico e lo consegna al firmatario entro 5 giorni lavorativi dal giorno in cui la società destinataria ha ricevuto la bozza di contratto pubblico. Per il contenuto del presente parere si applicano mutatis mutandis le disposizioni che disciplinano il contenuto del parere delle autorità della società target ai sensi della legge sulle OPA.

(3) Se i membri del consiglio di amministrazione della società target violano l’obbligo di formulare un parere, essi garantiscono in solido il risarcimento dei danni al ricorrente derivanti dalla sezione 329.

§ 325

(1) Il firmatario pubblica inoltre con il progetto di contratto pubblico il parere del consiglio di amministrazione della società mirata se è stato consegnato almeno 2 giorni lavorativi prima della data di pubblicazione della bozza di contratto pubblico.

(2) Le disposizioni dei paragrafi 1 e 324 non si applicano se il firmatario è la società bersaglio stessa.

§ 326

(1) Una bozza di contratto pubblico non può essere impugnata non appena sia stata fatta. Modificare la bozza di contratto pubblico solo se espressamente indicata nei termini o se è più vantaggiosa per l’offerente; tali cambiamenti si rifletteranno in tutti i contratti già conclusi.

(2) Le disposizioni dell’atto relativo alle offerte pubbliche di acquisto, alla conclusione di un contratto e al ritiro, compresa l’offerta parziale o condizionata di acquisizione, si applicano mutatis mutandis.

Progetto di contratto pubblico obbligatorio
§ 327

Una proposta di appalto pubblico obbligatoria è un progetto di contratto pubblico stipulato dal firmatario per soddisfare l’obbligo statutario di acquistare i titoli partecipanti.

§ 328

(1) Nel caso di una proposta contrattuale pubblica obbligatoria, l’importo del corrispettivo sarà proporzionale al valore dei titoli partecipanti. Il firmatario deve dimostrare l’adeguatezza del corrispettivo mediante giudizio di esperti; L’articolo 251, paragrafo 2 si applica mutatis mutandis.

(2) Il periodo di validità di una proposta pubblica ai sensi del paragrafo 1 non deve essere inferiore a 4 settimane dalla data di pubblicazione a norma dell’articolo 323, paragrafo 1.

§ 329

(1) ha violato se il richiedente ha l’obbligo di fare un appalto pubblico, v’è il legittimo proprietario dei titoli aventi diritto di proporre il contratto richiedente per l’acquisto dei titoli per un’adeguata considerazione e il firmatario ha l’obbligo di accettare tale proposta.

(2) Se la proposta viene adottata entro 15 giorni lavorativi dal ricevimento, può essere il legittimo proprietario dei titoli far rispettare un contratto in tribunale e chiedere un risarcimento per i danni, e in ogni caso entro sei mesi dalla data in cui è stato servito con la chiusura contratti di cui al paragrafo 1; La sezione 390 (3) a (5) e (7) si applica mutatis mutandis ai danni.

(3) Se risulta che i proprietari dei titoli, che sono stati oggetto di un progetto di appalto pubblico, non ha ricevuto o hanno sotto contratto per ricevere un risarcimento adeguato, si può affermare che hanno chiamato la considerazione richiedente; Le sezioni 390 (3) a (5) e (7) si applicano mutatis mutandis.

Sezione 330

Se essi sono soggetti a offerta pubblica di acquisto obbligatoria di contratto titoli di partecipazione che sono ammessi alla negoziazione in mercato regolamentato europeo, il richiedente deve presentare una proposta di tale bozza di contratto pubblico alla Banca nazionale ceca e dimostra l’adeguatezza del corrispettivo offerto per titolo azionario; parere di esperti ai sensi del § 328 paragrafo. 1 in questo caso non è richiesta se il candidato in alternativa, debitamente motivata adeguatezza del compenso.

§ 331

(1) La Banca nazionale ceca può, entro 15 giorni lavorativi dalla data di ricevimento di una proposta appalto pubblico di emettere una decisione sul divieto di fare un appalto pubblico, oppure si chiede di rimuovere i difetti nella petizione, tra cui inadeguata adeguatezza ragionamento del corrispettivo.

(2) L’emissione di una decisione che vieta la redazione di un progetto di contratto pubblico è il primo atto del procedimento; solo il firmatario è parte in causa dinanzi alla Banca nazionale ceca. L’appello per rimuovere i difetti di cui al paragrafo 1 contiene istruzioni sul significato della sua non conformità ed è rilasciato al di fuori della procedura amministrativa.

(3) Il periodo di cui al paragrafo 1 cessa alla data di emissione della notifica per rimuovere i difetti nella petizione e avente termine non prima di 15 giorni lavorativi dalla data di scadenza del termine per rimuovere i difetti nella petizione.

(4) Se il richiedente non presenta una proposta di appalto pubblico o la giustificazione del corrispettivo entro il termine stabilito nel bando di cui al paragrafo 1, o se il progetto di appalto pubblico continua a mostrare i difetti, la decisione della Banca nazionale della Repubblica sul divieto di fare un appalto pubblico.

§ 332

Obbligatoria bozza pubblica contratto ai sensi del § 330 può essere effettuato solo dopo aver invano termine per l’emissione di una decisione sul divieto di fare questa bozza di appalto pubblico ai sensi del § 331, a meno che la Banca nazionale ceca prima della scadenza ai sensi del § 331 comunica al richiedente che ha completato la revisione.

Rimborso obbligatorio di titoli di sottoscrizione
§ 333

(1) Una società la cui assemblea generale abbia deciso di escludere i titoli partecipanti dalla negoziazione in un mercato regolamentato europeo deve presentare una bozza di contratto pubblico entro 30 giorni dalla presente decisione.

(2) Il paragrafo 1 non si applica se stanno partecipando titoli negoziati in un altro mercato regolamentato europeo su cui l’emittente adempie gli obblighi di informativa ai sensi della legge sul mercato dei capitali o di un sistema analogo da parte dello Stato parte contraente dell’accordo sullo Spazio economico europeo.

§ 334

Il Consiglio di Amministrazione, senza indugio la decisione del General Meeting di escludere titoli di partecipazione dalle negoziazioni sul mercato regolamentato europeo Banca nazionale ceca e il mercato regolamentato sul quale sono negoziati, e pubblicare le modalità previste dalla presente legge e dello Statuto sociale per la convocazione dell’Assemblea generale.

§ 335

(1) Se la decisione da parte dell’assemblea generale per modificare il tipo di azioni o restrizioni alla trasferibilità delle azioni nominative o dematerializzate, o circa il suo serraggio, fare di tali azioni della società entro 30 giorni dalla data di entrata di tali fatti nel registro delle imprese del progetto di contratto pubblico.

(2) Il consiglio di amministrazione, senza indebito ritardo secondo modalità stabilite dalla legge e dallo Statuto per la convocazione della data di Assemblea in cui è stato azioni nominative o cambiare il tipo di restrizioni alla trasferibilità delle azioni nel registro delle imprese.

§ 336

In un documento pubblico che attesta l’Annual General Meeting sono specificati i possessori di titoli che hanno votato per il ritiro dal commercio sul mercato regolamentato europeo, o per cambiare il tipo di azioni o di restrizioni alla trasferibilità delle azioni.

Sezione 337

Presentando una proposta alla Banca nazionale ceca conformemente alla sezione 330, è fissato il termine di cui all’articolo 333, paragrafo 1 o 335; decorrere dalla data in cui il firmatario è autorizzato a presentare una bozza pubblica del contratto o dalla data in cui la decisione ai sensi dell’articolo 331, paragrafo 1 o 4 diventa definitiva.

§ 338

La bozza pubblica obbligatoria del contratto deve essere indirizzata a persone che, alla data dell’assemblea generale, erano i proprietari dei titoli di partecipazione della società e non hanno votato per la decisione ai sensi dell’articolo 333 (1) o 335 (1).

§ 339

(1) La persona autorizzata ai sensi della Sezione 338 può rinunciare al diritto di acquistare i titoli di sottoscrizione.

(2) La rinuncia ai diritti di cui al paragrafo 1 deve essere in forma scritta con una firma autenticata o deve essere effettuata in assemblea generale; la dichiarazione di rinuncia all’assemblea generale deve essere dichiarata in un documento pubblico che attesti la decisione dell’assemblea generale.

(3) La revoca dei diritti di cui al paragrafo 2 ha effetto anche su qualsiasi altro acquirente di tali azioni.

Sezione 340

La Società pagherà il prezzo dei titoli di sottoscrizione acquistati sulla base dell’offerta pubblica obbligatoria del contratto entro e non oltre un mese dopo il giorno successivo alla data di scadenza del periodo di contratto di contratto pubblico.

Sezione 341

azionisti della Società che hanno votato per cambiare il tipo di azioni, restrizioni alla trasferibilità delle azioni, il suo serraggio o lo smaltimento dei titoli dalle negoziazioni sul mercato regolamentato europeo, compra da titoli acquistati dalla Società ai sensi del § 333-340, a seconda del rapporto dei valori nominali le loro azioni o il numero di unità di loro proprietà azioni entro 3 mesi dalla data in cui la società viene acquistata a un prezzo la società ha pagato per questo, oltre agli interessi al solito tempo la società ha reso pubblico il progetto di contratto. Questo non si applica se un’azienda può vendere azioni in modo più favorevole.

Sezione 6

Scambio di azioni
§ 342

Ha deciso l’Assemblea Generale per modificare il tipo o forma di azioni o frazionamento su più azioni del valore nominale inferiore o una combinazione di più parti in una sola azione, la società può emettere nuove azioni e fissa un termine per la presentazione delle azioni scambiate dopo la modifica sarà registrato nel registro delle imprese.

Sezione 343

Per la procedura per lo scambio di azioni per azioni di un altro tipo o modulo, o per lo scambio di azioni dopo la loro scissione o fusione di più azioni in una azione, si applicano mutatis mutandis § 526 e § 531 (2).

Parte 4

Diritti e doveri dell’azionista
Obbligo di deposito
Sezione 344

(1) Un azionista pagherà il prezzo di emissione delle azioni sottoscritte dal tempo specificato nello statuto o nella decisione dell’assemblea generale di aumentare il capitale sociale, e comunque non oltre 1 anno dalla data della società o l’efficacia dell’aumento di capitale.

(2) Un azionista che è in ritardo con il pagamento del prezzo di emissione, l’azienda pagherà interessi sul ritardato pagamento di doppio del tasso di interesse determinato da altre normative, a meno che gli statuti determinano altrimenti.

(3) L’ obbligazione dell’azionista non può essere derogata a meno che il capitale sociale non venga ridotto.

Sezione 345

(1) Se un azionista con l’adempimento dell’obbligo di depositare o di una parte degli arretrati, il Consiglio lo invita ad adempiere entro il periodo di tolleranza specificato dallo Statuto dell’Associazione, o entro 60 giorni dalla ricezione della chiamata.

(2) Il Consiglio di Amministrazione dopo la scadenza del termine di cui al paragrafo 1 esclude dalla società persistente soci per le azioni per le quali il deposito è venuto meno ad un obbligo, e lo invita a entro un termine ragionevole dato il certificato provvisorio, se emesso. Questo non è il caso se il Consiglio prende un’altra azione. A meno che il certificato provvisorio emesso passaggi con la scadenza del termine supplementare le azioni in circolazione della Società.

(3) L’ azionista escluso è responsabile del rimborso del prezzo di emissione delle azioni sottoscritte.

§ 346

(1) Se l’azionista escluso omette di presentare il certificato provvisorio all’ora stabilita, se è stato emesso, il Consiglio di amministrazione dichiarerà invalido questo certificato provvisorio e comunicherà per iscritto agli azionisti. Tale decisione sarà comunicata dal Consiglio di amministrazione agli azionisti secondo le modalità previste dalla presente legge e dallo statuto sociale per la convocazione dell’Assemblea generale e, allo stesso tempo, saranno pubblicati.

(2) La Società emette azioni a coloro che sono stati approvati dall’Assemblea Generale quando il prezzo di emissione è dovuto, altrimenti il ​​valore nominale o contabile del mandato intermedio o delle azioni non a pagamento ridurrà il capitale azionario.

Sezione 347

(1) La performance della Società mediante la vendita delle azioni restituite è una prestazione per il corrispettivo dato dall’azionista squalificato per rimborsare il prezzo di emissione e la Società la paga senza indebito ritardo.

(2) La Società, per l’esecuzione di cui al paragrafo 1, compensa i crediti che ha per l’azionista escluso per violazione dei propri obblighi.

(3) La Società può detrarre le spese sostenute in modo esponenziale sostenute in relazione alla dichiarazione della lettera provvisoria di nullità; l’ammontare dell’importo accreditato risulta all’azionista.

Sezione 348

(1) Un azionista ha diritto a una partecipazione agli utili che l’assemblea generale ha approvato per la distribuzione tra gli azionisti. Salvo diversa indicazione nello statuto in relazione a un particolare tipo di azione, la proporzione è determinata dalla proporzione della quota detenuta dal socio nel capitale sociale.

(2) Salvo che lo statuto stipuli diversamente, i proventi in denaro sono pagati.

(3) La Società paga la quota di profitto a proprie spese e rischia solo attraverso il trasferimento senza contanti sul conto dell’azionista quotato nella lista dei soci.

(4) Nel caso di azioni con cui è collegata una quota fissa di utili, la decisione dell’Assemblea non è richiesta per la sua divisione. La quota di profitto è pagabile entro 3 mesi dall’approvazione del bilancio.

Sezione 349

A meno che il regolamento diversamente previsto da alcuna compensazione monetaria per il proprietario delle azioni certificate esclusivamente tramite bonifico bancario su un conto bancario specificato nell’elenco degli azionisti.

§ 350

(1) La Società non distribuirà utili o altre risorse proprie tra gli azionisti, se la data dell’ultima patrimoniale esercizio derivante da bilancio ordinaria o straordinaria o netto dopo tale distribuzione ridurrà l’ammontare del capitale sottoscritto aumentato di fondi che non sono in conformità con presente legge o dallo Statuto essere distribuiti agli azionisti.

(2) Importo per distribuzione ai soci non può superare il risultato economico del completamento dell’ultimo periodo di relazione, più gli eventuali utili non distribuiti da periodi precedenti, al netto delle perdite di esercizi precedenti e accantonamenti a riserve e altri fondi in conformità con la presente legge e dai regolamenti.

(3) La decisione dell’Assemblea Generale fatta in violazione dei paragrafi 1 e 2 sarà considerata come non accettata.

§ 351

Se lo Statuto non specifica un altro giorno, il giorno decisivo per l’esercizio del diritto al profitto è il giorno decisivo per la partecipazione all’assemblea generale che ha deciso di versare la quota dell’utile.

§ 352

(1) Il diritto al profitto è trasferibile separatamente dalla data in cui l’assemblea ha deciso di pagarlo.

(2) Nel caso in cui sia stato o debba essere emesso un coupon per l’esercizio del diritto al profitto su un coupon ai sensi di un altro regolamento legale, tale diritto sarà trasferibile solo con il coupon.

(3) I coupon possono anche essere emessi dalla Società prima che l’assemblea decida sulla distribuzione dell’utile per il periodo contabile a cui si riferisce la cedola. Le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano.

§ 353

Diritti di voto
(1) Un azionista ha diritto a partecipare e votare all’assemblea generale.

(2) Lo statuto può limitare l’esercizio del diritto di voto stipulando il maggior numero di voti di un azionista, nella stessa misura per ciascun azionista o per le persone da esso controllate.

Voto cumulativo
§ 354

Se lo Statuto Sociale lo stabilisce, i membri degli organi della società vengono eletti con un voto cumulativo.

§ 355

(1) Ai fini del voto cumulativo, il numero dei voti degli azionisti sarà determinato moltiplicando il numero di voti espressi dall’azionista nell’assemblea generale per il numero di membri eletti dell’organo. Se i membri del Consiglio di amministrazione sono eletti membri del consiglio di vigilanza, il numero di voti dell’azionista per ciascun organismo è determinato separatamente ai fini del voto cumulativo.

(2) Nel caso di un voto cumulativo, l’azionista ha il diritto di utilizzare tutti i voti che utilizza, o il loro numero arbitrario solo per una determinata persona o per determinate persone.

(3) Nel caso di una votazione cumulativa, ciascun membro dell’organismo vota separatamente all’assemblea generale. Solo il voto per l’elezione di una persona o di una persona è espresso come voto cumulativo.

(4) Per essere rimossi dal membro del consiglio eletto dal voto di lista, si può essere revocato solo con il consenso della maggioranza di coloro che hanno votato per la sua elezione oi loro successori legali; questo non si applica se il membro del corpo della società ha violato gravemente i suoi obblighi.

Sezione 356

(1) Nel voto di lista, le persone selezionate per la cui scelta è stato dato il maggior numero di voti, se voto favorevole di almeno la maggioranza dei voti dei soci presenti in Assemblea, ha osservato per il voto cumulativo.

(2) Se più di una persona ottiene lo stesso numero di voti, la stessa dovrà essere nuovamente votata. Se hanno lo stesso numero di voti in caso di voti ripetuti, decideranno sul sorteggio per sorteggio.

(3) Il verbale dell’Assemblea Generale indicherà il numero di voti espressi per l’elezione di ciascuna persona nominata e un elenco di coloro che hanno votato.

Diritto alla spiegazione
§ 357

(1) Un socio ha diritto di richiedere e ricevere l’assemblea generale delle spiegazioni della società riguardanti la Società o le sue controllate, se tale spiegazione è necessaria per valutare il contenuto delle questioni in occasione della riunione generale o di esercitare i loro diritti di azionisti ad esso. Lo statuto può specificare che ogni azionista ha un limite di tempo ragionevole per presentare la sua domanda.

(2) Un azionista può presentare una richiesta ai sensi del paragrafo 1 per iscritto. Lo statuto può specificare la limitazione dell’ambito dell’applicazione. la domanda deve essere presentata dopo l’invito all’assemblea generale e prima della riunione.

§ 358

(1) Spiegazione delle questioni relative all’assemblea generale degli azionisti in corso fornirà direttamente all’Assemblea Generale. Se questo non viene data la complessità della spiegazione fornita agli azionisti entro 15 giorni dalla data dell’assemblea generale, anche se non è più necessaria per la valutazione della Assemblea Generale o per l’esercizio dei diritti degli azionisti su di esso.

(2) Le informazioni contenute nella spiegazione deve essere chiaro e deve fornire una visione adeguato e corretto il fatto intervistati. La spiegazione può essere fornita sotto forma di una risposta esauriente a più domande di contenuto simile. E ‘vero che le spiegazioni fornite agli azionisti, anche se l’informazione è stata pubblicata sul sito internet della società entro e non oltre il giorno precedente l’Assemblea ed è a disposizione degli azionisti presso la sede della riunione. Se le informazioni sono comunicate ad azionisti, qualsiasi altro socio il diritto di richiedere queste informazioni senza completamento della procedura secondo § 357

Sezione 359

Il Consiglio di amministrazione o la persona che convoca l’assemblea generale possono respingere la spiegazione in toto o in parte se

(a) la sua disposizione può causare perdite alla Società o ai suoi soggetti controllati,

(b) riguarda informazioni privilegiate o informazioni classificate ai sensi di un’altra legge, o

(c) la divulgazione richiesta è pubblicamente disponibile.

§ 360

(1) Il rispetto delle condizioni per il rifiuto di fornire chiarimenti deve essere valutato dal Consiglio di Amministrazione e devono essere comunicati i motivi addotti all’Azionista. Un rifiuto di fornire una spiegazione fa parte del verbale dell’Assemblea generale.

(2) Un azionista ha il diritto di richiedere all’Organismo di Vigilanza di stabilire che non si siano verificate le condizioni per il rifiuto di fornire spiegazioni e che il Consiglio di Amministrazione sia tenuto a comunicarlo. L’Organismo di Vigilanza decide in merito alla richiesta dell’azionista direttamente alla riunione dell’assemblea generale e, se ciò non è possibile, entro 5 giorni lavorativi dalla data dell’assemblea generale.

(3) Nel caso in cui la fornitura di spiegazioni Consiglio di Sorveglianza non è d’accordo o non risponde entro il termine di legge, a decidere se la società ha l’obbligo di fornire informazioni, sul movimento degli azionisti. Il diritto di adire il giudice può essere esercitato entro un mese dalla data dell’Assemblea Generale, che è stata respinta, fornendo spiegazioni, o del rifiuto o mancanza di informazioni entro il termine ai sensi del § 358 comma 1.; alla legge applicabile successivamente deve essere ignorata.

(4) Durante il procedimento di cui al paragrafo 3, il periodo di prescrizione per l’esercizio dei diritti che dipendono dalle spiegazioni richieste non deve essere esercitato.

Il diritto di applicare proposte e controproposte
Sezione 361

(1) Un azionista ha il diritto di presentare proposte e controproposte a materie iscritte all’ordine del giorno dell’Assemblea generale.

(2) Laddove un azionista intenda presentare una domanda riconvenzionale su questioni all’ordine del giorno dell’Assemblea Generale, deve consegnarlo alla Società entro un termine ragionevole prima dell’Assemblea Generale; questo non si applica se le proposte sono fatte da certe persone agli organi della società. Il paragrafo 369, paragrafo 2 si applica mutatis mutandis.

Sezione 362

(1) Il Consiglio informa gli azionisti come previsto dalla legge e dallo Statuto per la convocazione dell’assemblea generale degli azionisti riconvenzionale con il suo parere modificati; questo non si applica se l’avviso sia ricevuto meno di 2 giorni prima della data della riunione o se i loro costi sono stati grossolanamente sproporzionata rispetto al significato e il contenuto di una domanda riconvenzionale o di una domanda riconvenzionale se il testo contiene più di 100 parole.

(2) Se la domanda riconvenzionale contiene più di 100 parole, il Consiglio di amministrazione comunica agli azionisti la natura della domanda riconvenzionale con il proprio parere e pubblica la controproposta sul sito web della società.

Sezione 363

L’azionista ha il diritto di applicare le sue proposte a questioni che saranno incluse nell’ordine del giorno dell’Assemblea generale, anche prima della pubblicazione dell’invito all’assemblea generale. La proposta presentata alla società al più tardi 7 giorni prima dell’annuncio dell’invito all’assemblea generale è pubblicata dal Consiglio di amministrazione insieme al suo parere unitamente all’invito all’assemblea generale. Le proposte pervenute dopo tale periodo si applicano mutatis mutandis al § 362. Lo Statuto Sociale può ridurre il tempo limite previsto dalla seconda frase.

Sezione 364

(1) A meno che lo statuto non disponga diversamente, la proposta dell’azionista deve essere prima votata.

(2) Lo statuto o l’assemblea generale alla quale deve essere presentata la proposta può stabilire che ogni azionista abbia un termine ragionevole per la presentazione della sua proposta.

Diritti degli azionisti qualificati
Sezione 365

(1) L’azionista o gli azionisti della società il cui capitale superiore a 100 milioni di corone ceche, le cui azioni hanno un valore nominale complessivo o numero di unità raggiungerà almeno il 3% del capitale, che godono di diritti speciali previsti dalla presente legge (di seguito denominato “azionista qualificato” ).

(2) Un azionista o azionisti in possesso di azioni il cui valore nominale o numero totale di azioni raggiunge almeno il 5% del capitale sociale è considerato un azionista qualificante in una società con un capitale sociale di CZK 100.000.000 o inferiore.

(3) La società, il cui capitale sociale è di 500 milioni di corone ceche o più per gli azionisti qualificati ritenuta dal socio o dai soci che detengono azioni del valore nominale o numero di pezzi raggiunge almeno l’1% del capitale sociale.

(4) Le disposizioni dello Statuto che limitano i diritti legali degli azionisti qualificati non saranno prese in considerazione.

Sezione 366

Gli azionisti qualificati possono chiedere al Consiglio di amministrazione di convocare l’Assemblea generale per discutere le questioni da essi proposte. Nella richiesta, la proposta di risoluzione deve affrontare o giustificare la bozza di risoluzione.

Sezione 367

(1) Il Consiglio di Amministrazione convoca, su richiesta degli azionisti qualificati se è conforme ai requisiti specificati al § 366, modalità AGM prescritto dalla presente legge e gli statuti in modo da tenersi entro 40 giorni dalla data in cui è stato consegnato la richiesta di convocazione; il termine per la pubblicazione e l’invio di un invito all’assemblea generale è ridotto a 15 giorni in questo caso. Se si tratta di una società le cui azioni sono ammesse alla negoziazione sul mercato regolamentato europeo, il termine di 50 giorni nella prima frase e la seconda frase del termine di 21 giorni.

(2) Il Consiglio di amministrazione non ha il diritto di modificare l’ordine del giorno proposto dell’Assemblea generale. Il Consiglio di amministrazione ha il diritto di aggiungere l’ordine del giorno proposto dell’Assemblea generale solo con il consenso delle persone che hanno richiesto la convocazione dell’assemblea generale ai sensi dell’articolo 366.

§ 368

(1) . Se il Consiglio non riesce a convocare l’Assemblea generale entro il termine ai sensi del § 367 comma 1, autorizza la corte ai suoi convocazione azionisti qualificati che ne fanno richiesta, e allo stesso tempo permettono alle tutti i negoziati per l’azienda, che sono legati alla assemblea generale; se lo ritiene opportuno, il tribunale può, di propria iniziativa, designare il presidente dell’assemblea generale.

(2) L’ invito all’assemblea generale deve contenere la dichiarazione della decisione della corte di cui al paragrafo 1, comprese le informazioni che l’autorità giudiziaria ha emesso e quando è diventata esecutiva. Le disposizioni della sezione 367 relative all’invito si applicano mutatis mutandis; gli azionisti qualificati hanno il diritto di richiedere un estratto dagli archivi dei titoli dematerializzati ai fini dell’assemblea generale convocata da loro.

(3) I costi associati all’Assemblea generale sono a carico della Società; i membri del Consiglio di amministrazione garantiscono in solido questo obbligo. Gli azionisti responsabilizzanti hanno diritto al risarcimento nei confronti della società per i costi dei procedimenti giudiziari e altre spese.

§ 369

(1) Se richiesto da un azionista qualificato, il Consiglio di amministrazione inserisce nell’ordine del giorno dell’Assemblea generale una questione da essa determinata, a condizione che la risoluzione sia proposta per ciascuna delle questioni o che la classificazione sia giustificata.

(2) Se la richiesta di cui al paragrafo 1 è stato ricevuto dopo la pubblicazione e la distribuzione degli inviti a presentare all’Assemblea generale, pubblicare Consiglio integrare l’ordine del giorno dell’assemblea generale entro e non oltre cinque giorni prima della riunione, o se è determinato, prima che il giorno decisivo per la partecipazione alla generale Incontro secondo le modalità previste dalla presente legge e dello Statuto sociale per la convocazione dell’Assemblea generale.

§ 370

Un azionista qualificato può richiedere all’Organismo di Vigilanza di esaminare l’adempimento delle responsabilità del Consiglio di Amministrazione nelle materie indicate nella richiesta. Il Consiglio di vigilanza riesamina l’esercizio dei poteri del Consiglio di amministrazione senza indebito ritardo e, entro e non oltre 2 mesi dalla data di ricevimento della richiesta, informa per iscritto l’azionista qualificato dei risultati del riesame effettuato.

Azione degli azionisti
Sezione 371

Ogni azionista qualificato ha il diritto di per l’azienda di chiedere il risarcimento del danno nei confronti di un membro del consiglio di amministrazione o consiglio di vigilanza, o l’adempimento di un obbligo derivante dal contratto ai sensi del § 53 par. 3 o il rimborso del prezzo di emissione per l’azionista, che è in ritardo con i loro rimborsi, e rappresentare la compagnia; ciò si applica mutatis mutandis alla successiva esecuzione della decisione.

Sezione 372

(1) gli azionisti qualificati hanno il diritto di richiedere il risarcimento dei danni ai sensi del § 371 non lo fa, se la lesione determinata dal § 53 par. 3, a meno che la persona che ha causato il danno alla società, è il suo unico azionista, o la persona che lo controlla.

(2) Un’azione dell’azionista può anche essere intentata contro una persona influente se la società causa danni.

(3) Membro del Consiglio, membro del Consiglio di Sorveglianza o una persona influente per la necessità di azione azionista significa anche chi in questa posizione più a lungo, ma era al momento della lesione essere sostituito dopo è necessario un azionista qualificato, o al momento dei negoziati , a causa della quale si è verificato il danno.

Sezione 373

Se l’azionista che ha depositato l’azione dell’azionista cessa di essere un azionista nel procedimento, la società è rappresentata dal suo successore legale se l’azionista originale era a lui noto.

Sezione 374

(1) Prima di esercitare il diritto al risarcimento del danno nei confronti di un membro del Consiglio di amministrazione, l’azionista informa il consiglio di vigilanza della sua intenzione per iscritto.

(2) Se un’autorità informata ha esercitato il diritto di indennizzo o rimborso del prezzo di emissione, senza indebito ritardo dopo il ricevimento delle informazioni di cui al paragrafo 1, un azionista può esercitare tale diritto per l’azienda stessa.

Trasferimento forzato di titoli partecipanti
Sezione 375

Un azionista ha il diritto di chiedere che il Consiglio convocare un’assemblea generale e ha presentato la sua proposta di decisione sul trasferimento di tutti gli altri titoli di partecipazione al socio se azioni proprie della società

(a) il cui valore nominale complessivo è almeno pari al 90% del capitale sociale della società a cui sono stati emessi i diritti di voto;

(b) con cui è collegato almeno il 90% dei diritti di voto in una società (di seguito “l’azionista principale”).

Sezione 376

(1) I proprietari di titoli partecipanti hanno diritto a un corrispettivo ragionevole in denaro, il cui importo è determinato dall’Assemblea generale. Il principale azionista deve documentare l’adeguatezza della perizia corrispettivo o giustificarlo ai sensi del § 391, comma 1. La sentenza deve essere la data di ricevimento di una domanda ai sensi del § 375 di età superiore a 3 mesi.

(2) Insieme a una richiesta ai sensi dell’articolo 375, l’azionista principale della società deve fornire i motivi del corrispettivo o del parere di esperti e la decisione della Banca nazionale ceca conformemente alla Sezione 391, se necessario.

Sezione 377

(1) Il Consiglio di amministrazione convoca un’assemblea generale entro 30 giorni dalla data di consegna della richiesta ai sensi dell’articolo 375 della Società.

(2) L’invito all’Assemblea generale include anche informazioni relative determinare l’importo del corrispettivo o le conclusioni della perizia, se necessario, la sfida impegna le aziende a comunicare l’esistenza di un pegno su titoli emessi da aziende partecipanti ed esprimere il Consiglio sul fatto considerato la quantità proposta di considerazione è ragionevole.

Sezione 378

(1) Il pagamento del corrispettivo deve essere eseguito da una persona autorizzata. La persona autorizzata può essere solo

a) la banca,

(b) un’impresa di investimento o

(c) una persona straniera che opera nel territorio della Repubblica ceca la cui attività commerciale corrisponde a quella di una delle persone di cui alle lettere a) eb).

(2) L’Azionista principale trasferirà alla persona autorizzata la somma di denaro necessaria per pagare il corrispettivo e la Società dovrà dimostrare questo fatto.

(3) La persona autorizzata restituisce i rimanenti fondi insieme agli interessi all’azionista principale senza indebito ritardo dopo la scadenza del periodo di pagamento.

(4) I fondi trasferiti non sono parte del patrimonio della persona autorizzata, se diminuirà di un’altra legge o di una situazione simile si verifica sotto la legislazione di uno Stato membro diverso da quello della Repubblica Ceca.

Sezione 379

(1) La Società mette a disposizione presso la sede sociale per la consultazione da ogni proprietario di un’indicazione di sicurezza partecipazione dell’azionista principale e perizia ai sensi del § 376 paragrafo. 1.

(2) La società, i cui titoli di partecipazione sono ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato europeo, messa a disposizione di cui al paragrafo 1, l’indicazione del principale azionista, la decisione della Banca nazionale ceca ai sensi del § 391 e ragionamento di cui sopra azionista considerazione principale; informazioni sulla procedura di cui all’articolo 375 saranno pubblicate sul suo sito web.

(3) La Società, senza indebito ritardo, rilascia su richiesta del proprietario dei titoli di sottoscrizione una copia dei documenti di cui al paragrafo 1 o 2. La Società informa gli azionisti nell’invito all’assemblea generale.

§ 380

I proprietari di titoli aderenti in pegno devono informare la Società senza indebito ritardo dopo aver appreso della convocazione dell’Assemblea Generale, del fatto della risoluzione e del diritto di pegno; l’avviso di tale obbligo deve essere indicato nell’invito all’assemblea generale.

Sezione 381

Progetti di risoluzione della Assemblea generale fissa la quantità di considerazione contengono una quantità inferiore a quello determinato dalla perizia o ragionamento di cui sopra considerazione, se non ai sensi della presente legge necessaria una perizia.

Sezione 382

(1) L’approvazione di almeno il 90% dei voti di tutti gli azionisti è richiesta per l’approvazione dell’Assemblea generale, con i proprietari delle Azioni prioritarie e l’Azionista principale sempre autorizzato a votare. La decisione dell’assemblea generale deve essere presa da un documento pubblico, la cui appendice è un parere di esperti sull’importo del corrispettivo in denaro o sulla giustificazione dell’importo del corrispettivo.

(2) La risoluzione dell’assemblea generale comprende anche la determinazione dell’azionista principale, l’ammontare del corrispettivo determinato conformemente alla sezione 376 (1) e il termine per la sua disposizione.

Sezione 383

Il motivo per dichiarare invalida la risoluzione dell’Assemblea generale sul trasferimento dei titoli sottoscritti al principale azionista non è il fatto che il corrispettivo non sia adeguato.

Sezione 384

(1) Il Consiglio di amministrazione presenterà, senza indebito ritardo all’adozione della risoluzione dell’Assemblea generale, una proposta per la sua iscrizione nel registro delle imprese. Allo stesso risoluzioni dell’assemblea generale e le conclusioni della perizia, se necessario, pubblicherà una modalità determinate dalla legge e dallo Statuto per la convocazione dell’assemblea generale e documento pubblico conservati presso la sede della società per l’ispezione; avviso di questo deposito deve essere indicato nella comunicazione pubblicata.

(2) Se non è richiesto un parere di esperti, la società pubblica, a norma del paragrafo 1, la giustificazione dell’importo del corrispettivo e dell’approvazione della Banca nazionale ceca ai sensi dell’articolo 391, se necessario.

Sezione 385

(1) Entro un mese dalla pubblicazione della risoluzione della delibera nel Registro delle Imprese ai sensi della Sezione 384, il diritto di proprietà sui titoli di partecipazione della Società sarà trasferito all’azionista principale.

(2) Laddove il titolo sia stato trasferito a titoli partecipativi a cui è stata trasferita la proprietà, il diritto di pegno al momento del trasferimento del diritto di proprietà cesserà di esistere. I creditori pignoratizi che detengono la garanzia sottoscritta saranno soggetti ai § 386 e 387.

Sezione 386

La società effettua un ordine per la registrazione del cambiamento dei proprietari di titoli di partecipazione dematerializzati sulla persona conti dell’attivo autorizzata a condurre il registro relativo di titoli derivanti da altre normative, senza indebito ritardo dopo il trasferimento dei diritti di proprietà al socio di maggioranza, con la base per la registrazione del cambiamento è la decisione dell’Assemblea generale ai sensi del § 375 e 382 e la prova della sua pubblicazione.

Sezione 387

(1) Gli attuali possessori di titoli di sottoscrizione devono presentarli alla Società entro 30 giorni dal trasferimento della proprietà; in caso di inadempienza, non possono richiedere una considerazione.

(2) A meno che gli attuali proprietari dei titoli mobiliari di cui al paragrafo 1-1 mesi, o entro il periodo di grazia per la società, che non deve essere inferiore a 14 giorni, la società ai sensi del § 346 paragrafo. 1, prima frase.

(3) I Titoli di Partecipazione restituiti saranno consegnati all’Azionista Principale senza indebito ritardo.

(4) Per i titoli di sottoscrizione dichiarati non validi, la Società dovrà, senza indebito ritardo, rilasciare al nuovo azionista principale nuovi titoli di sottoscrizione aventi la stessa forma, tipo e valore nominale.

Sezione 388

(1) Gli attuali proprietari di titoli di partecipazione dematerializzate ha diritto al pagamento di un risarcimento e interessi prevalenti al momento del trasferimento del diritto di proprietà della registrazione titoli dei diritti di proprietà sul conto patrimoniale nel pertinente registro di titoli e proprietari di altri titoli di partecipazione di loro crescenti ai sensi del § 387 dematerializzate, dal giorno in cui il diritto di proprietà sui titoli azionari della società è stato trasferito all’azionista principale.

(2) Il diritto agli interessi di cui al paragrafo 1 non deve sorgere fintanto che la persona autorizzata è in ritardo con la consegna dei titoli di partecipazione della società.

Sezione 389

(1) La persona autorizzata deve fornire alle persone autorizzate un corrispettivo senza indebito ritardo dopo l’adempimento delle condizioni di cui alla Sezione 388 (1).

(2) La persona autorizzata deve prendere in considerazione la persona che era il proprietario dei titoli al momento del trasferimento dei diritti di proprietà, l’assenza di prove che dimostrano l’impegno di tali titoli, quindi prendere in considerazione il creditore pignoratizio; questo non si applica se il proprietario dimostra che il privilegio prima del trasferimento di proprietà è scomparso.

§ 390

(1) I proprietari dei titoli possono chiedere un risarcimento dalla data di scadenza dopo principali azionisti il diritto di chiamare, se non a condizione adeguata considerazione il valore dei titoli alla data di trasferimento del titolo al principale azionista; Tale diritto si estingue, a meno che uno qualsiasi dei titoli di proprietà dell’azionista principale esercitata entro 3 mesi dalla data di pubblicazione della iscrizione della deliberazione dell’Assemblea generale ai sensi del § 384 del registro di commercio.

(2) L’azionista principale annuncia senza indebito ritardo la data di esercizio del diritto di cui al paragrafo 1 secondo le modalità stabilite per la convocazione dell’Assemblea generale. Il periodo di prescrizione decorre dalla data in cui l’azionista principale soddisfa l’obbligo di segnalazione.

(3) Una decisione giudiziaria che concede un diritto a un diverso importo del corrispettivo è vincolante per il principale azionista sulla base del diritto concesso anche ad altri possessori di titoli di sottoscrizione. I proprietari di titoli partecipanti che hanno invocato i diritti di riscatto hanno diritto a un rimborso nella gestione delle spese effettivamente spese; se non è obbligato a fornire tale risarcimento all’azionista principale, deve essere fornito dai fondi depositati conformemente al paragrafo 4.

(4) Il principale azionista entro il termine stabilito dal tribunale soddisfa Partita contro tutti i possessori di titoli di partecipazione in custodia giudiziaria e la corte insieme alla decisione di cui al paragrafo 2, prima frase, ha pubblicato sul suo bollettino ufficiale anche chiamare i proprietari dei titoli di essere lì per compensare il registro. La società ha anche contestare questa decisione e riferimento Partita pubblica le modalità previste dalla presente legge e dello Statuto sociale per la convocazione dell’Assemblea generale. I costi spesi in modo esplicito associati all’esecuzione della custodia sono coperti da fondi depositati in custodia.

(5) Le disposizioni del codice di procedura civile relative all’assegnazione dell’oggetto di affidamento statale non si applicano. Se il periodo di tre anni dopo il decreto di ammissione al custodia, il tribunale deciderà che il soggetto di custodia è il principale rendimenti per gli azionisti, se non viene richiesto entro 1 anno dalla data di pubblicazione della presente risoluzione. Questa sentenza deve essere pubblicata dal tribunale nel consiglio di amministrazione ufficiale del tribunale.

(6) Nel caso in cui l’azionista principale per chiamare il proprietario del titolo partecipare esterno procedimenti giudiziari, questo accordo è il principale azionista di legame per quanto riguarda la base dei diritti riconosciuti e agli altri proprietari dei titoli e principale azionista della sua conclusione avvisare gli altri proprietari dei titoli secondo le modalità previste dalla presente legge e dallo statuto per la convocazione dell’assemblea generale. Il principale azionista, senza indebito ritardo dopo la conclusione della prima frase soddisfa Partita contro tutti i possessori di titoli in custodia giudiziaria partecipanti; i paragrafi 4 e 5 si applicano mutatis mutandis.

(7) Per i possessori di titoli che non erano partiti in conformità dei paragrafi 2 e 3, il termine di prescrizione per l’esercizio del diritto di insediamento di fondi di cui al comma 4, della pubblicazione della decisione del tribunale ai sensi del comma 4. Per i possessori di titoli che non sono parti accordo ai sensi del comma 6, il termine di prescrizione per l’esercizio del diritto di insediamento di fondi di cui al comma 6 della data di pubblicazione dell’avviso di cui al paragrafo 4.

Sezione 391

(1) Le decisioni della Assemblea di trasferire tutti gli altri titoli di partecipazione di società con partecipazione titoli sono ammessi alla negoziazione in mercato regolamentato europeo, il principale azionista è richiesta una giustificazione per l’azionista considerazione capitale e preventivo consenso della Banca nazionale ceca.

(2) La Banca nazionale ceca valuta soltanto se il richiedente ha debitamente giustificato l’importo del corrispettivo proposto.

(3) La Banca nazionale ceca emette una decisione entro 15 giorni lavorativi dal ricevimento della richiesta; questo periodo può essere esteso, ma non più di 15 giorni lavorativi.

(4) L’azionista del procedimento dinanzi alla Banca nazionale ceca è l’unico azionista.

Sezione 392

Se i titoli di partecipazione della società sono ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato europeo, non è richiesta la consulenza di esperti ai sensi dell’articolo 376, paragrafo 1.

Sezione 393

(1) Se un azionista principale ha emesso azioni ai sensi della Sezione 375 a seguito di un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria, il corrispettivo di tale offerta pubblica di acquisto obbligatoria è considerato adeguato.

(2) ha ottenuto l’azionista di maggioranza, se a seguito di un’offerta pubblica di acquisto volontaria dal Takeover legge ai sensi del § 375 azioni, che sono coperti dall’offerta volontaria, pagare il corrispettivo sotto un tale offerta pubblica di acquisto volontaria è una considerazione ragionevole.

(3) Se il principale azionista non ha esercitato il diritto ai sensi della Sezione 375 entro 3 mesi dalla fine del periodo di presa in consegna, le disposizioni del paragrafo 1 non si applicano.

Sezione 394

(1) A partire dalla data di trasferimento del diritto di proprietà sui titoli di sottoscrizione ai sensi della Sezione 385, i Titoli Possono essere esclusi dalla negoziazione sul mercato regolamentato ceco; le disposizioni dei § 334, 338 e 339 non si applicano.

(2) La Società informerà senza indugio la decisione dell’Assemblea generale ai sensi del § 375 e 382 in conformità con la legge sulla Capital Market del mercato regolamentato che abbia ammesso titoli di partecipazione per la negoziazione.

Sezione 395

Diritto di riscatto
I proprietari di titoli partecipativi ai quali il preponente può esercitare la procedura di cui alla sezione 375 possono richiedere che i loro titoli di partecipazione siano rimborsati dall’azionista principale conformemente alle disposizioni della presente legge sul contratto pubblico obbligatorio.

Parte 5

Enti aziendali
Sezione 1

Sistema di struttura interna della società
Sezione 396

(1) Il sistema della struttura interna della società, in cui sono stabiliti il ​​Consiglio di amministrazione e il Consiglio di sorveglianza, è un sistema duale.

(2) Il sistema della struttura interna della società, in cui sono stabiliti il ​​Consiglio di amministrazione e il Direttore statutario, è un sistema monistico.

(3) Dubita che venga scelto un sistema dualistico.

Sezione 397

(1) Una società può cambiare il sistema della sua struttura interna modificando i suoi statuti.

(2) L’ elezione del sistema di strutture interne non pregiudica le disposizioni della presente legge sull’Assemblea generale, a meno che la presente legge non disponga diversamente.

Sezione 2

Assemblea Generale
Disposizioni introduttive
Sezione 398

(1) Gli azionisti esercitano il loro diritto a partecipare alla gestione della Società all’interno o all’esterno dell’Assemblea generale.

(2) se consentito dallo statuto del voto all’assemblea generale o la decisione al di fuori della Assemblea Generale con l’uso di mezzi tecnici, le condizioni del voto o decisioni progettato per consentire alle aziende di verificare l’identità della persona che ha diritto di esercitare il diritto di voto e di determinare le quote a cui è collegato eseguito diritti di voto, altrimenti i voti espressi da tale procedura o la partecipazione di tali azionisti aventi diritto di voto non saranno presi in considerazione.

(3) Condizioni di giudizio o di votare ai sensi del comma 2 determina gli statuti, e sempre devono essere fornite nell’invito alla riunione generale o il progetto di decisione ai sensi del § 418; se queste condizioni non sono stabilite dal Consiglio di amministrazione.

(4) Anche le votazioni corrispondenti sono prese in considerazione per il voto all’assemblea generale con mezzi tecnici.

§ 399

L’azionista assiste l’Assemblea generale personalmente o per conto dell’Azionista. Una procura per la rappresentanza in un’assemblea generale deve essere in forma scritta e deve indicare se è stata concessa per la rappresentanza in una o più riunioni generali.

§ 400

(1) Resta inteso che la persona iscritta nel registro degli strumenti di investimento come trustee o come persona autorizzata a esercitare i diritti connessi alle azioni il diritto di rappresentare gli azionisti nell’esercizio dei diritti connessi alle azioni quotate sul conto, compreso il voto in assemblea.

(2) Invece di una procura, tale persona deve essere evidenziata da un estratto del registro degli strumenti di investimento; questo non è necessario se la società stessa richiede un estratto per tali scopi.

§ 401

(1) Il rappresentante comunica in anticipo prima dei Soci eventuali fatti che potrebbero essere rilevanti per gli azionisti nel valutare se in questo caso il conflitto minaccia i suoi interessi e quelli rappresentanti.

(2) Se un azionista agisce per conto di determinate azioni per conto di un’altra persona, ha il diritto di esercitare i diritti di voto relativi a tali azioni in modo diverso.

Convocazione dell’Assemblea Generale
§ 402

(1) L’assemblea generale convoca il consiglio di amministrazione almeno una volta per l’esercizio finanziario, a meno che lo statuto non stabilisca che l’assemblea generale debba essere convocata più frequentemente.

(2) Assemblea convocata dal Consiglio o dai suoi membri in quanto Consiglio prontamente convocare e questa legge convocazione necessario o se il Consiglio non è a lungo termine del quorum, a meno che questa legge non disponga diversamente.

(3) I membri del Consiglio di amministrazione devono sempre partecipare all’assemblea generale. Un membro del Consiglio di amministrazione deve ricevere una parola ogni volta che lo richiede.

§ 403

(1) L’assemblea generale discuterà i rendiconti finanziari regolari non oltre 6 mesi dopo l’ultimo giorno dell’esercizio finanziario precedente.

(2) Il Consiglio di Amministrazione convoca una riunione generale, senza indebito ritardo dopo aver scoperto che la perdita totale della società sulla base del bilancio ha raggiunto un livello tale che quando il pagamento di fondi della società avrebbero perdite accumulate ammontano a metà del capitale o può essere utilizzato con riguardo a tutte le circostanze aspettarsi, o per un altro serio motivo, e proporre all’Assemblea Generale la cancellazione della società o l’adozione di ogni altra misura appropriata.

Sezione 404

Se l’azienda non ha un consiglio di amministrazione eletti o scelti dal Consiglio di lunga adempimento degli obblighi e convocare un’assemblea generale o dei suoi Stati, convocare un’assemblea generale del Consiglio di Sorveglianza; può anche convocare l’assemblea generale se gli interessi dell’azienda lo richiedono. Allo stesso tempo, l’Organismo di Vigilanza proporrà le misure necessarie. Se l’Organismo di Vigilanza non convoca l’Assemblea Generale, qualsiasi membro del Consiglio di Sorveglianza può convocarlo.

§ 405

Il giorno decisivo per partecipare all’assemblea generale
(1) Lo statuto o le decisioni che precedono l’assemblea generale possono determinare il giorno decisivo per la partecipazione all’assemblea generale. La decisione dell’Assemblea generale ai sensi della prima frase non è considerata una decisione di modifica dello statuto.

(2) Un giorno decisivo non può precedere la data dell’Assemblea generale di oltre 30 giorni.

(3) Se le azioni sono ammesse alla negoziazione in un mercato regolamentato europeo, è la data di registrazione per la partecipazione in Assemblea Generale è sempre il settimo giorno precedente la data dell’Assemblea generale; il paragrafo 1 non si applica

(4) non determinare se gli statuti della società che ha emesso azioni dematerializzate che sono ammessi alla negoziazione in mercato regolamentato europeo, un altro giorno decisivo, la data decisiva per la partecipazione in Assemblea Generale è il settimo giorno precedente la riunione. La società, che ha emesso azioni dematerializzate, l’ultimo dell’assemblea generale fornito il record di titoli dematerializzati sfogliare la questione del giorno decisivo.

§ 406

(1) Il convocatore almeno 30 giorni prima dell’Assemblea generale pubblica un invito all’Assemblea generale sul sito internet della Società e, allo stesso tempo si invia agli azionisti titolari di azioni nominative o dematerializzate presso l’indirizzo indicato nella lista degli azionisti o registrati di titoli consegnabili o nei registri gestito dalla Banca Depositaria detenzione di azioni immobilizzate in custodia. Lo statuto può specificare altri requisiti per la convocazione dell’assemblea generale. Lo statuto può anche specificare in che modo sarà sostituito l’invio di un invito all’indirizzo dell’azionista ai sensi della prima frase; questo metodo non deve limitare indebitamente la partecipazione dell’azionista all’assemblea generale.

(2) Con la pubblicazione di un invito, l’invito si intenderà consegnato agli azionisti titolari delle azioni sul titolare. L’invito deve essere pubblicato sul sito Web della società fino alla riunione generale.

§ 407

(1) Un invito all’assemblea generale deve contenere almeno:

(a) la società e la sede legale della società,

b) luogo, data e ora dell’assemblea generale,

c) indicazione della convocazione di un’assemblea generale ordinaria o sostitutiva,

d) l’ ordine del giorno dell’Assemblea generale, compresa l’indicazione della persona, se proposto come membro dell’organismo della società,

e) il giorno decisivo per la partecipazione all’assemblea generale, se è stata determinata, e una spiegazione della sua importanza per il voto in Assemblea generale,

f) Progetto di risoluzione dell’Assemblea generale e sua giustificazione,

g) il termine per la consegna della dichiarazione dell’azionista all’ordine del giorno dell’Assemblea generale, se è ammesso il voto corrispondente che non deve essere inferiore a 15 giorni; la consegna della proposta all’azionista è decisiva per l’inizio della sua corsa.

(2) Se una proposta di risoluzione a norma del paragrafo 1, lettera a ) non è presentata. f) contiene un invito all’assemblea generale delle dichiarazioni del Consiglio di amministrazione su ogni materia proposta; allo stesso tempo, la società pubblicherà le proposte dei propri azionisti per le risoluzioni dell’assemblea generale senza indebito ritardo sul proprio sito web.

§ 408

(1) Il luogo, la data e l’ora dell’assemblea generale devono essere determinati in modo da non limitare indebitamente il diritto dell’azionista a partecipare.

(2) Presso la sua sede legale, la Società dovrà consentire a ciascun azionista di consultare gratuitamente la bozza dello Statuto sociale entro il termine indicato nell’invito all’assemblea generale. Questo diritto sarà notificato dalla società dell’azionista nell’invito all’assemblea generale.

(3) Non argomenti all’ordine del giorno dell’Assemblea generale può, nelle sue riunioni per discutere o solo decidere in vigore se approvata da tutti gli azionisti.

§ 409

L’Assemblea generale può decidere che alcune delle questioni incluse nell’ordine del giorno dell’Assemblea generale saranno tradotte nella prossima Assemblea generale o che non saranno discusse. Ciò non si applica se l’Assemblea generale viene convocata su richiesta di un azionista qualificato, a meno che l’azionista non sia d’accordo.

§ 410

(1) Il ritiro o il rinvio della Assemblea ne informano gli azionisti della società le modalità previste dalla presente legge e dello Statuto sociale per la convocazione dell’assemblea generale, almeno una settimana prima della data originariamente annunciato per l’Assemblea, in caso contrario rimborsare gli azionisti che hanno partecipato all’Assemblea Generale è venuto nell’ambito della gara originale. costi associati ad esso.

(2) Nel caso in cui l’Assemblea è stata convocata su iniziativa di azionisti qualificati, la revoca o il rinvio della riunione possono solo essere d’accordo con questo se questi azionisti.

§ 411

(1) Nella impostazione di un nuovo luogo, la data e l’ora della riunione non pregiudica il termine, che la legge prevede per l’invio di inviti per l’Assemblea generale per la convocazione di un’assemblea generale degli azionisti iniziativa qualificato evento.

(2) Il mancato rispetto dei requisiti della presente legge per la convocazione della riunione, l’assemblea generale può aver luogo soltanto se sono d’accordo a tutti gli azionisti e determinare se tali statuti.

§ 412

La capacità dell’assemblea generale di citare
(1) L’Assemblea Generale potrà dimettersi se gli Azionisti che detengono Azioni il cui valore nominale o numero superano il 30% del capitale sociale sono presenti a meno che lo Statuto non stabilisca diversamente.

(2) Nel valutare la capacità della Assemblea deve avere il quorum senza riguardo alle azioni o emessi certificati provvisori con cui senza diritto di voto, o se nessun diritto di voto ai sensi della presente legge o lo Statuto di esercizio; questo non si applica se questi diritti sorgono temporaneamente.

§ 413

(1) Nel caso di azionisti attuali, la società deve registrare l’elenco delle persone presenti

a) il nome e l’indirizzo o la sede legale,

(b) le informazioni di cui alla lettera a) riguardanti l’agente, se l’azionista è rappresentato,

c) numeri di condivisione,

(d) il valore nominale delle azioni a cui gli azionisti hanno diritto di voto, o l’indicazione che le azioni non danno diritto al voto dell’azionista.

(2) In caso di rifiuto di ingresso di una determinata persona nel documento presente, il fatto di rifiuto deve essere indicato nel documento del presente.

(3) L’accuratezza del documento presente è confermata dalla firma dell’emblema o della persona designata.

Sezione 414

Assemblea generale sostitutiva
(1) Se l’Assemblea il quorum, il Consiglio di Amministrazione convoca le modalità previste dalla presente legge e gli statuti, se ancora necessario, senza indebito ritardo, sostituto Assemblea con lo stesso ordine; l’Assemblea Generale supplente può dimettersi, a prescindere dalla Sezione 412 (1), a meno che lo Statuto non stabilisca diversamente; il periodo di invito è ridotto a 15 giorni e l’invito non può contenere informazioni adeguate sulla sostanza dei singoli argomenti inclusi nell’ordine del giorno dell’Assemblea generale ai sensi dell’articolo 407 (1) d).

(2) Invito all’Assemblea generale la sostituzione invierà azionisti entro 15 giorni dalla data in cui è stato originariamente convocata Assemblea, sostituto Assemblea deve essere tenuto entro e non oltre sei settimane dalla data in cui è stato originariamente convocata Assemblea.

(3) Le questioni che non sono state incluse nell’ordine del giorno proposto per l’assemblea generale originale possono essere decise all’assemblea generale solo se tutti gli azionisti sono d’accordo.

Decisione dell’Assemblea Generale
Sezione 415

L’assemblea generale deciderà a maggioranza dei voti degli azionisti presenti, a meno che tale legge o statuto non richieda una maggioranza diversa.

Sezione 416

(1) La decisione ai sensi dell’articolo 421, paragrafo 2 m) di modificare lo Statuto, la decisione, la conseguenza sta cambiando lo statuto, la decisione di autorizzare il Consiglio di aumentare il capitale sociale, la possibilità di compensare crediti pecuniari nei confronti della società contro una domanda di rimborso del prezzo di emissione, di emettere obbligazioni convertibili o di priorità, la società con la liquidazione e la decisione sulla distribuzione del saldo di liquidazione richiede il consenso di almeno due terzi dei voti dei soci presenti.

(2) La decisione dell’Assemblea Generale sui fatti di cui al paragrafo 1 e su altri fatti, i cui effetti si verificano dopo la registrazione nel Registro di commercio, deve essere certificata da un documento pubblico. Il contenuto dello strumento autentico è anche il testo approvato dello statuto, se vengono modificati.

§ 417

(1) La decisione ai sensi dell’articolo 421, paragrafo 2 m) modificando la quantità di capitale è necessaria anche l’approvazione di almeno due terzi maggioranza degli attuali azionisti di ciascuna classe di azioni i cui diritti sono colpiti da questa decisione.

(2) La decisione di cambiare il tipo o forma di azioni, un cambiamento dei diritti collegati ad una categoria di azioni, le restrizioni alla trasferibilità delle azioni nominative o di azioni dematerializzate e l’esclusione dei titoli di negoziazione sul mercato regolamentato europeo richiede anche l’approvazione da parte di almeno tre quarti maggioranza dei voti presenti azionisti che detengono tali azioni.

(3) La decisione di escludere o limitare il diritto di prelazione per acquisire obbligazioni convertibili e di priorità, consentendo la distribuzione di utili ai soggetti diversi dai soci ai sensi del § 34 par. 1, di escludere o limitare i diritti di prelazione degli azionisti di aumenti di capitale mediante la sottoscrizione di nuove azioni e un aumento del contributi non monetari del capitale richiede il consenso di almeno i tre quarti dei voti dei soci presenti. Se la società ha emesso azioni di vario genere è richiesto per queste decisioni anche l’approvazione di almeno tre quarti dei voti dei soci presenti ogni tipo di azioni, a meno che la decisione dei proprietari di questi tipi di azioni tocco.

(4) La decisione di fusione delle azioni richiede anche il consenso di tutti gli azionisti le cui azioni devono essere unite.

Processo decisionale per rollam
Sezione 418

(1) Se lo statuto della società consente il rollam, la persona autorizzata a convocare l’assemblea generale deve inviare un progetto di decisione a tutti gli azionisti.

(2) Il progetto di decisione contiene

a) il testo della decisione proposta e la sua motivazione,

b) il termine per la consegna della dichiarazione dell’azionista specificata nello Statuto, altrimenti 15 giorni; è fondamentale per l’inizio della sua esecuzione consegnare la proposta all’azionista,

(c) i documenti giustificativi necessari per la sua accettazione;

d) altre informazioni se gli statuti lo determinano.

Sezione 419

(1) Se l’azionista non consegna entro il termine di cui all’articolo 418, paragrafo 2 b) la persona abilitata a convocare l’Assemblea concorda con la proposta di risoluzione, è valido che non sia d’accordo con la proposta.

(2) Se richiesto dalla legge per l’Assemblea è stato testimoniato da un documento pubblico, l’azionista ha la forma di un documento pubblico, che deve indicare il contenuto del progetto di decisione dell’Assemblea generale, che la dichiarazione si riferisce.

(3) La maggioranza decisiva è calcolata dal numero totale di voti di tutti gli azionisti.

§ 420

le decisioni dei risultati ai sensi del § 418 e 419, tra cui il giorno della sua adozione, la persona autorizzata a convocare riunioni modalità previste dalla presente legge e di Statuto per la convocazione di un’assemblea generale di tutti gli azionisti, senza indebito ritardo.

Portata dell’Assemblea Generale
Sezione 421

(1) L’assemblea decide per risoluzione.

(2) L’assemblea generale appartiene all’assemblea generale

a) decisione di cambiare lo Statuto, se decisa dallo statuto o della legge, a meno che il cambiamento a causa dell’aumento di capitale deliberato dal Consiglio o di un cambiamento che si è verificato in altri fatti di legge,

b) decisioni in merito alla modifica del capitale sociale e al mandato del Consiglio di amministrazione di aumentare il capitale sociale,

c) decidere in merito alla possibilità di compensare un credito pecuniario nei confronti della società a fronte di una richiesta di rimborso del tasso di emissione,

(d) decisioni sull’emissione di obbligazioni convertibili o prioritarie,

e) l’ elezione e il licenziamento dei membri del Consiglio di amministrazione o del direttore statutario, a meno che lo Statuto non dichiari che tale competenza appartiene al Consiglio di Sorveglianza,

f) l’ elezione e il licenziamento di membri del consiglio di vigilanza o di amministrazione e di altri organi designati dallo statuto, ad eccezione dei membri del Consiglio di vigilanza che non sono eletti dall’assemblea generale,

(g) l’ approvazione di bilanci ordinari, straordinari o consolidati e, nei casi in cui una copia della legge disponga diversamente, il bilancio intermedio,

(h) una decisione sulla distribuzione degli utili o altre risorse proprie o sulla liquidazione della perdita,

(i) la decisione di chiedere l’ammissione dei titoli partecipativi della società alla negoziazione in un mercato regolamentato europeo o la cessione di tali titoli dalla negoziazione su un mercato regolamentato europeo,

j) decisione sullo scioglimento della società con liquidazione,

k) la nomina e la revoca del liquidatore, se determina lo statuto,

(l) approvare la proposta di assegnare il saldo di liquidazione,

m) approvare il trasferimento o l’arresto della razza o come parte di esso, il che significherebbe un cambiamento sostanziale nella struttura esistente della pianta o un cambiamento sostanziale nel business o attività della società di base,

(n) la decisione di assumere gli effetti del comportamento della società prima che sia stabilita,

o) approvare l’accordo sulla comunità pacifica, compresa l’approvazione dei suoi emendamenti e la sua abolizione,

p) altre decisioni che conferiscono questa Legge o Statuti all’Assemblea Generale.

(3) L’assemblea generale non può riservare la decisione di casi che non sono contemplati dalla presente legge o dallo statuto.

§ 422

(1) L’assemblea generale elegge il presidente, il cancelliere, il verificatore del verbale e la persona o le persone incaricate del conteggio dei voti. Fino all’elezione del presidente, la riunione dell’assemblea generale dirige la convocazione o la persona da essa designata. Lo stesso vale se il Presidente dell’Assemblea Generale non è stato eletto. Se un registratore, verificatore o persona responsabile del conteggio dei voti non è eletto, è designato dal convocatore dell’assemblea generale. L’assemblea generale può decidere che una persona sia il presidente dell’assemblea generale e il verificatore del verbale.

(2) L’Assemblea Generale può decidere che il Presidente dell’Assemblea Generale effettui anche il conteggio dei voti, a meno che non sia compromesso il corretto svolgimento dell’Assemblea Generale.

§ 423

(1) L’iscritto deve preparare un verbale dell’Assemblea Generale entro 15 giorni dalla data della sua cessazione. Il verbale è firmato dal cancelliere, dal presidente dell’assemblea generale o dal convocatore e dal verificatore o dal verificatore del verbale.

(2) La voce contiene

(a) la società e la sede legale della società,

b) il luogo e l’ora dell’assemblea generale,

(c) il nome del presidente, il cancelliere, i verificatori dei verbali e le persone o le persone accusate di conteggio dei voti,

d) una descrizione della discussione delle singole questioni iscritte all’ordine del giorno dell’Assemblea generale,

e) risoluzione dell’Assemblea generale, che mostra i risultati della votazione e

f) il contenuto della protesta di un azionista, un membro del Consiglio di amministrazione o un consiglio di sorveglianza in merito alle risoluzioni dell’assemblea generale, se richiesto dal manifestante.

(3) Le proposte devono essere accompagnate dalle proposte presentate, dalla dichiarazione e dall’elenco del presente.

§ 424

(1) La nullità della risoluzione dell’Assemblea generale, l’azionista non può fare affidamento, non contro le risoluzioni dell’Assemblea generale fatte protesta a meno che non presentato una protesta scritta impiegato errore o il Presidente dell’Assemblea Generale o del ricorrente non è stata rappresentata alla riunione, o le ragioni per l’annullamento della delibera dell’Assemblea Generale non è stato possibile in questa riunione generale.

(2) Se è discutibile se la protesta è stata presentata, sarà considerata depositata.

§ 425

(1) Un azionista può chiedere al Consiglio di amministrazione di emettere una copia della quotazione o di parte di essa per la durata della vita della Società. Se la registrazione o parte di essa non viene pubblicata entro il termine stabilito dall’articolo 423, paragrafo 1, sul sito Web della Società, le copie devono essere effettuate a spese della Società.

(2) I registri, gli inviti all’assemblea generale e gli atti del presente sono tenuti dalla Società per tutta la sua esistenza.

§ 426

L’azionista non esercita i suoi diritti di voto

a) se è in ritardo con l’adempimento dell’obbligo di deposito, nella misura del ritardo,

b) se l’Assemblea generale decide sul suo contributo non monetario,

c) decide se l’Assemblea generale sull’opportunità di lui o la persona con cui egli agisce di concerto, di essere scusato l’obbligo, o se debba essere rimosso dal suo incarico da un organismo membro della società per violazione degli obblighi nell’esercizio delle funzioni

(d) negli altri casi previsti dalla presente legge o da qualsiasi altra disposizione legale.

§ 427

(1) Limitazione dell’esercizio dei diritti di voto ai sensi dell’articolo 426 (b) a (d) si applicano anche agli azionisti che agiscono di concerto con un azionista che non è in grado di esercitare il diritto di voto.

(2) Limitazione dell’esercizio del diritto di voto ai sensi dell’articolo 426 (b) a (d) non si applicano se tutti gli azionisti agiscono di concerto.

§ 428

Invalidazione della risoluzione dell’Assemblea generale
(1) Ogni socio, membro del consiglio, consiglio di sorveglianza o liquidatore può invocare l’invalidità della delibera dell’Assemblea Generale in conformità con le disposizioni del Codice Civile della nullità della riunione dei membri dell’associazione a entrare in conflitto con la legge o lo statuto.

(2) Il motivo dell’invalidità della risoluzione dell’Assemblea Generale è anche la contraddizione di questa risoluzione con buoni costumi.

§ 429

(1) Se è stato deciso al di fuori della Assemblea Generale, il diritto di presentare una petizione scade dopo tre mesi dalla data in cui il ricorrente ha avuto o potrebbe avere appreso della decisione ai sensi del § 420, ma non oltre 1 anno dopo l’adozione della presente decisione. Lo stesso vale se l’azionista unico ha deciso nella competenza dell’Assemblea generale.

(2) Se il diritto ai sensi del § 428 richiesti entro il termine di legge, o se non viene concessa alcuna domanda di dichiarazione di nullità, non è possibile forzare una risoluzione dell’Assemblea generale ha esaminato a meno che un’altra legge disponga altrimenti.

§ 430

(1) l’annullamento delle decisioni di altri organi di persone sono responsabili ai sensi del § 428 invocati solo se tali decisioni vengono prese nel corso della riunione generale; le disposizioni delle sezioni 428 e 429 si applicano mutatis mutandis.

(2) violato se la società in cui convocazione dell’assemblea o durante l’azionista ragione sul serio, il socio ha diritto ad un risarcimento ai sensi delle disposizioni del codice civile sulla concessione ragionevole associazione membro soddisfazione.

Modifiche statutarie in seguito a decisioni o fatti legali dell’azienda
Sezione 431

(1) Se l’assemblea generale decide su frazionamento o la combinazione di più parti in una sola, cambiare la forma o il tipo di azioni o per limitare la trasferibilità delle azioni o di azioni dematerializzate o la sua modifica, la modifica ha effetto statuti alla data di iscrizione di tali fatti in registro commerciale

(2) Le altre modifiche allo statuto decise dall’assemblea generale entrano in vigore al momento della sua decisione, a meno che dalla presente decisione o dalla presente legge non risulti che entrerà in vigore successivamente.

§ 432

(1) La decisione dell’Assemblea Generale, che comporta una modifica del contenuto dello Statuto, sostituisce la decisione sulla modifica dello Statuto. Tale decisione dell’Assemblea Generale sarà certificata da un documento pubblico.

(2) Se la decisione dell’Assemblea Generale non cambia il modo in cui lo Statuto cambia, il Consiglio di Amministrazione dovrà modificare il proprio contenuto in conformità con la decisione dell’Assemblea Generale. La decisione del Consiglio di amministrazione di modificare il contenuto dello Statuto è certificata da un documento pubblico.

Sezione 433

In caso di un cambiamento nel contenuto dello Statuto Sociale, il Consiglio prepara senza indebito ritardo dopo il cambiamento di uno dei suoi membri imparare il testo completo degli statuti.

§ 434

(1) In caso di modifica del tipo o della forma delle azioni, i diritti di quel tipo o di azioni modificano l’efficacia della modifica dello Statuto, indipendentemente dal momento in cui le azioni vengono scambiate.

(2) Al momento della conversione delle azioni immesse in azioni in azioni e della conversione di azioni in azioni contabili, lo stato giuridico dell’azionista sarà modificato dallo scambio di azioni o dalla loro invalidazione.

(3) Dove sono ammessi alla negoziazione in mercato regolamentato europeo di azioni, l’assemblea generale può decidere sulla conversione di cui al paragrafo 2, ma non avere questo cambiamento la squalifica o la revoca delle azioni dalla negoziazione su tutti i mercati regolamentati europei, su cui la a meno che non decida simultaneamente di escludere i titoli partecipanti dalla negoziazione su un mercato regolamentato europeo.

(4) Se si accetta l’assemblea generale delle società di capitali decisione che comporterà la squalifica o il ritiro dei titoli della Società da negoziazione in tutti i mercati europei regolamentati applica mutatis mutandis § 333 paragrafo. 1 e § 338-341.

Sezione 3

Sistema dualistico
Sottosezione 1

Consiglio di amministrazione
Sezione 435

(1) L’organo statutario della società è il Consiglio di amministrazione.

(2) Il Consiglio di amministrazione è responsabile del consiglio di amministrazione.

(3) Nessuno è autorizzato a fornire indicazioni al Consiglio di amministrazione in merito alla gestione aziendale; ciò non pregiudica l’articolo 51, paragrafo 1.

(4) Il Consiglio assicura una corretta contabilità, sottopone all’Assemblea Generale per l’approvazione del bilancio ordinarie, straordinarie, consolidato o intermedi e in conformità con le leggi, la proposta di distribuzione di profitto o insediamento di perdita.

§ 436

(1) Il bilancio e le figure chiave delle Statuto per il Consiglio di Amministrazione pubblicano le modalità previste dalla presente legge e di Statuto per la convocazione dell’assemblea generale almeno 30 giorni prima della riunione indicando il tempo e il luogo in cui è possibile prendere visione del bilancio. Se la società pubblica il proprio bilancio sul suo sito web almeno 30 giorni prima dell’Assemblea Generale e fino a 30 giorni dopo l’approvazione o disapprovazione del bilancio, la prima frase non è applicabile.

(2) Insieme ai rendiconti finanziari, il Consiglio di amministrazione pubblica inoltre, conformemente al paragrafo 1, una relazione sulle attività della Società e sullo stato delle sue attività; questa relazione fa parte di una relazione annuale ai sensi di un altro regolamento legale se viene elaborata. La seconda frase del paragrafo 1 si applica mutatis mutandis.

Sezione 437

Lo statuto può specificare un altro modo in cui il Consiglio di amministrazione può adempiere agli obblighi di cui all’articolo 436 a meno che tale procedura non limiti il ​​diritto degli azionisti alle informazioni richieste.

§ 438

(1) I membri del Consiglio di amministrazione sono eletti e revocati dall’Assemblea generale, a meno che lo Statuto non stabilisca che tale competenza appartiene al Consiglio di Sorveglianza.

(2) Se i membri del Consiglio di amministrazione sono eletti dal Consiglio di vigilanza, essi approvano anche i contratti di esecuzione con i singoli membri del Consiglio di amministrazione.

§ 439

(1) Salvo diversa indicazione, il Consiglio di amministrazione ha tre membri.

(2) Il Consiglio di amministrazione elegge e richiama il proprio presidente.

(3) Se lo Statuto o il contratto di prestazioni non includono il mandato, esso è valido per un singolo membro del Consiglio di amministrazione per un anno; in caso di discrepanza tra lo statuto e il contratto di esecuzione, si applica la durata del mandato stabilita nel contratto di prestazione.

§ 440

(1) Il consiglio di amministrazione decide a maggioranza dei voti dei membri presenti, a meno che lo statuto non stabilisca un numero più alto. Ogni membro del Consiglio di amministrazione ha un voto.

(2) I verbali firmati dal presidente e dal cancelliere sono redatti nel corso della riunione del consiglio di amministrazione e delle sue decisioni; la lista di iscrizione è una lista di partecipanti.

(3) Il verbale menziona, in particolare, i membri del Consiglio di amministrazione che hanno votato contro le singole decisioni o si sono astenuti; si presume che i membri non elencati abbiano votato per la decisione.

Divieto di concorrenza
Sezione 441

(1) Un membro del Consiglio di amministrazione non può esercitare le attività della Società, né a beneficio di altre persone, né mediare l’attività della società per un altro.

(2) Un membro del Consiglio di amministrazione non può essere un membro dell’organo statutario di un’altra entità legale con lo stesso o simile oggetto di attività o una persona in una posizione analoga, a meno che non si tratti di un gruppo.

(3) Un membro del Consiglio di amministrazione non può partecipare all’attività di un’altra società commerciale come partner a responsabilità illimitata o come soggetto controllante di un’altra persona con lo stesso o simile oggetto di attività.

Sezione 442

(1) Se i fondatori quando una società o autorità per selezionare un membro del consiglio è stato membro del consiglio di amministrazione di una qualsiasi delle circostanze ai sensi del § 441 espressamente consigliato o creato se questo fatto seguito un membro del consiglio della sua comunicazione scritta si considera che questo membro l’attività del Consiglio di amministrazione, che non è coperta dal divieto, non è vietata. Ciò non si applica se uno dei fondatori o l’autorità responsabile della sua elezione non è d’accordo con l’attività di cui alla Sezione 441 entro un mese dalla data in cui sono state notificate le circostanze di cui al § 441.

(2) Se un membro del Consiglio di Amministrazione eletto dall’assemblea generale, che indica l’avviso di cui al paragrafo 1, nell’invito all’Assemblea generale e ordine del giorno per la riunione deve essere incluso nella votazione sulla ogni disaccordo di cui al paragrafo 1.

(3) Lo statuto o le decisioni dell’Assemblea generale possono determinare ulteriori restrizioni.

Sezione 443

In caso di morte di un membro del consiglio di amministrazione, dimissioni, licenziamento o cessazione della funzione selezionata dalle autorità competenti entro due mesi un nuovo membro del Consiglio. Se, per motivi di cui alla prima frase del Consiglio è in grado di svolgere le sue funzioni, nominare i membri mancanti della corte in merito alla proposta della persona su di essa ha un interesse giuridico per il periodo prima di un membro assente regolarmente eletto o membri, altrimenti la società di corte, senza annullamento della petizione e ordinare la sua liquidazione.

Sezione 444

(1) Lo statuto può stabilire che il Consiglio di amministrazione, il cui numero di membri non sia sceso al di sotto della metà, può nominare membri supplenti alla successiva riunione dell’organo che ha il diritto di nominare i membri. Il mandato di un membro supplente del Consiglio di amministrazione non è considerato membro del Consiglio di amministrazione salvo diversa disposizione dello statuto.

(2) Lo Statuto Sociale può anche determinare l’elezione dei supplenti che saranno nominati in una posizione vacante come membro del Consiglio di Amministrazione secondo un ordine specifico.

Sezione 445

(1) Se una persona giuridica che è un membro del Consiglio, il successore legale diventa membro del successore legale del Consiglio di Amministrazione, a meno che gli statuti determinano altrimenti.

(2) Se una persona giuridica che è un membro del Consiglio di amministrazione cessa di essere liquidata, si applicano mutatis mutandis § 443 e 444.

Sottosezione 2

Consiglio di sorveglianza
Sezione 446

(1) Il Supervisory Board sovrintende all’esercizio dei poteri del Consiglio di amministrazione e delle attività della Società.

(2) Il Consiglio di Sorveglianza seguirà i principi approvati dall’Assemblea Generale, a meno che non siano in conflitto con la presente legge o lo statuto. La violazione di queste politiche non ha alcun effetto su terzi.

(3) Nessuno ha il diritto di impartire istruzioni all’Organismo di Vigilanza in merito all’obbligo statutario di controllare la competenza del Consiglio di Amministrazione.

Sezione 447

(1) Il Consiglio di Sorveglianza è autorizzato a ispezionare tutti i documenti e le registrazioni relativi alle attività della società e verificare se le registrazioni contabili sono conservati correttamente e in conformità con i fatti e di lavoro o di attività accada in conformità con altre leggi e statuti.

(2) I membri del Consiglio di vigilanza possono utilizzare l’autorizzazione di cui al paragrafo 1 solo sulla base di una decisione del Consiglio di vigilanza, a meno che l’Organismo di vigilanza non sia in grado di svolgere le sue funzioni.

(3) Il Consiglio di Sorveglianza del cliente bilancio ordinarie, straordinarie, consolidato o intermedi, nonché una proposta di distribuzione degli utili o il pagamento delle perdite e presenta le sue osservazioni all’Assemblea generale.

(4) Il Consiglio di vigilanza deve nominare un membro che rappresenti la società in giudizio dinanzi ai tribunali e altri organi contro un membro del Consiglio di amministrazione.

Sezione 448

(1) Salvo diversa indicazione, il Consiglio di vigilanza è composto da tre membri. Il numero dei membri del Consiglio di sorveglianza deve essere divisibile per tre se si tratta di una società con più di 500 dipendenti nel rapporto di lavoro.

(2) I membri del Consiglio di vigilanza sono eletti e revocati dall’assemblea generale, salvo diversa disposizione della presente legge o di qualsiasi altra disposizione legale. Nel caso di una società con più di 500 dipendenti in servizio, due terzi dei membri del Consiglio di sorveglianza elegge l’Assemblea generale e un terzo dei dipendenti della Società. Lo statuto può specificare un numero maggiore di membri del Consiglio di Sorveglianza eletti dai dipendenti, ma questo numero potrebbe essere superiore al numero dei membri eletti dall’Assemblea generale; può anche stabilire che i dipendenti siano eletti a far parte dei membri del Consiglio di vigilanza anche con meno dipendenti.

(3) Il diritto di eleggere i membri del Consiglio di vigilanza deve avere solo i dipendenti che sono nel rapporto di lavoro.

(4) Un membro del Supervisory Board eletto da un dipendente può essere licenziato dal dipendente. Le disposizioni del paragrafo 3 si applicano mutatis mutandis al richiamo di un dipendente dal consiglio di vigilanza.

(5) Il Consiglio di vigilanza elegge e revoca il proprio presidente.

(6) Se lo Statuto o il contratto di prestazioni non includono il mandato, esso è valido per ogni singolo membro del Consiglio di vigilanza per 3 anni; in caso di discrepanza tra lo statuto e il contratto di esecuzione, si applica la durata del mandato stabilita nel contratto di prestazione.

(7) Un membro del Consiglio di Sorveglianza può essere un membro del Consiglio o qualsiasi altra persona autorizzata ai sensi atto di registrazione commerciale per l’azienda.

Sezione 449

(1) Il Consiglio di Sorveglianza membri partecipano all’Assemblea Generale e un membro designato del Consiglio di Sorveglianza avere familiarità con i risultati del Consiglio di Sorveglianza. Ai membri del Consiglio di vigilanza deve essere data una parola ogni volta che lo richiedono.

(2) Il Consiglio di vigilanza decide a maggioranza dei membri presenti, a meno che lo Statuto non stabilisca un numero più alto. Ogni membro del Supervisory Board ha un voto.

§ 450

(1) Un verbale firmato dal Presidente sarà redatto nel corso dei lavori del Consiglio di Sorveglianza e delle sue decisioni; la lista di iscrizione è una lista di partecipanti.

(2) Il verbale menziona, in particolare, i membri del Consiglio di vigilanza che hanno votato contro l’adozione delle singole decisioni o si sono astenuti; si presume che i membri non elencati abbiano votato per la decisione.

(3) I verbali delle minoranze devono essere inclusi nel processo verbale, se richiesto.

Sezione 451

Divieto di concorrenza
(1) Un membro dell’Organismo di Vigilanza non può impegnarsi nell’oggetto delle attività della Società, né a beneficio di altre persone, né mediare l’attività della Società per un’altra.

(2) Un membro del Consiglio di vigilanza non può essere un membro dell’organo statutario di un’altra entità legale con un oggetto di attività simile o una persona in una posizione analoga, a meno che non sia una preoccupazione.

(3) Il membro del Consiglio di Sorveglianza non partecipa nel business di un altro business corporation come un partner con responsabilità illimitata o come una persona di controllo di un’altra persona con lo stesso o simile attività.

Sezione 452

(1) Se i fondatori quando una società era un membro del Consiglio di Sorveglianza su una qualsiasi delle circostanze ai sensi del § 451 espressamente consigliato o creato se questo fatto seguito un membro del Consiglio di Sorveglianza per la sua comunicazione scritta si considera che questo membro dell’attività Consiglio di Sorveglianza che il divieto riguarda, non è proibito. Ciò non vale se uno dei fondatori o l’autorità responsabile per la sua elezione ha espresso disaccordo con le azioni ai sensi del § 451 entro un mese dal giorno era le circostanze ai sensi del § 451 notificato.

(2) Un membro del Consiglio di Sorveglianza eletto dall’assemblea generale, che indica l’avviso di cui al paragrafo 1, nell’invito all’Assemblea generale e ordine del giorno per la riunione deve essere incluso nella votazione sulla ogni disaccordo di cui al paragrafo 1.

(3) Lo statuto o le decisioni dell’Assemblea generale possono determinare ulteriori restrizioni.

Sezione 453

(1) In caso di decesso di un membro del Consiglio di Sorveglianza, dimissioni, licenziamento o cessazione della funzione selezionata dalle autorità competenti entro due mesi del nuovo membro del Consiglio di Sorveglianza. Se, per questo motivo, il Consiglio di Sorveglianza in grado di svolgere le sue funzioni, nominare i membri mancanti della corte in merito alla proposta della persona su di essa ha un interesse giuridico per il periodo prima di un membro regolarmente eletto assente o membri, o il giudice può, per propria iniziativa per annullare e ordina la sua liquidazione.

(2) La funzione di membro del Consiglio di vigilanza scade anche con l’elezione di un nuovo membro, a meno che la decisione dell’Assemblea generale non sia diversa.

Sezione 454

(1) Lo statuto può stabilire che la commissione amministrazione, la cui adesione non è scesa sotto una metà, può designare membri sostituti fino alla successiva riunione del corpo che è autorizzata a nominare i membri. La lunghezza del membro supplente del Consiglio di Sorveglianza non sarà del periodo del Consiglio di Sorveglianza, gli statuti non determinano se qualcosa d’altro.

(2) Lo Statuto può anche determinare l’elezione dei supplenti che assumono una posizione vacante come membro del Consiglio di vigilanza secondo un ordine specifico.

Sezione 455

(1) Se una persona giuridica che è un membro del Consiglio di Sorveglianza, il successore legale diventa membro del Consiglio di Sorveglianza nel suo successore legale, a meno che gli statuti determinano altrimenti.

(2) Se una persona giuridica che è membro del Supervisory Board cessa di essere liquidata, si applicano mutatis mutandis i § 453 e 454.

Sezione 4

Sistema monistico
Sezione 456

(1) Laddove la presente legge preveda il Consiglio di amministrazione, il direttore statutario o altro organismo di una società con analoga competenza deve essere inteso come tale.

(2) Laddove la presente legge preveda il Consiglio di vigilanza, il consiglio di amministrazione o il presidente del consiglio di amministrazione o qualsiasi altra autorità con poteri di vigilanza analoghi devono intendersi come tali.

Consiglio di amministrazione
Sezione 457

Salvo diversa indicazione, il Consiglio di amministrazione ha tre membri.

Sezione 458

(1) Le regole per la convocazione del Consiglio di amministrazione sono regolate dallo Statuto. La riunione del consiglio di amministrazione è convocata dal presidente.

(2) Un amministratore statutario sarà sempre invitato a partecipare alle riunioni del Consiglio di amministrazione.

Sezione 459

(1) Nel caso in cui il Consiglio non è convocato per più di due mesi, si può chiedere per la sua convocazione il presidente terzo dei suoi membri, con l’ordine del giorno da determinare.

(2) Se il presidente del consiglio di amministrazione non richiama la domanda senza indebiti ritardi, i richiedenti possono convocarlo; costi sostenuti dalla società.

(3) Il Presidente convoca il Consiglio di Amministrazione, anche se così richiesto dal Direttore statutario, con l’ordine del giorno indicato dal Direttore statutario. Se il presidente del consiglio di amministrazione non fa appello alla domanda senza indebiti ritardi, può essere convocato dal direttore statutario stesso; costi sostenuti dalla società.

(4) Il Presidente del Consiglio di Amministrazione non può limitare il progetto di ordine del giorno secondo i paragrafi da 1 a 3, a meno che coloro che hanno richiesto il Consiglio di Amministrazione non acconsentano a farlo.

§ 460

(1) Il Consiglio di amministrazione determina l’orientamento di base della gestione della società e ne controlla la corretta esecuzione.

(2) Ogni questione riguardante la Società appartiene al Consiglio di amministrazione, a meno che non sia affidata dall’Assemblea generale.

Presidente del consiglio di amministrazione
Sezione 461

(1) Il Consiglio di amministrazione elegge e richiama il suo presidente. Il mandato del presidente non può superare il mandato di un membro del consiglio di amministrazione.

(2) Il Presidente del Consiglio di Amministrazione può essere solo una persona fisica.

(3) In caso di incapacità temporanea del Presidente a svolgere una funzione, il Consiglio di amministrazione può delegare temporaneamente la funzione di presidente di un altro membro; il paragrafo 2 si applica mutatis mutandis.

§ 462

(1) Il Presidente del Consiglio di amministrazione organizza e gestisce le sue attività e vigila sulla corretta esecuzione della posizione del Consiglio di amministrazione degli organi subordinati della Società. Informa l’assemblea generale dei suoi risultati e delle attività del consiglio di amministrazione.

(2) Il Presidente del Consiglio di amministrazione rappresenta la società nei procedimenti dinanzi ai tribunali e altri organi contro l’amministratore statutario. Se il presidente del consiglio di amministrazione è allo stesso tempo il direttore statutario, l’altro membro del consiglio di amministrazione rappresenta il membro designato.

Sezione 463

Direttore statutario
(1) L’organo statutario della società è un amministratore statutario nominato dal Consiglio di amministrazione. Il contratto per l’espletamento della carica di amministratore statutario è approvato dal Consiglio di amministrazione.

(2) Il direttore statutario può essere solo una persona fisica che soddisfa le condizioni della presente legge per l’appartenenza al Consiglio di amministrazione.

(3) Il presidente del consiglio di amministrazione può anche essere il direttore statutario. Le disposizioni della presente legge sul Consiglio di amministrazione si applicano preferenzialmente alla sua posizione.

(4) La direzione della Società è il direttore statutario.

Parte 6

Variazioni nel capitale sociale
Sezione 1

Disposizioni introduttive
Sezione 464

(1) Gli effetti dell’aumento di capitale si verificano al momento della registrazione di una nuova capitale nel registro delle imprese, a meno che gli aumenti di capitale della società le cui azioni sono ammesse alla negoziazione sul mercato regolamentato europeo o il cui rilascio è l’ultima condizione per la sua ammissione al mercato regolamentato europeo.

(2) aumenta se il capitale è una società le cui azioni sono ammesse alla negoziazione sul mercato regolamentato europeo o il cui rilascio è l’ultima condizione per la sua ammissione al mercato regolamentato europeo, gli effetti di aumento di capitale mediante sottoscrizione di azioni e il pagamento della quota prescritta del loro prezzo di emissione. a meno che la decisione di aumentare il capitale azionario non preveda altrimenti. Effetti dell’aumento di capitale, tuttavia, non può avvenire prima che siano azioni sottoscritte, e comunque non oltre il nuovo ammontare del capitale sociale iscritto nel Registro delle Imprese.

Sezione 465

(1) Se l’aumento di capitale iscritta nel registro delle imprese, l’abbonato adempiere ai propri obblighi, anche se la risoluzione dell’Assemblea generale di aumentare il capitale sociale o la sottoscrizione di azioni non era valido o inefficace. Ciò non si applica se la risoluzione dell’Assemblea Generale sull’aumento del capitale sociale è invalidata dal tribunale.

(2) La risoluzione dell’Assemblea generale sull’aumento del capitale sociale è abolita e l’obbligo di rimborsare il prezzo di emissione delle azioni, se del caso, scade anch’esso

a) se nessuna domanda di registrazione di un aumento del capitale sociale è depositata nel registro delle imprese entro 2 mesi dalla data in cui sono state soddisfatte le condizioni per la registrazione dell’aumento del capitale sociale nel registro di commercio,

b) dalla legge della decisione del tribunale di respingere una domanda di registrazione di un aumento del capitale sociale nel registro delle imprese, o

c) la scadenza di due mesi dalla decisione del Tribunale di respingere la domanda di registrazione di aumento di capitale nel registro delle imprese, a meno che nello stesso periodo ha presentato nuovamente la proposta.

Sezione 466

(1) Se è stato soppresso delibera assembleare del capitale aumento di sottoscrizione delle azioni ai sensi del § 465 comma. 2 o il tribunale ha dichiarato nullo risoluzione dell’Assemblea generale in aumento del rendimento del capitale registrati dalle parti interessate senza indugio pagato prezzo di emissione insieme con il solito interesse .

(2) Nella procedura di cui al paragrafo 1, il Consiglio di amministrazione pubblica una decisione giudiziaria ai sensi dell’articolo 465, paragrafo 2 b) ec) o la decisione del tribunale di dichiarare la deliberazione dell’Assemblea sull’aumento del capitale sociale. Se si è già incontrato gli effetti dell’aumento del capitale sociale, il Consiglio pubblicherà simultaneamente una sfida per i creditori i cui crediti nei confronti della società sostenute dopo l’aumento di capitale effettivo che è firmato entro 90 giorni dalla pubblicazione. La sezione 518 si applica mutatis mutandis.

(3) Se si è già in aumento di capitale sono state emesse nuove azioni o azioni esistenti è stato caratterizzato da un nuovo valore nominale e la Corte dichiara l’annullamento della delibera dell’Assemblea generale di aumentare il capitale sociale o presente risoluzione revoca ai sensi del § 465 comma. 2, la persona interessata a sfidare la società azioni emesse in cambio l’aumento di capitale o di forniture che devono essere scambiati per azioni del valore nominale originario delle azioni o di presentare su cui era segnato valore nominale più alto, per indicare il valore nominale originario. Le disposizioni delle sezioni da 537 a 541 si applicano mutatis mutandis.

(4) rilasciato se la società è in una situazione di cui al paragrafo 3 azioni dematerializzate possono tempestivamente ordinare la persona che conserva la documentazione dei titoli dematerializzati, per annullare azioni emesse in aumento di capitale o ridurre il valore nominale delle azioni.

§ 467

(1) Gli effetti della riduzione del capitale sociale avvengono nel momento in cui il nuovo ammontare del capitale sociale è iscritto nel Registro di commercio.

(2) La riduzione del capitale sociale deve essere registrata dal tribunale nel Registro di commercio solo se lo è

a) la scadenza del termine di cui all’articolo 518, paragrafo 3, a meno che il creditore non abbia dichiarato il proprio credito entro tale termine,

(b) la soddisfazione del credito o della sua ragionevole garanzia o l’efficacia dell’accordo della società con il creditore ai sensi della Sezione 518 (3), o

c) è stata istituita una garanzia adeguata sulla base di una decisione giudiziaria ai sensi dell’articolo 518, paragrafo 4.

(3) Se la riduzione del capitale sociale iscritto nel registro delle imprese deve anche essere dovuto, se la decisione di ridurre il capitale, o un contratto, in base al quale vengono prese le azioni dalla circolazione, non valida o inefficace. Ciò non si applica se il tribunale dichiara invalida la risoluzione dell’Assemblea generale sulla riduzione del capitale sociale.

(4) La Società riceverà una corrispondente riduzione del capitale sociale solo dopo che la riduzione del capitale sociale è stata iscritta nel Registro di commercio.

(5) dichiara risoluzione corte dell’Assemblea generale di riduzione del capitale, vuoto, tornare quelli che hanno adottato le prestazioni a causa della riduzione del capitale, le prestazioni della società e la società

a) restituire le azioni ritirate dalla circolazione,

(b) emettere nuove azioni,

(c) ritira le azioni dalla circolazione al fine di scambiare azioni con un valore nominale più elevato o allo scopo di indicare un valore nominale più elevato;

d) ordina alla persona che conserva le registrazioni dei titoli dematerializzati per indicare il valore nominale più elevato delle azioni o per emettere le azioni di registrazione.

(6) Nella procedura di cui al paragrafo 5 (a) a (c) si applicano mutatis mutandis agli articoli da 537 a 541.

Eccezioni all’obbligo di assegnare un contributo non in contanti da parte di un esperto nella raccolta del capitale sociale
§ 468

Se il contributo non monetario allo strumento sicurezza degli investimenti o il denaro di mercato della società ai sensi della legge sul mercato dei capitali e, in caso affermativo ordinato dal Consiglio di Amministrazione della società saranno utilizzati nel determinare il suo prezzo medio ponderato dei prezzi ai quali sono state fatte mestieri come la sicurezza o strumento su uno o più mercati regolamentati europei nel corso dei sei mesi precedenti l’introduzione del deposito.

§ 469

(1) Se verrà utilizzato un contributo non monetario al patrimonio della società diverse proprietà specificata nel § 468, e se è così ordinato dal Consiglio di Amministrazione della società per determinare il prezzo del suo fair value determinato dalla generalmente riconosciuto esperto indipendente utilizzando gli standard generalmente accettati e dei principi di valutazione non più di 6 mesi prima dell’introduzione del deposito.

(2) Se un contributo non monetario al patrimonio della società diverse proprietà specificata nel § 468, e se è così ordinato dal Consiglio di Amministrazione della società ha utilizzato per caricare quando l’abbonato da un’altra legge di tali beni in termini reali, per determinare il prezzo del fair value quando riconobbe in bilancio per il periodo di riferimento precedente prima dell’assemblea generale decidere il deposito se è stato sottoposto a revisione contabile con senza riserve.

§ 470

(1) Se il prezzo del contributo non monetario ai sensi del § 468 colpiti da circostanze eccezionali che sarebbe la data di rimborso significativamente cambiato, garantire la nuova valutazione delle aziende; le disposizioni della sezione 251 si applicano mutatis mutandis.

(2) Se ci sono nuove circostanze che potrebbero modificare in modo significativo il prezzo del contributo non in contanti determinato in conformità con la Sezione 469 alla data del suo rimborso, la Società deve rivederlo; le disposizioni della sezione 251 si applicano mutatis mutandis.

§ 471

(1) A meno che un nuovo investimento in denaro ai sensi del § 469, in cui tali premi dovrebbero essere ai sensi del § 470 comma. 2 fatto, possono applicare per l’assegnazione richiesta da parte della società a partire dal giorno di questo contributo genere decisa dall’Assemblea Generale, fino al giorno della redenzione, un socio o dai soci il cui complessivo valore nominale delle azioni o il numero delle loro azioni al momento della decisione dell’Assemblea generale di aumentare il capitale sociale ammonta ad almeno il 5% del capitale sottoscritto della società, e la data di applicazione di tali azioni per almeno nella stessa misura ancora che hanno.

(2) Se il Consiglio di amministrazione non procede entro 14 giorni dalla data di consegna della richiesta di cui al paragrafo 1, il Consiglio di amministrazione può nominare gli esperti stessi.

(3) Se una valutazione da parte di una perizia garantito da azionisti ai sensi del comma 2, almeno pari alla valutazione originale, la società può esigere che gli azionisti avevano pagato i costi associati con la preparazione, a meno che il giudice decide che non è giusto per loro alla domanda.

§ 472

Se aumento di capitale contributo non monetario e il suo prezzo è stato determinato ai sensi del § 468 e 469, l’azienda pubblicherà entro il rimborso notare anche contenente informazioni ai sensi del § 473 e la data in cui la decisione di aumentare il capitale autorizzato adottato. Se questo obbligo è soddisfatto, la dichiarazione di cui al § 473 contiene solo una dichiarazione che non si sono verificate nuove circostanze dalla pubblicazione dell’avviso ai sensi di questa disposizione.

§ 473

Se il contributo prezzo-tipo determinata ai sensi del § 468 e 469, salva l’azienda entro 1 mese dalla data di introduzione del contributo non-cash nella raccolta di documenti contenenti dichiarazioni

a) una descrizione del contributo non monetario,

(b) il prezzo del corrispettivo non in contanti, il metodo di valutazione e, ove applicabile, il metodo o il metodo utilizzato e la giustificazione per la valutazione del valutatore,

(c) un’indicazione se il prezzo del contributo non monetario corrisponde almeno al numero e all’aliquota di emissione delle azioni emesse a suo favore;

(d) una dichiarazione che non ci sono circostanze eccezionali o nuove che potrebbero influire sulla valutazione originale.

Sezione 2

Aumento del capitale sociale
Sottosezione 1

Aumento del capitale sociale mediante sottoscrizione di nuove azioni
§ 474

(1) La sottoscrizione dell’aumento di capitale di nuove azioni è consentito solo se gli azionisti completamente rimborsati prima che il prezzo di emissione delle azioni sottoscritte, a meno che non parte precedentemente non pagata del prezzo di emissione è dovuta alla quantità trascurabile di capitale sociale e assemblea generale di aumentare il capitale sociale esprimendo processo di approvazione.

(2) Il divieto di cui al paragrafo 1 non si applica se solo i contributi non monetari sono investiti nell’aumento del capitale sociale.

§ 475

La risoluzione dell’Assemblea generale per aumentare il capitale sociale sottoscrivendo le nuove azioni include

a) l’ ammontare del quale aumentare il capitale sociale, determinando se la sottoscrizione di azioni al di sopra o al di sotto dell’importo proposto è ammissibile o, se del caso,

(b) il numero, il valore nominale, il tipo di azioni sottoscritte, la loro forma o l’indicazione che saranno emessi come titoli in forma scritturale,

c) le informazioni per l’utilizzo dei diritti di sottoscrizione preferenziali di cui al § 485 paragrafo. 1, a meno che tutti gli azionisti al più tardi prima del voto sul capitale rinunciato diritto preferenziale o se il capitale essere aumentato patto parasociale ai sensi del § 491,

d) stabilire se le azioni non sottoscritte per l’utilizzo di diritti di prelazione, in tutto o in parte di un accordo sottoscritto dai soci ai sensi del § 491 che sarà offerto ai candidati designati o candidati attestante la persona o il suo o di un metodo di loro scelta,

e) determinare se le azioni saranno o meno sottoscritte sulla base di un’offerta pubblica ai sensi degli articoli da 480 a 483,

f) la sottoscrizione se operatore di borsa in titoli ai sensi del § 489 paragrafo. 1, le informazioni ai sensi del § 485 paragrafo. 1, il luogo e il periodo entro il quale la persona autorizzata può svolgere in essa il diritto, e il prezzo al quale è autorizzato azioni da acquistare, o il metodo della sua determinazione; questo non si applica se tutti gli azionisti al più tardi prima del voto sul capitale rinunciato diritto preferenziale o se il capitale essere aumentato da una decisione di un altro corpo,

(g) se del caso, l’esclusione o la limitazione del diritto di prelazione,

h) in caso di sottoscrizione di azioni senza l’uso di diritto di prelazione del periodo di sottoscrizione e l’ammontare proposto del prezzo di emissione o, se si tratta di pagare il prezzo di emissione in contanti, modo ragionato alla sua destinazione, o l’indicazione che il suo scopo è autorizzata dal Consiglio, compresa la determinazione del livello più basso possibile , in cui può essere determinato; il tasso di emissione o il metodo della sua determinazione devono essere gli stessi per tutti gli abbonati,

(i) il conto bancario e il termine entro il quale l’abbonato rimborserà il prezzo di emissione o parte di esso, o il luogo e il limite di tempo per effettuare il corrispettivo non in contanti,

j) approva se il contributo non monetario, la sua descrizione e la quantità della procedura di aggiudicazione ai sensi della presente legge e il prezzo di emissione, il valore nominale e il tipo di azioni che sono alla base di questo problema gentile contributo, la loro forma o una dichiarazione che verrà emesso come titoli consegnabili

(k) se la sottoscrizione di azioni supera l’importo dell’aumento proposto del capitale, la determinazione dell’organismo della società che decide sull’importo finale dell’aumento,

l) se consentito dalla possibilità di compensare crediti nei confronti della società contro una domanda di rimborso del prezzo di emissione, le norme di procedura per la conclusione del conteggio, determinazione delle attività qualificanti, tra cui il suo importo e il suo proprietario; se la compensazione è la forma esclusiva di rimborso della tariffa di emissione, le informazioni di cui alla lettera h) non sono fornite.

§ 476

Se le nuove azioni devono essere sottoscritte sulla base di un’offerta pubblica ai sensi della Sezione 475 e), contiene anche la risoluzione dell’Assemblea generale ai sensi del § 475

a) la determinazione del termine entro il quale il Consiglio di amministrazione deve pubblicare un’offerta pubblica ai sensi dell’articolo 480, che non può superare i due anni,

(b) il periodo di abbonamento, che non può essere inferiore a 2 settimane,

(c) la procedura per la sottoscrizione delle azioni e la determinazione della parte del tasso di emissione che la società richiede di rimborsare al momento dell’iscrizione nell’elenco degli abbonati,

(d) le regole per la sottoscrizione di azioni oltre al previsto aumento del capitale sociale.

§ 477

(1) Il Consiglio di Amministrazione dovrà presentare, senza indebito ritardo, una proposta per la registrazione della deliberazione dell’Assemblea Generale nel Registro delle Imprese.

(2) La proposta di registrazione di una risoluzione dell’Assemblea generale può essere associata a una proposta per la registrazione di un nuovo importo di capitale registrato nel Registro delle imprese.

§ 478

(1) Per la sottoscrizione di azioni dell’aumento di capitale sociale e il rimborso del prezzo di emissione, si applicano mutatis mutandis le disposizioni di questa legge sul tasso di emissione e sullo stabilimento della società. L’esperto per la valutazione del contributo non monetario viene selezionato dal Consiglio di amministrazione dall’elenco di esperti in base a un altro regolamento giuridico.

(2) L’accordo di compensazione a fronte di crediti dall’obbligo di pagare il prezzo di emissione dell’abbonato o una parte di esso viene chiuso prima della domanda di registrazione di una nuova capitale nel registro di commercio.

§ 479

Un offerente o unico azionista predeterminato sottoscrive le azioni in un accordo scritto con la società; le firme sono ufficialmente verificate. Il contratto include anche

a) l’indicazione che gli altri azionisti di rinunciare diritti di sottoscrizione preferenziali, o che ha già fatto, o quali condizioni di farlo, a meno che le azioni sottoscritte dal socio unico,

(b) il tipo, il numero e il valore nominale delle azioni sottoscritte, la loro forma o l’indicazione che saranno emessi come titoli in forma scritturale,

(c) l’ importo del prezzo di emissione e il periodo di rimborso, o il numero del conto bancario per il pagamento del deposito in contanti, e

(d) una descrizione dell’eventuale contributo non monetario e l’importo del suo corrispettivo secondo la procedura stabilita nel presente atto, o

(e) il numero del conto patrimoniale per il quale devono essere emesse le azioni contabili.

Quotazione di azioni sulla base di un’offerta pubblica
§ 480

(1) La sottoscrizione delle azioni oggetto dell’offerta pubblica è disciplinata da una legge sulla offerta pubblica di titoli di investimento e prospetto titoli e le disposizioni della presente legge sulla procedura per la sottoscrizione di un’offerta pubblica devono essere utilizzati solo se non sono in conflitto con loro.

(2) Le sottoscrizioni possono anche essere effettuate per via elettronica.

(3) Qualsiasi aumento di capitale sociale mediante sottoscrizione di nuove azioni qualora nessun candidato o sottoscrittore sia designato ai sensi della Sezione 475 (d) sarà considerato come un aumento di capitale mediante sottoscrizione sulla base di un’offerta pubblica.

§ 481

(1) La sottoscrizione di azioni sulla base di un’offerta pubblica è registrata nella lista degli abbonati.

(2) Il record contiene il tipo, il numero e il valore nominale delle azioni sottoscritte, la loro forma o dichiarazione che saranno emesse come titoli consegnabili, il prezzo di emissione, il nome e il domicilio delle azioni dematerializzati abbonati, numero di conto patrimoniale da emettere, Firma, altrimenti, non c’era nessuna registrazione.

(3) La Società emette l’abbonato dopo la registrazione e il rimborso di parte del prezzo di emissione ai sensi della Sezione 476 c) l’attestazione per iscritto, indicando il tipo, il numero e il valore nominale delle azioni sottoscritte, la loro forma o una dichiarazione che verrà emesso come titoli consegnabili, il valore totale del prezzo di emissione delle azioni sottoscritte e la misura della sua redenzione.

§ 482

A meno che la risoluzione dell’Assemblea generale ai sensi del § 475 regole per la sottoscrizione di azioni in eccesso rispetto alla quantità di aumento di capitale proposto, la sottoscrizione di tale non è possibile.

§ 483

(1) , dove non specificato nella risoluzione del generale alle azioni § 475 sottoscritto valore nominale raggiungerà il desiderato aumento di capitale o un numero predeterminato di azioni individuali risoluzione dei soci del capitale viene cancellato e il dovere deposito termina, salvo

a) la parte mancante entro un mese si abbona agli azionisti esistenti in proporzione alla proporzione delle loro azioni, o

b) il capitale sociale sarà aumentato solo nella misura delle azioni sottoscritte, se consentito dalla delibera dell’Assemblea generale ai sensi degli articoli 475 e 476.

(2) Nel caso in cui la sottoscrizione di azioni sulla base di un’offerta pubblica non abbia avuto luogo, la Società deve restituire l’aliquota di emissione pagata alle persone aventi diritto senza indebito ritardo.

Diritto degli azionisti prioritari di sottoscrivere nuove azioni
§ 484

(1) Ogni socio ha un diritto di prelazione per la sottoscrizione di nuove azioni della Società sottoscritto un aumento di capitale nella misura della sua quota, se il loro prezzo di emissione da pagare in contanti.

(2) A meno che lo statuto non disponga diversamente, ciascun azionista ha il diritto di prelazione anche per quelle azioni che, in conformità con la presente legge, non erano di proprietà di un altro azionista.

§ 485

(1) Il Consiglio di amministrazione invierà agli azionisti secondo le modalità previste dalla presente legge e dallo statuto per la convocazione dell’assemblea generale e, allo stesso tempo, pubblicherà le informazioni contenenti almeno

a) informazioni sul luogo e il tempo per l’esecuzione di diritti di priorità, che non deve essere inferiore a due settimane dalla data di ricevimento, specificando come gli azionisti saranno informati dell’inizio di quel periodo, se non è già contenuta in questo foglio,

b) il numero di nuove azioni che possono essere sottoscritto da una delle azioni esistenti di un certo valore nominale o la proporzione di un’azione per ogni uno azioni esistenti di un certo valore nominale sottoscrivibili solo azioni intere,

c) del valore nominale, il numero e il tipo di azioni sottoscritte utilizzando i diritti preferenziali, la loro forma o una dichiarazione che verrà emesso come titoli consegnabili e il loro prezzo di emissione o il metodo di determinazione del prezzo di emissione, o autorizzazione del Consiglio per la sua determinazione; tasso di emissione è fissato in modo che per tutte le azioni sottoscrivibili con il diritto di priorità, ma lo stesso può essere diverso dal prezzo di sottoscrizione sottoscritto diverso,

(d) la data effettiva per l’esercizio del diritto di priorità nel caso in cui la società emetta le azioni contabili; la data decisiva è in questo caso la data in cui il diritto di priorità potrebbe essere esercitato per la prima volta.

(2) Il paragrafo 1 non si applica se il capitale sociale è aumentato senza la possibilità di utilizzare il diritto di prelazione o se tutte le azioni sono sottoscritte da un singolo azionista.

§ 486

(1) Il diritto di priorità è trasferibile dalla data in cui l’assemblea generale ha deciso di aumentare il capitale sociale.

(2) In caso di limitazione della trasferibilità di azioni, la stessa limitazione si applica anche alla trasferibilità del diritto di priorità. Nel caso in cui 1 azione non contenga 1 nuova azione, il diritto di priorità è sempre liberamente trasferibile.

Restrizioni sul diritto di priorità
§ 487

Il diritto di priorità non può essere limitato o escluso negli statuti.

§ 488

(1) L’Assemblea generale può, nella sua risoluzione, limitare o escludere preferenzialmente il diritto solo se è nell’interesse importante della Società.

(2) La limitazione o l’esclusione del diritto di prelazione deve essere determinata nella stessa misura per tutti gli azionisti.

(3) La risoluzione dell’Assemblea Generale sarà depositata nella Raccolta di lettere.

(4) Assemblea generale annuale, che è quello di limitare o escludere il diritto preferenziale di decidere sottoporre al Consiglio una relazione scritta indicante le ragioni della limitazione o l’esclusione, il prezzo di emissione proposto o il metodo della sua determinazione, o una proposta di autorizzare il Consiglio a destinazione.

§ 489

(1) Al fine di limitare o escludere il diritto di prelazione non è il caso in cui secondo la decisione dell’Assemblea generale sottoscriverà tutte le azioni dell’impresa di investimento sotto contratto per procurarsi emissione di titoli, a meno che il contratto contiene un obbligo di questo commerciante di vendere a persone che hanno un diritto preesistente, a loro richiesta ad un determinato prezzo entro un determinato termine e azioni sottoscritte, alla portata dei loro diritti preferenziali.

(2) I paragrafi da 484 a 486 si applicano mutatis mutandis alla procedura per la vendita di azioni da parte di un’impresa di investimento agli azionisti.

§ 490

Risoluzione e rinuncia al diritto preferenziale
(1) Il diritto di priorità scade alla scadenza del termine prescritto per la sua applicazione.

(2) Un azionista può anche rinunciare a un diritto di prelazione prima della decisione di aumentare il capitale sociale, per iscritto, con una firma ufficialmente certificata o una dichiarazione all’assemblea generale della società; la dichiarazione deve essere riportata in un documento pubblico che attesti la decisione dell’Assemblea generale e deve avere effetto nei confronti dell’altra parte dell’azionista.

§ 491

Aumento del capitale sociale per accordo di tutti gli azionisti
(1) Con decisione dell’Assemblea generale, tutti gli azionisti possono concordare l’entità della loro partecipazione all’aumento del capitale sociale nella misura determinata dalla decisione dell’Assemblea generale; l’accordo richiede la forma di uno strumento autentico.

(2) L’accordo contiene anche

a) una dichiarazione secondo cui gli azionisti rinunciano ai diritti privilegiati, a meno che non abbiano rinunciato prima o lo abbiano già fatto,

(b) la determinazione del numero, tipo, valore nominale e importo del prezzo di emissione delle azioni sottoscritte da ciascun azionista, la forma di azioni o l’indicazione che le azioni saranno emesse come titoli dematerializzati,

c) se il prezzo di emissione è pagato in contanti, il limite di tempo e il metodo di rimborso,

d) se il deposito non monetario deve essere depositato, la sua descrizione e l’importo della sua valutazione determinati secondo la procedura stabilita dalla presente legge e, se applicabile,

(e) il numero del conto patrimoniale per il quale devono essere emesse le azioni contabili.

Registrazione del nuovo importo del capitale sociale nel registro delle imprese
§ 492

(1) Il Consiglio presenta una proposta per inserire il nuovo ammontare del capitale sociale, senza indebito ritardo dopo la sottoscrizione di azioni corrispondenti all’incremento e dopo il rimborso di almeno il 30% del loro valore nominale, non richiede una risoluzione all’Assemblea generale di aumentare il rimborso del capitale in misura maggiore, tra cui una possibile condivisione nel caso di depositi in contanti e dopo tutti i depositi non monetari.

(2) Una persona che ha sottoscritto le Azioni di aumento di capitale ha il diritto di esercitare i diritti degli azionisti in una serie di azioni sottoscritte dal momento in cui sono stati effettivamente sottoscritto, anche se gli effetti dell’aumento di capitale ancora avvenuta, a meno che non ci sia un annullamento della delibera assembleare su aumento di capitale ai sensi della Sezione 465 (2) o della Sezione 493 o il tribunale dichiara l’invalidità della risoluzione dell’Assemblea generale per aumentare il capitale sociale. Ciò non pregiudica i diritti degli azionisti esercitati fino ad allora.

§ 493

delibera assembleare su aumento di capitale è abrogata e l’obbligo di deposito cessa, se non effettivamente sottoscritto azioni entro un termine stabilito dalla risoluzione dell’assemblea generale nella misura necessaria per aumentare il capitale sociale; L’articolo 465, paragrafo 2 si applica mutatis mutandis.

§ 494

Il diritto alla partecipazione agli utili da azioni emesse in relazione a un aumento di capitale, se è stato l’anno in cui è stato raccolto capitale, l’utile netto conseguito a meno che gli statuti determinano altrimenti.

Sottosezione 2

Aumento del capitale sociale da risorse proprie
§ 495

(1) L’Assemblea generale può decidere di aumentare il capitale sociale con le proprie risorse riportati nel bilancio annuale, straordinarie o semestrale approvati del patrimonio netto, a meno che queste risorse vengono assegnate e la società non ha il diritto di cambiare il loro scopo. L’utile netto non può essere utilizzato per aumentare il capitale sociale sulla base dei bilanci intermedi.

(2) L’aumento di capitale non può essere superiore a quello che è la differenza tra il patrimonio netto e la somma del capitale e altre risorse proprie vengono assegnati e la società non ha il diritto di cambiare il loro scopo.

§ 496

(1) Gli azionisti devono aumentare il capitale azionario proporzionalmente al valore nominale delle loro azioni. Anche le azioni possedute da una società che raccoglie il capitale azionario, nonché le azioni di tale società possedute dall’entità controllata o da una persona controllata dall’entità controllata, sono anch’esse coinvolte nell’aumento. Se sono state emesse emissioni azionarie, il capitale sociale del socio aumenta al rapporto tra il numero di azioni detenute da loro.

(2) Il nuovo ammontare del capitale sociale deve essere iscritto nel registro delle imprese contestualmente alla delibera sull’aumento del capitale sociale ai sensi dell’articolo 495, paragrafo 1.

§ 497

(1) Aumento di capitale con mezzi propri è possibile solo se il bilancio sulla base del fatto che l’Assemblea Generale decide di aumentare, controllati con senza riserve.

(2) Il revisore esamina i bilanci ai fini della decisione di cui al paragrafo 1, dei dati raccolti entro la data dalla quale il giorno della decisione dell’Assemblea generale di aumentare il capitale sociale con le proprie risorse trascorso più di sei mesi.

(3) Nel caso in cui bilancio intermedio della Società della riduzione delle risorse proprie, utilizzeranno i dati di bilancio ordinaria o straordinaria, ma viene dal bilancio intermedio.

§ 498

La risoluzione dell’Assemblea generale sull’aumento del capitale sociale dalle risorse proprie della società comprende

a) l’ importo di aumento del capitale sociale,

(b) l’ identificazione dei fondi propri o delle risorse da cui è aumentato il capitale sociale, ripartito per struttura del patrimonio netto in bilancio,

c) determinare se aumentare il valore nominale delle azioni, indicando con quanto, o sarà emessa valore delle azioni individuali o se nuove azioni, indicando il loro numero e il valore nominale, a meno che le azioni pezzo,

(d) se il capitale sociale è aumentato di un aumento del valore nominale delle azioni, il termine per la presentazione delle azioni; l’inizio di questo periodo non deve essere anteriore alla data in cui il nuovo importo del capitale sociale sarà registrato nel registro delle imprese.

§ 499

L’aumento del capitale sociale deve essere effettuato mediante l’emissione di nuove azioni e la loro distribuzione gratuita tra gli azionisti, o mediante un aumento del valore nominale delle azioni esistenti.

§ 500

(1) Un aumento del valore nominale delle azioni sarà effettuato mediante il loro scambio o un valore nominale più elevato sulle azioni esistenti con la firma del membro o dei membri del Consiglio di amministrazione.

(2) Consiglio richiede le modalità contemplate dalla presente legge e la convocazione dell’Assemblea Generale degli azionisti di partecipare alla riunione di tempo specificato generale presentato al scambio o per indicare un valore nominale più alto.

(3) A meno che le scorte degli azionisti in un periodo non esercitati fino loro diritti di azionisti di presentazione e Consiglio applicano la procedura ai sensi del § 537-541.

§ 501

Un aumento del valore nominale delle azioni immesse viene effettuato modificando il valore nominale del valore contabile dei titoli di libro in base all’ordine della società; la Società deve fornire la prova di un estratto del registro delle imprese che mostra un nuovo importo del capitale sociale.

§ 502

Quando emissione di nuove azioni, il Consiglio di Amministrazione inviterà gli azionisti senza indebito ritardo dopo l’entrata di nuovi capitali nel registro di commercio le modalità previste dalla presente legge e dello Statuto sociale per la convocazione dell’assemblea generale, a partecipare alla loro acquisizione.

§ 503

(1) L’invito agli azionisti ai sensi della sezione 502 deve includere almeno:

a) l’ entità dell’aumento del capitale,

b) il rapporto tra la distribuzione di azioni agli azionisti,

(c) un avviso che la società è autorizzata a vendere le nuove azioni, a meno che l’azionista non le accetti entro un anno dalla ricezione della chiamata.

(2) Dopo la scadenza del termine di cui al paragrafo 1, il Consiglio di amministrazione applica la procedura conformemente al § 539.

§ 504

Se siete per essere rilasciato nuove azioni dematerializzati, il Consiglio di Amministrazione comunica senza indebiti ritardi dopo l’entrata di nuovi capitali nel registro di commercio comando una persona autorizzata a tenere un registro di titoli consegnabili per la loro liberazione.

Sottosezione 3

Aumento condizionale del capitale sociale
§ 505

(1) Se l’Assemblea decide di emettere obbligazioni convertibili o di priorità, allo stesso tempo, prendere una decisione su aumento di capitale nella misura in cui essi possono essere esercitati scambio o diritto di prelazione su queste obbligazioni (di seguito come “aumento di capitale condizionale”), a meno che non abbiano le obbligazioni sono scambiate con azioni già emesse.

(2) Per l’aumento di capitale condizionale è anche considerato per aumentare la misura in cui i creditori possono secondo le regole del l’Assemblea e il credito o altro contratto simile a esercitare i loro diritti preferenziali di scambio o di un contratto analogo con la società; questo è valido solo se l’Assemblea Generale ha contemporaneamente deciso di limitare il diritto del socio prioritario ai sensi delle Sezioni da 487 a 489.

§ 506

Condizionale aumento di capitale ex § 505 comma. 2 è possibile solo se si ha dato prima gli statuti, e se allo stesso tempo contenere le esatte condizioni in base alle quali è possibile scambiare o diritto preferenziale di credito o contratti analoghi da utilizzare.

§ 507

La risoluzione dell’Assemblea generale sull’aumento condizionale del capitale azionario della Società include

a) i motivi dell’aumento di capitale,

(b) determinare se un aumento del capitale sociale è destinato all’esercizio di swap o diritti preferenziali in obbligazioni o all’esercizio di diritti analoghi nell’ambito di un contratto di credito o di un altro accordo analogo,

c) l’entità dell’aumento di capitale, il tipo, numero e valore nominale delle azioni che possono essere emesse aumento di capitale, la loro forma o dichiarazione che verrà emesso come dematerializzazione,

d) l’importo proposto del prezzo di emissione o dal modo della sua determinazione, o un’indicazione che il suo uso previsto è autorizzato dal Consiglio, compresa la determinazione del livello più basso possibile, in quanto può essere determinato; il tasso di emissione o il metodo per determinarlo devono essere gli stessi per tutti gli abbonati.

§ 508

(1) Il Consiglio di Amministrazione dovrà presentare, senza indebito ritardo, una proposta per la registrazione della deliberazione dell’Assemblea Generale nel Registro delle Imprese.

(2) La proposta di registrazione di una risoluzione dell’Assemblea generale può essere associata a una proposta per la registrazione di un nuovo importo di capitale registrato nel Registro delle imprese.

§ 509

(1) Il diritto di sostituzione si applica alla consegna della domanda di scambio di obbligazioni per azioni. La consegna della richiesta di sostituzione sostituisce la sottoscrizione e il rimborso della quota. In caso di emissione delle azioni contabili, la domanda include anche il numero di conto per il quale devono essere emesse le azioni contabili, altrimenti l’applicazione è inefficace.

(2) Il diritto di priorità deve essere esercitato con la sottoscrizione delle azioni della Società. La sottoscrizione di azioni sarà regolata mutatis mutandis dalle disposizioni della presente legge sulla sottoscrizione di azioni al momento della costituzione della Società e della tariffa di emissione. La sottoscrizione di azioni sulla base di un’offerta pubblica a tutti gli obbligazionisti si applica mutatis mutandis ai § 476, 480 e 481.

(3) I paragrafi 1 e 2 si applicano mutatis mutandis allo scambio o al diritto preferenziale del creditore ai sensi di un contratto di credito o di un altro accordo analogo.

§ 510

(1) Il Consiglio presenta una domanda di registrazione di nuovi capitali nel registro delle imprese, senza indebito ritardo dopo il termine ultimo per lo scambio di applicazione o di diritti di prelazione e applicata solo ai privilegi misura o di scambio.

(2) Al momento della registrazione del nuovo importo del capitale sociale nel Registro delle Imprese, la Società emette azioni nella misura dei diritti applicabili scambiabili e preferenziali. Quando si scambiano obbligazioni per azioni, procede in modo adeguato secondo le sezioni 503 e 504 e sezioni da 537 a 541.

Sottosezione 4

Aumento del capitale sociale con decisione del Consiglio di amministrazione
Sezione 511

(1) L’Assemblea Generale può delegare al Consiglio di Amministrazione o del consiglio di amministrazione alle condizioni previste dalla legge e l’aumento della sottoscrizione del capitale di nuove azioni, aumento di capitale condizionale o le risorse proprie della società, con l’eccezione di utili a nuovo, ma meno della metà della quantità di corrente del capitale al momento della messa in servizio.

(2) L’ autorizzazione di cui al paragrafo 1 sostituisce la decisione dell’Assemblea generale per aumentare il capitale sociale e determinare

(a) il valore nominale e il tipo di azioni da emettere per l’aumento del capitale sociale, la loro forma o l’indicazione che saranno emessi come titoli a libro;

(b) quale organo della società decide sulla valutazione di un contributo non monetario sulla base di una perizia se il Consiglio di amministrazione è autorizzato ad aumentare il capitale sociale.

§ 512

(1) Il Consiglio di amministrazione può aumentare il capitale azionario anche in più termini, a meno che l’importo totale non superi il limite fissato.

(2) Un’autorizzazione ai sensi della Sezione 511 (1) può essere concessa per un periodo massimo di cinque anni a partire dalla data in cui l’Assemblea Generale ha deliberato, anche ripetutamente.

§ 513

Il Consiglio di amministrazione presenterà, senza indebito ritardo, una proposta per la registrazione della risoluzione dell’Assemblea generale sulla commissione del registro delle imprese.

§ 514

Le credenziali di cui alla Sezione 511 (1) possono anche contenere statuti. In tal caso, la decisione dell’Assemblea generale non è richiesta e i paragrafi da 511 a 513 si applicano mutatis mutandis.

§ 515

(1) La decisione del Consiglio di amministrazione di aumentare il capitale sociale deve essere certificata da un documento pubblico e tale decisione deve essere inserita nel registro delle imprese.

(2) Una domanda di registrazione della decisione del Consiglio di amministrazione può essere collegata a una proposta di registrazione di un nuovo importo di capitale registrato nel registro delle imprese.

(3) Quando l’aumento di capitale il Consiglio di Amministrazione si procederà di conseguenza in base alle disposizioni della presente legge per aumentare la sottoscrizione del capitale di nuove azioni, l’aumento di capitale condizionale o di un aumento di capitale da risorse proprie della società, per quanto riguarda il metodo scelto di aumento di capitale.

Sezione 3

Riduzione del capitale sociale
§ 516

La risoluzione dell’Assemblea generale sulla riduzione del capitale sociale deve contenere almeno:

a) i motivi e lo scopo della riduzione proposta nel capitale,

(b) la portata e le modalità di attuazione della riduzione proposta,

(c) il modo in cui sarà gestito l’importo corrispondente alla riduzione,

d) le regole del pareggio e l’importo del pagamento per le azioni o il metodo disegnato di determinazione diminuisce quando la capitale con il ritiro dalla circolazione di azioni per sorteggio.

e) diminuisce se il capitale su una proposta da parte degli azionisti, dettaglio, se si tratta di una proposta di pagamento o gratuitamente di recesso responsabile delle azioni dalla circolazione, e nel progetto da sottoporre al ritiro delle azioni dalla circolazione e l’importo del risarcimento o le regole per la sua determinazione,

(f) se le azioni devono essere presentate alla società a seguito di una riduzione del capitale sociale, i termini per la loro presentazione.

§ 517

(1) A seguito di una riduzione del capitale sociale di una società, il capitale sociale non deve scendere al di sotto dell’importo stabilito dalla presente legge.

(2) La deduzione del capitale sociale non pregiudica la credibilità dei crediti dei creditori.

Protezione dei creditori
§ 518

(1) Entro 30 giorni dalla data di efficacia della Assemblea di riduzione del capitale nei confronti di terzi notifica la decisione Consiglio di ridurre il capitale scrivere quelle creditori noti i cui crediti nei confronti della Società derivante prima della data di efficacia della Assemblea alla riduzione del capitale sociale. La notifica viene richiesto creditori per registrare le loro richieste a norma del paragrafo 3.

(2) Il Consiglio di amministrazione pubblica una risoluzione dell’Assemblea generale sulla riduzione del capitale sociale dopo la sua iscrizione nel Registro delle imprese almeno due volte di seguito con un termine di trenta giorni; parte della divulgazione è un invito per i creditori a presentare le loro richieste ai sensi del paragrafo 3.

(3) I creditori della società di cui al comma 1 possono, entro 90 giorni dalla ricezione della notifica di riduzione del capitale, o entro 90 giorni dalla seconda pubblicazione delle informazioni di cui al comma 2 per richiedere l’adempimento dei loro crediti, che erano al momento della ricezione della chiamata o quando seconda pubblicazione a causa sono stati adeguatamente protetto o soddisfatti o accordo su un’altra soluzione; Non si applica, non si deteriora se l’esigibilità di riduzione del capitale dei crediti da parte della società.

(4) In assenza dei creditori e la società per stabilire le modalità per garantire il debito, o se il creditore si considera che peggiorato la sua esigibilità dei crediti, decidere su un adeguato campo garanzie per quanto riguarda il tipo e importo del credito.

§ 519

(1) Il Consiglio di Amministrazione dovrà presentare, senza indebito ritardo, una proposta per la registrazione della deliberazione dell’Assemblea Generale nel Registro delle Imprese.

(2) La proposta di registrazione di una risoluzione dell’Assemblea generale può essere associata a una proposta per la registrazione di un nuovo importo di capitale registrato nel Registro delle imprese.

§ 520

(1) Prima della effettiva riduzione del capitale sociale prima di incontrare gli obblighi ai sensi del § 518 o prima della decisione del tribunale ai sensi del § 518 non può fornire agli azionisti prestazioni a causa della riduzione del capitale sociale o per tale ragione, rinunciare o ridurre la quota non versata del prezzo di emissione delle azioni.

(2) I membri e i membri del Consiglio di amministrazione sono responsabili per il danno causato dalla violazione del paragrafo 1; questa responsabilità non può essere alleviata.

Metodi per ridurre il capitale
§ 521

(1) La Società utilizzerà le proprie azioni, di sua proprietà, al fine di ridurre il capitale sociale. In altri casi, la riduzione del capitale azionario sarà utilizzata dalla Società prima di tutto per le sue azioni proprie.

(2) Secondo un’altra procedura, il capitale sociale può essere ridotto solo se la procedura di cui al paragrafo 1 non è sufficiente a ridurre il capitale azionario nella misura determinata dall’assemblea generale, o se ciò non soddisfa l’obiettivo della riduzione del capitale sociale.

(3) Le disposizioni della presente legge sulla votazione separata in base al tipo di azioni non si applicano in caso di riduzione del capitale sociale solo mediante l’utilizzo di azioni proprie di proprietà della Società.

§ 522

Al fine di ridurre il capitale sociale, la società utilizza le proprie azioni per distruggerle o, nel caso di azioni immesse in libri, darà alla persona autorizzata a mantenere le proprie scorte un ordine per annullarle.

§ 523

(1) Una società che ha nel suo patrimonio di azioni proprie, o il loro uso ai sensi del § 521 per ridurre il capitale sociale non è sufficiente, ridurre il valore nominale delle azioni o di prendere azioni dalla circolazione o di astenersi dal emissione di azioni in circolazione.

(2) Le azioni devono essere messe fuori circolazione sulla base di un disegno o sulla base di un’offerta pubblica agli azionisti. Le azioni possono essere ritirate dalla circolazione sulla base di estrazioni solo se lo statuto sociale lo rendeva possibile al momento della sottoscrizione. Le norme che disciplinano la procedura di prelievo delle azioni dalla circolazione sono determinate dallo statuto e dall’assemblea generale nella decisione di riduzione del capitale sociale.

(3) Se la società ha emesso azioni, il capitale sociale può essere ridotto anche senza prendere le azioni fuori circolazione.

Riduzione del valore nominale delle azioni o delle note provvisorie
§ 524

Il valore nominale delle azioni diminuisce proporzionalmente per tutte le azioni della Società a meno che lo scopo della riduzione del capitale sociale sia la rinuncia alla parte non pagata del prezzo di emissione delle azioni.

§ 525

Riduzione del valore nominale delle azioni o warrant azioni sono messe in cambio di azioni o warrant per azioni o certificati provvisori, con un valore nominale o inferiore che indica un valore nominale più basso delle azioni esistenti o certificati provvisori con la firma di uno o più membri del Consiglio.

§ 526

Il Consiglio invita le modalità previste dalla presente legge e dello Statuto sociale per la convocazione dell’Assemblea Generale degli azionisti che possiedono azioni o certificati provvisori che vengono presentati entro il termine fissato dall’assemblea generale al fine di procedere ai sensi del § 525. Un azionista che è in ritardo nella presentazione di azioni o warrant non esercita i relativi diritti degli azionisti fino alla data della loro presentazione dovuta e il Consiglio di amministrazione applicherà la procedura di cui ai punti da 537 a 541.

Prelevare le azioni dalla circolazione sulla base delle estrazioni
§ 527

(1) Se la società ha emesso azioni dematerializzati, deve prima della festa sorteggio autorizzati a tenere un registro dei loro comando per la loro numerazione e richiedere anche un estratto del registro, che deve includere il numero di azioni.

(2) Durante il periodo in cui le azioni sono numerate, il diritto di disporre di esse è sospeso.

(3) La fusione delle azioni iscritte al libro deve essere effettuata entro e non oltre 10 giorni dalla data in cui è stato presentato l’ordine di numerazione.

§ 528

(1) I progressi e i risultati dell’estrazione con i numeri delle azioni vincenti saranno certificati da un documento pubblico.

(2) Il Consiglio di amministrazione annuncerà i risultati del sorteggio secondo le modalità stabilite dalla presente legge e dallo statuto per la convocazione dell’assemblea generale.

(3) L’avviso deve includere almeno:

a) il numero di azioni pescate,

(b) il termine entro il quale la società riceverà le azioni da rimborsare; il termine non precede l’effettiva riduzione del capitale sociale e non deve superare i 3 mesi dalla data di efficacia della riduzione del capitale sociale, a meno che l’accordo con l’azionista non determini diversamente,

(c) l’ importo della remunerazione per le azioni prelevate,

(d) i dati che identificano l’azionista le cui azioni sono state sorteggiate quando la società ha emesso le azioni nominative o le quote di iscrizione;

(e) il termine entro il quale le azioni estratte devono essere presentate alla società.

§ 529

Un azionista che è in ritardo nella presentazione delle azioni vincenti entro un determinato termine, ha esercitato fino alla loro corretta presentazione dei diritti degli azionisti associati e consiglio di amministrazione si applicherà la procedura ai sensi del § 537-541.

§ 530

La Società paga i compensi agli azionisti per le azioni remunerate ad un prezzo ragionevole; l’adeguatezza della remunerazione deve essere supportata da una perizia.

Sezione 531

(1) Il Consiglio di Amministrazione della società che ha emesso azioni dematerializzate persona autorizzate tengono registri sul risultato del sorteggio insieme con il comando cancel numerazione azioni nevylosovaných rappresentati da un documento pubblico che certifica i risultati del sorteggio.

(2) A seguito dell’effettiva riduzione del capitale sociale, il Consiglio di amministrazione emetterà alla persona autorizzata a registrare i titoli scritturali un ordine di annullamento delle azioni estratte; l’ordine deve essere comprovato da un estratto del registro delle imprese che attesti la registrazione della riduzione del capitale sociale nel registro delle imprese.

Prelevare le azioni dalla circolazione sulla base di una bozza di contratto pubblico
§ 532

(1) Nel caso in cui le azioni siano ritirate sulla base di un progetto di contratto pubblico, la decisione dell’Assemblea generale può determinare che il capitale sociale

a) essere ridotto al valore nominale delle azioni da ritirare dalla circolazione, oppure

b) sarà ridotto di un importo fisso.

(2) Le azioni possono essere ritirate dalla circolazione sulla base di una bozza di contratto pubblico, a titolo gratuito; le disposizioni della Sezione 322 (1) e (2), delle Sezioni da 323 a 325 e della Sezione 329 si applicano mutatis mutandis.

§ 533

(1) Il prezzo di acquisto è esigibile entro e non oltre 3 mesi dall’effettiva riduzione del capitale sociale. La scadenza del prezzo di acquisto e il termine per la presentazione delle azioni della società non devono precedere la data effettiva della riduzione del capitale sociale.

(2) L’azionista non eserciterà i diritti degli azionisti relativi alla riduzione del capitale sociale con le azioni di cui al paragrafo 1 e il Consiglio di amministrazione applicherà la procedura di cui alle sezioni da 537 a 541.

§ 534

Senza indebito ritardo l’effettiva riduzione del capitale sociale deve Consiglio di persona che conserva la documentazione dei titoli dematerializzati, ordinare la cancellazione delle azioni dematerializzate, che la società ha acquisito sulla base di un appalto pubblico; l’ordine deve essere comprovato da un estratto del registro delle imprese che mostra la riduzione del capitale sociale e un documento che conferma l’accettazione del progetto di contratto pubblico.

§ 535

(1) Dove il capitale sociale viene ridotto secondo la procedura del § 532 par. a) contiene delibera assembleare mandati anche per il Consiglio di presentare una proposta per la registrazione dei capitali nel registro delle imprese della misura in cui i soci hanno adottato un progetto di appalto pubblico.

(2) Se la somma dei valori nominali delle azioni messe fuori circolazione ai sensi dell’articolo 532, paragrafo 1 b) non riesce a raggiungere l’importo determinato della riduzione del capitale sociale, l’assemblea generale può decidere che il capitale sociale deve essere ridotto secondo la procedura di cui alla sezione 532, par. a), se del caso, in un altro modo specificato dalla presente legge.

§ 536

Ritiro dal rilascio di azioni
(1) L’Assemblea Generale può decidere di ridurre il capitale sociale evitando di emissione di azioni nella misura in cui gli abbonati sono in ritardo con il rimborso del valore nominale delle azioni, a meno che gli azionisti della Società La Società prodlevšího eliminati.

(2) Rilasciato Se la società azioni in circolazione scrips, ha eseguito la rinuncia al l’emissione di azioni in circolazione in modo che il Consiglio di Amministrazione inviterà gli azionisti, che è in ritardo con il pagamento del prezzo di emissione o di parte di esso entro il termine stabilito dall’assemblea generale ha dato certificato provvisorio con l’azienda azioni emesse, che sostituisce il certificato provvisorio, l’abbonato ritorni senza indebito ritardo dopo l’effetto della riduzione del capitale sociale non ancora versato il prezzo di emissione dopo il factoring i crediti nei confronti di un abbonato.

(3) Un azionista che è in ritardo nella presentazione di certificato provvisorio entro un determinato periodo, non ha esercitato fino alla presentazione ad esso associati e dei diritti degli azionisti bordo applicare la procedura ai sensi del § 537-541.

Procedura per mancata restituzione o mancata accettazione di azioni
§ 537

In caso di inadempienza dei soci presentatori azioni aziende scaricato dal mercato per la loro sostituzione, che segna un nuovo valore nominale o la distruzione o acquisizione di nuove azioni in aumento di capitale verrà chiesto consiglio azionista modalità previste dalla presente legge e di Statuto per la convocazione di un’assemblea generale di farlo entro un ragionevole un periodo che li designa con un avvertimento che le azioni altrimenti non vengono presentate dichiarati invalidi o che le azioni non riscossi saranno venduti.

§ 538

Le azioni che non sono state consegnate tramite la chiamata entro il termine supplementare saranno dichiarate nulle dal Consiglio di amministrazione; dichiarazione Consiglio senza indugio le modalità previste dalla presente legge e di Statuto per la convocazione della Assemblea dei Soci, le cui azioni sono validi riferisce (di seguito “l’interessato”), e allo stesso tempo viene pubblicato.

§ 539

(1) Nuove Azioni, da emettere al posto di azioni dichiarato nullo, o azioni che non erano in aumento di capitale ai sensi del § 500 azionisti presi in un ulteriore periodo di tempo ragionevole, vende il Consiglio, senza indebito ritardo da un commerciante di valori mobiliari sul conto della persona interessata sul mercato regolamentato europeo, altrimenti li vende in un’asta pubblica.

(2) Posto per il possesso di un oggetto della vendita all’asta del Consiglio è pubblicata entro almeno 15 giorni prima della riunione, se il valore delle azioni messe all’asta inferiore a CZK 100 000, ed entro 30 giorni prima della riunione, se il valore è più alto, e, entro lo stesso termine, invierà anche una relazione sulla prossima asta pubblica alla persona interessata, se nota al consiglio.

(3) Cessione dopo compensazione debiti della società per l’interessato sostenute in relazione alla dichiarazione delle sue azioni come non validi, o in connessione con la vendita delle azioni, la società pagherà senza indugio alla persona interessata.

§ 540

(1) Nel caso in cui le azioni ritirate dalla circolazione non debbano essere emesse nuove azioni, la dichiarazione delle azioni non è pregiudicata dal diritto dell’interessato di pagare il prezzo di acquisto o di rimborsare l’emissione liberata o parte di essa.

(2) La Società può rivendicare contro la persona interessata a pagare il prezzo di acquisto o restituire il prezzo di emissione o la sua parte per compensare crediti che per quella persona sostenute in relazione con la dichiarazione delle sue azioni per essere valido.

(3) La Società paga la differenza alla persona interessata senza indebito ritardo dopo la compensazione, altrimenti le azioni oi certificati provvisori sono dichiarati non validi.

§ 541

La società restituisce le azioni restituite o le note provvisorie distrutte senza indebito ritardo dopo la riduzione del capitale sociale.

§ 542

La Società può, su delibera dell’Assemblea Generale, invitare gli azionisti a sottoporgli entro un determinato periodo le azioni da scambiare o designare nuove azioni per azione se vi è stato un cambiamento dei dati finora sulle azioni quotate. I paragrafi da 537 a 541 si applicano mutatis mutandis.

§ 543

(1) Un azionista può richiedere alla società di scambiare una quota se è danneggiata in modo tale che alcuni dei dati non sono leggibili e la validità della quota non è messa in dubbio.

(2) La Società scambierà la quota senza indebito ritardo dopo la sua presentazione. La quota restituita distruggerà la società e annunciare la nuova quota che è una copia dello stock distrutto.

Decremento semplificato del capitale sociale
§ 544

(1) Le disposizioni della presente sezione sulla tutela dei creditori non si applicano se la società

(a) riduce il capitale per coprire la perdita, o

(b) riduce il capitale sociale per il trasferimento al fondo di riserva e il pagamento di perdite future e l’importo trasferito non supera il 10% del capitale sociale ridotto.

(2) La conformità con le condizioni di cui al paragrafo 1 deve essere comprovata dalla società presso l’anagrafe del registro quando presenta una domanda di registrazione di una riduzione del capitale sociale nel registro delle imprese. In tal caso, sarà inserita una risoluzione dell’Assemblea generale sulla riduzione del capitale sociale unitamente alla registrazione del nuovo importo del capitale sociale.

(3) Fondo di riserva nel campo di applicazione stabilito a norma del paragrafo 1 (b) può essere utilizzato solo per coprire la perdita della società o per aumentare il capitale sociale. Non si tiene conto del fondo speciale di riserva per le azioni proprie.

§ 545

(1) In connessione con la riduzione del capitale sociale ai sensi della Sezione 544, nessuna prestazione può essere data agli azionisti.

(2) Un azionista di una società deve rimborsare la prestazione fornita in violazione del paragrafo 1. I membri del Consiglio di amministrazione sono responsabili in solido per questo obbligo.

Riduzione e aumento simultaneo del capitale sociale
§ 546

L’Assemblea Generale può decidere di riduzione e aumento di capitale concomitante solo se il capitale ridotto alle condizioni previste nel § 536 o § 540 paragrafo. 1 °

§ 547

Secondo la procedura del § 546, la Società può avviare un aumento del capitale azionario solo dopo che una riduzione del capitale sociale è stata efficace.

§ 548

(1) Nel caso in cui lo scopo della regolazione riduzione di capitale del valore nominale delle azioni esistenti negoziate in un mercato regolamentato europeo, il loro prezzo sul mercato regolamentato europeo in relazione all’aumento di capitale di sottoscrizione di nuove azioni e le condizioni ai sensi del § 544, l’assemblea generale può contemporaneamente decidere sulla contestuale riduzione e aumento del capitale sociale; le disposizioni del § 546 e 547 non si applicano.

(2) La decisione di concomitante riduzione e aumento di capitale l’Assemblea Generale può determinare l’entità della riduzione del capitale in quanto fornisce un modo di calcolo della riduzione a seconda del prezzo di emissione delle nuove azioni, che sarà determinato in seguito, e anche istruire il bordo per l’importo della riduzione del capitale e corrispondente nuovo valore nominale delle azioni esistenti della società immediatamente annunciato agli azionisti le modalità previste dalla presente legge e dello Statuto sociale per la convocazione dell’Assemblea generale.

Parte 7

Liquidazione di una società per azioni
§ 549

(1) Il diritto a una quota del saldo di liquidazione è trasferibile separatamente dalla data in cui la società è entrata in liquidazione, salvo diversamente stabilito dallo Statuto.

(2) Nel caso in cui l’avvolgimento non è equilibrio sufficiente a coprire il valore nominale delle azioni è diviso in una porzione attribuibile ai possessori di azioni privilegiate e una porzione attribuibile ai titolari di altre azioni nella misura determinata dal regolamento; Se più classi di azioni, il vantaggio è legato al saldo di liquidazione, dividere le restanti attività e una parte attribuibili ai titolari delle azioni.

(3) Parti del saldo di liquidazione sono ripartite tra gli azionisti in proporzione al valore nominale versato delle loro azioni.

§ 550

(1) Il diritto al riscatto della quota del saldo di liquidazione si ottiene cedendo le azioni della società su richiesta del liquidatore.

(2) Se l’azionista non riesce a cedere le azioni in seguito all’appello del liquidatore, il liquidatore deve applicare la procedura di cui ai § 537, 538 e 540 di conseguenza.

(3) Le azioni che sono state consegnate devono essere distrutte immediatamente dal liquidatore.

§ 551

Nel caso di azioni non consegnabili problema si pone persona autorizzata il diritto al rimborso del saldo di liquidazione alla data di annullamento di azioni della società nel registro dei titoli dematerializzati per ordine del liquidatore.

TITOLO VI

DRUŽSTVO
Parte 1

Disposizioni generali sulla cooperativa
Sezione 1

Disposizioni di base
§ 552

(1) Una cooperativa è una comunità di numero non commesso di persone stabilite ai fini del supporto reciproco dei suoi membri o di terzi, o ai fini dello svolgimento di attività commerciali.

(2) La squadra ha almeno 3 membri.

(3) La società contiene la denominazione “cooperativa”.

§ 553

Anche gli statuti della cooperativa contengono

a) l’impresa cooperativa,

(b) l’ oggetto dell’attività o dell’attività,

c) l’ ammontare del deposito di base o della tassa di iscrizione,

(d) le modalità e il periodo di rimborso da parte del membro aderente,

(e) le modalità di convocazione di una riunione di un membro e le regole della sua decisione,

f) il numero di membri del consiglio di amministrazione e del consiglio di vigilanza e la durata del loro mandato,

(g) condizioni per l’adesione a una cooperativa e

(h) i diritti e gli obblighi di un membro cooperativo (in seguito denominato “membro”) e della società cooperativa.

§ 554

(1) Modifica dello statuto entreranno in vigore quando è stato approvato dall’assemblea dei membri, a meno che non segue delibere dei deputati che entrano in vigore successivamente.

(2) Se v’è un cambiamento dello statuto sulla base di fatti giuridici, il Consiglio di cooperative produrre il testo completo dello statuto senza indugio dopo ogni membro del Consiglio di questo fatto.

Sezione 2

Creazione di cooperativa
§ 555

(1) La riunione costitutiva della cooperativa (di seguito denominato “riunione costitutiva ‘) accanto ai membri statuto eletti degli organi di cooperativa e approvare il compimento di contributo appartenenza base o contributo e ingresso.

(2) Il progetto di statuto deve essere redatto da un co-autore, che è una persona fisica per iscritto, alla parte interessata, al fine di istituire una cooperativa.

(3) Il firmatario deve convocare il richiedente per l’istituzione della cooperativa in modo adeguato a una riunione costitutiva.

§ 556

(1) La riunione costitutiva può partecipare chi ha presentato una domanda per una squadra creata per il convocatore attenzione e non ha preso la schiena al punto di partenza della riunione costitutiva, o di altre persone, a meno che tali persone vieta la partecipazione alla riunione costitutiva.

(2) Nel caso in cui una riunione costitutiva sia assistita da un delegato, non può rappresentare più di una persona che ha presentato una domanda.

§ 557

(1) La riunione costitutiva deve essere aperta dal co-conduttore o dalla persona da lui autorizzata. Comunicare inaugurale quorum incontro secondo l’elenco delle presenze, l’accuratezza e la completezza prima di iniziare verificata per confronto con le applicazioni, e familiarità con i negoziati riunione inaugurale, il convocatore ha preso. Inoltre, l’assemblea costituente proporrà le regole per la sua condotta e l’elezione del presidente.

(2) Prima di ulteriori negoziati riunione inaugurale approva il convocatore proposta o la ricezione autorizzato di applicazioni per le persone interessate a stabilire le cooperative che solo le persone le cui domande sono state approvate, sono autorizzati a partecipare alle riunioni del riunione costitutiva.

(3) L’assemblea costituente adotta la risoluzione a maggioranza dei voti presenti al momento del voto.

§ 558

(1) Una persona che si è candidata a una squadra può riportarla all’apertura della riunione costitutiva; le disposizioni della sezione 559 non sono quindi interessate.

(2) Ogni persona autorizzata a partecipare alla riunione costitutiva ai sensi dell’articolo 557, paragrafo 2, dispone di un voto nella riunione costitutiva. Gli statuti sono sempre votati pubblicamente.

§ 559

(1) Il fondatore della cooperativa è una persona che ha presentato una domanda in-caricato squadra entro e non oltre l’inizio della riunione costitutiva, non ha preso la schiena, la sua domanda era sotto § 557 paragrafo. 2 approvato e soddisfare le condizioni per l’adesione e la sua origine, se non sotto gli obblighi di deposito, o il rapporto di lavoro.

(2) Una persona che non ha votato per l’adozione dello statuto può ritirare la sua domanda immediatamente dopo l’annuncio dei risultati delle votazioni, altrimenti il ​​ritiro della domanda deve essere disatteso; in tal caso non diventerà il fondatore. Il ritiro della domanda deve essere indicato in un documento pubblico che certifichi lo stato di avanzamento della riunione costitutiva.

(3) Dopo l’approvazione dello statuto, la riunione costitutiva approva l’elenco dei fondatori che sono annessi all’atto pubblico ai sensi della sezione 560.

§ 560

(1) Il corso della riunione inaugurale e una decisione sull’adozione dello statuto è quello di certificare un documento pubblico, che deve includere il testo approvato degli statuti e il cui allegato un elenco dei fondatori e di una dichiarazione scritta dei fondatori della ricezione degli obblighi di deposito per il deposito membro di base, a meno che tali fondatori dichiarazione già certificati in un documento pubblico che certifichi il corso della riunione costitutiva.

(2) Se non è il fondatore dei gravi motivi per partecipare alla riunione costitutiva, il certificato di rimozione di obbligo di deposito, ai sensi del paragrafo 1 realizzato in forma di atto pubblico o di dichiarazione di accettazione degli obblighi scritto come un documento pubblico o firma autenticata consegnare organo statutario base cooperative entro 15 giorni dalla data della riunione costitutiva.

Sezione 561

Il Fondatore adempie l’obbligo di deposito per il deposito base di appartenenza o il deposito d’ingresso entro 15 giorni dalla data della riunione costitutiva che ha deciso di costituire la cooperativa, altrimenti non diventerà un membro.

Sezione 562

Scheda informativa
(1) La cooperativa istituisce un tabellone informativo presso la propria sede. Il tabellone informativo è accessibile tutti i giorni lavorativi durante il normale orario di lavoro a tutti i membri.

(2) Se lo Statuto Sociale lo stabilisce, il tabellone deve essere messo a disposizione dei membri della cooperativa attraverso il sito web.

Sezione 3

depositi
Sezione 563

(1) Ogni socio deve partecipare al capitale di base della cooperativa con una quota associativa di base.

(2) Se lo Statuto Sociale lo stabilisce, un socio può partecipare al capitale sociale mediante uno o più depositi di altri membri. La quantità di altri depositi dei membri può variare da un membro all’altro.

(3) Il deposito associativo è costituito dalla somma del deposito base di iscrizione e di tutti gli altri depositi dei membri.

§ 564

(1) La condizione di appartenenza è una dichiarazione scritta ai sensi del § 560 paragrafo. 1 o al paragrafo. 2 e adempiere gli obblighi degli base di depositi membro del deposito, a meno che questa legge che l’appartenenza formazione è anche una necessità per la creazione di posti di lavoro. Lo statuto può stabilire che una condizione per l’adesione è solo soddisfare l’obbligo di depositare all’ingresso del deposito per un importo determinato dalle Statuto; il deposito di entrata fa parte del deposito base di appartenenza.

(2) L’importo della quota base di iscrizione è lo stesso per tutti i membri della cooperativa.

(3) L’ obbligo di deposito, entro l’intervallo della differenza tra il deposito di appartenenza di base e il deposito di ingresso, deve essere soddisfatto entro il limite di tempo specificato nello statuto, che non può superare i 3 anni.

§ 565

Per la durata dell’adesione, l’iscrizione di base non può restituire o la sua parte; questo non si applica se la quota base di iscrizione è stata ridotta.

Aumento dell’appartenenza di base
§ 566

(1) L’aumento del contributo del membro di base dei supplementi dei membri è possibile se lo statuto lo stabilisce. La quota base di iscrizione può aumentare le commissioni dei membri solo una volta ogni 3 anni e fino a tre volte l’importo corrente.

(2) È trascorso un periodo di almeno 90 giorni tra l’adozione di una decisione di modifica dello statuto per consentire un aumento del contributo del membro di base da parte del contributo di un membro e la decisione di aumentare il contributo iniziale di adesione.

Sezione 567

(1) Una riunione dei membri può decidere che la quota base di iscrizione venga aumentata proporzionalmente a tutti i membri provenienti dalle risorse proprie della cooperativa.

(2) L’aumento del contributo dei membri di base dalle risorse proprie è possibile solo se i bilanci, sulla base dei quali è stato deciso l’incontro in aumento, sono stati sottoposti a revisione contabile da parte del revisore.

(3) L’aumento del contributo dei membri non può utilizzare il fondo di riserva, dove, sotto un’altra legge o di statuto che stabilisce altri fondi, che sono progettati per scopi diversi per aumentare il contributo dei membri di base o risorse proprie sono assegnati e il cui scopo la squadra non è autorizzata a cambiare.

(4) L’aumento di capitale non deve essere superiore a quello che fa la differenza tra il patrimonio netto e la somma del capitale attuale e altre risorse proprie che vengono assegnati ad una squadra il cui scopo non è autorizzato a cambiare.

Diminuzione dell’appartenenza di base
§ 568

(1) Il Consiglio di amministrazione pubblica la decisione della riunione dei soci sulla riduzione del deposito di base di appartenenza e il suo importo entro 15 giorni dalla data della sua accettazione due volte per un periodo consecutivo di 30 giorni.

(2) Il Consiglio di Amministrazione contestualmente alla pubblicazione in forma scritta invitano tutti i creditori noti cooperative i cui crediti nei confronti della squadra ha avuto la prima della delibera dell’assemblea dei soci della riduzione del contributo dei membri di registrare i propri crediti nei confronti della squadra entro 90 giorni dopo l’ultima pubblicazione, salvo che tale riduzione della quota base di iscrizione per coprire la perdita.

§ 569

(1) Una cooperativa deve fornire al creditore, che presenterà la sua richiesta nei confronti della cooperativa a tempo debito, assicurando adeguatamente il credito o soddisfacendolo a meno che il creditore non accetti altrimenti. L’accordo sarà firmato dalla cooperativa al momento della presentazione della domanda di registrazione della riduzione del membro registrato nel registro delle imprese.

(2) L’obbligo di cui al paragrafo 1 non si applica a meno che la perdita dell’iscrizione di base delle domande cooperative sia compromessa.

(3) Se il creditore ritiene che l’affidabilità creditizia dei suoi crediti si sia deteriorata e la cooperativa neghi, il tribunale decide in merito a garanzie ragionevoli ai sensi dell’articolo 571.

§ 570

Se una cooperativa concorda con tutti i creditori per garantire o soddisfare le loro richieste, non è necessario rispettare il limite di tempo stabilito nella sezione 568 (2); l’accordo di cooperazione deve fornire la prova della riduzione del deposito del membro registrato nel registro commerciale al momento della presentazione di una domanda di registrazione.

§ 571

Se la cooperativa e il creditore non concordano sul modo di assicurare il suo credito, esso decide in merito a garanzie ragionevoli riguardo al tipo e all’ammontare del credito; la decisione del tribunale è presentata dalla cooperativa al tribunale del registro quando presenta una domanda di registrazione della riduzione del membro registrato nel registro delle imprese.

§ 572

Un altro deposito membro
(1) La cooperativa conclude con il membro un accordo scritto sull’assunzione dell’obbligo di ulteriore contributo di membro. Il contratto contiene informazioni sull’ammontare del deposito in contanti o sull’oggetto del deposito non in contanti e sulla sua valutazione, sul metodo di valutazione e sulla scadenza per l’adempimento dell’obbligo di deposito.

(2) Se il regolamento di appartenenza di un altro membro per tutta la durata dell’adesione non è concordato nel contratto per il deposito di adesione aggiuntivo, non è possibile restituire o altrimenti regolare l’appartenenza di un altro membro durante il periodo di adesione.

Deposito non in contanti
§ 573

(1) contributi non monetari sarà apprezzato esperto dall’elenco di esperti gestito da un’altra legge ad un accordo tra la squadra e il depositante, o se la squadra non ha fino ad ora, di comune accordo dei fondatori.

(2) Il deposito non monetario non può essere conteggiato nei confronti del deposito del socio con una somma superiore a quella a cui è stato valutato.

(3) Un deposito non monetario deve approvare una riunione del socio o una riunione costitutiva prima del suo inserimento.

§ 574

Se lo statuto lo stabilisce, un contributo non monetario può anche essere l’esecuzione o l’esecuzione di un lavoro o di una prestazione o un servizio da parte di un membro.

Sezione 4

Diritti e doveri dei membri
Sottosezione 1

Disposizioni di base
§ 575

(1) Un membro ha il diritto in particolare, in conformità con la legge e gli statuti

a) votare ed essere eletti agli organi della cooperativa,

(b) partecipare alla gestione e al processo decisionale in una cooperativa,

(c) partecipare ai benefici forniti dalla cooperativa.

(2) Un membro è in particolare obbligato

(a) rispettare gli statuti,

(b) rispettare le decisioni degli organismi cooperativi.

§ 576

(1) Se statuto o risoluzioni della riunione dei membri determina che i diritti di un membro o parte di esse determinato dalla lunghezza della sua appartenenza alla cooperativa, calcola la lunghezza della appartenenza di ciascun membro della adesione dei suoi predecessori legali, la cui composizione è stato creato per primo.

(2) La durata dell’adesione di cui al paragrafo 1 comprende anche il periodo durante il quale un membro o il suo predecessore legale era un membro o membro di una società commerciale che era il predecessore legale della cooperativa.

Sottosezione 2

Formazione di membri
§ 577

(1) L’appartenenza ad una cooperativa deve sorgere solo se tutte le condizioni previste dalla presente legge e dallo Statuto sono soddisfatte

a) quando la cooperativa è stata costituita il giorno in cui è stata costituita la squadra,

b) alla data in cui la decisione dell’organismo cooperativo competente prende parte o più tardi alla data specificata nella presente decisione, o

(c) il trasferimento o il trasferimento di una quota cooperativa.

(2) La domanda di adesione e la decisione della cooperativa da accettare devono essere in forma scritta e contenere sempre il nome della cooperativa, il nome e il domicilio o la sede del richiedente l’adesione e la definizione della sua quota cooperativa.

(3) Il Consiglio di amministrazione o altro organismo cooperativo designato dallo Statuto, ad eccezione del Comitato di verifica, decide sull’ammissione alla cooperativa.

(4) L’appartenenza alla cooperativa è a tempo indeterminato.

§ 578

L’appartenenza a uno dei coniugi nella cooperativa non stabilisce l’appartenenza dell’altro coniuge.

§ 579

(1) Se lo statuto condiziona l’appartenenza al rapporto di lavoro di un socio in una cooperativa, un membro della cooperativa può diventare solo una persona idonea a stipulare un contratto di lavoro.

(2) l’appartenenza alla cooperativa inizia il giorno del suo lavoro, e termina il rapporto di lavoro, dove secondo per specificare le condizioni di adesione al socio lavoratore cooperativa e il rapporto di cooperazione; lo statuto può stabilire che l’appartenenza non cessa di esistere al termine del rapporto di lavoro.

Lista dei membri
§ 580

(1) La squadra deve mantenere un elenco di membri.

(2) L’elenco dei membri deve essere inserito

a) il nome e il luogo di residenza o la sede di attività o, se del caso, un altro indirizzo per il servizio,

(b) la data e le modalità della formazione e della cessazione dell’iscrizione alla cooperativa;

(c) l’ ammontare del contributo del membro e l’entità dell’adempimento dell’obbligo di deposito per l’adesione.

(3) Il membro deve notificare e documentare alla cooperativa qualsiasi modifica dei dati registrati nell’elenco dei membri senza indebito ritardo dopo il verificarsi. La cooperativa deve scrivere la registrazione scritta senza indebito ritardo dopo che il cambiamento è stato dimostrato.

Sezione 581

(1) Un membro ha il diritto di ispezionare l’elenco dei membri e di richiedere l’emissione di un certificato di iscrizione e il contenuto della sua iscrizione nell’elenco dei membri. Lo statuto può specificare che un membro che richiede il rilascio di questo certificato più di una volta all’anno rimborsa alla cooperativa i relativi costi.

(2) I dati inseriti nell’elenco dei membri possono essere utilizzati dalla cooperativa solo per le loro esigenze in relazione ai membri della cooperativa. Per altri scopi, questi dati possono essere utilizzati solo con il consenso dei membri interessati.

§ 582

(1) La cooperativa rilascerà a ciascun membro, su sua richiesta scritta e alle spese, una copia dell’elenco di tutti i membri o della parte richiesta dell’elenco, senza indebito ritardo dal ricevimento della richiesta.

(2) Il Consiglio di Amministrazione dovrà consentire a tutti di esaminare la parte rilevante dell’elenco se certifica un interesse legale a tale ispezione o dimostra il consenso scritto del membro a cui si riferisce la registrazione; la firma del membro deve essere ufficialmente verificata.

§ 583

Se un membro di una squadra cessa di essere un membro, la squadra lo contrassegna sulla lista dei membri senza indebito ritardo. In questa sezione della lista, il Consiglio di amministrazione potrà solo consultare l’ex membro del Registro e il suo successore legale. Un’altra persona fornirà alla cooperativa i dati inclusi nell’elenco solo alle condizioni stabilite dalla legge che disciplina l’attività sul mercato dei capitali per la fornitura di dati da parte della persona che detiene il registro degli strumenti di investimento.

Sottosezione 3

Contenuto di appartenenza
§ 584

Azione dei membri
(1) Ogni membro ha il diritto di chiedere un risarcimento per un membro dell’organismo cooperante o l’adempimento di eventuali obblighi previsti dall’accordo ai sensi della Sezione 53 (3); ciò si applica mutatis mutandis alla successiva esecuzione della decisione.

(2) Un membro non ha il diritto di chiedere il risarcimento danni ai sensi del paragrafo 1, se è stato deciso ai sensi dell’articolo 53, paragrafo 3.

§ 585

(1) Prima di esercitare il diritto ai sensi dell’articolo 584, paragrafo 1, nei confronti di un membro del Consiglio di amministrazione, il membro informa il membro della Commissione di audit, se è stato istituito; se l’esercizio del diritto è diretto contro un membro di un altro organismo della cooperativa, il consiglio di amministrazione ne informa l’azione.

(2) L’ organismo informato esercita il diritto al risarcimento senza indebito ritardo al ricevimento delle informazioni di cui al paragrafo 1, altrimenti il ​​membro può esercitare tale diritto ai sensi dell’articolo 584, paragrafo 1, per la cooperativa stessa.

§ 586

La quota di profitto dei membri
(1) Lo statuto può stabilire che un membro o alcuni membri abbiano diritto a una partecipazione agli utili secondo le condizioni specificate nello Statuto.

(2) non determinare se il modo in cui statuti per determinare la quota di un membro del profitto destinato alla distribuzione tra i membri è determinato in proporzione adempiuto l’obbligo di depositare un membro del deposito capitale versato alla cooperativa; per un membro la cui appartenenza all’anno decisivo è durata solo una parte del periodo contabile, la quota di profitto è stata ridotta.

Sottosezione 4

Obbligo di un membro di contribuire alla perdita di perdita cooperativa
Sezione 587

Se lo statuto sociale lo prescrive, una riunione può imporre ai membri il dovere di contribuire alla perdita della perdita della cooperativa (in seguito denominata “obbligo di pagamento”).

§ 588

(1) L’ obbligo di liquidazione deve essere determinato nello statuto dei singoli membri dello stesso importo e non deve essere superiore a tre volte la quota base di adesione.

(2) Per tutti i membri del consiglio di amministrazione e comitato per il controllo o alcuni di essi può essere un obbligo di rimborso determinato fino a dieci volte il contributo dei membri di base, in cui ciò sia previsto negli statuti della data della loro appartenenza al consiglio di amministrazione o comitato di revisione.

§ 589

Le funzioni di riserva possono essere salvate ripetutamente. Se l’ammontare totale del pagamento di rimborso di un membro per la durata della sua appartenenza alla cooperativa raggiunge il limite stabilito in conformità con la sezione 588, non può più essere imposto a tale membro un ulteriore obbligo di rimborso.

§ 590

L’obbligo di riserva può essere imposto anche ai membri della cooperativa che hanno causato o hanno contribuito in modo sostanziale alla perdita della cooperativa.

§ 591

L’adeguamento dell’obbligo di liquidazione nello statuto o la sua modifica è efficace solo per il periodo contabile successivo al periodo contabile in cui l’obbligazione di liquidazione è stata modificata nello statuto sociale o modificata.

Sezione 592

Una persona che è stata membro di una cooperativa solo per una parte del periodo contabile in cui si è verificata la perdita di una cooperativa rappresenta solo una parte proporzionale del pagamento per quella parte del periodo contabile.

§ 593

Una tassa di transazione può essere imposta se

a) la perdita della cooperativa è stata stabilita mediante rendiconti finanziari regolari o straordinari,

b) la riunione dei membri ha discusso i rendiconti finanziari regolari o straordinari,

(c) gli utili non distribuiti degli anni precedenti e le riserve e altri fondi, se esistenti, che possono essere utilizzati ai sensi dello statuto per coprire la perdita, sono stati utilizzati per coprire la perdita;

d) la decisione dell’assemblea dei membri sul pagamento delle obbligazioni dei membri è stata accettata entro un anno dalla data della fine del periodo contabile in cui si è verificata la perdita coperta dal pagamento del pagamento.

§ 594

(1) Gli obblighi di prenotazione non possono essere imposti ai membri in misura maggiore dell’importo effettivo della perdita della cooperativa.

(2) La differenza tra l’importo in cui un membro ha adempiuto al pagamento dell’obbligazione e l’importo da pagare a norma del paragrafo 1 è rimborsato entro 3 mesi dalla data in cui è stato accertato.

Sottosezione 5

Quota cooperativa
§ 595

(1) La quota cooperativa rappresenta i diritti e gli obblighi di un socio derivanti dall’appartenenza alla cooperativa.

(2) Ogni membro può avere una sola azione cooperativa.

§ 596

La cooperativa non può acquisire la propria quota di partecipazione, a meno che non si tratti di una trasformazione sotto un’altra regolamentazione legale.

Sezione 597

Gli statuti possono escludere la comproprietà della comproprietà.

§ 598

Il trasferimento e il trasferimento di una quota cooperativa non sono consentiti se lo statuto prevede l’adesione al rapporto di lavoro di un membro con una cooperativa; questo non si applica se l’acquirente o l’erede della quota cooperativa è già un membro della cooperativa o diventa un membro della cooperativa.

Trasferimento di quote cooperative
§ 599

Un trasferimento di una quota cooperativa è possibile solo a una persona che, in conformità con le disposizioni della presente legge o dello statuto, può diventare membro di una cooperativa.

§ 600

Un socio può trasferire la sua quota cooperativa a un altro membro, a meno che lo statuto lo proibisca e a un non membro, se lo consente lo statuto. Gli statuti possono essere soggetti al consenso del Consiglio di amministrazione. Il consenso del Consiglio di amministrazione al trasferimento di una quota cooperativa non può essere modificato o revocato.

§ 601

(1) L’azionista cooperativo è responsabile per i debiti che sono collegati alla quota della cooperativa.

(2) Gli effetti giuridici del trasferimento di una quota cooperativa avvengono con la cooperativa alla data di consegna del contratto effettivo per il trasferimento della quota cooperativa alla cooperativa, a meno che il contratto non ne determini gli effetti in seguito. Lo stesso effetto della consegna del contratto è la ricezione di una dichiarazione da parte del cedente e dell’acquirente della conclusione di tale contratto.

Trasferimento di quote cooperative
§ 602

La quota della cooperativa sarà trasferita al successore legale del socio alle condizioni stabilite dalla presente legge o dallo statuto, a meno che non sia esclusa la transizione allo statuto. Il trasferimento di una quota cooperativa non può essere escluso in una cooperativa edilizia se il socio ha il diritto di locazione o il diritto di stipulare un contratto di locazione.

Sezione 603

(1) Le azioni di cooperazione erede, che vuole essere un membro del team ha il diritto di partecipare alla cooperativa sospendere, senza indebito ritardo, ma non oltre un mese dalla data in cui è diventato l’erede di testimoniare altrimenti ignorati.

(2) Il periodo di preavviso è di 3 mesi e durante il corso del suo mandato l’erede azionista non avrà diritto a partecipare alle attività della cooperativa.

(3) Se l’erede fornisce prove a norma del paragrafo 1, non diventa membro della cooperativa.

§ 604

(1) non esclude la statuti prevedono quote di società cooperative di eredità, ma se l’acquisizione condizionale di appartenenza alla cooperativa approvazione del consiglio di amministrazione, diventa l’erede al membro, a meno che il consenso alla sua richiesta accolta.

(2) Se il consiglio di amministrazione acconsente all’adesione, l’erede sarà considerato come se fosse un membro della cooperativa dalla data di acquisizione dell’eredità.

(3) Se il consiglio di amministrazione dell’erede omette di notificare l’erede entro 30 giorni dalla data in cui l’erede ha richiesto il consenso, il co-fondatore accetterà la formazione dell’erede.

§ 605

(1) In caso di risoluzione di un soggetto giuridico che è un membro della squadra passa la quota di cooperativa nel suo successore legale, se una persona giuridica prima della sua scomparsa e ha chiesto al Consiglio di transizione azioni di cooperazione prima dello scioglimento della persona giuridica concordato.

(2) Se una persona giuridica ha più successori legali, una quota cooperativa frazionata può essere trasferita a più di un successore legale. Se il Consiglio di Amministrazione approva il trasferimento di una quota cooperativa a più di un successore legale, deve essere approvato anche dalla divisione della quota cooperativa.

§ 606

Fusione di quote cooperative
Se un membro acquisisce per la durata della sua appartenenza alla quota più cooperativo cooperative, a quote di cooperative fuse in una sola azione cooperativa nel giorno in cui si deve diventare un membro. Se, tuttavia, con ciascuna delle azioni di cooperazione legate ai diritti di terzi, interessi cooperativi coincidono il giorno in cui i diritti di terzi risolvere il contratto a meno che un membro del team con una terza parte non disponga altrimenti.

§ 607

Distribuzione della quota cooperativa
Se lo statuto lo consente, la quota della cooperativa può essere divisa con l’approvazione del Consiglio di amministrazione. Divide cooperativa non può condividere se il risultato della divisione di quote di cooperative è sceso quota detenuta dal cedente o quote di società cooperative cessionario della cooperativa, l’importo del contributo di appartenenza.

Assistenza finanziaria
§ 608

Se lo statuto non specifica condizioni aggiuntive, la cooperativa può fornire assistenza finanziaria se

(a) l’assistenza finanziaria è fornita a condizioni eque,

(b) il Consiglio di amministrazione redige una relazione scritta in cui:

(1) Fornire giustificazioni fattuali per fornire assistenza finanziaria, compresa la comunicazione dei benefici e dei rischi per la cooperativa,

2. Specificare le condizioni in base alle quali sarà fornita l’assistenza finanziaria e

3. giustificare il motivo per cui la fornitura di assistenza finanziaria non è in conflitto con gli interessi della cooperativa.

§ 609

(1) Una relazione ai sensi della Sezione 608 (b) imporre la cooperativa nella raccolta di documenti senza indebito ritardo dopo che la fornitura di assistenza finanziaria è stata approvata da una riunione dei soci. Il rapporto deve essere disponibile per i membri della cooperativa presso la sede della cooperativa dalla convocazione di una riunione dei membri e deve essere liberamente disponibile per tutti i membri in questa riunione.

(2) Nel fornire assistenza finanziaria al paragrafo 1 e § 608 si applicano a banche e istituzioni finanziarie se è entro i consueti limiti della loro attività principale e se non riduce il loro patrimonio netto sotto la capitale sottoscritto aumentato i fondi che non sono sotto presente legge o dividere gli statuti tra le cooperative.

Sottosezione 6

Estinzione dell’adesione
Modi di estinzione
§ 610

L’appartenenza alla cooperativa è estinta

(a) previo accordo,

b) la revoca di un membro.

c) escludendo un membro,

d) il trasferimento della quota cooperativa,

e) la transizione della quota cooperativa,

(f) la morte di un membro della cooperativa,

g) l’ estinzione di una persona giuridica che fa parte di una cooperativa,

h) una dichiarazione di bancarotta sulla proprietà di un socio,

(i) il rifiuto della petizione di insolvenza per la mancanza di proprietà di un membro,

j) la consegna della notifica di mancato all’asta ripetuta procedimento di esecuzione o l’esecuzione o se nessun diritto di appartenenza e gli obblighi trasferibili finale di valore regolazione rispetto dei diritti e degli obblighi di, o di potere legale di titolo esecutivo al deterioramento dei diritti e degli obblighi dopo il termine indicato nel bando di adempiere agli obblighi esigeva ai sensi della legislazione speciale e, se fosse stato in questo periodo una mozione per fermare l’esecuzione, dopo la decisione su questa proposta

k) risoluzione del rapporto di lavoro ai sensi dell’articolo 579, paragrafo 2, a meno che lo statuto non specifichi diversamente, oppure

(l) la scomparsa di una cooperativa senza successore legale.

§ 611

Un accordo per la cessazione dell’iscrizione e l’avviso dell’aspetto di un membro devono essere in forma scritta.

§ 612

(1) Lo statuto può prescrivere un termine di preavviso per il ritiro da una cooperativa, che non può essere superiore a 6 mesi; la decisione di un membro della riunione in conflitto con essa deve essere ignorata.

(2) Se lo Statuto non prescrive un termine di preavviso, il Promotore può specificare nell’annuncio dell’aspetto il giorno della scadenza dell’adesione in cooperativa un giorno diverso dalla data di consegna dell’avviso di recesso. Non può trascorrere più di un anno tra la data di consegna dell’avviso di recesso e la data di cessazione dell’iscrizione specificata nell’avviso di recesso.

§ 613

(1) Quando un membro di una squadra agisce sulla base del fatto che non è d’accordo su una modifica dello statuto,

a) la modifica dello statuto non è efficace per il membro in scadenza e la relazione tra il membro e la cooperativa è regolata dagli statuti esistenti,

b) indicare il motivo della comparizione nell’avviso di appello, altrimenti non si tratta di una dichiarazione a causa di disaccordo con la modifica dello Statuto,

c) inviare un avviso di squadra recesso entro 30 giorni dalla data in cui la risoluzione, gli Stati Meeting di modificare lo statuto di associazione ha adottato, altrimenti i diritti dei membri di ritirare dalla squadra a causa di disaccordo con la modifica ignorato gli statuti, e

(d) la composizione del membro uscente scade alla scadenza del mese di calendario in cui l’avviso di comparizione è stato notificato alla cooperativa.

(2) Ogni membro che non abbia votato per una modifica dello statuto in una riunione può ritirarsi dalla cooperativa secondo la procedura di cui al paragrafo 1; il voto segreto è vietato

(3) Se ci fosse un cambiamento dello statuto con il quale membro del team è d’accordo, deciso durante l’Assemblea dei delegati, potrà recedere dal cooperativa ogni membro, entro un mese dal giorno in cui ha saputo o potuto imparato a conoscere questo cambiamento, ma non oltre 3 mesi.

Esclusione di un membro dalla squadra
§ 614

Un socio può essere escluso dalla cooperativa se ha violato gravemente o ripetutamente i suoi doveri di membro, ha cessato di soddisfare le condizioni per l’adesione o per altri importanti motivi indicati negli statuti.

§ 615

(1) La decisione sull’esclusione deve essere preceduta da un ammonimento scritto.

(2) Il Consiglio di amministrazione o altro organo designato dallo statuto decide in merito all’emissione di una segnalazione.

(3) L’avviso sarà stato il motivo per il suo premio e un membro dei punti salienti della possibilità di esclusione e chiede di effettuare una violazione della tappa di obblighi di appartenenza e delle conseguenze della violazione del dovere membro rimosso; un periodo ragionevole, almeno 30 giorni, deve essere sempre dato al membro.

§ 616

La Sezione 615 non si applica se la violazione degli obblighi di adesione o altri importanti motivi indicati negli statuti hanno conseguenze che non possono essere eliminate.

§ 617

(1) Il Consiglio di amministrazione o altro organo designato dallo Statuto decide in merito all’esclusione di un membro dalla cooperativa.

(2) L’esclusione non può decidere al più tardi entro 6 mesi dalla data in cui la squadra imparato a conoscere il motivo per l’esclusione, ma non oltre 1 anno dalla data in cui il motivo di esclusione si è verificato.

(3) La decisione sull’esclusione deve essere in forma scritta. La decisione contiene anche istruzioni sulla legge del membro espulso ai sensi del § 618.

§ 618

(1) Un membro può presentare un’obiezione motivata a un membro che si riunisca contro la decisione di esclusione entro 30 giorni dalla data di consegna dell’avviso di esclusione; questo vale anche se una riunione di un membro ha deciso l’esclusione; l’opposizione presentata contro di essa deve essere ignorata.

(2) Se l’esclusione è stata decisa dallo statuto della riunione di un membro, la procedura deve essere conforme alle sezioni da 620 a 622.

§ 619

L’adesione persona secreto cessa scadenza del termine per le obiezioni di deposito o dalla data in cui la persona la notifica della decisione secreto dalla riunione dei membri dell’opposizione respinto.

§ 620

(1) Contro la decisione di una riunione dei membri

a) il rifiuto dell’opposizione, o

b) esclusione se l’esclusione è stata decisa dall’assemblea dei soci in base allo Statuto,

l’escluso può presentare una richiesta del tribunale per una dichiarazione di nullità entro 3 mesi dalla data di notifica della decisione.

(2) Fino alla scadenza del termine per la presentazione di una petizione al tribunale o fino al completamento finale del procedimento legale nei confronti di un membro della squadra non può esercitare alcun diritto derivante dalla cessazione dei suoi membri.

§ 621

la decisione del consiglio di espellere un membro e l’incontro del membro la decisione di respingere le obiezioni e confermando la decisione di escludere un membro del secreto dalle raccomandata consegnato nelle mani degli Stati membri per affrontare le quotate.

§ 622

(1) La cooperativa può annullare la decisione di esclusione; la decisione dell’esclusione è decisa dall’organismo cooperativo, che ha il potere di decidere sull’esclusione di un membro.

(2) Sopprimendo l’esclusione, la persona esclusa deve concordare per iscritto. Se la persona esclusa non dà il proprio consenso entro un mese dalla data in cui è stata emessa la decisione di annullare l’esclusione, la decisione di annullare l’esclusione non sarà presa in considerazione; questo non si applica se la persona ha già richiesto per iscritto di annullare la decisione di esclusione.

(3) L’ annullamento della decisione di esclusione può anche essere effettuato nei casi in cui siano in corso procedimenti per una dichiarazione di nullità dell’esclusione di un membro di una squadra.

(4) Se una decisione di escludere annullato o se la riunione ha deciso di appartenenza o il tribunale che i membri dell’opposizione contro la decisione di espulsione è giustificata, vero che l’appartenenza alla cooperativa non è oscurata.

Sezione 5

Rapporto di liquidazione
§ 623

(1) L’ importo di liquidazione è determinato dal rapporto del deposito adempiuto gli obblighi derivanti dall’adesione, che nel periodo di riferimento, l’appartenenza, il contributo Stati verso il deposito aggregato adempiuto il dovere di tutti i membri per depositi membri l’ultimo giorno del periodo contabile.

(2) Per il calcolo dell’importo di liquidazione, il rapporto di cui al paragrafo 1, moltiplicato per il numero di team azionario dopo la sottrazione del fondo di riserva, se ai sensi di altre leggi o regolamenti stabiliti, e la misura in cui ai sensi di altre leggi o statuto, che non può riservare fondo spaccatura tra i membri del team, identificati sul bilancio redatto l’ultimo giorno del periodo contabile in cui appartenenza cessato. L’adesione cessa di esistere fino al 30 giugno del periodo di riferimento, determinato importo di liquidazione dal team azionario l’ultimo giorno del periodo di riferimento precedente, se è così stabilito importo di insediamento più elevato.

§ 624

La commissione di liquidazione è pagabile alla scadenza di 3 mesi dalla data in cui è stato determinato l’ammontare del regolamento in conformità con il § 623.

§ 625

I paragrafi 623 e 624 si applicano se gli statuti non specificano diversamente; lo Statuto sociale non può specificare il termine per il pagamento della quota di regolamento per più di due anni dalla data di cessazione della membership.

§ 626

A meno che lo statuto disponga diversamente, l’importo di liquidazione esclusa membro pagabili entro 1 anno dopo che è stato o potrebbe essere accertata la quantità ai sensi del § 623 o il valore giuridico della decisione del tribunale, il procedimento per quanto riguarda l’invalidità della decisione di espulsione è completato.

§ 627

(1) Se il fallimento del patrimonio del membro è stato annullato, la sua appartenenza alla cooperativa sarà rinnovata; questo non si applica se il fallimento è stato cancellato dopo che l’ordine di liquidazione è stato completato o perché i beni del debitore sono totalmente inadeguati.

(2) L’ amministratore dell’insolvenza rimborsa l’importo della liquidazione versata del debitore alla cooperativa entro 30 giorni dal giorno della decisione del tribunale di annullare il fallimento.

§ 628

(1) Se l’esecuzione della decisione o l’esecuzione delle quote della cooperativa è stata legalmente sospesa, l’affiliazione del debitore nella cooperativa sarà rinnovata.

(2) Una persona che ha ricevuto l’importo indennizzo riconosciuto ai rendimenti di legge entro 30 giorni dalla decisione del tribunale per fermare l’esecuzione o l’esecuzione di quantità di insediamento obbligatori versati alla cooperativa.

Sezione 6

Organi della squadra
Sottosezione 1

Disposizioni generali
§ 629

I corpi della squadra sono

(a) un incontro di membri,

b) il Consiglio di amministrazione,

(c) la commissione di controllo e

(d) altri organismi istituiti dagli statuti.

§ 630

Un membro del corpo cooperativo può essere solo un membro di una squadra.

Sezione 631

Ogni membro della squadra deve avere un voto nel voto dell’organismo cooperativo.

§ 632

Il mandato non può essere più lungo di 5 anni. Il mandato dei membri dell’organo eletto si conclude anche con tutti i suoi membri; questo vale anche per i delegati.

Sezione 633

Non si tiene conto della disposizione degli statuti, della risoluzione degli organismi cooperativi e della negoziazione di contratti in base ai quali un membro della cooperativa concede voti in violazione della presente legge.

§ 634

(1) La linea di condotta di ogni squadra prende il corpo della persona che ha convocato riunioni della cooperativa, PET, che contiene almeno la data, il luogo e l’agenda delle istituzioni ha adottato una risoluzione, i risultati dei membri voto e di opposizione.

(2) L’ allegato al verbale è costituito da un elenco dei membri dell’organo che indica quali dei membri non erano presenti, l’invito per l’audizione e gli altri documenti sottoposti alle cause in esame.

Sottosezione 2

Riunione dei membri
§ 635

Disposizioni introduttive
(1) I membri della cooperativa, il liquidatore e le persone a cui è previsto un diverso regolamento giuridico hanno il diritto di partecipare alle riunioni dei membri.

(2) Un membro deve partecipare a una riunione di persona o di persona. Una procura per la rappresentanza in una riunione dei soci deve essere scritta e deve indicare se è stata rilasciata per la rappresentanza in uno o più incontri dei membri. Nessuno può essere membro di una riunione di un membro di una riunione di più di un terzo di tutti i membri della cooperativa, altrimenti non verrà data alcuna procura alla riunione.

Chiama per le riunioni di appartenenza
§ 636

(1) Il convocatore almeno 15 giorni prima della riunione dei membri pubblica un invito per la riunione dei membri sul sito web della squadra e invia inoltre ai membri presso l’indirizzo indicato nella lista dei membri. Pubblicando un invito, l’invito è considerato consegnato. L’invito deve essere pubblicato sul sito Web fino a quando la riunione non si tiene.

(2) L’ invito include almeno

a) l’ impresa e la sede della cooperativa,

(b) il luogo e l’ora dell’inizio di una riunione del socio; il luogo e l’ora dell’inizio di una riunione del socio devono essere determinati in modo da limitare il meno possibile la possibilità per un membro di partecipare,

(c) indicazione della convocazione di una riunione dei membri o di un membro supplente,

(d) programma di riunione dei deputati;

(e) un luogo in cui il membro può prendere conoscenza con materiale di riferimento su singole questioni del Programma di appartenenza, a meno che non sia allegato all’invito.

§ 637

In caso di modifica dello statuto o di adozione di una risoluzione che comporta una modifica dello statuto, l’invito in allegato comprende anche una bozza di tali emendamenti o una proposta di risoluzione.

§ 638

(1) Il Consiglio di amministrazione convoca una riunione dei soci entro i termini specificati nello Statuto, ma almeno una volta per ciascun periodo contabile.

(2) L’ assemblea dei soci a cui devono essere discussi i bilanci regolari deve essere tenuta entro e non oltre 6 mesi dalla fine del periodo contabile per il quale sono stati redatti gli stati finanziari regolari.

§ 639

(1) Il Consiglio di amministrazione convoca una riunione dei soci ogni volta che è nell’interesse importante della cooperativa.

(2) Il Consiglio di amministrazione convoca una riunione dei membri senza indebito ritardo anche dopo averlo scoperto

a) squadra perdita ha raggiunto un livello tale che le perdite quando il pagamento del team di risorse sarebbe accumulate ammontano al capitale, o può essere in relazione a tutte le circostanze assumono o

b) la cooperativa è fallita o minacciata di fallimento in virtù di un’altra regolamentazione legale,

e propone al membro che adotta l’adozione delle misure correttive necessarie.

(3) Il Consiglio di Amministrazione convoca una riunione di membri se è stato chiesto di controllare commissione o almeno il 10% dei membri del team che hanno almeno un quinto di tutti i voti non determinare se gli statuti di un numero inferiore di membri ammissibili o ridurre il numero di voti necessario o minore numero di membri ammissibili e necessaria di voti.

§ 640

Su richiesta della Commissione di verifica o di membri della squadra ai sensi del § 639 comma. 3, o nell’interesse importanti della cooperativa incontro appartenenza maggio a convocare anche uno o alcuni membri del Consiglio, liquidatore o il controllo di bordo, se deve convocare il Consiglio ai sensi della presente legge o dallo Statuto e non lo ha fatto senza ingiustificato posticipazione dopo l’insorgenza dell’obbligo.

Sezione 641

(1) A meno che la riunione del membro convocato su richiesta dei membri del comitato di revisione o di squadra ai sensi del § 639 paragrafo. 3 da parte del Consiglio in modo da essere tenuta entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta devono essere membri riunione convocata da persone o autorità ai sensi del § 640a

(2) In caso affermativo, tali persone o autorità ai sensi del § 640 non riesce a farlo entro 10 giorni dalla scadenza del termine per la convocazione dell’assemblea dei soci da parte del Consiglio, l’assemblea dei soci di convocare e tutti gli atti ad essa connessi fare una persona di autorizzazione scritta da parte di tutti i membri che sono di convocare gli Stati richiesto l’incontro

§ 642

A meno che non incontro dei membri convocato su richiesta dei membri del comitato di revisione o di squadra ai sensi del § 639 comma 3 del quorum convocato da chi incontro appartenenza convocata, la riunione membro sostitutivo.; ciò non si applica se la Commissione di revisione o le persone di cui all’articolo 639, paragrafo 3, hanno ritirato la loro domanda.

§ 643

Aggiunta del programma di iscrizione
(1) Su richiesta dei membri autorizzati a richiedere la convocazione di una riunione di membri, il Consiglio di amministrazione nomina la questione assegnata loro per il programma di riunione dei soci. Se la richiesta viene ricevuta solo dopo l’invio dell’invito, il Consiglio di Amministrazione informerà i membri della cooperativa durante la riunione. L’obbligo di convocare una nuova riunione non deve essere pregiudicato a meno che la questione oggetto di questa richiesta sia discussa in una riunione conformemente al paragrafo 2.

(2) Le questioni che non sono state incluse nel programma di adesione proposto possono essere discusse solo con la partecipazione e con l’accordo di tutti i membri della cooperativa.

La capacità di un membro di incontrarsi per citare
§ 644

(1) Un’assemblea dei soci può dimettersi se è presente la maggioranza di tutti i membri che hanno la maggioranza di tutti i voti, a meno che la presente legge o lo statuto non richieda la partecipazione di membri con un numero maggiore di voti.

(2) Nel valutare la capacità del numero legale incontro dei membri e l’adozione di risoluzioni, senza riguardo alla presenza e i voti dei membri che non possono esercitare il diritto di voto ai sensi del § 660-662.

§ 645

L’adesione sarà risolta alla maggioranza dei voti dei membri presenti, a meno che la presente legge o lo statuto non richiedano un numero maggiore di voti.

§ 646

Se la risoluzione che sarà adottata dalla riunione dei membri di alcune delle questioni di cui al § 650 comma. 2 è un incontro di membri costituisce il quorum con la presenza di almeno due terzi di tutti i membri e le risoluzioni devono essere adottate da almeno due terzi dei membri presenti.

Riunione per l’iscrizione sostitutiva
§ 647

A meno che la riunione del membro un quorum convoca uno che ha chiamato in origine ha convocato i membri degli azionisti, se è ancora necessaria, senza indugio, la riunione membro sostitutivo lo stesso programma nello stesso modo come i membri inizialmente convocati degli azionisti e di un invito separato.

§ 648

(1) Una riunione di membri sostitutivi può dare le dimissioni, indipendentemente dal numero di membri presenti, a meno che gli statuti non stabiliscano diversamente.

(2) Problemi di non inclusi nel programma proposto di regolare incontro di appartenenza, di essere un incontro membro sostitutivo per decidere solo se sono presenti, e quando c’è un accordo con tutti i membri del team.

Decisione di un incontro dei membri
§ 649

I membri del team hanno il diritto di votare in una riunione dei membri.

§ 650

(1) Ogni membro avrà un voto in una sessione di votazione, a meno che lo statuto stabilisca di avere più voti.

(2) Ogni membro avrà 1 voto, se la riunione del membro decide

a) approvazione della prestazione di assistenza finanziaria,

(b) obblighi di pagamento,

c) lo scioglimento della cooperativa con liquidazione,

(d) la trasformazione della cooperativa,

e) emissione di obbligazioni.

§ 651

Se un liquidatore richiede una riunione alla riunione di un membro, deve sempre essere concesso prima dell’inizio della votazione.

Processo decisionale per rollam
§ 652

(1) Se lo statuto di associazione per Rollam lo consente, la cooperativa o la persona autorizzata a convocare una riunione di membri deve inviare un progetto di decisione a tutti i membri.

(2) Il processo decisionale per Rollam non può essere utilizzato al momento di decidere i delegati.

§ 653

Il progetto di decisione contiene

a) il testo della decisione proposta e la sua motivazione,

(b) il termine per la notificazione delle osservazioni del Membro, come stabilito dallo statuto, altrimenti 15 giorni; è fondamentale per l’inizio della sua corsa consegnare la proposta a un membro,

(c) i documenti giustificativi necessari per la sua accettazione;

d) altre informazioni se gli statuti lo determinano.

§ 654

(1) Se un membro non riesce a consegnare entro il termine di cui all’articolo 653 b) la cooperativa accetta la proposta di risoluzione, non è d’accordo con la proposta.

(2) Se richiesto dalla presente legge di prendere decisioni assemblea dei soci è stato testimoniato da un documento pubblico, una forma di espressione di un membro dei documenti pubblici, che deve indicare il contenuto del progetto di decisione della riunione dei membri, che esprimono preoccupazioni.

(3) La maggioranza deve essere calcolata dal numero totale di voti di tutti i membri della cooperativa.

§ 655

le decisioni dei risultati ai sensi del § 652-654, comprensivo della sua ricezione, informare la persona autorizzata a convocare riunioni modalità previste dalla presente legge e dello Statuto sociale per la convocazione una riunione di membri a tutti i membri senza indugio dalla data della sua adozione.

Scopo dell’incontro
§ 656

Riunione dei membri

a) modifica lo statuto, a meno che non siano modificati da un altro fatto giuridico,

b) elegge e richiama i membri e i supplenti dei membri del Consiglio di amministrazione e dell’Organismo di vigilanza, a meno che un’altra legge preveda che uno o più membri del Comitato di verifica eleggeranno i dipendenti della Cooperativa,

c) determina l’ammontare del compenso del Consiglio di Amministrazione, dell’Organismo di Vigilanza e dei membri degli altri organismi di cooperazione istituiti dallo Statuto, se ha diritto ai sensi dello Statuto Sociale o dei suoi membri a votare e revocare,

d) approva i bilanci regolari, straordinari o consolidati, o bilanci intermedi,

e) approva il contratto di adempimento ai sensi del § 59,

(f) approva la fornitura di assistenza finanziaria,

g) decide sulle obiezioni del membro alla decisione di escluderlo,

h) approva i negoziati avviati per la cooperativa fino alla sua istituzione,

(i) decide sulla distribuzione degli utili o sulla liquidazione della perdita,

j) decide sull’obbligo di pagamento,

k) decide sull’uso del fondo di riserva,

l) decide sull’emissione di obbligazioni,

m) approva il trasferimento o la sospensione della gara o parte di esso che comporterebbe un cambiamento sostanziale nella struttura esistente della gara o un cambiamento sostanziale nell’oggetto o nell’attività della cooperativa,

n) decide sulla conversione della cooperativa,

o) approva l’accordo sulla comunità pacifica e il suo cambiamento e abolizione,

p) approva il contratto per il deposito di adesione aggiuntivo e la sua modifica e cancellazione, a meno che gli statuti stabiliscano che l’assemblea dei soci non lo approva,

q) decide di abolire la cooperativa con la liquidazione,

r) elegge e richiama il liquidatore e decide sulla sua ricompensa,

s) approva la relazione del liquidatore sul caricamento con il saldo di liquidazione,

t) decide su altre questioni che la Legge o lo Statuto affidano alla sua competenza.

§ 657

L’assemblea dei soci può anche decidere su altre questioni non contemplate dalla presente legge o dallo statuto di sua competenza; ciò non si applica se le materie assegnate dalla presente legge sono di competenza del consiglio di amministrazione o del comitato di controllo della cooperativa.

§ 658

Se un incontro membro si riserva il processo decisionale su determinate questioni nella sua portata, non può essere su questo argomento ha deciso allo stesso riunione dei membri in cui una riunione di membri di decidere su alcuni aspetti riservati, a meno che siano su una riunione dei membri cui hanno partecipato tutti i membri del team e tutti sono d’accordo che la questione sarà discussa nel corso della riunione dei soci.

§ 659

(1) La persona che ha convocato una riunione di membro deve registrare la registrazione entro 15 giorni dalla data della riunione del membro. Ogni membro ha diritto a una copia del verbale; se determina lo statuto, deve pagare le spese di cooperazione sostenute in modo oneroso per la sua acquisizione. Il verbale deve essere firmato dalla persona che ha convocato la riunione e, se è stata scritta da un’altra persona, deve firmarla.

(2) La risoluzione di una riunione del socio deve essere certificata da un documento pubblico, se lo è

a) una modifica dello statuto,

b) scioglimento della cooperativa con liquidazione,

c) la conversione della cooperativa,

(d) approvazione del trasferimento o della sospensione di un impianto o di parte di esso che comporterebbe un cambiamento sostanziale nella struttura esistente dello stabilimento o un cambiamento sostanziale nell’oggetto o nell’attività della cooperativa.

§ 660

Un membro non può esercitare i diritti di voto in una riunione membro,

a) se vi è un ritardo nell’adempimento dell’obbligo di deposito per l’adesione,

(b) se una riunione di un membro decide sulle obiezioni di tale membro contro la decisione di escluderlo dalla cooperativa,

c) se una riunione di un membro decide il suo licenziamento come membro di un organismo cooperativo,

(d) se una riunione di un membro decide di concedere assistenza finanziaria in relazione ad essa.

Sezione 661

La limitazione dell’esercizio del diritto di voto ai sensi del § 660 si applica anche alle persone che agiscono di concerto con coloro che non possono esercitare il diritto di voto.

§ 662

L’esercizio del diritto di voto di un membro può essere limitato, escluso o sospeso solo se così previsto dalla legge o da altre normative legali.

Sezione 663

Invalidazione delle risoluzioni di una riunione del membro
(1) Ogni membro della squadra, membro del consiglio di amministrazione o del consiglio di sorveglianza o il liquidatore può far valere la nullità della riunione dei soci ai sensi delle disposizioni del Codice Civile della nullità della riunione dei membri dell’associazione in conflitto con la legge o lo statuto. Se è stato deciso di fuori incontro dei membri, il diritto di presentare una petizione scade dopo tre mesi dalla data in cui il ricorrente ha avuto o potrebbe avere appreso della decisione ai sensi del § 652-655.

(2) In assenza di applicarsi ai sensi del paragrafo 1 entro il termine di legge, o se non viene concessa alcuna domanda di dichiarazione di nullità, non si può forzare la risoluzione, gli Stati riunione ha esaminato a meno che un’altra legge disponga altrimenti.

(3) l’annullamento delle decisioni di altri organi di cooperazione con le persone di cui al paragrafo 1, richiamato solo se tali decisioni sono prese nell’ambito della riunione dei membri; i paragrafi 1 e 2 si applicano mutatis mutandis.

(4) Le disposizioni del paragrafo 1, seconda frase, si applica mutatis mutandis alle decisioni sulle incontri membro parziali con il fatto che il termine per l’esercizio del diritto di presentare una petizione decorre dalla data dell’ultima riunione dei membri parziale.

(5) La ragione per l’invalidazione della risoluzione di un incontro membro è la sua contraddizione con una buona morale.

Riunioni dei membri parziali
§ 664

(1) Lo statuto può stabilire che una riunione dei membri si svolgerà sotto forma di riunioni parziali. In tal caso, lo statuto determinerà

(a) regole per l’inclusione di tutti i membri della cooperativa nelle riunioni dei membri individuali,

(b) il periodo durante il quale si tengono le riunioni dei singoli membri. Non possono trascorrere più di 40 giorni tra la prima e l’ultima riunione parziale, altrimenti non è stata approvata alcuna risoluzione.

(2) Salvo diversa indicazione, le disposizioni della presente legge sulle assemblee dei soci si applicano mutatis mutandis alle riunioni dei membri, alle loro convenzioni, all’adozione di risoluzioni e alla nullità delle risoluzioni.

Sezione 665

(1) Il programma di tutte le riunioni parziali deve essere lo stesso. Il completamento del programma ai sensi dell’articolo 643 non è ammissibile.

(2) La capacità di una riunione di un membro di citare è determinata dal totale dei voti di tutti i membri presenti a tutte le riunioni parziali dei membri.

(3) L’adozione della risoluzione sarà determinata dal totale di tutti i voti espressi in tutte le riunioni parziali dei membri.

Sezione 666

Se avete bisogno di un certificato di adozione decisioni assemblea dei soci un documento pubblico di essere l’adozione di decisioni su ogni riunione sub-membro controllato documento pubblico.

§ 667

(1) Per essere sugli incontri membri parziali per decidere su questioni che colpisce direttamente gli interessi legittimi di un membro della squadra, soprattutto se si deve decidere sui membri dell’opposizione contro la decisione sulla sua espulsione, inviterà il membro per ogni riunione sub-membro un invito scritto e ha il diritto di partecipare alla riunione dei membri parziale, nella parte che lo tocca.

(2) Se un membro di parole prima del voto dei membri in una questione che lo riguarda, gli permettono di esprimere se stessi, soprattutto la sua difesa contro permettendo proposte di respingere l’opposizione e ha confermato la decisione di espulsione.

(3) Le riunioni dei singoli membri di cui al paragrafo 1 sono convocate in modo che il membro interessato abbia un’opportunità realistica di partecipare a ciascuna di esse.

§ 668

I risultati della riunione e di tutte le risoluzioni adottate le riunioni associative parziali interamente e senza ritardi pubblicano l’annuncio consiglio come pubblicato per almeno 60 giorni dalla data dell’ultima riunione dei membri parziale nelle bacheche della cooperativa.

Assemblee di delegati
§ 669

(1) Lo statuto può stabilire che l’assemblea di un membro si riunisca in tutto o in parte all’assemblea dei delegati; in questo caso, determinare gli statuti

a) il campo di applicazione dell’Assemblea dei delegati;

(b) regole per l’inclusione di tutti i membri della cooperativa nei singoli collegi elettorali dei delegati (di seguito “la circoscrizione”).

(2) Se lo Statuto non definisce la portata dell’Assemblea dei Delegati, l’Assemblea dei Delegati eserciterà la piena partecipazione all’Assemblea dei Soci e l’Assemblea dei Soci non sarà chiamata.

§ 670

(1) All’assemblea dei delegati è vietato istituire una cooperativa di meno di 200 membri.

(2) 90 giorni dopo la data in cui il numero dei soci è scesa al di sotto della soglia di cui al paragrafo 1 cessa arrangiamenti statuto efficienza Assemblea dei delegati e funzione termina tutti i delegati. La riunione dei membri più vicina convocata dopo la scadenza del termine di cui agli articoli 636 e 640, prima frase, deve rendere gli statuti conformi alla presente legge.

(3) Il paragrafo 2 non si applica se la diminuzione del numero di membri entro il limite di cui al paragrafo 1 è durata meno di 90 giorni.

Sezione 671

(1) I distretti elettorali devono essere creati e cancellati dal Consiglio di amministrazione secondo le regole stabilite nello Statuto.

(2) Ogni membro del team è assegnato a uno dei collegi elettorali. Nessuno può essere incluso in più distretti elettorali.

(3) Lo statuto determina il modo in cui i membri sono inclusi nei singoli collegi elettorali.

Formazione e cessazione della funzione di delegato
§ 672

(1) Un delegato tra i membri inclusi in questo collegio elettorale sarà eletto per ciascuna circoscrizione.

(2) Il Delegato eleggerà e richiamerà i membri del rispettivo distretto elettorale. Nell’elezione e rimozione del Delegato, ciascun membro ha un voto, a meno che lo Statuto non stabilisca che ha un numero di voti maggiore; il diritto di voto per un delegato ha anche un membro della cooperativa che è in ritardo con l’adempimento dell’obbligo di deposito.

Sezione 673

(1) Un membro della delegazione eletto nella circoscrizione esiliata sarà esonerato dall’estinzione della circoscrizione.

(2) Per l’elezione e la rimozione di un delegato, le sezioni da 631 a 634 si applicano mutatis mutandis.

(3) L’ elezione dei delegati deve essere assicurata e organizzata dal Consiglio di amministrazione.

§ 674

(1) Un delegato deve essere eletto per un mandato specificato dallo statuto, che non può superare i 5 anni.

(2) Se lo statuto non prevede la durata del mandato in conformità con la presente legge, il mandato ha una durata di 5 anni.

(3) La funzione del Delegato cesserà con l’elezione di un nuovo Delegato, ma al più tardi l’ultimo giorno del suo mandato.

§ 675

(1) Il Delegato può essere rimosso dal suo incarico in qualsiasi momento.

(2) Il Delegato può recedere dall’incarico con una dichiarazione scritta. La funzione del delegato scade consegnando una dichiarazione al seggio della cooperativa.

§ 676

Il cambiamento del numero di membri inclusi nei singoli collegi elettorali non comporta la cancellazione dei delegati esistenti o nella detenzione di nuovi delegati elettorali.

Sezione 677

Delega diritti e doveri
(1) Il Delegato eserciterà il suo ufficio di persona.

(2) Il Delegato agirà in conformità con gli interessi dei membri inclusi nella circoscrizione in cui è stato eletto.

(3) Un delegato informa i membri della convocazione dell’Assemblea dei delegati, la proposta di programma di Assemblea dei delegati e cercare la loro guida e di agire in conformità con il parere della maggioranza dei membri.

(4) Il Delegato informa i membri in merito ai progressi e alle risoluzioni di ciascuna Assemblea dei Delegati e fornisce loro tutti i documenti e le informazioni pertinenti per la consultazione.

Elenco dei delegati
§ 678

(1) Il team mantiene un elenco di delegati.

(2) Il nome e l’indirizzo del delegato, o altro indirizzo per la consegna, che è designato da lui, la data di nascita e il giorno e il motivo per la cessazione delle sue funzioni, devono essere inseriti nell’elenco dei delegati.

(3) Un membro ha il diritto di ispezionare ed estrarre copie ed estratti dall’elenco dei delegati.

§ 679

(1) Il Delegato ha il diritto di ispezionare l’elenco e richiedere l’emissione di un certificato relativo alla sua funzione e il contenuto della sua iscrizione nell’elenco dei membri. Lo statuto può stabilire che un delegato che richiede che questo certificato sia emesso più di una volta all’anno rimborsa alla cooperativa i relativi costi.

(2) I dati inseriti nell’elenco dei delegati possono essere utilizzati dalla cooperativa solo per le loro esigenze in relazione ai membri della cooperativa. Per altri scopi, questi dati possono essere utilizzati solo con il consenso dei delegati a cui si riferiscono i dati.

§ 680

(1) Il team rilascerà a ciascuno di richiesta scritta del suo membro di rimborso e copiare l’elenco dei delegati o l’elenco dei componenti utilizzati, senza indebito ritardo dopo il ricevimento della richiesta.

(2) Il Consiglio di amministrazione consentirà a tutti di esaminare la parte rilevante della lista, se un interesse legittimo alla ispezione o dimostrare il consenso scritto del delegato, che la registrazione si riferisce; la firma del delegato deve essere ufficialmente verificata.

§ 681

I dati sull’elenco dei delegati, compresi tutti i loro cambiamenti, saranno conservati dalla cooperativa per 10 anni dalla data di cessazione delle funzioni della persona a cui si riferiscono i dati.

§ 682

(1) I delegati e i delegati supplenti hanno l’obbligo di partecipare alle riunioni dei delegati se rappresentano delegati assenti.

(2) I membri del Consiglio di Amministrazione e del Consiglio di Sorveglianza, il liquidatore e le persone stabilite in un altro regolamento legale o dallo statuto hanno anche il diritto di partecipare all’Assemblea dei Delegati.

(3) Se una delle persone di cui al paragrafo 2 richiede una parola, questa viene concessa prima dell’inizio della votazione.

Sezione 683

(1) Se l’Assemblea dei delegati per decidere sulla questione, che colpisce direttamente gli interessi legittimi degli Stati, soprattutto se si deve decidere sui membri dell’opposizione contro la decisione sulla sua espulsione, inviterà il membro all’Assemblea dei delegati invito scritto lo mandò l’indirizzo di residenza elencato nella lista dei membri; il membro ha il diritto di partecipare all’Assemblea dei delegati nella parte che la riguarda.

(2) Se un membro di cui al paragrafo 1 della parola prima del voto dei delegati in una questione che lo riguarda, gli permettono di esprimere se stessi, soprattutto la sua difesa contro permettendo al movimento per respingere l’opposizione e ha confermato la decisione di espulsione.

§ 684

Diritti di voto
(1) Solo i delegati e i supplenti di tali delegati hanno diritto a votare sulle riunioni dei delegati se rappresentano delegati assenti.

(2) Ciascun delegato avrà tanti voti quanti quanti i membri del distretto elettorale in cui è stato eletto quando discuterà la questione non specificherà diversamente gli statuti. In questa procedura, il numero decisivo di membri inclusi nella circoscrizione è il settimo giorno precedente alla data in cui è convocata l’assemblea dei delegati; le successive modifiche del numero dei membri e dei loro voti saranno ignorate.

Convocazione delle riunioni dei delegati
§ 685

(1) Il Consiglio di Amministrazione convoca l’assemblea dei delegati, se è stato chiesto di controllare comitato o il 10% dei delegati eletti, le prestazioni della data di ricezione della richiesta al Consiglio non è morto, non determinare se gli statuti minore numero dei delegati autorizzati.

(2) Su richiesta del comitato di revisione o delegati di cui al paragrafo 1 o importanti interessi della squadra può radunare i delegati si riuniscono almeno un terzo dei membri del Consiglio, liquidatore o scheda di controllo, se si dovrebbe convocare un consiglio di amministrazione e non l’ha fatto senza ingiustificato ritardo dopo l’obbligo sorto .

§ 686

(1) A meno che l’Assemblea dei delegati convocato su richiesta della Commissione di controllo, o delegati ai sensi del § 685 par. 1 e Consiglio di Amministrazione che si terrà entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta, convoca la persona o l’organismo di cui § 685 par. 2 °

(2) Se tale persona fisica o giuridica di cui al § 685 par. 2 non lo fa entro 10 giorni dalla scadenza del termine per la convocazione dell’Assemblea dei Delegati del Consiglio di Amministrazione, l’Assemblea dei delegati si riuniscono e tutti gli atti ad essa connessi fanno una persona di autorizzazione scritta di delegati che hanno chiamato per un incontro di delegati.

§ 687

Se l’Assemblea dei delegati non è convocata su richiesta della Commissione di controllo o dei delegati ai sensi dell’articolo 685, paragrafo 1, il gruppo chiamante è tenuto a convocare un’assemblea sostitutiva di delegati; ciò non si applica se il consiglio di sorveglianza oi delegati di cui alla sezione 665 (1) hanno ritirato la richiesta.

Invito all’assemblea dei delegati
§ 688

(1) La persona o l’organo competente annuncia la convocazione dell’Assemblea dei delegati con un invito scritto rivolto a tutti i delegati all’indirizzo del delegato, come elencato nei delegati.

(2) Se il Delegato ha notificato per iscritto un indirizzo di consegna diverso, gli sarà inviato un invito all’indirizzo di consegna.

(3) Un invito all’assemblea dei delegati deve essere ulteriormente pubblicato sulla scheda informativa cooperativa; lo statuto può specificare un altro modo appropriato di pubblicazione.

§ 689

(1) L’ invito include almeno

a) l’ impresa e la sede della cooperativa,

(b) il luogo e l’ora dell’assemblea dei delegati; il luogo e l’ora dell’assemblea dei delegati devono essere determinati in modo tale da ridurre al minimo la possibilità per il delegato di partecipare,

(c) la designazione della convocazione delle riunioni delle delegate o dei delegati alternativi e

(d) programma delle riunioni dei delegati.

(2) L’invito deve essere accompagnato da tutto il materiale di base sulle singole questioni dell’Assemblea dei Delegati.

(3) La cooperativa è obbligata a informare i suoi membri sulla possibilità di conoscere tutti i documenti relativi alle singole questioni del programma dell’Assemblea dei delegati.

§ 690

Complementare al programma di assemblaggio dei delegati
(1) Su richiesta di un’autorità o dei delegati autorizzati a richiedere la convocazione di una riunione di delegazione, il Consiglio di amministrazione assegna la questione loro assegnata all’ordine del giorno dell’Assemblea dei delegati. Se la richiesta viene ricevuta dopo l’invio dell’invito, il Consiglio di amministrazione informa i delegati presenti alla riunione dei delegati convocata. L’obbligo di convocare una nuova Assemblea dei delegati non è quindi influenzato.

(2) Il programma di assemblaggio dei delegati non può essere modificato dopo aver inviato gli inviti.

§ 691

(1) Per valutare la capacità della Assemblea dei delegati quorum e il numero di voti necessari per adottare contare risoluzione solo i voti dei delegati, la cui performance alla data della Assemblea dei delegati prende.

(2) La capacità dei delegati quorum non incide il fatto che in una o più circoscrizioni non è la data dell’Assemblea dei delegati delegato eletto; ciò non si applica se il Consiglio di amministrazione sapeva che nessun delegato era stato eletto in uno o più collegi elettorali e che i membri inclusi in quei distretti non ne avevano informato.

§ 692

I delegati è un numero legale se la maggioranza assoluta dei delegati aventi un totale di almeno la maggioranza dei voti non richiede che la legge o la presenza di delegati con il più alto numero di voti.

§ 693

L’assemblea dei delegati delibera a maggioranza dei voti dei delegati presenti, a meno che la presente legge o lo statuto non richiedano un numero maggiore di voti.

§ 694

Se deve essere adottato la risoluzione dell’Assemblea dei delegati su una delle questioni di cui al § 650 comma. 2, l’Assemblea dei delegati deve essere raggiunto un quorum se la partecipazione di delegati in rappresentanza di almeno due terzi dei membri della cooperativa, e la risoluzione da adottare da delegati in rappresentanza di almeno due dei membri rappresentati all’Assemblea.

Assemblea alternativa dei delegati
§ 695

A meno che i delegati di un quorum, convoca colui che ha convocato l’Assemblea dei Delegati della originale, se ancora necessario, senza indebito ritardo, risparmiare i delegati lo stesso programma nello stesso modo come il gruppo originale di delegati e di un invito separato.

§ 696

Un’assemblea sostitutiva di delegati è in grado di citare se è presente almeno il 10% di tutti i delegati eletti, almeno 5 delegati.

Incontro dei delegati
§ 697

Ogni membro ha il diritto di rilasciare una copia del verbale dell’Assemblea delle riunioni dei delegati, di tutti gli allegati e del materiale di base per i delegati; se determina lo statuto, deve pagare le spese di cooperazione sostenute in modo oneroso per la sua acquisizione.

§ 698

I risultati della riunione e di tutte le risoluzioni adottate interamente e senza ritardi pubblicano l’annuncio consiglio come pubblicato per almeno 60 giorni dalla data dell’Assemblea dei delegati nelle bacheche della cooperativa.

Delegato sostituto
§ 699

Lo statuto può stabilire che, oltre a un delegato, venga eletto anche un sostituto sostitutivo. Solo un delegato sostitutivo può essere eletto per delegato.

§ 700

(1) Nell’esercizio della sua funzione, il sostituto delegato ha gli stessi diritti e doveri del delegato. Se un delegato non può partecipare a un assemblea di delegazione, può partecipare e votare al suo sostituto. Le disposizioni della presente legge sui delegati si applicano mutatis mutandis ai delegati supplenti.

(2) Un delegato che non può partecipare all’Assemblea dei Delegati informa il suo / la suo supplente della convocazione dell’Assemblea dei Delegati.

(3) Se lo Statuto Sociale lo prevede, il Sostituto sostituto deve essere informato indipendentemente dal delegato della convocazione dell’Assemblea dei Delegati.

§ 701

Il giorno in cui il Delegato viene risolto, il suo sostituto diventa un Delegato per il resto del mandato per il quale è eletto il Delegato i cui doveri sono cessati.

Invalidità delle risoluzioni dell’Assemblea dei delegati
§ 702

(1) Ogni membro, liquidatore o di un membro del Consiglio o della Commissione di revisione può invocare la nullità di una risoluzione da parte dell’Assemblea dei delegati del codice civile che disciplinano l’annullamento della delibera, membro Meeting Associazione per contrasto con la legge o lo statuto.

(2) In assenza di applicarsi ai sensi del paragrafo 1 entro il termine di legge, o in mancanza di domanda di dichiarazione di nullità accolto, non la validità delle deliberazioni dell’Assemblea dei delegati già in esame, a meno che un’altra legge disponga altrimenti.

(3) La ragione per l’invalidazione della risoluzione dei delegati è anche la sua contraddizione con le buone maniere.

§ 703

La risoluzione dell’Assemblea dei delegati non è nulla solo per la ragione

a) l’ inclusione dei membri nelle circoscrizioni elettorali è stata fatta in violazione della presente legge o dello statuto della cooperativa,

(b) nessun delegato o supplente è eletto in uno o più collegi elettorali alla data dell’Assemblea dei Delegati,

c) il delegato supplente potuto partecipare alla Assemblea dei delegati perché era un delegato per l’Assemblea dei delegati non hanno partecipato la sua convocazione informato o

d) il delegato agisce in contraddizione con le risoluzioni dei membri inclusi nella circoscrizione per la quale è stato eletto.

§ 704

Per l’assemblea dei delegati si applicano mutatis mutandis l’articolo 44, paragrafi 1, 637-639, 656, 657 e 659.

Sottosezione 3

Consiglio di amministrazione
§ 705

L’organo statutario della cooperativa è il consiglio di amministrazione.

§ 706

(1) Il Consiglio di amministrazione è responsabile della gestione della cooperativa.

(2) Il Consiglio di amministrazione deve soddisfare le risoluzioni di una riunione dei soci a meno che non sia contrario alla legge.

§ 707

Il Consiglio di amministrazione assicura una corretta contabilità, presenta una proposta di distribuzione degli utili o di regolamento delle perdite al fine di approvare il bilancio e in conformità con lo Statuto.

§ 708

(1) Il Consiglio di amministrazione è composto da tre membri, a meno che lo Statuto non stabilisca un numero più elevato di membri.

(2) Il Consiglio di Amministrazione elegge il suo presidente e, se necessario, uno o più Vice-Presidenti, a meno che lo Statuto non stabilisca che essi sono eletti da una riunione di membri.

(3) Il Consiglio di amministrazione decide a maggioranza di tutti i suoi membri, a meno che lo statuto non determini il numero di voti richiesto.

§ 709

Verbale della riunione del Consiglio di amministrazione
(1) Il verbale della riunione del Consiglio di amministrazione e le sue decisioni sono prese dal verbale firmato dal presidente e dal cancelliere; la lista di iscrizione è una lista di persone presenti.

(2) Il verbale menziona, in particolare, i membri del Consiglio di amministrazione che hanno votato contro risoluzioni individuali o si sono astenuti; si ritiene che i membri non elencati abbiano votato per l’adozione della risoluzione.

(3) Ogni membro del Consiglio di amministrazione ha il diritto di emettere una copia del verbale.

§ 710

Divieto di un membro del Consiglio di amministrazione
(1) Un membro del Consiglio di amministrazione non può esercitare l’attività di una cooperativa, neppure a beneficio di altre persone, né mediare le attività di cooperazione per un’altra.

(2) Membro del Consiglio deve essere un membro del corpo di legge di un altro soggetto giuridico con la stessa attività o di persone in una posizione simile, a meno che non si tratta di una società, associazioni o cooperative di proprietari i cui membri sono le uniche altre squadre.

(3) Un membro del Consiglio di amministrazione non può agire contemporaneamente a un membro del comitato di controllo cooperativo o ad un’altra persona autorizzata a cooperare in base alla registrazione nel registro delle imprese.

(4) Lo statuto o le risoluzioni di una riunione dei membri possono determinare ulteriori restrizioni.

Sezione 711

(1) Un membro del Consiglio di Amministrazione informerà la Cooperativa in anticipo sulle circostanze di cui alla Sezione 710.

(2) Se i fondatori nella creazione di una cooperativa o un incontro di appartenenza al momento della elezione del Consiglio di Amministrazione Membro del Consiglio una qualsiasi delle circostanze ai sensi del § 710 espressamente consigliato o sorti in seguito, quando un membro del consiglio della sua comunicazione scritta si considera che questo membro del consiglio l’attività coperta dal divieto non è proibita. Ciò non si applica pronunciato se uno dei membri fondatori incontro o la disapprovazione di tali attività entro un mese dal giorno era le circostanze ai sensi del § 710 notificato.

§ 712

(1) La funzione di membro del Consiglio di amministrazione scade anche con l’elezione di un nuovo membro del Consiglio di amministrazione, a meno che la decisione dell’assemblea non sia diversa.

(2) Se la persona giuridica, che è membro del Consiglio di amministrazione, con il successore legale cessa di diventare un membro del Consiglio di amministrazione, il suo successore legale.

(3) Se una persona giuridica che è membro del Consiglio di amministrazione cessa senza un successore legale, i paragrafi 713 e 714 si applicano mutatis mutandis.

§ 713

In caso di morte di un membro del consiglio di amministrazione, dimissioni, licenziamento o cessazione delle sue funzioni, la prossima riunione dei membri del nuovo membro del consiglio. A meno che il motivo di cui al primo periodo, il Consiglio di Amministrazione in grado di svolgere le sue funzioni, nomina i membri mancanti della corte in merito alla proposta della persona su un interesse legittimo, per il periodo fino al membro assente regolarmente eletto o membri, altrimenti ufficio del giudice la cooperativa annulla e ordina la sua liquidazione.

§ 714

Lo statuto può stabilire che il Consiglio di amministrazione il cui numero di membri non sia sceso al di sotto della metà può nominare membri supplenti alla successiva riunione dei membri. Lo Statuto può anche determinare l’elezione dei supplenti che assumono una posizione vacante come membri del Consiglio di amministrazione nell’ordine in cui sono nominati.

Sottosezione 4

Commissione di controllo
§ 715

(1) Il Comitato di verifica controlla tutte le attività della cooperativa, discute i reclami dei membri e può richiedere qualsiasi informazione e prova di gestione cooperativa.

(2) Nell’esercizio della sua competenza, il Comitato di verifica è indipendente dagli altri organismi di cooperazione.

§ 716

(1) Il Comitato di verifica esprime un parere scritto su ogni scheda finanziaria, sulla proposta di distribuzione degli utili o sul pagamento delle perdite cooperative e su una proposta di decisione sul pagamento delle tasse dei membri.

(2) Il consiglio delle autorità di vigilanza comunica al consiglio di amministrazione le carenze individuate e sorveglia il rimedio.

§ 717

Il Consiglio di amministrazione, gli altri organismi cooperativi e il Procuratore comunicano senza indebito ritardo al Comitato di verifica qualsiasi fatto che possa avere conseguenze significative sulla gestione o sullo status della cooperativa o dei suoi membri.

§ 718

(1) Un membro del Comitato di verifica autorizzato a farlo ha il diritto di partecipare alle riunioni del Consiglio di amministrazione e di ogni altro organismo della cooperativa istituito dallo Statuto. Se nessun membro del Comitato di verifica è autorizzato, il Presidente avrà il diritto di partecipare alla riunione del Consiglio di amministrazione o di qualsiasi altro organismo della cooperativa istituito dallo Statuto.

(2) Il consiglio di amministrazione deve informare il comitato di audit in anticipo di ogni riunione del consiglio di amministrazione.

§ 719

Il Comitato di verifica determinerà, se necessario, il suo membro che rappresenta la cooperativa nei procedimenti dinanzi ai tribunali e altri organi contro un membro del Consiglio di amministrazione.

§ 720

(1) Il Comitato di verifica ha tre membri, a meno che lo Statuto non stabilisca un numero più elevato di membri.

(2) La Commissione di controllo elegge il proprio presidente e, se del caso, uno o più vicepresidenti, a meno che lo statuto non decida di essere eletti in una riunione.

(3) La Commissione di revisione decide a maggioranza di tutti i suoi membri, a meno che lo Statuto non stabilisca il numero di voti richiesto.

Sezione 721

Registrazione dei lavori del comitato di audit
(1) Il verbale del procedimento della Commissione di revisione contabile e le sue decisioni sono prese a verbale firmato dal presidente e dal cancelliere; la lista di iscrizione è una lista di persone presenti.

(2) Il verbale indicherà in particolare i membri del Comitato di verifica che hanno votato contro risoluzioni individuali o si sono astenuti; si ritiene che i membri non elencati abbiano votato per l’adozione della risoluzione.

(3) Ogni membro del Comitato di verifica ha il diritto di emettere una copia del verbale.

§ 722

Divieto di concorrenza da parte di un membro della Commissione di controllo
(1) L’ articolo 710, paragrafi 1, 2 e 4, e la sezione 711 si applicano mutatis mutandis a un membro della commissione di controllo. Lo statuto può stabilire che i membri della Commissione di revisione contabile o alcuni di essi non applicano il divieto di concorrenza o potrebbero limitare in altro modo il divieto di concorrenza.

(2) Un membro del Consiglio di vigilanza non può agire contemporaneamente a un membro del consiglio di amministrazione della cooperativa oa un’altra persona autorizzata a cooperare in base alla registrazione nel registro delle imprese.

Sezione 723

(1) La funzione di membro del Comitato di controllo scade anche con l’elezione di un nuovo membro del Comitato di verifica.

(2) Se una persona giuridica che è membro della Commissione di audit cessa di essere un successore legale, diventa membro della Commissione di audit come suo successore legale.

(3) Se una persona giuridica che è membro della Commissione di vigilanza cessa di esistere senza un successore legale, la Sezione 724 e l’Articolo 725 si applicano mutatis mutandis.

§ 724

In caso di cessazione della funzione di membro del comitato di revisione eletto da una riunione di membro, viene eletta la successiva riunione del nuovo membro del comitato di revisione.

§ 725

Lo statuto può stabilire che la Commissione di controllo, il cui numero di membri non sia sceso al di sotto della metà, può nominare membri supplenti alla successiva riunione dei membri. Lo statuto può anche determinare la scelta dei sostituti che assumono una posizione vacante come membro del Comitato di verifica in un ordine specifico.

Sottosezione 5

I corpi della piccola cooperativa
§ 726

(1) Il team, che ha meno di 50 membri, lo statuto può prevedere che il Consiglio di Amministrazione non ha istituito un organo statutario del presidente della cooperativa; le disposizioni delle sezioni da 705 a 714 si applicano mutatis mutandis.

(2) La Commissione di vigilanza non può costituire in una cooperativa con meno di 50 membri, a meno che lo statuto non disponga altrimenti. Se la Commissione di revisione non è istituita o se lo Statuto non è specificato diversamente, l’Assemblea dei soci eserciterà la propria competenza; ogni membro della cooperativa ha la stessa competenza del comitato di controllo nei confronti dell’organo statutario della cooperativa.

(3) Se il numero dei componenti aumenta al di sopra della soglia di cui al paragrafo 1, il team è costretto a cambiare la Costituzione e nominare un consiglio di amministrazione e comitato di revisione entro 3 mesi dalla data in cui si è verificato l’evento, altrimenti il giudice può revocare la cooperativa e ordinare la sua liquidazione; ciò non si applica se il numero di membri della cooperativa scende al di sotto del limite di cui al paragrafo 1 entro tale periodo.

Parte 2

Cooperativa abitativa
Disposizioni di base
§ 727

(1) Una cooperativa edilizia può essere costituita solo allo scopo di assicurare le esigenze abitative dei suoi membri.

(2) Una cooperativa edilizia può amministrare case con appartamenti e locali non residenziali di proprietà di altri.

(3) associazione di alloggiamento può, alle condizioni di seguito previste operare un’altra attività se non pregiudichi soddisfare le esigenze abitative dei suoi membri e questa attività è relativa all’attività conformemente ai paragrafi 1 e 2 è solo carattere accessorio o secondario.

§ 728

L’azienda contiene il termine “cooperativa edilizia”.

§ 729

Appartamento cooperativo e spazio cooperativo non residenziale
(1) L’ appartamento cooperativa o spazio non residenziale cooperativo (di seguito denominato “appartamento cooperativa”) significa un appartamento o locale commerciale, che si trova in un edificio di proprietà o cooperative edilizie in comproprietà, o che è di proprietà o co-proprietà di cooperative e housing association l’ha fornita al membro di una cooperativa di alloggi che lui stesso o il suo predecessore legale hanno partecipato all’acquisizione da parte di un socio.

(2) una cooperativa mezzi piatti e appartamento sull’acquisizione di proprietà posseduta da un’altra persona è un membro di una cooperativa edilizia, che è un conduttore dell’appartamento, o il suo predecessore, aiutato suo contributo membro nella costruzione di abitazioni cooperativa di normativa precedente, e del quale Egli ha il diritto di adeguata servitù housing association fornire ai suoi membri il diritto di utilizzare il piatto sotto le condizioni stabilite per l’uso del piatto. La prima frase si applica anche se il diritto corrispondente alla servitù è stato trasferito al locatario come risultato della cessazione della partecipazione in una cooperativa edilizia.

§ 730

cooperativa edilizia non può cambiare l’oggetto della loro attività e diventare diverso Housing Association, a meno che non un singolo membro della sua cooperativa appartamento inquilino non è di proprietà di cooperative di abitazione o dallo Statuto qualsiasi membro sorgono dopo l’adempimento di tutte le condizioni, il diritto di concludere un contratto per l’affitto dell ‘appartamento.

§ 731

(1) Lo statuto della cooperativa edilizia, oltre alle disposizioni della sezione 553, contiene anche

a) le condizioni alle quali un membro di un’associazione abitativa ha il diritto di stipulare un contratto di locazione per un appartamento cooperativo;

b) il trattamento più dettagliata dei diritti e degli obblighi dei membri delle cooperative di abitazione associate con il diritto di concludere un contratto per l’affitto di un appartamento di cooperativa e dei diritti e doveri dei membri delle cooperative di abitazione associate con l’uso di appartamento cooperativa. Questi diritti e doveri diventano la data della loro creazione da parte dei diritti e degli obblighi di un membro derivante dall’appartenenza ad una cooperativa edilizia.

(2) Per modificare le richieste di modifica statuto di cui al paragrafo 1 richiede il consenso di tutti i membri del team che sono con la squadra ha concluso un contratto di locazione per un appartamento cooperativa e che sono sotto l’attuale formulazione degli statuti il diritto di concludere un contratto per affittare l’appartamento.

§ 732

Aumento di una quota associativa base in una cooperativa edilizia da parte di un socio
Aumento del contributo dei membri è un membro a pagamento in una cooperativa edilizia consentita solo se decisa dall’assemblea soci e accetta che tutti i membri di cooperative di abitazione, gli inquilini che sono cooperativa edilizia; l’approvazione di un membro deve essere scritta, con una firma autenticata ufficialmente.

Iscrizione in una cooperativa edilizia
§ 733

(1) I statuto può stabilire che una condizione per l’adesione nella custodia ricevuta di cooperativa o di deposito adempimento dell’obbligo di un altro deposito membro la cui quantità o il metodo di determinazione è previsto negli articoli; in tal caso, un contratto deve essere stipulato ai sensi dell’articolo 572, paragrafo 2, con il candidato all’adesione.

(2) I diritti e gli obblighi dei membri delle cooperative di abitazione derivanti dall’appartenenza alla cooperativa hanno inoltre diritto a stipulare un contratto per l’affitto di un appartamento di cooperativa alle condizioni stabilite dalla Costituzione e dei diritti e degli obblighi derivanti dal presente contratto.

§ 734

(1) La cooperativa edilizia o più membri collettivi di cooperative di abitazione, con la cui appartenenza è legata ad affittare un appartamento o una cooperativa di locazione congiunta di un appartamento di cooperativa, essere esclusi dalla squadra.

(a) se il locatario viola gravemente il suo obbligo derivante dal leasing, o

b) l’inquilino in caso di condanna per un reato intenzionale contro una squadra o una persona che abita nello stesso edificio in cui l’appartamento nájemcův o contro le attività estere che si trovano in questa casa.

(2) Le disposizioni del Codice Civile sulla cessazione del canone non si applicano al noleggio di un appartamento cooperativo.

(3) In caso di risoluzione di appartenenza a una cooperativa edilizia termina anche il diritto di stipulare un contratto per l’affitto di un appartamento di cooperativa, o il noleggio piatta. Il diritto di una cooperativa edilizia di adempiere all’obbligo di deposito cessa di esistere; il diritto all’interesse di mora non è influenzato. Questo non si applica al trasferimento o al trasferimento di una quota cooperativa.

§ 735

(1) Lo statuto può limitare o escludere l’appartenenza a una persona giuridica in una cooperativa edilizia.

(2) Se gli statuti limitano o escludono l’appartenenza di una persona giuridica in una cooperativa edilizia, questo cambiamento non comporterà l’annullamento di appartenenza di una persona giuridica, che è diventato un membro di una cooperativa edilizia prima del cambiamento degli statuti.

§ 736

Trasferimento della quota cooperativa nella cooperativa edilizia
(1) La trasferibilità delle azioni dei membri di una cooperativa edilizia non può essere limitata o rinuncia se l’acquirente deve essere una persona che soddisfa le condizioni per l’adozione dello Statuto sociale come membro di una cooperativa edilizia.

(2) Il trasferimento di azioni cooperative, con il quale è stato associato locazione appartamento cooperativa o il diritto di stipulare un contratto per l’affitto di un appartamento di cooperativa, il trasferimento del contratto di locazione di un appartamento di cooperativa, o di un contratto di diritti di trasferimento per l’affitto di un appartamento di cooperativa, compresi tutti i diritti e gli obblighi ad esso correlate, compresi tutti i debiti del cedente nei confronti del cooperativa edilizia residenziale e dei debiti nei confronti del cedente che riguardano l’uso di appartamento cooperativa del cedente o del diritto di stipulare un contratto per l’affitto di un appartamento di cooperativa secondo le condizioni specificate statuti.

§ 737

Trasferimento della quota cooperativa nella cooperativa edilizia
(1) L’erede cooperativo trasferisce il contratto di affitto dell’appartamento cooperativo o il diritto di concludere il contratto di locazione, inclusi i diritti e gli obblighi ad esso connessi.

(2) La quota cooperativa, che era nella proprietà comune dei coniugi, passa al coniuge superstite; questo sarà preso in considerazione nel regolamento dell’eredità.

§ 738

Distribuzione della quota cooperativa nella cooperativa edilizia
(1) La distribuzione della quota cooperativa in una cooperativa edilizia non può limitare o escludere lo Statuto.

(2) La divisione di una quota cooperativa in una cooperativa edilizia è possibile solo se il socio è l’inquilino di almeno due abitazioni cooperative; La sezione 601 si applica mutatis mutandis. La distribuzione della quota cooperativa sarà effettuata innanzitutto tramite l’adempimento dell’obbligo di deposito per il contributo base dell’appartenenza dell’acquirente della quota cooperativa distribuita.

(3) Quando si divide una quota cooperativa e del trasferimento o di credito porzioni formate dividendo in conformità del paragrafo 2, si determina con quale delle nuove unità cooperativa è che lasciando piatta.

Iscrizione congiunta di coniugi in una cooperativa edilizia
§ 739

(1) L’ affiliazione congiunta di coniugi in una cooperativa di alloggi si verifica se la quota di partecipazione fa parte della proprietà congiunta dei coniugi.

(2) L’ affiliazione congiunta dei coniugi deve essere risolta con la liquidazione del patrimonio comune dei coniugi o entro la scadenza del termine per il suo regolamento ai sensi del codice civile.

§ 740

La decisione sull’esclusione dei membri comuni viene consegnata separatamente a ciascuno dei coniugi. Ciascuno dei membri comuni ha il diritto di opporsi alla decisione indipendentemente dalla volontà dell’altro coniuge.

Affitto di appartamento cooperativo e spazio cooperativo non residenziale
§ 741

(1) Salvo diversa disposizione, le disposizioni del codice civile che disciplinano il noleggio di appartamenti e locali non residenziali si applicano al noleggio di un appartamento cooperativo.

(2) Le condizioni per la conclusione del contratto di locazione per l’affitto di un appartamento di cooperativa ai sensi del codice civile o dallo statuto si applicano anche ai membri la cui appartenenza a una cooperativa edilizia è stato istituito trasferimento delle azioni di cooperazione.

§ 742

In particolare, un comproprietario ha diritto

a) un contratto per l’affitto di un appartamento di cooperativa a tempo indeterminato, la cui acquisizione lui o il suo predecessore ha partecipato in un altro palo membro se soddisfa gli altri requisiti della presente legge e gli statuti, e

b) per determinare l’affitto associato all’uso di un appartamento cooperativo ai sensi della Sezione 744.

§ 743

cooperativa edilizia concludere con un membro che soddisfi tutte le condizioni previste dalla legge e statuti per l’appartenenza a una cooperativa edilizia, e non verso la cooperativa residenziale di default con l’esercizio delle sue funzioni, un contratto di locazione appartamento cooperativa e gli permettono l’uso del piano entro 30 giorni dal ricevimento di occupazione acconsentire all’utilizzo dell’edificio in cui si trova l’appartamento cooperativo, la cooperativa edilizia.

§ 744

Utenti che gli inquilini di appartamenti cooperative, pagati in affitto bytovému squadra solo i costi ragionevoli di cooperative di abitazione sostenute per la gestione della cooperativa edilizia, compreso il costo della riparazione, ammodernamento e la ricostruzione delle case in cui si trovano, e contributi alla creazione di risorse finanziarie a lungo termine per le riparazioni e l’investimento di questi appartamenti cooperativi.

§ 745

Se le quote di cooperative che fanno parte dei beni coniugali, diritto di firmare un contratto di locazione per un appartamento cooperativa, è giusto concludere un accordo sulle coniugi joint tenancy. Se la quota della cooperativa, che fa parte della proprietà congiunta dei coniugi, è legata al canone di affitto di un appartamento cooperativo, si tratta di una locazione in comune dei coniugi.

§ 746

Se l’appartenenza congiunta dei coniugi è stata convertita in affiliazione esclusiva di uno solo dei coniugi, ciò non influisce sul diritto di locazione congiunta.

§ 747

Se uno dei coniugi è l’unico membro di una cooperativa edilizia, i coniugi hanno un diritto di locazione comune ai sensi del codice civile derivante dal diritto di locazione per un marito che è l’unico membro della squadra. Se il diritto del marito del coniuge cessa di essere derivato, scade anche il diritto di noleggio dell’altro coniuge.

Rapporto di insediamento del membro dell’associazione abitativa
§ 748

(1) Lo statuto non determina il rapporto di liquidazione inferiore all’importo che esprime l’entità dell’obbligo del membro di depositare in una cooperativa edilizia.

(2) Se lo Statuto non prescrive il metodo di calcolo della quota di regolamento, la percentuale di regolamento è pari all’importo del deposito versato per i membri.

(3) La quota di regolamento deve essere pagata in denaro, a meno che lo Statuto non stabilisca diversamente.

§ 749

(1) Regolamento in Azioni di un membro che era un appartamento cooperativa inquilino e il nevyklidil è scadenza dovuta di tre mesi dalla data di sfratto appartamento cooperativa, che era un ex membro del conduttore, o allo scadere di tre mesi dopo che è stato o potrebbe essere rilevato quantità liquidazione ai sensi del § 623, dal giorno che verrà dopo. Per membro nebydlícího dell’importo di liquidazione da pagare alla scadenza di 3 mesi dopo la data o può essere determinata dalla quantità § 623a

(2) Qualora un membro di una cooperativa edilizia espulso, il termine di cui al paragrafo 1, alla data di scadenza del termine ultimo per la domanda di dichiarazione di nullità del l’esclusione o la data in cui è entrata in decisione vigore tribunale, il procedimento relativo alla nullità la decisione di esclusione è terminata.

Restrizione della cooperativa edilizia
§ 750

Il profitto di una cooperativa abitativa può essere utilizzato solo per soddisfare le esigenze abitative dei membri e per sviluppare ulteriormente la cooperativa abitativa.

§ 751

(1) Housing Association non può trasferire il titolo di appartamenti o cooperative edilizie con l’appartamento cooperativa o terra che built-up e con essi di fatto relativo, a meno che i termini del trasferimento in anticipo il consenso di tutti i membri di cooperative di abitazione che sono inquilini della cooperativa edilizia, e tutti i membri del team che hanno sotto l’attuale formulazione degli statuti il diritto di concludere un contratto per affittare l’appartamento.

(2) Il consenso di cui al paragrafo 1 deve essere in forma scritta, con una firma autenticata ufficialmente. Il consenso concesso è anche vincolante per il successore legale della persona che lo ha concesso.

(3) I paragrafi 1 e 2 non si applicano se i trasferimenti sono cooperativa cooperativa edilizia e dei locali non residenziali di proprietà di membri di cooperative di abitazione, che sono i loro inquilini.

§ 752

(1) Housing Association si obbliga o gravare appartamenti cooperative o la costruzione di un appartamento di cooperativa o terra che li costruito come di fatto relativo, se non con la previa concessione sua approvazione da parte di almeno due terzi dei membri di cooperative di abitazione che sono gli inquilini degli appartamenti cooperative.

(2) Il consenso di cui al paragrafo 1 deve essere in forma scritta, con una firma autenticata ufficialmente. Il consenso concesso è anche vincolante per il successore legale della persona che lo ha concesso.

Autogoverno della cooperativa edilizia
§ 753

L’autogoverno è un’unità organizzativa di una cooperativa edilizia, in cui sono organizzati i membri di una cooperativa edilizia, in particolare allo scopo di esercitare efficacemente i loro diritti e doveri.

§ 754

Se una cooperativa edilizia decide di istituire l’autogoverno o più autonomi governi, lo statuto determinerà anche

a) la portata dell’autogoverno,

(b) norme più dettagliate sull’organizzazione e il funzionamento delle autorità locali, in particolare l’inclusione dei membri nei singoli comuni, e

c) se i membri di singoli comuni possono nominare organismi di cooperazione abitativa che forniscono attività di autogoverno e la competenza e l’autorità di tali organismi.

§ 755

Riunione soci di un’associazione abitativa
(1) Ogni membro di un’associazione abitativa ha diritto a un voto in una riunione dei soci; La sezione 650 (1) non si applica. Se sono membri, hanno un totale di 1 voto.

(2) Se lo Statuto Sociale lo prescrive, i membri di una cooperativa edilizia che sono locatari di abitazioni cooperative possono avere un numero maggiore di voti in una riunione dei soci.

Cancellazione e morte di cooperativa abitativa
§ 756

(1) La quota del membro nel saldo di liquidazione è pari all’obbligo di deposito per il deposito di appartenenza. La quota del saldo di liquidazione è pagata in contanti. Se i diritti di tutti i membri non possono essere pienamente soddisfatti, si soddisfano abbastanza.

(2) Se dopo la soddisfazione dei diritti di tutti i membri alla quota del saldo di liquidazione rimangono non assegnati, essi devono essere distribuiti equamente tra i membri, a meno che gli statuti non stabiliscano diversamente.

§ 757

La corte può anche annullare la cooperativa edilizia senza alcuna azione e ordinare la sua liquidazione anche se la cooperativa edilizia

a) violi gravemente le disposizioni della presente legge sulla gestione dei suoi beni, o

b) esercita un’attività contraria al § 727.

Parte 3

Cooperativa sociale
Disposizioni di base
§ 758

squadra sociale è il team che sviluppa costantemente attività di beneficenza volti a promuovere la coesione sociale per motivi di lavoro e l’integrazione sociale delle persone svantaggiate nella società con esigenze locali soddisfacenti preferenziali e l’utilizzo delle risorse locali per luogo di residenza e la portata di cooperative sociali, in particolare nel campo della creazione di occupazione, servizi sociali e l’assistenza sanitaria, l’istruzione, l’alloggio e lo sviluppo sostenibile.

§ 759

L’azienda contiene la designazione “cooperativa sociale”.

§ 760

(1) Una cooperativa sociale non deve modificare l’oggetto della sua attività in contrasto con la sezione 758.

(2) A una cooperativa sociale è vietato trasformarsi in una cooperativa non sociale.

Sezione 761

Se una cooperativa sociale sviluppa attività generalmente benefiche per le persone svantaggiate solo soddisfacendo le loro esigenze abitative, devono essere contemporaneamente membri.

§ 762

Lo statuto della cooperativa sociale, ad eccezione dei requisiti di cui al § 553, contiene anche

a) gli obiettivi e le condizioni del funzionamento di una cooperativa sociale in conformità con la sua funzione di inclusione sociale e la promozione dello sviluppo locale;

(b) condizioni più dettagliate di trattamento dei profitti conformemente allo scopo dell’attività della cooperativa sociale.

Sezione 763

(1) Una persona fisica può essere solo un membro di una cooperativa sociale

a) se svolge un lavoro per una cooperativa sociale sulla base di un rapporto di lavoro,

(b) svolge un lavoro per una cooperativa sociale senza il diritto alla remunerazione al di fuori dell’ambito del rapporto di lavoro su base volontaria;

(c) se vengono forniti servizi nel contesto dell’attività assistenziale di una cooperativa sociale.

(2) È vietato il trasferimento e il trasferimento di una quota cooperativa in una cooperativa sociale.

§ 764

(1) Se il membro di cui alla sezione 763 (1) (a) e (b) soddisfano le condizioni ivi contenute per più di 90 giorni, il Consiglio di Amministrazione può decidere di porre fine all’appartenenza a una cooperativa sociale l’ultimo giorno di quel periodo. Un membro la cui risoluzione è stata decisa può presentare ricorso contro tale decisione entro un mese dalla data di consegna dell’appello alla riunione del membro. La decisione di un meeting è definitiva.

(2) La Cooperativa Sociale deve concludere per i membri che lavorano per una cooperativa sociale secondo la Sezione 763, Par. (b), assicurazione contro gli infortuni e responsabilità civile per danni causati a terzi nell’esecuzione di tali lavori.

Restrizioni alla gestione di una cooperativa sociale
§ 765

La cooperativa sociale non deve

a) emettere obbligazioni,

b) assicurare l’adempimento degli obblighi di altre persone,

(c) essere un socio a responsabilità illimitata di una società commerciale o partecipare direttamente o indirettamente all’attività di altre persone, a meno che l’assemblea di una cooperativa sociale non esprima il proprio consenso,

(d) essere parte dell’Accordo Silent Communities;

(e) trasferire, fermare o affittare la pianta o ramo o parte di esso; questo non si applica se l’altra parte è un’altra cooperativa sociale.

§ 766

(1) Una cooperativa sociale può, se consentito dagli statuti, dividere fino al 33% del suo reddito disponibile tra i suoi membri.

(2) Una parte del reddito disponibile di cui al paragrafo 1 può essere erogata solo dopo che la cooperativa sociale ha completato il fondo di riserva e altri profitti generati dal profitto se questo è stato stabilito.

Quota di insediamento in cooperativa sociale
§ 767

Il rapporto di liquidazione è uguale all’obbligo di deposito per l’adesione. Se il capitale sociale di una cooperativa del suo capitale non raggiunge, il rapporto di liquidazione sarà ridotto proporzionalmente.

§ 768

(1) Il termine per il pagamento della percentuale di regolamento è di 1 anno dalla data di cessazione della partecipazione nella cooperativa sociale se la durata dello statuto non è più breve.

(2) Il diritto di una cooperativa sociale di adempiere all’obbligo di deposito scade anche dopo la scadenza dell’adesione.

Incontro dei membri di una cooperativa sociale
§ 769

(1) Ogni membro di una cooperativa sociale deve avere un voto in un sondaggio.

(2) Le statuto può stabilire che il membro sia una persona fisica, può avere fino al 10% dei voti nel membro sociale e cooperativa che è una persona giuridica può avere fino al 25% di tutti i voti in cooperativa sociale; le disposizioni della sezione 650 (2) non sono modificate.

(3) In una cooperativa sociale che soddisfa solo i bisogni abitativi dei suoi membri, ogni membro ha un voto.

§ 770

(1) A una cooperativa sociale è vietato prendere decisioni in riunioni parziali.

(2) Alla cooperativa sociale è vietato istituire un’assemblea di delegazione.

Cancellazione e morte di una cooperativa sociale
Sezione 771

(1) La quota del saldo di liquidazione è pari all’obbligo di deposito per il deposito di appartenenza.

(2) La quota del saldo di liquidazione deve essere pagata in contanti.

(3) Se i diritti di tutti i membri non possono essere pienamente soddisfatti, si soddisfano abbastanza.

§ 772

(1) Il saldo di liquidazione dopo l’incontro con i diritti dei membri al pagamento di una quota di liquidazione rientra decisione incontro appartenenza ad un’altra cooperativa sociale, a condizione che nella riunione dei membri è d’accordo.

(2) Se non vi è alcuna cooperativa sociale che effettui il bilancio di liquidazione, sarà il comune in cui ha sede la cooperativa sociale ferita.

(3) Un altro metodo di carico con un saldo di liquidazione non è ammissibile.

Sezione 773

Il tribunale può persino licenziare la cooperativa sociale e ordinare la sua liquidazione anche se la cooperativa sociale

a) gestisce un’attività in conflitto con il § 758,

(b) è sfruttato in violazione della Sezione 766 e dello Statuto, o

c) non soddisfa la condizione di cui alla Sezione 761 per più di 12 mesi.

PARTE SECONDA

DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE
TITOLO I

§ 774

Questa legge incorpora i regolamenti pertinenti dell’Unione europea 1 ) .

TITOLO II

DISPOSIZIONI TRANSITORIE
§ 775

Questa legge disciplina i diritti e gli obblighi derivanti dalla sua data di efficacia.

§ 776

(1) L’obbligo di pubblicare i dati e i fatti forniti dalla presente legge è soddisfatto dalla loro pubblicazione nel Bollettino Commerciale. Le regole per l’emissione e la manutenzione del Bollettino Commerciale sono regolate dalle vigenti disposizioni di legge.

(2) Ai fini della presente legge, un documento pubblico è un atto notarile.

(3) Ai fini del presente titolo, lo statuto e lo statuto devono essere considerati lo statuto.

§ 777

(1) Le disposizioni dei trattati sociali, che sono contrarie alle disposizioni obbligatorie della presente legge, sono abolite alla data di entrata in vigore della presente legge.

(2) La Società commerciale adeguerà gli strumenti di cui al paragrafo 1 entro 6 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, modificando la presente legge e consegnandola alla raccolta di documenti. In caso contrario, il tribunale del registro li inviterà a farlo e indicherà nell’atto di ricorso un termine ragionevole supplementare per conformarsi a tale obbligo; se il termine addizionale scade invano, il tribunale, su richiesta di un tribunale o di una persona che abbia un interesse legale, revoca la società commerciale e ordina la sua liquidazione.

(3) La negoziazione dei contratti di esecuzione e di remunerazione è disciplinata dalla presente legge entro 6 mesi dalla data della sua entrata in vigore, altrimenti l’esecuzione della funzione sarà gratuita.

(4) Si ritiene che il contenuto delle corporazioni sociali di business contratto che sorti prima della data di efficacia della presente legge, nonché le attuali disposizioni del codice commerciale, che regolava i diritti ei doveri dei membri, a meno che non siano in contrasto con le disposizioni coercitive della presente legge o dei loro compagni non deviato nel contratto sociale.

(5) Le società commerciali di cui al paragrafo 4 possono, al più tardi entro due anni dalla data di entrata in vigore della presente legge, modificare il loro contratto sociale per conformarsi alla presente legge nel suo complesso. Queste informazioni saranno registrate dalla società commerciale nel registro delle imprese. Il cambiamento del contratto sociale è efficace in questo caso solo dopo la pubblicazione del registro di registrazione di questa legge nel suo insieme nel Registro delle Imprese.

§ 778

Ai sensi della legislazione vigente, fino alla sua revisione fine tutti i tempi e periodi che avviate prima della data di efficacia della presente legge, così come le scadenze e il tempo per l’esercizio dei diritti che sono governati dalle leggi esistenti, anche quando cominciano a correre dopo la data effettiva di questo Act.

§ 779

(1) Se la procedura per la registrazione di una società commerciale nel registro delle imprese è stata avviata prima della data effettiva della presente legge, deve essere completata secondo la legislazione vigente; tuttavia, se gli atti giuridici fondatori fatti prima della data di entrata in vigore della presente legge sono esistiti prima della legislazione vigente, essa è considerata valida se è conforme alle disposizioni della presente legge.

(2) Se, prima della data di entrata in vigore della presente legge, è stato adottato un atto giuridico che ha portato alla decisione di un organismo di una società commerciale, la procedura così avviata deve essere completata in base alla legislazione vigente.

(3) Se qualcuno ha un ostacolo all’esecuzione di una funzione ai sensi della Sezione 38l del Codice di Commercio, continuerà dopo la data effettiva della presente Legge.

§ 780

(1) L’efficacia dei contratti di controllo e di trasferimento degli utili stipulato prima dell’entrata in vigore della presente legge scade l’ultimo giorno del periodo contabile obbligatoria per gestire la persona che segue immediatamente dopo la scadenza di sei mesi dalla data di efficacia della presente legge, a meno che l’efficacia di tali accordi estinto in precedenza altrimenti.

(2) Le disposizioni del paragrafo 1 non pregiudicano i diritti e gli obblighi dei contratti qui contenuti e le leggi che disciplinano tali contratti prima della data di entrata in vigore della presente legge, che sono sorti prima della loro scadenza a norma del paragrafo 1.

§ 781

(1) Le cooperative costituite prima della data di entrata in vigore della presente legge, i cui membri sono solo persone giuridiche, non devono soddisfare il numero minimo di membri di cui all’articolo 552, paragrafo 2; se i membri di tale cooperativa sono solo persone giuridiche e la cooperativa ha meno di cinque membri, possono continuare a determinare il metodo decisionale e l’organo statutario degli statuti cooperativi.

(2) L’ altra partecipazione dei membri della cooperativa nell’impresa è regolata dalle vigenti disposizioni di legge e dallo Statuto della cooperativa.

§ 782

(1) Se una qualsiasi altra legge stabilisce l’ammontare minimo di capitale essendo cooperative registrate, significa che la data di efficacia della presente legge, il minimo della squadra di capitale richiesto con il fatto che la disposizione di un altro, modificando la quantità di essere capitale sociale è trascurabile.

(2) Composizioni statuti e di contratti conclusi tra la cooperativa e il membro cooperativa o un candidato per l’adesione, che è dopo la data di efficacia della presente legge in violazione del § 650 comma. 2, cessa alla data di efficacia della presente legge, gli effetti giuridici.

§ 783

(1) Laddove altra legislazione si applica al termine “appartenenza”, il termine “quota cooperativa” o “contributo soci” si intende per la natura della questione.

(2) Laddove altra legislazione usi il termine “trasferimento di diritti e obblighi dei membri” o “trasferimento di membri”, si intende il termine “trasferimento di quote cooperative”.

(3) Laddove altre leggi utilizzano il termine “trasferimento di diritti e obblighi dei membri” o “trasferimento di appartenenza” o “trasferimento di un membro”, ciò significa “trasferimento di una quota cooperativa”.

§ 784

Entro 3 mesi dalla data di efficacia della presente legge deve squadra per la cancellazione dei dati su risorse trasferite al fondo indivisibile ai sensi del § 18 par. 2 e 3 della legge n. 42/1992 Coll., Sulle relazioni di proprietà e liquidazione dei sinistri di proprietà a cooperative, la formulazione dei regolamenti successivi, dal registro delle imprese.

§ 785

(1) Una squadra che non è in accordo con le leggi esistenti o ai sensi della presente legge e l’Housing Association si è stabilito tutti i suoi obblighi stabiliti dalla legge n. 42/1992 Coll., Sulla regolamentazione dei rapporti di proprietà e di liquidazione dei sinistri di proprietà in cooperative, e successive modificazioni, possono adattare la tua attività al Codice Civile e gli statuti e gli affari interni a questa legge e diventare una cooperativa sociale se tutti i suoi membri sono d’accordo.

(2) Il consenso di un membro ai sensi del paragrafo 1 deve essere in forma scritta, con una firma autenticata ufficialmente.

PARTE TERZA

EFFICIENZA
§ 786

La presente legge entra in vigore il 1 ° gennaio 2014.

La disposizione transitoria introdotta dalla legge n. 458/2016 Coll. Art. II
Azienda con più di 500 dipendenti negli accordi di lavoro deve Statuti e il Consiglio di Sorveglianza ai sensi della presente legge entro 2 anni dalla data di efficacia della presente legge. In caso contrario, il Tribunale di registrazione invitato a farlo e fornisce un’ulteriore sfida in un periodo ragionevole per adempiere a tale obbligo, altrimenti al giudice dalla sua iniziativa di cancellare e ordinare la sua liquidazione.

Note

1 ) Seconda direttiva del Consiglio 77/91 / CEE del Consiglio del 13 dicembre 1976, intesa a coordinare, per la tutela degli interessi dei soci e dei terzi sono richieste negli Stati membri alle società ai sensi dell’art. 58 del Trattato, la costituzione di società per azioni e nel mantenimento e nell’alterazione del loro capitale al fine di conseguire l’equivalenza di tali misure.
Undicesima direttiva 89/666 / CEE del Consiglio, del 21 dicembre 1989, relativa alla pubblicazione delle succursali create in uno Stato membro da determinati tipi di società disciplinate dalla legge di un altro Stato membro.
Direttiva 92/101 / CEE del Consiglio, del 23 novembre 1992, che modifica la direttiva 77/91 / CEE relativa alla formazione di società per azioni e al mantenimento e alla modifica del loro capitale.
Direttiva 2003/58 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 luglio 2003, che modifica la direttiva 68/15 / CEE del Consiglio per quanto riguarda gli obblighi di pubblicità di determinati tipi di società.
Direttiva 2006/68 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 settembre 2006, che modifica la direttiva 77/91 / CEE del Consiglio per quanto riguarda la costituzione di società a responsabilità limitata e il mantenimento e la modifica del loro capitale.
Direttiva 2007/36 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 luglio 2007, relativa all’esercizio di alcuni diritti degli azionisti di società quotate.
Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 2009/101 / CE del 16 settembre 2009, intesa a coordinare, che, per la tutela degli interessi dei soci e dei terzi sono richieste negli Stati membri alle società ai sensi dell’art. 48 del Trattato, al fine di raggiungere l’equivalenza della misure.
Direttiva 2009/102 / CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009, sul diritto delle società relative alle società a responsabilità limitata con un unico socio.